Office Power Politics Ch. 03 – BDSM

di | 21 de Giugno, 2022

Era annoiata. La sua squadra si è comportata abbastanza bene da non far sospettare a nessuno che fossero una one-man band, ma non abbastanza da ottenere i plausi che tanto desideravano. Parte del problema erano stati i suoi altri desideri, principalmente per il gallo attaccato al suo ex subordinato diventato pari.

Ultimamente è diventato un po’ troppo grande per i suoi stivali, come sono abituati gli uomini quando gli dai il proprio ufficio, lo paghi e gli dici che sono la cosa migliore dai tempi del pane a fette.

Amava le sue avventure, tuttavia. Le “riunioni” nel suo ufficio, si chinava sulla scrivania, “archivando documenti” e altre cose da ufficio. Le piaceva anche abbastanza la sua posizione sotto la scrivania ogni volta che aveva bisogno di un po’ di sollievo, ma doveva andare avanti con la routine quotidiana.

Ma adesso era annoiata. Ricordava i giorni in cui lo accompagnava in ufficio in mutande. Come un buon subordinato, facendo come gli è stato detto, il suo piccolo segreto. Un sorriso sornione apparve agli angoli della sua bocca quando decise che non voleva ricordare quei giorni. Voleva riviverli. È ora di abbatterlo e tornare in cima.

Gli ha mandato una mail.

“Il mio ufficio. 13:00 Non fare tardi”, ha detto. Prima che avesse appena premuto invio, c’era già una risposta.

” Il tuo ufficio ? Facciamo solo “affari” nel mio ufficio, ricordi? Il mio ufficio è più grande.” Che sciocco, pensò. Uomini… così prevedibili.

“Diverso ordine di ‘affari’ caro. Porta anche il tè, abbiamo un lavoro assetato di cui discutere.” Non ha fatto prigionieri. Potere, controllo, ha dimenticato cosa fosse. Poteva già sentirlo salire dentro di lei. Le dita dei piedi si arricciavano e si agitavano nelle calze velate e nei tacchi a spillo. Il suo collo si raddrizzò in una postura perfetta, il sorriso malizioso non svanì mai dal bordo delle sue labbra rosa. Adorava questa tonalità di rossetto, le andava bene.

***

Stava succedendo qualcosa. Aveva già sentito quel tono e sapeva dove finiva. L’ultima volta era il suo capo che poteva ritirare il lavoro, ma da allora le cose sono cambiate. Professionalmente erano alla pari, ma alcuni round sul campo da golf con il boss lo avevano spinto su alcuni gradini della catena alimentare. Per non parlare del fatto che i suoi alloggi erano molto più impressionanti dei suoi poiché aveva rimosso i suoi artigli del potere.

Tuttavia, ha imparato a proprie spese. 3 mesi le tue palle si sono aggrovigliate nella tua prigione di pizzo. Non gli piaceva un altro perizoma per un po’, questo è certo. Non glielo avrebbe mai detto, ma in una certa misura gli piaceva. Ma scopare il suo vecchio capo sulla sua scrivania ora più grande della sua aveva un certo livello di gratificazione che indossare le mutandine non si avvicinava nemmeno. Tuttavia, doveva avere il suo ingegno su di lui. Avrebbe giocato così bene. Probabilmente finirebbero per scopare comunque, otterrebbe quello che voleva. Ha sempre fatto con lei.

***

13:01, bussano alla porta dell’ufficio. Non ha aspettato che glielo dicessero, ma ha portato il tè. Bravo ragazzo, pensò. Lo ha lasciato andare. La sua puntualità, tuttavia, era un problema.

“Sei in ritardo,” disse, quasi allegramente.

“A malapena stavo preparando il tè. Non lo facevo da mesi.”

“Allora perché hai iniziato adesso?”

“Perché me l’hai chiesto?”

“Ti piace fare quello che ti viene detto, vero? Avere la tua squadra, avere tutti che gareggiano per te, delegare responsabilità. Tutto può diventare un po’ stancante, vero?” era tornata. La sua aura non ha mai vacillato, irradiando autorità. Un po’ come se l’umidità cominciasse a formarsi tra le sue gambe. L’ondata di energia che aveva sentito nelle dita dei piedi prima nelle gambe le aveva dato la sicurezza in più per affrontare uomini come lui.

Altre storie erotiche  Discord Pt. 03 - BDSM

“Uh, giusto? Ero solo educato. Ora sai che sono molto impegnato. La mia squadra non è tua perché ho aspettato tutto il giorno che qualcuno lo facesse.” Le lanciò uno sguardo accusatorio. . Entrambi sanno cosa intendeva. La differenza è che il suo sorriso malvagio è rimasto, le sue spalle solitamente forti e sicure di sé che si sono abbassate un po’. Abbastanza per farle sapere che ce l’aveva.

“Pensi di essere il grande formaggio adesso, vero?” incrociò le gambe lentamente e con decisione quando ebbe finito, i suoi occhi non lasciarono mai i suoi. Il sorriso si illumina solo.

“Mi piace scoparti, ma mi piace anche sculacciarti durante le vendite, quindi a meno che tu non me lo faccia capire in fretta, tornerò al lavoro”, un sorriso gli incise sul viso. Il tipo capace solo di un uomo il cui ego era più grande del suo buon senso.

“Non hai mai prestato attenzione alla sua segretaria, vero?”

“La graziosa mora? Non proprio, no… perché?

“Beh, guarda come io e lei siamo diventati buoni amici, brunch qui, ragazze che parlano in bagno, quel genere di cose. E non crederesti a quello che ha sul signor Big Boss Man Ora immagina cosa potrei fare con questo informazioni potrei sparargli… e ti garantisco che sparerà a chi gli è più vicino L’ha già fatto, sei più che sostituibile. Non sei d’accordo?” iniziò a girare intorno alla sua scrivania mentre parlava. Il suo viso era un’immagine piuttosto scura e ansiosa mentre si avvicinava.

Affondò lentamente. Era più sicuro che mai, ma sapeva che qualcosa non andava nel momento in cui ha ricevuto quell’e-mail. Non ha mai mandato un’e-mail. La costringeva sempre a entrare nel suo ufficio. E aveva ragione, era diventato così amico del capo che non si era reso conto che quella sarebbe stata la prima volta che le buffonate del capo erano venute alla luce. E ce n’era abbastanza per tutti.

“Cosa vuoi? Non indosso più le mutandine,” disse umilmente. Come se avesse comunque qualche potere qui.

“Prima stai zitto. Sto facendo le domande qui,” come in sincronia con le sue parole, sentì il suo cazzo pulsare. No no! Se avesse continuato non sarebbe stato un problema, ma dannazione era sexy ed era in the money. Amava fare sesso con lei.

“Oh, è una piccola contrazione all’inguine che vedo? Alzati,” non si mosse. Solo seduto sulla sua sedia, le perdite professionali stanno appena iniziando a farsi sentire. Ma ciò impallidì rapidamente in confronto, poiché questa compagnia vestiva le donne con tacchi assassini e una gonna eccessivamente corta torreggiava su di lei.

“Non lo chiederò due volte”, quando si alzò, era più alto anche nei talloni. Ma si sentiva più alta di qualsiasi uomo e cavalcava l’onda.

Si avvicinò, gli sussurrò all’orecchio mentre il suo respiro caldo solleticava i suoi sensi.

“Pensi di essere tutto questo, ma ti tengo per le palle. L’ho sempre fatto. Sei uno schiavo di questo,” riuscì abilmente a decomprimere i suoi pantaloni e tirare fuori il suo cazzo ora eretto. Poteva sentire il suo calore, la contrazione involontaria mentre strofinava un dito sull’asta e tracciava la sua testa.

“E questo fa di te il mio schiavo, vero?”

“…”

“Non è vero?” lei avvolse tutta la sua mano attorno al suo cazzo e gli diede una stretta e uno strattone.

Altre storie erotiche  Anna and Arin: Sheer Submission - BDSM

“Sì,” disse infine.

“Sì cosa?” le rivolse uno sguardo confuso. Senza esitazione, sollevò lentamente la coscia verso il suo inguine, lui sentì le sue palle rotolare all’indietro. Ha applicato sempre più pressione, le palle che lottavano per lo spazio mentre la parte superiore in pizzo delle calze rivelava la sua gonna.

“Si Capo?”

“Bravo ragazzo,” alleviò un po’ la pressione.

“Ma tu non sei il mio capo,” con un movimento fluido la sua coscia si abbassò e la sua mano gli afferrò i testicoli attraverso i pantaloni. Emise un lamento pensieroso misto a paura e piacere. È stato il primo che ha usato.

“Oh, penso di sì. Togliti i vestiti”, ordinò. Ha fatto come gli era stato detto, l’apprensione sul suo viso ha detto tutto. Sapeva che non doveva protestare, era estate e faceva caldo, non gli piacevano più le sue palle di pizzo che gli stavano male. Avrebbe fatto il suo gioco.

“Vai a letto”, sapeva cosa voleva. Lui lui all’improvviso gli venne in mente che era completamente nudo nel suo ufficio. Di solito era completamente vestito, solo il suo cazzo sporgeva mentre la scopava. Sentì una vulnerabilità che non sentiva da un po’. Ha solo reso le cose più difficili. Il suo cazzo lo tradisce ancora una volta. Se questo non l’eccitasse, non avrebbe alcun potere. Ma era difficile resistere a una donna così.

Lei l’ha cavalcata. Ancora completamente vestita, ma la sua gonna era tirata su. Il tuo reggicalze tiene i tuoi calzini in posizione in bella vista. Le sue mutandine rosa si abbinavano anche alle sue labbra ora visibili. Ha preso la posizione, “forse non era così male!” stava pensando. Non indossa mutandine, fa l’amore. Lei ha il controllo, ma lui potrebbe gestirlo se quello fosse il risultato.

Premette le mutandine bagnate contro il suo cazzo ora gonfio. Premuto sempre più forte, iniziando a strofinarlo, su e giù, su e giù.

“Posso vederti sorridere, ma non è così che pensi”, tutto il suo corpo pulsava mentre parlava. Il suo cazzo duro come una roccia è un ottimo stimolatore del clitoride. Grande, caldo, pronto. I sentimenti per entrambi stavano crescendo insieme. Si perse nel suo piacere, gemendo nel suo orecchio. Digrignando più forte il suo cazzo mentre continuava a premere contro la sua forma solida. Quella sensazione di formicolio che era iniziata alle dita dei piedi quando aveva inviato per la prima volta l’e-mail attraverso le gambe, il respiro sul collo, tutte le sensazioni che viaggiavano fino al suo nucleo.

La sensazione alla punta del suo formicolio sessuale. Stimolante, ma non soddisfacente. Il suo cervello ha attivato il pilota automatico. Alzò una mano per prenderla a coppa, ma lei l’afferrò prima che avesse il tempo di protestare.

“Non per te,” i suoi gemiti cessarono a malapena mentre continuava a strofinarsi contro di lui. Il suo clitoride diventa l’epicentro di mille percorsi di piacere.

Emise un gemito, molto più femminile di quanto avesse sentito prima. Il suo cazzo non poteva essere più duro, voleva scoppiare, ma non c’era abbastanza stimolazione. Desiderava quella sensazione di calore e umidità che aveva sempre dato per scontata. Le sue braccia erano ora inchiodate al pavimento dell’ufficio. Era impotente, era schiavo di lei, di lei.

La sua schiena arcuata, il suo respiro rapido e pesante. Il suo clitoride diventa sempre più sensibile al tocco attraverso le sue mutandine setose, ora inzuppate. I suoi movimenti diventano sempre più veloci. La sua forza e la presa che aveva sulle sue braccia aumentarono di dieci volte mentre il suo orgasmo aumentava e aumentava, onda dopo onda finché…

Altre storie erotiche  My Sister's Keeper Ch. 13

“Oh cazzo,” tutto il suo corpo rabbrividì, il suo clitoride eccitato oltre le parole mentre rilasciava onde d’urto che le raggiungevano le dita dei piedi e oltre. Il suo corpo girava da solo mentre i tremori continuavano ad arrivare e gradualmente diventavano meno intensi mentre si sfregava contro di lui le ultime volte.

C’è stata una breve pausa. Una risata, un sorriso, gli piaceva molto, pensò. Tutto il divertimento senza confusione. Non aveva nemmeno bisogno di spogliarsi, è pratico.

Si alzò e in pochi secondi la sua presenza imponente e il suo sorriso tornarono. Nessuna traccia dell’orgasmo che aveva appena avuto a parte un bagliore che non aveva avuto prima. Composto, ma senza dubbio soddisfatto.

“Ok, puoi andare adesso,” disse lei in tono sprezzante.

“Perché mi sento come se ci fosse un problema?” chiese con tutto lo scetticismo del mondo. Ancora sdraiato sul pavimento, il suo cazzo duro, la definizione stessa di frustrazione.

“Nessun problema”, le sue parole tradirono le sue azioni mentre i talloni cadevano sui suoi coglioni. Premendo più forte di prima. Di nuovo cercarono di ritirarsi, ma non c’era spazio per questo. Emise un sospiro e si contorse.

“Sono il capo, sempre. Le riunioni ci saranno d’ora in poi, su mia richiesta”, insistette ancora più forte, con la disinvoltura come faresti su un pedale dell’acceleratore durante la guida. Le sue mani si protesero verso di lei, ma la pressione era eccessiva.

“Si Capo!” non ha usato mezzi termini questa volta. Il suo piede si sciolse e il suo corpo si rilassò. A parte il suo cazzo, che era duro e un po’ scivoloso per l’umidità che filtrava attraverso le sue mutandine. Gli tese la mano come per compiacersi, il bisogno era troppo grande. Lo ha preso a calci in mano.

” Per me. E io dico di no. Hai detto che eri impegnato? quando si alzò e afferrò i suoi vestiti, lei afferrò di nuovo il suo cazzo. Un altro sospiro dalle sue labbra. Con l’altra mano circondò la punta del suo sesso. Il suo pre-sborra scorreva da un po’. Sempre tenendolo, si mise in bocca il dito scivoloso.

“Assapora il tuo pasticcio, la tua frustrazione”, disse, quasi cupamente. Lui incurvò le labbra attorno al suo dito, lei lo tenne per un momento, chiarendo il suo punto. Poi lo raccolse e tornò a sedersi dietro la sua scrivania.

Si vestì lentamente, sperando ancora a metà che lei stesse scherzando e succhiandolo da un momento all’altro. Le sue labbra gli divennero così familiari. Adesso sembravano a un milione di miglia di distanza, era una tortura. Riusciva a malapena a mettersi i boxer, il tessuto stretto sul suo cazzo, era a dir poco scomodo. Camminò timidamente verso la porta. Un po’ piegato nel tentativo di nascondere la sua erezione molto evidente.

“Non osare pensare di poterne rubare uno. Siamo vicini di casa, ricordi? Lo scoprirò», esclamò.

“Assicurati di aggiungerlo anche al tuo calendario”, ha detto.

“Aggiungere il capo? balbettava.

“Tè alle 10:00 e alle 2:00 del giorno, tesoro. Te l’avevo detto che sarebbe stato un duro lavoro. Arrivederci adesso,” il sorriso malizioso ora più acuto che mai. Non essere più annoiato. Le tue palle accuratamente imballate sul tuo scaffale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *