My Slave’s Birthday Gift Ch. 01 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Siamo arrivati ​​al resort in prima serata, con abbastanza luce per dare un’occhiata ad alcuni edifici e strutture. Dopo il check-in, siamo stati portati per un piccolo tour e poi ci hanno mostrato la nostra camera. Era spaziosa e ben arredata, con finestre dal pavimento al soffitto che si affacciavano sulla spiaggia privata.

Ho aperto le porte di vetro per far entrare l’odore dell’oceano e sentire le onde che si infrangono sulla spiaggia. Era caldo e umido, ma piacevole. Ho aperto la valigia e ho tirato fuori una bottiglia di vino e una bottiglia di whisky. Cercando nella piccola cucina, ho trovato dei bicchieri e ne ho versato uno per ciascuno, un doppio bicchierino per lui. Passandogli da bere, siamo usciti in terrazza a goderci il tramonto.

“Bevi, ne avrai bisogno,” dissi tirando fuori la mia collana da sotto la maglietta. Era solito vedere questa collana, ma non con una seconda chiave più grande appesa ad essa.

Con una risata arrogante, ha commentato: “Allora, cos’è?” tieni d’occhio le chiavi. Le sorrisi senza rispondere, sorseggiando il mio vino e rivolgendo la mia attenzione ai rosa e ai viola che galleggiavano sopra l’oceano mentre il sole ci augurava la buonanotte.

La notte è scesa rapidamente e siamo entrati. “Hai fatto le valigie correttamente?” Ho chiesto.

Fui felice di vedere che aveva seguito le mie istruzioni per preparare una valigia dei suoi vestiti e una di articoli da toeletta e il suo assortimento di giocattoli e pelle.

«È ora che ti spogli, ora» dissi.

Lui annuì con un sorriso, ma il suo viso iniziò rapidamente a mostrare preoccupazione mentre recuperavo questi vestiti e li mettevo nel suo bagaglio, rimuovendo la mia collana. I suoi occhi si spalancarono mentre riponevo la valigia in un armadio, chiudevo la porta e la chiudevo a chiave. “Lo riprenderai quando ti dirò che puoi”, gli dissi.

Guardò il suo bicchiere vuoto e poi me. “Ancora un altro, per favore, signora”, implorò. Gli ho permesso di versarsi un altro drink, ma gliel’ho preso. Mi sono seduto sul bordo di una sedia e ho sollevato la gonna, rivelando la mia figa nuda. “Puoi bere questo solo dopo aver bevuto me. E non puoi toccarti da nessuna parte e in nessun momento.”

Si inginocchiò e sollevò le mie gambe sopra le sue spalle, affondando la sua faccia nella mia. Le sue labbra e la sua lingua hanno iniziato a lavorare e presto il suo viso è stato bagnato di sperma. “Hai quasi finito,” gli dico. “Inginocchiati sulla sedia.”

Sapeva cosa sarebbe successo, ma il primo colpo di pagaia gli faceva ancora venire i brividi. Ho iniziato con colpi piccoli e leggeri, ma sono rapidamente passato a leccate dure e pungenti. Una volta che il suo culo era rosso e caldo, gli ho permesso di bere la sua bevanda, che ha bevuto d’un fiato.

Avvicinandomi alla sua borsa che era aperta, ho afferrato un anello per il pene e un collare. Ho scavato nella mia borsa e ho tirato fuori un colletto di pelle e metallo, attaccandolo all’anello sul colletto. Passandole a lei, sapeva cosa fare, scuotendo la testa in attesa eccitata e paura di ciò a cui stava per essere sottoposto. Ho preso una borsa più piccola ed ero pronto per partire.

“Ti porterò in giro per questo luogo spoglio, ben calpestato, esposto agli occhi di tutti”, gli dissi, tirandolo al guinzaglio e conducendolo fuori dalla stanza su una passerella.

Aveva fantasticato di essere spogliato nudo e mostrato pubblicamente, ma ora che si stava avverando, si sentiva sopraffatto dal mix di eccitazione e paura.

I suoi occhi si girarono immediatamente per vedere se c’era qualcuno in vista. Sebbene non ci fosse nessuno nel vialetto, si apriva sulla piscina, dove erano sedute diverse persone. L’ho portato al bar in cabina e ho ordinato da bere al barista, che sembrava divertito dalla netta differenza tra il mio vestito nero e la sua completa nudità. Abbiamo preso i nostri drink e l’ho portato sulle sedie a sdraio accanto a un gruppo di donne.

“Sdraiati sulla schiena”, ho ordinato. “Ti voglio a schermo intero.” Quando si sdraiò, le sue palle si gonfiarono e l’anello del pene le tirò su mentre il suo cazzo indurito sporgeva dai suoi fianchi. Il suo pacco completo era ovvio per tutti, ma solo per essere sicuro, mi sono chinato e le ho allargato le caviglie, posizionandole i piedi su entrambi i lati della stanza. Istintivamente ha raggiunto il suo cazzo, ma gli ho dato un deciso “no” e gli ho preso a calci le palle come punizione. Sussultava e gemeva e il suo viso arrossiva sapendo che gli altri ospiti avevano assistito alla sua punizione.

Altre storie erotiche  Slave Kessler - BDSM - Literotica.com

Era sdraiato lì, le braccia lungo i fianchi, le gambe divaricate, il cazzo che pulsava visibilmente. Cominciai a conversare con le donne sedute accanto a noi, e ogni tanto passava qualcuno che si fermava a guardare la mia schiava curva e obbediente. Si contorceva sotto il loro sguardo ea volte mormorava “per favore”, cosa che mi fece molto piacere. La mia figa si stava bagnando molto e a volte allungavo la mano e passavo leggermente le dita sul suo petto e sulle sue cosce, dicendogli che bravo ragazzo era.

Dopo un po’, ho notato che le quattro donne con cui stavo parlando facevano fatica a non guardarsi. “Non essere timido”, ho detto loro. “Vai laggiù e dai un’occhiata più da vicino, se vuoi.” Si guardarono, e uno si alzò, poi un altro, poi gli altri. Si sono avvicinati a lui e si sono chinati per esaminare il suo colletto, il suo corpo, il suo anello del pene e le sue palle e il suo cazzo ora viola.

“Guarda questo,” dissi, afferrandogli le palle e strizzandole. Gemette, pronunciando di nuovo “per favore” e il pre-cum gocciolava dalla testa del suo cazzo. Ho preso il mio dito e l’ho messo in bocca. “Mostraci la prova”, gli ho chiesto. La sua esitazione gli è valsa un’altra pacca sulle palle, facendolo urlare, cosa che mi ha permesso di mettergli il dito sulla lingua.

“Hai buon gusto? Ho chiesto.

“Sì signora”, ha risposto. Le donne risero e applaudirono con gioia e apprezzamento per la sua obbedienza.

Continuavano a stargli accanto fissando la sua completa nudità, quindi ho chiesto se volevano vedere di più. “È chiaro!” arrivò una rapida risposta, con tutte le teste che annuivano con entusiasmo. «Allora vieni con me», dissi.

Dopo aver fatto le mie ricerche sapevo esattamente dove stavo andando e abbiamo passeggiato intorno alla piscina fino a un grande edificio dall’altra parte. Andai avanti, tenendolo al guinzaglio, guidando il branco. Siamo entrati nell’edificio attraverso grandi porte finestre. All’interno c’era una sala giochi con un altro bar e tavoli da biliardo. C’erano molti ospiti lì, che chiacchieravano e giocavano a biliardo, in vari gradi di nudità, ma nessuno era nudo come il mio schiavo. Attraversiamo la stanza e giriamo a destra verso una scala. C’erano alcune stanze al piano di sotto e sapevo già quale stanza volevo usare. La porta era aperta, era vuota.

La stanza era di circa dieci metri per dieci, con alcune sedie e tavoli addossati alle pareti ai lati e due divani sul retro. Entrando lo sentii fermarsi bruscamente, aveva notato la panca a forma di botte ornata di fibbie e cinghie in mezzo alla stanza. E le catene appese al soffitto. “Tieniti forte”, lo avverto. Continuò dentro.

Ho chiesto alle donne di sedersi sui divani in fondo alla stanza. Stavano ridendo nervosamente e uno di loro mi ha detto che non avevano mai fatto niente del genere prima, ma lo volevano davvero. Erano nervosi quanto lui. “Va tutto bene”, ho detto loro. “Ti guiderò.”

Si sedettero e lui era ancora in piedi sulla soglia. L’ho portato a stare davanti a ciascuno di loro uno per uno. Torreggiava su di loro, il suo cazzo e le palle perfettamente all’altezza degli occhi. Gli ho chiesto di affrontarli mentre lo prendevo in braccio in modo che potessero vedere bene. L’ho girato per mostrare il suo culo ancora rosso e malconcio.

“Sali in panchina”, ordinai. Si sdraiò e appoggiò le mani e le ginocchia sulle tavole imbottite inferiori. Le ho assicurato i polsi con le cravatte e le ho detto di aggiustarsi in modo che i suoi fianchi fossero sul retro del sedile più alto in modo che la sua borsa potesse pendere mentre il suo culo era messo in una posizione di sculacciata perfetta. Le ho allacciato le caviglie, poi le ho legato le gambe appena sotto le ginocchia alle assi. Era immobilizzato con le gambe divaricate proprio davanti al nostro pubblico. Ha provato a muoversi, ma tutti i suoi sforzi hanno solo portato le sue palle a rimbalzare impotenti.

Altre storie erotiche  No Turning Back Pt. 03 - BDSM

Ho chiesto alle donne se qualcuno di loro avesse mai picchiato uno schiavo e tutte hanno detto di no. Ho preso la borsa che avevo portato con me e ho tirato fuori una piccola pala. “Vuoi sapere come?” Ho chiesto loro. Ridendo, tutti hanno scosso la testa “sì”.

Ho detto loro che questo viaggio era il regalo di compleanno del mio schiavo e che aveva bisogno delle loro sculacciate, ma che non avrei limitato il numero di colpi come si fa tradizionalmente. Ho detto loro di guardarmi colpire, che avrei descritto cosa stavo facendo in modo che potessero imparare. Ma che c’era un altro requisito prima che potessero disciplinare il mio schiavo, dovrebbero prima sottomettersi a me per essere picchiato. “Devi sapere cosa significa ricevere prima di essere pronto a dare”, dissi loro.

Si guardarono scioccati al pensiero e si guardarono l’un l’altro, poi lui e io ci legammo alla panca, poi annuirono.

Mi sono avvicinato al lato della panca e gli ho accarezzato la schiena, poi ho allungato una mano e gli ho accarezzato leggermente il cazzo. Le ho gentilmente schiaffeggiato il culo con la mano prima di darle il primo schiaffo con la pagaia. “Ohhhh,” ansimò e io indicai le donne mentre le sue palle rimbalzavano. Ho mostrato loro come esercitarsi a mani nude per imparare a giudicare quanto duramente hanno colpito. Tirando fuori un’altra piccola pagaia dalla mia borsa, ho lasciato che si esercitassero a turno mentre dimostravo su di essa.

Sembrava che stessero riprendendo bene, quindi ho iniziato a remare a un ritmo costante, aumentando l’intensità finché non si è lamentato e si è sfregato contro il sedile. Era una panchina estremamente solida e non poteva muoversi, non poteva sfuggire alle percosse implacabili, non poteva impedire che le sue palle scoperte e il culo rosso in fiamme fossero fissati dai nostri spettatori.

Decidendo di lasciarle raffreddare un po’ il culo, mi sono preso il tempo per valutare le nuove abilità di ogni donna con la pagaia a mani nude. Non poteva vederci, ed è rimasto ad ascoltare istruzioni e bussate, sapendo che la sua pausa sarebbe stata breve.

Le donne decisero chi sarebbe andato per primo e il mio primo volontario si alzò. Gli ho detto di venire davanti alla banca; Volevo che mi vedesse picchiarli. Le ho detto di sporgersi in avanti e di mettere le mani sul muro per tenersi in equilibrio e le ho tirato su la gonna, infilandola dietro la schiena. Le ho tirato le mutandine fino alle caviglie, esponendo il suo culo a me e al mio schiavo. Ha sussultato e sussultato quando ho dato il primo tocco facile. Lentamente, gli ho dato qualche altro schiaffo, solo dieci in totale. È stata una tortura per lui guardare così da vicino il suo culo diventare rosa sotto i miei colpi. Gemeva a ogni spinta come se stesse succedendo a lui.

Le altre donne si alternavano permettendomi di picchiarle, e con ognuna diventava più vocale e agitato. Sapevo che voleva disperatamente toccarsi, sapevo che le sue palle erano gonfie e doloranti, il suo cazzo doveva esplodere.

Ma sapeva anche che era tempo per loro di voltarsi. E questo era metà del divertimento. La mia figa ora gocciolava, quindi dopo che l’ultima donna l’ha sculacciata ed è tornata sul divano, mi sono chinato e le ho sussurrato all’orecchio: “Sai quanto sono bagnata in questo momento, e so che vuoi picchiarmi per questo , ma qui ho il controllo”. Ho fatto scivolare la mano sotto il vestito e mi sono asciugato la figa, lasciando che mi leccasse lo sperma dalle dita. “Per piecere!” pregò di nuovo. “Per favore, ho bisogno di venire così forte.”

Altre storie erotiche  Induction Day at Spread Legal - BDSM

Sono tornato per ispezionarlo. Il suo culo era ancora rosso, ma ora non bruciava più di tanto. Le sue palle, tuttavia, erano enormi, non potevano più oscillare e il suo cazzo sembrava un’asta d’acciaio. Ho mandato anche le donne a ispezionarlo. Gli presi le palle e gli accarezzai il cazzo mentre il suo ringhio diventava più forte. “Vedi”, dissi, “il mio schiavo ama la sua punizione”. Con una certa pressione applicata alla sua macula, emise un “OH DIO! PER FAVORE LADY!”

Avevano bisogno di un po’ più di istruzione prima di iniziare a picchiarlo. “Assicurati di tenergli i pugni nel culo, le sue palle non possono essere calciate in questo momento”, ho detto loro. “Potete fare a turno nello stesso ordine, ognuno di voi riceve venti sculacciate. Dovete seguire tutti gli ordini o le istruzioni che vi do, e dovete fermarvi immediatamente se ve lo dico.”

Uno per uno, si alternavano, la loro fiducia cresceva ad ogni leccata. Ognuno di loro ha fatto davvero un ottimo lavoro e alla fine era coperto di sudore e ha usato ogni grammo di sforzo per tirare i pareggi e provare a buttarsi in panchina. Non vedeva l’ora di rilasciare il suo carico. Ho iniziato a rimuovere gli attacchi. Prima quelli vicino alle ginocchia, poi alle caviglie, e subito ha provato a chiudere le gambe. Alla fine, le sue braccia furono liberate e la sua mano andò dritta al suo cazzo. “No!” Ho ordinato. “Continua.”

Afferrai il guinzaglio e condussi tutti fuori dalla stanza, su per le scale e di nuovo nella stanza dei giochi ormai affollata. Ha cercato di coprire il suo cazzo duro e le palle gonfie con le mani, ma le ho spinte via. “Non costringermi a picchiarti qui,” dissi.

Attraversammo la stanza e la sua faccia era rossa come il suo culo. Siamo tornati in piscina ed era vuota tranne che per noi e il bar cabana era chiuso. “Per favore, per favore, per favore, fatemi venire ora, signora”, la implorò. Mi appoggiai alla sbarra e sollevai la parte posteriore della gonna. “Fottimi finché non vengo,” ho chiesto. Mi ha afferrato i fianchi e i capelli e mi ha spinto dentro. Mi ha scopato forte, gemendo, e io sono venuto duro, lo sperma mi scorreva lungo le gambe. “Smettila”, dico. “Adesso succhiami.” Mi sono seduto e lui si è inginocchiato e ha iniziato a leccare e succhiare, bevendo i miei succhi mentre venivo per quelli che sembravano giorni. “Smettila,” dissi di nuovo, ma non lo fece. Gemeva e ringhiava e potevo sentire i suoni bagnati della sua bocca sulla mia figa e io sborravo di nuovo urlando.

“Non fermarti ora!” Finalmente sono diventato in grado di comandare. Si è fermato. Ho indicato la stanza accanto alla mia e ho detto: “Siediti”. Vediamo tutti che arrivi.

È salito sul lettino e io e le donne ci siamo seduti su entrambi i lati, guardandolo accarezzare il suo cazzo. Era febbricitante, il suo corpo arrossiva, tutto il suo corpo tremava. Sapevo che era vicino, quindi ho allungato una mano tra le sue gambe e gli ho tirato le palle. Ha emesso un forte “aaaahhhhhh” e lo sperma ha iniziato a schizzare fuori dal suo cazzo selvaggiamente. Prima qualche scroscio, poi un lungo ruscello che sgorga per diversi metri. Quando si è fermato, ho sparato di nuovo: “Di più!” Ho chiesto. Con questa spinta potevo sentire le sue palle battere forte e più sperma che iniziava a uscire da lui. Stava ansimando e completamente perso in un lungo, intenso orgasmo. Quando finalmente tutto finì, si accasciò contro la poltrona, dimenticando che aveva ancora un pubblico.

Mentre si stava riprendendo, ho detto addio alle donne. Mentre si allontanavano, uno di loro si voltò e chiese con un sorriso: “sarai ancora qui domani?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *