The Amsterdam Chronicles Ch. 09 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Prima di lasciarti trasportare, devo avvertirti che questo è il capitolo 9 di una serie di storie su Camille e le sue avventure come hostess di una discoteca ad Amsterdam. Puoi leggerlo tu stesso, ma alcune parti potrebbero avere più senso se inizi dall’inizio, con il Capitolo 1. Buona lettura, qualunque cosa tu scelga, e benvenuto a coloro che hanno seguito la storia fino in fondo. .

——

Capitolo nove – Dopo ore

Amsterdam – luglio 2015

L’estate riscaldava la città dall’interno, arrostendo i vertiginosi vicoli in pietra e attirando uno strato di umidità umida dai canali, che indugiava fino a tarda notte. L’atmosfera del club, afosa e intensa anche nei momenti più tranquilli, ribolliva di fervente attesa, e ho passato il turno di notte arrossato e a disagio per la pressione appiccicosa della mia uniforme di pelle contro il mio corpo. Così, quando Tomas aprì la porta d’ingresso per segnalare che la festa della notte era finita, una boccata d’aria fresca ci attirò automaticamente all’interno.

“Non avrei mai pensato che sarei stato così felice di vedere la pioggia”, ha parlato Sasha per tutti noi, allungando una mano elegante per sentire le prime gocce che annunciavano l’inizio di una pioggia tanto necessaria. Abbiamo visto gli ultimi ospiti lasciare il club, quelli abbastanza saggi da portare cappotti e ombrelli ammucchiati per protezione mentre gli altri correvano verso la sicurezza delle loro case e delle loro auto. Lia mi prese per mano e mi trascinò dietro di loro, giù per i gradini e nella strada che si svuotava rapidamente. La pioggia pungeva le mie spalle nude, squarciando lo strato di sudore, e inspirai l’aria appena lavata nei polmoni, con la testa illuminata dall’ozono e dal puro sollievo. Uno degli ospiti si è aggirato nelle vicinanze, l’acqua che scorreva lungo il pendio del suo ombrello, i suoi occhi brillavano di interesse mentre Lia mi ha fatto scivolare un braccio intorno alla vita e mi ha tirato a sé. Catturati dal raggio di luce della porta, i suoi occhi brillavano di un verde giada, incorniciati dalle punte a forma di stella delle sue ciglia umide, e la sua criniera infuocata cadeva a spirale.

“Hai sparato,” annuii al nostro voyeur mentre le sue mani si muovevano tra i miei capelli, sciogliendo le forcine e lasciandoli arruffati quasi quanto i suoi.

“Con quei baffi?” lei ride contro la mia bocca. La lucentezza appiccicosa del suo rossetto si era sciolta nelle ultime ore e le sue labbra erano morbide e sode. “Fammi un favore! Ho dei capi, lo sai.”

“Certamente è.” Mi allontanai, mettendo una mano sul mio fianco e spingendo in fuori il mio petto, rimboccandomi dentro e facendo il broncio finché lei non mi tirò di nuovo dentro per un altro bacio. Lungo il canale, urla e risate sono arrivate da dove Sasha ha mediato goffamente una rissa tra i gemelli mentre tentavano di lanciarsi l’un l’altro in acqua.

“Vieni ora, vieni dentro ora,” gridò Lainey dalla porta, la sua autorità notevolmente diminuita dal fatto che anche lei rideva e infilava la testa dentro per fumare la canna che teneva sotto la coperta. Accanto a lei, Jay sembrava un po’ meno divertito.

“L’hai sentita; vieni dentro, per favore», ripeté, il tono severo accompagnato dal suono inconfondibile di una scarpa che rompeva la superficie del canale.

“La voce del tuo padrone,” sussurrò maliziosa Lia, ma non poté resistere al mio tentativo di ricondurla alla porta, seguita obbedientemente da Sasha ed Helena, che si appoggiavano insieme con gioia incontrollata, e Phoebe, che imprecò e saltò tra le pozzanghere in aumento .

Rinchiusi nel caldo umido del club, ci siamo asciugati la pioggia dai corpi, lasciando delle pozzanghere sul pavimento a scacchiera. Carlo ci ha lanciato una manciata di piccoli asciugamani da bar e io ho usato i miei per mascherare il mascara, sapendo che Lia era più adatta al look bagnato e selvaggio di me. Dopo aver raccolto il libro degli ospiti e le ricevute della serata, Mykel e Jay sono saliti al piano di sopra per prendere i soldi, Lainey è scivolato dietro al bar per servire un drink serale e Lia ha tirato fuori il mazzo di carte dal cassetto della scrivania.

“Okay, strip poker; chi c’è?” Si sedette a uno dei tavoli e Sasha, Carlo, Phoebe ed Helena presero i posti mentre io bevevo da Lainey.

“I calzini contano come due oggetti e non lasciare che ti dica il contrario”, mi consigliò con un sorriso. “Così sono le scarpe, non che aiuti Phoebe.” Lia era una famigerata ladra di carte e il resto di noi aveva già accettato che qualsiasi gioco di strip poker fosse giocato alle sue condizioni.

“Dai, Camille,” mi gridò subito Lia. “Non puoi sederti con questi vestiti bagnati tutta la notte.”

“Ha ragione, sai,” Carlo annuì speranzoso.

“E non ha bisogno di alcun incoraggiamento da parte tua”, le disse Sasha e io le mandai un bacio di ringraziamento, sedendomi accanto a Lia che mi strizzò l’occhio mentre mi passava la mia pila di lettere. Rassegnandomi al fatto che probabilmente sarei stato seduto qui completamente nudo prima che finisse la notte – forse fino all’ora – e non sentendomi particolarmente a disagio all’idea, ho abbassato gli occhi sulla mano davvero terrificante di carte che mi erano state consegnate .

“Vedo che hai deciso di perdere il ballo della pioggia” Mi sono girata per vedere con chi stava parlando Lainey e mi sono ritrovata a fissare Hanna che rispetto al resto di noi sembrava ancora immacolata vestita con un tubino di seta viola orchidea, così alto quel poco è stato lasciato all’immaginazione.

“Ti unisci a noi, Hanna?” chiese Lia, e sapendo che Mykel di solito le proibiva di indossare le mutandine, sospettavo che non l’avrebbe fatto; comunque non per molto.

“Parlare pericolose, Lia. Sai che posso dimenticarti di te da un giorno all’altro,” rispose Hanna. “Ricordi la verità o il coraggio?” Le guance di Lia sono diventate rosa, contrastando magnificamente con i suoi capelli rosso fuoco e sono rimasto incuriosito perché era una persona rara che poteva farla arrossire. Hanna mi sfiorò la nuca con le sue dita lunghe ed eleganti e la punta dura delle unghie mi sfiorò la pelle, provocandomi la pelle d’oca. Il sorriso che mi ha rivolto, anche se non proprio entusiasta, è stato un enorme miglioramento rispetto all’espressione vuota e con gli occhi di pietra che avevo ricevuto in passato, e l’ho restituita con cautela. , mantenendo il mio corpo il più fermo possibile, cercando di non mostrarlo il mio brivido, a disagio mentre continuava: “Stavo proprio per chiedere se potevo prendere in prestito Camille”.

“Andiamo,” disse Lia allegramente, solo l’accenno di un sopracciglio alzato che registrava la sua sorpresa. “Quando dici in prestito, pensi di restituirlo presto o dovrei darti la buonanotte adesso?”

“Non credo di avere niente da dire a riguardo”. Ho protestato. Hanna mi guardò come se stessi parlando una lingua straniera e Lia scrollò le spalle. Leggermente irritata dal suo licenziamento disinvolto dalla mia compagnia, ho pensato di dire ad Hanna che ero impegnata e che avrebbe dovuto “prendermi in prestito” di nuovo, ma la curiosità ha avuto la meglio su di me. I rapporti tra me e la moglie di Mykel si erano notevolmente deteriorati dalla cena a cui ero andato nel loro appartamento, ma eravamo lontani dall’essere amici. Ricordando quanto fosse diventata sessuale quella notte, mi sono chiesto se questo invito avrebbe portato a qualcosa di simile e mi sono sentito arrossire sia per l’eccitazione che per un po’ di paura.

Mi sono alzato in piedi e Lia ha infilato le sue carte nel reggiseno, in piedi accanto a me e prendendomi a coppa il mento, sporgendosi per un bacio. La sua lingua sondava le mie labbra mentre i suoi occhi guizzavano sulle mani delle carte appartenenti al distratto Carlo, che ci osservava con piacere nonostante avesse visto tutto prima e altro ancora. Lasciandomi quel gioco alle spalle, ho seguito Hanna su per le scale principali e in fondo al corridoio. La porta dell’ufficio era socchiusa e potevo sentire i due uomini dietro di essa, le loro voci profonde e rilassate. La paranoia mi invase, insieme alle immagini di essere stato presentato e sopraffatto da una sorta di punizione di gruppo che coinvolgeva il contenuto dell’armadio a muro, ma Hanna lo oltrepassò. Mentre cercavo di capire se fossi sollevato o deluso, aprì la porta del suo appartamento e mi fece entrare.

La stanza era diversa dall’ultima volta che ci sono stato a cena e non riuscivo a capire perché. Faretti di buon gusto proiettati nelle stesse piscine accattivanti rispetto a prima, sottolineando i colori intensi e la patina lucida degli arredi e portando un senso di intimità nello spazio austero e dai soffitti alti. Ho respirato il profumo della cera d’api e delle rose e mi sono reso conto che era l’assenza degli uomini che aveva cambiato la stanza così completamente. Le loro dimensioni e la disinvoltura arrogante con cui reclamavano qualsiasi territorio incontravano davano un senso di struttura che ora sembrava indistinto e quasi benigno. Sarebbe troppo facile abbassare la guardia e fingere che questa fosse una serata intima tra ragazze, proprio come quelle nella stanza di Lia, dove noi due, Sasha e i gemelli, eravamo stipati sul letto, i nostri corpi caldi intrecciati tra loro, casualmente. abbiamo fumato e condiviso storie di guerra di donne ventenni, con tutte le loro somiglianze deprimenti ma affermanti.

“Sedersi.” Hanna fece un cenno verso la poltrona, scomparendo attraverso una porta. Ricordando che questa situazione non aveva nulla a che vedere con la confraternita negli alloggi della servitù e che sarei stato sciocco a trattarla allo stesso modo, mi sono sospeso, non volendo danneggiare nessuna delle sedie con la mia vestaglia ancora inzuppata, chiedendomi se sarebbe più sicuro trovare una scusa e andarsene. Uno sguardo allo specchio sospeso sopra il lettino mi ha fatto capire che i miei tentativi di asciugarmi con l’asciugamano da bar erano inutili e ho rapidamente liberato i miei capelli dalla crocchia, desiderando immediatamente che non fossero caduti in lunghe ciocche arruffate. Appoggiando la mia manciata di forcine su un tavolino deliziosamente laccato, feci scorrere freneticamente le dita tra i crespi umidi, ascoltando la pioggia che tamburellava costantemente contro le finestre del portico. Hanna tornò in pochi minuti, ordinata e serena, vestita con pantaloni della tuta blu scuro e un giubbotto bianco che le aderiva al seno alto e rotondo e ai capezzoli duri. I vestiti erano semplici ma avevano la morbidezza drappeggiata che parlava di un prezzo impressionante. Mi ha lanciato un accappatoio.

“Non puoi sederti con quei vestiti bagnati tutta la notte,” dichiarò, proprio come Lia aveva fatto prima, ma senza calore o umorismo. Ho aspettato che si scusasse per potermi cambiare, ma è rimasta ferma, i suoi occhi fissi su di me e un piccolo sorriso che le giocava sulle labbra. Riluttante a fare marcia indietro rispetto a quella che sembrava una sfida, presi un respiro profondo e aprii il mio vestito di pelle. Spingendolo a terra, evitai il suo sguardo, spingendo da parte i miei nervi tremanti, concentrandomi a togliermi il reggiseno nero e le calze di seta che miglioravano la scollatura. Rapidamente, ho avvolto il lussuoso mucchio della vestaglia attorno al mio corpo, l’ho legato strettamente e ho incontrato la sua espressione enigmatica con uno sguardo determinato.

“È meglio.”

«Immagino che probabilmente sia così. Ora posso offrirti da bere? Senza aspettare una risposta, Hanna varcò un’altra porta. Il tempo in cui avrei potuto scappare era finito, e inoltre, ora che ero curioso e determinato a sapere cosa voleva da me, mi sistemai sulla poltrona, piegando le gambe sotto di me nel tentativo di apparire disinvolto. La metà inferiore del vestito si attorciglia dietro di me, spalancandosi per esporre le mie gambe, ma prima che potessi sistemarla è riapparsa con una bottiglia di vodka fredda e due bicchieri pieni. Me ne porse uno, sedendosi accanto a me sulla poltrona e sbattendo il bicchiere contro il mio sullo stesso toast che lei, Mykel e Jay avevano usato prima qui. Per me, per te, per quello che verrà dopo. Ho ingoiato la vodka, l’attesa cresceva per quello che avrebbe potuto significare.

“Perché sono qui, Hanna?” Ho deciso che l’approccio diretto era probabilmente il migliore.

“Voglio conoscerti un po’, da sola,” rispose, il suo tono imparziale non rivelava nulla. “Pensavo saresti stato più rilassato se fossimo stati solo noi.”

Ho pensato di dirle che mi intimidiva tanto quanto Mykel e Jay, a volte più dei due uomini messi insieme, ma ho deciso che poteva essere un po’ troppo diretto. Tuttavia, ho pensato che valesse la pena approfittare di queste circostanze insolite e porre alcune delle tante domande che avevo.

“Jay dice che di solito non porta gli amici qui.” Ho cercato di scegliere le parole con attenzione, un compito che è stato sventato quando Hanna si è accesa una canna e ha inalato, il suo petto che si agitava in modo stuzzicante. Me lo porse, le sue unghie rosa perla che brillavano nella luce soffusa. A differenza degli artigli sfoggiati dalle altre donne del club, erano levigati in modo uniforme e lo smalto era neutro di gusto. Non indossava gioielli a parte una semplice fascia di platino in cima al diamante singolo sorprendentemente piccolo nel suo anello di fidanzamento. Aveva sicuramente perso un trucco lì, pensai, immaginando lo spolverino per gioielli che avrei chiesto a un uomo delle risorse di Mykel se si fosse presentata l’occasione.

Increspando le labbra intorno alla punta della canna, aspirai il dolce fumo nei miei polmoni e la mia capacità di pensare chiaramente scomparve attraverso le portefinestre e fuori città.

“Pensavo che mi stessi attirando qui per un nuovo tipo di punizione di gruppo, una sorta di iniziazione”, ammisi, e le sue sopracciglia si alzarono leggermente.

“Ha molta immaginazione,” disse e le parole fecero correre divertito il mio cervello appena disconnesso. Ridacchiai indignata, incontrando il suo sguardo e osservando il suo viso accuratamente definito crollare in una risata improvvisa e rauca.

“Sei sorpreso?”

“Non proprio,” prese la bottiglia di vodka e ci versò un altro drink.

“Per le nostre fantasie più sfrenate”, le ho alzato il bicchiere e li abbiamo schiaffeggiati insieme, il brindisi che mi avevano insegnato ora è una seconda natura e sembra del tutto appropriato.

La risata svanì, ci sedemmo sulla sdraio, la tensione leggermente fratturata. Dimenticando i miei nervi e l’apertura rivelatrice del mio vestito, ho colto l’occasione per studiarla, meravigliandomi della sua pelle impeccabile e senza pori e dei capelli ben tagliati. Il mio collegio era pieno di ragazze il cui ruolo specifico nella vita era quello di sposare uomini facoltosi, e Hanna a prima vista, con il suo portamento impeccabile e il suo tono accuratamente modulato, assomigliava esattamente a loro. Ma avevo notato un imbarazzo nei suoi modi, suggerendo che il suo ruolo di moglie di Mykel era stato appreso piuttosto che creato, e mi chiedevo se l’avrei mai conosciuta abbastanza bene da chiederle da dove venisse.

“In risposta alla tua precedente affermazione, Jay non porta persone qui molto spesso”, ha detto Hanna. “Socialmente, sa come allestire uno spettacolo, ma non è uno che fa alleanze casuali. Le persone che lascia entrare nella sua vita privata di solito sono molto importanti per lui”.

“Come te,” azzardai.

“Sì, penso di sì”, ha convenuto, “anche Mykel. Penso che sia per questo che siamo riusciti a convivere così felicemente per così tanto tempo.”

“E ora sono qui.”

“Sì, sei tu.” L’atmosfera ribollì brevemente. “Sai, Jay ti ama davvero.

“Devi essere felice.” Il sarcasmo è scappato prima che potessi fermarlo. Hanna inclinò la testa e mi guardò pensierosa.

“Non stiamo parlando di me”, ha detto, sprezzante, come un adulto stanco del mondo che ignora l’ostinata scortesia di un adolescente goffo. “Stiamo parlando di Jay. È stato affascinato da te sin dalla tua prima volta in ufficio. Ha detto che eri chiaramente terrorizzato ma determinato a non mostrarlo. Il tuo coraggio lo ha impressionato.”

Ricordavo le lacrime che mi scorrevano lungo il viso, accumulandosi sulla superficie levigata del tavolo mentre il mio culo esposto pulsava di dolore. “Lia è la più coraggiosa”, ammisi, “non io”.

Scosse la testa, “Lia è tosta, grande differenza.”

E mi sono ricordato di qualcos’altro che avrei voluto chiedere a Lia ma non avevo mai avuto il tempo di farlo. “Hai dormito con lei?”

“Chi, Lia? Ho dormito con lei? Hanna osservò attentamente la mia reazione. “L’ha fatta urlare con l’orgasmo in diverse occasioni, sì, ed è sempre stata abbastanza brava da ricambiare.”

“Cosa ne pensa Mykel?” Di nuovo, c’era quell’inclinazione condiscendente del suo mento e le labbra leggermente contorte che suggerivano che la mia domanda fosse imbarazzante e piuttosto sciocca.

“A Mykel piace variare le cose, il che mi si addice. Kiss Lia non lo è esattamente una prova. È estremamente dotata. Ho imparato una serie di utili trucchi da lei, e immagino che lo farai anche tu.” Allungò la mano per appoggiare la mano sulla mia coscia esposta, allargando ulteriormente la piega del vestito e facendomi bruciare la figa con istintiva eccitazione. “Veramente “, ha continuato, come se fosse ancora una conversazione normale, “Sono piuttosto gelosa di te e di lei. La connessione che hai. Penso che lo sarò anche Jay.

“Serio?” Ho cercato di mantenere la mia attenzione sull’argomento e non sul modo in cui le mie terminazioni nervose formicolavano sotto la leggera pressione delle sue dita. Sebbene Jay abbia chiarito che non approvava Lia, non ho mai pensato che i suoi sentimenti per me fossero abbastanza significativi o complessi da consentire la gelosia.

“Non fingere di no,” Hanna mi diede chiaramente il merito di avere molto più controllo sulle emozioni di Jay rispetto a me. davvero avuto. “Tu e Lia state camminando su una linea sottile in stronzate non possessive, dallo spirito libero, amiche con benefici, ma in pratica siete una coppia, e Jay lo sa”.

“Non siamo una coppia”, dissi, sperando che la sua opinione non fosse ampiamente accettata. Nonostante tutta la vicinanza che condividevo con Lia, il suo atteggiamento irriverente e caotico nei confronti del sesso e dell’amore era tutt’altro che un atto, e ho sentito un’ondata di panico al pensiero che si allontanasse da me su etichette sconsiderate, specialmente una come Hanna le cui motivazioni raramente sembrano semplici. “Se non altro, l’amicizia di Jay con te e Mykel è ciò che rende le cose complicate”, scattai e lei fece un breve sbuffo di divertito riconoscimento.

“Sì, immagino sia possibile”, ha risposto e ho aspettato che elaborasse, ma non l’ha fatto. Invece, iniziò a muovere la mano avanti e indietro, accarezzandomi la coscia con una familiarità rilassata ma allo stesso tempo suggestiva, e la conversazione, che comunque era sembrata girare comunque, ora sembrava lo sfondo di una scena completamente diversa. programma. L’erba pesante aveva ammorbidito i limiti della mia capacità di pensare in modo critico, e ho permesso alla sua mano penetrante di distrarmi dalle sue parole scomode. Allargai le cosce, come per offrire la mia pelle liscia alle sue dita persistenti, e lei si avvicinò e si chinò in modo che la sua bocca fosse a pochi centimetri dalla mia.

“Andiamo in un posto un po’ più comodo?” Il suo alito era caldo con il dolce sapore chimico della vodka.

“Cosa c’è che non va qui?” Ho chiesto.

“Jay aveva ragione, tutto è una sfida per te.” Mi prese per mano e mi tirò in piedi. “Venga con me.” Sotto la sua presa sorprendentemente salda, l’ho seguita attraverso il soggiorno e attraverso una delle porte chiuse della camera da letto.

La stanza non era particolarmente grande e, come il resto dell’appartamento, era decorata semplicemente con pavimenti lucidi e pareti bianche immacolate. I riflettori nascosti si sono concentrati su un letto matrimoniale accuratamente realizzato con una testiera finemente intagliata, sopra la quale era appeso un dipinto di tre sedie adagiate su una spiaggia di sabbia bianca, che si estendeva verso un mare azzurro. In un angolo c’era una toeletta vuota sormontata da un lusinghiero specchio colorato vecchio stile. Un altro reggeva una sedia con lo schienale alto e rivestita di pelle blu scuro, identica alla mia terrificante nonna francese, che l’aveva dichiarata estremamente preziosa e aveva proibito a me e mio fratello di avvicinarci.

“Non è la tua stanza”, dissi, incapace di vedere alcuna prova che le persone stessero effettivamente usando lo spazio per vivere.

“No, non lo è,” concordò Hanna. “La nostra camera da letto è privata. È dove Jay dorme quando non può disturbarsi a salire nel suo appartamento. Sono sicuro che non gli dispiacerà che lo usiamo.” Guardando più da vicino, vidi la serie di manette attaccate alle testiere e un sussurro di paura si fuse con la mia anticipazione, avvolgendosi nella mia pancia e irradiando spirali di rinnovato desiderio nell’inguine. Mentre cercavo di capire cosa stesse succedendo, Hanna mi sbottonò il vestito e me lo tirò giù sulle spalle, lasciandolo cadere a terra. Paralizzato dall’incertezza che ne derivava, aspettavo, il tremito delle mie membra contrastava con l’infida rigidità dei miei capezzoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *