Taking Over Where Momma Left Off – BDSM

di | 21 de Giugno, 2022

Stubby prese le scale, due alla volta. Oh, le risate delle ragazze erano quasi peggio del dolore nel culo e nelle cosce.

I pantaloni di Stubby erano arrotolati appena sotto il suo culo dove li aveva tirati su dopo che la mamma aveva sculacciato. Li guardò, brutti pantaloni a quadri, ma la madre insistette perché c’era una benda.

Quando Stubby entrò nella sua stanza, chiuse la porta. L’avrebbe chiusa a chiave, ma la mamma non gli avrebbe permesso di avere un lucchetto, anche se era un adulto di trentatré anni che pagava l’affitto.

Stubby sbatté il culo contro lo stipite della porta e iniziò a piangere, singhiozzando forte. Il suo culo era terribilmente dolorante.

Oh, fa così male. Ancora peggio di quando sua madre gli fece tagliare l’erba pelosa e lo inseguì con il biancospino tagliato. Anis e Venetia avevano molto apprezzato l’orrendo spettacolo.

Stubby giaceva con cura sul letto, i pantaloni ancora intorno alle ginocchia. Stubby si costrinse a non toccargli il cazzo.

Non dovrebbe essere un’attrazione. Pensa alle fottute ragazze carine o qualcosa del genere.

Pensa alla rivista sporca che leggi di nascosto o quando navighi nella pornografia al lavoro. Tuttavia, Stubby è andato su siti strani come “Radiant Jade: The Flogging She-Bitch”.

Sei un adulto, pensò Stubby. Le cose avrebbero dovuto cambiare quando tornavi dalla Marina.

Non saresti dovuto tornare a vivere con la mamma. Non saresti dovuto tornare a Buttermilk Falls.

Stubby pensò alla mamma che gli costringeva il braccio dietro la schiena mentre lo teneva in grembo, posando il cucchiaio di legno ancora e ancora.

“Tu (WHACK) imparerai a (WHACK) seguire le istruzioni!”

Cercò di stringere i denti per il dolore, ma fu inutile.

Sì, il suo cazzo stava diventando duro. Ha provato a parlarle stasera.

Ma la mamma lo scosse e gli ordinò di slacciarsi i suoi orrendi pantaloni a quadri.

Le sorelle Stubby non hanno mai dovuto indossare stronzate del genere. Ma poi di nuovo, la mamma diceva sempre: “È facile per i ragazzi. Le mie ragazze devono essere alla moda. E cosa c’è che non va nel tuo papillon?

Allora Stubby ha litigato e la mamma ha tirato Stubby in ginocchio nello spogliatoio di Bloomingdales e ha usato la sua spazzola per capelli di legno, e alla fine ha accettato i suoi acquisti.

Ma stasera avevano compagnia. E ha preso una botta, e ha cercato di sistemare tutto. È tornato a casa dal lavoro in orario, ha pesato e non ha vinto nulla, il che ovviamente era un reato punibile.

Eppure la madre si era tirata i pantaloni e le mutandine fino alle ginocchia ed era sulle natiche nude con il cucchiaio di legno.

Ancora e ancora, il cucchiaio si posa tra le sue natiche. “Mamma ferma”

Ma l’accattonaggio non ha aiutato. Le lacrime le rigavano le guance, ed era così umiliante.

Le sorelle minori di Stubby, che fumano troie ventenni, giocano a picche in cucina con la loro bellissima amica Haylen e lo prendono in giro.

La mamma sapeva che l’umiliazione era utile. Qualche anno fa non stava bene, aveva un soffio al cuore e mentre la mamma era a letto…

Stubby iniziò a uscire e ad uscire insieme, e incontrò una brava ragazza, Britley.

Stubby e Britley stavano per sposarsi e avere una casa tutta loro, e la mamma ha litigato con Stubby una notte…

Proprio di fronte alla sua fidanzata, si trattava di lui che usava troppo zucchero nel suo caffè.

Lo spogliò nudo e gli colpì il culo con una spatola da cucina e lo fece stare in un angolo proprio di fronte alla ragazza che stava per sposare.

E Britley lanciò il suo anello a Stubby e se ne andò inorridita.

E stasera, Stubby sapeva che era un grosso problema che il suo stipendio fosse nella busta sigillata.

Pregò l’ufficio contabilità di ricordarsi di sigillarlo, ma a loro non importava di un scadente programmatore di computer.

Conosceva la regola. Pensò di sigillare la busta per la mamma, ma sarebbe stato fuorviante.

“La regola è che sei irrispettoso quando dai a mamma l’assegno in una busta non sigillata. Non dovresti nemmeno sapere quanto guadagni. Ottieni la stessa indennità che avevi al liceo, e il resto non sono affari tuoi . .

E poi l’ha implorata.

“Mamma, per favore. Gliel’ho detto, ma quando Gertrude, la contabile, non c’è, l’altro contabile si dimentica di sigillarlo.”

Haylen sorrise da dove stava giocando a carte. “Va tutto bene, signora Nillson.”

«Non preoccuparti, Haylen. disse la mamma piano. “È tra me e Stubby”

Sorrise e Stubby notò il luccichio negli occhi della mamma.

“Ti ho detto cosa succede quando porti a casa lo stipendio in una busta non sigillata, Stubby.”

“S-sì signora. Ma abbiamo ospiti, e mi dispiace. Rimarrò a casa dopo la partita di basket del sabato in chiesa e pulirò il cortile.”

“E te lo farò fare, tesoro. Ma abbiamo ancora questo da sistemare. Venetia, portami il cucchiaio di legno.”

Venetia si alzò ridendo, si infilò i bei jeans dietro la schiena in cucina e riportò il temuto cucchiaio di legno.

La mamma aveva colpito Stubby così forte con l’ultimo cucchiaio che si è spezzato – quando è stato sorpreso a guardare la HBO, cosa proibita da Mom’s – per Stubby.

Ora la mamma ha preso il cucchiaio di Venetia, baciando il suo più piccolo sulla guancia.

“Ora togliti i pantaloni, tesoro…”

Stubby aveva visto gli occhi di Haylen spalancarsi sulle sue carte.

E sì, la mamma ha colpito di nuovo Stubby così forte che si è rotto il cucchiaio e ha stretto i denti.

“E’ il secondo. Questa volta esce dalla tua indennità. Anis, portami il rasoio.”

“Certo, mamma! Anis ha portato la coramella alla mamma, ridendo, e poi Stubby è stato spinto via dal grembo della mamma.

La mamma prese Stubby per un orecchio e lo fece girare sulla grande panca di metallo della cucina, erano proprio di fronte ad Haylen…

Linda Haylen. E la mamma ha messo la sua carne per i successivi venti minuti, la fionda le è atterrata sulle natiche e sulle cosce.

Così la mamma ha alzato il pollice in un angolo della sala da pranzo e Stubby si è allontanato per mezz’ora. Sapeva di non tirarsi su i pantaloni.

E poi, quando il suo tempo era scaduto, è corso di sopra con i pantaloni ancora abbassati…

Il rintocco argentato delle risate ti strappa il cuore!

Adesso Stubby si stava strofinando il cazzo, quasi involontariamente. Pensò al comodo vestitino a fiori della mamma e al modo in cui il suo cazzo duro cadeva tra le sue lunghe gambe mentre lei lo sculacciava…

E la mamma aveva un seno intero, che si era notevolmente gonfiato contro il collo cavo.

Si vergognava così tanto al pensiero che Haylen fosse testimone di questa umiliazione!

Era una bellissima bionda cenere. Non avrebbe mai potuto flirtare con lei mentre lei sbirciava oltre il recinto mentre aspettava che l’autobus partisse.

No, non l’avrebbe mai più considerato un suo pari, davvero.

Ma mentre Stubby pensava al futuro disprezzo di Haylen per lui, il rossetto rosa che imbrattava la sua costante Marlboro Light che pendeva dalla punta della sua bocca…

Quei seni che si gonfiano nella parte superiore del tubo. Adesso riderebbe di lui, non ci sarebbero più battute o doppi sensi.

Ma pensando alla sua umiliazione di fronte ad Haylen, e alla loro amicizia sminuita…

Questo sembrava rendere il cazzo di Stubby ancora più duro, quasi raddoppiando le dimensioni!

Era così opprimente, mamma lo era.

Stubby non poteva uscire di casa dopo il tramonto. Ha vissuto lì volontariamente e ha dato alla mamma il suo intero stipendio e ha avuto la stessa indennità che aveva al liceo.

La mamma ha trovato un modo per spaventare ogni interesse femminile. Deve aver saputo di Haylen e delle conversazioni alla fermata dell’autobus.

Stubby ha passato la vita a masturbarsi nella sua camera da letto e a rubare le mutandine della mamma dal sacco della biancheria. (Di cui ha subito circa mille percosse negli ultimi dieci anni.)

Una volta la mamma ha picchiato Stubby davanti a suo cugino, un ragazzo dell’età di Stubby o un po’ più giovane, e il cugino Zohn ha detto alla mamma…

…che quando era troppo vecchia per “prendersi cura delle cose” avrebbe amministrato la disciplina di Stubby!

Quando la mamma e le ragazze sono andate ad Atlantic City per la settimana, hanno lasciato Stubby con Zohn, e quando sono tornate hanno trovato la povera Stubby completamente truccata, rossetto rosso brillante e una camicia da notte rosa…

Zohn era diventato il poveretto!

E il disprezzo della madre era appena cresciuto…

Cosa dovrebbe fare?

Era senza speranza!

Ma oh che eccitazione.

All’improvviso, quando la mano di Stubby è caduta sul suo cazzo per l’ultima volta, e stava per venire… la porta si è aperta.

La mamma si precipitò, agitando la cintura. “Ti ho preso!” gridò trionfante.

Gli occhi di Stubby si spalancarono mentre se ne stava lì, ancora sollevando il suo cazzo con i pantaloni che gli ostruivano le caviglie.

“Toccarti. Mentre abbiamo compagnia al piano di sotto. Le tue mani dietro la schiena, giovanotto.

“Ma mamma-“

“ADESSO!”

Stubby sussultò e si mise le mani dietro la schiena. Ora era sdraiato sul letto, il suo cazzo spingeva e si sussultava sfacciato.

La mamma sorrise cupamente e sollevò la cintura e atterrò duramente sul cazzo orgoglioso di Stubby. Lo cullò di nuovo, questa volta lasciando che il ricciolo toccasse i testicoli di Stubby.

Le mani di Stubby si precipitarono per fermare l’attacco con la cintura.

“Metti le mani dietro la schiena”, disse la mamma a Stubby a denti stretti.

“Oppure li ammanetterò. Ho ancora le vecchie manette della polizia di tuo padre.”

Papà era stato un poliziotto a Buttermilk Falls, tanto spaventato da sua moglie quanto Stubby.

A BUON MERCATO! A BUON MERCATO! PAOLO!

Stubby urlò mentre la cintura guadagnava la sua insolente erezione.

“Ti piace giocare con il tuo piccolo dinkie, vero?” chiese la mamma, e lei afferrò il minuscolo cazzo di Stubby e lo strofinò fino a ottenere un’erezione completa.

“Scoraggiamo questo comportamento grottesco. La tua amica Haylen è rimasta inorridita da tutto questo. Anis gli ha detto delle cose brutte che fai qui dopo che ti ho punito.

A BUON MERCATO! A BUON MERCATO!

La madre lasciò andare la maniglia e si sedette sul letto e iniziò ad accarezzare il cazzo di Stubby.

“Perché ti tocchi in modo così inappropriato, mio ​​caro Stubby?”

Adesso Stubby stava piangendo, ma il suo cazzo stava ricrescendo, nonostante i segni e il dolore considerevole.

“Mamma vuole che tu impari ad essere un bravo ragazzo. E pensa quanto Nostro Signore si prende cura di te, mia cara.”

“Si Mamma.” disse Stubby singhiozzando. La mamma prese Stubby e gli accarezzò la testa.

“Fai il bravo ragazzo. Pensa a come accontentare la mamma. Porta l’assegno a casa in una busta sigillata.”

Poi la sua voce divenne di nuovo roca e afferrò la maniglia.

“E NON TOCCARTI, È UN PECCATO!”

A BUON MERCATO! A BUON MERCATO!

E Stubby urlò e pianse, ma il suo cazzo rimase forte.

Al piano di sotto, Anise, Venetia e il loro amico hanno sentito le urla dalla camera da letto al piano di sopra mentre si appoggiavano alle scale.

“La mamma continua a cercare di curare Stubby dalla sua abitudine alla masturbazione. Ecco perché si è intrufolata di sopra e ha ascoltato alla porta”, ha condiviso Venetia.

“Sì.” disse saggiamente Anis. “Mamma una volta ha chiuso Stubby nell’armadio dopo aver fatto un buco rotondo nella porta…

Poi ha fatto infilare a Stubby il suo cazzo e le sue palle nel buco della porta, quindi tutto ciò che abbiamo visto è stata la porta dell’armadio con la spazzatura di Stubby che sporgeva.

“E poi la mamma ha colpito il suo cazzo e le sue palle con un bastone, sbattendo contro la porta dell’armadio. Questo ha impedito a Stubby di colpire il suo budino per alcune settimane!”

Anis e Venetia scoppiarono a ridere e Haylen sorrise, sebbene fosse imbarazzata e piuttosto incuriosita.

“Ma Stubby non riesce ancora a togliere le mani dal suo cazzo?” chiese Haylen con un sorriso.

“È triste Haylen. Stubby è infelice. Non sarei sorpreso se Stubby fosse vergine. Anche quando stava per sposare Britley, stavano aspettando la prima notte di nozze”. disse Anis, grattandosi il mento.

Veneto annuì. “Sì, nostro fratello non è un brutto ragazzo, davvero.”

“Niente affatto,” concordò Haylen pensieroso.

Un attimo dopo, le ragazze hanno sentito Stubby urlare, ma non dolore, allarme.

La madre aveva subito un fatale infarto!

Alcuni mesi dopo, Stubby stava aspettando nel suo tailleur davanti al recinto di Haylen.

È uscita di casa con un aspetto glorioso come sempre nei suoi pantaloncini corti e top corto. Fece un cenno a Stubby.

“Pensavo che ora che tua madre se n’è andata, avresti preso la patente per goderti quella Cadillac che ti ha lasciato, Stub.”

Stubby sorrise, guardando le lunghe gambe di Haylen e il modo in cui i suoi seni perfetti a forma di coppa spingevano fuori il top di lycra… rosa!

“Ho lasciato Caddy con Anise. Probabilmente venderò la casa. L’ha lasciata a me. Sono rimasto sorpreso perché non ho mai pensato di essere il preferito di mamma”.

Haylen guardò il culo di Stubby nella piccola tuta. Non era davvero un brutto ragazzo, anche se, ovviamente, era un po’ un secchione. Sapeva che le sorelle di Stubby avrebbero presto lasciato Buttermilk Falls e che Stubby sarebbe rimasto solo.

“Ti stai godendo la tua ritrovata libertà? Davvero non lascerai che Zohn gestisca la tua vita, anche se è tuo cugino, vero?

“Zohn viene a trovarci, per assicurarsi che la casa sia pulita.” disse Stubby con un brivido. “Ma ha la sua vita. Mi manca davvero la mamma.”

“Sì. Ti amava e voleva solo i tuoi migliori interessi, credo. Non sei più seduto a masturbarti in mutandine, vero?”

Haylen si sentiva un po’ sadica nel fare una domanda così personale, ma era affascinata dalla vita che Stubby conduceva. Penseresti che prenderebbe cocaina, inseguirebbe prostitute, recupererebbe il tempo perso…

Ma il povero bastardo sembrava un po’ smarrito!

E gli piaceva la sua scollatura. Fece un respiro profondo e si attorcigliò una lunga unghia.

«Vieni qui, Stubby. Parliamo un po’.

“C-perché?” Stubby fu sorpreso. Haylen è sempre stata gentile con Stubby. Ha restituito il favore facendole da tutor al college e pagandole le tasse.

Ma pensava davvero che una ragazza così sexy avrebbe avuto cose migliori da fare che giocare con lui.

Ma ha varcato il cancello e ha pensato che potesse essere un po’ in ritardo per il lavoro.

Dopotutto, la disciplina di mamma aveva assicurato una presenza perfetta.

Stubby sorrise e si avvicinò a Haylen.

Si chinò e si massaggiò l’inguine.

“Ci hai giocato molto, scommetto. E pensare che tua madre è morta cercando di farti arrestare. Ho avuto un infarto, correggendoti.”

Stubby sembrava terribilmente colpevole.

Haylen guardò severamente Stubby: “Non posso credere che un bel ragazzo come te non stia cercando di avere una vita. Mia sorella Zaylee dice di averti visto nella lavanderia, a rubare le mutandine dalle asciugatrici. lavanderia.”

Stubby è diventato molto rosso.

Si chiese quanto tempo ci sarebbe voluto prima che tutti si rendessero conto che stava lanciando ripetutamente una matita lungo Buttermilk Boulevard per potersi sporgere e guardare i vestiti delle donne che passavano.

Le lunghe unghie rosse di Haylen giocavano con la cerniera di Stubby, e alla fine tirò il suo lungo cazzo, che si conficcò nelle sue morbide dita.

“Dobbiamo davvero renderti un ragazzo più educato, credo.

Haylen si chinò e baciò l’orecchio di Stubby. “Ti piaccio, lo so. Anche tu mi piaci…”

“R-davvero? Vuoi scopare?

Haylen ha improvvisamente rilasciato il cazzo di Stubby e lo ha schiaffeggiato forte in faccia.

Poi ride sarcastica. “Pensi che farei sesso, mi scoperei un codardo come te, il figlio di una mamma?”

Haylen ha strappato un ramo da un cespuglio di lillà e, senza rompere i rami, ha colpito il cazzo di Stubby con esso.

Stubby ha cercato di rimettersi il cazzo nei pantaloni.

“Metti le mani dietro la schiena”, disse Haylen a denti stretti.

Stubby ha rispettato. Il suo cazzo si è gonfiato. All’improvviso faceva male, ma vedere Haylen impazzire lo stava facendo impazzire.

A BUON MERCATO! PAOLO!

Haylen ha posato il Ramo di lillà ancora e ancora sul cazzo di Stubby e, nonostante la gravità, non riuscì a fermare il gonfiore del suo organo.

“Penso che entreremo in casa mia e tu dirai che sei malato oggi.”

“B-ma…”

“Cosa c’è che non va, non mi ami?”

“O si.” Stubby ansimava.

Haylen estrasse una lampada Marlboro dalla scatola che gli era stata infilata nella manica della camicia e l’accese.

Lasciando andare il ramo di lillà, riprese a strofinare il cazzo di Stubby.

“Stiamo entrando, e ho intenzione di allacciarti. Sono venuta a prenderti quella sera a casa di tua madre dopo che l’ambulanza era partita.

“N-no, non la maniglia!”

Mezz’ora dopo, la bocca di Stubby era piena di sapone da bucato e stava ballando nudo per il dolore mentre Haylen usava la sigaretta per bruciarsi i capezzoli, il cazzo e le palle.

Sei settimane dopo, si sono sposati. Sebbene non abbiano ancora consumato l’atto, Stubby è un marito amorevole e generoso. Falcia il prato nudo e ha parlato con tutti gli amici di Haylen.

Sta ancora imparando a essere un bravo ragazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *