The Bisexual Submissive Pt. 01 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Nikki rabbrividì. Non sapeva se fosse per la paura o per la leggera brezza che soffiava sulla sua pelle esposta. Guardò la catena che correva dalle manette attorno ai suoi polsi e sopra la trave del soffitto, poi lungo le gambe divaricate vicino alla sbarra che collegava le manette attorno alle sue caviglie. Era stata posizionata in modo da assicurarsi che i suoi piedi toccassero il pavimento di legno per togliere parte del peso dalle manette sui suoi polsi. Non poteva appoggiare la pianta dei piedi per terra, ma non era nemmeno in punta di piedi. Quanto basta per ricordargli costantemente la sua situazione. Non che potesse dimenticare facilmente, vista la posizione in cui si trovava e il fatto che era nuda.

Vulnerabile, esposto e indifeso. Il suo sguardo cadde sull’uomo seduto sulla sedia di pelle a sinistra della porta. Non la stava guardando, la sua attenzione era concentrata sulla telecamera che si spostava da una mano all’altra. Aveva appena iniziato a pensare a come fosse finita in questa situazione quando la porta iniziò ad aprirsi.

Come tutto cominciò…

Nikki non è mai stata una grande fan di Twitter, ma è stato prima che scoprisse le comunità nascoste che esistevano in bella vista. Sono bastate poche ricerche di parole chiave e i tweet contrassegnati sono apparsi rapidamente. #sottomessa e #dominante aprì la scatola e nelle due settimane successive alzò il coperchio ed esplorò i recessi più oscuri, seguendo una selezione di storie che le piacevano, tutte incentrate sul dominio e la sottomissione.

Le sue tendenze sottomesse sono apparse per la prima volta circa due anni prima. Nikki aveva una relazione con il suo ragazzo Ryan da poco più di un anno. Hanno seguito il solito schema di sesso leggermente imbarazzante quando si sono incontrati per la prima volta, seguito da sesso frenetico quando si sentivano a proprio agio l’uno con l’altro, seguito da sesso più sexy quando si sono messi insieme lentamente, realizzando che questa relazione poteva essere “l’unica”.

Ryan era un fotografo ed è diventato un evento normale per lui scattare foto di Nikki. Per sua stessa ammissione, aveva un corpo attraente. Formosa e, se era assolutamente onesta, qualche chilo in più di quanto avrebbe idealmente portato, ma non si vergognava del suo corpo e le piaceva essere il soggetto del suo lavoro, o la sua musa ispiratrice come amava chiamarla. Quando Ryan le ha chiesto se le sarebbe dispiaciuto se avesse fatto dei nudi di buon gusto, ha accettato senza esitazione e ora si stava godendo il brusio che aveva ogni volta che andava a casa di Ryan per vedere le sue foto sui muri. Non era chiaro dalle foto che Nikki fosse la modella, ma Nikki ha catturato alcuni degli amici maschi di Ryan che la fissavano nelle foto mentre sedevano a cena o si rilassavano al suono della musica nell’appartamento. Nessuno lo ha mai chiesto e né Nikki né Ryan hanno sentito il bisogno di confermare.

Quindi Ryan ha suggerito alcune foto a tema bondage. Niente di troppo pesante, ma una serie di foto è risultata con Nikki mostrata in una varietà di pose, nuda, con i polsi legati e in alcune, al guinzaglio. Quando le foto sono finite, Ryan ha messo giù la fotocamera e si è tolto lentamente i vestiti mentre si avvicinava lentamente a Nikki che era sdraiata sulla schiena con le mani legate sopra la testa e le gambe aperte da un bilanciere, ammanettata alle caviglie.

‘Ehi, lasciami andare’ gridò Nikki mentre si spogliava, ‘non è proprio comodo lo sai’.

Ryan rise e si inginocchiò accanto a lei. “Non ti aspetti seriamente che io perda un’opportunità del genere, vero?” fu la sua risposta quando la sua mano le toccò la coscia e si mosse lentamente verso la sua figa. Nikki si limitò a ridere, non volendo ammettere il fatto che lei voleva disperatamente che lui si approfittasse di lei.

Fu solo quando le dita di Ryan raggiunsero la parte più intima di lei che si rese conto di quanto fosse bagnata. “Wow, ti stai davvero divertendo, vero?” Nikki si limitò ad annuire, cercando di sembrare timida mentre lo faceva.

«Be’, non l’ho mai fatto. Chi avrebbe mai pensato che la mia ragazza orgogliosa e indipendente si trasformi in una cagna quando la lego. Detto ciò, allontanò la mano e schiaffeggiò gentilmente Nikki tra le sue gambe.

Lei gemette, poi incontrò i suoi occhi. “Ancora” fu tutto ciò che disse.

‘Oh no tesoro. Tu sei il sub qui. Decido dopo. Detto questo, si mosse per posizionarsi tra le sue gambe e prendendo in mano il suo cazzo duro come una roccia, iniziò a girare lentamente la testa attorno alle labbra bagnate fradici di Nikki. Non appena le toccò il clitoride, Nikki esplose nell’orgasmo più intenso che avesse mai provato.

Da quel giorno, l’atto di fare l’amore è cambiato, con Ryan che ha assunto un ruolo più dominante. Niente di troppo pesante, ma pur sempre quel tono che dava ordini e che doveva fare come le era stato detto.

Trovare account Twitter a tema D/s è stata una rivelazione per Nikki. Questo gli fece capire quanto fossero stati segreti da quando avevano identificato accidentalmente le loro tendenze sottomesse. Ma le ha anche dato l’opportunità di diventare un po’ più audace. Aveva creato un nuovo account, alluso alla sua natura sottomessa nella biografia e seguito molti account che le piacevano. Alcuni per idee su cose da fare con Ryan, altri perché le piaceva l’idea di ricreare alcune delle foto e altri perché l’hanno appena eccitata. Poi un giorno ha twittato una sua foto.

Nikki era a casa a navigare su Twitter una notte e mancava Ryan. Era fuori per un servizio fotografico di una settimana su un’isola greca, qualcosa a che fare con un sito di recensioni di viaggi con cui voleva lavorare di più. Ha pubblicato una delle sue foto preferite, una bella foto in bianco e nero che la mostra in ginocchio con la faccia per terra e il culo in aria, le braccia legate dietro la schiena. Ha aggiunto la didascalia “Missing my Dom”. Cosa vorresti fare dopo?’ e gli hashtag #submissa e #dominarme.

Il suo account Twitter si è acceso. In un’ora ha ricevuto oltre 100 messaggi e molti nuovi iscritti. Molti messaggi erano maleducati e chiaramente non da qualcuno che aveva avuto una relazione D/s, ma un piccolo numero mostrava i riferimenti giusti e due in particolare lo eccitavano molto. Nikki ha risposto ad entrambi e ha passato il resto della notte a flirtare scandalosamente con due Dom esperti. Ha chiarito all’inizio delle loro conversazioni che era tutto un po’ divertente mentre il suo ragazzo era via ed entrambi hanno deciso di spiegarle esattamente cosa avrebbero fatto con un sottomesso che si fosse messo in quella posizione per loro. . Quando augurò la buona notte al secondo e riattaccò il telefono, si rese improvvisamente conto di quanto fosse bagnato il letto sotto di lei.

È così che sono iniziate le avventure di Nikki su Twitter. A partire da quella notte, ha pubblicato la foto occasionale e scambiato messaggi civettuoli con molti dei suoi follower. Ha detto tutto a Ryan ed era entusiasta dell’impatto che l’account Twitter stava avendo su Nikki. Non solo l’ha incoraggiata a continuare, ma hanno discusso dell’idea che Nikki diventasse una sottolineatura per uno dei Dom che ha inviato il primo giorno. Ciò ha portato a una dinamica completamente nuova in cui a Nikki è stato detto di fare cose dal suo Dom online e ha dovuto twittare a riguardo per aumentare il suo imbarazzo. Sono persino riusciti a sviluppare un ruolo per Ryan, con alcuni dei compiti che richiedono l’invio di prove fotografiche al Dom. Le foto private sono diventate abbastanza esplicite, quelle su Twitter un po’ meno.

Il Dom controllava quell’aspetto della relazione, perché era quello che era diventato, molto abilmente. All’inizio, hanno concordato alcune regole di base, con Nikki che ha stabilito dei limiti su ciò che era disposta a fare. Non ha incluso la nudità nella sua lista di limiti rigorosi e il suo dom ha verificato che fosse d’accordo. L’unica restrizione che ne seguì fu che nessuna delle foto avrebbe mostrato la sua faccia.

All’inizio, ha chiesto una foto di Nikki in piedi davanti a un muro con le mani legate dietro la schiena. Nella sessione successiva, ha chiesto la stessa foto, ma dopo che Ryan lo ha sculacciato; 20 colpi con un cucchiaio di legno. Con il passare delle settimane, le foto sono diventate più esplicite, un frontale con le mani che le coprivano la figa, poi con le mani dietro la schiena, poi gambe divaricate. Alla fine, ha chiesto a Nikki di allargare le gambe e allargare le labbra della figa con le dita, esponendo le sue parti più intime al suo Dom. Ogni volta che facevano un servizio fotografico per il loro Dom, la serata si concludeva con Nikki e Ryan che si godevano le sessioni d’amore più intense, entrambi eccitati dal pensiero di quello che avevano appena fatto.

Poi un giorno è spuntato un messaggio da qualcuno che non conosceva prima. La signorina Kay è arrivata nella tua lista di messaggi. Nikki ci cliccò sopra, un po’ curiosa di aver ricevuto un messaggio da una donna. ‘Volevo solo connettermi al tuo DM e salutarti. Mi piace seguire il viaggio che stai facendo. Stavo parlando con il mio sub (maschio) qualche settimana fa e ci siamo chiesti se sarei mai stata una dominatrice. Devo dire che mi è piaciuto leggere di come sei arrivato al tuo Dom e mi fa pensare che un giorno potrei “giocare” con una ragazza. Prenderesti in considerazione la presentazione a un’altra donna se il tuo regalo lo consentisse?

Il messaggio fece riflettere Nikki. Non aveva mai sperimentato alcuna forma di intimità con un’altra donna e non aveva mai considerato la possibilità. “Forse un giorno” fu il pensiero che le passò brevemente per la mente mentre passava al messaggio successivo.

Più tardi quella notte, Nikki ha mandato un messaggio al suo Dom e ha menzionato la domanda che la signora Kay aveva posto. “Beh, lo faresti?” chiese il suo Dom.

“Per favore, maestro” fu la sua risposta.

‘No bambina, voglio sapere come reagiresti senza pensare a cosa mi aspetterei da te. Se il nostro accordo finisse, saresti tentato di donarti a un’altra donna?

«Vorrei provare il Maestro, sì. Solo per vedere se la dinamica fosse in qualche modo diversa.

“Ti rendi conto che il messaggio di Lady non era necessariamente un invito, vero?” Nikki gli aveva inviato una copia del messaggio per Dom e lui stava studiando chiaramente i dettagli. “La domanda può essere interpretata come generale.”

‘Sì Maestro, lo capisco.’

‘Molto bene. Quindi è quello che farai ragazzo. Rispondi alla signora Kay e guarda come vanno le cose. Se hai l’opportunità di sottometterti a lei e ti senti libero di farlo, diventerai il suo sostituto per un mese. Durante questo tempo, la servirai solo e non avrai mie notizie. Quando il mese è finito, devi contattarmi e dirmi tutto. Assicurati di chiarire questo accordo con la signora Kay in anticipo, tuttavia, non dovrebbe preoccuparsi che il tuo accordo sia permanente. Dopotutto, tu appartieni a me ora, non è vero mio piccolo?

“Sì, maestro” fu tutto ciò che Nikki riuscì a rispondere. Aveva già cominciato a pensare all’enormità di ciò che era appena accaduto. Il suo Dom l’ha prestata a un altro Dominante. ‘Grazie al cielo è solo virtuale’ pensò Nikki.

Ne è seguito uno scambio di messaggi con Mistress Kay ed è diventato subito chiaro che Mistress aveva un accordo simile con un uomo sottomesso online come quello tra Nikki e il suo Dom. La signora Kay ha spiegato che non aveva mai considerato una donna sottomessa prima e non aveva mai fatto nulla che si avvicinasse al regno di descriversi come bisessuale. Ma qualcosa della vulnerabilità e dell’innocenza di Nikki come sottomarino per la prima volta l’ha conquistata. Entrambi accettarono i termini stabiliti da Nikki’s Gift, le regole di base furono concordate e Nikki acconsentì a servire la sua nuova amante.

La prima settimana dell’arrangiamento ha seguito uno schema simile ai primi giorni con Nikki’s Dom dove Nikki ha dovuto inviare una serie di foto. Ma l’obiettivo era molto diverso. Mentre era ovvio da quella prima foto al suo Dom che il risultato finale sarebbe stato Nikki esposta nuda con tutte le sue parti intime esposte, con la sua Padrona è stato molto più sottile. La prima richiesta riguardava una foto del collo di Nikki, poi della caviglia, poi solo del lobo dell’orecchio. A un certo punto, la signora Kay ha commentato la qualità delle foto fornite da Nikki, e gradualmente Nikki si è ritrovata a confessare il coinvolgimento di Ryan, sia con le foto che con il fatto che stavano usando la sottomissione di Nikki per migliorare la propria vita sessuale .

“Beh, questo deve finire”, ha detto la signora Kay. ‘Ora controllo i tuoi orgasmi. Dovrai dire al tuo ragazzo che hai bisogno del mio permesso prima di poter venire. Non mi interessa chi di voi me lo chiede, ma uno di voi dovrà contattarmi. È positivo che siamo nello stesso fuso orario.

‘Non vedo come funzionerà’ pensò Nikki, ‘passando attraverso le vette della passione per chiedere a un perfetto sconosciuto se posso andare fino in fondo.’

«Ora vediamo se riesci a fare quello che ti viene detto. Voglio che tu segua le mie istruzioni con molta attenzione. Il tuo ragazzo è in giro?

‘Sì signora.’

‘Eccellente. Digli di prendere la sua macchina fotografica e di scattare foto per la prossima mezz’ora. Quindi voglio che tu vada nella tua stanza, ti spogli e ti sdrai sul letto, a faccia in giù, a gambe unite. Un braccio al tuo fianco, l’altro tenendo il telefono. Inviami un messaggio quando sei in posizione.

Nikki sentì le farfalle nello stomaco. Era qualcosa di nuovo. C’era pochissima interazione in tempo reale con il suo Dom, in parte a causa dei diversi fusi orari e in parte perché la dinamica riguardava più l’esecuzione di compiti. Era nervosa ed eccitata per quello che la Sig. Kay aveva pianificato.

Nikki portò velocemente Ryan al piano di sopra e quasi corse in camera da letto. Si fermò davanti allo specchio a figura intera e si spogliò lentamente, immaginando di farlo davanti alla sua Padrona. Poi si sdraiò sul letto secondo le istruzioni. Non appena ha premuto invia il messaggio di conferma che era in posizione, Ryan è entrato con la sua telecamera.

La risposta della signorina Kay fu quasi immediata. ‘Metti due dita in bocca e succhia. Quando sono completamente bagnati, voglio che li avvolga delicatamente attorno al capezzolo destro per due minuti. Chiudi gli occhi e immagina che quelle siano le mie dita.

Nikki fece come le era stato ordinato. Era vagamente consapevole di Ryan che si muoveva intorno al letto e scattava foto, ma la sua attenzione era sempre più attratta dal piacere che emanava dal suo capezzolo. Si era indurito in pochi secondi e ogni volta che il suo dito sfiorava il capezzolo eretto, un brivido gli percorreva il corpo. Ha perso la cognizione del tempo ed è stata riportata alla realtà da un ping sul suo telefono. Aprendo gli occhi, lesse il nuovo messaggio.

‘Sono passati quasi 4 minuti, credo ti sia divertito?’

‘Sì signora’.

“Bene, ora ripeti il ​​processo con il capezzolo sinistro”.

Nikki era ancora una volta totalmente assorbita dalle sensazioni che emanavano dal suo capezzolo. Sembrava una questione di secondi quando il ping è tornato.

‘Le dita in bocca ragazza, le voglio belle e bagnate. Questa volta farai scorrere le dita dal collo all’ombelico e poi circolerai l’ombelico per due minuti.

Nikki ha fatto di nuovo come ordinato. Le sue dita si fecero strada fino all’ombelico e iniziarono il movimento circolare che le dava tanto piacere ai capezzoli. Non aveva mai pensato al suo ombelico come a una zona erogena, ma sentiva che ogni parte del suo corpo fosse stata portata a un punto di maggiore consapevolezza dal tempo trascorso a stuzzicarsi i capezzoli. Quando le sue dita affondarono nel suo ombelico e girarono in cerchio, lei emise un debole gemito.

Un altro ping. «È tempo che quelle dita viaggino di nuovo, mia cara. Torna alla tua bocca, per favore. Poi una breve pausa. “Ora voglio che allarghi le gambe. Immagina che io sia sul bordo del tuo letto e che tu mi mostri per la prima volta. Lentamente, con un senso di orgoglio in mostra e nervosismo chiedendomi quale sarà la mia prossima decisione.

Nikki fece di nuovo come le era stato detto, rendendosi conto per la prima volta di quanto fosse bagnata. Lentamente allargò le gambe, portando gradualmente le ginocchia al petto per dare pieno e illimitato accesso alla sua figa.

ping. “Come ci si sente a esporsi a un’altra donna?”

«È così sbagliato eppure sono così legato alla Signora. Faccio le fusa come un gatto seduto davanti a un caldo caminetto in una giornata fredda.

Un altro ping. ‘Un gatto eh. Ti piace essere accarezzato gattino? Rimetti le dita sul suo ombelico e falle scorrere lentamente fino alla sua figa. Ora voglio che apra le labbra con le dita. Voglio essere in grado di vedere dritto nel tuo cuore da gattino.

Nikki iniziò a dimenarsi mentre le sue dita aprivano le sue pieghe. Immaginò la dominatrice che la guardava, immaginando cosa sarebbe successo dopo. La sua mano sinistra lasciò cadere il telefono e le prese il seno, stuzzicandole di nuovo il capezzolo, mentre le dita della mano destra prima allargavano le sue labbra esterne poi scavavano nel centro della sua vagina, allargando le sue labbra interne e accarezzandole completamente aprendosi per lei. Amante.

‘Molto bravo gattino. Ora voglio che le tue dita esplorino le pieghe delle tue labbra. Voglio che immagini che queste siano le mie dita, che ti toccano per la prima volta, che scrutano ogni piega per vedere quali piaceri ci sono dentro. Ti dirò quando fermarti.

Nikki obbedì di nuovo. I suoi gemiti stavano diventando sempre più forti. Con gli occhi chiusi, si stava toccando in un modo che non aveva mai fatto prima. Esplorando ogni parte delle tue labbra e di tanto in tanto immergendoti per accarezzare delicatamente le pareti della sua vagina. Mentre immaginava che fosse la sua Padrona le cui dita erano dentro di lei.

Ogni volta che Nikki si masturbava, iniziava in quel modo, ma rapidamente progrediva verso il suo clitoride mentre il suo bisogno di raggiungere l’orgasmo si intensificava. Ma oggi non le era stato detto di toccarsi il clitoride e tuttavia la sua eccitazione era più grande di qualsiasi cosa avesse mai provato durante i suoi attacchi di piacere. I suoi pensieri sono stati riportati al presente da un altro ping dal suo telefono.

‘Alza le dita al naso del tuo gatto. Senti la tua eccitazione. Quindi torna nella tua figa tesoro e copri quelle dita con i tuoi succhi. Ora voglio che rimetti quelle dita in bocca. Voglio che tu assaggi la puttana disperata che sei diventata.

Nikki fa male essere così eccitato. Pensare a come si era masturbata all’improvviso gli fece capire quanto fosse disperata per lei. Orgasmo. L’odore dei suoi succhi era inebriante e si leccò le dita avidamente, rimettendole nella figa per alcuni secondi, anche se la sua Padrona non disse nulla al riguardo.

Un altro messaggio. «Ricorda la nostra regola d’oro, signorina. Hai bisogno del mio permesso per venire.

“Sì Msitreeds” rispose Nikki, improvvisamente incapace di concentrarsi sulle lettere che stava digitando. “Per favore, posso godermi la signora”.

‘Non ancora gattina, non ho ancora finito con te. Ora voglio che tu ricopra le tue dita con i tuoi succhi ancora una volta. Questa volta voglio che cerchino il tuo clitoride. Bene, lentamente, devi fare un giro cinque volte e fermarti.

Nikki provò un’ondata di sollievo. Il suo orgasmo era a pochi istanti di distanza. Il suo corpo si rilassò mentre infilava le dita nella figa, sapendo che non aveva bisogno di molto lubrificante perché il suo intero cazzo ora era così bagnato che sembrava quasi di essere seduta in una vasca da bagno. Il primo contatto delle sue dita con il suo clitoride fu elettrizzante. Rabbrividì ed emise un urlo, poi iniziò a muovere lentamente le dita, contando fino a cinque mentre tutto il suo corpo tremava. Ha dovuto fermarsi più volte, consapevole di non aver ancora ricevuto il permesso di venire ed era ancora così vicina al suo climax.

‘Lady pllllleas posso venire’ ha digitato quando ha finito di accarezzare.

‘Niente gattino. È tutto per oggi. Benvenuto alla negazione.

‘Mmistrees pleeeaaase’ Nikki gridò ‘Farò qualsiasi cosa. Ppplleaase fammi venire’.

“Qualcosa di gattino?” È una bella promessa che stai facendo. Lo pensi davvero?

“Sì signora, qualsiasi cosa”. Nikki era fuori dal limite su cui stava rotolando, ma era ancora disperata per toccarsi di nuovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *