No Turning Back Pt. 02 – BDSM

di | 9 de Settembre, 2022

Nota dell’autore: No Turning Back è stata la mia voce in una sfida di 750 parole. Non avevo programmato di continuare la storia, ma ho deciso che il formato breve portava sfide diverse, quindi cercherò di mantenere quel formato mentre sviluppo questa storia. Ogni parte 750-1000 parole. Non ci saranno le scene esplicite che appariranno nei miei lunghi racconti, ma forse qualcuno preferisce quell’approccio. Come sempre, i commenti sono benvenuti.

————————————————– ————————————————– ——————–

Gli stivali neri si mossero in avanti e lui rabbrividì. Stava succedendo davvero. Il mondo virtuale è ormai una realtà fisica. Le frustate contro il suo culo nudo portano a casa verità gemelle; non aveva più il controllo e non si sarebbe più potuto tornare indietro. Un altro schiaffo sull’altra guancia. Poteva sentire i tacchi dei suoi stivali mentre la donna gli girava intorno, prima che rientrassero nel suo campo visivo. I suoi occhi si alzarono di scatto, portando i polpacci sopra gli stivali, la piccola parte della coscia non coperta dalla gonna a tubino nera che indossava pochi centimetri sopra il ginocchio. L’ampia cintura era un po’ affusolata, nonostante la sua vita non fosse così pronunciata come prima. La camicetta bianca ampia scorreva, i bottoni superiori slacciati per mostrare un accenno di scollatura. Il viso, incorniciato da capelli lisci rossi tagliati alla stessa lunghezza appena sotto l’orecchio, sorride mentre fissava quegli occhi azzurri penetranti.

Ha detto le sue prime parole. “Occhi bassi.” Indicò il pavimento, le chiavi che aveva lanciato mentre entrava nella stanza. Le chiavi della gabbia di castità che stava usando. Obbedì immediatamente e la osservò chinarsi diligentemente per raccogliere le chiavi. “Questi ora appartengono a me.” Pausa. “Adesso appartieni a me. Era pietrificato da cosa significasse, ma era ugualmente eccitato. Sentì la gabbia attorno alla sua virilità stringersi.

Altre storie erotiche  Learning to Let Go - BDSM

‘Alle tue spalle.’ Ha obbedito. Non c’è mai stato un momento di esitazione o dubbio. Aveva chiarito nella loro conversazione che portava a quella sera che si aspettava di essere completamente sopraffatta o che non l’avrebbe mai più rivista o ascoltato di nuovo da lei. Ed era già troppo profondo per permettere che ciò accadesse.

“Allarga le gambe.” Lo fece, e per la prima volta quella notte si sentì vulnerabile. Hanno scritto e parlato. Ciascuno di loro ha confessato ciò che voleva dalla vicenda che si stava consumando. Sembravano compatibili, il suo desiderio di dominare si combinava con il suo desiderio di sottomettersi a una donna sicura di sé, di seguire semplicemente le istruzioni senza preoccuparsi di decisioni o conseguenze. Tuttavia, nonostante tutto, non la conosceva davvero. Le persone vivevano una doppia vita online e lei avrebbe potuto portarlo in quel negozio abbandonato per una serie di motivi.

“Non pensavo che avresti osato mostrarti”, ha continuato, schiaffeggiando i suoi testicoli con la frusta mentre parlava. “Ma lo fai, e sai cosa significa. Un altro schiaffo parlando al suo scroto. Questa volta il dolore acuto è stato seguito da un dolore sordo alla bocca dello stomaco. “Seguirai tutte le istruzioni che ti darò. Ancora una volta, questo è più forte dei due precedenti. Il dolore si intensificò. “Senza dubbio.” Un altro colpo alla vendemmia. “Non farlo comporterà una punizione”. Il successivo contatto con i suoi testicoli maltrattati lo fece piangere. Ha continuato comunque.

“Rispetterò i limiti che mi hai dato e hai la tua parola di sicurezza”. A quel punto il dolore si era trasformato in un dolore lancinante e cominciava a provare nausea. ‘Andare avanti. Pensa a cosa hai accettato di fare. Domani tornerai qui alla stessa ora. Questa sarà la tua unica possibilità di smettere. Se scegli di farlo, ti restituirò le tue chiavi e non mi sentirai mai più. Altrimenti, se accetti di essere mio schiavo, mi vedrai quasi ogni giorno. Diventerò la cosa più importante della tua vita. Ti sveglierai e penserai a me. Il tuo ultimo pensiero prima di dormire sarà per me e i tuoi sogni ruoteranno intorno a me. ti consumerò.’ Detto questo, diede un colpo finale, si voltò e si diresse verso la porta dietro di lei. Poi se n’è andata.

Rimase immobile per qualche tempo dopo la sua partenza. Il loro primo appuntamento non è andato come aveva programmato. Tuttavia, si ritrovò ancora più disperato nel servirla. Dal giorno in cui si è imbattuto nel concetto di dominazione femminile, ha immaginato di servire una donna che avrebbe governato al suo posto. Ha guardato tutti quegli account Twitter e si è immaginato inginocchiato davanti alle donne irraggiungibili, ma in fondo sapeva che sarebbe sempre stata una fantasia. Ora aveva trovato qualcuno che realizzava quelle fantasie e ricordava la sensazione di completa sottomissione mentre si inginocchiava davanti a lei, pronto a lasciarle fare quello che voleva. Voleva riprovare. A dire il vero, voleva vivere la sua vita in questo modo e sperimentare la completa sottomissione a questa donna in ogni momento. Tuttavia, lo ha scaricato dopo soli quindici minuti.

Altre storie erotiche  She Said Yes - A Covid-19 Story Ch. 11 - BDSM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *