My First Orgasm Ch. 01 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Tutti i personaggi di età superiore ai 18 anni. Nessuna attività sessuale si verifica o coinvolge personaggi di età inferiore ai 18 anni.

*

Sono cresciuto in una piccola, due camere da letto.

Mio padre ci ha sostenuto con un lavoro modesto e non aveva interessi oltre il lavoro e la famiglia. Mia madre si occupava del trespolo; dava ordini e venivano seguiti, almeno da mio padre e da me. Le mie sorelle gemelle maggiori, Lisa e Lori, hanno avuto un certo margine di manovra.

La nostra casa aveva due camere da letto e un bagno, che richiedeva la piena collaborazione per evitare il caos. Le mie due sorelle maggiori potevano “mandarmi” e io accettai.

Ho condiviso una stanza con loro, dormendo in un piccolo letto singolo mentre condividevano un letto queen size.

Dopo cena io e mio padre lavavamo i piatti, poi ci ritirammo tutti nella stanza di famiglia a guardare la televisione. Mia madre era sdraiata sul divano e mio padre si è seduto con i piedi sulle sue ginocchia e l’ha massaggiata fino all’ora di coricarsi.

Le mie sorelle hanno portato a casa i fidanzati (che erano seduti per terra) e gli hanno massaggiato i piedi. Se un ragazzo offriva resistenza, veniva scaricato. Le mie sorelle uscivano tutto il tempo, così potevano condividere i loro pensieri sui loro fidanzati.

Li ho sentiti parlare nella nostra stanza. Parlavano come se non ci fossi. Usavano spesso la parola “carino”, ma il tema di fondo era che i loro fidanzati avrebbero servito e obbedito, oppure avrebbero trovato nuove fidanzate.

In una classe, la ragazza più carina della scuola mi ha parlato. Il suo nome era/è Annie. Da allora, non ho mai più guardato un’altra donna. È uscita con diversi ragazzi, mentre io sono rimasta (inconsciamente) devota ad Annie. Non ero ossessionato, non uscivo con nessun altro, quindi ero sempre disponibile ogni volta che Annie ne approfittava.

Ero il ragazzo sicuro e protetto nella sua vita. Amava l’eccitazione della folla della festa, ma erano come caramelle che se ne andarono rapidamente. Ero il sostentamento, quello che lei voleva davvero.

La prima volta che è venuta a casa nostra, dopo cena, io e mio padre abbiamo fatto i piatti. Annie e mia madre hanno visitato la stanza della famiglia, poi abbiamo guardato la televisione. Come al solito, mio ​​padre ha massaggiato i piedi di mamma sul divano mentre io mi sono seduto per terra a massaggiare i piedi di Annie.

Guardando mio padre massaggiare mia madre, Annie sapeva che avrebbe rotto con me e che l’avrei servita allo stesso modo. Annie era interessata alle dinamiche prima di me.

Le mie sorelle andarono al college e all’improvviso ero sola nella nostra stanza.

Le mie sorelle sono tornate dal loro primo anno al college.

Erano diversi. Erano normali e più adulti.

Avevano abiti diversi; Li ho visti in un modo che non avevo mai notato.

Erano un po’ più esigenti con me. Mi hanno spaventato un po’.

Hanno ottenuto una borsa di studio e, con mio sollievo, sono tornati a scuola dopo solo poche settimane a casa.

Ho compiuto 18 anni lo stesso giorno in cui sono tornati a scuola.

Obbediente, ho caricato la loro macchina.

Lori ha commentato: “Per il tuo regalo di compleanno, ti abbiamo lasciato una stanza privata e alcune prelibatezze. Divertiti”.

Non ero sicuro di cosa volesse dire, ma quella sera ho aperto il comò. Ho esplorato il tuo cassetto delle mutandine. La maggior parte erano simili alle mie mutandine, solo più piccole e setose. La mamma mi aveva cresciuto in mutande strette e vuote, proprio come quelle di mia sorella. Guardando indietro, per essere un ragazzo, le mie mutandine erano piuttosto femminili, ma nessuna delle mie era così setosa, e certamente nessuna del tipo perizoma, come alcune di loro. È stato così eccitante! Li ho avvicinati al naso e ho annusato una miscela di profumo e “donna”, e quasi mi ha fatto cadere in ginocchio.

Il mio cazzo era così duro! Caddi sul letto e mi tenni le mutandine al naso. Avevo visto più volte le mie sorelle in mutandine, ma il profumo di una donna non mi era mai passato per la mente, ed era inebriante! Ho accarezzato il mio cazzo duro, e sono passati solo pochi secondi, e sono arrivato come mai prima d’ora. Sono venuto con uno scopo! Il sesso era la mia nuova ossessione.

Altre storie erotiche  A Pilloried Crotch - BDSM

Il cassetto delle mutandine era il portale per un nuovo mondo. Lo volevo ogni notte. Mi sono piaciute le delicate prelibatezze all’interno. Avevo dei preferiti, alcuni per il profumo, altri per il design e altri per il colore.

Una notte ne ho provato un paio tenendo un altro paio al naso. Il mio cazzo duro era stretto nelle mie mutandine, e mi sono guardato allo specchio, e una semplice spinta del mio cazzo, e sono esploso nelle mie mutandine.

Fino ad ora, Annie era una ragazza, ma qualcosa come una sorella. Ora volevo esplorare le mutandine di Annie. La prossima volta che è stata con noi, le ho massaggiato i piedi, ma ho anche accarezzato e massaggiato delicatamente i suoi polpacci e lei ha capito.

Decise l’ora e il luogo, la casa di un’amica, Amy.

I genitori di Amy lavoravano (ed erano comunque piuttosto liberali) e noi avevamo un posto dove fare sesso.

Volevo questo fin dall’inizio! Annie voleva la mia più amorevole attenzione, e per niente maleducata, come aveva sperimentato con altri ragazzi. Ero il perfetto gentiluomo e sono stato ricompensato con il sesso. (avrei pagato un prezzo molto più alto). Lei e Amy hanno discusso di tutto.

Ad Annie piaceva stare a casa con i miei genitori.

Mia madre mi ha letteralmente imbarazzato spiegando ad Annie come dovevo prendermi cura di lei, per quanto possa sembrare esigente, mio ​​padre annuì in accordo.

Da Amy sono stato messo alla prova. Per prima cosa, Amy mi ha suggerito di indossare un costume da bagno per la sua piscina, e anche se ero imbarazzato, ho accettato. I costumi da bagno erano minuscoli, ma ad Annie piaccio in costume da bagno. Ha detto che le piaceva la mia abbronzatura, quindi ho lavato la sua macchina (e quella di Amy) in costume da bagno. Ho tagliato il giardino di Amy in costume da bagno.

La preferita di Annie, mi fa arrapare in costume da bagno. Mi ha fotografato con il telefono con un’erezione in costume da bagno. Siamo andati in campeggio e gli altri ragazzi avevano pantaloncini normali, ma io indossavo il mio costume da bagno.

Ha persino mostrato a mia madre le foto di me nel mio costume da bagno arrapato! Loro ridono! Ero scioccato! Pensavo che mia madre si sarebbe arrabbiata o imbarazzata, ma non avrei mai pensato che ne avrebbe riso. Lei e Annie sono diventate molto vicine. Non so cosa hanno condiviso, ma Annie è stata molto deliberata con il loro sesso.

Mi ha spiegato come, cosa e quando.

L’estate successiva, le mie sorelle tornarono a casa e, proprio di fronte ad Annie e mia madre, Lori mi disse: “Vedo che ti stai godendo il nostro cassetto della biancheria intima.

Ero scioccato! La mia bocca si spalancò e prima che potessi rispondere, mia madre commentò: “I ragazzi adorano le mutandine, vero?”

Lori e Lisa risero: “Sapevamo che non ce l’avrebbe fatta”.

Annie si limitò a sorridere, prendendo tutto dentro.

Mia madre ha scherzato: “Lascio a voi ragazze decidere la sua punizione.

Lori suggerì: “Abbiamo già visto le foto di Annie in costume da bagno. Che ne dici di farle indossare le mutandine durante il giorno?”

ero pallido! Ho chiesto aiuto ad Annie e lei ha detto: “È un’ottima idea! Guardandomi, ha detto: “Non pensare nemmeno a resistere.

Ma ho cominciato a resistere, e in un attimo mia madre esclamò: “Farai come dice!” Che tu pensi che sia uno scherzo o no! È la migliore moglie che tu abbia mai avuto in vita tua, e anche tu. “Farò quello che dice, ora e per sempre.”

Poi si rivolse ad Annie: “Come hai detto, tesoro”.

Lanciai un’occhiata a mia madre e alle mie sorelle e si alzarono, le mani sui fianchi.

Annie ha chiesto: “Sei pronto ad accettare la tua punizione?”

«Sì, Annie», sussurrai.

“Per il resto della giornata, per me e per tutti noi, dì: ‘Sì, signora”, ha detto Annie.

“Sì signora,” Ho risposto.

Annie ha continuato: “Voglio che vedano il tuo Speedo abbronzato. Lasciali qui, ti prenderemo delle belle mutandine”.

Senza alcuna resistenza, mi sono alzato e mi sono tolto i vestiti, rivelando la zona bianca del mio costume da bagno contro il mio corpo abbronzato. Rimasi semplicemente lì, completamente nudo, mentre commentavano casualmente.

Altre storie erotiche  Special Occasions - BDSM - Literotica.com

Annie ha aggiunto: “Avremo bisogno di mutandine che funzionino con le sue linee dell’abbronzatura Speedo”.

Siamo andati in camera da letto e loro hanno frugato nel cassetto delle mutandine, e io ho provato diverse mutandine, finché non ne hanno scelto una. Era rosa e setoso e conteneva completamente le mie palle (le ho usate diverse volte prima). Nonostante fossi di fronte alle mie sorelle, stavo diventando duro, cosa che adoravano.

“Lisa ha detto, ‘Guarda come il suo cazzo sta andando di lato, ed è dentro le sue mutandine! È così carino! Mamma, vieni a vedere questo!”

Quando mia madre arrivò, c’era un punto umido, e lei sorrise e disse: “Va bene. Ti ho cresciuto bene. Sarai un buon marito. E amerai ogni minuto”.

Poi ha detto: “Ragazze, sapete di cosa ha bisogno ogni ragazzo. Non farlo soffrire troppo. Mostrale un po’ d’amore,” e lei sparì.

Lori disse: «Prendiamo un po’ di sole. Può metterci una lozione.

Sono stato duro tutto il tempo! Come potrebbe essere altrimenti? Indossavano bikini minuscoli e ho applicato la protezione solare a ciascuna delle mie sorelle e ad Annie. Quando mi sono avvicinato alla sua figa (appena coperta) ho letteralmente sussultato. Annie ebbe pietà e mi condusse in camera da letto.

Il mio letto scricchiolava molto, quindi mi ha adagiato sul pavimento e si è messa a cavalcioni su di me.

Era la prima volta e le piaceva: “Mi piace questa sensazione, così come il piacere di guardarti. Mi sento come se ti stessi scopando invece di essere fottuto.

“Sì, signora Annie,” sussultai, e lei sorrise, e commentò, la giornata non è finita e tu ti tieni le mutandine, ok?

“Sì signora”, risposi. “Annie, sono pronta per venire!” Mi farai venire!

“Non ancora,” rispose, avvicinandosi al mio viso, e io l’ho leccata un po’, poi mi ha cavalcato di nuovo.

Qualche istante dopo, ho ripetuto: “Padrona, mi farai venire!”

Ha chiuso gli occhi e mi ha colpito, ed era come una manichetta antincendio. Sono venuto e sono venuto, così duramente, e sembrava che andasse avanti per sempre. Era fantastico!

Annie si sporse in avanti, la testa sul mio petto, e siamo rimasti così mentre iniziavo ad addolcirmi. Si è presa il suo tempo; Ero pronto per finire, ma si è presa il suo tempo, senza abbattermi.

Ho iniziato a muovermi e lei ha detto: “Non abbiamo ancora finito” e mi ha tirato su il petto, verso il mio viso. Stava per farmi leccare il mio sperma!

Ho iniziato a resistere e lei mi ha dato un’occhiata, era seria!

Non ho mai voluto ribellarmi così tanto, ma mia madre mi ha cresciuto molto bene e le ha leccato l’apertura aperta. Il primo assaggio era per lo più sperma, e non era male. Aveva un sapore leggermente salato. L’ho leccato.

Quando ne ebbe abbastanza, eravamo di nuovo un po’ eccitati.

Pensavo che avremmo fatto sesso di nuovo quella notte.

Un altro aspetto positivo della giornata, avevamo appena fatto l’amore a casa mia mentre mia madre era lì. Ne valeva la pena.

Quella notte Annie era tornata a casa e c’era solo la mia famiglia. Abbiamo parlato e agito come abbiamo sempre fatto, ma era tutto diverso. Indossavo le mutandine sotto i pantaloncini!

Lisa e Lori passeggiavano per la casa, indossando pantaloncini e top attillati e attraenti. I suoi capezzoli sporgevano e si capiva, io e mio padre non osavamo guardarci, ma le stavamo rubando un’occhiata in ogni occasione. L’energia sessuale era palpabile! Ci provocarono apertamente; i suoi capezzoli sensuali si increspavano, ma ci comportavamo come se tutto fosse normale. L’elefante nella stanza era forte e chiaro, mio ​​padre ed io eravamo completamente sottomessi non solo a mia madre ma anche alle mie sorelle.

Mio padre ha massaggiato i piedi di mia madre, come al solito, mentre io giacevo per terra a massaggiare i piedi di Lisa, sperando di servire Lori dopo. Ma mia madre ha ricevuto una chiamata e ha lasciato la stanza. Lori si è semplicemente sdraiata al suo posto, ha messo i piedi in grembo a mio padre, e i loro occhi si sono incontrati, e lui le ha rivolto un debole sorriso amorevole e l’ha massaggiata, come se l’avesse servita in questo modo per tutta la vita.

Ho l’acquolina in bocca ; l’acquolina in bocca di mio padre. Potevo davvero sentire l’odore del sesso in camera da letto, ma l’ho massaggiato, in uno stato di stordimento sessuale. Ho sentito la voce di Lisa: “Fai i miei polpacci”.

Altre storie erotiche  Senioritis Ch. 04

L’ho sentito di nuovo, e sono stato svegliato dalla mia gioia, “Sì signora…” Ho quasi detto “Sì signora!” papà lo sapeva? Non oso guardare nessuno; Le ho semplicemente massaggiato i polpacci, cosa che l’ha fatta gemere. Ci hanno massaggiato a lungo, molto più del solito.

Finalmente era ora di andare a letto. Lisa era in bagno e Lori era seduta sul suo letto, e io mi fermai in silenzio davanti al mio letto. Mi aveva visto in mutande tutto il giorno, mi ero tolto la maglietta, ma non volevo calarmi i pantaloncini davanti a lei. Mi ha rivolto uno sguardo furbo e ha puntato l’indice verso i miei pantaloncini, e senza dire una parola mi sono abbassato i pantaloncini, rivelando le mie mutandine rosa.

Erano imbevuti di pre-sborra!

Sorrise: “Hai fatto sesso oggi, vero?”

“Sì,” sussurrai, poi le sorrisi, e lei ricambiò il sorriso, “Non sei l’uomo arrapato! Un grosso cazzo che non può essere soddisfatto!”

L’ho guardata e le ho sussurrato: “Per favore!” Avevo bisogno di CUM!

Ha risposto: “Ti sei masturbato nelle nostre mutandine per un anno, vero?”

“Sì signora.”

Ha detto: “Mostramelo”.

Come ipnotizzata, sono entrata nel cassetto che conoscevo così bene e ne ho tirato fuori il mio paio preferito, che odorava ancora della sua femminilità.

Lisa è entrata proprio in quel momento, mentre io indossavo le mie mutandine rosa, tenendo le altre mutandine fino al naso, mentre Lori osservava dal letto.

Il mio cazzo ha iniziato ad ammorbidirsi nelle mie mutandine. Lisa indossava solo minuscoli tanga e un top da notte trasparente che era un po’ umido e appiccicoso, i capezzoli duri e chiaramente visibili.

Guardò Lori, che disse: “Deve venire”.

“Oh, credo di sì”, disse Lisa. “Con tutti i mezzi, per favore continua.”

In quel momento abbiamo sentito nostra madre urlare nella stanza accanto a noi e ci siamo sorrisi tutti.

Mi sdraiai sul letto e infilai la mano nelle mutandine mentre mi tenevo l’altro paio al naso. Non avrei mai immaginato di masturbarmi davanti alle mie sorelle, ma è successo. Lisa si inginocchiò accanto al mio letto e Lori rimase accanto a lei. Volevo allungare la mano e toccare i bei capezzoli di Lisa, non riuscivo a distogliere lo sguardo da loro, e lei disse: “Ti piace Annie?”

“Oh sì,” ho risposto.

Lori ha afferrato le mie mutandine e ha detto: “Alzati” e io ho alzato i fianchi e lei si è tolta le mutandine, esponendo il mio cazzo.

Era surreale, Lisa era in ginocchio quindi eravamo all’altezza degli occhi e io mi stavo masturbando mentre parlavamo di Annie. Lisa continuò: “Farai di lei un buon marito, vero?”

“Oh sì signora!”

Lori mise una mano sulla spalla di Lisa per tenersi in equilibrio e portò un piede alla mia bocca, che baciai. “È un bravo ragazzo.”

Lisa continuò: “Lo farai sempre piacere?”

“Sì signora”, mentre mi accarezzavo il cazzo.

Lori abbassò il piede e si mise a cavalcioni sulle mie cosce, appena sotto il mio cazzo.

Poi Lisa si tolse la maglietta e si sdraiò accanto a me. Dovevo solo girare la testa e il suo capezzolo era nella mia bocca.

Sono esploso come mai prima d’ora! Sborrami in faccia! Con gli occhi chiusi, le succhiai il capezzolo come se potesse essere risucchiato fuori dal suo corpo. Poi ho assaggiato il mio sperma. Lisa l’ha preso con il dito e nella mia bocca, e l’ho succhiato e ingoiato.

I corpi di mia sorella erano intrecciati con il mio e Lisa sussurrò: «È un bravo ragazzo. Non lo diremo ad Annie. Potrebbe non capire. Ma tu passerai il resto della tua vita a servirlo. volere. , ci servirai, capito?

“Sì signora.”

Mi hanno preso. Se l’avessero detto ad Annie, mi avrebbe sicuramente lasciato. Le mie sorelle avevano manipolato la situazione. Per tutta la vita avrei servito Annie, ma lei sarebbe sempre stata seconda solo alle mie sorelle.

I sogni diventano realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *