She’s Into Denial Pt. 05 – BDSM

di | 28 de Giugno, 2022

“Servizio. Disciplina. Sadismo. Masochismo. Quindi sei un… sadico?”

“In realtà… mi… mi piace che la D e la S stiano per Domination and Submission.” Io…» Fece una pausa, riflettendo attentamente. “Non voglio farti del male, non credo. Voglio solo che tu…”

“-Sottoscrivi.” Ha preso il suo caffè. Le aveva preparato di nuovo la colazione la mattina dopo: questa volta era un toast all’avocado con fragole a parte. Lui sospiro. “…Posso chiederti una cosa?”

Guardò il suo tè verde. “Disimpegnarsi”. La tua modalità dominante è stata disabilitata; improvvisamente si sentì spaventata e ansiosa.

“Da quanto tempo sei in questo settore? Tipo… quando l’hai saputo?

” … Non so. Io solo…» Si fermò a metà frase. “Non so.” Ripeté, aggiungendo altro miele al tè. Evitò di guardarlo direttamente. “Prima ancora di conoscere il sesso, penso che mi piacesse solo l’aspetto degli uomini quando erano impotenti. Vedere gli uomini sembrare vulnerabili… mi fa qualcosa.” Bevve un sorso, ed era la perfetta quantità di dolcezza.

Sembrava pensieroso. “Ma non vuoi farmi del male?

“Non mi piacciono le fruste o la pelle o cose del genere. Non è proprio il mio genere. Ma io… voglio provare cose più eccentriche con te, se va bene. Sentì il suo viso scaldarsi.

Sembrava ridere un po’, e lei non riusciva a leggerlo. “A cosa stai pensando?”

Raccolse il coraggio di guardarlo finalmente. “Posso legarti?”

La sua faccia divenne vuota, e di nuovo aveva paura che le chiedesse di uscire. Andare a casa. È stato divertente, ma ora verrò e cercherò di dimenticare te e il tuo pazzo feticcio.

“…al momento?” Il suo cazzo tirava insistentemente i suoi boxer. Ha visto la sua testa passare attraverso la fessura.

“Fammi fare colazione prima. Per ora… hai un laptop?

Lui annuì, perquisì la sua stanza e ne tirò fuori una. L’ha aperto.

“Hai detto che ti piaceva l’hentai, vero?”

“…si.”

“Perché non lo guardi? Puoi guardare porno e hentai quanto vuoi senza di me, ma non ti è permesso toccarti il ​​cazzo, vero?”

“Ma questo non vanifica lo scopo?”

Si mise un frutto in bocca. “Assicura che il tuo cazzo sia sempre pronto per me. Ecco a cosa servono tutte le prese in giro… beh, quello e… sembrare impotente.”

Sembrava volesse dire qualcosa, ma poi annuì. Si è tolto le mutande, è andato sul suo sito hentai preferito e ha guardato. Pochi minuti dopo, una donna tettona urlava esageratamente e saltava su e giù su un cazzo censurato. La fissò per un momento, poi si allontanò, non molto interessata.

Finì la colazione, si alzò e andò alla credenza senza prima chiedere nulla. Canticchiò e si tolse una piccola sciarpa. “Alzati a letto e alza le mani sopra la testa.”

Lo ha fatto velocemente. Gli legò strettamente la sciarpa intorno ai polsi, assicurandosi che non potesse lottare. Lei lo spinse a terra, e il suo cazzo si contrasse avidamente. Lei trattenne il respiro e lo guardò. Qualcosa nelle sue braccia sopra la testa, ancora, mentre il suo cazzo era duro, lo faceva sembrare così bello.

Ha iniziato a togliersi le mutandine. “Sei così sexy.” Ha iniziato. “Beh, sei sempre sexy, ma soprattutto adesso, sai?”

Forse era solo la sua immaginazione, ma sembrava che la sua faccia fosse diventata rossa. Distolse lo sguardo. In qualche modo il suo imbarazzo lo rendeva ancora più sexy, più indifeso. Tornata da lui, era sdraiata su di lui, la figa nuda appoggiata sulla pancia. Si chinò in avanti e afferrò il suo cazzo, assicurandosi che non potesse vedere i suoi movimenti. Sussultò quando lei iniziò lentamente a massaggiarlo e accarezzarlo. Si avvicinò a lui, dove non era molto sensibile, e lo leccò, prima di mettergli la bocca addosso e succhiarlo un po’. Le sue gambe divennero irregolari, strizzando. Con una mano allargò di nuovo le gambe con pazienza e con l’altra prese il suo cazzo. Ha dato piccole leccate stuzzicanti ovunque. Stava cercando di spingersi verso l’alto e nella sua bocca, e lei stava resistendo, indietreggiando, continuando a leccare. Adorava il gusto del suo pre-sborra. Era salato e buono.

“Lo farò…”

Deve essere super sensibile per voler venire subito. Gli saltò giù, mettendosi tra le sue gambe e sollevandole all’improvviso. Si passò un dito tra le guance.

“Oh no-“

Lei lo guardò e in silenzio chiese la sua fiducia. Delicatamente e con una leggera pressione, premette il dito contro il suo ano e lo tenne lì. Poi ha allungato la mano, ha aperto la bocca e ha preso la testa del suo cazzo dentro, facendolo girare. Gridò e le sue gambe si aprirono per lei. Si chinò in avanti e cercò di prendere più del suo cazzo in bocca, tenendo il dito nel suo buco stretto, e iniziò ad accarezzarlo lentamente e con attenzione. Il suo corpo si tese, ma tenne le gambe aperte per lei. Lei staccò la bocca dal suo cazzo, inclinò il viso verso il basso e lo succhiò, il suo naso toccava appena le sue guance. Aveva un buon odore – puzzava così sporco – oh merda –

Aprì le guance e gli leccò il culo. Urlò, ma rimase in silenzio. Gli diede un’altra leccata. gemette. Solo un’altra leccata. Era così viscido, disgustoso e sporco e puzzava proprio come lui. Leccò l’anello, che si contrasse e si strinse per lei. Si sentiva così sgradevole, e voleva disperatamente che anche lui lo sentisse. Il suo passo accelerò; gli leccò il culo con fermezza, prima di cambiare tattica e girargli intorno con la punta della lingua.

“Ehi… ehi…” Tirò fuori la lingua e lo guardò. Stava tremando e i suoi occhi sembravano spenti e distanti.

Ha iniziato ad accarezzargli il cazzo e si è resa conto che stava scappando via come un matto. All’improvviso sembrò arrendersi, la sua richiesta si fermò. Improvvisamente ha sputato sul suo cazzo e ha usato la sua saliva come lubrificante mentre lo accarezzava, mettendolo di nuovo al limite. Lui urlò e lei trovò la strada per tornare al suo buco, spingendo il naso in profondità. Le piaceva il modo in cui si contorceva contro la sua lingua. Stancamente, si allontanò, sentendolo gemere, indicando che la voleva ancora lì. Si rese conto che era senza fiato e la sua figa tremava, bruciando per essere toccata.

Sembrava debole. “Ero…” inciampò ubriaco – “Ero un…? Un bravo…?”

“Sì. Sei stato un bravo ragazzo.” Si sedette di nuovo a pancia in giù, questa volta di fronte a lui. Solo per farlo sentire particolarmente cattivo, si chinò e gli baciò le labbra, e lui acconsentì, aprendo la bocca per lasciare che le loro lingue si toccassero. Ha preso il suo cazzo tra le mani e ha iniziato ad accarezzarsi il clitoride. Si sentiva come se stesse per venire velocemente. Decise di stuzzicarlo, mettendo il suo cazzo all’ingresso della sua figa, spruzzandolo con la sua umidità, prima di tornare indietro e accarezzarsi il clitoride. Lo guardò rabbrividire. Si chinò e premette i seni contro il suo viso. Aprì la bocca e le prese il capezzolo, succhiando forte, come se lo avesse fatto bene, lo avrebbe lasciato sborrare. Ha guidato l’altro capezzolo nella sua bocca e ha guardato impotente per compiacerlo. Era così sexy che lei gli accarezzò il cazzo più velocemente sul clitoride prima di spingersi più a fondo nella sua bocca.

Il suo orgasmo fu improvviso e incontrollabile, lacerandola violentemente, provocandole uno spasmo. Si lamentò e si sdraiò sul petto, ascoltando il battito del suo cuore.

Lo sentì inalare. “Non devi andare a lezione?

Prese il telefono accanto al cuscino. “…Cazzo, ho perso la cognizione del tempo. Sono già in ritardo.” Si è liberata da esso, si è alzata per slegarlo. Piegò le mani. “Le tue dita sono diventate insensibili?”

“…un po’…non è poi così male…”

Si alzò in piedi, ma lui tese la mano e le fece cenno in silenzio di restare. Lo ha fatto lei. Appoggiò la testa sulla sua spalla, ascoltandolo calmare il respiro. Il suo cazzo, dolorosamente duro, lentamente e alla fine iniziò a diventare morbido.

“Hai davvero perso la cognizione del tempo, eh?”

” … sì. Tu… hai davvero un buon gusto.

” Veramente ? Il mio idiota?

Lei ha voltato le spalle occhi. Il bisogno di scusarsi l’ha sopraffatta. “Ti è piaciuto?”

Sembrava imbarazzato. “Sarebbe strano… se dicessi di sì?”

Il suo viso si illuminò. ” No ! No, non sarebbe strano. Io… mi dispiace di averlo fatto senza prima chiedere.

“Va tutto bene. Solo… mi sentivo come se fossi… da qualche altra parte.” Poi, preoccupato che l’avrebbe spaventata, “non come un’esperienza esterna”. corpo o qualcosa del genere, ma l’ho sentito davvero… in questo momento, sai?”

“Sì. Lo capisco.”

Lui sospiro.

Si alzò in piedi e lui sembrò triste di vederla andare via. “D’ora in poi,” raccolse la maglietta da terra, “devi mandarmi un messaggio se vuoi masturbarti e chiedere il mio permesso. Non puoi farlo a meno che tu non lo chieda prima.” E…” la tirò mutandine in su, “puoi guardare il porno quanto vuoi senza il mio permesso, ma non puoi toccarti il ​​cazzo mentre lo fai.” Premette insieme il bottone dei suoi jeans, “E durante il sesso, quando ti riferisci a me… chiamami signora.”

“Sig.ra?”

” Proprio così. Suona bene?

“Io… penso di sì…” espirò, ancora esausto.

“Bene. Ho altre lezioni da seguire. Ci vediamo dopo?”

“Domani è venerdì?” Ci ha pensato. “Che ne dici di… un appuntamento allora?”

“Ma che mi dici di stasera?”

Lui sospiro. “Io… penso di aver bisogno di una pausa.”

Lei sorrise. “E’ venerdì. Prendiamo un appuntamento!”

E ha chiuso la porta ed è uscita di casa, mettendo in moto la macchina. Si ricordò di non essere arrabbiata perché lui voleva una pausa. Andava bene. Non era male. Non dovrebbe far male. Non ha fatto male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *