The Last Lagharis Pt. 05 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Ad Ayani Laghari non piaceva stare da sola. Non se ne era resa conto finché sua sorella Misha era scappata a cercarla. Aveva sempre pensato che le sarebbe piaciuto sbarazzarsi dell’irrequietezza, dell’irrequietezza e degli sbalzi d’umore di Misha. Ma ora, senza di lei, il silenzio costante che incombeva sulla casa sembrava una morte viva.

Tuttavia, Ayani generalmente preferiva rimanere in casa piuttosto che lavorare all’aperto. Cucinare, pulire e tessere, le piaceva, ma aveva sempre disprezzato la vita all’aria aperta. Misha si era sempre occupata delle faccende all’aperto, e quella era un’altra cosa che mancava ad Ayani.

Tuttavia, oggi è stata un’eccezione. Oggi, Ayani è stata grata di essere fuori, a lavorare nel fango, ad aiutare la sua vicina Rachita a raccogliere i pezzi caduti del suo compost che erano stati sparpagliati dalla frana. In parte perché il lavoro impegnativo la distraeva dalla paura dell’esistenza. Questo ha fatto capire ad Ayani ciò che le sacerdotesse hanno detto sul superare il dolore lasciando andare i desideri. Ayani non credeva di essere capace di ottenere l’illuminazione – nessun vero discendente dei guerrieri Laghari poteva avvicinarsi così vicino al cielo – ma il lavoro all’aperto fu un buon inizio.

Ma c’era un’altra ragione per cui Ayani era grata di essere qui, e quella ragione era il figlio di Rachita, Shanta. Ha lavorato al loro fianco, instancabile, di buon umore e disponibile come dovrebbe essere un uomo. Lui aveva sei anni meno di lei, ma a lei non importava. E di certo non le importava dei suoi lineamenti morbidi e fini o del modo felice e spensierato con cui si comportava. Il duro lavoro non gli ha fatto piegare la schiena o girare le spalle come faceva con gli altri uomini, né gli ha inasprito il carattere. Aveva mantenuto la sua compostezza e il suo atteggiamento in modo che una donna fortunata potesse un giorno sposarlo e godersi queste cose senza ostacoli.

Ayani sapeva che questa donna fortunata probabilmente non sarebbe stata lei. Con Misha inaffidabile com’era, gli dei sapevano solo quando o se sarebbe tornata. Nel frattempo, uno dei contadini più ricchi avrebbe probabilmente fatto un’offerta per Shanta che Rachita avrebbe accettato, o forse qualche ricco mercante o fanciulla oziosa di nobile nascita sarebbe passata, lo avrebbe preso in simpatia e l’avrebbe portata via. Ayani difficilmente poteva competere con quello. Ma questo non significava che non potesse guardarlo e godersi il piacevole suono della sua voce.

Alla fine, la scatola si è riunita. Shanta fece l’ultimo nodo con eleganza, poi si asciugò le mani all’improvviso. Rachita giudicò il suo talento e alla fine annuì in segno di approvazione. “Ayani,” disse, “sei stata molto generosa nell’aiutarmi. Ti piacerebbe unirti a noi per cena?”

“Sarei onorato”, ha risposto Ayani. Ma non è quello che pensava. Dietro i suoi occhi, immaginò un’altra conversazione.

* * *

“Ayani,” disse Rachita, “sei stata molto generosa nell’aiutarmi. Shanta! Vieni qui.”

Suo figlio si avvicinò e si fermò accanto a lei.

Rachita le posò una mano sulla spalla, che era all’altezza del suo mento. “Mio figlio è di mezza età, e presto sarò vecchio, e ho bisogno di nipoti. Ayani, vorrei sposarti.”

Shanta raddrizzò le spalle e raddrizzò la schiena, una mossa che per lei era meno impressionante solo perché le sue spalle erano ancora dritte e la sua schiena ancora dritta. Cercò di sembrare serio e obbediente, ma il suo sorriso lo tradì. Si tradì ancora di più quando fece le fusa: “Sarebbe il mio piacere”.

«Ma prima», disse Rachita, «devo assicurarmi che sia in grado di accontentarti come dovrebbe fare un marito.

Shanta ha fatto un passo avanti. “Ma non sono ignorante. Vieni con me, Ayani, e te lo mostrerò.” Tese un braccio e Ayani non esitò. Lo prese, si avvolse intorno a lui, si premette contro di lui. Nonostante i molti strati di tessuto e pelle tra lei e lui, sentiva la sua solidità rassicurante, i suoi muscoli sodi e il suo corpo forte che le resisteva, la sosteneva. E tornarono insieme a casa di Rachita.

* * *

“Veramente,” disse Ayani, “ho dei peperoncini con me. Se hai gli ingredienti e li vuoi, possiamo fare i samosa.”

Rachita sorrise consapevolmente. Invitava Ayani a cena e Ayani portava qualcosa di prezioso da mangiare. Ma una signora non avrebbe tollerato un accordo transazionale così grezzo, quindi per motivi di decoro, Ayani ha fatto finta che ogni volta fosse solo una felice coincidenza. Hanno iniziato a tagliare, tritare e misurare gli ingredienti mentre Shanta ha acceso il fuoco e ha steso la tovaglia.

Ayani lo osservava mentre lavorava. Poiché era molto più seria di sua sorella, un’influenza rettificatrice e stabilizzante, altri pensavano che fosse una creatura eterea senza bisogni carnali. Ma era anche una donna. Provava desiderio, amore e lussuria e sentiva il dolore di quei sentimenti negati. Era ancora troppo femminile per guardare Shanta a bocca aperta, ma nella sua mente era diverso.

* * *

Nella sua mente, Shanta sapeva esattamente cosa stava pensando, e quando Rachita lasciò la stanza per controllare qualcosa fuori, fece un cenno ad Ayani. Si avvicinò a lei. “Ayani,” disse, in un sussurro afoso e virile, “sei sempre stato gentile con noi. Sei stato gentile, anche quando la vita ti offre così poco da aspettarti.”

Ayani sorrise con cautela. “Tutti saranno ricompensati nella mia prossima vita.”

“No.” La sua smentita fu lieve ma definitiva. “La tua pazienza merita una ricompensa, qui e ora.” Fece scivolare la mano attraverso il nodo della cintura, che si abbassò un po’ sotto la sua presa. Guardò il nodo, poi lei, e le rivolse un sorriso che suscitò la sua eccitazione. “Ti dispiacerebbe?”

Per la prima volta Ayani ha detto la cosa sbagliata. Non stava mentendo sul fatto di essere al di sopra di tali desideri mondani e avrebbe aspettato pazientemente fino al momento giusto. Questa volta ha afferrato il nodo della cintura e ha detto: “Dammelo!” Lei lo slegò e i suoi vestiti iniziarono a cadere.

Lo strato esterno è venuto prima. Sotto la sua tunica più esterna, indossava un ingombrante gilet di pelliccia che gli assicurava le guaine interne. Non rivelava più la sua figura, ma solo vedere il tessuto cadere da lui era eccitante. Ayani si leccò le labbra e non le importava chi l’avesse vista farlo. “Continua. Finisci quello che ho iniziato così posso guardare.”

Con un sottile sorriso giocoso, slegò la giacca, un nodo immacolato alla volta, e il davanti si aprì lentamente. Alla fine si tolse le pellicce e quella che era stata una figura grossa e massiccia perse parte della sua altezza, lasciandosi dietro un uomo alto e ben fatto che gli ricambiò il sorriso.

“Il solo guardarlo ti fa arrossire”, ha detto. “Forse dovrei mettere da parte il resto dei miei vestiti in modo da non bruciare un buco nella montagna.”

Stava giocando. Lei lo sapeva. Probabilmente sapeva che lei sapeva – per quanto fosse piena di passione, anche un uomo non poteva fare a meno di leggerle la mente. Ma lei non si è ancora lasciata andare. “Se non continui a spogliarti,” sussurrò, “ti farò questo, e poi ti scioglierò un buco, non la montagna.”

Non la stava spingendo oltre. Le sue bende furono allentate e le mostrò il primo scorcio della sua pelle, parte del suo petto tra i suoi monti pettorali. Poi le espose il capezzolo sinistro, quello appena sotto il suo cuore, tentandola di premere il viso contro di lui e ascoltare quanto batteva velocemente quel cuore. Invece, ha guardato mentre più di lui veniva esposto; il fianco, l’ascella, poi, girandosi, la schiena. Tutto era carne pura, sana, giovane. Le sue bende le uscirono intorno alla parte inferiore del corpo e vide il suo culo, stretto, pallido e incontaminato, che praticamente implorava di essere afferrato.

Così ha fatto. Fece un passo dietro di lui, lo abbracciò e ringhiò come una leonessa di montagna affamata. “Tua madre mi ha promesso un assaggio di ciò che puoi offrire”, gli fece le fusa all’orecchio. ” Guardati intorno. Siamo soli. È tempo che tu me lo mostri.

* * *

Rachita infatti non era uscita di casa. Shanta non gli ha offerto una visione del suo giovane corpo maturo e forte. Invece sono finiti preparare il pasto e si è seduto. La loro conversazione è iniziata col passare del tempo, per mancanza di qualcosa di più interessante da dire, ma poi Ayani ha sollevato qualcosa che non aveva menzionato durante la loro conversazione all’inizio di quel giorno. “Ho sentito notizie dalla montagna”, ha detto.

Rachita vi prestava attenzione solo per gentilezza. Il mondo esterno gli interessava poco.

Ma Ayani era imperterrito. Se stava attento a non mostrarlo, bramava le notizie straniere come l’oro perduto. Anche se era una brutta notizia. “Gli sherpa hanno avuto l’idea di attraversare la Rivière du Boucher invece di salire sul nostro biglietto. Spero che si sbaglino”. L’ultima cosa di cui il suo villaggio aveva bisogno era ricevere ancora meno visitatori di quanti ne avesse già.

“Certo che si sbagliano”, disse Rachita con calore. “Cercavano strade alternative quando mia nonna era una bambina, le cercavano ancora quando ero piccola e le cercano ancora adesso”.

“Chi lo sa?” ha toccato Shanta. “Questa volta possono avere successo.”

Rachita gli rivolse uno sguardo amareggiato. “Questa è un’opinione interessante, figliolo.” Le sue parole erano cortesi, ma il suo tono teso, eccessivamente pacato, era chiaro come il giorno; suo figlio aveva parlato a sproposito e non le piaceva.

Ad Ayani non importava. E non le dispiacerebbe correggere personalmente questo comportamento.

* * *

Con mani lente e tremanti, Ayani impastava la carne dei fianchi di Shanta, il suo culo. Tuttavia, la pelle e i muscoli resistettero alle sue mani, mantenendo la loro forma anche mentre lei spingeva contro di essa.

“Shanta,” disse Ayani, “hai parlato a sproposito. Ovviamente hai bisogno di disciplina.”

La sua sicurezza si è stemperata quando ha visto che era seria. “Mi dispiace signorina.”

“Ruota intorno.”

Corde di muscoli si spostarono dai suoi piedi al centro mentre si rotolava. Le sue cosce erano abbastanza forti da sollevarlo – e anche lei, se in qualche modo era sopra di lui, un pensiero piacevole. Quando ha girato il suo cazzo per affrontarla, non si è distinto, ma era pieno e in aumento. Proprio come aveva detto una volta sua zia, c’era solo una parte di un uomo che non poteva mentire, e ora gli stava dicendo che lo voleva.

Ma prima bisognava rinunciare alla disciplina. “Girati di nuovo”, ordinò. “Metti le mani sul muro.” Tirò fuori una frusta arrotolata da una borsa accanto a lei. “E prendi quelle frustate e sii grato che ti sto dando la disciplina di cui hai bisogno.”

La guardò, scioccato.

«Devi aver pensato che fossi un pudico, incapace di punizione così intima. È quello che pensavi, vero? Ayani si portò alle labbra la frusta arrotolata, leccò la pelle e la trovò calda da tenere sotto gli strati dei suoi vestiti. Presto la pelle avrebbe tagliato la carne del culo sfacciato di Shanta – no, il suo culo – e lei lo invidiava. Così ha deciso di smettere di aspettare. Svolse la corda, mandò un’increspatura lungo la lunghezza e legò l’estremità a Shanta. Una striscia rossa opaca le apparve sulla schiena e in un istante fu livida. Gemette duramente, cercando di non mostrare il suo dolore ei suoi fallimenti.

Ayani ridacchiò. “Io sono la pecora nera della mia famiglia. Non sono una donna di guerra. Non desidero tesori, bei cavalli o figli di capi.” Lo frustò tra le spalle, poi un altro, e piccole gocce rosse apparvero dove il cuoio era più profondo. “Ma in un certo senso assomiglio ai miei antenati.” Ha reso la sua voce profonda e sinistra. “Ho sete di sangue.” E si avvicinò a lui, gli mise le mani sulle spalle e si chinò sui suoi tagli. Fece scorrere la lingua sulla sua pelle, leccando il sangue che aveva prelevato dalla sua carne.

* * *

Shanta ha ricevuto il messaggio di sua madre e non ha parlato per il resto del pasto, ma i suoi occhi hanno seguito le donne mentre giocavano. Anche se non ne aveva bisogno, Ayani era sicura di ascoltare e capire tutto quello che dicevano.

Da parte sua, Ayani ha diviso la sua attenzione. La metà delle volte ascoltava le affermazioni femminili di Rachita su come il mondo era, è sempre stato e sempre sarebbe stato. L’altra metà del tempo, stava fissando il viso di Shanta. Si guardò la bocca. Ogni volta che apriva le labbra per ricevere un altro boccone di cibo, si fermava lì, con la lingua in mostra, e dopo un po’ Ayani non poteva fare a meno di sospettare che stesse giocando con lei.

* * *

Shanta si appoggiò al muro, graffiata ed esausta. Il dolore alle ciglia di Ayani, poi il piacere di torcere la lingua, lo lasciarono sfilacciato, incoerente.

“Hai sopportato il dolore”, ha detto Ayani. “Ma lo faresti, vero, ragazzo mio?” Per me ?

“Sì, signorina,” disse tra un sospiro e l’altro. E aveva l’audacia di guardarsi alle spalle, la mascella aperta, la lingua fuori.

“Mi irriti.” Ayani si avvicinò e questa volta non lo leccò, ma gli afferrò il mento. “Offri la tua bocca. Ma dimentichi di essere punito, e come tale ho piena autorità su di te. Non è saggio tentare un leopardo.” Avvicinò la bocca alla sua, lo baciò, assaggiò quelle labbra. Quindi ha preso la sua decisione. “Ora facciamo buon uso di quella bocca. Rivolgiti a me, ragazzo. E inginocchiati davanti a me.”

“Sì signora.” Obbedì, e la sua pelle meravigliosamente striata di rosso si flette mentre si girava e si abbassava lentamente, dolorosamente, sulle ginocchia.

Ayani non aveva pazienza per la lentezza. Si lasciò cadere i vestiti, scese e mise una mano sulla testa di Shanta. Sentì i suoi capelli per un momento, una tenera piccola intimità che amava più di quanto si aspettasse. Poi strinse le dita attorno al suo cuoio capelluto. “Ora per favore, figa mia.”

E chiuse gli occhi da bravo ragazzo e obbedì.

* * *

“Ciao Ayan. Stai bene e buona fortuna! »

Ayani ha detto addio ai suoi ospiti mentre faceva il breve e difficile viaggio di ritorno a casa sua. Dentro, si appoggiò alla schiena contro le sue pellicce e si rilassò. Le immagini nella sua mente di Shanta che veniva portata alla sottomissione non l’abbandonavano. In pochi minuti, le sue mani trovarono la strada verso il suo petto. Poi il tuo stomaco. Poi la tua figa.

Aveva spesso sentito dire che gli dei erano crudeli nel dare lussuria alle donne, mentre rendevano loro anche così difficile trovare uomini che le soddisfassero. Ma Ayani conosceva l’altra faccia della medaglia. Gli dei le avevano dato la fantasia, e fino al giorno in cui si sarebbe potuta sposare, quella sarebbe stata la sua consolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *