Summer’s Day Slave – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Era una soleggiata giornata estiva senza una nuvola in cielo. Mi sono seduto nella mia stanza dell’attico in città indossando una comoda vestaglia di raso e sorseggiando un bicchiere di vino piacevolmente freddo. Guardai fuori dalla finestra un po’ più a lungo prima di voltarmi a guardare lo schiavo incatenato ai piedi del mio letto.

Indossava il colletto da schiava standard come unico abbigliamento, con una catena che correva dal colletto a un punto di attacco nell’angolo inferiore del letto. Magro ma muscoloso, potevo capire perché mio marito aveva pagato un bel penny per il mio nuovo giocattolo. Possedere schiavi può essere una pratica comune in questi giorni, ma quelli buoni non sono mai stati economici.

Mi guardò dritto negli occhi mentre lo guardavo. Il mio vestito era aperto per mostrare la curva dei miei seni cattivi e il rosa elettrico delle mie mutandine French Connection. C’era del desiderio nei suoi occhi, ma non mi importava. Lascialo guardare quello che vuole, non mi vergogno mai di essere visto in vestaglia sulla mia proprietà. In un’altra occasione, probabilmente mi piacerebbe usare la loro attrezzatura attraente, ma il primo giorno con un nuovo schiavo, mi piace mostrare loro a che parte appartengo.

“Hai un nome, schiavo?

“Stan, signora.”

“Stan è un bel nome, ti sta bene. Lo farò incidere dal mio gioielliere in una targhetta da tenere vicino alla tua stanza. In questa stanza, però, sarai la mia puttana e mi servirai a mio piacimento.” per te come una cagna, schiava o cagna come ritengo opportuno. Hai un problema con quello, schiavo?”

“No signora.”

“Beh, ora voglio un massaggio ai piedi.”

“Sì signora.”

Stava arrossendo, la lezione che era qui per vedere ogni mio capriccio. Sono atterrato goffamente sul letto con i piedi penzolanti oltre il bordo. Sono andato in giro senza infradito, ma la pulizia giornaliera ha mantenuto l’appartamento immacolato. Stava facendo un buon lavoro, lavorando con attenzione sulla pianta dei piedi e persino sulle dita dei piedi. Non sapevo per ora, tuttavia, se gli avessi prestato attenzione tutto il tempo, quale sarebbe stato il senso che fosse qui.

Mi sono seduto a giocare sul mio telefono e fare progressi occasionali nel vino, prendendomi il mio tempo con il clima mite. Ad un certo punto i miei pensieri vagavano e ho sfogliato un po’ di porno. Un video in particolare ha suscitato il mio interesse e ho deciso di guardarlo. Le sue dita si contrassero quando l’attrice protagonista iniziò a gemere. I suoi movimenti erano quasi impercettibili, ma tradivano la sua tesa eccitazione. Il porno stava iniziando a diventare buono e ho deciso che sarei uscito anche io. Negli ultimi tre mesi da quando abbiamo trasferito l’ex schiavo in una delle nostre altre proprietà, mi sono accontentato del mio fidato ballo. È stato un bel cambiamento avere qualcun altro a fare il lavoro.

Mi voltai e lasciai andare il suo guinzaglio. Tirandolo leggermente, lo portai a letto. Mi sdraiai, concentrandomi sul porno e sul calore crescente tra le mie gambe.

“Toglimi le mutandine e leccami. Presto.”

“Sì signora.”

Ho sollevato leggermente i fianchi per permettere alle mie mutandine di staccarsi e lui si è messo al lavoro. All’inizio ha leccato lentamente, ma ho esalato un respiro mentre aumentava il ritmo al mio comando. La pornostar era una specie di pupa, giovane e tesa nei posti giusti. I suoi seni si sollevarono mentre l’uomo sopra di lei faceva scivolare la mazza dentro e fuori con lunghi colpi. Di tanto in tanto mi massaggiavo il seno, raggiungendo l’orgasmo. Sono venuto non appena la stella ha raggiunto il picco e ho riattaccato prima che arrivasse il ragazzo. Lo schiavo aveva finito il suo compito, ma io ero abbastanza a mio agio, così rimasi lì per un minuto con la testa a pochi centimetri dall’inguine prima di alzarmi in piedi.

“Bravo ragazzo,” dissi accarezzandogli la testa. Gli feci riprendere la posizione ai piedi del letto e riposizionai il guinzaglio sulla clip. Poi sono andata in soggiorno a prendermi cura delle mie piante. Starebbe bene lì per un po’, c’era anche una ciotola d’acqua attaccata al pavimento da bere se avesse sete.

Ho fatto scorta di vino e sono andato a ispezionare la mia collezione. Tutto andava bene, c’era una coppia che soffriva di parassiti, ma si sono ripuliti bene. C’era anche una nuova cima che cresceva dalla mia monstera ardansonii albo, notevole visto quanto devono essere esigenti. Dopo circa dieci minuti, stavo per controllarli, ma ho deciso di fare il passaggio successivo del tutorial. Tornai in camera da letto e lo trovai curvo a bere dalla ciotola.

“Voglio che vai a prepararti e inserisci la spina nel mezzo del cassetto del bagno. Quando hai finito, torna in camera da letto e aspettami.”

“Sì signora.”

“Ricorda, puoi stare solo in bagno e nelle tue stanze. Nel resto della casa, devi gattonare come un cane.”

“Sì signora.”

“E mettiti anche il preservativo, non voglio che rovini il pavimento se perdi il controllo mentre ti sto scopando.”

“Sì signora.”

“Bravo ragazzo.” Ho lasciato andare il colletto, lasciando solo il colletto. Una pacca sul culo lo ha mandato via.

Ho ricominciato a curare le mie piante per alcuni minuti. Avevo letto il file di Stan e sapevo che non aveva mai fatto sesso anale prima. Il fatto che abbia accolto così facilmente le mie richieste è stato un buon segno, preferisco sempre gli schiavi che sono pronti e danno il massimo. Quando ebbi finito, tornai in camera da letto.

“Okay, puttana, voglio che mi prepari. C’è una cinghia sull’imbracatura del comò. Toglila, insieme al vibratore, al preservativo e al lubrificante.”

“Sì signora.” È andato all’unità ed è tornato con gli oggetti.

“Mettimi la cinghia, anche il preservativo.”

“Sì signora.” Obbedì e aspettò ulteriori istruzioni.

“Ora vai a prendere il lubrificante e preparami. Assicurati di metterne abbondantemente, perché non lo riempirò più tardi.”

“Sì signora”.

“Bene, ora voglio che ti togli il plug anale e ti inginocchi con l’anca sinistra vicino all’armadietto. Metti la faccia sul pavimento e allarga il culo per me.”

“Sì signora.” Il suo viso era di una tonalità cremisi ora, ma questo mi rendeva solo più eccitato.

Mettendo da parte il vino, mi avvicinai alla sua testa e aprii la porta dell’armadio. A sua insaputa, c’era uno specchio all’interno della porta. Afferrai un cuscino sottile dal letto e mi inginocchiai tra le sue gambe. Il tappetino era molto morbido, ma non volevo comunque farmi male alle ginocchia. Sbattei le palpebre allo specchio, la cinghia in una mano e l’altra appoggiata sul suo culo vivace.

“Capisco che non hai mai fatto anale prima come troia, è corretto?”

“Sì signora.”

“Hmm, interessante. In tal caso, voglio che tu mi implori. Voglio che tu mi dica quanto vuoi che ti prenda il tuo culo vergine.”

“Sì, signora. Per favore, prendi il mio culo vergine.” Gli ho dato una sculacciata sulla guancia.

“Non è andata molto bene, non sono per niente convinto che tu voglia che ti fotti il ​​culo stretto.”

“Per favore signora, vi prego, per favore fottimi nel mio culetto stretto. Farò quello che vuoi.”

“È meglio.”

Ho lavorato il vibratore conico un po’ alla volta. Il punto era più stretto per un facile accesso. C’era un po’ di resistenza, come previsto, dove la lunghezza del vibratore superava la profondità della spina che stava usando. Non ero forte, ma ho insistito. Oggi avrebbe preso tutto il mio cazzo, che gli piacesse o no. A circa tre quarti dell’ingresso ho iniziato a scoparlo, all’inizio lentamente, guardando le sue mani che ancora gli tiravano le guance invitandomi a entrare. Anche lui ha iniziato a muoversi di una frazione, iniziando a piacergli.

“Fermare.” Lui fece. “Ora alzati a quattro zampe.”

Alzò la testa da terra e vide per la prima volta il suo riflesso. La sua faccia era impagabile, qui era a quattro zampe con me la maggior parte del tempo dentro di lui.

“Ora non muoverti e non parlare.”

“…”

“Voglio che ascolti molto attentamente,” dissi, afferrandola per i fianchi e spremendo l’ultima goccia del vibratore. Rabbrividì un po’, ma si rilassò quando lo raccolse. Ora ero sepolto tutto il modo in cui dentro il suo culo vergine. Appoggiai la mano sinistra sul pavimento, piegandomi in avanti con la mano destra protesa per pizzicarle uno dei capezzoli. L’ho strofinato delicatamente avanti e indietro, facendolo funzionare.

“Voglio che tu capisca che mi appartieni, puttana.”

“Sì signore…ooo.” Le ho pizzicato forte il capezzolo prima di passare all’altro.

“Ho detto di non parlare, ricorda. Non sono un amante crudele, ma sono esigente. Ti possiedo completamente – il tuo culo, il tuo cazzo, la tua bocca e i tuoi capezzoli sono tutti miei”. Ho continuato ad alternare tra toccarle i capezzoli con il dito, scuotere con l’unghia e prendere pizzichi acuti.

“Se voglio metterti nel tuo culo, lo farò. Se voglio che tu stia qui seduto in castità con un bavaglio in bocca e ti usi come trampolino di lancio perché mi diverte, lo farò. ” Sei di mia proprietà e qui solo per servire Parla ora, capisci?

“Sì signora,” rispose lui, respirando affannosamente.

“Beh, ora voglio che tu mi scopi il cazzo mentre guardo.”

“Sì signora.”

Ho ripreso il vino e l’autobus. Era pronto a farlo e mi è piaciuto molto il panorama. Ogni tanto le prendevo una manciata per il culo o le facevo scorrere la mano lungo la schiena solo per sentire il mio nuovo regalo. Di tanto in tanto sculacciavo anche lui e guardavo il suo culo rimbalzare. Quando il vino è finito, l’ho scopato di nuovo e ho acceso il vibratore integrato nel vibratore. Ero vicino, molto vicino. Finora, lo schiavo si è dimostrato abbastanza soddisfacente. Ho accelerato il ritmo, scivolando per l’intera lunghezza mentre mi avvicinavo alla fine.

“Renditi schiavo, voglio che tu faccia uno spettacolo per me.”

“Sì signora.” Annuì vigorosamente, gli occhi semichiusi. Si chinò e iniziò a giocare con se stesso.

Sono arrivato per primo, e duro, sudando un po’ per lo sforzo. Ho sentito il suo culo contrarsi mentre lo lasciava andare, un forte gemito sfuggiva alle sue labbra mentre il suo corpo veniva lacerato dal rilascio. Mi sono tirato indietro e ho guardato in basso, il suo cazzo ancora tremava all’interno del preservativo mentre il suo orgasmo si fermava.

Dopo una pausa, le ho fatto togliere la cinghia, pulire e portarmi un bicchiere d’acqua. Il resto della giornata ha ripreso il suo normale ritmo tranquillo. Ho preso mentalmente una nota per ringraziare mio marito più tardi per avermi dato un giocattolo del genere. A volte mi vizia davvero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *