Sylvia’s Boy Toy Ch. 03-04 – BDSM

di | 9 de Novembre, 2022

Il ragazzino di Sylvia Ch. 03-04

Nota dell’autore

Ciao caro lettore! Grazie per aver dedicato del tempo a rivedere i capitoli 3 e 4 del mio primo lavoro. Grazie anche ai miei lettori di ritorno per la loro pazienza riguardo alla lunga pausa tra la parte precedente e questa: la vita si è appena messa in mezzo. Per chi è nuovo della mia pagina, benvenuto! Sono una nuova scrittrice che si sforza di scrivere una storia sexy ma avvincente. Mi piacciono molto i commenti, quindi non esitare a darmi la tua opinione!

Se vuoi davvero ottenere il massimo da questa lettura, ti consigliamo vivamente di controllare i capitoli 1-2 prima di leggere i capitoli 3-4. Per i miei lettori che sono qui solo per divertimento (ti vedo – ci sono stato!), dovresti sapere che le cose calde e pesanti iniziano subito nel Capitolo 1, quindi non c’è bisogno di preoccuparsi di un incendio senza fiamma o di edifici- nei primi capitoli sul sesso. (Siamo realisti: molti amanti dell’erotismo sono qui prima per masturbarsi, ma spesso finiscono per restare per la storia… me compreso) Detto questo, i primi due capitoli devono essere letti prima per capire il background dei personaggi e il terreno.

Spero ti piaccia!

-CunnilingusKing93

Capitolo 3 – Routine mattutine

Il letto ondeggiava, scricchiolava e scricchiolava mentre l’uomo e la donna facevano l’amore appassionato nella camera da letto al piano di sopra. Joshua emise un piccolo sospiro e gemette mentre il suo angelo lo cavalcava come una pornostar, dondolando i fianchi con una tecnica perfetta. Fece scorrere le mani lungo la sua schiena liscia, poi le accarezzò una delle piccole guance rotonde. La schiaffeggiò, facendola gemere con uguale piacere. Ha dondolato i fianchi ancora più velocemente. Si sdraiò e si rilassò mentre la sentiva pompare il suo cazzo su e giù con fervore, le sue mani appoggiate sul suo petto muscoloso. Le sue stesse mani lasciarono le sue natiche e corsero lungo i suoi fianchi, poi giù fino al suo ventre.

Le sue mani continuarono e accarezzarono delicatamente i seni di Alina, massaggiandole i capezzoli tra le dita. Gemette ancora più forte per la sensazione, assaporando il suo tocco.

“Ti amo”, disse sua moglie.

“Ti amo di più.” rispose Josè.

Josh continuava ad accarezzare i seni piccoli della sua bella moglie, perdendosi nella passione di fare l’amore.

Eppure, un conflitto si stabilisce nel cuore di Josh… Anche se ama sua moglie e gli piace fare l’amore con lei, ha un rimpianto segreto. Mentre continuava ad accarezzare il petto di Alina, dentro di sé desiderò che fossero più grandi della piccola manciata con cui stava giocherellando. In effetti, di solito nutriva un segreto desiderio di un corpo più maturo, sinuoso e più lussureggiante del corpo alto e magro che possedeva sua moglie. L’amava per quello che era dentro, sapeva che doveva sentirsi fortunato ad avere una moglie così bella, eppure il desiderio segreto era ancora lì. Non osava chiederle di andare sotto i ferri per lui, la sua mancanza di fiducia nella propria immagine corporea era una ragione sufficiente per evitare di chiederle di lavorare per lui. Chiederglielo distruggerebbe anche la sua fiducia e spezzerebbe il suo cuore.

Inoltre, se qualcuno della sua famiglia e dei suoi amici sapesse che gli ha chiesto di migliorare il suo aspetto, lo chiamerebbero pazzo, forse anche un maiale egoista! Era straordinariamente bella dalla testa ai piedi, con capelli biondi lucenti, un viso stupendo e un corpo assassino. Era magra e in forma grazie all’esercizio fisico regolare come ginnasta ed era estremamente brava con il sacco. Era incredibilmente intelligente e generosa, il tipo di donna con cui la maggior parte degli uomini scambierebbe la palla sinistra. Era tutto ciò che un uomo può desiderare.

Eppure Josh voleva di più.

Josh stava ancora massaggiando il petto di Alina mentre lei lo cavalcava, desiderando segretamente che fossero più grandi ma stringendoli delicatamente lo stesso.

E poi, all’improvviso, miracolosamente, i suoi seni hanno cominciato a gonfiarsi.

Gli occhi di Josh si spalancarono quando sentì i seni sotto i suoi palmi iniziare ad espandersi, diventando non solo grandi quanto le sue mani, ma poi costeggiandoli per dimensioni e portata. Hanno continuato a gonfiarsi fino a far sembrare le sue mani piccole in confronto, fermandosi infine a dimensioni gigantesche!

Josh era scioccato! Alina, tuttavia, non sembrava notare l’improvvisa crescita del suo petto. I suoi occhi erano chiusi e stava ancora dondolando i fianchi su se stesso – anche il suo stesso corpo sembrava incapace di fermare il ritmo dolce nonostante lo shock.

Le sue mani esplorarono i suoi nuovi seni enormi, affascinati dal suo aspetto improvviso. Adorava sentire quanto fossero pieni e massicci – ondeggiavano incredibilmente nelle sue mani mentre lei rimbalzava su e giù sul suo cazzo. Le sue mani scivolarono lungo la sua nuova scollatura, notando mentalmente che ora sarebbe stato in grado di scoparle il seno se avesse voluto, finché lei avesse voluto. All’improvviso sentì qualcosa di duro sfiorargli il palmo. Mosse la mano per vedere un piercing al capezzolo che non aveva notato prima. Entrambi i capezzoli sono stati forati! Aveva intenzione di chiederle dove e quando l’ha ottenuto, ma era troppo perso in una foschia di desiderio e meraviglia mentre continuavano a scopare.

Josh ha continuato a strofinare le grandi tette di Alina per alcuni minuti, amando le loro enormi dimensioni. Una volta che si è stancato di toccarli (e di giocare con i piercing), ha spostato le mani sui fianchi per ammirarli rimbalzare su e giù ad ogni spinta.

Altre storie erotiche  Ms. LeGrand's Favorite Pt. 02 - BDSM

Poi è arrivato un altro miracolo: i suoi fianchi si sono allargati, le sue cosce si sono ingrossate. Le sue mani si spostarono sul culo per sentire che stava crescendo anche lui! Ha mantenuto la stessa forma rotonda e a bolle ma ha raggiunto il doppio delle sue dimensioni originali! I suoi fianchi e le sue cosce si gonfiarono fino a diventare estremamente formose. Anche la sua figa sembrava che si fosse irrigidita un po’! Il suo stomaco era l’unica cosa rimasta la stessa, tranne per il fatto che passava da un’abbronzatura dorata a un bianco pallido. E ora sfoggiava un piercing all’ombelico.

In effetti, Josh notò che tutto il suo corpo aveva assunto il colore pallido e cremoso del bianco latte. Sono apparsi anche altri piercing, incluso uno che poteva sentire di tanto in tanto strofinarsi squisitamente lungo il suo corpo mentre Alina continuava a scoparlo. E all’improvviso, aveva più tatuaggi! Che diavolo?!?

Guardò la faccia di Alina – ma invece della sua bionda e bellissima moglie, stava guardando una bruna altrettanto se non più carina che conosceva fin troppo bene. Lo guardò con un sorriso soddisfatto. Silvia.

Sylvia sorrise, senza mai rallentare o fermare il ritmo del loro cazzo.

“Ti piace il nuovo look, tesoro?”

Josh si limitò a guardare, ma sembrava incapace di trattenersi dall’arrampicarsi per rispondere ai suoi impulsi. Sylvia sorrise ancora di più.

“Zitto, tesoro. Altrimenti, ti farò lavorare la lingua. Dopotutto, ora appartieni a me, numero 40. Sei la mia cagna.

Josh era sbalordito, non sapendo come potesse essere tutto questo! Come è successo? Dov’era Aline?

Josh riuscì a balbettare,

“Io… non capisco!”

Gli occhi scuri e freddi di Sylvia bruciarono nei suoi, nel suo sorriso malizioso ma oh così sexy.

“Goditela e basta, mio ​​schiavo. Rilassati e goditela finché puoi. Presto sarà tutto finito.”

“Cosa? Cosa intendi?”

Il letto continuava a scricchiolare mentre scopavano. Josh era confuso, il suo cervello era confuso ed era perso nel desiderio.

“Il che significa che la tua vita, la vita che conoscevi, è finita adesso. Adesso è mia, e io sono davvero, davvero affamata. In effetti, sto morendo di fame!”

Josh guardò in basso con orrore per scoprire che non poteva allontanarsi da lei, che aveva perso il controllo del suo corpo. Osservò impotente mentre il suo corpo si muoveva da solo, sprofondando nel magnifico mostro che lo cavalcava. La sua figa si tuffava su e giù ancora e ancora, la vista era orribile ma la più sexy che avesse mai visto. Poteva vedere molto chiaramente il tatuaggio di Sylvia sopra la sua vagina (Your Meal). Sentì un’immensa pressione accumularsi nelle palle mentre si avvicinava alle sue Orgasmo.

E in un istante Josh capì cosa sarebbe successo un secondo prima. Ma era troppo tardi: stava arrivando. La vista e le sensazioni erano troppe.

“No!”

Ma tutto ciò che Sylvia ha fatto è stato ridere in risposta quando Josh ha iniziato a lanciarle il suo carico. Ma Josh sapeva che questo non era un carico normale: la sua essenza della vita si stava riversando in lei, prosciugandole le forze e il senso di sé. Sylvia finalmente smise di spingere, sistemandosi dentro di lui fin dove poteva arrivare il suo cazzo palpitante. Josh ha continuato a spruzzare, sentendo la sua vita svanire. In 10-15 secondi sarebbe morto.

“No…” sbuffò in un sussurro roco.

“Sì.” Sylvia gli sorrise sorniona.

Il mondo stava diventando sfocato ora. Quindi è così che finisce, pensò Josh. Ho iniziato la mia vita in una vagina e ora ne sto lasciando una. Che ironia.

Prima che il mondo diventasse completamente nero, riuscì a porre un’ultima domanda. Un sussurro appena udibile.

“Perché?”

Sempre sorridente, rispose Sylvia.

“Perché mi appartieni. Sei mio. E perché posso.”

E poi è diventato tutto nero.

🇧🇷

Josh si svegliò di soprassalto, ansimando e sudando. La testa gli girava all’impazzata.

Sono vivo? Come è possibile? Silvia mi ha ucciso!

Allungò una mano e le toccò il viso, stringendosi il petto. Il cuore gli batteva forte e sudava copiosamente, nonostante fosse sulle coperte e si fosse tolto i vestiti durante la notte. Ha rapidamente assorbito l’ambiente circostante.

Non era al piano di sopra nella sua vecchia camera da letto, piena di foto e ricordi della sua vecchia vita, ma al piano di sotto nel suo soggiorno trasformato nella sua camera da letto improvvisata. Fuori era ancora buio. E non c’era traccia di Sylvia o, sfortunatamente, di Alina.

Era da solo.

Josh si voltò verso l’orologio: segnava le 6:27. Poi si rese conto che c’era qualcosa di umido intorno al suo addome.

Guardando in basso, vide che era venuto nel sonno da solo. Anche il suo sogno bagnato si era trasformato in un incubo, capisci.

Con un gemito si alzò dal letto, dirigendosi verso la cucina. Il suo corpo era ancora dolorante da ieri. Ogni parte di lui faceva male dalla testa ai piedi, compresa la coda, che era floscia e consumata, non nella sua normale posizione mattutina. Supponeva che aver avuto un orgasmo così tante volte nelle ultime 7 o 8 ore gli avesse lasciato le palle piuttosto vuote.

Altre storie erotiche  The VFW Hall - BDSM

Dopo aver ripulito tutto il suo sperma, si è sistemato nella sua solita routine mattutina. Il suo respiro finalmente iniziò a rallentare mentre preparava la colazione. Ha preso la sua dose di caffeina mattutina, ha fatto una doccia calda e ha concluso la mattinata con una buona colazione. Un’ultima mattina di normalità prima di entrare in schiavitù sessuale. Rabbrividì al pensiero.

Eppure, in fondo, sapeva che anche una parte di lui non vedeva l’ora. L’attesa lo percorse, anche nel suo stato attuale.

Josh si trascinò nell’armadio per prendere dei vestiti. Indossò una maglietta pulita e dei jeans, sperando che sarebbero stati sufficienti per l’appuntamento. Supponeva che non importasse, perché Sylvia probabilmente lo avrebbe spogliato una volta firmato il contratto e l’avvocato fosse uscito dalla stanza.

Ora pulito e vestito, ma sentendosi ancora dolorante e stanco nonostante lo stomaco pieno e il corpo pulito, Josh lasciò la casa vuota.

Andando verso il suo camion e avviandolo, uscì dal garage sulla strada, prendendo il percorso familiare per il bordello. Nella regia di Joshua Cardone, in cammino verso la sua nuova vita. Non si guardò indietro.

🇧🇷

Era un piacere essere ubriachi.

Sylvia O’Neal geme di piacere, i suoi gemiti echeggiano rumorosamente nella doccia cavernosa. L’acqua calda scorreva lungo le sue curve sensuali mentre spingeva il vibratore in profondità nelle sue pieghe. D’altra parte, ha massaggiato uno dei suoi seni giganteschi. Impastava teneramente, tirando di tanto in tanto l’anello del capezzolo. È stato bello.

Sylvia chiuse gli occhi mentre continuava a pompare il grosso vibratore nella sua figa, amando quanto si sentiva piena con un giocattolo così grande che la allungava. Amava la sensazione di essere riempita fino all’orlo. Ah, ma cosa voleva un cazzo vero! Grande e grosso come il suo giocattolo – un grosso cazzo carino da schiaffeggiarla con entusiasmo mentre lei sborra più e più volte, prima di spalmare finalmente le interiora di crema…

Ancora raggomitolata, Sylvia prese l’altra mano dal piercing al capezzolo e se la piantò tra le gambe. Cominciò a strofinarsi il clitoride, assaporando le sensazioni che scorrevano attraverso il suo corpo voluttuoso. In pochissimo tempo, si perse nella sua stessa fantasia, la sua immaginazione sessuale si impadronì della sua mente. Si perse nel ritmo di pompaggio del suo giocattolo, nella sensazione di accarezzarsi il clitoride. Nella sua testa, non si stava masturbando. No, non erano le sue stesse mani a toccarla, ma quelle di qualcun altro. Anche questa stessa persona stava facendo sesso con lei – non con il dildo, ma con il suo cazzo enorme… Un grosso cazzo con una sola vena che gli percorreva l’intera lunghezza dell’asta, riempiendolo. Le stava anche strofinando abilmente il clitoride con le dita. Il respiro di Sylvia divenne più veloce, più superficiale. Ha iniziato a pompare il vibratore più velocemente con ancora più vigore, accelerando allo stesso tempo la carezza del suo clitoride. E poi è venuta.

Sylvia urlò ad alta voce in estasi, sentendo onde di piacere irradiarsi attraverso di lei mentre cavalcava un oceano di beatitudine. Il suo orgasmo era così incredibilmente dolce che cadde in ginocchio, il suo enorme petto che rimbalzava mentre cadeva. Sylvia notò a malapena il dolore alle ginocchia per l’impatto del pavimento duro – tutto ciò che poteva sentire era puro piacere formicolare nelle sue terminazioni nervose.

Il corpo impeccabile di Sylvia si contorceva e si liberava ripetutamente, i suoi seni giganteschi si agitavano e ondeggiavano deliziosamente. L’acqua continuava a martellarle addosso mentre si metteva il vibratore addosso il più possibile. E quando si è avvicinata al sovraccarico sensoriale, ha tirato il giocattolo. Immediatamente, si sentì vuota e vuota, come se le mancasse una parte di sé.

Sapeva esattamente cosa si stava perdendo… cosa voleva disperatamente… un cazzo per riempire la sua figa vuota.

…Ma le persone vogliono sempre esattamente ciò che non possono avere. L’erba è sempre più verde…

Un bussare alla porta. Sylvia si alzò e chiuse la doccia.

“Sì?”

Una voce giovane e gradevole rispose con un lieve accento. Hanin.

” Sig.ra ? Scusa se ti disturbo, ma volevo che tu sapessi che sono qui in attesa di tue istruzioni. Inoltre, il tuo appuntamento mattutino è tra un’ora.

“Grazie, Hanina. Puoi entrare.”

Sylvia uscì dalla doccia proprio mentre entrava la sua cameriera Hanina. Stava ancora tenendo il vibratore. L’acqua schizzò dal corpo di Sylvia al pavimento mentre camminava nel suo enorme bagno.

Hanina era una giovane donna snella e delicata di origine mediorientale (Josh avrebbe detto che somigliava molto alla sua cliente succhiacazzi, Laila) con un viso carino e carino. Aveva appena compiuto 18 anni meno di una settimana fa quando è arrivata negli Stati Uniti, ed è venuta a casa di Sylvia in cerca di lavoro nelle prime due settimane della sua età adulta. . Sono passati 6 mesi. Sylvia accettò, trovando la giovane donna estremamente carina e dolce, sempre desiderosa di compiacere. Ha lavorato sodo e lo ha pulito con cura. Era anche organizzata e sempre puntuale. Era degna di fiducia in ogni modo una domestica: una perfetta serva in una casa per qualcuno molto ricco.

Sylvia sapeva anche di essere una grande laica.

Con il suo atteggiamento sottomesso e desideroso di piacere, Hanina è stata per breve tempo l’amante del suo datore di lavoro. Uno di loro, almeno.

Altre storie erotiche  Making the Perfect Husband - Step 05 - BDSM

Dopo circa due settimane dall’inizio del suo lavoro nella villa di Sylvia O’Neal, i due iniziarono a baciarsi ea fare sesso orale. Quello che era iniziato come un appuntamento alcuni giorni alla settimana è diventato rapidamente un evento quasi quotidiano. E quando Sylvia ha iniziato a inserire il dolore nella sua routine, Hanina l’ha gestita straordinariamente bene. Spesso, Silvia ha pizzicato i capezzoli di Hanina troppo forte, o l’ha sculacciata con un remo, o ha continuato a succhiarle il clitoride dopo che aveva finito per farla sentire sovrastimolata. Tuttavia, Hanina non si è mai lamentata ed era sempre desiderosa di compiacerlo, non importa quanto dolore provasse. Naturalmente, questo livello di S&M era innocuo rispetto al modo in cui trattava gli uomini in una relazione sessuale, ma Sylvia sembrava avere un tocco più dolce con la maggior parte delle ragazze con cui faceva sesso, specialmente una giovane donna dagli occhi innocenti. Hanina.

Circa un mese dopo l’accordo, Sylvia aveva fornito ad Hanina alcuni dei costumi da cameriera francesi più rari e da troia che potesse trovare. E poi Hanina ha iniziato a usarli per lavoro tutti i giorni. Andava in giro con la sua lingerie super rivelatrice, pulendo la casa di Sylvia e occupandosi dei bisogni più intimi della sua padrona ogni volta che le veniva chiesto.

Questo schema continuò per altri 3 mesi, prima che Hanina tremante arrivasse nell’ufficio privato di Sylvia. Le sue mani strinsero la cortissima gonna da cameriera che indossava, attorcigliandola nervosamente tra le dita. Si morse nervosamente il labbro.

“Io… ho bisogno di parlarle, signora.”

Sylvia, che stava lavorando al suo laptop, guardò la giovane donna dolce e sexy.

«Cosa c’è, Hanina? Qualcosa è sbagliato ?

“Sì, beh… no, non proprio. Ma è qualcosa di importante.

Sylvia chiuse il suo laptop e rivolse tutta la sua attenzione alla sua bella governante.

“Che cosa è?”

“Noi… non possiamo più continuare a vederci.

Sylvia inarcò le sopracciglia.

“Vuoi dire che ti dimetti dal tuo incarico?

Hanina scosse la testa vigorosamente.

«No, no, non è quello che intendo. Voglio ancora davvero lavorare qui, se mi vuoi ancora… se vuoi che rimanga. Una lunga pausa.

“…Quindi intendi sesso.”

Per la prima volta da quando è arrivata nel suo ufficio, Hanina ha guardato Sylvia dritto negli occhi.

Un sussurro.

“Sì”

Una pausa silenziosa ancora più lunga. Quest’ultimo tradì atrocemente. Alla fine, Sylvia ha parlato.

“Capisco… ti dispiacerebbe dare una ragione?”

Hanina poi parlò a tutta velocità, le parole che uscivano dalle sue labbra a una velocità vertiginosa. Questo ha reso il suo accento ancora più pronunciato.

“Signora, per favore capisca che non è lei! Lei è così bella e mi è piaciuto il sesso, anche quando lei… quando mi ha fatto del male. Lo faccio, lo faccio. Davvero. Adoro anche lavorare qui per tu, il lavoro è facile e paghi così generosamente… ma il sesso non può andare avanti perché ho iniziato da poco a uscire con qualcun altro… qualcuno che amo molto, forse anche un giorno amo! e lei vuole che siamo monogami . spero che tu capisca e mi permetto di continuare a lavorare qui, io…”

Ma Sylvia alzò la mano per farla tacere.

“Hanina, per favore smettila. Basta. Certo, non devi continuare a fare sesso con me per lavorare qui… Non vieni pagato per il sesso, e non sarai MAI pagato per il sesso… Io riuscire a essere un’altra avventura rilassata per il nostro reciproco vantaggio, cosa che entrambi abbiamo fatto felicemente perché ci piaceva e nient’altro.

Hanina annuì, ma poi si guardò le ginocchia.

Sylvia aspettò che Hanina dicesse qualcosa, ma la poveretta sembrava senza parole. Sylvia ruppe il silenzio crescente.

“Qualcosa in più?”

“No, no, niente di più, signora.”

Stava ancora guardando il suo grembo invece di Sylvia.

“Va bene allora. Puoi andare.”

Hanina si voltò per andarsene. Sylvia non poteva fare a meno di godersi la dolce vista del culo della sua cameriera mentre camminava, la gonna che la abbracciava amorevolmente, la parte inferiore delle guance scoperte…

Hanina poi colse Sylvia alla sprovvista, girandosi bruscamente per affrontarla sulla soglia. Si aspettava che continuasse a uscire dal suo ufficio – non era preparata per l’improvviso cambiamento nei suoi movimenti. Gli occhi di Sylvia erano ancora incollati al punto in cui il culo di Hanina era stato solo una frazione di secondo prima, quindi alzò lo sguardo con un leggero sussulto sul viso.

Hanina arrossisce. Ha beccato Sylvia a guardare… Ma tutto ciò che Hanina ha detto è stato:

“Più sesso? »

“Niente più sesso.”

Hanina le ha regalato un bel sorriso conquistatore che Sylvia ha ricambiato con rammarico. Aveva appena perso una brava serva del sesso e lui l’avrebbe tenuta sul libro paga solo per pulire la sua casa. Non ne era felice. Potrei mettere la ragazza al lavoro…

Sylvia si schiarì la voce e continuò come se niente fosse.

“Hanina, la mia doccia ha bisogno di una buona pulizia. Fallo oggi, insieme alle altre tue faccende.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *