She Said Yes – A Covid-19 Story Ch. 10 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Ha detto di sì – una storia di Covid 19 Ch. ten

Di Pat Annon © 2021

(Tutti i personaggi hanno più di 18 anni. Non ricordano nulla di ciò che è accaduto o non è accaduto prima del loro 18° compleanno. Tutti gli atti sessuali raffigurati sono consensuali, compresi quelli che coinvolgono BDSM.)

“Buongiorno.”

Il mio telefono ha emesso un segnale acustico. Ho ricevuto un messaggio. Non ricevo mai messaggi tranne spam. Non guardo mai. Non so perché, ma questa volta ho rotolato. Ho ricevuto un messaggio mattutino da Julie!

Ho fissato il mio telefono più a lungo. Era un semplice testo, “Ciao”, ma non riuscivo a capire cosa significasse. Ho scritto “Ciao”.

L’errore di digitazione del dito grosso si è verificato prima che me ne accorgessi. Quasi istantaneamente c’era un’emoji a cuore rosso.

“Ancora a letto?”

“Sì. Ma Amanda è scappata. Dovrei alzarmi.”

“Dovrei prepararmi per la mia riunione di zoom. Ma non voglio. Rimani a letto con me ancora un po’.”

Ho dovuto fare un passo indietro. Contemporaneamente al suo invito a rimanere a letto, il mio pene richiedeva più spazio sotto il lenzuolo. Sapevo che dovevo alzarmi per fare il caffè per Amanda. Ho scritto: “Grande giornata oggi?”

Intendevo doppio significato, Big? Prendilo? Lei non ha abboccato. Invece, è andata altrove.

Ha risposto: “Sì, devo vestirmi per il mio appuntamento, ma preferirei essere nuda e avere un appuntamento con la tua lingua. Come stanno andando gli esercizi?”

Dio mio! Sta ridendo di me? Non può volere che io ricominci da capo. Nessuna donna vuole stare con me una seconda volta. La mia mano è scesa per accarezzare il mio cazzo completamente eretto. Pensavo di fare esercizio, ma il telefono era in una mano, il mio cazzo nell’altra. Ho dovuto lasciare andare il mio pene per mettermi un dito in bocca.

Con una mano, ho risposto con un messaggio. “OK. Mi sto allenando ora. Dammi tempo.”

“È bello sentire.” Poi, un minuto dopo, “Posso immaginarti che lavori quel dito mentre io lavoro il mio”. Poi un’emoji di melanzane.

Un minuto dopo, ha scritto: “Sembra una giornata fantastica e ingrandirò per ore”.

“Sei presente?

“No, è una pratica. Ma devo essere visibile.” C’è stata una pausa. Poi ha scritto: “Sono cinque minuti. Il mio zoom inizierà presto. Devo prepararmi. Parla più tardi”.

Aprendo Twitter sul mio telefono, ho trovato l’intestazione del suo account e la foto che sapevo era lì. Il selfie è stato scattato dall’alto, con il braccio destro alzato. Alza lo sguardo con un sorriso d’intesa. I suoi seni sono chiaramente definiti, per lo più coperti da un top aderente. Ma è abbastanza aperto da mostrare una scollatura attraente. I suoi seni, tesi da un sostegno invisibile, sono pieni, rotondi e invitanti. Posso guardare senza riserve; dopotutto è una foto. Ma è il tipo di immagine che ho sempre amato. Mi piace avere un’immagine come questa disponibile mentre mi masturbo. Mi diletto in una torrida discesa immaginata tra i suoi seni, baci, carezze…

Con Julie in vista, non è difficile passare il tempo a esercitarsi con la mia lingua. Sono motivato, non tocco il mio cazzo, immaginando che la mia lingua adori quei seni, costeggiando capezzoli invisibili. Do la mia attenzione immaginaria ai suoi seni che turbinano intorno al mio dito. Nella mia mente, invece, si forma un’immagine completamente diversa dei seni di Julie: capezzoli eretti, visti dal basso, come due torri di avvistamento gemelle a guardia della valle. Scendo nel calore immaginario tra le sue cosce.

Riesco quasi a sentire l’odore dell’incenso sul suo corpo, incenso e mirra. Immagino la testa di Julie gettata all’indietro, la piccola morte. Lavoro la lingua ancora e ancora contro il dito. Mi fa male la bocca, ma persevero in questa danza delle dita. Una foto di Julie in una mano, un dito sulle sue labbra nell’altra, è più che eccitante pensare alle possibilità. Potrei compiacere una donna. Più di questo, potrei soddisfare una donna. Inoltre, Julie vuole che io ricominci da capo. Muovo i fianchi, il mio pene sfrega contro le lenzuola.

Dopo solo pochi minuti, tuttavia, questo sforzo ha richiesto un sostegno e una motivazione seri. Non ho toccato il mio cazzo o le mie palle. Ho interrotto quello che stavo facendo e ho tirato fuori un pezzo di corda del paracadute dal mio cassetto. Ho usato la corda per legarmi le palle mentre colpivo. Le palle collegate rimbalzano in modo diverso, aggiungendo un dolore irresistibile all’esperienza, come il vuoto rosicchiare delle “noccioline dell’amante”.

Questa volta ho avvolto il cordone più volte attorno al mio scroto, intrappolandomi le palle e facendo un nodo. Poi ho avvolto la punta del piede in un anello che ho fatto sopra l’estremità libera della corda, regolando la lunghezza misurando con il ginocchio piegato. Quando ho raddrizzato la gamba, c’era una forte tensione nel cavo. Quando ho premuto con il piede, le mie palle sono state dolorosamente allungate e schiacciate dagli stretti passanti del cavo. Ho provato diverse volte e ho accorciato la corda mentre il mio sacco di palline si allungava. Questa configurazione mi ha permesso di schiacciare le palle a piacimento.

Ero pronto per tornare al telefono e al mio dito. Mentre esercitavo la lingua, godendomi le foto di Julie, sia sullo schermo che nella mia testa, il mio piede si è allungato e ha lasciato andare i miei testicoli. La sensazione aggiunta di dolore e tensione mi ha tenuto la bocca aperta più a lungo. Quando avevo voglia di arrendermi, ho semplicemente calpestato le mie palle e ho trovato un nuovo impegno per i miei sforzi.

Altre storie erotiche  Discord Pt. 03 - BDSM

“La motivazione è tutto”, ho scritto.

“Questo incontro dura per sempre.”

Come se avessi bisogno di più motivazione, Julie ha continuato a scrivermi: “Vorrei che tu fossi qui per intrattenermi”.

Questi due testi si susseguono poco dopo. Ho smesso di allenarmi abbastanza a lungo da rispondere: “Potrei pulire la tua cucina”.

” Il mio uomo ! Tu dici le cose più sexy.

Ha aggiunto un’emoji del cuore. Poi un altro con un’emoji di fuoco.

“Vuoi essere con noi oggi?”

“No, ho un attacco.”

“Ah sì l’avevo dimenticato.”

Sapevo che Julie non sarebbe stata con noi; Ero solo perso in quel momento. Stava andando all’ultima prova del suo vestito da damigella d’onore. È la damigella d’onore della sua sorellina. Julie ha detto che è sollevata dal fatto che il matrimonio sia più piccolo. A causa delle restrizioni Covid, questo sarà solo per la famiglia. Ha cambiato l’abito da damigella d’onore scelto da sua sorella. Julie ha detto che potrebbe indossare il nuovo vestito dopo il matrimonio. Era più un cocktail che formale.

Ho visto una foto del progetto. Penso che Julie starà benissimo con questo semplice scollo a V con doppia tracolla e corpetto sartoriale. Penso che abbia detto che sarebbe stato in blu reale. Non so che tessuto sia, ma nelle foto la modella è riuscita a togliere la gonna con un semplice tocco, quindi deve essere leggera. Forse Julie ce lo mostrerà un giorno. Non sarò in grado di assomigliare alla sua foto, ma so che apprezzerò lo scollo a V.

Julie ha scritto: “Devo stare attenta in questa parte della riunione. Grazie per il divertimento. Siete stati fantastici”.

Sarà un giorno senza Julie qui. Sono così felice che abbia iniziato a scrivermi. È come se una parte di lei fosse con me. Mi rende davvero felice.

Ho riattaccato e ho smesso di esercitare la lingua, preferendo una lunga, lenta, tradizionale masturbazione a due mani. La vista di Julie tra le sue cosce scomparve, sostituita da una di lei con quel vestito. C’era molto da considerare. Ho fatto una doccia. Ho fatto un secondo tentativo di stare nel getto della doccia. Questa volta, ho pensato a Julie inginocchiata davanti al mio sesso, l’acqua che le scorreva sui capelli, il trucco che le colava su una guancia, il mio cazzo in fondo alla sua bocca, il mio vestito fradicio, aggrappato a lei.

In un giorno, tutto nella mia vita immaginaria cambia. Ricordo a malapena i pensieri che un tempo accompagnavano la masturbazione. Ora voglio imitare ciò che Julie sa fare. Ma più di questo, mi piace pensare a cosa può fare la mia lingua. Il cambiamento più grande è la fantasia di una donna di avere un orgasmo.

Sto cercando tecniche di cunnilingus online. Fonti varie suggerire una leggera aspirazione sul clitoride mentre si lecca. Voglio chiedere a Julie di questa idea! Succhiare il polpastrello mentre lecco è una sensazione completamente diversa, sia sul polpastrello che sulla lingua. Non riesco nemmeno a descrivere l’intensità della sensazione che Julie produce quando succhia mentre fa un pompino. Deve essere vero. Voglio provare questo.

Ho anche un’altra domanda. Si suggerisce l’inserimento di una o due dita, non in sostituzione di uno spiedino che entra ed esce. quando si esce, ma con un movimento preciso del dito: “il gesto viene qui”. Suggeriscono di massaggiare l’area in cui dovrebbe trovarsi il mitico “punto G” piegando leggermente le dita, come a dire “vieni qui, ora”. C’è una discussione sulla necessità di mantenere le unghie tagliate e pulite, specialmente quelle centrali.

Ho anche letto un suggerimento sull’uso dei pollici per massaggiare le labbra interne delle labbra mentre le lecco. Devo chiedere a Julie anche questo. Ho molte domande. Ma ho cose da fare oggi. Preso e ripulito, ora sono in ritardo di due ore a preparare il caffè per Amanda. Non so cosa dire. Sono entrato in camera da letto. La mia gabbia di castità d’acciaio era accanto alla TV dove va in onda. Ho pensato di metterlo per il resto della giornata, essendomi già masturbato due volte.

“Ti sei divertito con Julie stamattina?”

Amanda era sul divano a leggere. Avrei dovuto sapere ormai che non ci sono segreti tra Amanda e Julie. Amanda sa tutto.

“Sì, signora, l’ho fatto. Julie mi ha scritto un messaggio questa mattina. Ho molto da imparare. Ho molte domande.”

“E sono sicuro che risponderà a tutti. Ma stamattina dovevo prepararmi il caffè da solo.”

“Mi dispiace davvero per questo…”

“Oh, basta. Sono assolutamente capace. Posso fare il mio. Forse ce n’è rimasto anche per te. Ho l’ultimo dei muffin. Mi piacerebbe andare presto a fare la spesa, ma c’è tempo se vuoi. vuoi fare qualcosa da mangiare.

Ieri, dopo che Julie se n’è andata, Amanda mi ha chiesto se volevo portarla all’Home Depot a nord. Ha detto che aveva bisogno del mio aiuto per un progetto. Non mi ha detto cosa fosse, ma so che è per un video personalizzato per un cliente di lunga data, quello che l’ha ritratta sulla moto d’acqua.

Al negozio, aveva otto pezzi da 42 pollici di taglio 2×4 e un pezzo da 42 pollici di tubo in PVC da 1/2 pollice. Dal negozio di ferramenta, ha comprato una scatola di viti da 2 1/2 pollici, alcune viti da 1 1/4 di pollice e otto occhielli per viti molto pesanti. Ha comprato un paio di robusti cavalletti in acciaio. E infine, carta vetrata, un vasetto di vernice a base d’acqua, un pennello e un panno. L’ho aiutata a salire in macchina con la spesa.

Non ha risposto a nessuna domanda. Pensavo stessimo facendo un cavalletto, ma cos’altro non potevo dire. Non ho molti strumenti, solo pochi strumenti di base e un trapano a batteria. Ha detto che era abbastanza. Abbiamo portato tutto nella sua stanza. Le ho lasciato tutti i miei attrezzi dopo averla aiutata ad appendere il tessuto.

Altre storie erotiche  Laundry Day - BDSM - Literotica.com

“Questo tessuto sarà bello da indossare per la nostra prossima orgia”, ha detto in un tono piuttosto neutro.

A quel punto, è arrivato il momento di preparare la nostra cena. Ho preparato le enchiladas vegane con fagioli neri, spinaci e tofu. Ho usato una salsa di enchilada acquistata in negozio che ho trovato, ma ho aggiunto il cumino. Adoro la complessità fumosa che aggiunge. Ho sentito Amanda lavorare al suo progetto mentre cuoceva la casseruola di enchilada. La sua porta era aperta. Penso che abbia sentito il segnale acustico del timer del forno. Appena ho tolto lo stampo dal forno è uscito. Potrei dire che era felice.

“Questo progetto sta andando molto bene. Spero che tu e Julie vi divertiate tanto quanto penso. Cosa c’è per pranzo? O ho molta fame o ho un buon odore.”

“Ho fatto le Mi mancano anche le enchiladas di fagioli neri e un’insalata.”

Sento odore di cumino?”

“Beh, sappiamo che non hai il Covid”, ho scherzato.

Amanda apparecchia la tavola mentre io preparo l’insalata di avocado, pomodoro e spinaci. Ho condito l’insalata con una riduzione di aceto balsamico che ho preparato e l’ho condita con un po’ di olio d’oliva pesante della California. Ho impanato e servito. Ci siamo seduti e abbiamo mangiato insieme.

“Julie ha detto che stavi studiando in fretta.”

“Uh, sì, l’ha detto lei.”

Non avevo idea di cosa avrebbe potuto dire Julie ad Amanda. Non ho idea di quando potrebbero aver parlato. Hanno chiamato ieri sera? Sapeva dei miei messaggi di stamattina. Devo solo ricordare che non ci sono segreti.

“Ha detto che le piaceva il tuo costume e pensava che potresti averne di nuovi da condividere.”

“Ehm, forse.”

Cosa gli ha detto Julie? Ho provato a ingoiare dell’avocado, ma è caduto dalla parte sbagliata e ho soffocato. Amanda si alzò, pronta ad aiutarmi. Ma ho tossito e ingoiato rapidamente.

“Stai bene?” chiese Amanda.

Ho detto la parola “Sì” ansimando.

“Sembri Julie con un cazzo in gola.” Amanda rideva. “Come Cappuccetto Rosso, lei ama il suo, né troppo grande né troppo piccolo.”

“Penso che sia Riccioli d’oro.”

“Oh sì. I tre orsetti. Le piace la taglia media. Personalmente, mi piace il grande papà.”

“Quindi non sono il più piccolo.” All’improvviso ho avuto una foto di Amanda e di un ragazzo grosso e peloso – semplicemente non ha funzionato per me. Ho immaginato Amanda con ragazzi prima, ma sono sempre vestiti bene e prepotenti, o nudi e inginocchiati.

“Vicino, ma non il più piccolo che abbia mai visto. La ceretta aiuta.” Ad Amanda piace umiliarmi. Anche l’alzata dei miei pantaloni ha tradito il mio piacere. Sto arrossendo. Amo stare con Amanda. Ogni giorno di questo lockdown pandemico è un’avventura per me. L’immagine della sua collana con la mia chiave tra i suoi seni mi passò per la mente.

“Julie ha detto che dovevo fare una seconda depilazione. Ha detto che le sarebbe piaciuto farlo – sotto la tua guida, ovviamente.”

“Ottima idea! Ti può depilare come parte del nostro video insieme. Penso che sarà un’ottima preparazione per un giro sul pony che sto costruendo.”

“Il pony… Il cavalletto?”

“Sì, il mio cliente ti ha visto divertirti sul dorso della sua moto d’acqua. Si è immaginato lì. Poiché la sofferenza bilancia il piacere, ho deciso che un giro su un pony di legno sarebbe stato poetico. Mi sta pagando un video di te in sella al mio pony .” Fatti in casa.”

“Non sono sicuro di cosa intendi.”

“Ah! Dai, guarda. Nel 19° secolo, il pony era cavalcato da uomini. Ad un certo punto nel 20° secolo, è diventato il luogo in cui le donne possono camminare. Non credo che importi, il sesso non conta per il pony. il mondo è lo stesso».

Amanda è tornata nella sua stanza per lavorare al suo progetto. Dopo aver finito di pulire la cucina, ho cercato su Google “pony di legno”. Quando ho studiato la tecnica del cunnilingus, mi è piaciuto quello che ho trovato. Era molto diverso. All’inizio si trattava solo di pubblicità di giocattoli per bambini. Ma poi è arrivato un articolo di Wikipedia sulla tortura dei pony di legno. Ho imparato cosa Amanda aveva programmato per me nel suo video. Sembrava semplicemente orribile. Sembrava eccitante e orribile.

Ma è Amanda. Non sono solo io che il suo cliente vedrà. Ci sarà anche Julie. Non solo ceretta, ma anche equitazione. Ci sarà la parità di genere.

Pochi giorni dopo, Amanda ci ha mostrato la sua creazione dopo il nostro pranzo insieme. Era eccitata, si aspettava eccitazione da noi. Ma essendo stata avvertita, nessuna di noi due ha espresso il tipo di apprezzamento che si aspettava. In qualche modo, non credo che le abbia dato fastidio.

Julie mi ha scritto per giorni. Le ho parlato della mia ricerca sul cunnilingus e dell’idea di succhiare un clitoride. Sembrava eccitata, ma di nuovo disse: “Non tutte le donne”. Ho chiesto di inserire le dita mentre leccavo. Questa volta, ha detto: “Non mi infastidisce molto, in realtà può essere piuttosto noioso, ma ad Amanda piace davvero. Sii gentile e usa la punta delle dita. Il lubrificante aiuta.

Dio mio!!! Improvvisamente la mia fantasia è cambiata di nuovo, da Julie a Amanda. Ho rapidamente allontanato quel pensiero dalla mia mente mentre immaginavo Julie sul divano con le gambe aperte, per conoscere il suo corpo. Amanda è una dea intoccabile. Posso immaginare di toccarti i piedi, adoro baciare le tue dita una per una. Immagino che per lei non faccia altro che affermare la sua posizione su di me. Non riesco a immaginare di dare ad Amanda il piacere che do a Julie.

Altre storie erotiche  The Servant Pt. 03 - BDSM

Comunque, ieri Julie è venuta a pranzo. E mentre Amanda era in una chiamata di flirt pomeridiano, Julie mi ha permesso di esercitare le mie abilità di cunnilingus e provarne di nuove. Apparentemente succhiare la luce fa bene a lei. Tirala delicatamente dentro, tienila tra le sue labbra ed espira, leccando come lei mi ha insegnato. Ne abbiamo parlato, l’ho provato, le è piaciuto. Non c’è niente di meglio del suono che fa quando l’ho colpita. Basso e gutturale, è come un gemito che sembra provenire da dentro di lei. È davvero bello quando il suono si trasforma in brevi sussulti vocalizzati.

Adoro quando mi spacca la testa tra le sue cosce e la preme contro la mia schiena. È difficile respirare, ma so che sta rispondendo alla mia attenzione. Non c’è sensazione migliore al mondo dell’ondeggiare dei suoi fianchi mentre inarca la schiena. Per sentirla premere contro di me, sapendo che vuole più di quello che posso darle finché non lo fa, finché non è sazia. È la vita.

Anni di masturbazione da solista si sono trasformati in fantasia e realtà in un’ora con Julie. Dopo che mi ha tirato via dal suo clitoride, eravamo insieme nel mio letto. Ha messo del lubrificante sul mio cazzo e ha iniziato una lenta masturbazione. Ha detto: “Sai, ho sempre pensato che fossi il perfetto gentiluomo. Non ho mai sentito alcuna pressione o paura intorno a te. Ma poi ho letto la tua fantasia e ho capito la profondità dei tuoi sentimenti”.

“La verità è quello che ho scritto. Non avevo questa fantasia fino a quando tu…”

Come ho confessato, Julie ha fatto un cerchio con il pollice e l’indice. Ha iniziato a premere, costringendo la testa del mio cazzo a spuntare attraverso il cerchio stretto, quindi ha lasciato andare e ricominciare. È stata una decisione molto convincente. Ho perso il filo dei miei pensieri. Sapevo che dovevo dire qualcosa, proprio non riuscivo a ricordare cosa.

“È così che ti masturbi?” Non me l’hai mai mostrato.

“Uhm, non esattamente, ma è davvero bello… Infatti, se non smetti presto, non sarò in grado di aiutarmi.”

Non si fermò, ma piuttosto si chinò con entrambe le mani e mi spinse da parte. Ha continuato a lavorare il mio cazzo mentre si contraeva e si svuotava. Poi ha leccato la testa del mio cazzo e la sua mano pulita, lubrificante e tutto.

“Amo tutto del sesso.” disse guardandomi.

“Mi hai insegnato molto su come amare il sesso compiacendo una donna.”

“Davvero? Non ci è voluto molto. Alcuni ragazzi non hanno mai capito il concetto.”

“Come hai fatto a essere così aperto? Sul sesso, voglio dire. Ti è sempre piaciuto il sesso?”

“Oh no. Anch’io avevo una brava insegnante. E prima che me lo chiedessi, era Amanda. La conosco da anni, dai tempi del college. Non sapevo niente. Ero una specie di purita. Ma poi ho conosciuto Amanda quarto nel nostro primo anno e ultimo anno non posso dirti quanto tempo ho passato a essere legato e slegato mentre lei imparava il mestiere, ero abbastanza flessibile da studiare mentre ero in un hogtie!

“Non è del tutto sorprendente. La signora Amanda è stata una parte importante della mia vita negli ultimi tre anni. Mi ha aiutato a venire a patti con il mio lato sottomesso. Ora mi sta aiutando con la mia impulsività”.

“Lei sa meglio. Non ho mai sbagliato a seguire l’esempio di Amanda.”

“Sì, e Amanda ti ha portato da me e ho imparato a chiedere cosa vuole una donna invece di agire d’impulso.”

“Mi piace.”

“Ma, vedi, non sto bene a letto. Non posso accontentare una donna. Nessuno vuole mai stare con me due volte.”

Non so perché l’ho detto. Era più di quanto volessi dire. La mia piccola autocoscienza è venuta fuori. Vorrei non aver parlato.

“Qualcuno ti ha fatto del male, vero?” Mi piaci. piaci ad Amanda. In effetti, non riesco a immaginare che Amanda viva con qualcun altro.

“Amanda… ancora non riesco a credere che abbia detto di sì al mio invito.” Ogni giorno che è qui con me è un regalo.

“Lei è molto speciale, vero?”

Con una risata nervosa, ho risposto: “Dice lo stesso di te!”

“Sono così felice che ti abbia trovato nel mezzo di questa pandemia. Un ragazzo che dà una casa, fa la spesa, cucina, fa il bucato, pulisce, fa la testa grossa e non si fa a modo suo. Una ragazza potrebbe abituarsi ad esso. .

Sono appena arrossito. A dire il vero, mi sono considerato un fallito per così tanto tempo che è davvero difficile sentire lodi. Se mi avessi detto un anno fa che avrei avuto questa conversazione nel mio letto con una donna nuda accanto a me, avrei pensato che fossi matto.

Julie mi baciò e si alzò. Ha iniziato a vestirsi. Ho guardato con il lenzuolo tirato su fino alla vita. Si voltò e mi guardò: “Non abbiamo ancora avuto una dimostrazione di tecniche di sega. Voglio imparare nuovi modi per far ballare un cazzo al mio ritmo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *