She’s Into Denial Pt. 06 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

“Sembrano alieni. Tipo, se non lo sapessi meglio, direi che sono alieni.”

Sorrise e accarezzò la creatura marina. “Sì. Penso che tu abbia ragione.” Sembravano così primitivi, così pigri, che cedevano un po’ alla pressione delle sue dita, eppure non sembravano infastiditi. Solo fluttuando… ha deciso che nella sua prossima vita, voleva essere una medusa.

“Andiamo. Vediamo gli squali dopo.”

E, mio ​​Dio, questo squalo era semplicemente bellissimo. Era terrificante, la bocca leggermente aperta, i denti aguzzi, facile da mangiare e da cacciare, eppure nuotava così bene, come se sapesse di essere onnipotente, il sovrano dell’oceano. Ha cambiato idea. Voleva invece essere uno squalo.

Si sono seduti su una panchina dove hanno potuto vedere più pesci e hanno mangiato i loro PB+J che aveva preparato. Doveva stare attenta a non mostrargli cos’altro c’era nella sua borsa. “Per risparmiare denaro,” tirò fuori i panini, dando un’occhiata ai salumi troppo cari nell’acquario. Hanno guardato un lavoratore nutrire le razze.

“È stato divertente.” Sorrise appoggiandosi sulla sua spalla.

“Si lo era.” La afferrò, abbracciandola a sé. Ci fu un momento di silenzio. Poteva sentirlo esitare, poi disse lentamente: “Ti ho fatto male l’altro giorno, vero?”

“Quanto?”

“Quando ho detto che avevo bisogno di una pausa. Io… guarda, stavo soffrendo un po’, e… ma…» Si schiarì la gola. “Sono d’accordo con il BDSM e tutto il resto, ma non voglio che la nostra relazione sia solo questo. E… avevo bisogno di una pausa sessuale per poter… pensarci un po’.”

“Non mi hai fatto del male. Beh…” decise di essere onesta con se stessa, “Hai fatto un po’ male, ma dipende davvero da me. Puoi prenderti una pausa quando lo fai”. essere buono.”

La guardò, ei suoi occhi erano luminosi, più spenti. Si chinò in avanti e si baciarono, solo leggermente. “Sono contento di essermi preso una pausa, ma…” le si avvicinò all’orecchio, “non vedo l’ora di tornare a casa.”

~~~

Non gli ha detto cosa aveva nella sua borsa.

Invece, si legò di nuovo le braccia sopra la testa, e questa volta lui si mise una benda. Guardò il suo corpo nudo. Il tuo pene sta già tremando. Lo accarezzò leggermente e ci volle meno di un minuto prima che dicesse che era vicino. Alzò le gambe in aria e tirò fuori la bottiglia di lubrificante, che le gocciolava dritto nel culo.

gridò scioccato. “Fa così freddo!”

Gli prese il dito e lo massaggiò direttamente nel suo buco, accarezzando e giocando con l’anello stretto. Rabbrividì. Le gambe distese. Vibrava intorno a lei. Tirò fuori il giocattolo dalla borsa e iniziò a ingrassarlo generosamente. Posò la prima e la più piccola perla proprio all’ingresso, poi le diede una piccola gomitata.

Tutto il suo corpo tremava. È rimasta stupita dalla facilità con cui il suo culo ha preso piede. Il giocattolo era piccolo, ma pensava che avrebbe obiettato di più. “Oh merda, cosa mi stai facendo, cos’è questo, cosa stai…” Spinse con decisione il secondo tallone, leggermente più grande del primo, e lui gemette, impotente, mordendosi il labbro inferiore.

Il suo culo era fantastico. Sembrava affamato. Non andando più piano, diede un colpetto al terzo, e lui l’afferrò facilmente.

“Dannazione, dannazione, dannazione…” ansimò. Gli massaggiò l’anello del buco del culo con il dito e lui si contorceva per lei. Improvvisamente sollevò le gambe più in alto, le afferrò il culo e, senza pensarci troppo, diede un rapido colpo

BENE!

Lui pianse. Lo schiaffeggiò di nuovo, e lui gemette invece, il suo culo in realtà appoggiato alla sua mano. Ha iniziato a spingere il quarto tallone.

“Il tuo buco è così sporco. Ne vuoi di più?”

“Sì… sì signora…” poi ricordò. La sua figa si contrasse a quelle parole. “…per favore di più…”

“Non sono convinto.” Si toccò di nuovo l’anello del culo. “Il tuo buco – la figa stretta del tuo ragazzo – è davvero troia per me?” Sorrise vedendo quanto suonasse perverso.

“Sì signora.” Era senza fiato.

“Allora dimmi. Dimmi che sei una puttana.”

“Sono un…” allargò le gambe, “la mia figa ne vuole di più! Per favore! Scopami!”

Lei no. Invece, infilò lentamente le ultime due perline e lo guardò sussultare. Ora una perla deve essere premuta contro la sua prostata, regalandogli un piacere che non ha mai provato prima. Ha guardato mentre più pre-sborra gocciolava dal suo cazzo, e ha lasciato le perline lì, il suo buco del culo – la sua figa, decise – si contorceva e si aggrappava a lui. Si arrampicò sopra di lui, le gambe su entrambi i lati di lui. La sua figa si librava appena sopra il suo cazzo, ma per ora stava spingendo i suoi seni verso il suo viso. Istintivamente aprì la bocca e lei lo ricompensò con il suo capezzolo. La leccò dolcemente, girandola. Ansimò e abbassò lentamente il clitoride sul suo cazzo, coprendolo con la sua umidità, facendolo gemere. Scivolò lentamente contro di lui, pensando solo al proprio piacere. Non contenta di macinare, ha preso il suo cazzo tra le mani e lo ha usato per strofinare più forte il suo clitoride. Merda, era così vicina…

“Sto per venire… io…”

“Non ancora!” Lo lasciò e rapidamente, non sapendo in quale altro modo avrebbe potuto farla, si sedette sulla sua faccia. Lui gemette e la leccò, proprio dov’era il suo clitoride, ma non era sicura che sarebbe stato abbastanza. “Tieni fuori la lingua!” Si alzò in modo che lui potesse, e si sedette di nuovo, strofinandosi la lingua.

“Dannazione… cazzo… oh mio Dio, cazzo!” Spinse un’ultima volta e le venne, forte, su tutta la faccia. “Mangia,” gemette, “Mangia tutto…” E l’orgasmo la fece rabbrividire, e si chiese, da qualche parte nella parte posteriore della sua mente, se fosse stato in grado di respirare con lei in quel modo.

Alla fine lo lasciò, togliendosi rapidamente la benda e slacciandosi la sciarpa. Stava ansimando. “Le…perle… loro…” Il suo cazzo era di un rosso furioso che lei non aveva notato prima, e una vena stava scoppiando. Sembrava pronto ad esplodere.

“Hai mai mangiato il mio sperma?”

Si leccò le labbra che ne erano ricoperte e deglutì.

“Bravo ragazzo. Ora, riguardo a quei conti…” Sorrise, “…vuoi venire?”

“Sì!” Lo sguardo di disperazione sul suo volto era pietoso e bellissimo. Merda, era di nuovo bagnata. Ancora legato, iniziò a spingere i fianchi, pieno di bisogno. Lei gli prese il cazzo tra le mani e iniziò a masturbarsi…

“…devi venire da solo, capisci?”

La sua voce era disperata. “Sì. Sì, signora. Per favore, fatemi venire. Per favore.”

“Beh, sei stato un bravo ragazzo, quindi…” iniziò a masturbarlo di più.

“Dannazione… sono così vicino… vado… vado…”

Ha strappato le sfere anali in un colpo solo e stordita dalla sovrastimolazione che è venuto. Il suo cazzo si contrasse nelle sue mani mentre lei lo toccava, il suo sperma schizzava nella sua stessa pancia. È venuto più di quanto credesse possibile, e ne ha amato ogni momento – adorava lo sguardo di sollievo sul suo viso mentre gettava indietro la testa, adorava il fatto che arrivasse in sé, amava il fatto di avere sempre il suo cazzo dentro di sé braccia. mani e aveva il controllo. Dopo due minuti buoni, fece un respiro profondo. Il suo sperma si era già depositato nel suo petto.

Lei sorrise, continuando ad accarezzare il suo cazzo estremamente sensibile. Alzò lentamente la testa e la guardò in un modo che fece sparire il suo sorriso. “Sono arrabbiato con te.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *