The Last Lagharis Pt. 04 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Samar non si è mai considerato un uomo di principio. Al contrario, la sua principale virtù era la flessibilità. È cresciuto coltivando il terreno paludoso delle pendici meridionali delle montagne, nel caldo soffocante della giungla. Ora viveva nelle steppe, dove in inverno si poteva sputare per terra e congelare prima di atterrare. Era stato educato nelle tradizioni dell’onore e della rettitudine degli uomini e della devozione e della deferenza delle donne. Ora prendeva ordini da una donna che vedeva gli uomini come servi. E gli fu insegnato a non uccidere mai, se non per difendere il suo onore. Ora il capitano Misha Laghari stava accumulando così tante armi che sembrava che anche la sua piccola tribù avrebbe infranto quel tabù. Ma Samar si sarebbe adattato come al solito.

L’unica cosa che non avrebbe mai compromesso era la sua dignità. Che stia cercando di estrarre patate dolci dal terreno, contrattare sul prezzo di una mensa o scavare un sentiero attraverso uno spietato passo di montagna, ha sempre tenuto la testa alta.

E ora Samar dovette ricorrere a questa posizione quando Shiro, un bandito magro e sfregiato che si era unito alla tribù qualche mese fa, lo sfidò.

“Andiamo,” disse Shiro, “ho sentito Miriam dirmi che avevi detto che potevi abbattere qualsiasi uomo. Penso che stavi solo parlando ad alta voce.”

“Non lo ero”, ha detto Samar. “Non ho mai incontrato un uomo che non potessi fermare”. Non appena lo disse, scattò. Era, a rigor di termini, vero; ogni uomo che aveva incontrato lo aveva sconfitto in un combattimento almeno una volta. Ma suonava come…

“Sembra che pensi di essere invincibile.” Shiro fletté i muscoli e sulle sue braccia apparvero creste e depressioni. “Ma non penso.”

Non si poteva tornare indietro adesso. Si tolse la giacca con un giro delle spalle. “Va bene Shiro, vediamo chi è il miglior combattente.”

“Non così in fretta”, disse Shiro.

“Cosa? Hai cambiato idea?”

“Servono scommesse”.

“La posta in gioco è l’onore. Adesso togliti la giacca e combattiamo.”

Samar ha preso la parola, perché c’era una folla. Uomini e donne emersero dalle loro yurte e si alzarono dai loro fuochi per guardare. Anche i cavalli sembravano guardare.

“Se vinco”, disse Shiro, “voglio che tu vada dal capitano e gli dica che sei la sua puttana”.

“Shiro, ti abbiamo già seguito.”

“Non è quello che ho detto. Viene dalle montagne dove gli uomini sono solo giocattoli di merda. Voglio che tu sia il suo giocattolo di merda.” Sorride selvaggiamente. “Per una settimana.”

Samar si guardò intorno. Abbastanza sicuro, il capitano Laghari era lì in mezzo alla folla, una figura strana e distante. Essendo una donna di montagna, era bassa, il naso alto quanto la spalla di un uomo comune, e i suoi occhi non erano rotondi come i suoi, ma obliqui verso l’interno. Uno spesso berretto di pelliccia appuntito gli copriva la sommità della testa e una tunica copriva tutto, dal mento agli stivali pesanti e alle mani guantate che erano inghiottite da ampie maniche in stile uomo delle pianure. Tutto quello che si vedeva di lei era il suo viso, che era impenetrabile: freddo, pensieroso e annoiato. Non ha sollevato obiezioni alla sfida di Shiro.

“Accetto questa scommessa”, ha detto Samar, “a una condizione. Se vinco, ti inginocchi e me lo succhi”.

Gli uomini sono diventati pallidi. Le donne risero e derisero. Samar era molto tentato di guardare il Capitano Laghari e vedere cosa pensava di lui, ma sapeva che la sua postura era per spettacolo, e un bravo showman non ha mai guardato il pubblico per ottenere l’approvazione.

Alla fine, Shiro si tolse la giacca. Samar si aspettava che Shiro facesse un discorso, o almeno si piegasse e si allungasse. Invece, ha attaccato Samar.

Hanno colpito il suolo con Samar sotto, e il colpo ha inviato un dolore lancinante alla parte posteriore della sua testa. Ma poi l’ondata di conflitto assalì Samar, e il dolore svanì; sentiva e non sentiva allo stesso tempo.

L’istinto combattivo di Samar si è attivato immediatamente e ha cercato di afferrare le braccia di Shiro, bloccandole e bloccandolo a terra. Ma fin dall’inizio qualcosa non andava. Shiro vide arrivare i suoi artigli e tirò fuori le braccia prima che Samar potesse afferrarlo. L’unica volta che Samar mise una mano intorno al braccio dell’uomo magro, Shiro gli strattonò il pollice, liberandosi dalla presa di una mano.

Shiro non ha fatto quasi nulla per intrappolare Samar, ma Samar si è reso conto che stava perdendo comunque, perché Shiro aveva una gamba avvolta intorno a lui, e Samar era troppo impegnato a cercare di sconfiggere le mani di Shiro per fare qualcosa al riguardo. Tuttavia, Samar ha vinto con una velocità travolgente, non lasciando mai respirare il suo avversario, ma Shiro era così evasivo che non ha funzionato.

Samar fece un tentativo disperato ea metà si rese conto che non avrebbe funzionato. Shiro lo capovolse, si arrampicò sulla schiena e spinse giù i quattro arti di Samar. Fu arrestato inerme.

«Mi arrendo», mormorò Samar. “Mi arrendo!”

Shiro si alzò, ridendo follemente. Fletté le braccia e la folla applaudì.

“Alzati, perdente! Shiro ringhiò, mentre afferrava Samar per la nuca e lo costringeva ad alzarsi in piedi. Puntò la mano di lato. “Ora vai a gattonare a Laghari!”

Samar guardò dove stava indicando Shiro e vide la tenda riccamente decorata del capitano Laghari, ma non il capitano stesso. Guardò dappertutto e non riuscì a trovarla. Arrossì. Il capitano non si degnò nemmeno di assistere al resto della loro lotta! Ma non ha espresso il suo dispiacere ad alta voce. Invece, si avvicinò al barile per l’irrigazione.

“Lei è così, codarda!” gridò Shiro.

Samar lo rimproverò e disse: “Sono coperto di fango. Anche tu. Non ho intenzione di insultarti presentandomi come sono”.

Il processo di balneazione ha richiesto molto tempo e Samar ha impiegato ancora più tempo per cercare di capire cosa fare. La dignità era sempre stata l’unica cosa che aveva cercato di mantenere, e ora la sua dignità stava per essere calpestata nel fango, proprio come lo era stato il suo corpo. Vestiti puliti sarebbero un buon inizio. Un corpo pulito andrebbe oltre. Ma oltre a ciò, la sua immaginazione ha fallito. Poi assunse la sua faccia arrabbiata, uscì dallo stabilimento balneare ed entrò nella tenda del capitano Laghari.

Lei lo ha trovato per prima. Emergendo da dietro un cavallo e una cucina all’aperto, avanzò per il suo cammino. I suoi vestiti erano gli stessi di prima, ma il suo viso si era un po’ scongelato. Vide l’inizio di un sorriso sulla sua piccola bocca. Non riusciva a decidere se fosse un buon presagio o un cattivo presagio.

“Allora,” disse incrociando le braccia, “tu sei l’uomo che mi ha promesso in caso avesse perso la scommessa. E Chaarumathi mi ha detto che hai davvero perso.”

“Esattamente, Capitano.”

Un sopracciglio si sollevò e la sua voce divenne ironica. “È opportuno inginocchiarsi”.

Samar esitò il meno possibile e si inginocchiò. Inclinò la testa in modo da poterla vedere solo in ginocchio. “Sono un uomo di parola, quindi mi impegno a te, capitano Misha Laghari, come tuo schiavo personale per i prossimi sette giorni.”

I disordini nel campo si erano calmati. Tutti in vista guardarono Samar chinarsi. Stava lottando per mantenere la sua faccia ferma.

Il sorriso che Samar aveva visto doveva essere reale, poiché il capitano parlava con gioia nella voce. “Sei del sud, vero?”

“Sì capitano.”

“Non sei abituato a inginocchiarti per le donne, vero?”

“Sono un uomo adattabile, capitano.”

“Vedremo.”

Le sue gambe si stavano muovendo e Samar pensò che stesse tornando alla sua tenda. Ciò significava che doveva seguirlo. Cominciò ad alzarsi.

«Non ti ho dato il permesso di alzarti», disse piano Laghari.

Cadde in ginocchio, mortificato.

Passò un altro momento, poi: “Puoi alzarti, schiavo. E seguimi”.

Mentre la seguiva alla tenda, si rifiutò di guardare gli altri uomini. Invece, guardò con determinazione la sommità della testa, che era all’altezza degli occhi. Sapeva che altri uomini lo stavano osservando, deridendo la sua castrazione. E sapeva che rifiutandosi di incontrare i loro occhi, non ingannava nessuno. Era stato declassato allo stato di trofeo di guerra e tutti lo sapevano. Ma questo non significava che dovesse ammetterlo.

La tenda di comando era inconfondibile, drappeggiato con strisce colorate e volute di tessuto tinto. All’interno sembrava una tenda qualsiasi, ma più di tutto. Più spazio, più pelli e più merci e provviste da trasportare. E più occupanti del previsto da Samar.

L’ufficiale del capitano, Chaarumathi, si inginocchiò a gambe incrociate davanti al fuoco. Samar era stupita di quanto fosse giovane. Aveva sempre saputo che non era una vecchia, ma ora pensava che lo fosse, non ne avevo visti nemmeno venti. Tuttavia, sembrava la tozza seconda parte. Ora aveva un sorriso selvaggio come una ragazza lussuriosa che sta per fare sesso per la prima volta. Le venne in mente che avrebbe potuto fare proprio questo.

“È bello”, ha detto.

“Lo è,” disse il capitano. “Sai che sei bella, schiava?

“Io faccio.”

“Te l’ha detto tua madre?”

Sentì una vampata di calore. ” No ! altri. Me l’hanno detto altre donne. Si calmò un po’ e aggiunse: “Capitano”.

“Nella sua posizione, non mi chiami ‘Capitano’. Mi chiami ‘Signora’.” Indicò Chaarumathi. “Lo stesso vale per lei.”

C’è stata una pausa. Le donne lo guardarono con impazienza.

“Sì signora,” disse.

“Come ti chiami, schiavo? »

“Mi chiamo Samar.”

“Samar, sai cucinare? »

“Sì. Ho sempre cucinato per me quando ero di corsa.”

“C’è cucina casalinga e c’è cucina casalinga. Cos’altro hai fatto?”

“Cucina da campo.” Ha aggiunto “Signora”.

“Oh, capisco.” Il suo tono era in parte compassione e in parte pazienza.

Samar intuì che pensava che lui stesse cucinando per lei, ma poi decise che le sue capacità non ne valevano la pena. Il suo rossore si fece più caldo.

“La cena sarà servita presto.” Ha prodotto due ciotole di ceramica decorate. Aveva già visto queste ciotole, all’ora dei pasti, ma mai così vicino. “Quando vai, prenditi una ciotola e due per noi. Fino ad allora, sei libero.”

Si chiese se doveva ringraziarli prima di alzarsi. Notò un sorriso malizioso sul volto del capitano e disse burbero: “Grazie, signora”, prima di partire. La parola “amante” suonava ancora strana sulla sua lingua.

Fuori dalla tenda, ha evitato lo sguardo di tutti, ma le voci stavano già volando. Era tutto ciò che poteva fare per non voltarsi e ringhiare contro di loro per essersi goduti la loro umiliazione.

Quando arrivò la cena, i cuochi suonarono il campanello e tutti si rannicchiarono insieme e si precipitarono a riempire per primi le loro ciotole, con l’aspetto di un branco di animali pelosi nei loro folti cappotti. Era uno sciame, ma quando venne con la Sig. Laghari, nessuno gli resistette mentre camminava tra la folla. Tutti sapevano che quelle tazze significavano status, status che nessuno voleva contrastare. Il rispetto, ovviamente, era per gli occhiali, non per lui. La cuoca gli sorrise mentre li serviva.

È stato un sollievo tornare alla tenda del comando. Qui, almeno, le amanti non sembravano biasimarlo per l’imbarazzo. Con cautela, ha servito la sig. Laghari, poi la signora Chaarumathi, poi lui stesso, e fu piacevolmente sorpreso quando si sedettero e mangiarono un pasto normale e tranquillo. Quando ebbero finito, iniziò a nutrire la speranza di poter passare tutta la sua settimana di servitù senza doversi chinare.

«Ora, Samar», disse la signora. Laghari, asciugandosi le labbra con uno straccio, “Da quanto tempo non stai con una donna?”

Samar si rese conto che stava aspettando troppo presto. “Non ho niente a che fare con le donne da quando mi sono unito al tuo gruppo.”

“L’ultima volta, cosa hai fatto per lei?”

Samar ripensò a quella notte e un sorrisetto orgoglioso le attraversò le labbra. “Le ho mostrato il mio corpo. E poi lei mi ha mostrato il suo. E l’ho sdraiata nel fieno e ho fatto l’amore con lei.”

“Indossi un mantello?”

Non era sicuro di cosa significasse “travestimento” nel linguaggio comune delle pianure, quindi lo interpretò nel miglior modo possibile. “Non indossavo vestiti e nemmeno lei indossava niente. Eravamo solo io e lei”.

Lady Laghari scosse la testa. “Vedi, Chaaru, ecco perché i ragazzi non dovrebbero mai scegliere. Non sanno cosa stanno facendo.” Guardò Samar. “Ma l’idea mi piace. Fallo per noi, Samar. Togliti i vestiti. Vediamo cosa otteniamo con la tua scommessa.”

Samar avvertì un altro lampo di calore, e questa volta non fu indignazione. Era un ordine a cui avrebbe obbedito volentieri. Slacciò i cuscini delle sue vesti, poi slacciò la cintura che li circondava. Lanciò uno sguardo furtivo alle amanti, al suo pubblico, e le trovò che fissavano estaticamente.

Questo, finalmente, era familiare. Avere una donna sotto il suo incantesimo mentre stava per fare l’amore con lei non era una novità per lui. Così fece quello che aveva fatto l’ultima volta e sciolse il nodo della cintura. Non si lasciò cadere le vesti, ma uscì, prima il petto. Ora le sue braccia erano esposte dal bicipite in giù e le sue gambe dalle ginocchia.

Si inginocchiò, bilanciandosi in modo che gli amanti potessero vedere le sue gambe flettersi mentre lo tenevano, e sollevò lentamente la camicia. Questa volta non guardò gli amanti. Sapeva dove erano i suoi occhi.

Alla fine si tolse le vesti e si presentò, non di fronte ad esse, come un soldato, ma sporgendosi un po’ in avanti, le mani sulle cosce, pronta ad avvicinarsi.

Lady Laghari si alzò e fece qualcosa di inaspettato. Lei gli prese le mani. Ha continuato a giocare, rilasciando le dita ma chiudendole delicatamente attorno a lei. Giocherellò con loro per un momento, poi premette le mani sul suo petto, poi tolse le mani da quelle di lui e lasciò che le sue dita lo esplorassero.

Guardò da sopra la spalla Lady Chaarumathi, che era ancora paralizzata. “Chaaru,” disse, “non lasciare che mi prenda tutto il divertimento.”

Lady Chaarumathi esitò. “Non dovrei. Davvero non dovrei essere qui. Non è giusto per Jalil.”

“Beh, sei una donna più onorevole di me. Sarò impegnata con il nostro nuovo regalo almeno fino al tramonto.”

Lady Chaarumathi seguì il suo segnale e lasciò la tenda, divorandolo con gli occhi mentre usciva.

Lady Laghari ritrasse le mani, si voltò e prese qualcosa da un vaso di terracotta. Si girò con un elastico marrone tra le mani. “Vieni qui, Samar.”

Ha obbedito.

Con le dita rivelò che si trattava di un tubo, probabilmente budella di pecora, e senza preavviso gli afferrò il cazzo e lo soffocò con il tubo. “Questo!” disse con grandezza: “È un travestimento. Quando te lo metto addosso, perdi il potere di farmi figli. E gli spiriti perdono il potere di punirci per le malattie dell’amore. Quindi è un bene per entrambi”. Fece un altro passo indietro, si frugò nel cappotto e gettò da parte i vestiti pesanti. È stato un gesto improvviso e sorprendente, completato in un batter d’occhio, e l’ha lasciata completamente diversa. Laghari, il capo distaccato e intoccabile, si è improvvisamente trasformata in una donna normale con una semplice camicia di lana, sorridente ed eccitata. Lo osservò felice mentre afferrava la cintura dei suoi pantaloni, li slegava e glieli lanciava intorno alle caviglie.

Indossando solo quella camicia grigia sfilacciata, giaceva su un mucchio di pellicce. Le sue gambe si aprirono un po’, mostrando la sua figa. “Ora,” fece le fusa. “Penso che siamo entrambi pronti. Vieni da me e fammi piacere, nel modo del sud.”

Samar ci pensò un momento. “Stile del sud”, se significava qualcosa, significava donne che agiscono con umiltà e pazienza; qualsiasi donna che chiedesse di essere acconciata alla moda del sud ha perso la concentrazione. Ma ha scelto di non dirglielo. Lo sguardo nei suoi occhi era ansioso e affamato. C’era anche rispetto in quegli occhi, e non avrebbe rotto l’incantesimo correggendola. Invece, si inginocchiò accanto a lei, la avvolse tra le braccia e le baciò la guancia, il collo e il cuore. Poi si infilò tra le sue gambe e le lasciò appoggiare i piedi sulle sue cosce.

Detto questo, si rese conto che avrebbe controllato il ritmo e che avrebbe potuto non fidarsi di lui per controllarlo da solo. Lei non doveva preoccuparsi. Anni fa, Samar aveva commesso l’errore di spingere troppo forte, troppo velocemente, e ora sapeva meglio. Con le sue mani che le accarezzavano i fianchi, giocò con il suo cazzo coperto di testa tra le sue pieghe. Spinse un po’, e la Sig. Laghari piegò le gambe, permettendogli di entrare in lei.

Le sue mani sentivano la sua reazione. Era tesa e rilassata allo stesso tempo. Si spinse più a fondo, e le sue mura si chiusero intorno a lui, premendo contro di lui. Strinse le gambe intorno alla sua schiena, i suoi talloni lo colpirono sulla spina dorsale. “Sì!” lei cantò. “Sì, ancora!”

Quindi le ha dato di più. Si tirò indietro quasi finché la sua testa non lasciò le labbra della sua figa, poi si tirò indietro. La signora Laghari gemette come per il dolore, con una voce roca e roca. Quando fu completamente dentro, lo tenne lì, le gambe che intrappolavano il suo corpo. Poi lo lasciò andare per tirarlo di nuovo, e le sue gambe lo tirarono dentro più velocemente di quanto avrebbe fatto lui.

Con le gambe prese il controllo, tirandolo al ritmo che voleva, gemendo una canzone di piacere da ragazza che lo incoraggiava.

Le sue mani le strinsero i polsi, tirandoli dalle sue cosce e infilandoli da parte sotto la sua maglietta. Lei mosse le mani, massaggiandosi con lui, e quando lo lasciò andare, lui continuò, attento a non gravare su di lei.

La sua mano sinistra afferrò le pellicce sotto di lei, e con la sua destra si chinò, intorno al suo braccio, tra le sue gambe, e cominciò ad accarezzarlo. Ben presto, il suo passo divenne febbrile, più veloce e più brutale di quanto Samar avrebbe mai osato toccare una donna. I suoi gemiti cambiarono sottilmente, dicendogli esattamente quanto fosse vicina all’orgasmo. Anche Samar era vicino, e di questo passo sarebbe finita troppo presto. Poi rallentò, lasciando che le sue mani e le sue la avvicinassero. Poi Lady Laghari ebbe degli spasmi, la sua figa si strinse intorno a lui e lui perse il controllo. Il suo pene si è consumato sul tappo. Sentì il calore appiccicoso ricoprire la sua punta.

Lady Laghari lo ha completato lei stessa. Con un gemito, anche lei si esaurì, ogni muscolo teso come una corda attorno al suo cazzo. Poi si rilassò, sorridendo a Samar. Rimase dentro di lei, e lei non sembrava avere fretta di tirarlo fuori.

Le accarezzò ancora un po’ le costole, alimentandole il bagliore. Gli prese una mano e la baciò. Poi lei lo lasciò andare con le gambe, e con i suoi piedi sullo stomaco, lui la tirò via da sé.

“Voglio ancora di più”, disse mentre si sedeva. “Ma ogni uomo ha bisogno di riposo. Vai a lavarti. Ci sarà tutto il tempo per dopo.”

Samar si preparò che lei lo umiliasse in qualche modo. Invece, lo ha accuratamente evitato. Ha deciso di rispondere a tono. “Sarà con piacere, signora.” Si vestì, si alzò e disse addio, a testa alta.

A letto, essere lo schiavo di Lady Laghari non era la prova dell’umiliazione che si aspettava. Tuttavia, Samar si considerava adattabile. E ora, a quanto pareva, poteva adattarsi a una settimana come schiavo del capitano con la sua dignità intatta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *