My Public Humiliation – BDSM

di | 28 de Giugno, 2022

La seguente storia è vera.

Un freddo, gelido vento di gennaio mi travolse mentre stavo sul marciapiede, aspettando pazientemente l’arrivo delle mie signore. Ero eccitato ma più nervoso per questa sessione di quanto non lo fossi mai stato per qualsiasi altra. Oggi sarebbe il giorno in cui sarei finalmente umiliato in pubblico.

Dopo qualche minuto, ho visto le due signore sul marciapiede opposto. C’era Miss Julia, con la sua piccola corporatura atletica, i capelli neri e ricci e gli occhiali grandi e squadrati; e la sua amica Jess, altrettanto piccola ma con lunghi capelli rossi intrecciati in trecce. Ho stretto la mano a Jess e mi sono presentata, non avendola mai incontrata. Ha detto che era eccitata, sarebbe stata un’esperienza nuova e divertente per lei. Giulia ha accettato.

Sorrido nervosamente. Allora. Questo è davvero ciò che sta accadendo.

Il posto che le signore hanno scelto per il mio degrado pubblico si è rivelato essere un bar vicino. Mi hanno portato dentro e su una breve rampa di scale fino al secondo piano, dove hanno scelto un tavolo che era proprio al centro della stanza, proprio di fronte al bar. Era solo mercoledì sera, ma c’era gente dappertutto. Risulta che il bar offriva sconti speciali il mercoledì, quindi la casa era piena quel giorno. Speravo davvero che avremmo trovato un posto d’angolo da qualche parte, ma ovviamente non è stata una mia decisione.

Julia e Jess mi hanno mandato al bar per ordinare a ciascuno di noi dell’acqua e un ordine di perogie. L’ho fatto, poi ho ripreso il mio posto tra loro. Entrambi si sono tolti le scarpe e hanno messo subito i piedi in grembo. Ho iniziato a strofinargli i piedi, come ovviamente si aspettavano. Mentre usavo entrambe le mani lentamente e delicatamente sui piedi di Julia, ho notato che il piede di Jess si muoveva verso il mio viso. Obbediente, aprii la bocca e lasciai entrare le sue dita.

Altre storie erotiche  The Maid Ch. 05-06 - BDSM

Lo stile di questo particolare bar era molto giovanile e spigoloso, con ogni muro ricoperto di graffiti. Lo dico perché sul muro sopra il nostro sedile c’erano i graffiti di una bella donna con un vestito nero. Mentre le strofinavo i piedi, Julia le fece un gesto e le chiese: “Credi che sia carina?”

“Sì,” risposi timidamente.

“Perché non la baci allora?”

E così mi sono alzato in piedi nella cabina, mi sono girato e ho piantato le mie labbra contro le labbra dipinte sul muro. Sono sicuro che molte persone mi hanno visto, ma ero troppo timido per guardarmi intorno davvero. Quando mi sono seduto di nuovo, Jess e Julia stavano ridendo forte. Mi hanno subito rimesso i piedi sulle ginocchia e sul viso, e ho iniziato con i massaggi ai piedi.

A questo punto il nostro server è arrivato con le nostre acque. Jess e Julia presero i loro bicchieri e iniziarono a bere. Ho preso la mia tazza.

“Aspetta,” disse Julia. Prese il mio drink dal tavolo, se lo portò alla faccia e ci sbava sopra. Jess rise, poi prese il bicchiere di Julia e fece lo stesso. Jess ha poi tenuto la mia tazza davanti alla mia faccia, puntando la cannuccia verso la mia bocca. Obbediente, ne bevvi un sorso.

Fu allora che incontrai per la prima volta un contatto visivo con una giovane donna seduta al bar di fronte a noi. La maggior parte dei clienti ci dava le spalle, verso il bar, ma lei era di fronte a noi e mi guardava. Ho avuto il coraggio di guardarmi indietro per qualche secondo. Non sorrideva; sembrava disgustata. Imbarazzato, mi voltai.

Altre storie erotiche  She's Into Denial Pt. 08 - BDSM

Quando sono arrivate le nostre perogie l’intensità è aumentata e le teste hanno decisamente iniziato a girare nella nostra direzione. Jess e Julia erano implacabili. Ne hanno gettati un paio a terra, chiedendo che li raccogliessi e li mangiassi. Ne hanno versato uno nel mio bicchiere d’acqua, con alcune salse e, ovviamente, altra saliva. Julia ha persino iniziato a masticare un perogie, poi si è tolto di bocca la cosa mezza masticata e mi ha costretto a mangiarla. Mi hanno spalmato più cibo masticato e saliva sul viso, avvertendomi di non asciugarlo. Continuavo a strofinargli i piedi ea volte a baciargli il culo mentre notavo sempre più persone che ci osservavano.

Quando il nostro pasto finì e ci preparammo a partire, Jess e Julia mi mandarono al bar per saldare il conto. Una giovane donna che non avevo mai visto si avvicinò a noi.

“Mi scusi,” disse. Lei mi ha guardato. “Non ti parlo perché sei… disgustoso.” Ma…” e si rivolse ai miei amanti per chiedere qualcosa. Considerandomi licenziato, me ne sono andato e ho chiesto umilmente il conto. Il barista non disse una parola, si voltò e le fece cenno di allontanarsi.

Pagai e tornai al tavolo. La giovane donna era ancora lì e Julia mi ha detto che aveva chiesto una nostra foto. Così ho guardato la telecamera di questo sconosciuto e ho sorriso mentre Julia si sedeva sulle mie ginocchia, usando la mia faccia come un asciugamano, mentre Jess si teneva sul cuscino e mi spingeva il culo in faccia.

Quando finalmente abbiamo lasciato il bar, Julia mi ha detto: “Quella ragazza mi ha detto che era una giornalista per il giornale del college. Forse diventerai famosa!”

Altre storie erotiche  Tory's Punishment Pt. 01 - BDSM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *