Not That Kind of Girl – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Le persone che visitano questo pianeta dicono che le rovine sono brutte. Per me ha sempre fatto parte del paesaggio.

Un secolo fa hanno terraformato questo pianeta e tutto è andato bene, ma quando hanno costruito tutte le infrastrutture, l’economia è crollata, i maggiori investitori se ne sono andati e tutto è andato storto. Ora questo pianeta aveva edifici per uffici vuoti, negozi che non furono mai occupati, fabbriche silenziose, dighe che non facevano nulla e persino confini recintati per una città che non fu mai costruita. Cento anni dopo, non c’era nessuno su questo pianeta tranne i contadini, i mercanti che li servivano e i banditi che depredavano entrambi. I primi colonizzatori di questo pianeta si aspettavano che fosse la prossima città di New York e invece arrivarono in Kansas. La vita è divertente così.

I cattivi tendevano ad apprezzare gli edifici sgangherati come quello di fronte a me, quindi ho tenuto a portata di mano la mia pistola da dieci colpi mentre entravo in un vecchio parco polveroso di uffici. Essendo l’unica ragazza della famiglia, ero sempre quella mandata a raccogliere la spazzatura. Su questo pianeta, le donne catturate dai banditi possono essere picchiate e derubate, ma niente di più. Un uomo, invece, potrebbe essere sfruttato in modo molto più insidioso perché gli potrebbe essere iniettato un siero di castità.

Per il modo in cui questi sieri hanno funzionato, qualsiasi uomo che li ha iniettati si “imprimerebbe” sulla donna che ha iniettato, e – non è educato parlarne, ma è vero – non poteva avere un’erezione per nessun’altra donna, non importa quanto ci ha provato. Se eri un uomo e una donna ti ha iniettato il siero, avevi due opzioni: sposarla o passare il resto della tua vita senza sesso. Se eri abbastanza pazzo da mandare tuo figlio nel deserto, era probabile che scomparisse e finisse per essere usato come terreno fertile da una bandita. Era una vita che non augurerei a un nemico.

Non stavo cercando molto in questo edificio – solo poche lampadine perché a casa di mamma mancavano, tastiere se fossero a portata di mano, una bella sedia per me e qualsiasi altro soprammobili che pensavo potesse piacere a qualcuno della famiglia. Più vicino a casa, tutte le rovine erano state saccheggiate dai venditori ambulanti e gli oggetti di valore riposti per la rivendita, ma questo edificio era così alto tra i rami che forse era ancora inesplorato.

Non sembrava così bello quando sono entrato per la prima volta. Luci e computer erano stati rubati e persino le finestre erano rotte o mancanti. Neanche sedie, sono rimasto deluso nel vedere.

“Qualcuno qui?” disse una voce maschile preoccupata.

Immediatamente, ero in guardia. Stavo per accendere la mia torcia per vedere i dettagli, ma ora ho deciso che la furtività sarebbe stata la cosa migliore mentre mi trascinavo lungo il corridoio verso la voce.

“Pensavo di aver sentito qualcuno”, disse la voce. “Sono disarmato, lo prometto.” Chiunque fosse, fu colpito dalla paura.

Quando ho girato l’angolo e ho trovato la fonte della voce, non ero sicuro di cosa mi aspettassi di vedere, ma ero comunque scioccato.

Era un giovane, forse poco più che ventenne, il che lo rendeva più o meno della mia età, seduto su una cassa, con le braccia alzate in aria come per arrendersi. E non aveva punti.

Una luce sempre attiva sul soffitto brillava su di lui come un riflettore. Ho potuto vedere che aveva un petto magro ma di corporatura solida, con un ventre piatto ma muscoloso, il che mi ha fatto pensare che quest’uomo lavorasse sodo ma mangiasse poco. Le sue braccia lunghe e snelle erano flosce sopra di lui e, mentre mi avvicinavo, potevo vedere i suoi polsi legati da una corda attaccata al soffitto. Strinse le gambe insieme, tese.

Mi ha visto prima che potessi dire qualcosa. Fissò gli occhi su di me e vidi un viso dai lineamenti delicati che mi osservava da sotto i capelli leggermente mossi che gli scendevano fino al mento. La sua pelle era pallida – pensavo che non trascorresse molto tempo in pieno giorno – ma i suoi capelli erano nerissimi, così scuri che anche nell’aspro bagliore di una singola luce non riflettevano nulla.

La sua mascella ha funzionato per un momento, poi si è controllato. “Ho le mani legate”, ha detto. “Fammi uscire, per favore!”

“Non preoccuparti amico,” gli dissi, “non ti farò del male. Come sei finito in questa situazione?”

“I miei amici pensavano che li derubassi – giuro che non lo ero – e mi hanno lasciato così”.

Non si preoccupò di menzionare ciò che i suoi compagni si aspettavano che gli accadesse, ma non doveva.

“Sei fortunato che sei al sicuro”, dissi, mentre rinfoderavo la pistola e iniziavo a tirare il cappio che le legava i polsi. Allo stesso tempo, mi sono guardato alle spalle solo per assicurarmi che non fossimo osservati. Ho visto un liscio cannone nero che spuntava dall’ombra.

Ho estratto la pistola il più velocemente possibile.

“Rilassati”, disse una nuova voce maschile più aspra. La canna del fucile si abbassò per puntare a terra, e dall’ombra ne uscì un altro uomo. Come il prigioniero, era magro e aveva i capelli neri in cima, ma quest’uomo aveva le spalle curve e il viso leggermente arrossato. La sua mano destra teneva il suo fucile, mentre la sua mano sinistra teneva un piccolo panno bianco. “Non ho intenzione di spararti.”

“È una pistola piuttosto grande per un ragazzo che non vuole spararmi”. Ho guardato l’uomo legato. “E hai molto da rispondere per aver lasciato questo ragazzo così!”

“Non gliel’ho permesso. La storia che ti ha raccontato era una bugia che ci siamo inventati. È mio cugino e l’ho osservato dal momento in cui ti ho visto arrivare.”

“Allora cosa-” Ho quasi giurato, ma mi sono fermato. “Cosa stavi facendo legandolo in quel modo?”

Con la mano sinistra si mise il panno in tasca, allungò la mano e slegò il nodo. “Chiamalo un test del carattere segreto”, ha detto. “Se avessi provato qualcosa, ti avrei sparato. Invece, hai fatto la cosa giusta. Ora che sappiamo che possiamo fidarci di te, voglio offrirti un accordo.”

“L’hai legato come esca!” Fatti violentare, o peggio! La pura crudeltà di questo mi ha tolto il fiato.

“Ehi, non avevamo davvero scelta”, disse l’uomo dall’aspetto più giovane mentre i suoi polsi si allentavano. “Abbiamo bisogno di qualcosa, e dobbiamo assicurarci che provenga da qualcuno che…” Alzò le spalle. “…sai, qualcuno con una coscienza. Sono Mick, comunque. Mio cugino laggiù si chiama Terrance. Fletté i polsi, poi inarcò la schiena e allungò le braccia, guardandomi bene dalla vita in su. Non appena ha finito di allungarsi e mi ha visto guardare, le sue braccia si sono chiuse sulla difensiva attorno al suo corpo.

“Scusa,” borbottai guardando il pavimento. “Io sono, ehm, Veronica.”

“Ora,” disse Terrance, mettendo via il fucile, “riguardo a questo caso.”

“Questo affare che vuoi deve essere molto urgente”, dissi, “perché tu provi qualcosa del genere. È pazzesco, lo sai?”

“Sì, lo so,” disse tristemente Mick. “Ho Tereshkova.”

di Tereshkova. Una malattia unica su questo pianeta. Si diceva che per Tereshkova morissero più barboni che per ferite da arma da fuoco, e questo è molto.

“È ancora nella fase uno”, ha detto Terrance. “Ciò significa che se lo portiamo in un reparto medico nei prossimi due mesi starà bene. Ma questo significherà sottoporlo a cure”.

Adesso cominciava ad avere un senso. In un mondo senza ospedali pubblici, se non avevi un’infermeria, non c’era altro da fare che trovare qualcuno che ce l’avesse e chiedere gentilmente. In un modo leggermente squilibrato, anche il suo piccolo test aveva un senso. Per quanto possa sembrare deprimente, c’erano pochissime donne qui tra le rovine che lo avrebbero aiutato senza cogliere anche l’occasione per iniettarglielo. Con un brivido, mi chiesi quanti aspiranti stupratori fossero stati uccisi mentre cercavano di mettergli le mani addosso.

“Prometto che lo faremo contare”, si offrì Mick.

“Certo”, disse Terrance. “Possiamo negoziare, risolvere il problema, pagarti… non lo facciamo non chiedere la carità”.

Dallo sguardo nei suoi occhi, potevo dire che era preoccupato che chiedessi di dare a uno di loro un siero di castità, ma non doveva preoccuparsene. Non avrei approfittato della malattia terminale di qualcuno. Mi ha quasi offeso il fatto che pensasse che l’avrei fatto. Scossi la testa, chiedendomi con che tipo di persone orribili avevano a che fare.

“Ascoltaci,” disse velocemente Terrance. “Farai un grande profitto e sarai al sicuro. Ci sono modi per garantire…”

” Oh no ! Non è quello che intendevo ! Ho alzato le mani. “Sì, lo farò. La mamma ha una stazione medica e te la farà usare.”

Le spalle di Terrance si raddrizzarono un po’. Mick sorride.

“Cugino,” disse Terrance, “penso che finalmente abbiamo la nostra pausa. Ti vestiamo.” Lui mi guardò. “Non te ne pentirai. Possiamo discutere il pagamento con tua madre quando arriviamo.”

Il pensiero del pagamento mi dava ancora fastidio, ma non dissi nulla. Ho appena messo via la mia arma.

Abbiamo passato l’intera giornata camminando o guidando il camion gonfiabile attraverso il deserto, cercando una buona strada, ma anche facendo attenzione ai cattivi. Alla fine abbiamo preso un traghetto attraverso il grande lago e ci siamo riposati un momento.

Era una notte fredda, limpida e senza luna, e la temperatura era gradevole, così ci sedemmo sul ponte del traghetto mentre attraversava l’acqua. Mi sono seduto con le gambe infilate in un sacco a pelo, la schiena appoggiata al mio camion, a fissare le stelle. Mick si sedette accanto a me. Anche lui guardò in alto, anche se sembrava distratto. Continuò a guardare Terrance, che era chino sulla ringhiera, scrutando l’orizzonte oscuro.

“Ehi,” dissi a Mick, “non hai niente di cui preoccuparti in questo momento.

“Oh,” Mick sembrava imbarazzato. “So che siamo al sicuro qui. I banditi non attaccano più le case galleggianti di questi tempi. Attaccano le persone che viaggiano in uno o in due”.

Ho terminato il suo pensiero per lui. “Come hai fatto tu.”

“Sì.”

“Deve essere stato così difficile.”

Mick piegò le ginocchia e incrociò le braccia su di esse. Sospirò profondamente. “Sai…” Si fermò così a lungo che pensai che l’avesse lasciato cadere. Poi ha continuato: “A volte avevo più paura di Terrance di quello che qualsiasi donna potrebbe farmi”. La sua voce si incrinò. “Voglio dire, Terrance non ha abusato di me o altro. Avrebbe fatto qualsiasi cosa per me, e io lo sapevo. Ma avevo paura di diventare come lui. Sai che uccideva le persone?”

“Le persone?” Il plurale mi ha colpito.

«L’ho visto solo una volta, ma… sì. Un altro sospiro. “Qualcosa è venuto fuori da lui. Era un ragazzo più gentile e amichevole. Ora è meno così”.

Sapevo che era inappropriato toccarlo, ma non potevo evitarlo. Il più delicatamente possibile, ho messo la mia mano nella sua. Con mia grande gioia, non si è indebolito.

“Una volta che mi avrai aggiustato”, ha detto, “possiamo concentrarci sul rimetterci in piedi. Non siamo sempre stati degli spazzini, non lo sai? promette che quando tutto sarà finito, potremo iniziare le cose brutte dietro. “

Volevo dirle qualcosa per incoraggiarla, ma c’era qualcosa di bello nel silenzio tra noi e non volevo romperlo. Gli ho appena stretto la mano, una promessa silenziosa che tutto sarebbe andato bene.

* * *

Sono passati sei mesi. L’operazione era andata molto bene e ora Mick era come nuovo. A titolo di pagamento, non mi piaceva ancora quella parola! “Mamma aveva detto ai ragazzi che avrebbero dovuto lavorare qui alla fattoria per un anno. Dagli sguardi sui loro volti, era chiaro che si aspettavano un prezzo molto più alto. Anche così, gli affari andavano meglio di quanto avessero immaginato. Non gliel’ho detto; Ho deciso di lasciarli scoprire da soli.

Presto si resero conto che non erano servi a contratto. La “richiesta” della mamma di pagare i debiti era stata davvero un invito a unirsi alla famiglia. E senza dirlo, hanno accettato. Una volta scaduto il loro tempo, sarebbero rimasti con noi. Nessuno ne aveva parlato, ma tutti ne sentivamo l’odore. Era una comprensione silenziosa.

Lavorare in una fattoria è stato un po’ uno shock culturale per i ragazzi. All’inizio sembravano totalmente dispiaciuti di aver mangiato del cibo che qualcun altro aveva preparato per lui. Mi chiedevo da quanto tempo non avevano una vera casa. Ma alla fine abbiamo detto loro che andava tutto bene, che erano i benvenuti come tutti noi. La mamma disse meglio: “Hai altre due bocche da sfamare, ma hai altre quattro mani. Questo è un buon compromesso”.

Un tardo pomeriggio, quando ero davanti al computer meteorologico e Mick stava dipingendo le pareti, si fermò e disse qualcosa che non aveva mai detto prima.

“Sai, devo dire che mi sento davvero a mio agio qui. All’epoca, temevo che non ci saremmo adattati in qualche modo, ma non è davvero così complicato. All’improvviso sembrava preoccupato. “Uh, senza offesa”.

Ho sorriso. “Nessuno. Continuo a dire che puoi prenderti più libertà se vuoi. Chi se ne frega.”

Distolse lo sguardo come faceva sempre quando pensava. Non disse niente, ma potevo vedere una luce accendersi nella sua testa.

Poche ore dopo, dopo aver finito di cenare, ho scoperto cosa aveva esattamente in mente. Ho sentito un colpetto sulla mia spalla, mi sono voltato e l’ho visto.

“Ehi, Ronica…” era il soprannome che mi dava ogni volta che voleva dire qualcosa di personale. “Viviamo insieme da un po’ e… penso che siamo pronti a fare qualcosa di più.”

Sembrava stranamente nervoso. Le ho preso le mani. “Cosa c’è? Puoi dirmelo.”

“Voglio dormire insieme stanotte. Che ne dici ?

“Oh!” Da quando ci siamo incontrati, con lui in una posizione così vulnerabile, pensare a lui in modo intimo in qualche modo sembrava sbagliato. Ma ora che ci ho pensato, non riuscivo a ricordare perché. Infatti più ci pensavo e più mi piaceva.

“Va bene se la risposta è no,” disse piano. “Voglio solo che tu sappia che sono pronto.”

L’ho baciato sulle labbra. L’ho fatto in fretta, prima che potesse preoccuparsi ancora. Quando mi sono allontanato, sembrava scioccato.

“Sì l’ho fatto.” La risposta è sì.” Nella mia mente, ho passato in rassegna la lista delle cose da fare del giorno. Non c’è nessuna perdita di elettricità, ma dopo, vado a letto. Vieni a trovarmi. Ho reso la mia voce il più sensuale possibile. ” Ti aspetterò.

Non mi ha fatto aspettare a lungo. Ero appena entrato nella mia stanza e mi stavo preparando per la doccia quando ho sentito bussare alla porta. Andai alla porta, ondeggiando i fianchi mentre camminavo. Sapevo che non poteva vedermi, e probabilmente sembravo un pazzo a farlo. L’ho fatto solo per sentirmi sexy.

Sembrava buono. Potrei dire che si era già fatto la doccia e i suoi capelli lisci all’indietro lo facevano sembrare più vecchio, ma in senso positivo. Indossava abiti che gli avevo visto indossare solo una volta prima, una ricca camicia abbottonata di velluto color terra e pantaloni eleganti. Pantaloni eleganti! Il nostro ragazzo che avevamo salvato dalle macerie era ora un uomo buono e bello. Il mio uomo. L’ho fatto entrare.

“Sai davvero come fare un ingresso”, gli dissi.

“Spero di non essere vestito troppo”, ha detto.

“Vestito troppo? Tu?” Ho riso, poi ho capito come suonava, quindi ho aggiunto: “Fidati di me, non mi lamenterò mai del fatto che stai benissimo”. Mi sono fermato e ho pensato al futuro. «Devo ancora farmi la doccia», dissi. “Sarebbe un peccato farlo aspettare qui mentre lo faccio.”

“Posso aspettare. Io e Mick aspettavamo ore per…”

“Oppure,” interruppi, “puoi venire con me.”

Abbassò la testa ma non riuscì a nascondere il sorriso audace sul suo volto.

“Nervoso?” Ho chiesto.

Si è ripreso. “Sei Su.”

Siamo entrati in bagno insieme e ho creato l’atmosfera tirando su la maglietta per toglierla, lasciando solo il reggiseno a coprirmi. La sua mascella cadde e mi venne in mente che mi stava già vedendo più di quanto avesse mai fatto. Le presi il mento e le chiusi la bocca. “Non essere così scioccato”, gli dissi, “ho visto il tuo petto nudo nel momento in cui ci siamo incontrati. Da un certo punto di vista, ti devo uno sguardo”. e “Neanch’io l’ho guardato molto da allora”.

Non si è tirato indietro. Invece, gonfiò il petto e aspettò pazientemente che gli sbottonassi il primo bottone della camicia, poi scese.

Non avrei dovuto essere sorpreso, ma lo ero. Era più in forma di quando l’ho visto per la prima volta. Era pulito, la sua pelle liscia e il lavoro fisico degli ultimi sei mesi aveva mantenuto i suoi muscoli duri e magri. Gli feci scorrere le dita sul petto e sui fianchi, sentendo la durezza e la morbidezza sotto la punta delle dita.

Sta ridendo. “È quello che volevi fare quando ci siamo incontrati per la prima volta?”

“Fidati di me, è molto meglio.”

La cosa strana è che ho a malapena prestato attenzione al suo cazzo mentre si sbottonava la cintura e si abbassava i pantaloni. Invece, guardai il suo viso, l’eccitazione pura e giocosa che non avevo mai visto in lui. Poi, prima che me ne rendessi conto, eravamo entrambi nudi e stavamo entrando nella doccia.

Sotto l’acqua corrente, mi sentivo più caldo, più sciolto e più disposto a provare le cose. Quindi, prima che potesse fare qualsiasi cosa, ho preso il sapone per il corpo, me lo sono strofinato tra le mani e gliel’ho messo sulle braccia. Mi ha permesso di accarezzare le sue braccia su e giù, con i bicipiti sotto i miei palmi, poi di correre attraverso gli avambracci, i polsi, le mani.

Lavarsi le mani era inutile, lo sapevo. Comunque era l’unica parte che lavavamo sempre. Ma la sensazione delle sue dita nelle mie mani, forti ma sciolte e clemente, era troppo bella per lasciar perdere.

Poi è stata la volta delle sue gambe. Non volevo passare un momento speciale sulle sue gambe perché mi stavo divertendo così tanto a guardarlo in faccia e a guardarlo alternare anticipazione, nervosismo e piacere. Ma devo essere stato più interessato di quanto pensassi, perché sono scivolato sul pavimento della doccia e sono caduto.

Ma non sono caduto completamente. Un forte pugno di ferro mi afferrò la spalla e un secondo dopo un braccio mi avvolse intorno al petto. Mi sono sentito leggero quando mi ha preso in braccio.

“Stai bene?” lui mi ha chiesto.

“Sto bene.” Risi. “Eri pronto per questo, vero?” Mi contorcevo un po’ nella sua presa, godendomi le sue mani su di me. “In realtà, penso che sia ora che tu mi uccida.”

Nessuno nella mia vita da adulto mi ha mai fatto il bagno. Avevo immaginato che sarebbe stata principalmente una cosa visiva, vederlo muovere le mani su tutto il mio corpo e mettersi a mio agio con me. Quanto mi sbagliavo! Dal momento in cui le sue mani insaponate hanno viaggiato lungo la mia schiena, il brivido del contatto mi ha attraversato come elettricità. Chiusi gli occhi, alzai la testa e mi godei la sensazione delle sue mani su di me, intorno a me, sopra di me.

Si è spostato dalla mia schiena al mio stomaco, poi alle mie spalle e braccia, poi è arrivato il momento delle mie tette, ma le ha ignorate.

Ho aperto gli occhi. “Ehi,” dissi, “Va tutto bene.”

“Qual è?” Chiese.

Gli presi i polsi, e lui me li fece tirare fuori dalle mie braccia e mettere le mani sul mio petto. “Sentimi dolcemente. Mi piace.”

Non ho dovuto dirglielo due volte. Muoveva i palmi delle mani in piccoli cerchi, tenendoli, tracciando la mia forma, strofinandomi i capezzoli. Gemo il mio apprezzamento.

Qualcosa ha toccato la mia coscia, ho guardato in basso e ho visto il suo cazzo eretto. Risi.

“Oh,” disse, e sembrava sul punto di scusarsi, ma ci pensò meglio. Invece sorride. “Mi fai questo.”

Sono tornato e ho chiuso l’acqua. “Sei pronto”, gli dico. “E lo sono anch’io. Ora è tempo che tu ‘mi faccia questo’.”

Mi ha portato a letto. Non voglio dire che mi ha portato lì, ma ha messo le mani dietro la mia schiena e le mie gambe, e io mi sono chinato su di lui mentre mi prendeva in braccio e mi portava come una sposa al Sono andato in camera da letto, al letto, e sdraiati senza peso sul materasso.

“Sei forte,” dissi. Mi allungai e gli strinsi le braccia. “Chi sapeva che quelle braccia potevano sollevarmi così facilmente?

“Sono pieno di sorprese,” disse vivacemente.

“Vuoi lanciarmene un altro?”

“O si?” Esitò, ovviamente non sapendo cosa volevo.

“Cos’hai fatto di più con una ragazza?” »

“Vuoi… davvero sentirne parlare?” Parte del bagliore scomparve dal suo viso.

Ho provato a fare marcia indietro. “Ehi, non intendo curiosare. Ma rispondimi: hai mai visto una donna prima?”

“Oh sì, lo so.”

“E tu sai cosa fare, vero?”

“Sì.”

Mi sdraiai sul letto, mostrandola il più possibile. “Allora fai qualcosa di inaspettato. Forza ragazzo, sorprendimi!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *