No Turning Back Pt. 03 – BDSM

di | 24 de Settembre, 2022

Mentre varcava la soglia, sul suo viso apparve un ampio sorriso. Era andata meglio di quanto si aspettasse. Non riusciva ancora a credere che fosse apparso, un lontano ricordo del precedente sottomarino che aveva accettato di incontrare le balenò improvvisamente nella mente. Si era arreso all’ultimo minuto, troppo spaventato per impegnarsi definitivamente. Ma James era stato lì. Ricordò il formicolio di eccitazione che le percorse quando vide la porta aprirsi, il graduale bagnarsi nella figa quando lo vide entrare nella stanza nudo e la sensazione di euforia quando si inginocchiò davanti a lei. Si era completamente sottomesso e lei sapeva da quel momento che la trovava sottomessa. Dal suo punto di vista, ora non ci sarebbe modo di tornare indietro.

Correndo verso la macchina, iniziò a pensare ai suoi prossimi passi. Aveva resistito alla tentazione di pianificare troppo in anticipo e ora doveva recuperare il tempo perduto. Aveva indicato la sua disponibilità a servirla quotidianamente e, anche se sembrava un po’ intenso, voleva assicurarsi che crescessero al ritmo. Ha guidato l’auto lontano dal luogo dell’incontro e ha guidato per una breve distanza fino a un grande centro commerciale. Parcheggiò in una zona meno popolare e iniziò a pensare a come gestire il suo appuntamento il giorno successivo. Mentre lo faceva, lasciò che le sue mani lavorassero l’orlo della gonna fino ai fianchi finché non riuscì a raggiungere le sue mutandine. Facendoli scorrere di lato, lasciò che le sue dita si sfiorassero le labbra prima di tornare al suo clitoride. Si schiarì la mente da tutto tranne che dall’immagine della “sua” sottomessa inginocchiata davanti a lei mentre iniziava a stimolare se stessa.

Mentre guidava verso il centro commerciale, lui si alzò lentamente. Quando si alzò, la gabbia di castità d’acciaio attorno ai suoi genitali tornò al suo posto e il peso gli ricordò il dolore che aveva appena inflitto ai suoi testicoli con un frustino. Si voltò e si diresse con cautela nella stanza esterna dove aveva lasciato i suoi vestiti. Mentre si vestiva, un pensiero echeggiava nella sua testa; aveva preso le chiavi. Per la prima volta, la sua castità non era più un optional. Era tutto ciò a cui riusciva a pensare. Il viaggio di ritorno a casa era con il pilota automatico ed è stato solo il rumore della porta che sbatteva dietro di lui a riportarlo al presente. Entrando nella camera da letto, si tolse lentamente i vestiti, immaginando di essere in sua presenza mentre lo faceva. Quando era nudo, si inginocchiò davanti a uno specchio e iniziò a manipolare la gabbia che circondava il suo sesso. Sapeva che non c’era via d’uscita, l’azione era semplicemente quella di rafforzare la sensazione di completa sottomissione che provava. Non più toccare senza il suo permesso. Niente più orgasmi senza la sua approvazione. La sua fantasia era fin troppo reale e per un breve momento si chiese se si sarebbe pentito della sua decisione. Respinse il pensiero e si arrampicò sul letto, desiderando che il tempo accelerasse e lo avvicinasse al suo prossimo incontro con la donna che ora era il centro del suo mondo.

Era seduta in macchina e si stava riprendendo da uno degli orgasmi più intensi della sua vita. Pensando a cosa avrebbe potuto fare all’essere umano, ora aveva il controllo completo. Un piano cominciò a formarsi nella sua mente. Avrebbe affittato un appartamento e lo avrebbe trasformato nella sua tana, dove avrebbe incoraggiato la sua sottomessa a fare l’ultimo passo verso la schiavitù. Hanno discusso i due concetti e lui l’ha informata che era pronto a darle il pieno controllo, ma solo quando l’avrebbe conosciuta meglio e la fiducia si sviluppò. Non aveva famiglia e recentemente ha ricevuto un’indennità di prepensionamento. Servirla avrebbe dato un senso alla sua vita, una concentrazione che gli mancava. Ha spiegato che il suo interesse principale è sempre stato la sottomissione, ma recentemente è stato attratto dall’idea della schiavitù, della sottomissione finale, rinunciando a tutti i diritti e permettendo a un dominante di possederlo completamente. Vivrebbe la sua vita 24 ore su 24, 7 giorni su 7, se gli venisse chiesto e metterebbe la propria sopravvivenza nelle proprie mani. Pensando al controllo che le avrebbe dato, ancora una volta lasciò andare la mano sotto la gonna. Diventerebbe di tua proprietà.

Nessuno dei due ha dormito bene quella notte, entrambi troppo assorbiti dai pensieri del loro prossimo incontro e di ciò che il loro futuro insieme avrebbe riservato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *