Ms. LeGrand’s Favorite Pt. 03 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Todd ha apprezzato il suo debutto a New York. È stato emozionante trovarsi nel cuore di una metropoli così vivace. L’enorme folla di persone per le strade della metropolitana, la selvaggia diversità di culture, l’intelligenza e l’atteggiamento delle persone che incontrava… era molto diverso dall’Iowa. Trovò un piccolo appartamento ad Astoria, ma non vi trascorse molto tempo. Passava lunghe ore nel suo nuovo ufficio, arrivando alle 7 o 8 del mattino, partendo alle 20 o alle 21, con una pausa per andare in palestra (incoraggiata la signora LeGrand), ma soprattutto pranzando nel suo ufficio.

Si avvicinò agli altri assistenti Alex e Reece, legandosi attraverso il loro servizio alla signora LeGrand e il loro reciproco risentimento nei confronti di Tucker. Todd si guadagnò rapidamente una reputazione per il duro lavoro e la devozione umile nei confronti di Mrs. Grande. Si sorrisero tutti mentre uno di loro tornava dal suo ufficio massaggiandosi il culo. (La signora LeGrand credeva nei “sbattimenti di manutenzione.”)

Todd è diventato un subordinato leale e capace, imparando ad anticipare i suoi bisogni e fare il suo lavoro con accuratezza. All’inizio, la signora LeGrand le chiedeva principalmente di strofinarsi la schiena e i piedi. Ma presto si spogliò e si masturbò al suo comando. Così la signora LeGrand iniziò a chiedergli un “informazioni orali”, apparentemente un segno che era innamorata di un ragazzo. Sollevò la gonna e si appoggiò allo schienale della sedia. Todd poi si inginocchiò davanti a lei e si tirò giù le mutandine. Spinse il viso in profondità nella sua figa e la sua lingua la baciò o le succhiò il clitoride, a seconda del suo umore. A volte è scivolato su un dito. Divenne orgoglioso della sua capacità di anticipare ciò che gli sarebbe piaciuto e di darglielo. In poco tempo il suo corpo avrebbe cominciato a tremare e la sua mano l’avrebbe spinto più a fondo nell’inguine. La sua figa divenne tutto il suo mondo, tutto ciò che poteva annusare, assaggiare, annusare. Alla fine iniziò a gemere e cavalcare la sua faccia fino all’orgasmo dopo l’altro. Quando tutto finì, e lei gli disse di andarsene, Todd non si prese la briga di asciugarsi la faccia. Voleva che gli altri ragazzi vedessero cosa aveva fatto.

Todd si rese conto che la sua osservazione iniziale secondo cui LeGrand-Rice era un luogo di lavoro dominato dalle donne era corretta.

Le donne ricoprivano quasi tutte le posizioni importanti, mentre la maggior parte degli uomini erano giovani e svolgevano ruoli secondari. I dirigenti scherzavano costantemente sul fatto che i “ragazzi” venivano assunti più per il loro aspetto che per le loro capacità. Si sentivano liberi di scambiare battute sessiste, afferrare il culo dei ragazzi e indulgere in rozze prese in giro (“Il clitoride della mamma non si lecca!”). punti per taggare una vergine. Se un giovane voleva progredire lì, sapeva che doveva “dare alla mamma quello che vuole”.

Il venerdì sera “le ragazze” organizzavano serate per sfogarsi tutta la settimana. Ai “ragazzi” che si presentavano veniva spesso detto di “cacciare” in modo da poter essere “ispezionati”. Man mano che le donne si ubriacavano di più, ai ragazzi è stato detto di spogliarsi o addirittura di masturbarsi mentre guardavano. Alcuni dei bambini meno esperti si ubriacavano facilmente e si svegliavano in un posto completamente nuovo per loro.

Nessuno ha esemplificato questa cultura della “cattiva ragazza” meglio di Sarah Walker. Alta, bionda, piena di fiducia, Sarah richiedeva attenzione ovunque andasse. Fu salutata come un “genio”, subito dopo la Sig. LeGrand sul suo talento, il che significava che il suo cattivo comportamento era sempre scusato. Se altre donne parlavano delle loro avventure sessuali, Sarah parlava delle loro mestruazioni in modo dettagliato. Se altre donne scoreggiavano, chiedeva ai suoi subordinati maschi di accompagnarla in bagno. Se altre donne afferravano il culo dei suoi ragazzi, a Sarah piaceva sculacciarli. (E non la tenera disciplina che la signora LeGrand avrebbe dispensato. A Sarah piaceva sentirli piangere.) Tirò fuori lo smartphone e mostrò le foto dei loro cazzi e culi arrossati. Sarah una volta ha molestato sessualmente un dipendente gay finché non ha ceduto e l’ha scopata. Ha poi detto a tutto l’ufficio che è stata un’esperienza calda per lei. Tutti sanno che un uomo gay ha solo bisogno di una bella figa per cambiare squadra, giusto? I ragazzi che hanno passato la notte con “Zia Sarah” non hanno mai voluto parlare dell’esperienza. Ma a volte i lividi erano visibili sulla schiena quando si cambiavano negli spogliatoi della palestra.

Altre storie erotiche  A Torturous Tease

La signora LeGrand era troppo padrona di sé per impegnarsi in un simile comportamento e, in una certa misura, i suoi assistenti personali godevano della sua protezione. Non era al di sopra, tuttavia, di “prestarli” a dirigenti che si sono comportati particolarmente bene.

A settembre Todd viene informato che, per la prima volta, accompagnerà la Sig. Le Grand in viaggio. Stava incontrando un grande cliente nel mondo della tecnologia, cercando di convincerlo a rinnovare. Todd ha trascorso diversi giorni a lavorare su Mrs. LeGrand avrebbe fatto e ricercato come LeGrand-Rice ha aiutato il cliente ad avere successo. Gli disse che era molto soddisfatta del suo lavoro.

Ha incontrato la signora LeGrand all’aeroporto Kennedy un lunedì mattina presto. Era gentile e professionale. Era vestita in modo casual per lei, con giacca e pantaloni neri abbinati, con una camicetta magenta a maniche lunghe. I due sono passati attraverso i controlli di sicurezza e si sono diretti verso la porta. Mentre camminavano, lei parlava del viaggio. Alloggiavano in uno degli hotel più eleganti di San Francisco, affacciato su Union Square. Al mattino hanno tenuto la loro presentazione in una delle sale riunioni dell’hotel. Era soddisfatta del suo duro lavoro sulla presentazione, ma doveva capire cosa stava per dare e non doveva parlare.

Non solo Todd non aveva mai volato attraverso il paese prima, ma sicuramente non era mai stato in prima classe. Lui e la signora LeGrand hanno tenuto una lezione di vino gratuita, ma lei ha chiarito che non era lì per ubriacarsi e hanno passato la maggior parte del loro tempo a rivedere la presentazione. Di tanto in tanto usciva dalla finestra per guardare l’America che passava.

La signora LeGrand lo prese in giro: “È la tua prima volta? Sarò gentile con te”.

Dopo essere arrivati ​​a San Francisco, sono stati accolti al ritiro bagagli da un autista di limousine. Quando arrivarono in hotel, Todd non riuscì a nascondere quanto fosse impressionato mentre guardava in fondo al corridoio. Una volta raggiunta la suite, era ancora più fuori di sé.

Cenarono in un ristorante elegante a pochi isolati dall’hotel. Poi ha raccontato loro la notizia. Avevano bisogno di una buona notte di riposo, quindi non c’era ancora divertimento. Lui avrebbe dormito in un letto pieghevole e lei avrebbe dormito nel letto king-size. Ma ha promesso che si sarebbero divertiti dopo l’incontro.

La mattina successiva, si sono incontrati con i dirigenti della Silicon Valley dell’azienda. La sua presentazione è stata un trionfo, spiegando come la società di consulenza LeGrand-Rice avesse aumentato i suoi profitti. Ha poi delineato la sua visione per i prossimi cinque anni di attività. Ogni volta che uno dei dirigenti faceva una domanda, lei rispondeva con tono fermo e sicuro di sé. Nessuno ha osato sfidarla. Todd si sedette accanto a lei, rimanendo in silenzio come richiesto, ma porgendole il materiale di cui aveva bisogno.

Dopo pranzo, sono tornati nella loro suite. Quasi non appena sono arrivati, la signora LeGrand ha suonato.

Ha risposto al telefono. “Sì. Grazie. Non vedo l’ora di lavorare con te in futuro. Sono felice che tu sia felice del nostro lavoro.”

“Era un nostro cliente. Il nostro contratto è in scadenza. Abbiamo fatto un buon lavoro per loro, ma anche questi ragazzi della Silicon Valley trascorrono tutto il giorno con altri ragazzi. Il che significa che una donna potente può avvolgerli attorno al suo mignolo”. Sorrideva e rideva.

“Signor Stevens, per favore si tolga i vestiti. Tutti.”

“Sconfiggi la vittoria.

La signora LeGrand era seduta sul divano.

“Incrociati in ginocchio, ragazzo mio.

Todd obbedisce umilmente.

“Ho il mio modo di celebrare una vittoria come quella di oggi. Spero che piaccia anche a voi”.

Altre storie erotiche  Olympic Squeeze - BDSM - Literotica.com

Todd sapeva cosa sarebbe successo. Sentì la sua mano colpire il suo culo ancora e ancora. Contò ciascuno fino a raggiungere 20. Quando finì, il culo di Todd sentì un’ustione familiare. “Ecco, mio ​​bel ragazzo. Siediti accanto me.

Todd non voleva davvero sedersi. Ma obbedisce alla sig. Grande. Gli accarezzò le spalle nude, poi lo baciò. Era la prima volta che lo faceva e lui poteva dire perché aveva aspettato per ricompensarlo. Le sue calde labbra trovarono le sue. Le loro lingue presto si intrecciarono. I loro desideri reciproci infuriavano come un fuoco ardente.

Dopo alcuni minuti, la signora LeGrand ha interrotto il bacio e ha detto che i suoi piedi erano stanchi. Todd sapeva esattamente cosa fare. Cadde in ginocchio e si tolse le scarpe. Baciò, succhiò e strinse un dito dopo l’altro. Poi si massaggiò la punta dei piedi, massaggiò gli archi e si strofinò i talloni.

“Andiamo in camera da letto.

La signora LeGrand ha detto a Todd di aprire il suo vestito. Era nervoso, ma riuscì ad aiutarla a spogliarsi. Poi gli ha detto di sbottonarsi il reggiseno. Tirò indietro le braccia e lasciò cadere il reggiseno a terra. Vide che i suoi capezzoli erano duri, i suoi seni erano rotondi e pieni e fluttuanti – mostrava un po’ la sua età, ma non molto.

Todd sembrava ansioso, la bocca aperta. La signora LeGrand sorrise.

“Dammi un massaggio alla schiena, ragazzo.”

Era sdraiata sul letto a pancia in giù, accanto al letto.

Todd era accanto a lei e iniziò a massaggiarle le spalle. Si spostò lungo la sua schiena, diventando sempre più intenso nel suo massaggio. Lei geme.

“Continua così, ragazzo.”

Le ha massaggiato il culo attraverso le mutandine.

“O si.”

Le sue mani si muovevano su e giù per la sua schiena, afferrandola e massaggiandola ancora e ancora.

“Baciami sulla schiena, ragazzo.”

Todd si coprì la schiena di baci.

“Adesso baciami il culo.”

Todd si tolse delicatamente le mutandine, esponendo il suo culo tonico ma generoso.

“Il mio culo è la tua dea. Adoralo.”

Todd gli leccò il culo, seguito da un bacio sciatto dopo l’altro. Sentì la signora LeGrand spingergli il culo in faccia ancora e ancora.

“Ora è tempo che tu mi mostri come puoi davvero compiacermi.”

Si girò e allargò le gambe. Era una posizione familiare per Todd, ma non era mai stata così intima. Aveva la testa tra le gambe. Le sue labbra trovarono le sue mentre la sua lingua lavorava sul suo clitoride. Ha infilato un dito dentro e le ha strofinato la parte anteriore della figa. Inalò il suo profumo divino e assaggiò il suo nettare speziato. Come al solito, gli mise le gambe sulle spalle, gli afferrò la testa e lo spinse più a fondo dentro di sé. Presto gemeva sempre di più. Sentì il suo corpo tremare e contorcersi, finché non sentì il suo sussulto mentre veniva.

“Salta sulle spalle, ragazzo. La mamma non ha finito.

La signora LeGrand si mise a cavalcioni sul viso di Todd, spingendo l’inguine contro il suo viso. Poi si è chinata finché la sua figa bagnata non è stata premuta contro la sua bocca. Todd iniziò a far scorrere la lingua sulle sue labbra, poi fino al suo clitoride, poi di nuovo indietro. Si sentiva inghiottito dal suo cazzo, usato come strumento del suo piacere, i suoi bisogni dominavano completamente la sua volontà. Le afferra le gambe, aiutandosi ad andare ancora più in profondità. Le sue mani si posarono sulle sue spalle, tenendolo alla sua mercé.

A volte riusciva a malapena a respirare, per tutto il tempo era impigliato nel suo odore e nel suo gusto. Alla fine sentì e udì la Sig. Arriva Le Grand.

Ma non è finito.

Si sdraiò, allungò il culo e se lo spinse in faccia. “Ora di cena, ragazzo.”

Todd iniziò a far scorrere la lingua su Mrs. Grande.

“Ecco fatto, ragazzo.”

Poi ha iniziato a muovere la lingua dentro e fuori. Todd spinse la faccia più a fondo nel suo culo, mostrando la sua devozione al suo culo. La signora LeGrand gli spinse il culo più forte in faccia finché non riuscì a malapena a respirare. Continuò a lavorare sul suo bel culo con fervore quasi religioso.

Altre storie erotiche  The Maid Ch. 03-04 - BDSM

Lei geme. “Sì, è quello di cui ha bisogno la mamma, piccola. Mangiami il culo. Mangiami il buco del culo. Ti piace il mio culo, ragazzo? Dimmelo.”

Todd si liberò brevemente. Ansimando, ha risposto: “Mi piace il tuo culo, signora. Mi piace il tuo bel culo”.

“Beh dovresti.”

Todd tornò al lavoro. Si rese conto che non aveva più una volontà propria. Viveva solo per compiacerla.

Improvvisamente, sentì uno sbuffo di aria calda sul viso e sentì un BRAPPPP.

La signora LeGrand ha scoreggiato in faccia.

Lei rise. “È quello che succede quando mangi gli asparagi a pranzo.”

Poi è scesa dalla faccia di Todd. Stava ansimando, ma il suo cazzo era duro come una roccia. La signora LeGrand gli sorrise. Si è messa a cavallo del suo inguine e poi è scivolata sul cazzo di Todd. Ha iniziato a scoparlo con entusiasmo. Todd gemette quando sentì la Sig. LeGrand afferra il suo cazzo.

Todd la respinse. Lei gemette forte. Lo cavalcò più forte, prendendo avidamente la sua carne. Le sue mani le accarezzarono il culo e le accarezzarono i seni.

“Cazzo! Dammi quel cazzo di cazzo, ragazzo. Dammi alla mamma quello che vuole.”

La sua figa era così stretta e bagnata che Todd riusciva a malapena a controllarsi. Entrambi scopavano come animali, legati da un puro bisogno primordiale.

La sentì stringerlo ancora e ancora, finché non la sentì urlare ancora e ancora. Si liberò, gettando il suo carico dentro di lei.

Senza fiato, la signora LeGrand ha lasciato Todd. Poi si alzò dal letto e si avvicinò al comò. Tirò fuori una borsa di stoffa nera. Poi ha tirato fuori un’imbracatura, un grosso vibratore nero e del lubrificante.

“Quando a San Francisco…” rise.

Ha indossato l’imbracatura e l’ha infilata nel vibratore. Disse a Todd di mettersi a quattro zampe. Obbedisce obbedientemente.

“Apriamo quel culo, ragazzo.” Spremeva il lubrificante sull’indice della mano destra. Con la mano sinistra aprì la natica sinistra. Si è infilata un dito nel culo.

“Rilassati, tesoro. Non litigare. La mamma non ti farà del male.” Ha completamente lubrificato il suo buco. All’inizio faceva freddo e penetrava, ma Todd si rilassò e si sentì più a suo agio.

Todd sentì la signora LeGrand spingerlo. Dato che era già stato penetrato, sapeva che doveva rilassarsi e aprire il culo al suo nuovo invasore. Mentre si spingeva più a fondo dentro di lui, iniziò a sentirla sfregare contro la sua prostata. La sensazione divenne sempre più intensa e cominciò a gemere sempre più forte.

“Dai, ragazzo. Prendi il cazzo di mamma.”

La sentì entrare e uscire. Si sentiva così pieno, così alla sua mercé.

“Sì, è quello che mi piace sentire. Prendilo come una brava cagna. Dimmi come ti piace.

Girò i fianchi e spinse il vibratore più in profondità dentro di lui.

“Fottimi. Scopami forte. Scopami il culo, per favore.”

Geme di gioia. Il suo cazzo ha gocciolato un po’ di pre-sborra e poi ha sparato il suo secondo carico.

“È un bravo ragazzo.”

La signora LeGrand è uscita e si è slegata. Si sdraiò accanto a lui ei due si abbracciarono.

“Non è stato un bel momento, mio ​​bel ragazzo?”

“Sì, signora. È stato meraviglioso.”

I due si sono appisolati insieme per circa mezz’ora. Poi si sono alzati, hanno fatto la doccia insieme, si sono vestiti e hanno lasciato la suite.

Cenarono insieme in una delle Mrs. Le Grand a Chinatown. Poi tornarono in albergo e andarono a letto presto. Si sdraiarono insieme sul letto king-size, a cucchiaiate, finché non si addormentarono entrambi.

Si sono svegliati presto per prendere un volo mattutino per New York. Todd trascorse la maggior parte del viaggio sonnecchiando sulla sua spalla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *