Please Let Me Serve You Pt. 08 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Nota dell’autore: mi dispiace buttarlo all’improvviso, ma il nome della madre di John è Claire Addison. Potrei aver dimenticato di scrivere il nome nei capitoli precedenti e non era necessario, quindi è tutto. E a causa di esami sanguinosi, test e cose del genere, ci è voluto un’eternità per scrivere.

Mi sono svegliato quando ho sentito le sue labbra sulle mie. Aprendo lentamente gli occhi, dico:

“Buona giornata, signora.” poi gli sorrise dopo aver rotto il nostro bacio.

Era già vestita. E aveva in mano due tazze di caffè.

“Buongiorno, amore mio. Come hai dormito?”

“Buona padrona. Mi sentivo come in paradiso, ed ero sdraiato su una nuvola, mentre gli angoli intorno a lei mi accarezzavano dolcemente i capelli.”

Mi guardò a lungo e sorrise brillantemente.

“Come ti senti dopo ieri? Soffri molto?” lei dice.

“Sto bene, signora. Per favore, non si preoccupi.”

“Sono contento di sentirlo. Penso che abbiamo esagerato un po’. Ma devo dire che mi è piaciuto”.

Mi porse una tazza di caffè. L’ho preso e ho detto:

“Beh, sapere che ti è piaciuto. Mi rende felice.” La guardai negli occhi e le sorrisi, assicurandole che stavo bene.

“Buono a sentirti, amore mio.” lei ricambiò il sorriso e mi accarezzò la testa.

Volevo essere quello che la serviva. Ma non ero riuscito ad alzarmi prima. Quindi abbiamo dovuto scusarci per questo.

“Mi dispiace signora. Avrei dovuto fare il caffè. Per favore, mi scusi.” c’era un’espressione delusa sul mio viso. Volevo accontentarla così tanto che dormivo troppo e non essere stato io a svegliarla mi ha fatto pensare di non essere riuscito a farle piacere.

Sapeva cosa stavo pensando. Poteva leggermi come un libro aperto. Accarezzandomi la guancia, dice:

“Non incolpare te stesso per questo. Avrei potuto svegliarti. Ma ho deciso che starò bene per una volta. In effetti, questo potrebbe essere un motivo per cui ti punirò più tardi. Non tu .” voi?”

Sorrise, si chinò su di me e mi baciò sulla guancia.

“Grazie, signora! E sì, sì, sarei felice di essere usato da voi come meglio credete.” Sì, naturalmente. Mi ha reso felice sapere che gli ho portato piacere. Non importa come. Se lei volesse che saltassi, lo farei. Quindi, ovviamente, avrei lasciato che mi punisse senza lamentarsi. Sentivo che il suo tocco era l’unica cosa di cui avevo bisogno.

Poi mi guardò amorevolmente e disse:

“Ho già preparato le nostre valigie. Portale in macchina. Ma prima, goditi il ​​tuo caffè in pace.”

“Certo signora. Grazie ancora.”

Mi prese il mento con la punta delle dita e mi baciò sulle labbra.

“Controllerò Becky per vedere se è pronta.”

Senza un’altra parola, mi accarezzò di nuovo la testa e lasciò la stanza.

Ho preso un sorso di caffè. Non era dolce come pensavo, ma l’ha fatto per me, quindi mi è piaciuto molto. Ho finito la mia tazza in pace. Poi mi sono vestito e sono sceso al piano di sotto. Ero quasi arrivato quando la padrona mi passò accanto, mi prese per mano e mi riportò in camera da letto.

“Abbiamo ancora mezz’ora prima di partire, e ti userò per avvicinarti, o forse sei fortunato e ti lascerò venire. Per tua informazione, quando torneremo, tornerai di nuovo nella gabbia .”

“Certo signora, qualunque cosa voglia.” Avevo quasi dimenticato la gabbia. Quei pochi giorni di libertà sono stati così belli che me ne sono completamente dimenticato. Ma il suo desiderio era assoluto, quindi avrei obbedito in ogni caso.

“Ti colpirò solo per renderti ancora più eccitato quando sarai rinchiuso. Oh, solo a pensarci mi fa bagnare. Mi dispiace amore, ma dovrai sopportarlo.”

“Certo, signora. Per lei sopporterei qualsiasi cosa.”

“Bene! Ora…” lasciò la parola in sospeso e guardò il pavimento per una frazione di secondo.

Sapevo cosa ci si aspettava da me. Così ho ingoiato il resto del mio caffè e sono saltato giù dal letto, mi sono inginocchiato e le ho baciato i piedi.

“Toglilo. Non hai bisogno di vestiti in questo momento.” disse sorridendo dolcemente.

Il suo tono dolce e il suo sorriso affettuoso mi hanno fatto battere il cuore. Ho afferrato i miei vestiti il ​​più velocemente possibile. E poiché non l’ho usato molto, mi ha reso le cose più facili. Per essere precisi, indossavo solo boxer.

“Oh, vedo che sei pronto. O è solo il tuo bisogno mattutino?”

“Sono sempre pronto per lei, signora. Ogni volta che ha bisogno di me.”

“Certo che lo sei. Ora è il momento di diventare nitidi.”

Mi ha calpestato e ha spostato le dita dei piedi sopra la testa del mio membro. Era buono, ma ora non ero ipersensibile, quindi questo ha reso le cose più facili.

“Beh, stai bene. Che ne dici se intervengo un po’?” ha detto e ha premuto più forte su di me quando ha detto “passo”.

“Come desidera, signora. Tutto ciò che desidera.” Ho detto.

“Sappiamo entrambi che è così. Farai qualunque cosa ti chieda, ogni volta che voglio.”

“Sì signora. Lo farò.”

Ha mosso il suo piede su e giù per la mia lunghezza. Mi sentivo così bene che chiusi gli occhi ed espirai lentamente, cercando di rilassarmi. La sentii afferrarmi per i capelli. Mi tirò e inclinò la testa, costringendomi a guardarla. Ho aperto gli occhi e loro hanno incontrato i suoi.

“A chi appartieni? lei chiese.

“Per lei, signora. Solo per lei.” Ho detto e pensato ogni parola. Ho vissuto per compiacerlo. A pensarci bene, non riesco nemmeno a immaginare un giorno senza di lei. E non voglio. Eravamo come i lati opposti di una calamita, attratti insieme.

“Bravo ragazzo!” disse con voce dolce.

Ha lasciato andare i miei capelli. I suoi movimenti del piede divennero più veloci. Lo ha spostato su e giù per la mia lunghezza, e quando stava per scendere ha mosso le dita dei piedi sopra la testa del mio cazzo. È stato elettrizzante. I suoi movimenti erano incredibili, ma ogni volta che muoveva le dita dei piedi, mi dimenavo un po’. Sembrava troppo bello. Ho provato a respirare a tempo con i suoi movimenti, ma non è servito a molto. Ho cercato di trattenermi il più possibile. Ma era più facile a dirsi che a farsi. Mi sono concentrato sul mio respiro. Poi ho cercato di concentrarmi su tutto tranne che sul mio membro e sull’incredibile stimolazione che stavo ricevendo. Ma dopo un po’ il mio membro pulsava e si è fermato immediatamente.

“Stai cercando di venire?” lei chiese.

“No signora!” Ho cercato di dirlo il più velocemente possibile, poi ho aggiunto: “Hai detto che era difficile, quindi dubito che mi lascerai andare”. Non oserei farlo senza il tuo permesso.

“In realtà, non lo farai. Ma, se l’hai fatto. La punizione per questo sarebbe severa. Non solo ti rovinerò l’orgasmo, ma non ti permetterò di venire per il prossimo mese. Capisci ?

Sorrise con un sorriso che sembrava compiaciuto e sadico. Sapevo che lo rendeva felice. Dubitavo di poter durare un mese. Ho dovuto sopportarlo, qualunque cosa accada. E ovviamente ho risposto con l’unica risposta possibile:

“Sì signora. Non vorrei disobbedirvi. Vivo per servirvi e voglio rendervi felice, quindi farò del mio meglio e cercherò di non venire.”

“Bravo ragazzo!” ha poi continuato il suo lavoro in piedi.

Dopo qualche minuto dice:

“Farlo è noioso. Ho un’idea. Ogni volta che vuoi che mi fermi, così puoi avere la tua ‘piccola pausa’. Ti darò uno schiaffo forte sulla guancia. Come suona?”

“Certo signora, come lei desidera.”

“Ma cosa ne pensi?

“È una buona idea, anche se mi rende le cose più difficili. Mi piacerebbe”.

“Oh, amami anche tu. Adesso andiamo.

Si sedette e prese il mio membro tra i piedi e parlò in tono autorevole:

“Gobbo, schiavo.”

Ho iniziato goffamente, muovendo i fianchi. Era un po’ imbarazzante farlo in ginocchio, ma siccome non mi era permesso alzarmi, ho cercato di fare del mio meglio. Ho spostato il mio membro dentro e fuori dai suoi adorabili piedi. Ho provato a farlo lentamente in modo da poter tenere il più a lungo possibile. Non volevo deluderla. Lei se ne accorse e disse con voce roca:

“Non fai niente del genere! Accelera, vai più forte. Vuoi che ti punisca per aver fatto un cattivo lavoro?”

disse e mi fece un sorriso diabolico. Potrei dire che le piaceva molto. Stava cercando di renderlo il più difficile possibile per me.

“No signora, per favore non lo faccia. Mi dispiace! Lo farò più velocemente. Per favore, perdonami.”

Ho iniziato ad andare più veloce prima ancora di finire la frase.

“Bene. Vediamo come si fa ammenda per questo.” ci pensò per un secondo e aggiunse. “Pensavo di lasciarti andare dopo altri cinque minuti. Non doveva essere così serio, ma ora penso che estenderò quel tempo a quindici minuti.”

Quindici minuti non erano lunghi. Mi sono detto.

“Sì, certo, signora. Il vostro schiavo si scusa per il suo comportamento scorretto. Non succederà più.”

“Certo che no. O il mio schiavo sarà severamente punito e rinnegato.” fece un respiro profondo e disse. “Sono davvero eccitato in questo momento, non deludermi o te ne pentirai.”

“Si Signora…”

Prima che potessi finire la frase, mi ha attirato più vicino e mi ha schiaffeggiato di nuovo forte. Il dolore mi ha attraversato la guancia. Faceva male, ma dovevo sopportarlo. Non volevo immaginare cosa avrebbe in serbo per me l’amante se avessi fallito.

Ho continuato a muovere i fianchi il più possibile. Il mio corpo era caldo, il mio respiro affannoso. Il piacere stava diventando sempre più forte. La mia lunghezza si spostava tra i suoi piedi e ogni volta che passavo la testa, le mie cosce si irrigidivano un po’. Passarono ancora pochi minuti e iniziai a moltiplicare i numeri, cercando di dimenticare il divertimento. Volevo davvero venire, ma non oserei. Deve aver notato che stavo cercando di non essere troppo attenta, quindi mi ha abbracciato più forte con i piedi. Era così buono. Ho iniziato a contare i secondi solo per non perdermi troppo nel divertimento. Passarono altri cinque minuti, durante i quali feci di tutto per non pensare al futuro e sopprimere la sensazione nel mio cazzo. Essendo così eccitato, non ero più in grado di fare i conti, quindi ancora una volta sono stato travolto da questa meravigliosa sensazione e ho trovato difficile andare avanti. Mi tremavano le gambe. Il sudore scorreva lungo il mio corpo. Fui travolto dal silenzio, ignorando completamente il suono del mio respiro e tutto il resto. Tutto ciò su cui potevo concentrarmi era il piacere che il maestro mi stava dando. Ero quasi in trance. Ebbene, finché questa trance non sarà interrotta dalla sua voce:

“Per il resto della tua tortura, ti dirò quando andare sempre più veloce.” Inteso ?

“Sì signora.”

“Ora vai più veloce!” »

Ho iniziato a fare sesso più velocemente, ma il mio corpo era sull’orlo dell’orgasmo, quindi ho cercato di raggiungere la migliore velocità che mi avrebbe aiutato per il tempo che mi era rimasto. Proprio quando pensavo di avere una possibilità, l’amante ha parlato e ha ribaltato la situazione.

“Vai più veloce di così.”

L’ho fatto, ma sapevo che non potevo sopportarlo, quindi ho iniziato a supplicarla.

“Per favore signora, per favore fatemi rallentare un po’. Sono troppo vicino. Mi dispiace. Per favore, per favore, abbiate pietà del vostro schiavo.”

Sapevo che disobbedirgli era sbagliato, ma venire senza il suo permesso era peggio. Così ho deciso di scegliere il male minore.

Lei pensa per qualche secondo. Ma alla fine ha detto:

“Va bene, sarò gentile e ti lascerò rallentare un po’.”

“Grazie signora, grazie mille.”

Detto questo, sono andato un po’ più piano. Adesso era sopportabile. Potrei trattenere il tempo rimanente senza problemi.

Un po’ di pre-sborra è gocciolato sul piede del capo e lei mi ha dato un leggero calcio nelle palle dicendo:

“Stai cercando di venire dopo che sono stato così generoso e ti ho permesso di rallentare? Dovrei prenderti a calci più forte?”

“No signora. Per favore no, non volevo. Mi dispiace. Per favore, trova il coraggio nel tuo cuore di perdonarmi.”

“Okay, ti perdono”, disse con un sorriso stampato in faccia. “ma è solo perché il tempo è scaduto e tu non sei venuto.” Allora come ti senti?

“Sinceramente, signora, sto bruciando di desiderio. Voglio davvero venire, ma nemmeno io. Voglio aspettare che mi dia il suo permesso.”

“Bravo ragazzo!” disse e mi accarezzò la testa, poi tirandomi i capelli, unì le nostre labbra e mi diede un lungo bacio, mentre mi accarezzava i capelli.

“Per ora basta. Mettiti i vestiti e porta tutto in macchina.”

“Sì, signora. Ma non dovrei prima asciugarvi i piedi?”

“Va tutto bene. Posso farlo da solo. Vai ora!”

Sempre in ginocchio, le baciai lentamente le cosce e andai a portare tutto in macchina.

Appena il bagaglio fu nel bagagliaio, entrai. Fortunatamente il mio membro ora era un po’ più morbido, così potevo muovermi facilmente. Ho visto la padrona e la signorina Becky parlare e mentre passavo davanti a loro ho detto:

“Mi scusi, vado a rifare il letto.”

La signora mi ha afferrato per la maglietta e mi ha tirato indietro dicendo:

” L’ho già fatto. Sembra che tu sia arrivato in ritardo.

“Mi dispiace signora.” dissi e mi inchinai a lui.

“Oh, non preoccuparti. Va bene. Forse ti prenderò in giro molto di più quando torniamo.” disse dolcemente e allegramente, poi mi sorrise.

“Cosa, ti rivolgi a lui?” dice Becky.

“Sì, lo sono. E non so quando permetterò che venga rilasciato.”

“Beh, scommetto che sarebbe divertente. Ora andiamo fuori, il signor Robin sta aspettando che ti diamo la chiave.”

Scendemmo ed eccolo lì, vicino alla macchina.

“Ciao a tutti. Spero vi sia piaciuto il vostro soggiorno. Tornate.”

“Noi, signor Robin. Forse prima di quanto pensi.” dice Becky.

“Bene! È stato un piacere conoscervi entrambi.” disse, stringendoci la mano.

“Allo stesso modo.” abbiamo detto entrambi quasi allo stesso tempo.

Sorrise e rispose:

“Beh, non sei in perfetta armonia.”

Ci guardiamo e sorridiamo.

Becky ha dato la chiave al signor Robin. E grazie per esserti preso cura della casa. Si salutarono e si avviarono verso la macchina. Becky ha quindi avviato il motore, mentre io e la padrona ci siamo seduti sul sedile posteriore. Mentre ci voltavamo, lo salutammo e lui ricambiò. Continuò a salutarci quasi finché non fummo fuori vista, poi andò a casa, probabilmente per controllare che tutto fosse chiuso a chiave.

“Becky ha messo un po’ di musica.” detto amante.

“Certo, Em. Hai capito, stavo pensando la stessa cosa.”

Becky ha avviato l’audio e ha suonato Drive by, by Train. Allora la signora si voltò verso di me e disse:

“Ti prenderò in giro molto quando torniamo, quindi ora mi riposerò un po’.”

“Certo signora.”

Appoggiò la testa sul mio grembo e chiuse gli occhi. Poi ha detto:

“Dovresti andare a trovare tua madre quando arriviamo.” Potrebbe essere preoccupata. Inoltre, voglio invitarlo a cena.

“Certo signora.”

“E devi stare attento con questo ‘amante’, non farlo scappare davanti a tua madre. Capiche?”

“Sì, certo, signora.”

“Bene! Anzi, dimentica il resto. Che ne dici se ti prendo in giro di nuovo?” disse in tono dolce e affettuoso.

Per quanto gentile potesse essere il tono, sapevo che c’era anche un po’ del suo lato sadico in lui. Dopo la presa in giro precedente, non ne volevo più. Soprattutto sapendo che non mi avrebbe permesso alcun rilascio. Ma c’era solo un’opzione. E tu ed io lo sapevamo.

“Certo, signora. Per favore, lo faccia.”

“Chiedimi di più! lei chiese.

“Per favore, signora, per favore, mi prenda in giro! La sto implorando. Per favore, mi prenda in giro finché non divento matto.”

“Lo sai che non ti è permesso venire, vero?”

“Lo so, signora.”

“Beh, il mio animale domestico! Ti piace soffrire per piacere mio. Non è vero ? »

“Sì, signora. Per favore, usatemi come desiderate.”

Becky intervenne dicendo:

“Ehi, voi due. Mi fate venire voglia di fermare la macchina e venire da voi.”

“Inseguire.” detto amante.

“Beh, purtroppo siamo già sulla strada principale, quindi non posso fermarmi qui. Inoltre, so che lo vuoi tutto per te.” Becky ha aggiunto.

“È vero.” disse la signora ridendo.

Poi ha abbassato i miei pantaloni e il mio membro ha preso vita con vigore.

“Beh, guarda questo. Sei già così duro. È dovuto alle prese in giro di prima.”

Mise la mano intorno al mio membro e iniziò a spingerlo forte e veloce. Un piccolo lamento mi sfuggì dalle labbra, così digrignai i denti, reprimendolo. Ma è stato comunque notato. E come potrebbe non farlo. Ha esercitato la sua magia su di me così bene che probabilmente potrebbe spingermi oltre il limite con un solo dito. Dopo un minuto o due in cui mi aveva torturato, sussultai un po’, perché non mi ero ancora ripreso dalla presa in giro precedente.

“Cosa, ti stai già arrendendo? Devo punirti per la tua mancanza di autocontrollo?”

La guardai con uno sguardo implorante e le dissi:

“No signora, per favore non lo faccia. La prego. Cercherò di non cedere di nuovo. Mi dispiace.”

“Forse lo farò, forse no. Vedrò. Ora stai zitto e prendilo.”

I suoi movimenti divennero ancora più veloci. Ho sentito il piacere salire in me. Mi afferrò forte per i capelli e mi tirò più vicino, baciandomi sulle labbra. La sua lingua si è fatta strada nella mia bocca. Le nostre lingue si erano appena toccate e ho sentito il suo ritrarsi. Il mio è andato a inseguirlo, ma lei lo ha morso leggermente mentre stava per toccare il suo. La mia lingua ha ceduto al suo destino e ha smesso di muoversi. Durante questo periodo, ha continuato a masturbarmi. Mi stavo avvicinando e lei lo ha notato, quindi ha iniziato a farlo lentamente. La sensazione è bastata a darmi molto piacere, ma non abbastanza a farmi venire. Tuttavia, se avesse continuato così per un po’, ero sicura che sarei venuta anche con quei movimenti lenti. Si avvicinò al mio orecchio e vi soffiò delicatamente dentro. Il suo alito caldo mi ha reso ancora più eccitato. Poi morse delicatamente. Non potei fare a meno di emettere un piccolo gemito.

“Era così dolce.” lei dice.

La sua presa sul mio cazzo si strinse e tirò la pelle del mio cazzo fino in fondo. Il mio membro pulsava ed è uscito un po’ di pre-sborra. Lei tolse la mano e disse:

– Becky, mi serve un fazzoletto. Hai qualche?

“Penso di sì.” Becky ha risposto

Senza guardare, aprì il bracciolo e si guardò intorno. Poi ha preso un pacchetto di fazzoletti e li ha lanciati alla signora. La padrona lo prese in aria e diede al mio membro alcuni colpi veloci, poi allontanò la sua mano da lui. Aprì il pacco e tirò fuori un fazzoletto. Con esso, prima si asciugò la mano, poi il mio membro, prestandogli cure extra, in particolare il mio frenulo. Anche pulendo, continuava a stuzzicarmi, a stimolarla. Ho iniziato a rimanere senza aria. Non riuscivo nemmeno più a pensare chiaramente. Il mio cervello si è trasformato in poltiglia. La mia vista era sfocata. Il mio cuore stava per scoppiare fuori dal mio petto. Il mio corpo bruciava dentro. Ha lasciato cadere la sciarpa e ho pensato che mi avrebbe lasciato riposare. Ma lei no. Ricominciò a spingermi, con colpi lunghi e lenti. Stavo per impazzire. Ma lei parlò, riportando la mia attenzione su di lei.

“Ti sei perso nel divertimento?”

Il suo tono divenne improvvisamente freddo. Ne sono uscito. Sapevo che non era felice. Non ho potuto rispondere da quando ha parlato di nuovo.

“Hai dimenticato di chi è importante il piacere qui?”

“Sta a voi, signora. Mi dispiace.”

Mi ha schiaffeggiato leggermente sulle palle. Per quanto leggero fosse, faceva ancora male. Sfortunatamente, ho provato a muovere la mano per proteggerla, ma mi sono fermato a metà, sapendo che non era un’opzione. Aveva il diritto di fare di me quello che voleva. Gliel’avevo dato. E non volevo che tornasse.

“E ora stai cercando di proteggerti?” È come questo ? detto amante.

Apparentemente, non potevo fermarmi abbastanza velocemente. E sapevo che l’amante non era felice, quindi le ho chiesto perdono.

“Mi dispiace, signora. Per favore scusami ! Mi dispiace. non potevo fermarmi. Era come un riflesso.

Mi afferrò per le palle e le strinse forte. Ha fatto così male. I miei occhi lacrimavano. continuavo a ripetere.

” Mi dispiace ! Mi dispiace ! Mi dispiace !

Il mio membro ha iniziato a diventare morbido. Ma prima che potesse farlo, lei lo afferrò di nuovo e iniziò a scuoterlo, così tornò in vita. Poi ha rilasciato la presa sulle mie palle.

“Attento John. Sei nei guai.” disse Becky quasi ridendo.

La signora allora disse:

“Ora ti lascio in pace. Ma se fai qualcos’altro che non mi piace per niente. Oh, non credo che tu voglia sapere cosa ti succederà.”

“Non lo farò, giuro che non lo farò. Grazie per essere stata così generosa con il vostro schiavo, signora.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *