Special Occasions – BDSM – Literotica.com

di | 21 de Giugno, 2022

Di: Slovdave.
Dalle idee originali di: Maria.

Julia si guardò attentamente nello specchio a figura intera.

Aveva riacquistato i suoi capelli castano scuro naturali. In tali occasioni le piaceva una certa veridicità.

Sulla trentina, snella e tonica, vantava una figura sorprendente anche senza il suo outfit attuale.

I suoi occhi erano castano chiaro, macchiati di verde. Impressionante, persino ipnotico, è stato detto più di una volta.

L’abito era scandaloso e interamente per l’occasione.

Un reggiseno di pizzo nero le sollevò i seni a coppa in avanti, offrendoli allo specchio. Liberati dalla forza di gravità, tremavano ad ogni minimo movimento, chiedendo attenzione. Le sue areole scure e increspate incorniciavano capezzoli già stretti mentre l’attesa cresceva.

Le lunghe ore di corsa e pesi in palestra l’hanno lasciata tonica e magra. Era particolarmente orgogliosa della sua taglia e della sua pancia.

Cinghie e calze incorniciavano un perizoma nero attillato con minuscoli accenti di pizzo colorato agli angoli e un pannello frontale trasparente che mostrava chiaramente il suo severo cinturino brasiliano e le labbra ordinate della figa, da cui il cappuccio del clitoride sporgeva alla moda.

I tacchi in vernice completano perfettamente l’insieme.

Capì tutto e sorrise al suo riflesso. Esattamente come aveva immaginato.

Il lavoro era stressante e lei, se avesse avuto fretta, l’avrebbe usato come scusa per le sue sedute. Ma nel suo cuore sapeva che era davvero irrilevante. Sono state le occasioni che hanno scandito la sua vita, che l’hanno definita. Tutto il resto era solo un mezzo per raggiungere un fine.

E sarebbe stata un’occasione particolarmente memorabile, ne era certa. Riunire due reparti era qualcosa che non aveva mai tentato prima. La pianificazione era stata meticolosa, la formazione era durata mesi. Nessuno dei due conosceva l’altro, anche se entrambi avevano promesso molto. L’attesa correva attraverso il suo corpo ma la sua figa avida era la conduttrice, le sue labbra lisce scivolavano l’una contro l’altra cercando di succhiare il perizoma mentre si muoveva e il dolore familiare si accumulava nell’ultima ora mentre si preparava.

Soddisfatta alla fine, lasciò il suo camerino e scese le scale tappezzate nel corridoio piastrellato. L’aria fredda scorreva sul suo corpo, stringendo ancora più forte i suoi capezzoli scoperti. Ha sempre amato il dramma delle scale e il puro erotismo di abiti come questi. Si sentiva bagnata ancora di più.

In fondo alle scale svoltò a destra, attraverso doppie porte, in una grande stanza rivestita di pannelli in fondo alla quale un caminetto ardeva debolmente. Chiuse le porte dietro di sé, si sistemò su una sedia di pelle accanto al camino e si posizionò in modo da poter vedere sia il camino che le doppie porte. Pesanti tende di velluto erano tirate attraverso le finestre a bovindo davanti a lei, e una luce fioca proveniva da un paio di lampade sul muro sopra il fuoco e il fuoco stesso. Era caldo, ma non troppo opprimente.

Sentì il campanello e poi il ticchettio dei tacchi quando la sua cameriera andò a rispondere. Ci fu un sussurro di voci e finalmente le doppie porte si aprirono.

Entrò la cameriera. Era vestita con un facsimile dell’abito della sua padrona. I suoi grandi seni rimbalzavano e tremavano ad ogni passo dei tacchi alti e le labbra della figa e il clitoride si gonfiavano volgarmente contro il pannello frontale. I suoi fianchi stavano rotolando vigorosamente mentre Dan camminava dietro di lei.

“Signora Daniel”. Annunciò invano, poi girò sui tacchi e con un movimento dei fianchi si ritirò, chiudendosi le porte dietro di sé.

Julia si alzò per salutare il suo ospite.

Dan aveva trent’anni, poco meno di un metro e ottanta, alto e magro, anche se stava già dimostrando che presto sarebbe diventato più alto. Capelli corti neri e occhi azzurri. Era vestito in modo semplice, anche se costoso, con pantaloni neri e una camicia bianca aperta sul colletto, scarpe di vernice nera e gemelli d’oro. Come lei aveva stabilito.

Si mosse per baciarlo sulla guancia e notò con una certa irritazione che aveva un po’ di barba ispida. Lo pagherebbe.

“Dan, tesoro.”

Gli occhi di Daniel seguirono avidamente i suoi seni mentre si sporgeva in avanti, ma le sue mani le sfioravano appena le costole mentre si baciavano. Conosceva già i limiti.

Le sue mani andarono all’inguine e abilmente aprirono la cerniera della sua patta. Il suo cazzo generoso, rasato e già semiduro si svela. Cadde in ginocchio e subito se la ingoiò in bocca. La sua lingua lo ha fatto duro in pochi secondi e in pochi minuti stava per venire quando lei lo ha riportato in gola. I suoi fianchi iniziarono a spingersi nella sua bocca, ma per tutto il tempo le sue mani rimasero al suo fianco. Dopo qualche altro minuto, quando iniziò a ringhiare e chiaramente dovette trattenersi, lei si fermò bruscamente, lo abbracciò ancora bagnato e forte, e gli strinse la patta.

Attraversò la stanza fino a un piccolo armadietto dei liquori e servì a entrambi un whisky senza chiedere cosa volesse. Seguirono chiacchiere per i minuti successivi finché non fu chiaro che stava iniziando a declinare e il whisky si stava esaurendo.

Altre due volte nella mezz’ora successiva è stata seguita la stessa routine. A questo punto, Dan aveva chiaramente il controllo meraviglioso. La sua formazione stava dando i suoi frutti. Ha provato tutto quello che poteva con la sua bocca e anche se lui è diventato duro e l’ha spinta dentro di lei, chiaramente non stava per venire. Gli dondolò il cazzo, bagnato e luccicante con notevoli quantità di pre-sborra, ancora una volta proprio mentre il campanello suonava di nuovo.

Ancora una volta la cameriera attraversò il corridoio, le voci sussurrarono e le doppie porte si aprirono. La cameriera entrò (Julia avrebbe bisogno di parlarne più tardi) e fece il suo annuncio mentre dietro di lei seguiva una piccola figura femminile bionda con un cappotto beige e tacchi.

“Yvonne, signora.”

Questa volta la cameriera non uscì, ma si fece avanti per chiudere le porte e si sedette accanto alla sedia della sua padrona. Nel frattempo, Yvonne ha fatto un passo avanti ed è successo lo stesso bacio sulla guancia.

“Vonie, tesoro.”

Ancora una volta i seni di Julia erano al centro dell’attenzione.

“Togliti il ​​cappotto mia cara.”

Gli occhi di Yvonne si girarono su Daniel, catturandolo. Esitò.

“Adesso tesoro!”

La voce di Julia si indurisce un po’.

Il cappotto scivolò per terra.

Era alta circa un metro e ottanta. I suoi capelli biondi e lisci naturali erano raccolti in una coda di cavallo a metà della nuca. Gli occhi azzurri, quasi grigi, sembravano impassibili in un viso sfacciato, grazioso, leggermente incerto.

Era quasi nuda tranne che per le calze nere e i tacchi.

Aveva un seno grande per la sua taglia. Cuscini morbidi e chiari con grandi areole rosa e capezzoli piccoli ma distintamente eccitati.

Le sue gambe erano unite, una leggermente davanti all’altra in una posa da modello approvata. Era visibile la minima quantità di cappuccio del clitoride ed era completamente rasata.

“Care ginocchia.”

Ha ordinato Julia, allo stesso tempo ha chiamato Daniel.

Julia slacciò la cintura di Dan e gliela tolse dai pantaloni mentre Yvonne prendeva posizione. Tese la mano e la cameriera le diede un pezzo di corda. Lo fece scivolare intorno al suo cazzo e alle sue palle e lo strinse, legandolo abilmente. La sua erezione leggermente cadente si indurì immediatamente e iniziò a scurirsi.

Julia fece scivolare una mano dietro il suo culo e lo tirò in avanti. L’altra mano si poggiò sulla schiena di Yvonne e fece avanzare anche lei.

Il cazzo di Dan avanzò e Yvonne diede a Julia una sola occhiata prima di aprire la bocca e prenderla dolcemente.

Guardò Julia per rassicurarsi, poi passò le dita tra i capelli di Yvonne e lasciò che i suoi fianchi iniziassero a spingerlo in avanti.

Julia si alzò e si avvicinò alla sedia. Si alzò a sedere e incrociò le gambe prima di ammirare la scena che aveva appena allestito.

Illuminato dal fuoco e da piccole lampade, Dan spinse i fianchi in avanti e il suo cazzo scomparve quasi interamente nella bocca di Yvonne. Lei, dopo aver aperto la gola, lo portò fino in fondo e lo guardò negli occhi. Gocce di saliva cominciarono a cadere dalle sue labbra e gradualmente aumentò il passo, anche se la corda e il suo allenamento gli impedivano di raggiungere l’orgasmo. Si fissarono l’un l’altro e la sua presa sulla nuca si strinse mentre il suo ritmo iniziava ad aumentare. Julia guardò con approvazione.

Alla fine, tuttavia, si stancò dei dipinti.

All’improvviso si alzò dalla sedia. con un piccolo sospiro.

Fece un cenno alla cameriera e la mise a quattro zampe. Ha portato Yvonne avanti e l’ha adagiata sulla cameriera, il culo di Yvonne tra le sue braccia sul pavimento. Dan è stato spostato in avanti e il suo cazzo penzola in modo allettante fuori dalla portata della bocca di Yvonne. Julia, nel frattempo, si è posizionata dietro Yvonne e con uno spruzzo di lubrificante posizionato strategicamente, ha iniziato a far scorrere due e tre dita dentro di lei.

Presto l’intera mano stava scomparendo nella figa tesa di Yvonne mentre si portava il cazzo di Dan in gola. Di tanto in tanto uscivano piccoli gemiti e gorgoglii e lei gocciolava dalla bocca e dalla figa. Dan intanto si è infilato come una macchina nella bocca di Yvonne, tenendo gli occhi fissi al muro e la mente vuota.

Julia ha iniziato a prendere il ritmo. Unì le dita, poi formò un pugno. Yvonne ha iniziato a gemere e gemere quando il pugno ha iniziato a sbattere nella sua figa. Dan, allo stesso tempo, percependo la tensione, accelerò il ritmo e, afferrandole i capelli, spinse sempre più forte nella bocca di Yvonne.

Al segnale di Julia, tutto si fermò.

Dan scattò sull’attenti, il suo uccello luccicava e gocciolava a pochi millimetri dalla faccia di Yvonne. Yvonne era ancora sdraiata sulla cameriera, ansimando e gemendo per l’improvviso doppio ritiro del pugno di Julia e del cazzo di Dan.

Yvonne era posizionata sulla schiena. La cameriera, seduta con le gambe divaricate sopra la testa, allungò una mano e allargò le gambe di Yvonne, i seni cadenti davanti al viso di Yvonne. Julia, si mise di nuovo tra le gambe di Yvonne, sorridendo e vicino, mentre il suo pugno, lento ma duro, colpiva la figa di Yvonne.

Il sospiro e il gemito di Yvonne furono enormi.

Julia, con la mano che stringeva la figa di Yvonne, sorrise e iniziò a muoverla.

Yvonne iniziò ad ansimare e contorcersi quando il pugno iniziò a muoversi dentro di lei.

I due, ma non insieme, iniziarono a reagire.

Yvonne si allungò e tirò in bocca i seni della cameriera, succhiandole e tirandole avidamente i capezzoli, prima con le labbra, poi con i denti. Mentre il movimento dentro di lei accelerava e si intensificava, la forza del suo morso aumentava. La cameriera gemette un po’ e rabbrividì, ma non si tirò indietro. Invece, ha preso le sue mutandine e ha iniziato a lavorare il proprio clitoride.

Julia ha aperto le ginocchia ancora di più, la sua figa avida le ha succhiato le mutandine e ha iniziato a perdere sangue mentre lavorava il pugno sempre più forte dentro Yvonne.

La figa di Yvonne si allentò ancora di più, uscirono piccoli schizzi dei suoi succhi, bei rumori bagnati che accompagnavano i suoi gemiti e grugniti. Mentre il pugno lavorava sempre più forte, si muoveva lentamente verso Julia, costringendo il pugno ancora più forte ad ogni colpo e torsione.

Ha iniziato a venire.

Ad ogni climax schizza un po’ di più, geme e spinge i fianchi sempre più forte contro il suo aguzzino. Dopo tre o quattro orgasmi, i suoi occhi iniziarono a roteare nella sua testa, al punto da svenire. Julia si è allungata ancora di più, facendo scivolare le dita dell’altra mano attorno al polso della prima e costringendola a fondo finché non ha seppellito entrambe le mani nella figa arrabbiata di Yvonne.

I due hanno perso il conto di quanti orgasmi forzati ha avuto Yvonne, ma alla fine sono finiti.

Julia ritrasse lentamente le mani, entrambi gli occhi fissi mentre le sue mani si rilassavano e le labbra della figa di Yvonne si aprivano, rosee di rabbia, bagnate. Un piccolo getto di succo le usciva dalla figa e giù per il culo.

La cameriera apparve accanto a Julia e le porse un enorme butt plug.

La base della spina era più spessa del polso di Julia, la fiamma molto più grande.

Spinse la punta nella figa che si contrae lentamente, costringendola ad aprirsi di nuovo.

Yvonne gemette mentre si allontanava sempre più fino a quando, con un’ultima spinta di Julia, si sistemò al suo posto.

Era di plastica morbida e trasparente e l’ombra scura delle labbra e del buco della figa di Yvonne mostrava quanto fosse ampia e quanto fosse penetrato in profondità il cono.

Julia e Yvonne stavano respirando pesantemente e il sudore luccicava sulla loro pelle mentre si riprendevano. La cameriera gemette un po’ mentre esaminava i segni dei denti rossi sui suoi capezzoli doloranti mentre la sua mano finalmente portava anche lei all’orgasmo.

Dan, nel frattempo, si fece da parte. Il suo pene, duro e irritato per la costrizione del cordone, gocciolava di liquido pre-eiaculatorio e si contraeva di tanto in tanto mentre osservava la scena di fronte a lui.

Julia lo chiamò da lei.

In tal modo, iniziò a mettere Yvonne a quattro zampe. L’enorme spina non ha nemmeno avvicinato Yvonne alla chiusura delle gambe, quindi è stato un po’ imbarazzante, ma ci è riuscita. Il suo culo e la sua spina affrontavano Julia. Dan era in ginocchio davanti a lei. Sullo sfondo, la cameriera si divertiva di nuovo, ad alta voce.

Dan ha afferrato i capelli di Yvonne e gli ha infilato il cazzo in bocca. Questa volta l’urgenza era su di lui e lei sussultò e sussultò mentre lui le riempiva la parte posteriore della gola. Presto sbavava e boccheggiava in cerca d’aria. Afferrò il ritmo, grugnendo e sforzandosi, nel disperato tentativo di lasciar andare finalmente tutte le altre considerazioni.

Giulia lo fermò.

Lo tolse dalla bocca di Yvonne e lo fece aspettare, contorcendosi, bagnato e completamente disperato.

Girò Yvonne sulla schiena, ancora ansimando.

Ha strappato brutalmente la spina dalla figa di Yvonne. Yvonne urlò quando divenne chiaro. La sua figa tesa e torturata ora sembrava a malapena in grado di contrarsi.

Ha sciolto rapidamente il cordone attorno al cazzo e alle palle di Dan e lo ha posizionato tra le gambe di Yvonne.

Scivolò in profondità, afferrandosi i fianchi e gemendo mentre faceva.

Yvonne si aprì per lui e lo afferrò con le gambe, tirandolo forte e profondo.

Julia posò il palmo della mano sulla pancia di Yvonne, premendo sul suo monticello.

“Colpirlo.” Sussurrò all’orecchio di Yvonne prima di avvolgere le labbra e i denti attorno ai capezzoli di Yvonne.

Dan accelerò il ritmo, gemendo e spingendo dentro di lei il più lontano e veloce che poteva. La figa tesa non si era ancora contratta del tutto e la mancanza di pressione tormentava il suo cazzo senza spingerlo oltre il bordo. Gemette e ringhiò, schiaffeggiandola, il viso contorto per lo sforzo. Il sudore gli gocciolava.

Yvonne accettò anche il grido che cominciava a farsi sentire dentro di lei e lei, nonostante tutto quello che era successo prima, sentì il familiare dolore ricominciare a salire.

Si sforzarono l’uno contro l’altro, duri, disperati, costringendo entrambi a raggiungere l’ultimo orgasmo. In calore come bestie feroci, il climax si stava avvicinando. I due alla fine gridarono mentre i cuori e i corpi battevano ed esaustavano, si unirono e si separarono.

Dan, ansimando, si rotolò esausto sul pavimento.

Yvonne, gambe divaricate, senza fiato. Una scia di sperma di Dan è scivolata fuori dalla sua figa martellata.

Julia venne nella sua stessa mano con tale forza che quasi svenne e in fondo anche la cameriera gemette mentre si alzava.

Davvero un’occasione speciale. Tuttavia, in pochi istanti, Julia stava già formando un piano nella sua testa per il prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *