Office Boy Pt. 01 – BDSM

di | 21 de Giugno, 2022

È stato un martedì mattina iniziato come un altro per Brian. Si era recentemente laureato con un MBA in una scuola rispettabile e ha iniziato la sua carriera in una società finanziaria di medie dimensioni la primavera dopo la laurea. Ora, all’inizio dell’inverno, sentiva di adattarsi bene all’ambiente professionale.

Brian aveva appena finito di lavorare alla sua scrivania questa mattina quando l’imprenditore Kelly Jones è passato davanti alla sua scrivania, si è fermato e ha salutato.

“Ciao Brian. Vedo che hai ricevuto il rapporto di cui ti avevo chiesto di occuparti ieri pomeriggio. Grazie per il tuo duro lavoro la scorsa settimana.” Lei dice.

“Salve signora Jones”, ha risposto, “grazie per aver creduto in me per farlo”.

“Stai andando bene qui Brian, sapevo che saresti stato pronto per questo. Se hai qualche minuto stamattina vieni a trovarmi nel mio ufficio, potrebbero esserci altre cose in cui possiamo coinvolgerti.” Kelly sorrise e continuò a camminare verso il suo ufficio nell’angolo del pavimento.

“Lo farò”, rispose Brian, la sua fiducia cresceva mentre veniva notato dal proprietario dell’azienda. Era sempre animato dal desiderio di compiacere coloro che avevano autorità su di lui.

Era stato un compito abbastanza semplice, solo alcuni rapporti standard su alcuni conti di investimento per un piccolo gruppo di clienti. Si trattava solo di compilare numeri e fornire un po’ di analisi. Qualcosa che aveva fatto innumerevoli volte, anche se in questo caso Kelly gli aveva finalmente permesso di continuare senza supervisione.

Il riconoscimento del suo capo lo ha fatto sentire bene per il lavoro che aveva svolto; ma qualcosa stava rodendo la mente di Brian da quando aveva inviato il rapporto. Ha aperto la copia nei file del suo computer e ha ricominciato a esaminarla, controllando i suoi appunti.

“Oh merda!!” Pensò quando vide l’errore. Aveva recepito due numeri che davano alla sua analisi futura una prospettiva molto più ottimistica di quanto l’investimento effettivamente garantisse. I clienti della tua azienda potrebbero perdere molti soldi se questo non viene modificato. Questi investitori avevano già questo rapporto e potevano già prendere decisioni basate su di esso.

La sua mente corse alle ripercussioni. Nella migliore delle ipotesi, pensò, sarebbe rimasto bloccato con il suo diretto superiore che controllava ogni rapporto e lavoro che faceva per il prossimo futuro. Nel peggiore dei casi, questi clienti investirebbero già in base a questo rapporto, potrebbero volerci alcune settimane o mesi, ma potrebbero iniziare a perdere molti soldi e perderà il lavoro.

“La signora Jones sembra una persona ragionevole”, pensò Brian, “è meglio che lo ammetta il prima possibile, si assuma la responsabilità e possiamo capire come risolverlo”. Stampò rapidamente una copia del rapporto e indicò gli errori, quindi si avvicinò alla signora Smith in un angolo del pavimento.

Bussò alla porta aperta della Sig. Fabbro. “Sì?” lei dice.

Brian entrò nel grande ufficio e le si avvicinò mentre sedeva alla sua scrivania sfogliando alcune carte. “Uh… la signora Smith… io… uh… forse ho commesso un errore nell’articolo… uh… l’ho presentato ieri sera,” balbettò.

“Sì, lo vedo qui”, rispose severamente Kelly, tenendo in mano le carte che stava esaminando, “Sai quanto potrebbe costare ai nostri clienti?

La signora Jones è sempre stata professionale ma amichevole con Brian, quella rabbia improvvisa evidente nella sua voce e il modo in cui l’ha delusa lo ha lasciato quasi senza parole. “Beh…io…uh…c’è…uh…un modo per risolvere questo problema?” Brian balbettò di rimando.

Kelly sapeva quando aveva affidato questo compito a Brian, anche se cercavano sempre di essere precisi, non era così importante come si credeva. Doveva prenderlo sul serio, ma è stato un bene per lui imparare e correggere i suoi errori in futuro. Avrebbero solo bisogno di modificare il rapporto e chiamare il piccolo gruppo di clienti che potrebbero essere interessati. Sapeva anche che questo gruppo di clienti non agiva rapidamente e che c’era tutto il tempo per correggere l’errore di Brian.

Brian non lo sapeva e lei lo guardò pianificare attentamente i suoi prossimi passi. A Kelly è piaciuto fin dall’inizio l’aspetto del suo nuovo dipendente. Era diverso dai tipici ragazzi della finanza della East Coast. Sembravano ancora piccoli, vagamente simili a topi, forse un po’ flosci con troppa cura nella scuola elementare. Il suo lavoro, soprattutto come titolare di un’attività in proprio, era impegnativo e non aveva molto tempo per uscire con qualcuno. L’ego degli uomini in questo circolo sociale si scontrava anche con il loro bisogno di essere al comando. Fin dall’inizio, Kelly aveva messo gli occhi sul ragazzo alto e biondo del Midwest che aveva assunto.

Kelly si rivolse di nuovo a Brian severamente mentre guardava il rapporto che teneva in mano cercando di evitare il suo sguardo severo: “Hai già inviato il rapporto, vero?”

“Io…uh…sì signorina,” rispose.

“Non so cosa sia un buon impiegato che non si preoccupa nemmeno di controllare il proprio lavoro per me e la mia azienda.” disse Kelly alzandosi. Ora poteva vedere il suo giovane impiegato dalla testa ai piedi e godersi la vista del suo corpo tonico attraverso la camicia attillata e i pantaloni kaki. Arrossì un po’ pensando a come avrebbe potuto approfittare di lui.

“Io…uh…voglio dire, sul serio. Mi dispiace signorina. Non succederà più.” Brian finalmente alzò lo sguardo. Il suo capo era in piedi davanti a lui dietro la sua scrivania con le braccia incrociate appena sotto il seno e indossava un tubino nero attillato sotto una giacca ben fatta. Notò i suoi piedi leggermente divaricati e come le sue braccia incrociate spingessero in alto i suoi seni. Era facilmente un piede più alto di lei, ma non appena il suo sguardo incontrò i suoi occhi azzurri fissi in uno sguardo penetrante, Brian guardò in basso e distolse lo sguardo di nuovo.

Altre storie erotiche  The Pink Thong Adventures Ch. 02 - BDSM

“Non succederà sicuramente di nuovo se non hai un lavoro”, ha risposto Kelly. Notò come la sua testa fosse china e le sue spalle si piegassero leggermente sotto il suo comando. Era la persona più alta nella stanza, ma era chiaramente lei al comando.

“Signorina, mi dispiace così tanto,” Brian fece alcuni rapidi calcoli mentali sulla situazione. Se fosse stato licenziato in queste circostanze, di certo non avrebbe ricevuto una buona raccomandazione dalla signora Jones. Senza di essa ed essendo durato solo pochi mesi al suo primo lavoro fuori dalla scuola; trovare un nuovo lavoro sarebbe difficile, soprattutto senza altri veri legami di settore. Per non parlare dell’imbarazzo che ha iniziato a provare per aver deluso il suo capo. “Sono sicuro che se correggo il rapporto e faccio sapere alla gente che possiamo assicurarci che il danno sia limitato”.

“Sai che come donna in questo settore, ho dovuto lavorare molto duramente per guadagnare e mantenere la mia reputazione professionale. Un incidente come questo è completamente inaccettabile in questo settore!” Kelly ringhiò.

“Sì, signorina, posso vedere com’è. Posso assumermi la piena responsabilità.” pregò Brian.

“Oh sì, ti assumerai la piena responsabilità. Come ho detto, a che serve per te come dipendente nel tuo ruolo attuale se commetti questo tipo di errore? Potrei dover trovare un altro più appropriato per te. determiniamo un punizione per questo errore”. Kelly ha detto, che il suo piano si sta formando ora, ha guardato il suo giovane dipendente dall’alto in basso. Il suo viso e il suo petto diventarono ancora più rossi e una leggera umidità si formò nella sua figa al pensiero di come avrebbe potuto usare la sua giovane serva.

Eccellente, pensò Brian, già il più basso dell’organigramma per essere il più giovane della compagnia, ora era sicuro che tutto quello che faceva fosse ricontrollato. Almeno sembrava che non avrebbe perso il lavoro.

“Sì, signorina, qualunque cosa pensi sia appropriata”, rispose infine, guardando il viso di Kelly, notando di nuovo i suoi occhi azzurri e la pelle pallida leggermente incorniciati da alcune ciocche sciolte dei suoi capelli castano scuro, quasi neri che pendevano dalla coda. cavallo sciolto, lei lo legò indietro.

“Buono a sentirti”, disse Kelly mentre girava per il suo ufficio e lentamente si dirigeva verso la porta. Brian la seguì con gli occhi, voltandosi leggermente verso il suo passaggio e lei continuò. “Vedi, per raggiungere lo status che ho a questa età, ci vuole impegno”. Chiuse la porta dell’ufficio e si rivolse ancora una volta a Brian.

“Sì, signorina, vedo che sarebbe così.”

“Non ho molto tempo per socializzare e quando lo faccio, gli uomini che conosco, specialmente in questo settore, non amano una donna che vuole essere al comando”.

“Ehm… sì, signorina,” rispose Brian. Trovava difficile vedere se ciò stesse accadendo, ma era strano che all’improvviso la Sig. Jones era coinvolto nella vita amorosa, pensò. Aspettare! Cosa offre!? Stava pensando. Brian non aveva mai pensato al suo capo come a nient’altro che al suo capo e a un mentore professionista.

“Ora, come mio servitore, a te, ovviamente, non dispiacerebbe se ti dicessi cosa fare? Ti dispiacerebbe se fossi io al comando?” chiese Kelly, fissando Brian.

Brian divenne ancora più rilassato e arrossì per l’imbarazzo. Naturalmente, il suo capo era responsabile, pensò, e voleva renderla felice del suo lavoro e dei suoi sforzi in ufficio.

“Questa mattina ho capito che non posso per forza fidarmi delle tue capacità nel mondo della finanza”, ha proseguito, bagnandosi le labbra con la lingua mentre rivalutava con gli occhi il giovane di fronte a lei, “ma sembra Potrei usarti in un modo diverso, diverso.”

“Hai una ragazza, Brian?” chiese, indietreggiando da Brian.

Brian è un po’ imbarazzato di fronte al suo capo da quando ha adottato questo tono autorevole. Guardò timidamente il terreno tra loro e fu sorpreso da questa domanda. “Io… uh… no, signorina,” rispose.

Ora, man mano che le domande diventavano più personali, il modo in cui vedeva il suo capo iniziò a cambiare nella mente di Brian. quello che lei voleva, pensò Brian.

“Ma sei mai stato con le donne?” Kelly ha insistito.

Fisicamente, Brian era sempre più alto di Kelly, ma in questa situazione la presenza di Kelly lo sopraffaceva. Abbassava ancora la testa, imbarazzato ad ammettere la sua esperienza limitata, per lo più brancolando con le ragazze del college, sperando che lo aiutassero e gli dicessero cosa fare; volendo solo compiacerli se avessero assunto qualche autorità.

“Ah…io…ah…”

Kelly si avvicinò a Brian. Ha cercato di guardare in basso e altrove, il che significa che ha notato per la prima volta i seni di Kelly nel suo vestito professionale ma scollato. Con questa nuova linea di domande sulla sua “esperienza”, come ha notato la carnagione pallida dei suoi seni e come si muovevano mentre respirava; il profumo del suo profumo leggero o del sapone liquido di quella mattina gli raggiunse il naso e Brian pensò brevemente a come si sarebbero sentiti quei seni nelle sue mani. Il suo sesso iniziò a rispondere.

Altre storie erotiche  Mistress Kaderin - BDSM - Literotica.com

Kelly le afferrò il mento e le strinse forte la testa. Gli occhi di Brian si spalancarono e la guardò negli occhi azzurri guardandolo. “Beh… sputo, sei mai stato con una donna prima?”

“Uh…sì, ne mancano alcuni.” Brian finalmente ha risposto.

Notò come lui stesse cercando di combattere il suo sguardo, imbarazzato ma ancora sottomesso alla sua serie di domande. Kelly lasciò il mento e Brian guardò rapidamente il pavimento. Si spostò, cercando di regolare e nascondere la sua crescente erezione. Anche se probabilmente aveva 10 anni più di lui, era molto attraente. Notò la sua figura snella nel suo abbigliamento da lavoro attillato.

“Hmmmm…” disse Kelly facendo un passo indietro, “Con la tua performance su questo rapporto, non sono sicuro che tu sia il migliore nel seguire semplici istruzioni. Per svolgere questi nuovi compiti che ho in mente, avrai bisogno di te essere in grado di farlo nel minimo.”

“Posso commettere errori, posso seguire le istruzioni.” Adesso la stava guardando, quasi implorando. Il modo in cui ha preso in mano la situazione ha acceso qualcosa in lui. Imbarazzato dall’errore che aveva commesso nel suo lavoro, ora voleva solo un modo per riscattarsi. Per mostrare al capo che non doveva essere delusa da lui.

“Beh, non ne sono sicuro.” Kelly pensa di più. Sapeva di averlo dove lo voleva. Mentre Brian lo guardava, lo guardò dall’alto in basso, iniziando a pensare ai suoi prossimi passi, la figa che continuava a bagnarsi le mutandine sotto il vestito.

Con gli occhi del suo capo che correvano su e giù per il suo corpo, Brian ora sapeva che questi nuovi compiti implicavano qualcosa di fisico. Da qualche parte nel profondo del suo subconscio, sapeva che doveva accontentare il suo capo in ogni modo possibile e Brian sbottò: “Farò tutto il possibile per renderti felice!” Per compiacere la tua signorina!!

Kelly poteva vedere il modo in cui il petto del suo giovane dipendente si agitava con il suo respiro e la supplica nei suoi occhi come le aveva promesso.

“C’è qualcosa che puoi fare per farmi piacere?” »

“Sì signora!”

“Hmmm…” disse, “Beh, immagino che dovremo iniziare a vedere se sei all’altezza.”

Kelly era qualche metro dietro Brian, e continuava a guardarlo da capo a piedi. Sperava che il suo cazzo seguisse lo stesso schema che il resto del suo corpo sembrava aver impostato. Era alto e atletico, sembrava forte ma non eccessivamente muscoloso.

“Sì, signorina, farò del mio meglio”, rispose Brian.

“Beh, prima sbarazzati di quei pantaloni,” chiese con fermezza.

All’improvviso il pieno significato di ciò che stava accadendo colpì Brian e sussultò. “Hmmm…” mormorò.

“Non è una trattativa!” disse Kelly con fermezza.

“Sì, m-mm-signorina.” Brian trasalì mentre si toglieva le scarpe. Giocherellò con la cintura e poi si tirò giù i pantaloni. Lasciandoli cadere a terra, scese e gli diede un leggero calcio di lato.

Mentre si raddrizzava di nuovo, Kelly distinse rapidamente il rigonfiamento crescente nei boxer di Brian prima che la maglietta gli cadesse davanti all’inguine. Brian si mosse coscientemente sotto il suo sguardo. Si fermò di fronte a lui, le mani sui fianchi, i piedi leggermente divaricati, a valutare il suo “nuovo” impiegato. Brian notò come la parte superiore pallida dei suoi seni si sollevasse con il suo respiro mentre sollevavano la scollatura del suo vestito professionale.

“Finora tutto bene, resta con la maglietta ora.” chiese Kelly mentre iniziava a camminare lentamente intorno a Brian, guardandolo da capo a piedi come un predatore.

Brian si sbottonò la camicia, se la tolse e se la gettò con i pantaloni. Poi iniziò a sollevare la semplice maglietta sopra la testa.

Kelly camminava lentamente, notando la sua forma ma la parte superiore del corpo un po’ magra. Il petto e la schiena di Brian erano pallidi, e c’erano linee d’abbronzatura distinte sulle sue braccia, che gli davano un aspetto un po’ infantile. Le sue gambe sembravano in forma e forti, però, e i suoi boxer attillati le abbracciavano molto bene il culo.

Brian la guardò girare un paio di volte, distogliendo sempre lo sguardo con deferenza. La sua ampia coda di cavallo nera cadeva sul retro del suo cappotto attillato. Notò i suoi seni sodi e le natiche formose mentre camminava con sicurezza intorno a lui. Era un po’ imbarazzato di trovarsi in quella situazione, quasi completamente esposto davanti al suo capo, ma quando lei si pavoneggiava quasi sensualmente intorno a lui, sentiva il suo cazzo indurirsi ancora di più.

Alla fine si fermò dietro di lui per vedere Brian che era in piedi quasi nudo tranne che per i suoi boxer attillati. Allungò la mano e fece scorrere lentamente la mano appena sopra il suo culo, intorno al suo fianco, poi scivolando in basso trovò il rigonfiamento del suo cazzo e lo afferrò. Brian gemette, le gambe che tremavano leggermente al suo tocco. Il suo cazzo si stava ancora indurendo nella sua mano mentre lo accarezzava leggermente, valutandone la lunghezza e la larghezza.

Altre storie erotiche  Aye Ma'am Pt. 02 - BDSM

Kelly poi le strinse forte il culo, le sussurrò all’orecchio: “Andrà tutto bene”.

“Mmmmm…sì, signorina,” gemette Brian mentre la sentiva continuare ad accarezzare leggermente il suo cazzo attraverso il cotone sottile delle sue mutandine. Chiuse gli occhi e cominciò a immaginare come sarebbe stato scopare il suo capo.

Kelly poteva sentire attraverso le sue mutandine che il cazzo di Brian era ben proporzionato per i suoi sei piedi, forse anche un po’ più grande di quanto si aspettasse, notò, mentre guidava a tutta forza. figa che ora era completamente bagnata dall’attesa e che cominciava a inzupparsi attraverso le sue mutandine sottili.Prima, però, Brian avrebbe dovuto imparare il suo posto, pensò.

“Non essere troppo eccitato, ragazzo.” Kelly ha preso in giro. La sua mano scivolò dal cazzo di Brian e gli afferrò le palle, stringendolo velocemente.

Gli occhi di Brian si spalancarono mentre lo faceva, lui se ne accorse. La pressione sulle sue palle non era troppa, ma non voleva nemmeno che si accumulasse troppo. Li ha abilmente manipolati nella sua mano, notando la sua reazione a piccoli aumenti e diminuzioni di pressione mentre lo guidava, tirandogli le palle, verso e oltre una poltrona di peluche nell’area salotto del suo ufficio.

“Inginocchiati, ragazzo!”

Brian cadde rapidamente in ginocchio. Il suo cazzo si estese nelle sue mutandine e distrattamente iniziò a strofinarlo attraverso il tessuto. in cerca di sollievo. Kelly se ne accorse rapidamente e gli diede uno schiaffo forte sul braccio. “Non spetta più a te giocare con te, ragazzo! Metti le mani dietro la schiena!”

“Sì signora.” Brian ha risposto muovendo le mani dietro di lui intrecciando le dita. Inginocchiato qui quasi nudo, il suo cazzo non vedeva l’ora di essere rilasciato, ma si ritrovò completamente nella presa del suo capo.

Kelly gli girò intorno ancora una volta prima di sistemarsi sulla sedia. Lei incrociò lentamente le gambe e Brian pensò di aver visto, solo per un momento, il tassello bagnato delle sue mutandine. Si leccò le labbra.

“Se vuoi rimanere impiegato qui, ora ci sono nuove regole”, ha esordito Kelly.

“Sì, signorina”, ha risposto.

“Svolgerai senza dubbio tutti i compiti che ti do, sia in un ambiente privato come questo che professionalmente. Se non lo fai, sarai punito”.

“Sì signora.”

“Ora riferirai direttamente a me e continuerai a svolgere il lavoro d’ufficio come ho designato.” Ha continuato: “Controllerò il tuo lavoro e se c’è un errore come stamattina, sarai punito”.

“Sì signora.”

Kelly si alzò per un momento e si tolse il soprabito attillato, ripiegandolo ordinatamente sullo schienale della sedia. Mentre si sedeva, Brian poteva vedere i suoi capezzoli eretti sopra il suo vestito professionale senza maniche. I suoi seni sodi non avevano bisogno di un reggiseno grazie al supporto integrato nell’abito aderente. Il suo cazzo si strinse ancora di più nella lussuria per il corpo del suo capo, ma ancora di più nel desiderio di compiacerlo e correggere i suoi torti.

“Il ruolo più importante che assumerai ora è soddisfare le mie esigenze personali. Come ho detto, è difficile trovare uomini nei miei circoli sociali che possano agire come desidero. Ti affiderò anche compiti personali che svolgerai senza dubbio, o essere punito”. Kelly dice che la sua figa è completamente bagnata al pensiero di usare il suo nuovo giocattolo.

“Sì signora.”

“Sulla base della tua età e di ciò che percepisco della tua esperienza dalle tue risposte precedenti e dalla tua mancanza di fiducia, avrai bisogno di formazione in queste aree”. Kelly sorrise a Brian: “Sarò felice di questa pratica”.

Brian deglutì a fatica a quel commento; non era sicuro di essere pronto per il ruolo e dubitava di cosa avrebbe comportato la “formazione”. Tuttavia, ha osservato il suo capo seduto con sicurezza sulla sedia di fronte a lui che dettava i termini. Non poteva negare che il suo cazzo fosse duro come sempre e tuttavia la donna con cui era era completamente vestita.

Kelly si alzò ora e si fermò di fronte a Brian. Si chinò di nuovo, afferrando forte il mento di Brian, inclinando la testa per incontrare il suo sguardo mentre lo guardava. La sua testa era vicino alla sua vita e iniziò a sentire il calore di Kelly emanare dalla sua vestaglia. Brian fece un respiro profondo al primo odore e cadde ancora di più sotto il suo incantesimo.

Sempre tenendo la testa alta per guardarla, Kelly ha continuato: “Finalmente, e soprattutto, il tuo cazzo ora appartiene a me”.

Brian ha fatto un leggero salto a questa perdita di autonomia. Kelly si accovacciò davanti a lui, ancora seduta un po’ più alta di Brian, e allungò una mano tra le sue gambe leggermente divaricate, riprese ad accarezzargli il cazzo duro attraverso le mutandine e continuò: “Decido io quando e come provare piacere. .”

Gemette leggermente e Kelly notò il pre-cum formarsi e immergersi nel cotone fine. “Se segui questa regola, questo è tutto ciò che dobbiamo menzionare.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *