Sylvia’s Boy Toy Ch. 01-02 – BDSM

di | 1 de Ottobre, 2022

Presentazione dell’autore

Grazie, caro lettore, per aver dedicato del tempo a leggere questa storia! Non sono affatto uno scrittore professionista, e questo è il mio primo tentativo di scrivere qualcosa. Apprezzo i commenti, sia lodi che critiche. Per favore vota e commenta a tuo piacimento! Adoro i commenti, quindi fammi sapere se l’hai trovato caldo!

Ambito: questa storia si svolge in una versione dell’universo alternativo degli Stati Uniti in una città sconosciuta al momento.

In questa storia, i bordelli non solo sono completamente legali negli Stati Uniti, ma sono comunemente trovati e visitati da adulti in tutto il paese. I progressi della medicina hanno fatto sì che la possibilità di una gravidanza accidentale sia di circa lo 0,01% o meno, anche con rapporti sessuali non protetti. Tutte le malattie sessualmente trasmissibili sono state curate e non rappresentano più una minaccia per la popolazione generale. Le donne in questo mondo futuristico sono molto più orientate sessualmente, essendo uguali o anche più dirette rispetto agli uomini rispetto ai loro bisogni sessuali. Per questo le donne spesso finiscono nei bordelli come clienti abituali piuttosto che come prostitute. Spero che troviate questa storia piacevole da leggere, in più di un modo!

Spero ti piaccia!

-CunnilingusKing93

Capitolo 1 – L’offerta

“Oh mio Dio, sì!”

Josh afferrò manciate di lenzuola mentre la donna grassoccia sopra di lui dondolava selvaggiamente i fianchi. Sentì il suo culo premere ancora più forte contro il suo naso e la fronte. Tanya si spingeva con ogni movimento dei fianchi, schizzandole in bocca.

Deglutì velocemente tre volte mentre i suoi succhi gli scorrevano liberamente in gola. Gli piaceva il suo gusto, ma sapeva dall’esperienza passata che l’aveva ingoiata rapidamente – sembrava che producesse sempre un’enorme quantità di eiaculazione. A dire il vero, lei schizza più di qualsiasi donna che abbia mai incontrato, e di gran lunga la maggior parte dei suoi clienti abituali. Se non l’ha ingoiato, potrebbe annegarci.

Ridacchiò interiormente mentre Tanya alzava il viso nel suo climax. Immaginò mentalmente un articolo intitolato Dead Male Whore – Annegato nel culo e nella figa. La maggior parte degli uomini eterosessuali direbbe che è uno dei modi migliori per uscire da questo mondo, ma a Josh non interessava morire oggi. Aveva un altro cliente da vedere stasera e il suo mutuo doveva scadere giovedì. E poi ha ingoiato l’ultimo del suo rilascio mentre Tanya cavalcava il suo orgasmo, la figa e le gambe tremavano. Era venuta almeno 9 o 10 volte durante la sessione di 45 minuti. Il suo corpo è stato prosciugato, almeno temporaneamente. Aveva una libido incredibilmente alta.

Tanya si sedette sopra di lui molto tempo dopo che il suo orgasmo si era placato, ansimando e respirando affannosamente. Aspettò pazientemente che si calmasse, ma Tanya non sembrava avere fretta di togliergli il culo dalla faccia. La sua carriera al liceo e al college come nuotatrice competitiva era l’ideale per il suo lavoro: avere una forza polmonare troppo forte aiuta sicuramente quando le donne stanno sedute in faccia per lunghi periodi di tempo. Anche così, ha dovuto ammettere che la mancanza di ossigeno stava iniziando a prenderlo. Ignorò il bruciore nei suoi polmoni mentre lentamente rimaneva senza aria. Con un grugnito, alla fine lo lasciò e si sdraiò accanto a lui sul letto. Stavano entrambi ansimando leggermente, lei nel bagliore residuo dell’eccitazione sessuale, trattenendo il respiro. Non che non fosse lui stesso eccitato sessualmente. Al contrario, il suo cazzo era rigido e puntato dritto allo stomaco eretto. Tanya, tuttavia, non ha prestato attenzione ai bisogni sessuali di Josh. Se lo aspettava, ovviamente, ma in realtà non lo fece. Era il suo momento e aveva pagato per i suoi servizi.

Un cliente poteva succhiarlo o masturbarlo se voleva, ma non doveva. Alcuni l’hanno fatto, ovviamente, soprattutto se ne hanno avuto voglia durante una sessione. Sapeva su quale dei suoi clienti abituali poteva contare per rendere i suoi servizi una volta eccitato. In effetti, il suo cliente dopo Tanya era uno di loro. Laila ha fatto dei pompini estremamente piacevoli e lui sapeva che presto avrebbe avuto una meravigliosa liberazione da lei.

Alcune persone potrebbero pensare che il loro lavoro sia un sogno diventato realtà. Come puttana, aveva accesso a tutta la figa e il culo che un uomo poteva desiderare, e altro ancora. E, naturalmente, c’erano volte in cui si sentiva un uomo molto fortunato, perché il lavoro era spesso redditizio e divertente. Tuttavia, non è sempre stato così. Un numero minore di clienti non solo ha ignorato i propri bisogni sessuali, ma li ha abusati. Alcuni clienti sembravano prenderlo in giro sessualmente al punto che potrebbe essere chiamato tortura. Odiava queste donne, anche se ne vedeva una piccola manciata ogni settimana. Una ragazza del genere può chinarsi, mettersi a cavalcioni sul suo viso e accarezzarlo finché non è sull’orlo dell’orgasmo. Poi ritirava la mano con una risata crudele, facendogli piegare i fianchi e gemere ansiosamente in segno di protesta. Quindi il potere e il controllo che avevano su di lui li avrebbero portati. Difficile. Josh presumeva che la maggior parte delle donne che gli avevano fatto questo avesse una storia di brutte esperienze sessuali con i loro mariti, fidanzati e/o ex amanti. Pensava che queste donne avessero lasciato andare queste frustrazioni, volendo vedere qualcun altro soffrire o pagare il prezzo. Tuttavia, la maggior parte dei clienti, come Tanya, ha semplicemente lasciato in pace i loro cazzi.

“Wow Romeo,” ansimò Tanya. I suoi grandi seni luccicavano di sudore e continuavano a salire e scendere. Guardare questo spettacolo erotico ha fatto contrarre il suo cazzo. Aveva usato il suo nome d’arte – nessuno dei suoi clienti conosceva il suo vero nome. “Tu e la tua lingua vi siete davvero superati questa volta. Non credo di potercela fare più a lungo. Grazie per questo momento meraviglioso. Stessa ora la prossima settimana?

Gli rivolse un sorriso, che lui ricambiò sinceramente.

“È stato un piacere. E sì, certo, possiamo incontrarci la prossima settimana.”

Tanya si alzò dal letto e si chinò a raccogliere i suoi vestiti. Josh ammirò la forma arrotondata delle sue natiche e l’oscillazione dei suoi seni mentre lo faceva. Non era sicuro di quanti anni avesse Tanya, ma non poteva avere più di trent’anni, probabilmente più giovane. Il suo stomaco era un po’ gonfio, ma a parte questo aveva le curve in tutti i punti giusti. I suoi seni e il suo culo erano abbastanza grandi e rotondi. Anche i suoi capezzoli erano grandi e piuttosto gonfi. Doveva sapere che la stava osservando, perché le ci volle un po’ più del necessario per tirarsi su le mutandine. Girò la testa e gli sorrise consapevolmente, godendosi il suo sguardo lussurioso mentre si vestiva lentamente. Il suo cazzo si contrasse di nuovo.

Era una provocazione agonizzante, vederla mettersi i vestiti. Perché guardare una donna vestirsi è eccitante quanto guardarla spogliarsi? Ci pensò mentre indossava il reggiseno e le mutandine verdi abbinati. Seminuda, Tanya si scusò per rinfrescarsi. Le sue gambe tremavano un po’ mentre camminava, ma faceva comunque spettacolo per lui dimenando il culo mentre camminava. Sapeva di avere un culo grosso e amava la sua attenzione.

Josh sospirò profondamente e si alzò in piedi dal letto. La sua erezione era ancora alta e orgogliosa, dolorante per il bisogno. Saltò un po’ in giro mentre si dirigeva verso il lavandino della camera da letto separata per lavarsi i denti e lavarsi la faccia.

In piedi davanti allo specchio, Joshua Arnold Cardone si fermò a guardare il suo riflesso. A guardarlo indietro c’era un 30enne italiano muscoloso e in forma. A poco più di un metro e ottanta, era robusto e bello, con una mascella forte e un bel viso. I suoi occhi erano di un azzurro brillante, i suoi capelli corti di una leggera sfumatura di castano. La sua pelle era perfettamente abbronzata alla perfezione dorata. Alcune persone hanno detto che somigliava un po’ a un Jensen Ackles italiano. Le sue spalle e il suo petto erano larghi e muscolosi, i suoi addominali vantavano un six-pack. Anche le gambe e i glutei sono stati tonificati dai suoi allenamenti regolari 6 giorni a settimana. Joshua è sempre stato un uomo attivo, ma il suo fisico ha raggiunto nuove vette quando si è gettato completamente in una vita di fitness e sesso 5 anni prima, finendo per lavorare nel bordello come puttana del sesso orale nel corso degli ultimi anni. 2 anni. Quando non lo era in palestra la mattina, seguendo una dieta proteica, poteva essere trovato qui di notte, vivendo con una dieta per culo e figa. Il suo cazzo palpitante era grande e grosso quanto il suo ampio polso, con una singola vena distintamente sporgente lungo il lato della sua asta di poco più di 7 pollici. Quando era eretto com’era adesso, il suo cazzo era leggermente curvato verso l’alto. Le sue palle erano grandi e pesanti, e quando arrivava di solito era in carichi insolitamente grandi. Si radeva o si radeva tutti i peli del corpo tranne la testa, lasciandoli lisci dappertutto. Era un bell’uomo, un giocattolo sessuale per le donne.

Josh aveva anche una lingua estremamente lunga. Questo è stato utile perché poteva penetrare facilmente negli stronzi e nella figa. E negli ultimi anni è diventato un esperto nell’arte di usare la sua lingua per far venire le donne. Era molto bravo.

Con il suo bell’aspetto, le eccellenti capacità linguistiche e il forte potere polmonare, era una delle prostitute più popolari del bordello. Tuttavia, c’era una limitazione che gli impediva di guadagnare molti soldi. Il problema più grande era che il capo del bordello non permetteva affatto alle prostitute di scopare i clienti. Nemmeno il sesso anale. Non era illegale, dal momento che l’altro bordello dall’altra parte della città permetteva ai clienti di divertirsi. Josh ha cercato di trovare lavoro lì diverse volte, ma ogni volta che ci ha provato è stato rifiutato. Non sapeva esattamente perché, e non chiese perché fosse stato rifiutato. Dopo aver provato per un anno o due buoni, ha rinunciato e l’ha ignorato come sfortuna. Ha pensato che non doveva essere, ed è venuto a lavorare lì. Sfortunatamente, questo bordello ha ricevuto molti meno clienti, poiché le donne spesso vogliono scopare e l’altro stabilimento potrebbe soddisfare quel bisogno. Aveva chiesto al suo capo perché non aveva la licenza il giorno in cui è stato assunto, ma tutto ciò che lei ha detto è stato: “Non vogliamo essere ritenuti responsabili se una cliente rimane incinta”. È troppo disordinato e non ne vale la pena. Ma neanche questo aveva senso, perché le possibilità che una donna rimanesse incinta erano scarse se prendeva “la pillola”. La “pillola” era ampiamente disponibile, conveniente e raramente aveva effetti collaterali per le donne, quindi qual era il problema? Il 98% delle adolescenti e degli adulti oggi assumeva già la pillola, a meno che non volessero un bambino o non fossero arrivate alla menopausa. Inoltre, la sua scusa per la gravidanza non aveva senso rispetto al permettere l’anale. Quando lui glielo fece notare, lei ignorò la sua domanda e cambiò rapidamente argomento. Da allora non me l’aveva chiesto.

Dovrei davvero investire in azioni Crest o Colgate, pensò, prendendo lo spazzolino da denti. Probabilmente Josh si lavava i denti 4-8 volte al giorno, e talvolta di più, a seconda di quanti clienti aveva. Doveva sempre essere pulito e pronto per la prossima donna che pagava per i suoi servizi.

Stava giocando con Listerine quando la porta del bagno si aprì. Dallo specchio del lavandino vide Tanya in piedi dietro di lui, completamente vestita. Cercò chiaramente di vestirsi in modo modesto, ma non ci riuscì perché i suoi seni erano troppo grandi per nascondersi completamente. Gli uscivano come meloni dal suo petto. I suoi capelli biondo scuro erano tirati indietro e il suo trucco aerografato, ma aveva ancora un aspetto leggermente spazzato dal vento e le sue guance erano arrossate.

Si fece avanti dietro di lui e gli diede una scherzosa stretta sulle natiche, seguita immediatamente da uno schiaffo. Ha sputato nel lavandino.

“Grazie ancora, sexy. Ci vediamo la prossima settimana.”

Si voltò verso di lei, facendo attenzione a stare un po’ lontano da lei in modo che la sua erezione non le sfiorasse lo stomaco.

“Non vedo l’ora di essere lì.”

Tanya frugò nella borsetta, tirò fuori una busta e se la mise in mano. Ha accettato con gratitudine.

“Le tue tasse. Ho incluso anche la tua mancia.”

“Grazie, cara Tania.”

“Buona notte, Romeo. Non lavorare troppo su quella lingua per il resto della notte.”

“Cercherò di non farlo,” ridacchiò piano. “Buonanotte, Tanya.”

Guardò l’orologio. Erano le 9:58 Laila sarebbe arrivata tra due minuti. Tanya si voltò per andarsene, fermandosi solo per mandarle un bacio dalla porta. Ha fatto finta di prenderlo. Se n’è andata.

Josh emise un debole gemito mentre lei chiudeva la porta e fissava con desiderio la sua erezione. Aveva bisogno di liberazione, e presto. Voleva disperatamente, non aveva bisogno di venire, ma non aveva tempo – Laila sarebbe arrivata da un momento all’altro. Con la sua fame di cazzo, credeva che avrebbe preferito trovarlo duro in quel modo comunque, e finché lui avrebbe fatto il suo lavoro, si sarebbe presa cura dei suoi bisogni.

Laila era una delle sue clienti abituali preferite. Aveva un viso spigoloso ma grazioso, con un naso lungo, DSL deliziosamente grassocci e grandi occhi marroni. Non ha mai chiesto quale fosse la sua razza, ma ha pensato che fosse almeno in parte arabo / orientale. Anche le sue prodigiose abilità linguistiche rivaleggiavano con le sue. Il suo corpo era magro e in forma. Il suo cazzo si contrasse di nuovo dolorosamente mentre la immaginava nuda ai piedi del letto. Immaginò la sua piccola figura atletica, la pelle abbronzata e il desiderio ardente nei suoi occhi. Immaginò i suoi seni cattivi con i loro capezzoli a punta marrone scuro, circondati da piccole areole marrone chiaro, con piccoli rigonfiamenti attorno a ciascun lungo capezzolo. Una volta le chiese, scherzosamente, se i dossi fossero in Braille per “succhialo qui”. Rise di cuore a quel commento e mise felicemente uno dei suoi seni verso la sua bocca perché lo succhiasse. La sua immaginazione vagava sui suoi incredibili addominali che aveva lavorato così duramente in palestra per perfezionarli, sulla sua figa stretta, sulle sue gambe lunghe e magre. Non aveva un gran culo, ma l’entusiasmo che aveva per il suo cazzo era innegabile. Come bonus alle sue capacità di succhiare, le piaceva anche il sapore dello sperma. Il suo cazzo doleva al pensiero di lei che ingoiava il suo carico. Si sentiva come se stesse per esplodere.

Aprì la busta che Tanya gli aveva dato e sbirciò dentro. Dentro c’erano $ 400- $ 300 per le tue spese, altri $ 100 per la mancia.

Abbastanza qui per pagare un po’ di più la puttana per la notte, pensò. La Cagna era il suo capo e il proprietario del bordello. Il suo soprannome era comunemente usato dai prostitute maschi, anche se nessuno di loro lo chiamava così in faccia. Il suo vero nome era Sylvia, ma ha costretto tutti i lavoratori sotto “il suo tetto” a chiamarla “Lady”. Josh ha rifiutato di riferirsi a lei come tale.

Josh odiava quasi tutto di lei, dalla sua visione sadica e dal trattamento degli uomini al suo comportamento psicotico. Era anche eccezionalmente avida e lo addebitava pesantemente per l’uso della sua stanza ogni notte. La cagna assaporava la tortura maschile e amava sborrare. Ma ciò che disprezzava di più di lei era che aveva il corpo più perfetto che avesse mai visto. Era come se il sesso di un uomo l’avesse creata, costruita appositamente per il sesso. Sapeva anche perfettamente come era impilata e lo ha sfruttato all’estremo. Perché una persona così di merda può essere così sexy? L’ingiustizia imperversava oltre ogni immaginazione!

Josh mise la busta in un cassetto del comò, la chiuse e si voltò verso il letto per mettere via le lenzuola e il cuscino per prepararsi per Laila. Quando ebbe finito, si sedette dritto contro la testiera e aspettò che arrivasse il suo figlio di puttana preferito, fissando il suo cazzo palpitante e dolorante. Stava diventando davvero doloroso ora. Desiderava liberarsi, sentire le sue labbra e la sua lingua vorticare lungo la testa gonfia del suo cazzo…

Alzò rapidamente lo sguardo quando la porta della sua stanza si aprì. Sapeva che non era Laila, perché prima avrebbe bussato educatamente. Sapeva esattamente chi era perché solo una persona che conosceva poteva entrare nella sua stanza senza bussare… La Cagna.

L’ingresso di Sylvia fu preceduto dai suoi seni colossali, che sporgevano orgogliosamente dal suo petto, sembrava sfidare la gravità. Una ciocca di capelli neri le pendeva dritta sulle spalle. Aveva un viso incredibilmente carino, con grandi occhi neri, un grazioso naso a bottone e denti incredibilmente bianchi e regolari. Indossava il rosso labbra viola e un’ampia pennellata di ombretto viola e nero. Indossava anche ciglia lunghe. La sua pelle pallida e cremosa contrastava nettamente con la sua lingerie completamente nera e numerosi tatuaggi su tutto il corpo. Anche se era già un po’ alta a circa 5’7 o 5’8 o giù di lì, sembrava ancora più alta di quanto non fosse in realtà a causa dei tacchi alti neri che indossava, insieme a calze a rete nere e un reggicalze. Le sue gambe erano lunghe e ben fatte, il tipo di gambe che un uomo vorrebbe avvolgersi intorno alla vita. Indossava un corsetto di pelle aderente, che copriva la sua vita sottile e morbida. Il corsetto lasciava i suoi enormi seni rotondi completamente scoperti, con grandi areole rosa. I tuoi capezzoli appuntiti ed eretti erano di un rosa leggermente più scuro – entrambi erano decorati con piercing d’argento. Le sue mutandine di pelle erano senza cavallo, esponendo la maggior parte delle sue guance pallide così come le sue labbra calve e gonfie. Aveva molti altri piercing oltre al seno: diversi orecchini, un anello al naso, l’ombelico e il cappuccio del clitoride.

Con la sua pelle pallida, i seni enormi e lo stile da puttana goth, gli ricordava la pornostar Larkin Love. La sua figura impeccabile, tuttavia, molto probabilmente somigliava al corpo della YouTuber/modella Erin Olash. Era come se fosse un incrocio tra le due donne, eppure era più lussureggiante e matura di entrambe. Era risaputo che i seni enormi del leggendario Larkin Love erano finti – Josh sapeva che i battenti di Sylvia, di forma simile ma anche più grandi di quelli di Larkin, erano incredibilmente reali. E mentre Erin Olash ha sicuramente un culo grosso, non potrebbe reggere il confronto con la bolla perfettamente formata di Sylvia. Ha semplicemente trasudato sex appeal dalla testa ai piedi. Peccato che anche lei non abbia un’anima, sorride Josh.

Per completare questo completo sexy, indossava una piccola frusta in una mano e nell’altra una collana. Il colletto era attaccato al colletto del giovane alto ma magro che veniva trascinato nella stanza dietro di lei.

Il tuo schiavo sessuale personale. Ogni mese circa ne riceveva uno nuovo. Era stata così da quando l’aveva conosciuta. Nei suoi ultimi due anni di lavoro al bordello, Josh aveva visto più di due dozzine di persone diverse legate al guinzaglio nelle loro mani, e sapeva che ce n’erano altre prima che si incontrassero. Ha sempre assegnato un numero ai suoi schiavi: il suo numero di schiavi. Non era sicuro di quanti anni avesse, ma sembrava piuttosto giovane, forse sui vent’anni. Era del tutto possibile che avesse iniziato questa routine già nella tarda adolescenza. La maggior parte di questi poveri bastardi erano uomini, ma una manciata di loro erano donne. Sylvia era bisessuale ma sembrava avere una preferenza per gli schiavi maschi. Il suo attuale schiavo non indossava altro che il guinzaglio intorno alla gola e una gabbia di castità di metallo intorno all’inguine. Perché qualcuno dovrebbe indossarne uno volontariamente? Pensò stupito guardandolo. Sembrava estremamente a disagio. La gabbia sembrava particolarmente piccola: il pene dell’uomo non poteva stare in piedi all’interno. Se ciò accadesse, proverebbe a gonfiarsi oltre le dimensioni della gabbia e probabilmente farebbe molto male. Questo è probabilmente il punto, si ricordò.

Sylvia si fermò in mezzo alla stanza e alzò la frusta. L’altro uomo, che aveva chiuso la porta alle sue spalle quando era entrato, cadde rapidamente in ginocchio al suono dello scricchiolio. Iniziò a gattonare a quattro zampe finché non fu di fronte a lei. Josh ha notato che indossava anche qualcos’altro: un grosso plug anale d’argento era conficcato nel suo culo. Non doveva indovinare chi l’ha messo lì. Sembrava doloroso.

“Posso per favore cenare adesso, signora? Ho molta fame.”

La sua voce era un ringhio implorante, ma basso. Lei lo guardò, accigliata. All’inizio, Josh pensò che non avrebbe risposto. Tuttavia, l’uomo ha aspettato e non ha distolto lo sguardo. Alla fine, ha risposto quasi con nonchalance: “Puoi mangiare, numero 39”.

Ha iniziato a leccarla. Josh ha poi notato uno dei suoi tatuaggi: una freccia che punta verso la sua vagina. Appena sopra la freccia c’erano le parole “Your Meal”. Sylvia accarezzò delicatamente la testa pelata di 39 come se fosse un animale domestico e disse: “Bravo ragazzo”. Non rispose, ma continuò a leccarla con entusiasmo. Sembrava contenta di quella risposta, quando finalmente rivolse tutta la sua attenzione a Josh. I suoi occhi si spostarono rapidamente su e giù per il suo corpo prima di dare un doppio sguardo e atterrare con uno sguardo incredulo sulla sua massiccia erezione. Si accigliò, un solco le corrugò la fronte. Quando parlò di nuovo, il suo tono era gelido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *