Please Let Me Serve You Pt. 09 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Quando mi sono svegliato, erano circa le 16:00. La signora stava ancora dormendo. Così sono andato a fare i panini. Ho messo del caffè nella macchinetta e sono tornato a vedere se era sveglia. Quando arrivai in camera da letto, aprii lentamente la porta ed eccola lì, che dormiva ancora dolcemente. Era così carina, il bianco era sulla sua vita. I suoi seni, pancia e gambe perfetti erano in mostra. Era una gioia per gli occhi. Ero così felice di stare con lei. Quando sono tornato a casa dal college pensavo che non avrei avuto niente di interessante da fare, ma ora mi sento benedetto. Non riesco nemmeno a immaginare come sarebbe tornare indietro. Rabbrividì un po’ e io le tirai addosso la coperta, supponendo che avesse freddo. Mi sono seduto sul bordo del letto, solo a guardarla. Era così bella. Alla fine, aprì gli occhi e io uscii di scatto dalla mia trance. Lei sbadigliò piano, si portò la mano destra alla bocca e disse:

“Oh, sembra che abbia dormito troppo. Mi hai aspettato troppo a lungo?”

“No, signora. Ma anche se dovessi aspettare, aspetterei tutto il tempo necessario.”

Ho abbassato la testa per posare un bacio sulla sua fronte. Mi tirò per il mento e French mi baciò dolcemente sulle labbra.

“Vuole del caffè o del tè, signora?”

“Caffè.”

“E le piacerebbe, signorina?”

“Forte, con 2 zollette di zucchero e qualche goccia di latte.”

“In arrivo.”

“Grazie amore mio.”

Sono andato in cucina e mi sono fatto un caffè, poi ho fatto il suo perché non volevo che si raffreddasse. Dopo qualche minuto, sono tornato da lei, ho messo la mia tazza per terra e, in ginocchio, le ho dato la tazza, dicendo:

“Ecco, mia dea. Spero che il caffè ti piaccia.”

Bevve un sorso e disse:

“È l’amore perfetto.”

“Mi fa piacere sentirlo.”

“Dobbiamo fare la camera degli ospiti, per mia sorella. Anche se non è così grande, dovrebbe bastare.”

La camera degli ospiti era un po’ più in fondo al corridoio sullo stesso lato della stanza in cui ci trovavamo. Ma siccome la signora non aveva molti ospiti che soggiornavano, non era molto abituata. Non c’ero mai stato, anche se ci sono passato un paio di volte, la porta era chiusa a chiave.

“Ho usato la stanza come ripostiglio, per cose che non ho usato. Quindi sarebbe bello pulirla e buttare via tutto ciò che non è necessario. Il tuo aiuto con la pulizia accelererà enormemente il processo. Potresti ottenere una ricompensa in questo modo”.

I miei occhi si illuminarono alla parola “ricompensa”. Ma, ovviamente, l’avrei fatto anche senza di lui. Farei qualsiasi cosa per lei.

“Dovresti anche prendere dei vestiti da casa tua. Penso che dovresti restare qui stanotte. E ora che tua madre sa di noi. Non dovrebbe essere una cosa difficile da fare.”

“Certo, signora. Posso farlo ora o più tardi, quando avremo finito di pulire.”

“Dovresti farlo ora, perché probabilmente ci sporcheremo. Voglio dire, può diventare piuttosto polveroso lì dentro.”

“Certo signora.”

Abbiamo finito i nostri caffè. Mi sono vestito e sono andato a lavare le tazze. Quando tornai da lei, la signora si era appena vestita. Quindi ho detto:

“Signora, vado a prendere dei vestiti e tornerò il prima possibile.”

“Okay, amore mio. Inizierò a pulire. Prima di partire, dovresti pagarmi il rispetto che mi devi.”

Ho sorriso e ho detto:

“Certo, mia dea.”

Allora mi sono inginocchiato, gli ho baciato i piedi dicendo:

“Grazie per avermi permesso di servirti, mia dea!”

“Sei il benvenuto, schiavo! Vai via adesso.

Avevo un sorriso sulle labbra, quindi mi ha chiesto:

“Perchè stai sorridendo?”

“Niente, signora. Sono solo felice di averla incontrata.”

Rimase in silenzio per un secondo o due, poi disse:

“Dovresti sbrigarti a prendere i vestiti e tutto ciò di cui hai bisogno da casa… o potrei saltarti addosso in questo momento.”

“Non mi dispiacerebbe, mia dea.”

“Beh, lo farei, perché allora potresti non essere in grado di camminare lì, quindi vai!”

Ho sorriso.

“Lo apprezzerei.”

“Anch’io, ma abbiamo cose da fare! Adesso vai. Ti confonderò più tardi. Chiedi anche a tua madre se vuole unirsi a noi per cena. Non voglio che pensi che io volo.” sei lontano.”

“Va bene, signora.”

“Bene! Adesso taglia, taglia. Vattene.”

Senza un’altra parola, mi sono alzato, mi sono inchinato a lei e sono corso a casa. Ma era questa casa? La mia casa era dov’era. E l’altro posto è dove sono cresciuto. A quanto pare ho due case. Ho pensato. Amico, sono fortunato.

Sono andato a casa. La mamma era lì. Gli ho spiegato la situazione.

” Che cosa ! Ti muovi ? »

“Passerò comunque, lo giuro.”

Il silenzio riempie la stanza. Dopo alcuni secondi che sembravano ore, la mamma disse:

“Lei ti rende felice?”

“Lo fa, davvero. Ci tengo molto a lei. E anche lei tiene a me. Ancora più importante, starai bene? Posso restare se vuoi?

“Sto bene. Non preoccuparti. Penso che sia meglio. Dato che hai un sacco di farfalle nello stomaco.”

“Inoltre, Emily vorrebbe invitarti a cena.” Viene anche sua sorella.

“Vedo che sarebbe adorabile. Dai il mio numero a Emily. Non posso questa settimana. Probabilmente più tardi. Può chiamarmi quando ne ha bisogno.”

“Andrà tutto bene mamma. Grazie anche.

“Non devi ringraziarmi. Quando sei al college, sei a poche ore di distanza. Dieci minuti di macchina non sono molti. Sono una brava mamma, ovviamente ti ho lasciato andare da lei.”

disse e sorrise.

“Che tu sei.”

“Va bene, vai adesso.”

E con questo, stavo andando alla fattoria. Quando sono arrivato la signora aveva già iniziato a pulire la camera degli ospiti. Aveva spostato alcune scatole a lato della porta. Entrai in camera da letto e la vidi. Indossava jeans attillati, una maglietta nera e calzini bianchi. I suoi capelli erano raccolti in una coda di cavallo:

“Come posso aiutarla, signora?” »

“Oh mio amore. Sono contento che tu sia qui. Prendi quel sacchetto di plastica pieno di spazzatura e buttalo via. E sposta quelle 3 scatole in fondo al corridoio.”

“Come desideri, mia dea.”

Ho spostato le scatole e buttato via i bidoni della spazzatura come ordinato. Così sono tornato.

“Cos’altro posso fare, signora?” »

Si voltò mentre puliva l’angolo della stanza. Non poteva raggiungerlo, quindi era in piedi su una sedia.

“Apri la finestra.”

Li ho aperti e quando mi sono girato; era fuori dalla sedia. Lei mi guardò e disse:

“Quella sedia era così scomoda. Mi facevano male i piedi. Penso che dovrei sostituirla con una sedia automatizzata.”

Sapevo cosa intendeva. Così ho chiesto:

“Posso avere l’onore di sostituire questa sedia, signora?”

“Beh, sì che puoi. Portalo fuori dalla stanza così è fuori dai tuoi piedi e vieni a prendere il suo posto.”

L’ho fatto, e in pochi secondi; Ero tornato al tuo fianco.

“Come mi vorresti, signora? A quattro zampe o forse posso portarti sulle mie spalle.”

“Mentre mi piacerebbe calpestarti.” Cosa posso fare dopo. Sarà più facile per me se mi porti sulle spalle.

“Capito signora. Sarei felice di essere calpestato da lei.”

“Certo che sì. Ora cominciamo!”

mi sono inginocchiato; si fermò sulle mie spalle; Mi sono alzato e ho chiesto:

“Da dove dovremmo iniziare?”

Lei non ha risposto. Invece, mi afferrò per i capelli e mi tirò la testa nell’angolo interno destro della stanza. L’ho seguita dove mi ha tirato i capelli. Era come se fossi il suo cavallo. Che non mi importava. Ha iniziato a pulire l’angolo. E quando ha finito, mi ha tirato di nuovo i capelli e l’ho seguita. E dopo un po’ noi abbiamo finito. Mi sono inginocchiato in modo che potesse uscire facilmente. Abbiamo continuato a pulire la stanza per un’altra ora. In cui spolveriamo accuratamente, spazziamo il pavimento e poi lo puliamo con un lavapavimenti. Poi abbiamo pulito la finestra e, dopo aver fatto entrare un po’ d’aria fresca nella stanza, abbiamo rifatto il letto.

“Ora che abbiamo finito qui, possiamo andare in camera nostra così puoi massaggiarmi i piedi e lasciarmi rilassare un po’ prima che arrivi mia sorella. Ora portami lì!”

“Sì signora.”

L’ho presa in braccio e l’ho portata in camera da letto. Lungo la strada, ci siamo baciati tutto il tempo. Quando siamo arrivati ​​nella sua stanza, l’ho stesa sul letto e mi sono inginocchiata sul pavimento di fronte a lei. Poi si è tolto i calzini per massaggiarsi i piedi. Li ho massaggiati partendo dal centro con i pollici e scendendo fino alle dita dei piedi. Con le dita tra di loro, le massaggiavo delicatamente le dita dei piedi e con i pollici le massaggiavo la pianta dei piedi e le arcate.

“Apri la bocca, schiavo!”

L’ho aperto e lei ci ha piantato il piede destro, facendomi sussultare. Istintivamente indietreggiai e tossii.

“Ti sei appena allontanato da me?”

“Mi dispiace signora.”

“Stai zitto e baciami i piedi.”

Ho abbassato la testa per baciarle i piedi e mentre baciavo il suo piede destro; mi ha calpestato la testa con la sinistra e ha spinto la mia testa a terra.

“Non ti piace stare sotto di me. Lo fai assolutamente, vero?”

“Io amo signora, grazie per avermi schiacciato.”

“Baciami i piedi.” disse e mise i piedi per terra.

Ho iniziato a darle baci su tutte le dita dei piedi. I suoi piedi odoravano davvero bene, come l’arancia. Probabilmente da una lozione. Erano belli e dolci. Erano quasi perfetti. Anche le sue unghie erano perfettamente fatte. Tutto in loro era bellissimo.

” Tira fuori la lingua. Ti userò come mia copertura. E non preoccuparti, i miei piedi non sono sporchi, voglio solo umiliarti un po’ per il mio e per il tuo piacere. Non ti piacerebbe? “

“Mi piacerebbe molto, signora. Grazie per avermi usato come tappeto.”

“Sei un bravo ragazzo. Cosa ho fatto per meritarti?”

“No signora, dovrei chiederlo a me stesso. Grazie per avermi permesso di servirvi. Usami come desideri. Sono felice di esserti utile.”

Ho tirato fuori la lingua e lei ci ha passato sopra il piede. Era esattamente come aveva detto. Ero la sua stuoia.

“Che sapore hanno? »

“Hanno un sapore fantastico, signora. Grazie per avermi dato il privilegio di leccarli! Sono onorato!”

“Beh, se sei così onorato, allora dovresti andare avanti!”

“Certo, mia dea.”

Continuavo a leccargli i piedi come se fosse un cane. Ho fatto scorrere la lingua dalla parte inferiore del tallone alla punta dei piedi. Ho continuato a correre, la mia lingua prendendo lunghe leccate finché non ho leccato entrambi i suoi piedi.

“Di’ oh.” detto amante.

Ho aperto la bocca e lei ci ha messo il piede dentro. Ho resistito all’impulso di soffocarmi in qualche modo. Ha poi detto:

“Succhiami il piede, puttana!”

Incapace di rispondere, ho semplicemente obbedito. Ho fatto schifo come se la mia vita dipendesse da questo. Mi leccai la lingua tra tutte le sue dita mentre le succhiavo il piede. Improvvisamente si è spinta più a fondo, facendomi sussultare di nuovo, e ho sussultato.

“Come osi scappare?! disse severamente ma con un sorriso stampato in faccia.

“Mi dispiace signora. Farò del mio meglio per assicurarmi che non accada di nuovo.”

Poi mi ha rimesso il piede in bocca. Ho succhiato meglio che potevo. Lo ha spinto in profondità nella mia bocca. Le lacrime mi scorrevano sul viso per il soffocamento. Il mio riflesso del vomito non poteva fermarsi. Ma ho comunque cercato di fare del mio meglio per lei, come al solito. Alla fine ha tolto il piede dalla mia bocca e ha detto:

“Adesso continua il massaggio!”

“Sì signora!” dissi, e gli sorrisi con la faccia che cominciava a sembrare un disastro, per tutte le lacrime e la saliva.

Le ho massaggiato i piedi come meglio potevo per i successivi 20 minuti, finché non si è annoiata e mi ha detto di fermarmi.

“La tua gabbia è illuminata?

“No signora. Dovrei portarla così mi puoi rinchiudere?

“Non c’è bisogno, mi stavo solo chiedendo se ti sei chiuso fuori.”

“Posso andare a metterlo, se questo è il vostro desiderio, signora.”

“Ho detto che non ce n’era bisogno. Se ti voglio, ti metto dentro di me.”

“Certo signora, grazie per avermi concesso questa libertà.”

“La tua libertà ha un prezzo. Togliti i vestiti e stenditi per terra, ti calpesterò come ho detto.”

“Certo signora.”

Mi sdraio per terra. Si alzò e disse:

“Rafforza il tuo stomaco.”

L’ho fatto e lei ci ha calpestato.

” Come ti senti ? Sono troppo pesante?

“No signora. Lei è perfetta.”

Fece un passo avanti e mi calpestò il petto.

“Come ti senti, è più difficile respirare? »

Era un po’ più difficile, ma sopportabile. Quindi gli ho detto che andava bene.

“Va tutto bene, signora. In realtà, mi piace.”

“Meraviglioso, semplicemente meraviglioso. E se ti pestassi la gola? disse, facendo un passo verso di lui, premendo leggermente le dita dei piedi nella mia trachea.

“Se questo è il suo desiderio, signora. Sarei felice di accontentarla.”

Lei ride e dice:

“Sto scherzando. Non voglio ucciderti, rilassati.”

Poi si è seduta sul mio membro e si è chinata per baciarmi. Le nostre labbra si unirono. Le nostre lingue sono intrecciate. Mi ha morso delicatamente il labbro inferiore e si è spostata verso il mio collo, dove ha posizionato più succhiotti su quelli che non erano guariti. Rendili più visibili.

“Hai fame?” ha chiesto, e ho capito cosa intendeva.

“Ho sempre fame dei vostri gusti, signora.”

“Va bene, allora mi leccherai, cagnolino.”

Si è vestita in un attimo. E rimuovendoli, dice:

“Volevo davvero portarli fuori più lentamente e prenderti in giro, ma considerando quanto mi ecciti eccitato, non voglio più aspettare.”

Nel giro di un minuto, i suoi vestiti erano sparsi per la stanza. Mi ha afferrato per i capelli e mi ha infilato la testa tra le gambe. Ho subito iniziato a leccarla. Potevo assaporare tutti quei preziosi succhi che scorrevano sul mio viso. La mia lingua è entrata in lei e ho iniziato a muoverla.

“Sì, bravo ragazzo! Ora non avere fretta, rilassati.”

Ho semplicemente annuito, tracciando la mia lingua dalla sua figa al suo clitoride. Emise un debole gemito. Il suo gusto mi ha eccitato. Potevo sentire la mia temperatura corporea aumentare. Era quasi come se fossi in fiamme. Sono tornato alla sua figa poi di nuovo al suo clitoride, succhiando delicatamente alcune volte prima di tornare. Mi mise le gambe sulle spalle e fece scorrere le dita tra i miei capelli.

Poi sono tornato alla sua figa e ho fatto scorrere la lingua in un movimento serpentino fino a raggiungere il suo clitoride, che ho succhiato delicatamente prima di far scorrere la lingua attorno ad esso diverse volte. Il tuo gusto mi ha fatto impazzire, come al solito. La mia bocca si riempì di saliva mentre gradualmente si bagnava. I nostri fluidi si sono mescolati in uno. Ho fatto scivolare delicatamente un dito lì e l’ho spostato a tempo con la lingua. Emise un gemito, poi trattenne il respiro.

«Va bene, schiavo. Provi nuove tecniche?

Ho rimosso la mia bocca dal suo posto prezioso e ho parlato un pollice sopra la sua. Lasciando che il mio respiro accarezzi il suo clitoride gonfio.

“Sì, signora. Spero che vi piaccia. In caso contrario, fatemelo sapere e proverò un altro modo.”

“Mi piace l’idea. Vai a lavorare, cagna.”

Senza un’altra parola, ho continuato a mangiarlo e ad assaporarne il sapore. Ho messo il medio e l’indice uno sopra l’altro e ho iniziato a muoverli dentro e fuori. Ho fatto scorrere la lingua dalle dita al suo clitoride e l’ho fatto girare. Adesso stava iniziando a gemere più forte. Il suo respiro era agitato. I suoi occhi si chiusero.

“Ripetilo ancora una volta, ma muovi la lingua intorno al mio clitoride più di una volta!” disse, respirando affannosamente, la sua voce diventava roca alla fine della frase.

L’ho fatto. Faccio scorrere la mia lingua dalla sua figa al suo clitoride. E quando l’ho fatto, ho attorcigliato la lingua tre volte e l’ho avvolta intorno a lei e ho succhiato delicatamente, prima di muovere la lingua sulle dita. Dopo aver ripetuto più volte il processo, ho detto:

“Spero che vi piaccia, signora.”

“Stai zitto e vai avanti!” disse con voce roca.

Sapevo che stava entrando in questo, ma non pensavo che fosse così tanto. Ha sollevato il mio spirito ancora più in alto di quanto pensassi possibile. Quindi, ho continuato con lo stesso movimento ancora e ancora. I suoi gemiti stavano diventando sempre più forti. Rabbrividì un po’ e la sentii stringere. I suoi preziosi succhi erano su tutto il mio viso e sulla mia bocca, scorrendo persino dal mio collo al mio petto.

“Dimmi che sapore ha.” disse quasi incomprensibilmente.

«Sa di miele d’acacia, signora. Molto dolce, ma non amaro.

“Allora fallo più velocemente. Sbrigati e fammi venire!

Continuando lo stesso schema di movimenti, ho continuato ad andare più veloce. Incapace di resistere oltre, disse con un grido esigente:

“Muovi la lingua sul mio clitoride. Fammi venire! Affrettarsi ! Fallo !

Senza pensarci due volte, ho fatto quello che mi aveva chiesto. Ho spostato la lingua sul suo clitoride in movimento con le dita. La sua voce echeggiò per tutta la stanza. Rabbrividì di nuovo. E poi alla fine mi è esploso in bocca e in faccia. Ho cercato di non versare una goccia, ma il suo orgasmo era intenso, quindi ho fallito. Anche se ha premuto il mio viso sul suo punto prezioso. Ho cercato di catturare il più possibile. Quello che non mi è entrato in bocca è finito sul mio viso e sul mio collo. Era sdraiata sul letto, tremava un po’ e si stava riprendendo dall’orgasmo. Dopo un po’ ha detto:

“È stato fantastico, la mia cagnolina.”

“Sono onorato, signora. Grazie per le gentili parole.”

Lei ride e dice:

“E se ti attaccassi fino a farti esplodere?”

“Certo, signora. Mi piacerebbe molto.”

“Bene! Ma, dopo un po’, fammi recuperare ancora un po’.”

“Posso fare qualcosa per lei nel frattempo, signora?”

“Oh sì, vorrei che mi portassi dell’acqua fredda e mi massaggiassi i piedi mentre mi rilasso.”

“Sì, signora. Per favore, dammi un momento e torno subito con la tua acqua.”

Corsi a prendere l’acqua e quando tornai; Mi sono inginocchiato per darglielo.

“Ecco, mia dea.”

“Grazie, schiavo.”

Bevve qualche sorso e disse.

“Un buon schiavo come te dovrebbe essere ricompensato per il suo buon lavoro. Quello, potrei permetterti di farmi venire con il tuo cazzo. Non deludermi, schiavo!”

“Certo, signora. Il suo desiderio è un ordine.”

Ti ho massaggiato i piedi. Facendo scorrere le dita tra le dita dei piedi. Premendo sui pollici e muovendoli con un movimento circolare su tutto il piede. Partendo dal collo del piede, poi verso il tallone e infine le dita dei piedi.

“Mmm, va bene. Succhiami le dita dei piedi adesso.”

“Come desidera, signora.”

Prendendole le dita dei piedi in bocca, l’ho succhiato delicatamente e ho fatto scorrere la lingua dappertutto. Ma a quanto pare voleva spingermi oltre perché ha detto:

“Puoi metterti tutte le dita dei piedi in bocca?” Immagina che privilegio sarebbe per te.

“Ci proverò, signora.”

Ho provato a prendermi il piede in bocca. Ma nel momento in cui l’ho indossato, me l’ha spinto in bocca, facendomi sussultare. Come aveva fatto non molto tempo prima. Istintivamente indietreggiai e tossii.

“Chi te l’ha detto, puoi fare marcia indietro, cagna!” disse severamente.

“Mi dispiace signora. Fammi riprovare. Giuro che farò di meglio.

“Hai perso l’occasione. Ora il vantaggio sarà più difficile di quanto avessi in mente.”

“Certo signora.”

“Ora abbiamo bisogno di un po’ di lubrificante. Prendi la bottiglia grande di lubrificante dal primo cassetto dell’armadio e portamela. Ti lego anche le mani e le gambe.”

“Sì signora.”

Sono andato lì e ho cercato il lubrificante. Così una volta che l’ho preso, mi sono inginocchiato accanto a lei e gliel’ho dato, dicendo:

“Ecco, signora.”

“Bravo ragazzo. Ora sdraiati sul letto accanto a me.”

Una volta che fui sul letto, si chinò in basso e afferrò una corda con la quale mi legò mani e piedi alle gambe del letto. Si versò alcune gocce nella mano e poi fece scorrere il dito indice sulla testa del mio cazzo. Poi è corso verso le mie palle e le ha solleticate. Non mi sono mosso né ho cercato di resistere al prurito, pensando che se l’avessi fatto mi avrebbero pizzicato le palle. Poi ha afferrato il mio membro e l’ha oliato con tutto il palmo questa volta. Era bello, ma i suoi movimenti erano lenti. Abbastanza lento da non apprezzarli. Mi ha soffiato sui capezzoli e loro si sono rianimati.

“Anche i tuoi capezzoli richiedono attenzione? Che puttana perversa, l’ho avuta anch’io.”

“Mi dispiace signora.”

“Va tutto bene, è solo una ragione per me per apprezzare ancora di più te e il tuo corpo.”

Poi mi ha morso il capezzolo destro mentre spingeva il mio membro. Ho urlato di dolore.

“Fa male, cagna?”

“Sì, signora. Per favore, per favore, non morda così forte.”

“E se lo facessi? Che cosa hai intenzione di fare ?

“Io io…”

Non avevo intenzione di fare niente. Lei lo sapeva. Poi mi interruppe dicendo:

“Niente di niente. Te ne starai lì e lo prenderai. Urlando per il dolore e l’agonia mentre io ti prendo in giro e ti ferisco ancora di più, giusto?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *