The Bisexual Submissive Pt. 04 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Nikki ha dormito fino a tardi il giorno successivo. Era la mattina presto del suo compleanno quando finalmente arrivarono a casa. Si è assopita mentre tornava a casa solo per essere svegliata dolcemente da Ryan dopo che aveva parcheggiato fuori dal suo appartamento. Chiedendosi dove fosse all’inizio, Nikki ha rapidamente ripensato agli eventi delle ultime ore e alla sorpresa di compleanno che il suo ragazzo aveva preparato. Entrando nell’appartamento e ancora pensando alle cose che la dominatrice aveva fatto al suo corpo, Nikki crollò sul letto e si addormentò in pochi minuti. Si è svegliata e ha trovato un biglietto e una rosa nello spazio dove normalmente trovava il suo ragazzo.

Nikki prese il biglietto e si spostò in una posizione parzialmente reclinata, parzialmente seduta con dei cuscini che la sostenevano in modo che potesse leggere le parole all’interno. Mentre lo faceva, lo sfregamento delle lenzuola sul culo gli ricordava la notte precedente. Un sorriso è apparso sul suo viso mentre leggeva le parole del suo ragazzo:

‘Alla mia fantastica ragazza. Se vi è piaciuto ieri sera, ecco il prossimo capitolo. Se l’hai odiato, mi dispiace e non ne parleremo mai più. Ma non smetti mai di stupirmi. Ti amo così tanto tesoro, goditi il ​​resto del tuo giorno speciale. Con tutto il mio amore, Ryan’.

Posò la mappa sul comodino e si sdraiò sui cuscini, chiudendo gli occhi e lasciando che le immagini della notte prima affondassero nella sua memoria. L’orrore quando la Padrona emerse nella stanza, la sensazione di attesa quando si rese conto di cosa stava per accadere, il dolore delle fruste e dei remi nel suo corpo e il piacere di quel primo orgasmo, la fecero rifiutare fintanto che si strappava . attraverso di essa, corpo contenuto. In termini di regali di compleanno, era sicuramente stato diverso.

Con un tempismo perfetto, Ryan entrò nella stanza portando un vassoio per la colazione. “Beh, ciao, assonnato. Buon compleanno! La colazione è servita’. Posò il vassoio in grembo e lasciò la stanza, tornando poco dopo con altri biglietti di compleanno e regali.

“Grazie, tesoro, ma penso di avere già il miglior regalo di compleanno che abbia mai avuto. Non devi preoccuparti di ieri sera, dopo aver superato lo shock di essere lì. qualcun altro, mi è davvero piaciuto. E sì, non vedo l’ora di fare di nuovo qualcosa del genere.

«Allora dovresti mandare un messaggio alla signora e farglielo sapere. È andata via molto velocemente la scorsa notte dopo che ti sei appisolato sul divano e mi ha chiesto di assicurarmi che tu avessi abbastanza cure oggi. Ma voleva sapere se stavi bene.

Lo farò più tardi”, ha risposto Nikki. “Ora voglio qualcos’altro per il mio compleanno.” Nikki iniziò a fare cenno a Ryan di avvicinarsi a lei. “Immagino che il mio divieto di orgasmo sia finito per ora”?

“Penso di sì”, ha risposto Ryan. “In realtà, dobbiamo sapere dove siamo. Dopotutto, dovresti appartenere alla Signora solo fino a questo fine settimana. Ryan si riferiva al fatto che quando Nikki è entrata per la prima volta nella scena BDSM, si è presentata a un Dom online. Aveva dato a Nikki il permesso di servire la Sig. Kay per un periodo di prova per vedere come Nikki e la sua Mrs. sono andati d’accordo con l’esperienza di una donna al servizio di una donna, una nuova dinamica per entrambi. Ma il periodo di prova era di un mese ed è scaduto in poco più di 24 ore.

‘Oh mio Dio, me ne ero completamente dimenticato’ gridò Nikki. “Mi sono talmente abituato a servire la Signora che ho dimenticato che era solo per un mese.

Ora Ryan era salito sul letto e aveva preso a coppa la testa di Nikki in una delle sue mani, girandola verso di lei. “Hai davvero abbracciato questo stile di vita sottomesso, vero, mia cara?” Forse dovrei negarti di nuovo finché non avrai il tuo prossimo orgasmo.

‘Beh, se è questo che pensi che io meriti… Signore! Ma so che meriti di venire per aggiustarlo ieri sera. Non avevo nemmeno pensato a come doveva averti fatto sentire. Eri entusiasta di vedere la tua ragazza trattata in questo modo? Mentre parlava, Nikki spostò il vassoio, afferrò la cintura dei pantaloncini di Ryan e lo attirò più vicino a lei, prima di iniziare a farle scivolare i pantaloncini ei pantaloni lungo le gambe per liberare il suo cazzo in piena crescita.

“Lo prenderò come un sì”, ha aggiunto Nikki mentre il cazzo di Ryan scattava sull’attenti di fronte a lei.

Nikki si dimenò ancora di più sul letto mentre Ryan si toglieva la maglietta. Aprì le gambe per permettere a Ryan di accedere alla sua figa, le sue labbra mostravano ancora le cicatrici della notte prima. Completamente rasata, le sue labbra erano ben visibili, le labbra leggermente gonfie e arrossate per il fatto che la Padrona aveva messo delle mollette sulla parte più intima del corpo di Nikki. Ryan non aveva bisogno di un secondo invito, rendendosi conto che anche se Nikki era stata privata dell’orgasmo per un mese, non era rimasto dentro di lei così a lungo, i suoi stessi orgasmi provenivano dalle mani sue o di Nikki. . Nikki guardò il suo corpo mentre Ryan si posizionava, valutando il suo ragazzo. Non lo avrebbe mai descritto come alto, ma non era nemmeno basso. Normalmente era nella media il pensiero che saltava nella testa di Nikki. A poco meno di sei pollici e senza circonferenza compensativa, il sesso per Nikki è sempre stato divertente senza essere devastante quando è arrivato il suo tempo con Ryan. E anche se si sentiva eccitata, la prima sensazione quando Ryan è entrato in lei è stata di delusione piuttosto che di eccitazione. Quando Ryan iniziò ad affondare in lei, Nikki si sdraiò e lasciò che i suoi pensieri tornassero alla notte prima.

Altre storie erotiche  Miss Oakley - BDSM - Literotica.com

Completamente persa nei suoi ricordi, Nikki è stata improvvisamente riportata al presente quando si è resa conto che Ryan si stava avvicinando al suo climax. Lei avvolse le sue braccia intorno a lui e usò i suoi muscoli inferiori per spremere il suo cazzo mentre le sue braccia si strinsero intorno al suo petto. Con un gemito, Ryan esplose dentro di lei, anche se la mente di Nikki era piena del poco piacere che aveva ottenuto dal loro accoppiamento. Non era sicura se fosse per una mancanza di sottomissione da parte sua, o se fosse perché la sera prima era stata al centro dell’attenzione di tutti e stava perdendo le luci della ribalta. Ad ogni modo, si chiedeva se il sesso “normale” sarebbe stato di nuovo lo stesso per lei.

Dopo aver abbracciato per un periodo adeguato il suo ex fidanzato, Nikki si è liberata dalle sue mani ed è andata in bagno per pulirsi e fare pipì. Poi ha fatto colazione prima di chiedere a Ryan se poteva prendere in prestito il suo telefono.

“Perché hai bisogno di quella festeggiata?” Chiese.

Perché non ho un numero per te. Tutti i miei contatti con lei sono passati attraverso Twitter e ho pensato che un messaggio di testo sarebbe stato un po’ più personale. Inoltre, se sta bene, la chiamo più tardi.

Ryan gli porse il telefono e Nikki cercò il numero. Così ha composto il suo messaggio:

— Ciao signorina. Grazie mille per ieri sera. Come avrai notato, mi sono davvero divertito. Spero che tu senta che ho fatto un lavoro ragionevole nel servirti al primo tentativo. Non vedo l’ora di servirti di nuovo e di continuare i miei studi. Posso parlarti più tardi? Il tuo gattino. —

Ha ricevuto una risposta circa 15 minuti dopo:

— Sono felice di sapere che ti sei divertito, gattino. So che il tuo ragazzo era preoccupato che ci fossimo spinti troppo oltre, ma sembra che dopo tutto il suo giudizio fosse giusto. Dobbiamo parlare, perché la mia proprietà su di te finirà presto. Perché non mi chiami alle 3:00? Ma assicurati di essere in ginocchio e nudo. Solo perché non stiamo insieme, devi comunque abituarti a essere così quando parli con i tuoi superiori. Grazie per essere stato coraggioso ieri sera. Ci vuole molto perché qualcuno faccia il passo che hai fatto. Tua moglie. —

Nikki si gonfiò di orgoglio mentre leggeva le ultime due frasi. Ha mostrato i messaggi a Ryan, che chiaramente stava lasciando l’appartamento. «Be’, sembra che tu abbia fatto una buona impressione. Devo andare piccola, devo andare a casa per una seduta questo pomeriggio.

“Spero che tu non stia trascorrendo il pomeriggio con una donna nuda”, ha commentato Nikki. Ryan stava cercando di lasciare il segno come fotografo professionista e stava assumendo qualsiasi incarico gli capitasse mentre lavorava per farsi un nome.

“Non aver paura, tesoro. Una coppia di mezza età e il loro cane. Un quadro per la tua parete. Non è tutto sesso ed eccitazione, lo sai. In effetti, con tutto il sesso e l’eccitazione che ho a casa in questi giorni, non sono sicuro di poterlo gestire quando vado al lavoro!

Detto questo, era fuori, lasciando Nikki con due ore da uccidere prima di chiamare la tua signora. Ha passato del tempo a riordinare l’appartamento e a recuperare le sue e-mail di lavoro dopo la sua decadente mattinata. Prima che se ne rendesse conto, erano già le tre ed era entrata nella sua stanza per preparare la sua chiamata con la sua Padrona. Si tolse lentamente i vestiti, immaginando la Padrona in piedi di fronte a lei e facendo del suo meglio per stuzzicarla mentre lentamente si esponeva di più. Così prese il telefono, si inginocchiò davanti alla porta dell’armadio a specchio e aspettò che l’orologio passasse le tre. Con 10 secondi rimanenti, compose il numero.

‘Ciao Kitty. Felice di vedere quanto sei puntuale” furono le prime parole della sua padrona.

‘Grazie signora. Cerco di farti piacere.

“Beh, se è così, gattina, perché non è una videochiamata?” Non è che non ho visto tutte le tue parti intime. Penso anche di averli toccati tutti. O mi hai disobbedito e ti sei tenuto i tuoi vestiti?

“No signora, sono nudo come lei ha ordinato.” Fammi passare a una videochiamata’. Con ciò, entrambi hanno terminato la chiamata vocale e si sono riconnessi. Nikki tenne il telefono il più lontano possibile da lei.

“È meglio gattino, ma penso che tu debba mettere il telefono da qualche parte così posso vederti tutti.”

Nikki fece come le era stato chiesto, appoggiando il telefono contro lo specchio a figura intera davanti a cui era in piedi, prima di tornare alla sua posizione in ginocchio. Ci pensò per un momento, poi si mise le mani dietro la testa, intrecciando le dita e spingendo il petto in avanti.

“Gattino molto bello”, ha detto il suo proprietario. Ma dove sei?’

“Nella mia stanza, signora” fu la risposta.

‘Sei solo a casa?’

Altre storie erotiche  My Journey to Submission Pt. 04

“Sì signora, anche se è un appartamento, non una casa”.

‘VA BENE. Bene, voglio che ti muovi. Sono sicuro che sei abituato a stare nudo nella tua camera da letto. Voglio che ti senta più esposto. Vai nella tua stanza e inginocchiati vicino alla tua finestra.

Nikki fece come le era stato detto ancora una volta, grata che il suo appartamento non fosse stato trascurato e che la finestra avesse una dimensione e una posizione più normali, a differenza delle finestre dal pavimento al soffitto nell’appartamento di Ryan che era già stata costretta a usare. .. togliti i vestiti e balla. prima. Ha posizionato di nuovo il telefono per dare alla sua padrona una visione di tutto il suo corpo.

‘Molto meglio gattino. Ora dimmi, come ti senti dopo la nostra piccola avventura?

“Signora, non mi sono mai sentito così vivo. Più penso a quello che è successo, più voglio rivivere tutto. La combinazione di piacere e dolore, la soddisfazione che ho provato nel farti piacere e la paura di non sapere mai cosa sarebbe successo, sono tutte sensazioni che non ho mai provato prima. E l’orgasmo quando finalmente mi hai permesso di venire. È stato il più intenso che abbia mai provato. Nikki esitò prima di continuare. “Signora, stamattina ho fatto sesso con Ryan e tutto ciò a cui riuscivo a pensare mentre era dentro di me eravate voi e quello che è successo la scorsa notte.”

‘Dio, sembra che ti abbia fatto una buona impressione, vero, gattino? È un peccato doverlo restituire al suo Maestro. Perché anche a me è piaciuta ieri sera. So che è stata una piccola esperienza per entrambi, ma dal mio punto di vista, penso che potrei amare una donna sottomessa tanto quanto i miei uomini.

‘Oh signora, devo tornare dal Maestro? Il fatto che sia diventato fisico e così reale aggiunge molto di più alla dinamica della semplice interazione con lui online. Nikki stava quasi singhiozzando parlando con la sua padrona. Fino a quando non ha detto quelle parole, non si era resa conto di quanto desiderasse che questa nuova relazione continuasse.

“Beh, ti suggerisco di parlare con il tuo Maestro e di spiegare come ti senti, mia cara. Ti aspetta questo fine settimana e non sarebbe giusto che tu lo ignorassi. E di certo non vorrei essere responsabile se le hai voltato le spalle. So quanto mi farebbe male se una delle mie sottomesse mi lasciasse per un’altra Domme senza spiegare perché. Ma se riesci a convincerlo a lasciarti andare, sarò felice di accettarti come mio sottomesso, gattino.

‘Grazie signora. Le mando un messaggio stasera. Posso aiutarla oggi, signora, se è il mio ultimo giorno da sottomessa?

“C’è una cosa nella mia mente, gattina. È qualcosa che hai già detto. Hai un vibratore nel tuo appartamento?

“Sì signora” rispose Nikki.

“Il tuo ragazzo sa che sei qui?”

— Sì, signora, anche se non l’abbiamo mai usato insieme.

‘Molto bene. Corri e prendilo allora, gattina. E faresti meglio a trovare un po’ di lubrificante mentre ci sei.

Nikki balzò in piedi dalla sua posizione inginocchiata e corse nella sua camera da letto, trovando il vibratore nella parte posteriore del suo armadio e afferrando una bottiglia di lubrificante dal suo comodino. Una volta si sarebbe vergognata di tenere il lubrificante in un posto del genere, ma gli eventi recenti avevano resettato i parametri di ciò che la imbarazzava adesso. Tornò in soggiorno e li posò entrambi sul pavimento davanti a sé, riprendendo la sua precedente posizione in ginocchio.

‘Eccellente. Prima hai detto che stavi pensando a me quando Ryan era dentro di te stamattina. Bene, ora penserai a me quando sarà in te. Quindi applica un po’ di lubrificante e mettiti comodo. Voglio vedere come ti diverti e tutto il tempo che fai, quindi voglio che mi immagini con indosso questo vibratore su una cintura. Capisci?’

“Sì signora” rispose Nikki, con un leggero tremito nella voce. Non aveva mai usato un vibratore davanti a nessuno prima. Il fallo color carne era un residuo dei suoi giorni da scapolo, acquistato online una notte in cui si sentiva dispiaciuta per se stessa per essere stata senza un ragazzo per diversi mesi. Lungo circa 7 pollici e con una circonferenza abbastanza ampia, era molto più alto di Ryan. Nikki ricordò la prima volta che l’aveva usata, i sentimenti di autocoscienza erano stati sostituiti dal piacere di essere riempita in modo così sostanziale quanto più a lungo l’aveva cavalcata.

Nikki si è posizionata con la schiena contro il divano, appoggiandosi allo schienale in modo da poter vedere la Signora sullo schermo del suo telefono che era a circa otto piedi davanti a lei, appoggiata al muro appena sotto la finestra. Aprì le gambe dando alla sua padrona una visuale perfetta del suo cazzo già bagnato e afferrò il vibratore.

«Le tue labbra sembrano ancora un po’ doloranti, tesoro. Spero che le talee e la raccolta non ti abbiano causato troppo disagio? La Signora sembrava preoccupata.

‘No signora. C’è un po’ di dolore lì, ma mi ricorda quello che è successo e ogni volta che ci penso mi fa sorridere. Come per dimostrare il suo punto, il viso di Nikki si aprì in un enorme sorriso.

‘Mi fa piacere sentirlo. Perché non fai uno spettacolo per me, gattina? Immagina che ti penetri lentamente con questo vibratore. Apri delicatamente le labbra prima di spingere lentamente nel tuo cuore. Mostrami quanto ti piacerebbe.

Altre storie erotiche  Mistress M - BDSM - Literotica.com

Nikki non aveva bisogno di ulteriori incoraggiamenti. Prese un po’ di lubrificante in mano e iniziò a metterlo sul vibratore, tutto il nervosismo e l’imbarazzo scomparsi mentre pensava solo al piacere che stava per provare e che la sua Padrona l’avrebbe osservata ogni istante. Chiuse momentaneamente gli occhi mentre premeva la punta del vibratore contro le sue labbra, ma poi li riaprì per guardare la sua Padrona mentre il fallo apriva lentamente le sue labbra. Assaporando la sensazione di essere penetrata da qualcosa di più grande di quello a cui era abituata, Nikki ha continuato il lento e sensuale viaggio del fallo fino a quando l’intera testa ha superato le sue labbra interne e si è sistemata all’interno della sua vagina, poi ha iniziato a muoverla dentro e fuori . l’esterno. , strofinandosi le labbra interne e strofinandosi il clitoride alla fine di ogni colpo verso l’alto. Dopo alcuni minuti, un gemito sfuggì alle sue altre labbra.

“Come ti senti gattina?” chiese improvvisamente la sua padrona.

Il sorriso è riapparso sul viso di Nikki quando ha semplicemente risposto: “Mistress squisita”.

«Forse un po’ più a fondo, allora, cagna mia. Nikki spinse e sentì le sue labbra interne cedere ancora una volta, aprendo il suo ingresso più intimo al fallo invadente. Per tutto il tempo, stava fissando dritto davanti a sé, i suoi occhi non osavano lasciare la sua Padrona. Si rese conto che stava iniziando a scuotere i fianchi e strinse il vibratore per un momento, flettendo i muscoli del core mentre gemeva di piacere di nuovo.

La Padrona ha continuato a istruire, spostando il focus del vibratore dalla penetrazione più profonda ai movimenti di carezza sulle sue labbra e senza dimenticare la stimolazione regolare del clitoride di Nikki. LA A un certo punto, a Nikki è stato chiesto di seppellire il vibratore il più in profondità possibile, cosa che ha fatto mentre sentiva i testicoli finti contro la sua vulva. Si chiese quanto ci sarebbe voluto per raggiungere la sua cervice, tremando al pensiero di qualcosa di così grande dentro di lei. Andarono avanti per quasi mezz’ora, Nikki nel disperato tentativo di prolungare l’esperienza e resistere all’orgasmo che sapeva costruire dentro di sé, ma sempre più eccitata dal fatto che la sua Padrona la guardava mentre si masturbava. . Alla fine, si rese conto che si stava rapidamente avvicinando al punto di non ritorno.

‘Padrona, posso venire per favore?’ ha implorato.

“Pensi di meritare di venire, cagna?” era la risposta.

Nikki era troppo lontano per reagire all’essere chiamata stronza. ‘S…sì, signora’ disse, cercando disperatamente di contenersi.

“Perché è una puttana?”

«Perché ho fatto tutto quello che mi avete chiesto, signora.

“E contatterai il tuo Maestro più tardi?”

‘Sì signora’.

‘Così puoi divertirti’. Prima che le parole uscissero dalla bocca di Lady Nikki, lei gridò e si lasciò sopraffare dall’orgasmo. Ha rallentato i colpi con il vibratore e gradualmente ha lasciato passare l’orgasmo. Poi lasciò cadere il vibratore e scivolò fuori dalla sua figa bagnata fradicia, cadendo tra le sue gambe.

“Grazie signora,” ansimò.

“Ora c’è un’altra cosa che voglio che tu faccia per me, cagna.”

“Qualsiasi cosa, signora”, ha risposto. Questa volta, Nikki ha reagito chiamandosi troia. Cominciò a obiettare, ma poi ci pensò su. Dopotutto, si era appena divertita davanti a un’altra donna tramite videochiamata. Dopotutto, l’ha resa una puttana. Una cagna sottomessa, pensò ridendo.

‘Oh, stai attento a dire quel gattino, non hai idea di cosa potrei avere in mente per te. Non fare mai promesse che potresti non essere preparato a mantenere. Le parole della Signora sconvolsero Nikki. In meno di un mese, ha costruito un incredibile livello di fiducia con questa donna che non molto tempo fa era una perfetta sconosciuta. Qui, era nuda davanti a lei senza sapere se la Padrona avesse registrato la chiamata. E francamente, non le importava. L’orgasmo era stato intenso quasi quanto la notte precedente ed era servito a rafforzare i sentimenti di sottomissione di Nikki a quella donna incredibile.

‘Ora voglio che prendi questo vibratore e voglio che lo succhi. Portalo alla bocca e assapora la tua eccitazione mentre lo fai.

Nikki era un po’ sorpreso. Una domanda gli saltò in testa; perché la sua padrona gli ha chiesto di fare questo? Ma appena arrivata, Nikki stava già formulando la sua risposta. Io sono la sua sottomessa e lei mi sta mettendo alla prova. Nikki prese il vibratore e aprì la bocca. Quando il fallo si avvicinò alle sue labbra, il profumo della sua eccitazione le colpì le narici, cosa che fece fermare Nikki per un momento. Con un respiro profondo, continuò, allargando le mascelle per accogliere il vibratore che le passò tra le labbra e cominciò a riempirle la bocca. Mentre si avvicinava all’apertura della sua gola, Nikki si fermò di nuovo. Aveva fatto un pompino a Ryan diverse volte nella loro relazione, ma non era qualcosa che le piaceva davvero, anche se la taglia di Ryan era molto meno difficile di quel dildo. Non ha mai avuto bisogno di prendere il suo cazzo in gola e ha iniziato a preoccuparsi se sarebbe stata in grado di spingere ulteriormente il vibratore quando la sua padrona ha parlato di nuovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *