She’s Into Denial Pt. 08 – BDSM

di | 28 de Giugno, 2022

Stava baciando qualcun altro.

Spinse la sua lingua calda nella sua bocca, e si sentì davvero, davvero bene. Lei lo voleva. Lo spinse sul letto, gli tolse la maglietta e gli sbottonò il reggiseno. Si è messa a terra la figa, coperta dalle mutandine, proprio sul suo cazzo, desiderandolo dentro di sé. Le afferrò il seno e le pizzicò i capezzoli, e lei sospirò.

“Io-io-” Continuò a spingere. Gli prese le mani e le sollevò sopra la testa, si mise una mano sul petto e continuò, sentendo il battito del suo cuore, non desiderando altro che…

Che stava facendo?

Ne è uscita togliendosi le mutandine. Ha iniziato a masturbarsi su di lui. La sua figa era… buona. Era pronta. Voleva il suo cazzo dentro di lei. Si è spinta a terra e…

Lei scattò. Allungò una mano e le accarezzò i fianchi. “Sei un po’ secca, vero?”

“Io…” Cercò di spingerlo ulteriormente, ma ogni momento la feriva. Aspettare. Stava perdendo la verginità, ed era quello che voleva fare? Si spinse più in basso, ma l’espressione preoccupata sul suo viso la respinse. Si è arresa. “Mi dispiace davvero.”

“Non sono stato abbastanza bravo? Vuoi… vuoi che ti mangi?

” No. Non è quello. Io solo…» Si sedette sul letto. Era bravo. Beh, stava bene. Capì che non voleva più fare sesso, ma cercò comunque di dirglielo. “Ho un tipo molto specifico di feticcio…”

“Che cosa è?”

“Uh…io…” Voglio negarle l’orgasmo. Voglio sborrare forte sul tuo cazzo sapendo che non puoi. Voglio torturarti il ​​culo e scoparti finché il tuo cervello non diventa insensibile e tutto ciò che vuoi sono io. Fissò il pavimento, studiando avidamente il tappeto. “Penso solo che dovresti andare a casa e abbandonarmi.”

Altre storie erotiche  The Big Four Oh - BDSM

~~~

Tirò fuori il pacco dalla cassetta delle lettere, cercando di non sembrare troppo eccitato. Lo portò dentro, lo posò sul ripiano della cucina e con un paio di forbici lo aprì. È stato avvolto in strati di cartone e plastica, prima di essere finalmente rimosso.

Ne aveva bisogno in lui subito.

Lo inondò di lubrificante e si sentì andare forte senza nemmeno doversi toccare. Lo mise lentamente sul suo culo. Schiacciato ed entrato rapidamente. Si era procurato un plug anale della più piccola dimensione – medio e grande lo intimidivano – ma questo era grande quanto le sue dita, abbastanza da allungarsi… Quando la sua figa si contrasse, si sfregò contro la sua prostata e lo fece rabbrividire. Rifiutandosi di toccarsi il cazzo, è saltato nel porno e ha guardato, col culo pieno, tenendo le mani dietro la testa.

Era passata una settimana dall’ultima volta che era venuto, ed era stato un caso.

“Merda!” disse, togliendo immediatamente le mani dal suo cazzo. Con le sue mani sul suo cazzo, non si sentiva così bene, come se lo avesse rovinato. Lo ha guardato venire, sentendosi un po’ e sentendo il dolore di aver oltrepassato il limite e rovinare il suo orgasmo, ma si è meritato l’ultimo pezzo. Non fidandosi di se stesso, la prossima volta l’ha levigato con il suo cazzo, poi ha giocato con il culo mentre guardava il porno.

Ha contratto la sua figa da ragazzo e ha guardato due ragazze che si scopavano a vicenda. Li guardò toccarsi e desiderò che qualcuno fosse dentro di lui in questo modo – la sua figa tremava e gli faceva male. La spina gli faceva sentire bene la prostata, ma scoprì comunque di volere qualcosa di più…

Altre storie erotiche  My Journey to Submission Pt. 04

Ha messo in pausa il suo porno e ha preso il telefono, ha tirato fuori il suo numero e si è fermato a pensare. Voleva toccargli il cazzo, ma ha rifiutato.

~~~

Smise di scrivere e prese il telefono. Ha letto il suo messaggio una volta, poi due.

“Scusa. Non volevo essere cattivo con te l’altro giorno. Per favore, chiama.”

Ha riattaccato il telefono e poi ha richiamato. Dovrebbe aspettare così non sembri affrettata. No, si sentiva affrettata. Non lo farebbe mai se non lo facesse adesso. Compose velocemente il suo numero, i suoi occhi sfrecciarono sul campus davanti a lei, gli studenti allegri che passeggiavano in quella giornata di sole. Il telefono non ha squillato per molto tempo.

“Ehi, io…” sembrava correre, “non mi aspettavo che mi chiamassi subito… io… mi dispiace… io…”

“Stai bene? Sembri senza fiato.”

“Si si.” Ha risposto così rapidamente che si è sentita sospettosa. ” Sto bene. Io… senti, possiamo prendere un caffè e un tè questo pomeriggio? Mi piacerebbe davvero discuterne con te… io…» si interruppe, ansimando, e all’improvviso lei capì. .

“Aspetta…” Abbassò la voce fino a diventare un sussurro, “ti stai masturbando?”

“Cosa! Uh…non esattamente…”

“Stai schivando?”

Lo sentì succhiare il respiro. “Sì.” Ha ammesso. “Io…io…ho un plug anale. Un piccolo. In questo momento…”

Sentì la sua figa iniziare a pulsare. “In questo momento?”

“Sì… sì signora…”

Si sentiva la figa diventare calda. “Che puttana.” Mormorò, voltando la testa, assicurandosi che nessuno potesse sentirla. Lo sentì ringhiare alle sue parole. ” Sto scherzando. Come va questo pomeriggio?

Lo sentì lottare sull’altra linea. “…tre ore? Ci vediamo nel tuo campus…”

Altre storie erotiche  Agreeing to Serve Pt. 01 - BDSM

“Ci vediamo presto… e prima di sparare…” si guardò intorno per assicurarsi che nessun altro potesse sentire, “mi mandi una foto, ti va?”

“Sì signora.”

“Bravo ragazzo.” Lo sentì gemere prima di riattaccare. Con calma prese lo zaino e si diresse verso il bagno, e si diresse verso l’ultima cabina. Il suo telefono ha squillato quando è arrivata la foto.

Infilò una mano nei pantaloni e si toccò il clitoride attraverso le mutandine. Dannazione, il suo culo sembrava teso e il suo cazzo era rosso e venato. Poteva dire che stava schivando per un po’, e quando ha pensato di staccare la sua presa e affondarci dentro le proprie dita…

Ha cercato di rimanere ferma mentre veniva. Un attimo dopo, un rivolo di piscio è uscito nel bagno. Si asciugò, liberandosi di tutta l’umidità con sé. Porca puttana.

Anche lui negava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *