The Bisexual Submissive Pt. 06 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Nikki si svegliò con il sole che strisciava lungo i bordi delle tende. Si sentiva disorientata, trovandolo strano dal momento che normalmente il sole non brillava attraverso la finestra della sua camera da letto. Quando i suoi occhi si adattarono al suo stato di veglia, si rese conto che quella non era la sua camera da letto. Un improvviso panico si diffuse, prima che si ricordasse di essere in un hotel, che condivideva una stanza e ora un letto con la sua Padrona. Era il termine giusto? Tua moglie? Questo fine settimana è stato il giudizio finale prima che ciascuno dovesse decidere se erano compatibili e voleva impegnarsi per l’accordo in erba. Quello che era iniziato come un po’ di innocuo divertimento online ha rapidamente preso una svolta seria quando è diventato evidente che il dominante e il sottomesso vivevano a solo mezz’ora di distanza. Ma dopo il loro primo incontro faccia a faccia, Nikki si rese conto che le sue tendenze remissive nascoste, una volta scatenate, non sarebbero mai state facilmente reimbottigliate. E sembrava che la Mistress fosse stata presa dall’idea di una donna sottomessa dopo i suoi anni con i sottomarini tutti maschi.

Mentre era sdraiata a guardare fuori dalla finestra, i pensieri di Nikki si volsero al suo ragazzo e all’altra complicazione dell’intricata ragnatela che era stata tessuta prima delle sue speranze per il futuro. Perché prima di incontrare la sua Padrona, Nikki ha servito un Dom online e il prezzo che ha chiesto a Nikki per essere libera di servire la sua Padrona era la sottomissione del suo ragazzo. Peggio ancora, se Ryan avesse saltato un mese di servizio, la proprietà di Nikki sarebbe tornata al Dom e lei avrebbe dovuto interrompere il suo servizio con la Mistress. Nikki si era già resa conto che il codice di condotta tra i dominanti era forte e che non c’era modo che la sua padrona potesse andarci contro se fosse successo.

Scacciando quei pensieri dalla sua mente, Nikki rotolò sulla schiena. Aveva ancora due giorni di processo davanti a sé, ripensando alla notte prima e in preda al panico al ricordo di tutto ciò che era successo quel venerdì sera. Quando le coperte caddero sul suo corpo, servirono a ricordare a Nikki la sua nudità. La sua Padrona le ha chiesto di rimanere nuda in presenza della Dominante e Nikki non ha pensato di togliere il pigiama dalla borsa la sera prima, anche quando la Padrona era vestita per andare a letto.

Nikki lanciò un’occhiata alla sua sinistra e guardò la forma della sua Padrona, anche lei sdraiata sulla schiena, il petto che si alzava e si abbassava al ritmo del respiro. L’ha fatto davvero? Hai condiviso il letto con un’altra donna? Ha riso del concetto. Condividere un letto implicava così tanta attività sessuale quando in realtà la notte precedente era stata piena di sesso e il letto aveva semplicemente fornito un sostegno e una gradita opportunità per ricaricarsi per il secondo giorno. Mentre la mente di Nikki si riempiva di ricordi di ciò che aveva fatto meno di 24 ore prima, sentì il bisogno di muovere la mano tra le gambe e toccarsi. Ma non le era permesso toccare senza permesso, e il suo crescente senso del dovere di sottomessa le impediva di fare qualsiasi mossa in quella direzione. I pensieri hanno anche riportato il ricordo della sua figa che frustava nella sua coscienza e con essa, il dolore doloroso nelle sue parti più intime. La crema lenitiva applicata dalla sua Padrona aveva aiutato, ma le sue labbra continuavano a pulsare e tutto il suo inguine era ferito dalla punizione che aveva ricevuto.

Invece di compiacersi di nascosto, decise di prendere l’iniziativa. Da quando era arrivata in albergo il pomeriggio precedente, Nikki era stata guidata in ogni azione dalla sua Padrona. Lanciando un’occhiata all’orologio vicino al letto e decidendo che era abbastanza tardi, Nikki scivolò fuori dal letto e si avviò silenziosamente verso il lato occupato dal suo top. Poi sollevò delicatamente le coperte dall’angolo inferiore dell’enorme letto e iniziò a strisciare, sotto le coperte, verso la sua Padrona. Sentì il trambusto travolgente e continuò il suo viaggio, sollevando leggermente la schiena per sollevare le coperte e rendere un po’ più facile raggiungere la destinazione prevista. Posizionandosi direttamente tra le gambe della sua Dominante, sentì il Maestro muoversi un po’ e non volendo perdere completamente l’elemento sorpresa, abbassò la bocca all’inguine del suo Padrone, soddisfatta che il vestito fosse tirato su e scoprisse il suo sesso del vostro Maestro. . Il primo tocco di Nikki quel giorno fu quando le sue labbra sfiorarono le labbra della dominante. La sua lingua lo seguì rapidamente, facendosi strada delicatamente nella sua vagina ignara e iniziando immediatamente un viaggio alla ricerca del suo clitoride.

‘Mmmmm, è un buon modo per iniziare la giornata, mia cara,’ sentì, un po’ attutita dalle coperte. Poi sentì che le coperte venivano tirate indietro e si abbassò in una posizione più comoda mentre si sistemava per dare alla sua Padrona l’attenzione che meritava. Dopo alcuni minuti, ha sentito una leggera pressione quando la dominante ha messo le mani sulla parte posteriore del collo del sottomarino e Nikki ha capito che la sua padrona era soddisfatta dell’iniziativa del sottomarino.

Dopo che la Padrona ha raggiunto l’orgasmo, Nikki ha appoggiato la testa sulla coscia della Dominante, i succhi le si asciugavano sul viso e l’odore dell’eccitazione della sua Padrona nelle sue narici. Non c’era alcun pensiero o aspettativa di un orgasmo per se stessa, quella non era la mentalità di una sottomessa. Il piacere che aveva tratto dall’atto che aveva appena compiuto era una ricompensa sufficiente, e la vicinanza che sentiva con la sua dominante in quel momento servì a rafforzare ulteriormente i suoi sentimenti di sottomissione.

“Potresti aprire le tende, mia cara”, disse infine la Padrona. Fu piacevolmente sorpresa che Nikki avesse preso l’iniziativa. Sebbene la dominante fosse una persona molto sicura di sé, addestrare un’altra donna nel ruolo della sottomessa è stata un’esperienza nuova per lei ed è stata attenta a non spingere troppo, troppo presto. Il fatto che Nikki sembrasse abbracciare pienamente le sue tendenze lesbiche non solo l’ha incoraggiata a fare l’allenamento che aveva programmato, ma ha anche suscitato sentimenti simili dalla Dominante.

Nikki fece come le era stato detto, tirando le tende e lasciando solo la rete di garza del pudore tra lei e il mondo esterno. Ha intuito che erano circa le 8 del mattino, troppo presto per aprire uno qualsiasi dei punti vendita sotto di loro. C’erano, tuttavia, persone che allungavano le gambe intorno alla piccola fontana d’acqua che si trovava tra i bar e i caffè.

“Aspetta gattino”, ordinò la Padrona. Con l’allenamento di ieri ancora fresco nella sua mente, Nikki ha subito adottato la posizione di sottomissione, una delle due che aveva praticato il giorno prima. Alzando le mani e mettendole dietro la testa, allargò le gambe alla larghezza delle spalle e si piegò leggermente in vita, spingendo indietro le spalle per mostrare il seno.

“Adesso fai qualche passo più vicino alla finestra, per favore.” I due passi avvicinarono Nikki alla rete di garza. Lanciò un’occhiata all’hotel di fronte a loro dall’altra parte dello sviluppo e notò che alcune stanze avevano le tende aperte. Vedeva le persone attraverso le sue finestre, anche se era troppo lontana per distinguere le facce. Mentre guardava, Nikki pensò al numero di volte in cui le persone nelle stanze d’albergo tiravano le tende indipendentemente dal loro stato di abbigliamento. L’hotel dall’altra parte della strada non aveva reti di garza, il che significava che le due persone su cui si stava concentrando ora avevano letteralmente aperto una finestra sul mondo. In uno c’era una donna, il suo reggiseno nero e le mutandine chiaramente definite contro la sua carnagione molto più chiara. Nell’altro, quella che sembrava una forma maschile molto atletica con un asciugamano bianco avvolto intorno alla vita. Nikki provò un senso di sollievo dal fatto che la garza le avesse fornito una certa protezione dalla sua continua mancanza di vestiti.

Persa nei suoi pensieri, Nikki sentì improvvisamente la sua Padrona dietro di sé. Prima che avesse il tempo di reagire, la Padrona le passò accanto e afferrò la corda attaccata alla garza. Mentre tirava, l’amaca fu rimossa e Nikki si rese conto che presto sarebbe stata completamente esposta al mondo esterno. Si è meravigliata che meno di 24 ore fa sarebbe andata nel panico e tuttavia è rimasta nella posizione, il corpo esposto, a suo agio con il pensiero che questo fosse ciò che voleva fare il suo top.

“Un altro passo avanti, mia cara.” Nikki obbedisce, immediatamente.

Adesso era quasi sopra la finestra e poteva vedere chiaramente le persone che volteggiavano a livello del suolo. Il che significava che potevano vederla. Quando iniziò a chiedersi cosa avesse in mente il suo top, notò due uomini di mezza età che parlavano, ognuno fumando una sigaretta. Improvvisamente, uno di loro alzò lo sguardo e diede una gomitata al suo compagno. Entrambi si voltarono verso l’hotel e ora stavano guardando fuori dalla finestra dell’ultimo piano. Era stata chiaramente vista da questi due estranei. Eppure, non ha ancora fatto nulla per coprire la sua modestia, aspettando di vedere se il tuo dominante ha detto qualcosa. Invece la Padrona fece un passo dietro a Nikki e, avvicinando il viso al collo della giovane donna, cominciò a parlare a bassa voce.

“Oggi imparerai che sono io a decidere chi può approfittare del tuo corpo, mia cara. Sottomettendoti a me, hai accettato che controllo il tuo corpo. Decido chi lo vede, chi lo tocca e chi può usarlo. Non ti metterò mai in pericolo e non abuserò mai di questo controllo per trarne vantaggio. Ma se vuoi essere il mio sottomesso, dovrai accettare di non godere più dell’intimità che le persone “normali” possono aspettarsi. Il fatto che tu non abbia fatto alcuno sforzo per coprire la tua nudità mi incoraggia, ragazzo. Ma ci sono test molto più severi in arrivo oggi. Non ti biasimerò se decidi che oggi è un passo troppo grande. Se è così, dimmelo.

‘Sì signora. Farò del mio meglio per farti piacere. Nikki non sapeva cosa aspettarsi, ma era determinata a fare tutto il possibile.

‘Molto bene. Puoi allontanarti dalla finestra. Nikki obbedì, girandosi verso il letto e facendo qualche passo. La sua Padrona le camminava davanti, verso la sedia e il comodino posti tra il letto e gli armadi.

“Nadu gattino”, disse la Signora. Nikki ha risposto alla seconda delle posizioni che ha imparato mettendosi in ginocchio, allargando le gambe e mettendo le mani sulle cosce.

‘Ho solo bisogno di trovare qualcosa…’ Mentre la Signora parlava, prese una delle sue valigie dall’armadio e la posò sul letto. Dopo alcuni istanti, si voltò verso il tavolino laterale e piantò saldamente un vibratore al centro. Poi si sedette sulla sedia, l’orlo della camicia da notte che le risaliva le cosce.

“Voglio che tu faccia uno spettacolo per me, mia cara, mentre ti dico cosa ha in serbo per noi oggi. Ti ho visto farlo davanti alla telecamera, ora voglio vederlo dal vivo.

“Sì signora,” rispose Nikki. Si alzò e si avvicinò al tavolo, guardando il vibratore e pensando con sorpresa che era di dimensioni piuttosto modeste. Era quasi delusa dal fatto che la sua Padrona non avesse provato a metterla alla prova con qualcosa di più grande.

‘Hai bisogno di lubrificante mia cara?’

“Sì, per favore signora” è stata la risposta. Tornata alla borsa, la Padrona ne prese un po’, passandola alla sottomessa. Un po’ imbarazzata, Nikki ne spruzzò una generosa quantità nel palmo della mano e iniziò a strofinare la lunghezza del vibratore. Soddisfatta di aver fatto abbastanza, prese un’altra piccola quantità e iniziò a strofinarsi delicatamente la figa. Al tocco, rabbrividì.

“Fa ancora male, ragazzo?” chiese la signora

«Sì, signora, ma non così male come temevo. »

“Buono a sentirti,” disse la Signora, sembrando sinceramente compiaciuta.

“Ora quando sarai pronto, voglio che inizi a darti amore mio e ti dirò cosa ho programmato per te oggi.”

Nikki guardò la sua padrona mentre parlava. Ora era abituata a essere nuda in presenza della sua dominante e aveva già regalato alla sua padrona tre orgasmi orali nelle ultime 24 ore, ma Nikki si sentiva ancora imbarazzata nell’aspettarsi di compiere un atto sessuale così apertamente su di lei, anche di fronte a lui. suo. Amante. L’ultima volta, quando è stata costretta a fare qualcosa di simile comodamente dal suo soggiorno, l’anonimato di esibirsi davanti a una telecamera invece che a una persona reale ha reso il compito molto più semplice. Questa volta, si sentì arrossire mentre metteva la punta del suo cazzo tra le sue labbra e si chinava su di lui.

“Fai pipì fino in fondo”, disse la Padrona mentre guardava il vibratore scomparire all’interno del sottomarino. Quando le labbra gonfie e maltrattate di Nikki toccarono il piano del tavolo, la Padrona continuò.

“Dopo la colazione, che stavo pensando di fare qui, ho prenotato per te una sessione di spa. Devi scendere alle 10:30 e chiedere di vedere Angelica. Mi è stato detto che starai lì per circa due ore. Quando torni voglio vedere i vestiti che hai portato stasera, se non sono d’accordo dovremo andare a fare la spesa.

Nikki era abbastanza soddisfatta di quello che aveva sentito fino a quel momento. Una sessione alla spa e uno shopping sfrenato sono stati piacevoli e rilassanti. Quando divenne un po’ più rilassata alla prospettiva di ciò che la giornata aveva in serbo per lei, si concentrò maggiormente sul fallo e iniziò a godersi la sensazione. Sporgendosi in avanti, si assicurava che ogni penetrazione includesse una certa pressione sul clitoride.

Si rese conto che la sua Padrona aveva smesso di parlare. Alzando lo sguardo, guardò negli occhi del Dominante. Poi si è resa conto che la padrona si stava accarezzando guardando il sub scopare il vibratore. Soddisfatta di aver fornito l’intrattenimento, ha aumentato la velocità dei suoi squat.

“Così veniamo a questa notte, mia cara”, riprese la Signora. «Andiamo a cena stasera. Ti porto a conoscere dei miei vecchi amici. Carissimi amici che conosco da oltre 20 anni. Mangeremo in un ristorante esclusivo non lontano da qui, dove hanno un ottimo chef e sale private. Noi sei saremo trattati per un pasto superbo, quindi sarai l’intrattenimento per il resto della notte.

Nikki interruppe le sue spinte. Ha sentito bene? Guardando ancora una volta la sua Padrona, vide un bagliore negli occhi della Dominante.

«L’hai sentito, ragazzo. Questi amici sono persone molto impegnate. Una coppia, un dirigente di sesso maschile in una grande azienda IT e la donna a capo di un ente di beneficenza nazionale. A tutti piace giocare con i miei sub quando siamo tutti locali allo stesso tempo. Inutile dire che mi fido di tutti loro implicitamente. Ospitiamo questa cena da settimane e quando ho parlato loro di te, tutti erano entusiasti di conoscerti.

Nikki ancora non capiva. Senza interrompere il ritmo delle sue spinte, fece la domanda che le turbinava nella testa. “Signora, quando dice che sono l’intrattenimento, cosa dovrei fare?”

“Ora qualunque cosa ti dicano, mia cara. Sto dando loro tutti gli stessi poteri di controllo su di te che amo. Sarai il suo giocattolo per la notte. Qualunque cosa ti venga chiesto di fare, lo farai. Senza domande o esitazione. Ho detto che sarebbe stata una prova. Questa sarà la prova più grande che dovrai affrontare, mia cara. Sei disposta a donarti incondizionatamente a un gruppo di estranei perché hai detto che è quello che dovresti fare?

Nikki era scioccato. Da quello che le aveva detto la sua Padrona poco prima, quando era nuda davanti alla finestra, si aspettava qualcosa, ma non questo. Forse qualcun altro è invitato nella tua stanza. Nikki ha anche considerato brevemente l’idea che Sally, una dipendente dell’hotel che aveva incontrato il giorno prima, che aveva ammesso di avere una serie di sottomissioni, fosse coinvolta. Ma mai nei suoi sogni più sfrenati aveva considerato come un pezzo di carne l’idea di essere passata a un gruppo di perfetti sconosciuti.

Si rese conto di aver smesso di usare il vibratore e guardò di nuovo negli occhi il suo top.

‘Sei scioccato ragazzo. Posso dire. Tieni il vibratore, ho altro da dirti. Nikki riprese i suoi movimenti, assicurandosi ancora una volta che ogni squat esercitasse pressione sul suo clitoride. «Dato che è la tua prima volta, sarò lì, ragazzo. Tutti saranno informati dei tuoi limiti e tutti rispetteranno la tua parola d’ordine. Infatti, per stasera, ne avremo due. Uno significa che mi sto avvicinando al mio limite, ma per ora andrò avanti, e l’altro significa fermarmi. Capisci?’

“Sì, signora”, rispose il sottomesso.

‘Molto bene. Come ho detto, è una prova. Non è quello che devi fare bene la prima volta. Conosco sub come l’idea di presentarti a estranei. Altri lo trovano più difficile, preferendo la vicinanza della loro relazione alla loro dominante. al coinvolgimento degli altri. Ma devi capire, gattina, che mi piace mettere in mostra la mia proprietà. Soprattutto per i miei amici.

Nikki non sapeva cosa dire. Ha continuato con il vibratore pensando di più a ciò che ci si aspettava da lei. Sembrava che si aspettassero tutti di fare sesso con lei. Ma cos’altro farebbero. I suoi pensieri erano attratti da alcune delle cose che aveva visto su Twitter da quando aveva esplorato le sue tendenze sottomesse. E mi è venuta in mente un’immagine. I due uomini la prendono contemporaneamente, uno nella sua figa e uno in bocca. sputare. Nikki cercò di immaginare come sarebbe stato. Non aveva mai considerato l’idea nelle sue fantasie più sfrenate. Ma ora la sua crescente sottomissione significava che lei lo vedeva in un contesto diverso. Era qualcosa che la sua Padrona si aspettava da lei e quindi qualcosa che avrebbe accettato. Le era venuta l’idea di fare tutto per la sua Padrona. Era solo un’estensione di quello.

Se fosse il pensiero di cosa sarebbe successo quella notte o il battito costante del vibratore che le invadeva la figa, non ne era sicura, ma Nikki si rese improvvisamente conto di essere vicina all’orgasmo.

“Signora, posso avere il permesso di venire, per favore?” chiese educatamente, lo sguardo sulla sua Padrona che continuava anche a stimolarla.

‘No gattino, non puoi. Voglio che smetta di fare quello che stai facendo. La sottomessa obbedì immediatamente, le labbra della figa appoggiate sul tavolo e il cazzo dentro di lei. “Ora voglio che ti ficchi questa piccola cosa su per il culo, tesoro.”

‘Amante?’ La singola parola che forma una domanda.

– Mi hai sentito piccolo. Dirò loro che il tuo culo è off limits stasera, ma devi pensare che in notti come questa, fornisci loro un corpo con cui giocare e tre buchi per farli scopare. La sottomissione porta con sé alcuni momenti meravigliosamente teneri, ma anche situazioni in cui l’unico obiettivo è soddisfare i desideri sessuali grezzi di qualcuno, che sia il tuo dominante o il tuo procuratore scelto. Stanotte è l’ultima. Sarai un sex toy che verrà utilizzato fino a quando tutti saranno soddisfatti. Ma ora iniziamo il tuo allenamento per i glutei. Quando avremo finito, ti sentirai a tuo agio nell’offrire il tuo culo alla tua parte superiore mentre aprirai le gambe e offri la tua figa. Capisci mia cara?

«Penso che andremo un po’ più veloci del previsto, signora. Niki ha risposto

‘Quale piccola parte? Il programma di stasera o il tuo allenamento per il culo?

«Le due Madame. In un certo senso mi aspettavo la cosa con il mio culo, ma questa è la parte che mi rende più nervoso. Incontrare estranei ed essere il loro sex toy, non ci avevo nemmeno pensato e ad essere sincero, mi spaventa. Nikki era chiaramente agitato.

“Vorresti la parola sicura gattino?” chiese la Signora, la sua voce suggeriva che c’era spazio per la trattativa.

– Non ancora, signora. Non sto dicendo di no a farmi penetrare il culo, è solo che non è qualcosa che ho fatto prima e temo che farà male. Ma capisco anche che il mio ruolo è farti piacere e che questo è più importante del mio piacere. Se vuoi usare il mio culo, allora devo imparare ad accettarlo. Nikki parlava dal profondo del suo cuore e sperava che la sua padrona capisse. “L’incontro di stasera è diverso. Ho bisogno di più tempo per pensarci. Spero non le dispiaccia signora?

‘Va bene ragazzo. Analizziamolo un po’. Cominciamo con il tuo culo. Se vai in bagno e guardi nell’armadio sotto il lavandino, troverai un piccolo kit per il clistere. Perché non vai a pulire? Allora possiamo iniziare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *