Mr. Lucky – BDSM – Literotica.com

di | 20 de Agosto, 2022

Signor Fortuna

di Millie Dynamite

Copyright© 2014/22 di Millie Dynamite

Il violento incontro di un angelo oscuro con un giovane bianco.

Signor Fortuna

La città era lontana dai problemi della grande città. Il piccolo crimine che ha avuto luogo nel villaggio addormentato era un tipo di reato minore. I ragazzi sognavano di scappare dalla comunità, mentre le ragazze sognavano di sposare ragazzi del posto e scappare con loro. Quella notte non fu diversa dalle decine di migliaia di giorni che seguirono. Il cinema locale ha proiettato lungometraggi su entrambi gli schermi, con due proiezioni di ogni film nel fine settimana. Dopotutto, era sabato.

Il giovane proiezionista chiuse a chiave le porte una volta che tutti se ne furono andati e scrutò il parcheggio mentre il proprietario si allontanava, salutandolo con la mano. Il proiezionista è diventato un bidello e ha ripulito il pasticcio.

Poco dopo la partenza, il vecchio orologio nella piazza del paese iniziò a battere le ore. Dodici tintinnii lugubri risuonarono l’ora di mezzanotte. Nonostante le campane rumorose, ha afferrato a malapena l’anello mentre afferrava l’ultimo popcorn. Con cautela, depose la spazzatura nei cestini posteriori e guardò le nuvole nuvolose.

Se strizzava gli occhi, poteva distinguere il debole bagliore attraverso la spessa coltre di nubi della luna piena gialla. Guardandosi intorno, sottili fili di nebbia si levavano dal lago e si dirigevano verso di lui. Dopo pochi istanti, riconobbe il terreno libero dietro il teatro mentre una fresca nebbia aleggiava sul parcheggio. Di fretta, corse dentro per ripulirsi velocemente e tornare a casa. A dire il vero, odiava camminare nella nebbia fitta e aveva l’idea che fosse zuppa di piselli.

Scesi due gradini alla volta, corse su per le scale fino alla cabina e afferrò i suoi libri, infilandoli nella sua borsa di pelle. La borsa era chiamata custodia morbida, ma pensava che la cosa assomigliasse a una borsa per altre persone, cosa che odiava. Tuttavia, essendo un regalo di sua madre, indossava ancora la cosa. Uscendo dalla cabina, vide il suo riflesso nelle finestre delle porte dell’ufficio.

“Cazzo, sembro un animale domestico che porta una borsa. Nota per me, devo trovare un modo per perdere questa dannata cosa.” Il giovane scese le scale. Guardando le porte a vetri, non riusciva a vedere dall’altra parte della strada.

Una fitta nebbia copriva le strade come una coltre bianca. Infilando la chiave nella serratura, chiuse la porta dietro di sé e si avviò verso casa. Un paio di occhi scuri a mandorla lo seguirono: occhi avidi, lussuriosi, arrabbiati. Lentamente, si allontanò dalla porta sul retro della gioielleria. Il tennis ha seguito il ragazzo senza intoppi. Le scarpe da ginnastica scricchiolavano, ma la nebbia quasi ingoiava il dolce suono.

I peli sulla nuca si rizzarono. Qualcosa nella nebbia ha cercato di avvertirlo del pericolo. Tuttavia, le grida morbide delle nuove suole in gomma erano inseparabili dal suo cuore pulsante.

Con un disagio inquieto, il giovane camminava svelto. Ansioso e irrequieto, voleva sistemarsi rapidamente a casa. Odiava la nebbia. L’aria rovente gli fece uno strano effetto. Decide di attraversare il Parque da Cidade, un parco giochi per bambini. Se tutto fosse andato bene, avrebbe attraversato il torrente al ponte vecchio e sarebbe tornato all’una.

Questa strada era la via più veloce per tornare a casa. Uno scricchiolio di legno vecchio salutò le sue orecchie, familiare e confortante, mentre camminava sulle assi del vecchio ponte coperto di legno. Il ruscello sottostante gorgogliava mentre l’acqua scorreva sulle rocce. Quei leggeri scricchiolii scomparvero, e lui non si accorse dei “suoi” passi, perché l’acqua era troppo alta e scorreva sulle rocce sottostanti, e lei camminava lentamente.

Un dolore accecante gli proruppe dietro la testa mentre camminava sotto la protezione del ponte. Una forte crepa nella parte posteriore destra della sua testa lo fece cadere a terra. Un dolore profondo gli attraversò la testa, sfumando come l’aria notturna.

“Non muovere il culo, signor Lucky.”

Dopo alcuni istanti di angoscia e lentezza, il giovane capì che la voce era quella di una donna. La voce di una donna arrabbiata aveva un taglio ruvido, il che le diceva che Lucky non significava buona fortuna per lui. Allungandosi, pensò di girarsi e saltarle addosso. Poi i tripli clic acuti lo fecero congelare.

“Succhierò un nuovo stronzo se provi qualcosa. Alzati, Mr. Lucky, vieni piccolo bianco, alzati.”

Altre storie erotiche  Letter From Houston - BDSM

Il palpito nel suo petto era quasi doloroso. Dopo un secondo, si alzò e si tese, non sapendo cosa stava per accadere. “Tieni gli occhi dritti davanti a te. Non voltarti, o ti faccio saltare le budella”, lo pugnalò alle costole con la canna di una pistola. “Svolta a destra e scendi la collina sotto il ponte.”

“Senti, ho dei soldi, puoi tenerli,” la sua voce si spezzò mentre parlava.

“Zitto Mr. Lucky, muovi il tuo culetto bianco adesso,” gli diede di nuovo una gomitata. “Vai ora, appena sotto il ponte.” Il cuore gli balzò in gola. C’era qualcosa nella sua voce, rabbia, o forse qualcos’altro, qualcosa di più oscuro. Temeva per la sua vita. Tuttavia, doveva ammettere che era stata la più grande eccitazione che avesse mai avuto.

“Ora potresti pensare di poter scappare, ma ripensaci, muffa, pistola. “Mi credete, vero, Mr. Lucky?”

Annuendo, camminò lentamente giù per la collina.

La coppia discese cautamente la sponda scivolosa; non aveva dubbi che lei lo avrebbe ucciso se avesse cercato di scappare. L’acqua che scorreva veloce sulle rocce divenne più forte mentre si spostavano sotto il ponte fino al bordo dell’acqua.

“Basta così, ragazzo mio Brady.” Allungandosi intorno a lui, gli afferrò l’inguine.

“Numeri, merda, Brady boy special – fottuta salsiccia da 5 pollici,” gli sibilò. Tirò fuori la valigetta e la gettò più su per la banca.

“Fanculo frocio, portando una borsa”, ha allungato di nuovo la mano e ha schiacciato il suo pacco. “Dannazione, questo sconvolgerà il mio mondo, il tuo duro cracker frocio è diventato duro con la paura. Così facile con i perdenti come te. Togliti i pantaloni, ragazzo.”

“No,” abbaiò con aria di sfida. La pistola lo ha colpito alla nuca. Girando la testa, cadde in ginocchio, singhiozzando mentre si prendeva a coppa la parte posteriore del collo, strofinandosi la testa e il collo. Abbassando la bocca al suo anno, gli spinse violentemente l’arma nella schiena.

“Non prendermi in giro, fottuto frocio, sarai fortunato ora”, gli sussurrò all’orecchio, ma le parole sibilarono nelle sue orecchie da serpente.

Se il signor Fortunatamente, a dire il vero, il pericolo della sua situazione non era passato inosservato per lui. Il suo momento di coraggio ha suscitato in lui una reazione immediata. La sua risposta ha causato uno di lui. Il suo sesso si indurisce. Le emozioni lo sopraffanno; paura, eccitazione e un fuoco sessuale che aveva solo sognato di consumarlo. In un lampo, si rese conto che la sua vita non significava nulla per lei e che la minaccia era la sua vita.

“Sono tentato di ucciderti ora. Ma prima voglio qualcosa. Ora, ragazzo bianco, togliti quei pantaloni e quella maglietta dal tuo corpo magro, ragazzo.”

Si tolse rapidamente le mutande. Con relativa facilità, la ragazza di colore lo girò, ringhiando istruzioni nell’orecchio.

“Ecco fatto, biscotto, sdraiato sulla schiena.

Con un duro colpo li fece cadere a terra, e la donna di colore glieli strappò dalle mani senza tante cerimonie e li gettò in acqua. In un imbarazzante momento di provocazione, la giovane donna gli ha colpito il pene con la canna dell’arma, giocosamente e con leggerezza. Cercando di capire le cose, ha notato che l’arma era automatica. Inoltre, non riuscivo a pensare ad altro.

Il dolore alle sue orecchie pulsava mentre il sangue gli scorreva nelle vene e il suo cuore batteva più velocemente di quanto potesse ricordare in qualsiasi momento terribile della sua vita. Come il terrore lo attanaglia, così fa la lussuria. Paura e desiderio si mescolarono insieme, era una donna sexy, e lui la desiderava così tanto e temeva cosa sarebbe potuto accadere.

“Ti violenterò ragazzo, ti cavalcherò ovunque, il tuo cazzo ne vale la pena”, la luce di un sondaggio su la riva dietro di loro mostrava il suo corpo come un alone. Come un angelo, i suoi capelli ricci si staccarono dalla testa e la luce della lampada brillava attraverso le parti esterne dei suoi capelli ricci come fiamme, formando un alone di fuoco. Una nebbia umida li avvolse, afferrando i loro corpi.

Stranamente eccitato, il giovane la guardò spogliarsi, seducente, spogliarsi. Era piccola, quasi piccola, ma i suoi seni erano ampi e si sentivano fluttuanti. Al buio, non riusciva a distinguere molto, ma poteva dire che la sua pelle era anormalmente scura. Aveva una vita sottile e un culo largo, ma non grasso. Distinse un folto, riccio, ciuffo triangolare di peli pubici.

Altre storie erotiche  A Casual Observer - BDSM

La giovane donna è salita sopra il ragazzo e si è chinata con la pistola puntata contro di lui. Gli occhi marrone scuro della ragazza erano a pochi centimetri dai suoi. Tuttavia, non poteva dire che aspetto avesse. Era – sicuramente sexy, ma i tratti individuali erano persi. L’unica cosa che sapeva per certo era che quella donna aveva una pistola. Il piacere è rimasto nonostante la sua paura, e il suo cuore ha accelerato mentre faceva scivolare la sua figa liscia sul suo cazzo.

la sensazione inebriante della sua figa calda e bagnata viaggiava lungo i fianchi, su per la spina dorsale, nel cervello. Chiudendo gli occhi per un momento, voleva tanto toccarla. Facendo scivolare le mani sulla sua coscia, la pistola lo colpì, con leggerezza e amorevolezza nella sua mente, e si fermò.

“Sei un patetico asso.”

La donna lo colpì in faccia con la pistola, mantenendo la paura dentro di lui mescolata al suo piacere. I colpi non erano forti, ma sufficienti, quindi sapeva che aveva il controllo. La guancia del giovane bruciava. Sorprendendolo, il suo cazzo è diventato più duro e più lungo.

“Dannazione ragazzo, speronami in profondità con il tuo cazzo, forte, o ti faccio saltare il cervello e fotterò comunque un cazzo inutile.” Spinse con i fianchi scivolando dentro di lei. Con un gemito profondo e sexy, iniziò a saltare su di lui, raddrizzarsi, inarcare la schiena e sbattere il suo corpo contro il suo cazzo duro.

“Non voglio i biscotti, piccola, quindi è meglio che tu non perda la carica, o te ne metto uno in mezzo ai tuoi occhi azzurri da diavolo.” Sbatté la pistola contro la mascella, il dorso della mano colpì l’altro lato. Di nuovo, lo colpì abbastanza forte da controllarlo.

La donna di colore ha martellato il suo corpo che pesava meno di 100 libbre, riempiendolo di passione incandescente. L’abuso verbale ha risvegliato la sua mente e il suo corpo. Mentre lei lo guardava, scopavano, i loro corpi si muovevano all’unisono. Colpiscilo più volte, una volta forte, rompigli il naso. La piccola donna continuava a ripetere le sue minacce.

Quando è diventato audace, si è allungato e si è toccato il petto, lo stomaco, le gambe o la schiena. Lo colpì velocemente e le sue mani volarono indietro. Solo il suo desiderio gli fece muovere di nuovo le mani sul suo corpo caldo.

“Se fai scoppiare il proiettile prima del mio arrivo, ti sparo, cagna.” Mr. Lucky non ha visto questo come una minaccia, ma come una sfida per ritardare il più possibile.

Voltandole le spalle, sentì la pistola. Dio, dove l’aveva spinta. “Non sto scherzando, cagna. Perdi il tuo succo di noci e ti succhio un nuovo stronzo.”

“Oh mio Dio, oh cazzo piccola, sei così buono con me”, ha detto.

Con la pistola nell’ano, il dolore intenso, lo ha scopato e gli ha scopato il culo con la pistola dentro e fuori di lui. Si guardò alle spalle, i suoi denti bianchi che brillavano nell’oscurità, un sorriso malvagio sul viso.

“Non credo che tu possa trattenerlo ragazzo. Pensa che esploderai così anche la mia pistola sparerà un dado.”

Il giovane ha cercato di fermarlo. In effetti, ha cercato di non perdere il suo sperma. Dopotutto, non voleva farla incazzare. Sul punto di perdere il controllo, ha cercato di allontanarsi da lei, ma lei ha forzato il suo corpo su di lui. È successo il peggio, il suo cazzo ha iniziato a contorcersi, sputando sperma in un getto pesante. In un lampo, lei saltò e il suo cazzo cadde molle sulle sue palle. La donna cavalcava la sua faccia; ha spinto la sua figa imbevuta di sperma in faccia.

“Te l’avevo detto di non farlo, ragazzo,” le afferrò i capelli e li spinse forte verso di sé. “Mangiami, inutile frocio.

L’uomo seguì le istruzioni con paura e desiderio finché non sentì i suoi fianchi affondare nel suo viso e un flusso di liquido vaginale e sperma schizzò sul suo viso. Si tenne la faccia nella figa per un momento prima che lui la lasciasse andare. Battendo la testa a terra più volte, lei lo colpì di nuovo in faccia con la sua arma.

Altre storie erotiche  She's Into Denial Pt. 03 - BDSM

In piedi sopra di lui, gli puntò la pistola contro.

“Te l’ho detto figlio di puttana, non rovinare il tuo ballo di fine anno.” La pistola abbaiò, un fulmine bianco esplose dalla canna, il dolore gli proruppe nella spalla. Un rumore echeggiò sui ponti e sulle rocce mentre il proiettile usato veniva espulso contro una roccia. L’oscurità lo coprì.

Sentì altri tre spari, seguiti dal nulla.

Uno spesso cotone gli copriva l’interno della bocca. Schioccando le labbra, cercò di aprire le palpebre, ma si rifiutarono di muoversi.

“Dai, biscotto…” la testa le doleva per il pestaggio. “Svegliati, Brady senza valore.”

Tornando alla realtà, la sua bocca, secca e cotonosa, aveva un cattivo sapore. La luce gli bruciò gli occhi quando finalmente le sue palpebre si aprirono. Cercò di alzare le braccia, ma qualcosa di stretto nel suo polso gli impediva di muoversi. Spinse l’altro braccio, ma il braccio si rifiutò di muoversi. Sbatté le palpebre, cercando di adattarsi alla luce intensa nella stanza.

I legami gli tenevano le braccia e le gambe in posizione.

“Troppa luce, tesoro?

Voltando la testa, vide l’infermiera muoversi per far roteare la sua bacchetta, e le persiane si chiusero. Il livello di luce nella stanza è sceso. Si voltò dalla finestra. L’infermiera era una donnina formosa. I suoi fianchi erano larghi e il suo culo era largo ma non grande. Quando si rotolò su un fianco ai piedi del letto e si aggiustò il letto, lui notò che aveva un seno grande. I suoi capelli erano lunghi e piuttosto ricci, piuttosto scuri. In un lampo accecante, gli venne in mente che era nera, piuttosto marrone.

Si mosse verso di lui, i suoi fianchi ondeggiarono in modo seducente. Le sue labbra carnose e sode portavano un sorriso morbido e sexy e i suoi occhi a mandorla erano marrone scuro.

“Apri bene, piccola,” disse la donna con voce vellutata. Aprì la bocca mentre la sua mano muoveva la bocca. Qualcosa gli era infilato in bocca. Lottò per guardarsi intorno e ricordò che le sue caviglie erano legate al letto. Sul vassoio accanto al suo letto c’era un rasoio. Urgentemente, il giovane scosse la testa e cercò di parlare.

Con un rapido movimento, gli diede uno schiaffo in faccia e si allontanò da lui. Afferrando la sedia di metallo, trascinò le gambe sul pavimento fino alla porta e fece scivolare lo schienale sotto la maniglia. Spingi il blocco della cacca in posizione.

“Non vogliamo che nessuno interrompa la tua rasatura, andiamo, tesoro,” gli si avvicinò. Una feroce gatta nera, abbassò leggermente il camice dell’ospedale e si strappò la benda dalla spalla.

“Non guardarmi come se questi punti fossero buoni,” strinse il pugno e accarezzò la ferita. “Ci siamo divertiti così tanto la scorsa notte, abbiamo pensato che avresti voluto di più oggi. Gli idioti poliziotti e dottori pensano che stavi cercando di ucciderti.”

In preda al terrore, all’agonia e alla lussuria, l’uomo pianse mentre la donna le spingeva il perizoma come un bavaglio nella sua bocca. Con il pugno chiuso di nuovo, lo ripeté.

“Cos’è la pillola?”

“La tua dose di Viagra, biscotto, ragazzo.”

“Ora guarda tutte quelle urla e urla che hai fatto perdere loro. Prendi quella pillola, ragazzino.” Infilandosi la pillola blu in bocca, lo costrinse a deglutire. Adesso faremo delle fottute serie.

Il signor Lucky lo amava. Come poteva farglielo sapere? In qualche modo, attraverso il dolore e il bavaglio, riuscì a sorridere.

“Ecco il mio ragazzo bianco.” Perspicace, disse: “Anch’io ti amo, biscotto”.

Spostando il vestito sulle parti intime, gli accarezzò il cazzo duro. Ci sputò sopra e pompò velocemente e con forza.

“Pensavo che saresti durato meglio se ti rapisco prima di averti rapito, pane meraviglioso!”

Incapace di distogliere lo sguardo da lei, sperava che avesse ragione perché quel cazzo di rasoio era lì se non fosse durato abbastanza a lungo. Non pensava che il suo Dark Angle avrebbe usato quella cosa, ma poteva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *