The Bisexual Submissive Pt. 03 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Questa è l’ultima parte della storia di Nikki… per ora. Posso scrivere un sequel, ma la parte 3 ha lo scopo di concludere la storia iniziale. Quindi voglio ringraziare coloro che mi hanno ispirato a scrivere questo. Il nuovo ingenuo e innocente alla sottomissione è qualcuno che ho incontrato su Twitter. Non è più attiva dopo essersi dimessa per concentrare il suo tempo su suo “papà”, quindi non saprà mai come ha ispirato questa storia. È stato ‘gattino’ che per primo ha alimentato la mia immaginazione con l’idea di una donna Domme e una donna sottomessa. Sono ancora in contatto con l’ispirazione di Nikki: la vera donna non è sottomessa e non ama le ragazze, anche se penso che potrebbe esserci un esibizionista là fuori da qualche parte. Ha fornito lo schizzo fisico e alcune delle caratteristiche dello stile di vita. Sa chi è e le sarò per sempre grata per avermi incoraggiato a scrivere questo. Infine, sì, Mistress è basata su di me e no, non ho mai avuto una donna che mi servisse. E un’altra cosa, la prima menzione di Domme/sub femminile femminile è venuta da un sub maschio che mi ha presentato un po’ di tempo fa – grazie Sam.

=========================================================== ================================================= = ====== ====================================================

Nikki era così disperata di avere un orgasmo. Erano passate quasi tre settimane da quando aveva accettato di dare il controllo dei suoi orgasmi all’amante sconosciuto che le aveva inviato un messaggio tramite Twitter, quasi quattro settimane dall’ultima volta che era arrivata. Da quando il suo ragazzo è entrato in gioco e ha scoperto il suo lato dominante, ha vissuto la sua vita in un continuo stato di eccitazione, spesso sottoposta a compiti volti a stimolarla senza offrire alcuna forma di sfogo. L’accordo doveva concludersi il prossimo fine settimana e Nikki si è aggrappata alla speranza che il suo tempo con la sua amante in carica si sarebbe concluso con un chiaro orgasmo. Ma ora era martedì e il suo tormento mostrava pochi segni di fine.

Nikki ha cercato di concentrarsi sul documento che stava modificando, ma l’uovo vibrante che è stato inserito nella sua vagina è entrato in vigore per la terza volta quella mattina, questa volta al massimo. . Sussultò per lo shock, sorpresa dal fatto che dopo aver usato l’uovo per quasi 10 giorni di fila, fosse ancora sorpresa ogni volta che lui chiamava. L’uovo era controllato dal suo ragazzo Ryan o dal suo amante, non sapeva quale, ed era progettato per mantenerla in un costante stato di eccitazione. Nikki sospettava che Ryan fosse responsabile quando l’uovo si fermò, quindi gettò indietro la testa e iniziò a gemere, Ryan era a portata d’orecchio e determinata a non lasciarla venire.

Nikki si voltò dal tavolo su cui stava lavorando ed entrò in camera da letto. Andò dritta verso una cassettiera vicino alla finestra e tirò fuori delle mutandine pulite. Poi si tolse i pantaloncini e si tolse le mutandine inzuppate dai fianchi. L’uovo è immediatamente scivolato fuori dalla sua figa ed è caduto a terra tra i suoi piedi. Sospirando, lo raccolse e lo rimise a posto prima di mettersi le mutandine pulite e rimettersi nei pantaloncini. Gettò le mutandine bagnate nel cesto della biancheria e tornò nel suo ufficio. È ridicolo, pensò. “Devo indossare le mutandine per tenere fermo l’uovo e devo cambiarle ogni 2-3 ore, sono così bagnata”.

Più tardi quella mattina, Ryan le portò una tazza di tè, appoggiandosi sulla schiena mentre la posava accanto alla sua scrivania. Mentre si tirava indietro, lasciò che la sua mano gli spazzolasse delicatamente i capelli dal collo e gli accarezzasse la pelle sottostante. Nikki sospirò e gettò indietro la testa. Ryan spostò la mano sulla sua spalla destra, poi sollevò la mano sinistra sull’altra spalla prima di iniziare a massaggiarla delicatamente.

“Oh, è meraviglioso,” disse. “Ti piacerebbe questo lavoro a tempo pieno?”

“Per te, qualsiasi cosa”, ha risposto. ‘Hai un minuto?’

‘Certo’ rispose Nikki, ‘purché continui a farlo mentre parli con me’.

“Ricordi che ho detto che stavo preparando una piccola sorpresa per il tuo compleanno?”

“Uh, sì,” disse Nikki. Esitò, ricordando che anche lui aveva detto che era una sorpresa che continuasse con il tema del diniego.

“Beh, questo significa che usciamo domani sera.” Come stai? Verso le 19:30?

“Va bene Ryan, dove andiamo?”

“È la sorpresa”, ha risposto. Lo saprai quando ci arriveremo… più o meno.

‘Beh, sembra un po’ strano’ pensò Nikki, prima di chiedere ‘OK, quindi cosa dovrei indossare?’

“Non è niente di speciale, jeans e una maglietta andranno bene.” Probabilmente porta un cappotto perché non so quanto sia lontano dal parcheggio all’ingresso. Oh, e probabilmente dovremmo fare uno spuntino prima di andare. C’è del cibo, ma non so quando sarà servito.

«Va bene, allora mi assicurerò di essere pronto per la mia sorpresa. Dimmi, posso uscire senza questo maledetto uovo tra le gambe?

“Penso che dato che il giorno dopo è il tuo compleanno, questa volta possiamo fare un’eccezione alle regole della Signora. E mi dispiace che non sia il tuo compleanno, ma non sono riuscito a riceverlo per giovedì. Almeno in questo modo hai la possibilità di fare due festeggiamenti.

‘Sembra buono. Dopotutto, una ragazza non può fare molte feste di compleanno. Nikki aveva già iniziato a chiedersi quale sarebbe stata la sorpresa. Ricorda di aver visto un volantino per un evento teatrale interattivo che era in tournée e in città. Ne aveva parlato con Ryan e lui sembrava interessato. Ciò ha comportato l’invito del pubblico sul palco a partecipare allo spettacolo, che aveva una trama vaga ma era in gran parte improvvisato dagli attori che davano comandi e rispondevano a ciò che il pubblico stava facendo e dicendo. Più ci pensava, più riusciva a vedere come corrispondeva alla sua sottomissione, all’essere esposta e al sentirsi dire cosa fare. E apparentemente c’era del cibo come parte della performance, ma questo potrebbe spiegare perché Ryan non era sicuro dei tempi.

Il giorno successivo, Nikki era pronta e aspettava alla porta poco dopo le 19:20. Sembrava più brava di chiunque altro con le istruzioni “niente di fantasia”, jeans neri attillati e un top turchese che presentava una profonda scollatura, accentuando le sue migliori caratteristiche. Invece di gioielli, Nikki ha optato per un girocollo in tessuto nero attillato intorno al collo. Il look è stato completato con gli stivaletti.

“Stai benissimo, ma non sono sicuro del top. Potrebbe mostrare un po’ troppa scollatura. E il tuo grigio? disse Ryan mentre si univa a lei. Indossava blue jeans e una maglietta rossa con una striscia blu molto sottile. Aveva anche scelto gli stivali e portava uno zaino.

Nikki odiava il top grigio che Ryan aveva suggerito. Continuava a volerlo buttare via, ma ogni volta lo teneva in mano nel caso facessero una nuova decorazione. Era sorpresa che Ryan l’avesse suggerito per una serata fuori, ma dopotutto sapeva dove stavano andando.

“Se insisti, ma non credo che farò girare molte teste usando questo. Cosa c’è nella borsa, piccola? chiese Nikki.

“Oh, ho appena indossato un maglione, ho pensato che sarebbe stata una buona idea dato che non sappiamo esattamente cosa aspettarci.” Ne vuoi mettere uno anche qui?

‘Sì. Ben pensato’. Nikki entrò nella camera da letto, indossò il suo top grigio e tornò con un vello blu che lanciò a Ryan.

‘Andiamo allora. Confortato?’ chiese Ryan.

“Beh, è ​​difficile eccitarsi troppo quando non ho idea di dove stiamo andando”, ha risposto.

“Ma ti ho chiesto se ti saresti fidato di me. Sono sicuro che ti piacerà.

Nikki era già convinto che sarebbero andati a teatro. Ma le sue convinzioni non sono durate a lungo quando Ryan ha puntato l’auto fuori città e ha preso la strada principale verso sud. Le cose sono diventate ancora più oscure quando si è fermato poco prima di un incrocio.

‘Nikki, so di aver detto che ti fidavi di me, ma lo intendo davvero adesso. Una delle condizioni da cui stiamo andando è che non devi sapere dove sei. Quindi ho dovuto accettare di portarlo lì bendato. Si avvicinò al sedile posteriore e raccolse lo zaino, tirando fuori un sottile passamontagna. Lo porse a Nikki e le chiese di indossarlo.

Nikki si attorcigliò il cappuccio tra le mani. aveva un buco per la bocca, ma senza aperture per gli occhi o spazio per il naso. Fissò il suo ragazzo dal cofano senza una parola, l’espressione perplessa sul suo viso diceva tutto.

“Per favore, fidati di me con questo Nikki. So che è un po’ strano, ma penso davvero che ti piacerà.

La mente di Nikki iniziò a correre. Cos’era tutto questo? Dove stavano andando? Perché Ryan non ha dovuto indossare una benda? Aveva così tante domande che non sapeva da dove cominciare e prima che potesse farlo, Ryan tirò fuori dalla borsa degli occhiali da sci.

«E questi, per favore. L’idea è che non sei completamente in grado di vedere e ho provato il cappuccio: puoi vedere le cose. Gli occhiali avevano del cartone inserito al posto del vetro e uno spesso nastro nero che lo teneva in posizione. Non c’era modo di vedere nulla quando erano accesi.

“Beh, le cose che faccio per te. Immagino che se dico di no, invocherai i tuoi diritti come mio Dom per farmi? disse Nikki con un po’ di indignazione nella voce.

– Sì, ecco, ha risposto.

Poi Nikki si è messa il passamontagna e gli occhiali. Se ne andarono e per i successivi 15-20 minuti Nikki cercò di addormentarsi perché non riusciva a vedere dove stavano andando. Alla fine l’auto si è fermata e Ryan ha indicato che erano arrivati. Nikki andò a togliere la benda, ma gli fu subito ordinato di tenerla.

“Dobbiamo entrare prima di eliminarlo. Non preoccuparti, starò al tuo fianco e ti guiderò. Non cadrai e non andrai a sbattere contro nulla”.

Nikki aspettò che Ryan aprisse la portiera, poi scese con cautela dall’auto. Si sentiva vulnerabile perché non poteva vedere di persona e allungò la mano per sentire Ryan. Le afferrò l’avambraccio e la tenne stretta mentre chiudeva la portiera e chiudeva a chiave l’auto. Poi, usando il suo braccio come guida, la condusse verso l’edificio.

Nikki sentì una porta aprirsi e Ryan le passò accanto, presumibilmente varcando la porta prima di condurla dentro. Seguì una breve rampa di scale, con Ryan che dovette trattenere Nikki mentre inciampava sul primo gradino. Poi un’altra porta. Nikki sentì immediatamente il cambiamento nell’ambiente circostante. Il pavimento era di legno, lo poteva dire dal suono dei suoi stivali. Era come se fossero in una stanza grande per l’eco dei loro stivali e faceva un po’ più caldo, come se la stanza fosse riscaldata.

Ryan la condusse in avanti, poi la fermò dopo pochi passi. Afferrò ciascuna delle braccia di Nikki, che erano ancora al suo fianco, prima di tirarla in quella che sembrava una posizione specifica.

“Tutto sarà rivelato presto”, ha detto. “Ora voglio che tu faccia un’altra cosa per me”.

‘OK’ rispose Nikki.

“Alza le mani sopra la testa. Cerca di salire il più in alto possibile.

Nikki ha fatto quello che le era stato detto di fare. L’intera notte è stata inaspettata e un po’ imbarazzante, quindi qual è stata l’ennesima richiesta imbarazzante dal suo ragazzo. Mentre alzava le braccia, la sua mano destra urtò qualcosa sopra di lei. Senza alcun preavviso, all’improvviso sentì Ryan vicino a lei, il suo corpo premuto contro il suo mentre anche lui si allungava, afferrando l’avambraccio di Nikki e agganciandole qualcosa intorno al polso.

– Ehi, cos’è? esclamò. Senza rispondere, Ryan gli afferrò l’altro polso e ripeté il procedimento.

Nikki cercò di abbassare le braccia, ma scoprì che non poteva. Le sue braccia rimasero sopra la sua testa, ogni braccio premuto contro il lato del suo viso ei suoi polsi premuti insieme. Poi sentì che Ryan cominciava a togliersi gli occhiali da sci. Il cappuccio lo seguì presto e Nikki strizzò gli occhi mentre la luce inondava i suoi occhi. Dopo un momento di acclimatamento, ha potuto immergersi nel suo ambiente.

Sembrava essere in quella che sembrava essere una prigione. Le pareti erano tutte di mattoni a vista e l’arredamento, ciò che ne restava, era nero e rosso. Di fronte a lui due poltrone, ai lati di una porta. Le sedie erano sedie con schienale alto vecchio stile con rivestimento in pelle rossa e gambe in legno. Alla sua sinistra c’era quella che riconobbe come una croce tutta nera di San David, e alla sua destra c’era una mensola da cui pendeva una selezione di fruste, frustini e remi. Nikki alzò lo sguardo per vedere i suoi polsi circondati da polsini in velcro, ognuno dei quali sporgeva da un anello che era stato attaccato a una catena di metallo. La catena era stata passata sopra una trave a vista nel soffitto, il che significava che non poteva arrendersi. Guardò di nuovo il suo ragazzo.

‘Cos’è tutto questo allora… signore?’ lei chiese.

“Il tuo regalo, cagnolino. Ho preso in prestito una stanza dei giochi da un mio amico che adora i pesanti servizi fotografici BDSM. Da qui il segreto, non vuole che nessuno sappia dove si trova questo posto poiché viene utilizzato per feste seri nel fine settimana. Faremo la nostra festa BDSM. Ora, prima di tutto, penso che indossi troppi vestiti. Detto ciò, si avvicinò a una delle poltrone e al suo zaino che era sulla panca. Quando si voltò verso Nikki, vide che stava brandendo le forbici. Forbici grandi e robuste.

“Sono così felice di essere riuscito a convincerti a cambiarti il ​​top. Non mi è mai piaciuto”, ha detto, sollevando l’orlo della sua camicetta grigia e allineando le lame delle forbici nel mezzo. parole, ha tagliato rapidamente il tessuto fino a quando le lame non hanno raggiunto il collo della parte superiore. La parte superiore è immediatamente caduta su entrambi i lati del suo corpo, il reggiseno e il contenuto in piena vista. Viene quindi fermato, alla ricerca di qualcosa, prima di uscire e scomparire attraverso una porta di fronte a Nikki.

Nikki ha usato il tempo da sola per riflettere sulla sua situazione. Le piaceva abbastanza l’idea di essere alla sua mercé, ma non era sicura di cosa avesse pianificato. Le frustate e le vendemmie sembravano un po’ serie e il gioco d’impatto non si è mai manifestato nelle ultime settimane di smentita. Ryan è quindi tornato, portando una piccola scala. Lo mise davanti a Nikki, si arrampicò e tagliò dal polsino della sua manica sinistra alla scollatura della sua camicetta, quindi ripeté il processo con la manica destra. Con questi tagli, ciò che restava della cima cadde a terra.

“Spero di avere un nuovo guardaroba per il mio compleanno domani, se è questo che pensi dei miei vestiti attuali”, ha scherzato Nikki, guardando il suo ragazzo.

Ryan non disse nulla, spostando la scala e facendo un passo avanti con le forbici alzate di nuovo. Questa volta le ha tagliato entrambe le cinghie dal reggiseno. Non è successo niente. Il resto del reggiseno era abbastanza aderente da rimanere al suo posto sostenendole il seno. Ryan si spostò dietro Nikki e lei sentì le sue mani sul fermaglio. Improvvisamente il reggiseno si staccò, esponendo i suoi seni all’aria fredda. Nikki rabbrividì leggermente, anche se la stanza era davvero calda.

Poi Ryan lasciò cadere le forbici e slacciò i jeans di Nikki, facendoli scivolare lentamente lungo le sue cosce finché non incontrarono le sue caviglie. Si chinò, si tolse stivali e calzini, poi si tolse i jeans dalle gambe. Si tirò indietro e ammirò la vista della sua ragazza, legata al suo posto con solo le sue mutandine che proteggevano i suoi ultimi brandelli di modestia.

” Ti piace quello che vedi ? gli chiese.

‘Non ho ancora finito’ rispose, prima di scomparire dietro di lei. Nikki si contorse, cercando di guardare oltre la sua spalla ma non riuscì a vedere cosa stesse facendo. Dopo pochi istanti, sentì una mano sulla caviglia, seguita subito da una manette avvolta intorno a lei. Lo stesso processo è stato ripetuto con il secondo piolo. Poi sentì le gambe allargarsi leggermente, oltre una distanza confortevole. Nikki ha cercato di unire le gambe, ma il suo tentativo ha incontrato resistenza. Provò di nuovo con lo stesso risultato, prima di guardare in basso per vedere che una barra di estensione era stata attaccata alle manette a ciascuna caviglia. Poi Ryan riapparve davanti a lei, raccolse le forbici e fece un passo verso di lei. Con il processo di eliminazione Nikki sapeva cosa sarebbe successo e abbastanza sicuro Ryan ha tirato la cintura delle sue mutandine dalla pelle del suo fianco prima di tagliare l’elastico. Ripeté l’azione sull’altro fianco, poi tirò il tessuto in avanti. Nikki sentì il retro delle sue mutandine scivolare sulle sue labbra così com’erano rimossi, lasciandoli attaccati, nudi e aperti.

Ryan è tornato al suo zaino, mettendo via le forbici e tornando con la sua macchina fotografica. Ha scattato una serie di foto di Nikki nella sua situazione difficile, a figura intera e in primo piano, davanti e dietro. Poi è tornato alla sua sedia e si è seduto a guardare le immagini che aveva appena scattato, controllando i livelli di esposizione e l’inquadratura degli scatti.

Nikki rabbrividì. Non sapeva se fosse per la paura o per la leggera brezza che soffiava sulla sua pelle esposta. Guardò la catena che correva dalle manette attorno ai suoi polsi e sopra la trave del soffitto, poi lungo le gambe divaricate vicino alla sbarra che collegava le manette attorno alle sue caviglie. Era stata posizionata in modo da assicurarsi che i suoi piedi toccassero il pavimento di legno per togliere parte del peso dalle manette sui suoi polsi. Non poteva appoggiare la pianta dei piedi per terra, ma non era nemmeno in punta di piedi. Quanto basta per ricordargli costantemente la sua situazione. non che potesse dimenticare facilmente, vista la posizione in cui si trovava e il fatto che era nuda.

Vulnerabile, esposto e indifeso. Il suo sguardo cadde sull’uomo seduto sulla sedia di pelle a sinistra della porta. Non la stava guardando, la sua attenzione era concentrata sulla telecamera che si spostava da una mano all’altra. Aveva appena iniziato a pensare a come fosse finita in questa situazione quando la porta iniziò ad aprirsi.

Nikki ha fatto una doppia ripresa. Come poteva aprirsi la porta quando Ryan era seduto sulla sedia totalmente assorbito dalla sua macchina fotografica e dalle immagini che aveva appena scattato.

Qualcosa non aveva senso. Non c’era modo che potesse coinvolgere qualcun altro nel suo piccolo gioco.Tirò la catena tenendo le mani sopra la testa e muovendo freneticamente le gambe sperando di poter in un modo o nell’altro liberarsi e proteggere la loro modestia. Ma nessuno dei suoi legami cedette. Il panico iniziò a farsi sentire mentre la porta continuava ad aprirsi. Gridò il nome di Ryan a squarciagola, cercando di attirare la sua attenzione nel caso non si fosse reso conto che qualcuno stava entrando nella stanza.

Ryan alzò lo sguardo mentre Nikki urlava. «La porta!» gridò.

“Non preoccuparti piccola puttana, abbiamo un ospite che si unisce a noi per il divertimento ei giochi che stanno per iniziare.”

Il cervello di Nikki non riusciva a calcolare bene ciò che aveva appena detto. Niente aveva senso. Chi diavolo avrebbe potuto invitare Ryan a vederla nuda ed esposta in questo modo. E quali erano i “divertimenti e giochi” a cui si riferiva. Si guardò di nuovo freneticamente intorno alla stanza e il suo sguardo si fissò sulla griglia degli utensili. Qualcuno stava per usarlo in parte o tutto sul proprio corpo? Improvvisamente si rese conto di quanto fosse vulnerabile.

Ma quella non era la sua più grande preoccupazione. Mentre la porta continuava ad aprirsi, Nikki vide l’intruso emergere lentamente. Era una donna che, se Nikki avesse indovinato, aveva tra i 40 ei 50. I suoi corti capelli rossi finivano appena sopra la scollatura. Non si truccava e aveva una figura normale. Anche i suoi vestiti non davano indizi sulla sua identità, vestita in modo molto simile a quello che era stata Nikki 15 minuti prima; stivaletti, jeans e una camicia bianca con sopra un gilet.

Nikki era fuori di sé, si contorceva da una parte all’altra mentre continuava a tirarsi le braccia e le gambe nel vano tentativo di liberarsi.

‘Ryan, cosa sta succedendo? Cos’è quello? Non voglio più farlo. Portami fuori di qui ora! Lei ha urlato.

Ryan la ignorò e la donna misteriosa continuò a camminare verso Nikki. Poi parlò per la prima volta.

‘Il tuo ragazzo non verrà in tuo soccorso adesso gattino. È qui per registrare la nostra piccola avventura per i posteri. Mentre parlava, era immediatamente di fronte a Nikki. Fermandosi a poca distanza, la donna sollevò la mano destra sulla guancia di Nikki e iniziò ad accarezzarla dolcemente con il dorso della mano. Nikki voltò la testa dall’altra parte, il suo cervello cercava freneticamente di elaborare ciò che aveva appena sentito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *