Rhiannon’s Revelation Ch. 01 – BDSM

di | 28 de Giugno, 2022

Nota per i lettori: questa serie in otto parti è una continuazione di “Mistress X 06: Sounds of Suffering”. Dovresti leggere questa breve storia prima di questo capitolo.

*****

La rivelazione di Rhiannon

Capitolo 1 Rhiannon viene valutato dal ginecologo Dr. Holly Hines

Alexis ha consegnato un altro whisky on the rocks al suo ospite mascherato. Si assicurò che gli altri ospiti nella stanza fossero fuori portata d’orecchio e disse a bassa voce: “Allora, ti è piaciuto il concorso Sounds of Suffering, Maire Vitale?”

Ha accettato il drink e ha cercato spettatori. Sorrise e disse: “Sì, Alexis, i tuoi eventi privati ​​non deludono mai”.

Il sindaco Vitale ha sorseggiato il suo whisky e Alexis ha sorriso e ha detto: “Beh, ci sto provando. Inoltre, sei uno dei miei migliori clienti”.

Il sindaco Vitale ha detto: “In tal caso, sarebbe così gentile da presentarmi il vincitore del concorso?” Puntò leggermente il bicchiere di whisky verso l’angolo dove Rhiannon e il dottor Hines stavano parlando a bassa voce sul divanetto.

Alexis inarcò le sopracciglia e strinse le labbra pensierosa per un momento. Poi disse con calma: “In realtà, Tony, penso che il quarto posto ti vada meglio”. Conosco i vostri gusti in uh signore e sono sicuro che Ella sia il vostro tipo. Inoltre, ha perso il concorso, quindi immagino che sarebbe terapeutico per te. possa essere… punita.”

Il sindaco Vitale non ha potuto nascondere la sua eccitazione mentre un sorriso gli attraversava le labbra. Disse: “Davvero… beh, mi fido del tuo giudizio. Quindi Ella è la ragazza di Londra?”

Alexis ha confermato: “Sì, lo è. È ben educata e ricettiva ai consigli di leader esperti come te”.

Il sindaco Vitale ha detto: “Vorrei conoscerti, ehm, in privato”.

Alexis annuì e disse: “Dammi solo un momento”. Fece cenno a Jake di avvicinarsi.

Jake si è unito alla coppia e Alexis ha detto: “Jake, questo ospite speciale vorrebbe incontrare il quarto posto. Per favore, mostragli la biblioteca e lo porterò lì tra pochi minuti”.

Jake disse: “Sì, certo, signora X.”

Si rivolse al sindaco mascherato Vitale e disse: “Per favore, mi segua, signore”.

Il sindaco Vitale ha seguito Jake lungo il corridoio. Aprì le grandi doppie porte della biblioteca e disse: «Da questa parte, signore.

Il sindaco Vitale ha seguito Jake nella biblioteca e Jake ha detto: “Per favore, mettiti comodo e la signora X sarà qui presto”.

Il sindaco Vitale ha detto: “Grazie”.

Si sedette al centro del lussuoso divano in pelle e bevve un altro sorso di whisky. Jake ha lasciato le porte della biblioteca aperte mentre usciva. Pochi minuti dopo, il sindaco Vitale ha visto l’ospite alto camminare lungo il corridoio tenendo la mano del vincitore del concorso. Era un po’ geloso. La vincitrice del concorso è stata una giovane donna bella e sana e la sua minigonna e il reggiseno senza coppe hanno davvero messo in mostra la sua figura.

Il sindaco Vitale non fu geloso a lungo. Solo un minuto dopo, Alexis entrò in biblioteca con il pezzo carico al seguito. Portò la giovane dal sindaco Vitale. Schioccò le dita e indicò il terreno davanti al sindaco. Ella cadde in ginocchio davanti a lui.

Alexis non ha fatto alcuna presentazione. Sorrise semplicemente e fece un cenno al sindaco, poi se ne andò in silenzio. Quando raggiunse il corridoio, chiuse le porte della biblioteca.

Il sindaco Vitale guardò Ella ma non disse nulla. I suoi occhi erano bassi a terra. Lentamente allungò una mano, si tolse la maschera del travestimento e la gettò a terra accanto a Ella. Disse: “Guardami.

Ella girò lentamente il viso e lo guardò negli occhi mentre il suo si allargava. Lo ha riconosciuto al telegiornale. Aveva folti capelli sale e pepe ed era molto bello per un uomo della sua età. La sua voce era profonda e distinta. Il sindaco Vitale disse: “Come ti chiami, signorina?”

Ella disse: “Mi chiamo Ella Hennessy… signore”.

Il sindaco Vitale ci ha pensato un momento e poi ha detto: “Sai chi sono?

Ella annuì e parlò piano: “Sì, lei è il sindaco Vitale. Il sindaco di Metro City.

Il sindaco Vitale sorrise e le portò il dito alle labbra e la fece tacere tranquillamente: “Shhh”.

Poi disse: “Ella. Siamo d’accordo. Io e te non siamo mai stati lì. Inteso ?

Ella sorrise leggermente e annuì. Poi disse: “Sì, signore. Capisco perfettamente”.

Il sindaco Vitale sorrise e disse: “Bene”. Allungò una mano e toccò la guancia di Ella e disse: “Come ti senti a perdere il concorso?”

Ella ha detto: “Sono arrabbiata con me stessa. È solo che… non mi va bene con quel tipo di dolore. Sono più… un piacere per le persone”.

Il sindaco sorrise e disse: “Questo è un punto a tuo favore. Mi piace compiacere le persone.

Si guardò il petto nudo. Sul suo seno destro era scarabocchiato “4th”. Era arrivata per ultima.

Si chinò e le afferrò il capezzolo tra il pollice e l’indice. Ha iniziato a pizzicarle il capezzolo e ha detto: “D’altra parte, a volte è necessario il dolore. Non sei d’accordo?

Ella trasalì per il dolore e disse piano: “Sì, signore”.

Il sindaco lasciò andare il capezzolo e tirò indietro la mano, la guardò da capo a piedi e disse: “Sei una giovane donna molto bella. Alexis dice che hai diciannove anni, giusto?

Ella annuì e disse: “Sì, signore”.

Il sindaco Vitale ha detto: “È un vero peccato. Se avessi trent’anni in meno… Alla mia età, è difficile per me…” La sua voce si spense.

Ella si guardò l’inguine e sorrise. Poi lo guardò negli occhi e disse: «Penso di sapere cosa intendete, signore. Scivolò in avanti finché i suoi fianchi non furono premuti contro le ginocchia del sindaco. Ha continuato: “Penso di sapere cosa è difficile… ma non difficile”. Sorrise al suo gioco di parole.

Guardò l’inguine del sindaco e gli mise le mani sulle ginocchia e iniziò a far scivolare le mani sulle sue cosce. Bevve un altro sorso di whisky, si appoggiò allo schienale del divano e sorrise. Ella continuò a far scivolare le mani verso il basso finché non raggiunsero il suo inguine. Cominciò a massaggiare e lo guardò innocentemente negli occhi.

Lui le sorrise di rimando e disse piano: “Dio, sei una signorina molto cattiva”.

Ella sorrise e disse: “Perché, cosa intende, signore? Sto solo controllando se ha qualche tensione che deve essere rilasciata”.

Fu sorpresa di sentire che il sindaco era completamente inerte. È sempre stata in grado di eccitare gli uomini in pochi secondi, specialmente nel suo attuale stato di spogliarello.

Il sindaco scosse la testa e disse: “Ora ho due motivi per punirti. Uno, perché hai miseramente fallito il concorso e due, perché mi hai palpato senza che glielo dicessi.

Ella allontanò le mani e guardò in basso. Ha finto paura quando ha detto: “Mi dispiace, signore. Merito di essere punito. Il suo lieve sorriso rivelava i suoi veri sentimenti. Queste situazioni la eccitavano e poteva sentirsi bagnata.

Il sindaco disse burbero: «Alzati e girati dalla tua parte.

Ella obbedì e aspettò. Il sindaco Vitale ha bevuto il resto del suo whisky. Si sporse in avanti e posò il bicchiere di whisky sul pavimento, fuori mano. Poi mise entrambe le mani sul ginocchio sinistro. La sua mano sinistra era sulla rotula e la sua mano destra era sulla parte posteriore del ginocchio. Ha iniziato ad alzare le mani mentre parlava: “Spero che accetti la tua punizione senza lamentarti”. Inteso ?

Ella annuì e disse: «Sì, signore. Capisco.

Le mani del sindaco Vitale si muovevano sempre più in alto. Quando le sue mani si avvicinarono alla sua minigonna, rallentò. Ella si mosse leggermente mentre prendeva una posizione più ampia con i piedi. L’azione era quasi incosciente poiché era pronta per essere violentata da questo uomo potente.

Il sindaco disse con calma: “Ti ho detto di muoverti, cagna?” Alza i piedi.

Ella rimase in silenzio, ma fu commossa dall’ordinanza severa del sindaco. Pensò di ignorare il suo ordine, di metterlo alla prova, ma decise che era troppo presto. Avvicinò i piedi.

Ha appiattito la mano sinistra e l’ha fatta scorrere lungo la figa pelata fino alla gonna. Appoggiò il palmo della mano sulla gonna di lei sotto l’ombelico. Poi ha continuato a muovere la mano destra fino a tenersi il culo sinistro. La sua mano era abbastanza grande da circondarle completamente le natiche. Ha iniziato a impastarla delicatamente mentre la preparava per la sua sculacciata.

Ella sentì i suoi capezzoli indurirsi e iniziò a respirare più forte. Il sindaco Vitale ha detto: “Quanti colpi pensi che la tua cagna meriti?”

Non riusciva più a contenere il suo atteggiamento sfacciato. Ha detto: “Sono sicura di poterne prendere quanti ne puoi dare”.

Il sindaco Vitale le ha pizzicato il culo abbastanza forte da farla urlare. Poi ringhiò: “Attento al tuo atteggiamento, ragazzo. Ora calpestami le ginocchia.

Ella posò i fianchi sulle ginocchia del sindaco e si sdraiò sul divano. Il sindaco ha continuato ad accarezzarle il culo mentre si godeva il suo corpo. Si stava eccitando e cominciava a ruotare lentamente i fianchi.

Il sindaco ha ordinato: “Tieni le gambe unite”.

Ella strinse le cosce e all’improvviso il sindaco sbatté la mano forte e veloce sul culo destro di Ella. L’impatto le tolse il fiato. Si aspettava che si rilassasse in una giocosa sculacciata, ma aveva altre idee. Prima che potesse emettere un suono, le diede lo stesso tipo di colpo sulla guancia sinistra.

Si fermò abbastanza a lungo da permetterle di riprendere fiato e riprese la sua punizione. Si alternava da guancia a guancia. Cominciò a gemere a denti stretti.

Dopo più di venti carezze, sentì le lacrime salire. I suoi pensieri sono andati al concorso e al modo in cui ha fallito miseramente. Il sindaco si fermò un momento ed Ella rimase immobile. Poteva dire che il sindaco era uno specialista in disciplina.

La pausa di sculacciata fu abbastanza lunga perché Ella notasse qualcosa. Poteva sentire l’erezione del sindaco Vitale che premeva contro il suo fianco. Gli venne in mente che non poteva renderlo duro strofinandolo, ma che sarebbe uscito sculacciandola. Sorrise al loro reciproco interesse.

Il sindaco bussò di nuovo, ma meno forte. Questi colpi avevano lo scopo di provocare Ella. Decise che poteva giocare anche lei a questo gioco. Tra una sculacciata e l’altra, iniziò a spingere l’anca contro l’erezione del sindaco, dove era conficcata nei suoi pantaloni. Dopo ogni spinta, emetteva un gemito sexy mentre stringeva i fianchi. Presto hanno colpito un ritmo.

Dopo altri trenta colpi e gemiti dei fianchi, il sindaco smise di battere e disse piano: “Allarga le gambe, ragazzo”.

Ella obbedì e lui fece scivolare la mano tra le sue cosce bianche e cremose. Con la sua grande mano, le sue dita raggiunsero il suo clitoride. Le tenne la figa stretta mentre scivolava avanti e indietro sul suo cazzo. Poteva dire dalla sua umidità che le piaceva questa attività tanto quanto lui.

In passato aveva pagato per dominare le giovani donne al Red Room Studio, ma era meglio, completamente improvvisato e più reale che mai. Ha diffuso l’umidità di Ella su tutto il suo clitoride e ha continuato a strofinare mentre lei scivolava avanti e indietro sulle sue ginocchia. Dopo solo pochi minuti, Ella sentì il suo climax crescere. Stava urlando di piacere mentre si contorceva avanti e indietro contro il membro rigido del sindaco Vitale.

Ella sapeva che il suo orgasmo era imminente. Disse con urgenza: “Signore, posso venire per favore?”

Il sindaco disse: “Dimmi che sei una puttana”.

Ella disse seriamente: “Sì, signore, sono una puttana”.

Il sindaco ha sentito la sua stessa eccitazione al culmine quando ha detto: “Dai, cagna!”

Poteva sentire la figa di Ella contrarsi e pulsare con il suo orgasmo e questo lo spinse oltre il limite. Gemette quando iniziò a spruzzarsi i pantaloni. Non aveva un orgasmo da settimane ed era in ritardo. Quando Ella si rese conto che era venuto anche lui, si girò su di lui e si raggomitolò in ginocchio con la testa sulla sua spalla. La avvolse tra le braccia mentre entrambi trattenevano il respiro.

Dopo pochi istanti, Ella disse con calma: “È stato fantastico, Maire Vitale.

Il sindaco l’abbracciò e concordò: “Sì, tesoro, è stato meraviglioso”.

Rimasero seduti in silenzio per qualche altro minuto e il sindaco disse: “Quindi sei uno studente all’università statale?”

Ella annuì e disse: “Sì, signore”.

Il sindaco ha continuato: “Vorresti un lavoro part-time nel mio ufficio?

Ella era felice, ma controllava il suo entusiasmo. Disse: “Beh, che tipo di lavoro sarebbe?”

Il sindaco disse: “Non preoccuparti, tesoro. Sistemeremo questo. Sono sicuro che io e te andremo d’accordo.

Ella disse: “Sì signore. Mi piacerebbe lavorare per lei.”

Il sindaco ha detto: “Molto bene.

Tenne Ella in ginocchio per qualche altro minuto mentre le accarezzava le cosce lisce e il culo stretto. Alla fine disse: “È stato molto dolce, Ella, ma devo andare.

Ella si alzò e il sindaco frugò in tasca. Tirò fuori un biglietto da visita e glielo porse. Disse: “Chiama la mia segretaria la prossima settimana e organizzeremo un… colloquio. Dici solo che sei Ella di Londra.

Ella sorrise e disse: “Sì, signore”.

Il sindaco abbracciò Ella e disse: “Grazie, Ella. È stato meraviglioso.

Raccolse la maschera da terra e se la rimise. Si avvicinò e aprì le porte del corridoio e vide l’ospite alto. Ha abbracciato il vincitore del primo posto nella stanza e ha detto: “Sono così felice di averti incontrato Rhiannon”.

Si separarono e la donna alta porse a Rhiannon un biglietto da visita e disse: «Ecco il mio numero. Chiamami lunedì e mi prenderò cura di te.

Rhiannon guardò il sindaco ed Ella, poi tornò alla sua nuova amica. Lei sorrise e disse: “Grazie. Ti chiamo lunedì”. Il sindaco ha perso l’appuntamento con Rhiannon, ma ha incontrato Ella. Aveva grandi speranze per lei nel suo futuro. Aveva una vita frenetica sotto gli occhi del pubblico, ma la sua vita personale era piuttosto banale.

Ella e Rhiannon tornarono nel seminterrato per vestirsi. Gli occhi della donna alta e misteriosa incontrarono quelli del sindaco. Sorrise brevemente e si voltò. È tornata alla tana.

Era molto più vicina alla sua età di Ella. Non poteva fare a meno di chiedersi chi fosse e quanto si fosse divertita con il vincitore del concorso.

Il sindaco non era un uomo timido. Sapeva che probabilmente non avrebbe più rivisto quella donna. Ho deciso di avviare una conversazione.

Entrò in ufficio e la trovò mentre esaminava alcune delle collezioni di Alexis. Si avvicinò alla donna e disse: “Era uno spettacolo, vero?”

La donna sembrò sorpresa e disse: “Cosa? Oh, voglio dire sì”. Si voltò verso la finestra.

Il sindaco ha anche guardato e ha detto: “Alexis vive in un mondo eccitante, vero?”

La donna guardò il sindaco e sorrise. Ha detto: “In realtà, lo fa. Il resto di noi segue la nostra normale routine, giorno dopo giorno. Può diventare un po’ noioso”.

Il sindaco la guardò e sorrise. Ha detto: “Ho imparato anni fa che lo scambio di energia è un modo eccitante per rendere la vita più interessante.

La donna ha detto: “Sì, sono d’accordo. Così tante persone vivono la loro intera vita in modo così superficiale. Galleggiando sulla superficie, senza mai sapere com’è arrendersi completamente”.

Il sindaco ha detto: “Vedo che hai stretto un legame con la vincitrice, è un bel campione”.

La donna disse: “E tu con il perdente. Anche lei è bella”.

Il sindaco annuì e disse: “Sì, spero di rivederti. E tu e uh…”

“Rhiannon, il suo nome è Rhiannon,” la interruppe la donna.

Il sindaco sorrise e disse: “E tu e Rhiannon?”

La donna si rivolse pensosa agli strumenti di tortura. Ha detto: “Spero che sia esattamente quello che stavo cercando”.

Il sindaco Vitale disse: “E cosa cerchi, posso chiedertelo?”

Si voltò e fece alcuni passi verso la porta. Si fermò e guardò il sindaco. Ha detto: “Guida, resa, controllo. Voglio tutto, sindaco Vitale”.

Per un momento, il sindaco è rimasto scioccato dal fatto che sapesse chi fosse, ma presto si è ripreso. Sorrise e disse: “Quindi la mia copertura non è perfetta?”

La donna sorrise e disse: “La maschera non cambia la tua voce”.

Lui annuì e disse: “Vero, molto vero.

La donna disse: “Bene, devo andare, signore. Buona notte”.

Il sindaco Vitale ha detto: “Aspetta, mi conosci, potrei almeno conoscere il tuo nome.”

La donna sorrise e disse: “Puoi chiamarmi Miss Holly”.

Il sindaco Vitale sorrise e disse: “Piacere di conoscerla, Miss Holly. Forse un giorno ci rivedremo”.

Holly sorrise e disse: “Tutto è possibile”. Si girò e se ne andò.

Il lunedì mattina successivo, Ella chiamò il numero del biglietto da visita del sindaco. La sua segretaria ha risposto: “Salve, ufficio del sindaco Vitale. Sono Robert, come posso aiutarti?”

Ella stava aspettando che una donna rispondesse, ma si è ripresa. rapidamente. Ha detto: “Oh sì, mi chiamo Ella Hennessy e sto chiamando per fare domanda per un lavoro nell’ufficio del sindaco”.

Robert disse eccitato: “Oh sì, devi essere Ella di Londra”.

Dopo aver ascoltato di più la sua voce, Ella pensò che potesse essere gay, ma non voleva ammetterlo. Ha detto: “Sì, il sindaco mi ha menzionato?”

Robert ha detto: “Oh sì, ha detto di aver incontrato un giovane e brillante studente di Londra. Ho sentito che hai un meraviglioso accento britannico. Quindi hai incontrato il sindaco a una raccolta fondi per un museo?”

Ella si fermò e poi si rese conto che il sindaco non sapeva dire dove si fossero effettivamente incontrati. Ha detto: “Oh sì, l’abbiamo fatto. Ha detto che potrebbe esserci del lavoro per me nel suo ufficio”.

Robert ha detto: “Sì, sì, c’è sempre del lavoro da fare. Mi ha detto di programmare un colloquio di mezz’ora. Saresti disponibile in qualsiasi momento questa settimana?”

Ella disse: “Sì, uh, sono libera quasi tutti i pomeriggi”.

Robert disse: “Beh, che ne dici di questo giovedì alle tre?”

Ella ha detto: “Funziona per me”.

Robert disse: “Molto bene. Ti serve l’indirizzo?”

Ella disse: “È quello l’indirizzo sul biglietto da visita del sindaco?”

Robert ha detto: “Sì. Se potessi venire qualche minuto prima, te ne sarei grato.

Ella disse: “Certo. A presto.”

Robert disse: “Beh, arrivederci”.

Ella ridacchiò e disse: “Arrivederci, Robert”.

Nel frattempo, Rhiannon era a casa. Ha procrastinato la maggior parte della giornata. Le è piaciuto molto il poco tempo che ha trascorso con la dottoressa Holly Hines dalla signora X il sabato precedente. notte. Nel tardo pomeriggio di lunedì, Rhiannon ha finalmente chiamato il dottor Hines ed era sicuro che avrebbe potuto assisterla quel giorno.

Poco dopo, il dottor Hines era nel suo ufficio alla sua scrivania e disse: “Julie, so che chiudiamo alle cinque, ma posso chiederti un favore?”

Julie era l’unica infermiera del dottor Hines. Disse: “Certo, Holly. Di cosa hai bisogno?”

La dottoressa Hines ha continuato: “Ho incontrato una giovane donna a una riunione lo scorso fine settimana e ho detto che ero un ginecologo. Mi ha chiamato pochi minuti fa e mi ha chiesto se potevo prenderla come paziente. Non ha un medico in Metro City e io non abbiamo un fisico da alcuni anni”.

Julie ha detto: “Oh? È incinta o ha problemi? Possiamo vederla mercoledì”.

Il dottor Hines ha detto: “Uh, ha un programma fitto di appuntamenti, ma le ho detto che potrei vederla alle cinque di oggi. Finirò l’appuntamento e chiuderò l’ufficio”.

Julie disse: “Certo, sarebbe carino. In effetti, posso restare per l’intero appuntamento se hai bisogno di me”.

La dottoressa Hines ha preferito vedere Rhiannon da sola, quindi ha detto: “Va tutto bene Julie. Basta registrarlo e io vado da lì. Oh, e uh, non ha l’assicurazione, quindi la coprirò io. le spese. “

Julie sorrise e disse: “Pensavo che fosse successo qualcosa. Che gentile da parte sua, dottor Hines. Spero che sappia quanto è fortunata ad averti come suo nuovo dottore.

Holly sorrise e disse: “Oh, non è niente. Ho avuto un aiuto per arrivare dove sono oggi, quindi non ho problemi a pagarlo”.

Julie disse: “Come si chiama?”

Holly disse: “Sono Rhiannon Reznor”.

Julie disse: “Va bene, ti farò sapere quando sarà pronta”.

Holly sorrise e disse: “Grazie, Julie”.

Poco dopo, Rhiannon è entrato nell’ufficio e si è diretto verso l’ufficio. Julie sorrise e disse: “Sì, posso aiutarti?”

Rhiannon era un po’ nervosa quando ha detto: “Uh sì, ho un appuntamento con il dottor Hines”.

Julie disse: “Nome, per favore?”

Rhiannon disse: “Oh, mi chiamo Ann. Voglio dire, uh, Rhiannon. Rhiannon Reznor”.

Julie disse: “Sì, il dottor Hines ha detto che saresti venuto. Per favore, completa questo modulo il più completamente possibile e riportamelo quando avrai finito, poi lo riprenderò e lo preparerò”.

Rhiannon sorrise, prese il modulo e disse: “Va bene”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *