Office Slut Ch. 01-02 – BDSM

di | 21 de Giugno, 2022

Hugzzz a Sue per l’idea della storia. Ti penso come Kim in questa storia.

Questa è un’opera di fantasia. Nomi, personaggi, aziende, luoghi, proprietà, aziende, eventi e incidenti sono il prodotto dell’immaginazione dell’autore o sono usati in modo fittizio. Qualsiasi somiglianza con persone reali, vive o morte, o eventi reali è puramente casuale. Tutti i personaggi hanno 18 anni o più quando si trovano in situazioni sessuali.

*****

Capitolo primo

La forza di Jenna Thompson è sempre stata nelle operazioni. Man mano che scalava i ranghi aziendali, le sue responsabilità alla fine comprendevano le vendite e le operazioni. Jenna ha lavorato duramente per guadagnarsi il titolo di Senior Vice President presso AmberWaves Media Communications. AmberWaves possedeva un grande gruppo di aziende famose e ha reso facile pubblicare annunci pubblicitari per loro su TV, radio, siti Web e carta stampata.

La fondatrice e presidente dell’azienda, Amber Waverly, era una donna ambiziosa che pretendeva e raggiungeva la perfezione. Jenna era uno degli otto membri del comitato esecutivo dell’azienda e guidava sempre la riunione settimanale con un rapporto finanziario e previsioni di vendita. Negli ultimi otto trimestri, la società ha soddisfatto le proiezioni del consenso degli analisti e le azioni della società hanno raggiunto il massimo storico. Le stock option di Jenna valevano una buona somma a sei cifre e stava già progettando di acquistare una casa per le vacanze. Tutto sembrava andare bene.

Il best seller di Jenna era una manciata. I venditori di successo per natura avevano personalità enormi e Kimberly Pearson era tagliata da quel tessuto. Bionda e vivace, Kim ha usato i suoi considerevoli poteri di persuasione e il suo corpo sinuoso su uomini e donne per scalare la classifica in tre brevi anni. La sua quota di vendita era il doppio di quella del secondo venditore con i guadagni più alti e Kim non solo ha raggiunto, ma ha superato i suoi alti obiettivi. Sebbene la personalità frizzante di Kim abbia spesso irritato Jenna e la sua vena di conservatorismo, ha fatto sembrare Jenna un bell’aspetto durante le riunioni settimanali del management e questo di per sé ha incoraggiato Jenna a tagliare Kim tremendamente.

Era responsabilità di Jenna approvare le note spese di Kim e approvava regolarmente cene legate alle vendite in cui venivano consumati vini costosi per centinaia di dollari. A volte Jenna ignorava le spese del negozio di articoli da regalo sui conti dell’hotel, anche se Jenna sospettava che Kim stesse comprando vestiti e profumi. Il successo aveva un modo per aiutare le persone a chiudere un occhio di fronte a comportamenti che andavano contro i loro migliori istinti.

Jenna è stata attenta a proteggere la sua vita personale dal suo lavoro. Anche la sua assistente Alice non aveva idea di cosa facesse Jenna nel tempo libero, sebbene fosse naturalmente curiosa. Alice era una lesbica chiusa e spesso si chiedeva se Jenna preferisse le donne agli uomini. Jenna era sempre curata meticolosamente e vestita alla moda, e più di una volta Alice fantasticava sulla bruna, immaginandola mentre succhiava i grandi seni arrotondati di Jenna o tra le sue gambe tornite leccandosi la figa rasata e il buco del culo increspato. Non sapeva che Jenna non solo amava le donne (e talvolta gli uomini), ma che aspirava a dominarle. Jenna faceva attualmente parte dei sottotitoli, ma frequentava spesso bar e club a tema BDSM nella speranza di entrare in contatto con un essere intelligente e sottomesso.

Kim non era così esigente. Il suo aspetto sbalorditivo piaceva a uomini e donne e Kim li adorava tutti. Era promiscua per natura e il suo corpo sexy, combinato con il suo generoso conto di spesa, era una combinazione mortale. Kim amava il sesso, ma non aveva mai avuto una relazione che durasse più di un mese. Nonostante la sua personalità apparentemente felice, desiderava ardentemente una relazione più lunga e amorevole e non sapeva perché non riusciva a trovarne una. Ha nascosto le sue insicurezze attraverso la vanagloria e un irresistibile desiderio di compiacere gli altri.

Quando tutto andò bene, era solo questione di tempo prima che l’altra scarpa cadesse. In questo caso, la merda ha colpito il fan un venerdì pomeriggio, subito dopo la riunione settimanale della direzione in cui Jenna ha riferito che tutti i numeri stavano tracciando l’ennesimo quarto di obiettivo. Felicissima, Amber, una splendida rossa sulla trentina, ha messo da parte il suo pluripremiato dirigente dopo l’incontro per congratularsi con lei e dirle che presto avrebbe ricevuto un’altra tranche di stock option limitate. Jenna è letteralmente fluttuata nell’aria fino al suo ufficio, sapendo che non era un compito facile guadagnare lodi e denaro dal suo capo esigente.

Mentre Jenna si avvicinava al suo ufficio, Alice uscì dal suo cubicolo per intercettarla. “Jenna, c’è una donna arrabbiata nel tuo ufficio. Viene dall’Alliance Group. Non l’ho mai vista prima, ma la sua tessera dice che è la Marketing Manager.” Jenna guardò la mappa. Brianna Davidson. Strizzò gli occhi, cercando di distinguere Briana attraverso la porta aperta dell’ufficio. Ha visto un’attraente donna di 30 anni che indossava un vestito costoso e, dal suo linguaggio del corpo, era chiaramente agitata.

Entrò con sicurezza nel suo ufficio. “Salve signora Davidson. Jenna Thompson. Cosa posso fare per lei?” Si avvicinò alla donna seduta, cercando di non sembrare preoccupata.

“Signora Thompson. Sono il Direttore Marketing dell’Alliance Group…”

Prima che potesse finire, Jenna la interruppe. “Certo. L’Alliance Group è uno dei nostri clienti più importanti.” Jenna aveva appena finito di preparare il rapporto sulle vendite per l’incontro settimanale e sapeva che Alliance Group era il terzo cliente più grande dell’azienda e rappresentava quasi il 10% del fatturato totale dell’azienda.

“…quindi, come ho detto, sono il direttore del marketing e il mio principale punto di contatto è Kimberly Pearson. Immagino che tu conosca la signora Pearson?”

Jenna si sedette dietro la sua scrivania, fingendo di lisciarsi la gonna per guadagnare più tempo per calmarsi. “Sì, sì, certo. Kimberly è uno dei nostri migliori venditori e riferisce direttamente a me.”

“Va bene. Sto parlando con la persona giusta. Ho gestito i nostri acquisti pubblicitari e Kimberly ci ha ripetutamente assicurato che stavamo raggiungendo il nostro pubblico di destinazione di 25-40 anni, ma i nostri rapporti mostrano che l’anno scorso abbiamo costantemente mancato gli sforzi di Kimberly mantenere quei numeri con acquisti pubblicitari gratuiti erano proprio questo: promesse. Temo che non abbia il potere di mantenere le sue promesse.

Jenna fu sorpresa da questa rivelazione. Kim non ha mai detto una parola che qualcosa non andava nell’account dell’Alliance Group. “Calmati,” si disse la bruna. “Non mostrare le tue carte.

Briana poteva percepire il disagio di Jenna, anche se Jenna faceva del suo meglio per nasconderlo. “Signorina Thompson. Conosce le promesse di Kimberly, vero?”

Jenna odiava mentire, ma in quella situazione non aveva scelta. “Sì… sì… certo. Manteniamo sempre le nostre promesse,” disse Jenna con voce sospettosa. “Dammi la possibilità di tornare insieme alla signora Pearson e ti avrò un piano di gioco entro lunedì mattina. Ti sembra ragionevole?”

La donna dai capelli scuri sospettava fortemente che Jenna fosse stata colta di sorpresa, ma voleva concederle il beneficio del dubbio. “Sì, penso che lunedì mattina andrebbe bene. Il tuo assistente ha la mia tessera. Diciamo che mi chiami alle 10?”

“Molto bene. Allora parla con te.” Jenna ha allungato la mano di nuovo, sopprimendo il tremore che le percorreva il corpo mentre si rendeva conto che c’era qualcosa che non andava nei suoi numeri perché c’era una grande promessa non mantenuta fatta dal suo miglior venditore.

Chiuse la porta dell’ufficio e la lasciò cadere sulla sedia della scrivania. Ovviamente aveva bisogno di parlare con Kim, ma era abbastanza sicura che il cliente non avrebbe guidato per due ore se quello che aveva da dire non fosse stato vero. Cosa è stato promesso esattamente? Come potrebbero avere successo entro i confini delle politiche aziendali? Kim gli ha riferito. Jenna era in linea per qualsiasi cosa i suoi rapporti diretti avessero promesso. Jenna non poteva semplicemente correre da Amber con questa storia addolorata. Doveva aggiustarlo e aggiustarlo in fretta.

Ha preso il telefono e compose il numero di interno di Kim, sperando che Kim evitasse la chiamata. È rimasta piacevolmente sorpresa quando la giovane bionda ha risposto quando ha visto il nome di Jenna sull’ID del chiamante.

“Persona. Jenna, come posso aiutarti?

“Essere nel mio ufficio tra due minuti.” Riattaccò il telefono, senza aspettare una risposta. Kim sapeva che era una cosa seria.

Jenna fu un fascio di energia nervosa per un minuto e trenta secondi di attesa prima che Kim facesse capolino dalla porta. bordo della porta. “Hai chiamato?”

Jenna gli fece cenno di entrare. Stava per salvare la sua voce per quello che sarebbe successo.

“Ho appena incontrato Briana Davidson.” Jenna lo disse chiaramente e con poca intonazione, volendo assicurarsi che ogni parola fosse assorbita.

“Ahhh,” disse Kim. Le sue spalle si accasciarono. L’arroganza è sparita. Guardò Jenna dall’altra parte del tavolo: sconfitta. «Deve averti parlato di fare buone promesse.

Jenna ha aspettato quella che sembrava un’eternità (ma in realtà solo 15 secondi) per rispondere. “Cazzo, l’ha fatto.”

“Ti ha detto che erano circa $ 250.000?” disse timidamente.

Jenna barcollò fisicamente attraverso il numero, appoggiandosi allo schienale della sedia. “250.000?”

Kim annuì.

“Ho promesso a Davidson che lo chiamerò lunedì alle 10. Questo ci dà oggi e il fine settimana fino a quando non gli darò il nostro piano di gioco. Sai che è la nostra unica opzione. Amber esploderebbe se sapesse che stiamo volando alla cieca in questo. “

Kim disse in un sussurro: “Farò di tutto per sistemare questo… qualsiasi cosa”.

La dichiarazione di Kim ha acceso lo spirito di Jenna. “Qualsiasi cosa” risuonava nella sua mente. Nonostante la calamità finanziaria che hanno dovuto affrontare, Jenna ha pensato al corpo di Kim – alle sue curve – al suo lato sexy – e ora alla sua vulnerabilità. Pensieri lussuriosi le attraversarono la mente mentre cercava di capire come ottenere $ 250.000 di reddito durante il fine settimana per compensare la promessa di Kim.

La bruna infastidita si sporse in avanti con i palmi delle mani sul tavolo. “Sei sicuro che farai qualsiasi cosa. Ci hai scavato una buca enorme e se non possiamo partire entro lunedì, possiamo dimetterci”.

La giovane bionda iniziò a piangere. La sua facciata di fiducia in se stessi è andata in frantumi. “Volevo solo fare i miei numeri…” disse mentre la sua voce si affievoliva.

“Vivi di spada… muori di spada…” aggiunse Jenna. “I tuoi numeri gonfiati sul conto dell’Alleanza ci hanno fatto sembrare buoni. Ora quei numeri potrebbero essere la nostra rovina.”

“Dimmi… dimmi cosa fare”, implorò Kim.

Jenna stava facendo i calcoli nella sua testa. “Penso che se riusciamo a ottenere abbastanza nuove entrate dai nostri primi quattro clienti, inclusa Alliance, possiamo bilanciare i conti. Ma questo significa lavorare tutto il fine settimana”.

“Certo certo.”

“Kimberly”, iniziò Jenna, usando il nome completo di Kim per sottolineare la sua domanda, “dovrai colorare fuori dalle righe su questo. Non ho mai chiesto delle tue capacità di vendita prima. Te lo chiederò direttamente – “fai sesso con i nostri clienti? La verità adesso. Dobbiamo essere onesti gli uni con gli altri se vogliamo farcela”.

Kim era un po’ ferita dalla dichiarazione, ma aveva un’idea del perché Jenna l’avesse chiesto. “No…no, non l’ho fatto. Ma a volte mi vestivo in modo provocatorio, e sai, forse una volta ogni tanto mi chinavo o mi sedevo in modo rilassato in modo che qualcuno “si possa vedere dentro la mia maglietta.” o la mia vita . Sai… a volte devi mostrare un po’ di gamba per chiudere un affare. Hmm… questo non significa che non ho ricevuto alcuna proposta da parte di un cliente.

Jenna guardò direttamente negli occhi di Kim. ” Va bene. Ma penso che questa volta potresti dover andare oltre… se capisci cosa intendo.

Kim sapeva cosa intendeva Jenna. Si disse che era pronta a fare qualsiasi cosa… e lo era. “Dimmi solo cosa fare.” Kim sentì un rivolo di umidità all’interno delle cosce. In qualche modo, il pensiero di sottomettersi agli altri la svegliò.

“Prendi le tue cose. Andiamo a casa mia per fare telefonate. Tutto questo rimarrà fuori dalla griglia.” Jenna si alzò per segnalare che la riunione era finita. “Ci vediamo alla mia macchina tra cinque minuti.”

Jenna fece la valigia e prese l’ascensore per il garage sotterraneo. Ha fatto clic sul pulsante “Sblocca” sulla sua chiave e le luci hanno lampeggiato sulla sua BMW X5. Gettò la valigetta sul sedile posteriore con la giacca e aspettò Kim. Sola in un freddo garage di cemento, si chiese se stesse facendo la cosa giusta. Forse smettere di fumare è l’opzione migliore. Aveva una buona somma di denaro da parte… Poi le venne in mente che la nuvola di scandalo che l’avrebbe seguita avrebbe probabilmente significato che la sua carriera era finita. Mentre combatteva i suoi dubbi, la portiera del passeggero si aprì ed entrò Kim. Sorrise debolmente e si allacciò la cintura di sicurezza. Aveva la sua valigetta e borsa in grembo. Non si poteva tornare indietro adesso.

Jenna è uscita dal parcheggio e si è infilata in una strada trafficata, nel traffico intenso del venerdì pomeriggio, fino a casa sua in periferia. Kim sedeva passivamente mentre Jenna formulava il piano di gioco nella sua testa. Dopo trenta minuti di guida, sono arrivati ​​a una casa in stile ranch ben tenuta con un vialetto circolare sul davanti. Jenna ha parcheggiato nel garage annesso. Prima di andarsene, si è girata verso Kim e ha messo la mano sul ginocchio e sulla coscia nuda di Kim.

“Faremo cose di cui non si parlerà mai fuori casa mia. Si è capito?

Kim non poté fare a meno di rabbrividire al contatto intimo. I suoi occhi svolazzarono. “Si, capisco.”

“Bene.” Jenna scese dall’auto, afferrò la sua valigetta ed entrò in casa attraverso una porta di accesso che conduceva alla cucina. Kim lo seguì.

Jenna ha messo il suo laptop sul tavolo della cucina. Kim ha fatto lo stesso.

“Vuoi un drink o qualcosa da mangiare? Sarà un giorno e una notte lunghi.”

“No, sto bene.”

Dopo aver avviato il suo laptop, Jenna ha esaminato il suo ultimo rapporto sulle vendite. «Cominciamo con l’Admiral Enterprises. È il nostro cliente principale. Conosci Doreen Johansson?

“Certo. Doreen è il mio principale punto di contatto.”

Jenna ha composto il numero del suo telefono. Si allontanò dalla cucina, parlando con Doreen mentre andava in camera da letto per cambiarsi. Pochi minuti dopo, Jenna è tornata in cucina, ora con indosso una tuta da ginnastica e infradito. “…va bene. È la sinistra su Sycamore e poi la prima a destra. Sono l’ultima casa a sinistra. Scriverò l’ordine di lavoro… si… esatto… sono così felice di poter contare su di te”.

“Cosa? Cos’è?” chiese Kim. Le sue orecchie si ravvivarono quando seppe che Doreen si era probabilmente impegnata in una vendita importante.

«Sarà qui tra un’ora. Nel frattempo, dovremo fare un cambio di guardaroba per te.

Kim era incuriosita dall’idea di essere portata nella stanza di Jenna. Non era mai stata in questa parte della casa prima ed è rimasta colpita dalle dimensioni della stanza e dall’arredamento. La camera da letto era caratterizzata da un letto a baldacchino con colonne di riso intagliate e una panca imbottita in pelle ai piedi del letto. I pavimenti in legno erano ricoperti da costosi tappeti orientali. Jenna stava frugando nel suo comò, tirando fuori un orsacchiotto e mutandine di pizzo abbinate.

“Va bene. Mettili. Lascia i sandali.”

“Adesso?”

“Qui e ora.”

Kim guardò Jenna, sapendo ora cosa ci si aspettava da lei. Si è tolta i vestiti. Jenna ha messo la camicetta e la gonna di Kim sui ganci nell’armadio e ha messo il resto in una piccola borsa di tela. “Non credo che ne avrai bisogno per un po’.”

Kim ha indossato l’orsacchiotto e le mutandine. Era relativamente alta e nei suoi sandali con i tacchi alti torreggiava sulla più piccola Jenna. Con l’orsacchiotto trasparente e le mutandine trasparenti, non c’era molta fantasia. Jenna è rimasta colpita dalle tette piene, dal corpo tonico e Le gambe lunghe di Kim e il pensiero ai benefici che avrebbe avuto quando il fine settimana fosse finito. Si avvicinò a Kim e fece scorrere la mano sul braccio destro di Kim, appoggiandolo sulla sua spalla.

“Va bene Kim.” Kim guardò in basso. Jenna mise la mano sotto il mento di Kim, sollevando il viso in modo che ci fosse il contatto visivo. “Sarai il mio cagnolino questo fine settimana, vero?”

Kim esitò. Non era mai stata chiamata una puttana prima. “Sì… sì, se lo dici tu.”

“Mi chiamerai ‘Signora’ quando saremo in questa casa. Capisci?”

“Sì signora.”

“Brava ragazza.” Jenna le prese la mano e la spinse sotto la cintura delle mutandine di Kim. Affondò un dito nella fessura, sentendo l’umidità. “Mio, mio. La mia cagnolina è bagnata. Ti piace sentirti dire cosa fare. Non vedi l’ora che arrivi, vero?”

“No…no…lo faccio perché devo,” protestò Kim, forse a malincuore.

Jenna sorride. «Senti, ho detto che non ci sarebbero stati segreti tra noi. Dimmi la verità o ti punirò.

La testa di Kim è caduta. Stava guardando per terra. “Non vedo l’ora di essere lì.”

“Quindi sei una piccola puttana, vero?”

“Io penso di essere.”

“Un cosa?”

“Una puttana.”

“Una puttana… signora”, corresse Jenna.

“Sono una puttana, signora.”

“Brava ragazza. Ora che abbiamo una chiara comprensione, ti dimostrerai una puttana e salverai entrambi i nostri lavori. Aspetta qui in camera da letto. Ho altre chiamate da fare.”

Jenna ha lasciato la stanza per circa un’ora. Kim si sedette sul letto, contemplando il suo futuro, rimpiangendo di aver fatto promesse che non poteva mantenere, ma entusiasta di ciò che Jenna stava pianificando. Jenna tornò in camera da letto per trovare Kim esattamente dove l’aveva lasciata.

“Doreen sarà qui a minuti. Ho degli incontri con gli altri questo fine settimana. Due di loro devono venire qui, quindi ho pagato i biglietti. Mi scriverai un assegno più tardi per coprirlo.”

Kim annuì. La campana ha suonato.

“Attendere qui.” Jenna se ne andò, chiudendosi la porta alle spalle.

Kim sentì voci attutite, poi risate. Sentì una bottiglia di champagne scoppiare, bicchieri tintinnanti e una conversazione più animata. Si udirono dei passi, poi la porta della camera da letto si aprì. Doreen era accanto a Jenna. Entrambi erano sorprendentemente di buon umore. Kim gestiva l’account Guardian da due anni e aveva portato Doreen a diverse cene costose. Kim ha ricordato che Doreen aveva accennato al fatto che suo marito era fuori città e che era disponibile. Doreen aveva circa 40 anni, un po’ sovrappeso, ma Kim poteva vedere che era ancora in ottima forma e la maggior parte del peso extra era nel suo seno a F e nelle natiche extra large. Gli occhi di Doreen si illuminarono quando vide Kim seduta sul letto nel suo vestito succinto.

Jenna si avvicinò a Kim e indossò un ampio colletto di pelle marrone con un’etichetta di metallo attaccata con la parola “VACANCY” incisa su di esso. Kim poteva sentire la pelle fresca e leggermente umida contro il suo collo e poteva sentire l’odore del sudore misto alla sporcizia nella pelle. Il collare accresceva il suo senso di sottomissione.

Jenna si fece scivolare un dito sotto il colletto e sollevò Kim in posizione eretta.

“Dì alla nostra buona amica Doreen che tipo di persona sei veramente.”

“Sono una puttana, signora.”

“Ora la nostra buona amica ha appena firmato una lettera di intenti per fare un acquisto mediatico di $ 100.000 il prossimo trimestre in aggiunta all’impegno iniziale. Cosa dici alla sua cagna?”

“Grazie signora Doreen.”

“Chiamala padrona.”

“Grazie Lady Doreen.”

“Spogliarello per Lady Doreen.”

Kim si tolse la lingerie e si fermò di fronte alle due donne, nuda tranne che per i suoi sandali col tacco alto. L’umidità ora scorreva lungo l’interno delle sue gambe. Jenna fece scorrere il dito lungo l’interno della coscia di Kim, tenendo il dito bagnato in modo che Doreen potesse vederlo. “Il nostro animale domestico è davvero un cane. Vedi? Non vede l’ora che tu lo usi.”

Jenna poi tirò via lo sgabello dal letto e tirò di nuovo il bavero di Kim. “Sdraiati sulla panchina a pancia in giù.” Entrò nel suo armadio e tornò con una piccola frusta di pelle nera, porgendola a Doreen.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *