The Curse of the Slutty Fetish Maid – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

La maledizione della cameriera fetish troia

Di John Bannergram

Lauren ha dato un’ultima occhiata allo specchio prima di andare alla festa.

accidenti ho caldolei ha pensato.

Ogni anno, Lauren ha usato Halloween come scusa per accendere la sua sensualità, ma secondo lei, questa volta ha superato se stessa. Non c’era niente di nuovo nel travestirsi da cameriera francese sexy per Halloween. Ma Lauren aveva fatto tutto. Il costume era realizzato in lucido lattice bianco e nero. La sua generosa scollatura era in mostra; il vestito della cameriera era così scollato che i suoi seni sembravano sul punto di spuntare fuori da un momento all’altro. Era anche incredibilmente corto e, insieme ai tacchi alti neri, aiutava a mettere in mostra le sue lunghe gambe avvolte in calzini di lattice neri. Lauren era senza mutandine; se si fosse chinata per raccogliere una moneta, chiunque avrebbe avuto un’ottima visuale della sua figa rasata, incorniciata dalle balze bianche della sua sottoveste. Un cappellino da cameriera incoronava i suoi lunghi capelli neri. Lauren ha aggiunto il tocco finale: un colletto a balze bianco e nero. Quando se lo strinse intorno alla gola, fu felicissima di vedere quanto fosse sexy e sottomesso. C’era un campanello sul colletto che richiedeva attenzione.

In breve, Lauren si concesse una piccola fantasia, di essere una brava sottomessa a disposizione del suo padrone.

Lauren sorrise al suo riflesso e si inchinò.

” Si signore ! Come posso accontentarti?

Sarebbe stata una bella serata.

Quando Lauren è arrivata, la festa era in pieno svolgimento. In realtà era un’intera settimana prima di Halloween, ma il posto ha sicuramente creato l’atmosfera. Annie, la loro hostess, faceva sempre di tutto per Halloween. Quest’anno ha affittato una vecchia casa inquietante che avrebbe dovuto essere infestata dai fantasmi.

“Wow, Annie, questo posto è perfetto.”

“Grazie Lauren, ho avuto la fortuna di poter affittare l’Abernathy Hall a causa della grande richiesta per Halloween. Adoro il tuo costume, comunque. Tutti i ragazzi ti stanno guardando!”

Lorenzo sorride. “Grazie, sono stato felice di andarmene prima che Patty tornasse a casa.”

“La tua coinquilina?” So che litighi tutto il tempo. »

“Sì, se questa non è una cosa, è un’altra.”

Determinata a cambiare argomento, Lauren ha chiesto della storia della casa.

“Quindi questo posto è infestato dai fantasmi, eh?” Chi è il fantasma?

Annie scoppiò a ridere. “Non lo sapevi? Ho dedotto dal tuo costume che ne avessi sentito parlare. Presumibilmente c’era una cameriera sexy che viveva qui come domestica. Una notte di Halloween, è morta di piacere per essersi mossa troppo.

“Cosa? Te lo stai inventando!”

“No, lo giuro, questa è la storia! Comunque, da allora, deve aver infestato il posto.” Annie ha continuato con una voce ingannevolmente inquietante: “E se dici Maid Mary tre volte davanti a uno specchio a mezzanotte, il suo fantasma apparirà! OOOOOHHH!”

Lauren si scusò e iniziò a camminare per la stanza. Non potrebbe essere più felice. Il suo vestito era anche meglio di quanto pensasse! È stato un perfetto ringraziamento alla leggenda, anche se non lo intendeva in quel modo.

Lauren era sicuramente il centro della festa. I ragazzi non potevano fare a meno di fissarla con desiderio non mascherato, e le donne la guardavano gelosamente. Una volta, si chinò per aggiustarsi una scarpa e sentì un sospiro da qualcuno dietro di lei che la guardava.

Finalmente, festa o no, la natura chiama. Lauren salì le scale stereotipate e rumorose del bagno, oltrepassò i dipinti ugualmente stereotipati e minacciosi e si occupò dei suoi affari. Dopo aver finito, si guardò allo specchio del bagno e sorrise. Abbassò lo sguardo e vide un piccolo orologio sul lavandino.

11:59.

Era quasi mezzanotte. Lauren ripensò alla storia che le aveva raccontato Annie.

Cos’è Halloween senza una piccola evocazione di fantasmi?

12:00.

Lauren si guardò allo specchio e parlò.

Signorina Maria! Signorina Maria! Signorina Maria!

Qualsiasi cosa. Lauren si sentiva chiaramente stupida.

“Oh beh, valeva la pena provare.”

Guardò il suo trucco ancora una volta allo specchio.

“Ehi, come sei entrato qui?” Lauren ha visto un’altra ragazza dietro di lei allo specchio, e anche lei indossava un costume da cameriera! Una delle mani della ragazza era sepolta sotto il suo vestito e lei si stava chiaramente divertendo.

Lauren tirò su col naso. “Una ragazza non può avere privacy?” E comunque, il tuo costume da cameriera non è buono come il mio.

Si voltò per affrontare l’intruso.

Non c’era nessuno lì!

Porca puttana. Si guardò allo specchio, per vedere Maid Mary ancora lì, con l’aria sconvolta.

“Come osi prendermi in giro a casa mia!”

“Uh, io uh—” Lauren era senza parole. Ha evocato un vero fantasma, e anche uno rabbioso!

Gli occhi di Mary brillavano minacciosi.

“Ascolta la mia maledizione. Come sei, lo sarai!”

Prima che Lauren potesse dire una parola, il fantasma nello specchio andò in fumo e scomparve.

Lauren non sapeva cosa farne.

“Sono stato maledetto da una cameriera fantasma arrapata?”

Come sei, così sarai.

Cosa significava? Come stai? Cos’era?

Una cameriera sexy. Improvvisamente, a Lauren è venuta un’idea. Era stata maledetta per essere una domestica.

È ridicolopensò Laurent. Sono ancora io. Ho ancora un lavoro di rappresentante di vendita non domestico. Sto affittando un semiappartamento, che io e la mia coinquilina siamo molto permissivi riguardo alle pulizie. Tutto quello che devo fare per smettere di fare la cameriera è togliermi questo costume sciocco e dare a tutti alla festa uno spettacolo gratis.

Lauren sorrise a quel pensiero. Afferrò la parte superiore del suo costume per mostrare i suoi seni allo specchio e tirò. Qualsiasi cosa. Il top è rimasto. deve essere bloccato, lei ha pensato. Lauren ha cercato di tirare la maglietta molto più forte ma ancora una volta non è successo nulla tranne le sue tette che rimbalzavano oscenamente.

Lauren si chiuse la cerniera del vestito, ma le sue dita non riuscirono a trovarlo. Confusa, si voltò e si guardò allo specchio da sopra la spalla. Non c’era la cerniera!

In preda al panico, Lauren iniziò a tirare in diverse parti del costume. Il cappellino, i calzini, le scarpe, niente si muoveva. Tutto era incollato al suo corpo. Scosse il colletto, ma questo le si appiccicò al collo, il suono della campanella derideva la sua lotta. Lauren era venuta alla festa con un costume sexy. Ora il costume la possedeva.

Devo uscire di qui e scoprirlo.pensò Laurent. Inventerò le mie scuse e me ne andrò.

È andata giù. Improvvisamente l’attenzione della folla non è stata gradita. Lauren indossava lo stesso costume, ma non era più una scelta. Ora era stata smascherata, che le piacesse o no.

Lauren si diresse verso la porta. Ma prima che potesse raggiungerlo, fu intercettata.

“Ehi bambola, adoro il vestito!”

Oh merda. Brad, di tutte le persone.

Lauren non sopportava Brad, era il più grande stronzo immaginabile. La guardò da capo a piedi e con un sorriso disse: “Ehi, bene, mostrami la tua figa!”

Come se, pensò Laurent. Ma con suo grande sgomento, le sue mani hanno afferrato e sollevato il suo vestito, esponendosi a Brad e molti altri partecipanti alla festa.

Mortificata, ha rapidamente tirato giù il vestito, ma non abbastanza in fretta da impedire a Brad di scattare una foto da mostrare ai suoi amici. Lauren fugge senza aggiungere altro. Non capiva cosa fosse appena successo.

Lauren è andata nell’atrio e si è scusata con l’ospite.

“Scusa Annie, devo andare, è successo qualcosa.”

Annie si accigliò. “Oh, che ne dici di te? Illumini davvero la festa. Forza, resta e resta in giro ancora per qualche ora!”

Mentre Annie andava a parlare con qualcun altro, Lauren si diresse verso la porta principale, ansiosa di andarsene. Ma con sua sorpresa, non poteva andarsene! Ogni volta che ci provava varcando la porta, si ritroverebbe a voltarsi e a camminare nella direzione opposta.

Che diavolo? pensò Laurent. Che cosa mi sta succedendo? Perché mi sto comportando in modo così strano?

Cameriera, resta ancora qualche ora.

Poi l’ha colpita. Sia Brad che Annie l’hanno definita “brava” e le hanno detto di fare qualcosa.

Le cameriere sono obbedienti.

Come sei, così sarai.

“Oh mio Dio,” sussurrò Lauren piano. Deve far parte della maledizione. Era brutto. Chiunque alla festa poteva farle fare quello che voleva, e lei non poteva farci niente.

A Lauren è stato ordinato di rimanere altre due ore e non ha avuto altra scelta che obbedire. La camera da letto era diventata la sua prigione, la fantasia il suo carceriere. Ha cercato di evitare il più possibile di parlare con le persone, per timore che le chiedessero di fare qualcosa. Il costume sexy e la campanella cigolante intorno al collo significavano che era impossibile non farsi notare.

In qualche modo il suo linguaggio del corpo era diverso. Lauren ha trovato impossibile fare una mossa che non fosse sexy. Ogni passo che faceva le faceva ondeggiare i fianchi e il seno in modo invitante, e il suono del campanello richiedeva attenzione. C’era una leggera corrente d’aria che solleticava la sua figa nuda, ricordando continuamente che nulla impediva a nessuno degli ospiti di sottometterla a loro.

Il tempo è passato lentamente. Ma alla fine le due ore sono finite. Lauren praticamente si precipitò attraverso la porta prima che qualcuno potesse dirle una parola.

Non appena è tornata a casa, Lauren ha provato di nuovo a togliersi il costume, senza più successo di prima. Ha pensato brevemente di provare a contattare qualcuno per chiedere aiuto, ma cosa avrebbe detto? “Agente, arresta la strana signora fantasma, mi ha intrappolato in una fantasia perversa”?

Lauren ha deciso di dormire un po’. Al mattino, quando si era riposato un po’, poteva pensare a qualcosa.

la prossima mattina

Lauren stava facendo colazione la mattina dopo quando la sua coinquilina è entrata in cucina per un caffè, ancora con un aspetto affascinante dopo una lunga notte di festa. Patty la guardò con impazienza. Lauren lo temeva.

“Wow. Non sei una brava, dolce e sottomessa ragazza. Sto solo aspettando che qualcuno dia ordini. Perché non ti sei cambiato i vestiti?”

Lauren ha cercato di schivare la domanda. ” Non è niente. Dentro c’è una specie di colla e devo rimuoverla. Vuoi la colazione?

“Non cercare di cambiare argomento.”

Poi Patty ha detto la cosa peggiore che avrebbe potuto dire.

“Non cercare di nascondermi nulla, bene!”

Era un ordine e la fantasia lo costringeva a parlare. Le parole sono venute fuori non importa quanto duramente Lauren abbia cercato di fermarle. Ha raccontato tutta la storia a Patty. A proposito di essere bloccato nella tuta. Su come consentirebbe alle persone di controllarla. Per un minuto, Patty rimase in silenzio.

“È la cosa più strana che abbia mai sentito. Non so se ci credo. Ma l’importante è che tu ci creda.” Patty sorrise come uno squalo. Si alzò in piedi e afferrò Lauren per il bavero. “E ti rende mia.”

Lauren si contorse nel vano tentativo di liberarsi. “Patty, non ti vedo così. Mi dispiace, ma…”

Patty lo interruppe a metà frase. “Non mi chiamerai più Patty. I nomi sono uguali e tu non sei il mio uguale. Cameriera, d’ora in poi mi chiamerai amante.”

Sì, signora!” disse Lauren a bassa voce.

“Cameriera, mettiti in ginocchio!”

Senza una parola, Lauren cadde a terra, il campanello sul colletto che tintinnava dolcemente con il movimento. Patty abbassò la gonna per rivelare il suo clitoride.

Pat sorride. “Donna delle pulizie, ci saranno dei cambiamenti da queste parti. Spero che la tua lingua sia pronta…”

Patty ha passato l’intero weekend divertendosi a ordinare Lauren. I sentimenti di Lauren a riguardo erano… complicati. Da un lato, Patty non le è mai piaciuta molto, e non voleva essere la sua cameriera e di certo non voleva essere permanentemente bloccata come la sua cameriera sexy. D’altra parte, tutta questa situazione era… interessante.

Lauren si è trovata sempre più eccitata dalla propria sottomissione. Tutto l’ha riportata a quello. Anche pulire il pavimento è diventato un atto sessuale, poiché era costantemente consapevole di esserlo Finito strofinandolo dal suo padrone. Si è ritrovata a trasformare tutto in un piccolo spettacolo, dimenando il culo mentre si strofinava a quattro zampe. Ogni “Oui Madame” e “No Madame” portava eccitazione. Il fatto che non le piacesse Patty era irrilevante; la sottomissione era dove c’era l’emozione. Lauren si chiese se la sua erezione fosse parte della maledizione. Avrebbe senso, data l’eccentricità del fantasma.

Finalmente il fine settimana è finito. Era una fresca e limpida mattina di ottobre e Lauren era piena di terrore. Era una giornata di lavoro, ed era ancora bloccata vestita da brava feticista. La sua prima idea è stata quella di indossare qualcosa sopra il costume. Ma il fantasma ci aveva pensato. Quando Lauren ha provato a indossare un maglione, è stato immediatamente annullato, lasciandola tornare al punto di partenza.

Mentre guardava i vestiti nel suo armadio, sentì Patty entrare dietro di lei. Lauren rabbrividì in silenzio. Si chiese cosa avrebbe fatto dopo Patty.

“Ciao, piccola cameriera. Eccitata per il tuo ultimo giorno di lavoro?”

Lauren era così immersa nei suoi pensieri che ci volle un momento prima che la domanda venisse presa in considerazione. “Cosa? Il mio ultimo giorno? Non mi farai davvero lasciare il lavoro, vero?”

Patty rise. “No, non devo Io faccio ti arrendi. Sii onesto con te stesso. Hai smesso prima che ti licenzino. Non ti terranno in ufficio come fai tu. A meno che non decidano di degradarti a idiota, ovviamente!”

Laurent rabbrividì. Poteva immaginarlo adesso. Ho bisogno di rilassarmi. Cameriera, piegati. Era un pensiero orribile. Allora perché l’ha resa così bagnata? Dannazione Maid Mary e la sua bizzarra fantasia!

“Sii onesto. L’unico lavoro che stai trovando in questo momento è la mia puttana domestica. Non hai molte altre opzioni di carriera!” Fare avere idee su come la ti arrenderai…”

In ufficio

Lauren percorse il corridoio fino all’ufficio del capo. Il suo tentativo di evitare di attirare l’attenzione è stato un completo fallimento. Ogni volta che varcava la porta di qualcuno, il campanello sul colletto lo avvisava, facendogli alzare lo sguardo e vedendo passare l’eccentrica cameriera. Ted, con cui stava lottando per una promozione, sorrise e guardò la sua scollatura. Mentre Lauren le passava accanto, poteva sentire i suoi occhi abbassarsi sulle sue natiche che facevano capolino da sotto le balze della sua uniforme corta.

Alla fine è arrivata dal signor Rothman’s. La fissò, sbalordito. Laurent trasse un profondo respiro. Potrebbe anche farla finita. Patty gli aveva dato ordini su cosa dire e fare.

“Uh, signor Rothman, signore?” Lauren non stava parlando della parte “signore”, ma in qualche modo sembrava giusta.

“Sì Lauren? Cosa sta succedendo ? il suo capo sembrava confuso. Lauren non poteva biasimarlo. Non capitava tutti i giorni che uno dei suoi migliori rappresentanti di vendita si presentasse vestito come una cameriera fetish.

“Io, uh… sono giunto alla conclusione che sono una stupida puttana che ha bisogno di sentirsi dire cosa fare. Quindi ho deciso di smettere per poter servire la mia coinquilina come domestica e giocattolo sessuale. personale.”

Il signor Rothman sembrava che qualcuno lo avesse colpito con una mazza da baseball. Stava chiaramente cercando di tenere gli occhi fissi sul viso di Lauren, ma continuavano a scivolare sul suo seno. Lottò per pensare a qualcosa da dire che sarebbe stato appropriato per il lavoro.

“Beh Lauren, mi dispiacerà perderti. Uh, c’era qualcos’altro?”

Lauren fece il giro del tavolo. “Sì signore. Penso che mi aiuterebbe davvero a insegnarmi il mio posto se mi desse un buona sculacciata.”

Si è messa in ginocchio. Per un momento, si limitò a fissare la cameriera vestita di lattice, con il vestito sollevato e il culo nudo sollevato in modo invitante. Il signor Rothman ha sempre agito professionalmente sul lavoro. Ma ognuno ha i suoi limiti. Ha iniziato a picchiarla.

Tra il dolore e l’umiliazione, Lauren provò qualcosa che non si aspettava: la lussuria. Essere picchiata nell’ufficio dove un tempo era stata rispettata e ora era uno zimbello ha sollevato sentimenti che non voleva ammettere. Sono appena diventati sempre più forti. Rothman la sculacciava ripetutamente con una mano mentre l’altra la teneva ferma, lasciandola nient’altro da fare che contorcersi.

Tienilo sotto controllo. Non venire. Non davanti al tuo capo e all’intero ufficio, lei ha pensato. Lottò, perdendo più controllo a ogni schiaffo sul culo, a ogni pensiero della sua impotenza. Alla fine, con uno schiaffo finale, venne, ad alta voce.

Lauren si alzò, ancora tremante. Abbassò lo sguardo per evitare di incontrare gli occhi del suo ex capo.

“Grazie Signore.”

“Prego, e buona fortuna. Penso che farai sicuramente un lavoro che ti si addice di più.”

“Uh, grazie signore.” Lauren fece un breve inchino e lasciò l’ufficio per sempre. Poteva sentire gli occhi di tutti su di lei. Tutti lo avevano sentito. Ma mescolato ai suoi sentimenti di vergogna, c’era qualcos’altro… piacere.

Posso essere una cagna, ma sono una brava cagna.

Il nuovo normale

Di ritorno all’appartamento, Patty ha trascinato tutta la sua storia, l’orgasmo e tutto il resto.

Lei rise. “Il tuo capo aveva ragione. Sei una puttana arrapata. Ecco per cosa sei fatta.”

Lauren si spostò da un piede all’altro. “Sì signora.” Non poteva negarlo dopo essersi divertita a essere stata arrestata e picchiata dal suo capo.

Patty sollevò il vestito di Lauren e si chinò per esaminarlo. “Wow, sei davvero bagnato laggiù… stai praticamente gocciolando.” Va bene, mettiti in ginocchio.

Patty la guardò.

“Ho delle regole per te. Sei troppo stupido e indifeso per farlo da solo, quindi prendo in mano la situazione.”

“Ma io… sì, signora.”

andrà malepensò Laurent.

“Uh. Bene, non puoi mai lasciare l’appartamento. Tu appartieni a casa, mi stai aspettando piedi e pugni.”

“Ma signora, a volte dovrò uscire…”

“Non essere stupido. Immagina di essere solo e qualcuno ti ha dato l’ordine sbagliato.”

Lauren non poteva discutere. Riusciva a malapena a sopravvivere da sola quando qualcuno poteva farle fare qualsiasi cosa.

“Due. Cameriera, non parlare con i tuoi superiori a meno che non parlino con te.”

Lauren cercò di protestare, ma le sue labbra non si aprirono. Era come se fossero stati incollati insieme. Tutto quello che poteva fare era emettere patetici rumori da mmh attraverso la sua bocca chiusa, cosa che Patty trovava molto divertente.

“Tre. Bene, non puoi possedere denaro o proprietà. Tutto ciò che possiedi, come il tuo conto in banca e la tua macchina, me lo passi. Una puttana come te non può assumersi la responsabilità.”

Lauren si sentiva insensibile. In un giorno ha perso il lavoro, è stata confinata in un piccolo appartamento per tutta la sua vita e ha perso le sue cose e la sua capacità di esprimere la sua opinione.

Patty abbassò lo sguardo e gli rivolse un sorriso crudele. “Penso che sia tutto. Vedo che ti stai divertendo, bene.”

Lauren si rese conto, con imbarazzo, di essersi mossa davanti a Patty per tutto il tempo. Quando l’umiliazione la spinse oltre il limite, venne, le sue grida intrappolate dietro le sue labbra ancora sigillate.

Ci sono voluti i prossimi giorni prima che Lauren si rendesse conto di quanto la tenessero in trappola le nuove regole. Patty controllava ogni aspetto della sua vita. Lauren era una schiava, intrappolata nell’appartamento senza soldi o beni propri. I suoi ordini non gli permettevano di prendere soldi per le mance; Quando è arrivato il fattorino della pizza, Lauren ha dovuto semplicemente tirarsi su il vestito e dargli uno spettacolo, che secondo lei era un ragionevole compromesso.

Quando qualcuno veniva nell’appartamento, Lauren non poteva dire nulla finché non le parlavano, il che significava che dominavano sempre la conversazione. L’abito da cameriera che indossava impediva a chiunque di prenderla sul serio. Le persone hanno sviluppato la tendenza a usare parole piccole e parlare con lei. Qualsiasi tentativo di mostrare la sua intelligenza la faceva solo ridere.

Lauren continuava a pensare a quanto fosse grave la sua situazione. Ma qualcuno a quanto pare si è dimenticato di dirle il clitoride. Più veniva umiliata, più si eccitava.

“La canzone doveva essere Wet MAID Pussy. Questo costume mi fa andare avanti 24 ore su 24, 7 giorni su 7”, mormorò Lauren sottovoce mentre si puliva. L’appartamento adesso era immacolato, ma Patty continuava a pulirlo. Patty adorava guardarla, e la verità era che a Lauren piaceva essere osservata. Ogni volta che qualcuno veniva a casa per vedere Patty, Lauren dava sempre spettacolo, sporgendosi per mostrare le sue tette mentre versava il caffè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *