Platonic Chastity Ch. 04 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Jacci non ha potuto fare a meno di ridere dello sguardo sulla faccia di Taylor nel momento in cui ha assaggiato lo sperma per la prima volta. Sperava che potesse usare la sua parola sicura, ma lui si rotolava obbediente da un posto all’altro mentre Jacci lo drogava per i capelli. Questo lo impressionò perché, scendendo dall’orgasmo, si era aspettata una piccola rivolta, e anche se chiaramente non gli piaceva il compito, lo portò a termine senza fare domande. Questo la metteva un po’ a disagio perché era preoccupata che lo stesse spingendo troppo oltre e che non avrebbe avuto abbastanza resistenza in lui per allontanarsi da quel limite, prese mentalmente nota di avere una conversazione seria con lui sui suoi limiti. il rapporto.

A Taylor non piaceva affatto il compito di leccare il proprio sperma, ma gli piaceva l’umiliazione e la consapevolezza che d’ora in poi si sarebbe mangiato il suo sperma. Era fermamente in trance nel subspazio mentre succhiava da un posto all’altro i suoi collant. Ci aveva pensato nelle sue fantasie, ma la sua avversione gli aveva sempre impedito di volerci provare davvero. Stava anche volando alto nell’incredibile bacio che aveva ricevuto dalla dea. Sognava da tempo di essere più intimo ed era entusiasta di essere più tradizionalmente affettuoso con lei. Capì qualcosa in quel momento che voleva mangiare perché lei voleva che lui mangiasse. Che lo volesse o meno non importava, era uno schiavo che avrebbe dovuto fare cose che non voleva fare.

Jacci ha quindi rilasciato la mano destra di Taylor e lo ha tirato sul letto accanto a lei. Era ridicolmente eccitato di poter condividere per la prima volta il letto con le dee. Ridacchiò al pensiero perché era qualcosa a cui poteva pensare un ragazzo di quindici anni che giocava sette minuti nel cielo. Si aspettava che l’altra manette si aprisse, ma invece lei ha forzato entrambe le mani sopra la sua testa e le ha ammanettato attraverso la testiera di legno. Gli è sempre piaciuto essere legato durante il sesso, ma raramente ha trovato partner occasionali disposti a unirsi.

Jacci ha detto: “Ecco ora non dobbiamo preoccuparci che tu ti avvicini troppo. Ottimo lavoro con il tuo schiavo dello sperma, devo dire che il sapore dello sperma non è stato qualcosa che non mi è mai piaciuto e a giudicare dall’espressione del tuo viso, tu potrebbe essere d’accordo con me.” Mentre parlava, strofinò la gamba contro il corpo nudo di Taylor, i collant si sentivano incredibilmente bene contro la sua pelle sensibile.

Taylor aprì la bocca per parlare, ma Jacci si limitò a premette un dito sulla sua bocca. “No no tesoro, non voglio che tu parli in questo momento. Stanotte è qualcosa che non ti sarà permesso fare. Purtroppo sei molto bravo con la tua bocca, non riesco a immaginare di stancarmi di parlare di sesso per un mentre così potrebbe volerci molto, molto tempo prima che io decida di lasciare che il mio uccello giochi con me. È un sacrificio anche per me, perché amo fare sesso con un cazzo, ma il talento della tua lingua quasi compensa questo. un ragazzo molto obbediente e disciplinato.

Gli occhi di Taylor sono quasi saltati fuori dalla sua testa mentre Jacci ha finito la sua dichiarazione. Dopo alcuni mesi desiderava ardentemente essere di nuovo dentro una donna e non poteva immaginare di essere costretto a sopportare un periodo molto più lungo di servizio alla dea senza poter fare sesso. Sebbene la sua mente sia stata immediatamente inorridita dall’idea, lo ha anche incuriosito ed eccitato un po’. Era la cosa più strana, amava il sesso, ma l’idea di arrendersi e soffrire per la dea lo eccitava immensamente. Era un sovraccarico sensoriale e Taylor si rese conto che la sua testa stava diventando leggera.

“C’è qualcosa che hai menzionato qualche settimana fa che proveremo stasera. Hai menzionato la regina e l’idea mi entusiasma davvero. Devo dire che Tay ha scatenato un mostro, adoro l’idea di controllarti e penso piace anche a te. Probabilmente è molto più di quanto ti aspettassi quando hai accettato di portare un coinquilino, eh?”

Jacci non ha aspettato una risposta mentre si è messa a cavalcioni sul viso di Taylor, ha tenuto i collant ma si è tolta il vestito. Taylor sembrava confusa, ma Jacci le ordinò di iniziare a leccare l’inguine dei suoi collant. Era inzuppata nelle mutandine in pochi minuti e gemeva rumorosamente. Dopo una decina di minuti, Jacci si è finalmente tolta le calze e le ha modellate nella tipica benda che indossava per impedire a Taylor di vederla nuda. Non ne era consapevole, ma voleva rafforzare il suo status di dea in lui non permettendo a Taylor di vederla nuda. Era un privilegio che avrebbe dovuto guadagnarsi rendendogli un servizio più diligente.

Ha iniziato a prenderlo in giro tenendo il clitoride appena sopra dove poteva raggiungere la sua lingua e quando era completamente disteso si tuffava spingendo la testa nel materasso. Sembrava molto diverso dal sesso orale tradizionale ed essere in grado di controllare completamente il procedimento ha reso l’esperienza estremamente soddisfacente per Jacci, dato che a turno la prendeva in giro e poi la ripagava. Si è presa il suo tempo con il processo e si è divertita ad avere Taylor impotente sotto di lei, è stato un altro momento in cui si è sentita davvero una dea.

Altre storie erotiche  Black & White Ch. 03 - BDSM

Ci sono state diverse volte in cui Taylor era un po’ più senza fiato di quanto avrebbe voluto, ma quando è arrivato al limite del bisogno d’aria, Jacci ha ceduto e ha dato vita al suo corpo per concedergli qualche sorso d’aria in anticipo. .. che se ne vada. grazie per essere tornato al lavoro. Leccò e leccò furiosamente Jacci fino a due orgasmi prima che lei rotolasse fuori dalla sua faccia e si rannicchiasse accanto a lui. Jacci guardò l’orologio e fu sorpresa di vedere che era passata più di un’ora da quando era strisciata sulla sua faccia. Stava giocherellando distrattamente con i peli del suo petto mentre lui era ancora sdraiato sul letto ammanettato alla testiera.

Taylor era lì, a lavorare per riprendere fiato, dove la sua mente si stava formando un’idea mentre lottava per decidere se impegnarsi con le parole o semplicemente tenere il pensiero per sé. L’idea lo eccitava immensamente, ma l’impatto a lungo termine gli faceva girare la testa. Alla fine, nonostante il suo ordine di non parlare, sentì che l’idea doveva essere comunicata alla dea per non perdere il coraggio di suggerirla.

Poi ha sentito Taylor sussurrare: “Voglio davvero dirti una cosa, posso permettermi di parlare”.

Taylor sembrava piuttosto seria, quindi Jacci le ha permesso di continuare: “Pensavo fossi privato del sesso penetrativo. So che non sarebbe stato lo stesso, ma se ti piacesse, non potremmo “comprare una cinghia vibrante che io… cazzo te. Potremmo tenermi in una gabbia e quando vuoi potresti mettermelo addosso e portarlo con te come se facessi il sesso tradizionale. Non devi soffrire perché il tuo cazzo è in una gabbia, vorrei averlo privilegio.”

La mente di Jacci era sconvolta dal fatto che Taylor avrebbe suggerito un’attività così provocatoria e punitiva. All’inizio è stata costretta a rifiutare a causa del suggerimento di Taylor, ma si è resa conto che avrebbe potuto prendere il sopravvento trasformandolo in una taglia e attaccando qualcosa che non avrebbe necessariamente gradito.

“Sarebbe estremamente soddisfacente e ti darei questo privilegio e questa ricompensa. Dal momento che avresti un privilegio così immenso, dovresti anche rinunciare a qualcosa. In cambio, rinunci alla tua libertà finanziaria”.

Quando Taylor ha iniziato a rispondere, Jacci gli ha spinto le mutandine in bocca per farlo tacere. “Sei sempre stato pessimo nel gestire i tuoi soldi e lunedì voglio che tu vada in banca e apra un nuovo conto a cui solo io ho accesso. Gli trasferiremo i tuoi depositi diretti e riceverai una piccola indennità settimanale, diciamo $ 20 Imposteremo i pagamenti delle bollette e non toccherò nessuno dei fondi, ma tutti gli acquisti al di fuori della tua indennità settimanale dovranno essere inviati e approvati da me Stabilirò un importo da trasferire automaticamente a un macchina a benzina così puoi anche andare e tornare dal lavoro. Può sembrare una punizione, ma penso che rimarrai scioccato dalla rapidità con cui riusciremo a tenere sotto controllo le tue finanze in difficoltà e prenderci cura di te come me. fallo per te stesso. Ovviamente, come sempre, dipende da te, ma rifiutare significa che non otterrai la tua ricompensa.

Jacci aveva un’acuta mente finanziaria e rabbrividì ogni volta che Taylor gli raccontava dei suoi acquisti d’impulso e del suo schiacciamento dei debiti. Pensava che anche se fosse pesantemente indebitato, il suo stipendio fosse abbastanza decente da sconfiggerlo con la giusta esperienza. Sebbene in passato fosse stato riluttante a dare suggerimenti, ora si sentiva più che a suo agio nel fare una richiesta così estrema.

Il cuore di Taylor brillava per aver ammesso che si prendeva cura di lui come lui si prendeva cura di lei molto di più. profondamente delle fantasie di desiderio sessuale che hanno avuto luogo nella loro vita quotidiana. Il suo cazzo si allungava nella gabbia all’umiliante idea che avrebbe dovuto vivere con una magra indennità e presentare richieste per spendere i soldi per cui lavorava, ma sentiva che era una richiesta ragionevole di Jacci e che “da schiavo, non sarebbe irragionevole aspettarselo da lui. Borbottò attraverso le mutandine: “Sì, sono d’accordo”.

“Eccellente, penso che meriti un’altra ricompensa, puoi condividere il mio letto stanotte! Può essere un affare a lungo termine purché tu sia abbastanza dedicato. Mi piace davvero, pensavo fossi eccentrico quando eravamo amici.” Ma quando ho trovato questa gabbia ero sicuro, all’inizio ero un po’ disgustato, ma quando ho visto quanto eri imbarazzato e quanto hai cercato di nasconderlo, ho capito che non era uno strano indizio. perché non trattarmi, di certo non mi aspettavo di godermela come ho fatto io”.

Quando Taylor iniziò a sonnecchiare, Jacci allungò una mano e afferrò il suo cazzo in gabbia e sussurrò: “Sperimenterai il celibato forzato e il rifiuto come nessun uomo ha mai sopportato prima”. Un gemito sommesso gli sfuggì dalle labbra e proprio mentre stava per parlare, Jacci si portò un dito alle labbra, poi si addormentò.

Questi commenti hanno tenuto sveglio Taylor per diverse ore cercando di domare il suo tentativo di erezione in isolamento. Poteva sentire la pelle calda di Jacci contro la sua e attraverso la sua benda desiderava vederla nuda. Non riusciva a credere che fossero passati sei mesi da quando gli era stato permesso di godersi liberamente il corpo di una donna. Voleva, voleva, ma in fondo amava il controllo che Jacci gli stava imponendo.

Altre storie erotiche  Mistress Jenn's Handywork - BDSM

Dopo l’arrivo del tutore, Taylor è stato costretto a giocarci quasi ogni giorno. Jacci divenne rapidamente un’esperta nell’umiliare verbalmente Taylor mentre entrava e usciva da lei. Lo prendeva in giro dicendo cose del tipo: “Quella cosa è molto più utile di quella tra le tue gambe, ricordi quando eravamo alla pari?” Potresti usarlo su una donna per molto tempo, giusto? “

Ciò che ha reso Taylor ancora più selvaggia con più tormento è stato il fatto che Jacci è stata attenta a tenere il reggiseno durante tutti i loro incontri sessuali. Anche quando non era bendato, non riusciva a vedere la sua forma nuda. Nel frattempo, il suo desiderio insaziabile li sorprese entrambi, e lei si ritrovò ad assaporare il potere e l’umiliazione che erano evidenti ogni volta che lo costringeva a spogliarsi nudo e a portare il suo cazzo.

Jacci era solito mettersi in ginocchio e mettere la bocca così vicino al suo cazzo in gabbia che il suo alito caldo lo stava facendo impazzire. Ogni tanto dava un solo bacio sulla parte del suo cazzo che usciva dalla gabbia. Gli faceva venire voglia di rompere la palla. Aveva ricevuto forature solo per oltre sei mesi e sapeva che la puntura mensile sarebbe stata lo scenario migliore per molti mesi a venire. A Jacci piaceva così tanto che Taylor rimanesse completamente immobile mentre cavalcava il pene finto, Taylor avrebbe trovato l’esperienza straziante. Soprattutto perché Jacci vorrebbe arrivare al limite e fare un passo indietro per godersi davvero il giro.

Taylor scoprì rapidamente che non solo gli piaceva la sottomissione, ma era anche un masochista della più alta varietà. Ha trovato i momenti di tormento atroci, ma poi li ha riprodotti nella sua mente per aumentare il suo desiderio per Jacci in un circolo vizioso di feedback. Spesso dava suggerimenti che rendevano il loro calvario più difficile e aumentavano la posta in gioco mentre procedevano.

Su suggerimento di Taylor, ora doveva massaggiare la schiena di Jacci ogni notte per almeno mezz’ora finché non si addormentava e Jacci applicava la stessa regola al mattino per svegliare anche lei. Non c’era bisogno di chiedergli se l’idea gli piaceva, perché il peso leggero della gabbia quando glielo aveva suggerito confermava che l’idea gli piaceva. Era difficile per Taylor abituarsi a svegliarsi diverse ore prima del solito, ma si è adattato andando a letto qualche ora prima la sera. Sfortunatamente, ciò avveniva a scapito della maggior parte del tempo libero a lui concesso, quindi i giorni feriali venivano trascorsi principalmente nella nebbia del lavoro e della servitù di Jacci.

Lo faceva anche cadere su di lei quasi ogni giorno, mentre veniva rilasciato dalla gabbia solo ogni 30-45 giorni, a seconda di quanto fosse diligente con i suoi compiti e il suo umore. Ha anche chiesto che la aiutasse a prepararsi ogni mattina, il che includeva cucinare la colazione e il pranzo e tutte le altre faccende di cui aveva bisogno.

Jacci si sentiva una principessa e adorava spingere Taylor al limite. Era diventata abbastanza brava a percepire quando lui stava per non farcela più e indietreggiare un po’ da lì. Per Taylor, gli piaceva la costante sensazione sessuale che provava, e anche se dopo poche settimane desiderava ardentemente venire, gli piaceva che Jacci fosse severa con le libertà che lei concedeva. I giorni feriali erano già abbastanza stressanti per il suo carico di lavoro al giornale e il livello di servizio a Jacci che avrebbe dovuto mantenere, ma fortunatamente aveva del tempo libero nei fine settimana per rilassarsi. Il suo nuovo accordo finanziario limitava ciò che poteva fare per il tempo libero, ma nel corso dei mesi aveva notato che il suo conto in banca era al di sopra di quanto riteneva possibile e Jacci era felice del suo suggerimento di stanziare di più per ripagare i prestiti studenteschi e le carte di credito. . . Ha anche effettuato alcuni pagamenti extra per suo conto quando è arrivato il suo bonus bancario di fine anno.

In pubblico sembravano una coppia normale e quando hanno raccontato al loro gruppo di amici di questo sviluppo, pochissimi sono sembrati sorpresi di aver finalmente deciso di stare insieme. Avevano molto in comune e ora, con loro sorpresa, questo profondo legame sulla castità e la servitù forzata a Taylor.

Nei fine settimana, Jacci prendeva spesso in giro Taylor sessualmente e le loro sessioni di adorazione spesso duravano ore il sabato. Ha rapidamente associato l’adorazione di Jacci con la sua nuova forma di sesso e ha considerato il fatto che stava facendo sesso più della maggior parte del suo gruppo di coetanei, nonostante non lo facesse così spesso. L’ha trovato non meno frustrante, ma ha adattato i modi per gestirlo meglio nel tempo. Ora frequentava la palestra e manteneva l’appartamento immacolato per la maggior parte del tempo.

Poco dopo il primo anniversario del loro accordo, una mattina Taylor era timida in bagno, erano passati ventinove giorni dall’ultima sega e Jacci poteva vedere il desiderio bruciarle negli occhi. Era elegantemente vestita con un abito a coste nero aderente che terminava appena sopra il ginocchio con un blazer turchese e collant neri semi-opachi. I suoi capelli erano acconciati in una crocchia disordinata e ha applicato con cura il suo trucco leggero. In giro per casa, trasudava una sicurezza sessuale che intimidiva Taylor. Lo fece stare lì in silenzio per alcuni minuti mentre finiva di truccarsi prima di riconoscerlo. Si guardò i piedi con le mani intrecciate pazientemente davanti a sé. Dio, voleva così tanto il sesso.

Altre storie erotiche  Major Dominance Ch. 06 - BDSM

Lei annuì e si rivolse a Taylor, “Sì schiavo”.

“Posso per favore baciarti i piedi? È passato così tanto tempo e vorrei una sorta di rilascio fisico in questo momento.”

La fece arrossire, cosa che fece arrossire Taylor, non era troppo off limits, ma la richiesta la colse di sorpresa. Era ben consapevole del feticismo dei collant di Taylor, ma l’ha colta alla sprovvista. Non poteva negare che l’idea di un uomo che strisciasse ai suoi piedi come lei vestirsi la mattina è stato piuttosto eccitante.

“Mi renderebbe felice, anzi, d’ora in poi, quando sono in bagno la mattina, devi inginocchiarti e baciarmi i piedi. Capisci?”

Taylor salì rapidamente ai piedi di Jacci e iniziò a leccare: “Sì dea, grazie dea”.

Taylor non riusciva a credere alla facilità con cui quelle parole uscivano dalla sua bocca, ma con Jacci in piedi vestito com’era e lui eccitato quanto lui, non riusciva a trattenersi. Si sentiva così sottomesso e sotto l’incantesimo di Jacci. Nonostante le ore di lavoro e la mancanza di gratificazione sessuale, sentiva un brusio sessuale quasi costante. Quando arrivò ora, vide le stelle e spesso doveva cadere in un sonno profondo per riprendersi. I giorni seguenti furono deludenti a causa della perdita del costante brusio sessuale, ma essere negato ancora di più gli avrebbe probabilmente spezzato la mente.

È stato improvvisamente strappato dalla sua trance eccitata da Jacci che abbaiava: “Niente cazzo! Sai che qualsiasi piacere prende il mio cazzo è affar mio”. Taylor, nella sua disperazione, iniziò a battere il terreno mentre le baciava i piedi.

Con la faccia rossa, ha risposto: “Scusa signora, non me ne sono nemmeno accorto”. Era imbarazzato per essere stato ridotto a un pasticcio sul pavimento.

Si chinò e si prese il viso tra le mani: “So che la vita è dura per te in questi giorni, ma tu l’hai chiesto e te lo sto dando. Detto questo, ogni tanto penso un po’ di pietà quando accettabile.

Con le lacrime agli occhi, Taylor mormorò semplicemente: “Sì Dea, grazie Dea. È difficile essere uno schiavo, so di averlo chiesto, ma a volte è semplicemente insopportabile…” Si fermò quando la dea sollevò il piede davanti a sé del suo viso. . livello e ha iniziato a spalmare baci.

“Oh, lo so che non può essere facile da sopportare per nessuno. Sei praticamente il mio sex toy umano, sono stato qui più di 300 volte nell’ultimo anno dove hai avuto quei 10 orgasmi? È meglio di così di me avrei potuto immaginare e, francamente, sono stanco di privarmi del tuo cazzo.” Vide la faccia di Taylor diventare bianca e lui continuò a coprirle il piede stretto di baci mentre lei lo posava sulle piastrelle del bagno. Non osò alzare lo sguardo per paura che lei ridesse di lui e questo sarebbe stato parte della sua prossima presa in giro.

Alla fine, riuscì a mormorare attraverso le sue labbra tremanti: “Significa che stiamo facendo sesso?”

“Sì, schiavo, ecco cosa significa, nessuna corsa avrebbe fatto sesso. Molte volte, dato che sono sicuro che per quanto sei eccitato, non durerai più di un adolescente la sera del ballo di fine anno. Ci sarà un alcuni avvertimenti che aggiungerò per il nostro divertimento.” , ma penso che un po’ di quella frustrazione repressa valga la pena di rilasciare, vero?”

Aveva la bocca completamente secca, ma sussurrò: “Sì, oh mio Dio, sì, lo so”. Non poté fare a meno di emettere un lungo gemito frustrato mentre raddoppiava i suoi sforzi per baciarle il piede.

Jacci non ha potuto fare a meno di ridere: “Scusa, non sto scherzando, non ho mai visto nessuno più disperato per qualcosa in vita mia. Deve essere così che un uomo arenato nel deserto reagisce a un bicchiere d’acqua. “

Seguì le istruzioni delle Dee e chiamò dicendo che era malato. Dopo aver riattaccato il telefono, gli è stato ordinato di andare in bagno e di andare nella sua stanza. Quando entrò notò che Jacci stava attaccando qualcosa agli angoli del suo letto, mentre si avvicinava al lato più vicino a lui vide che erano delle manette. Prima che se ne rendesse conto, è stato ammanettato a braccia aperte al letto di Jacci con manette di pelle e una museruola nera posta sulla bocca.

Iniziò a strofinare leggermente le palle di Taylor mentre parlava: “Ora sei situata come uno schiavo deve essere in presenza di una dea. So che quest’ultimo anno è stato così lungo per te e così dolce a causa di quella piccola gabbia di plastica che ho sono orgoglioso del tuo decoro e francamente mi sono privato del sesso reale per un po’ ti ho fatto legare e imbavagliare da quando hai detto che ti piaceva il sesso bondage e con tutta questa anticipazione, voglio che sia bello come può essere Mi aspetto ancora che tu chieda o, in questo caso, brontoli il permesso di venire, ma siediti e divertiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *