The Lodge Ch. 01 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Giorno 1

Mi sono svegliato, svegliato da un sogno che ho immediatamente dimenticato. Mentre la mia mente registrava l’ambiente circostante, mi sono reso conto che non ero nel mio comodo letto king-size. Il panico mi ha riempito le viscere e l’adrenalina ha causato un’iperconcentrazione sull’ambiente circostante. Ero in quella che sembrava una stanza normale su un letto matrimoniale. Il mio corpo coperto da un lenzuolo bianco, nudo tranne un boxer. Ero irrazionalmente felice di avere un fisico maschile ben muscoloso e almeno avere un abbigliamento minimo non era una vergogna. Il vecchio metallo scricchiolò mentre mi sedevo sul letto. Mentre mi voltavo verso il bordo, sentii qualcosa che mi tirava la caviglia. Ho guardato in basso e ho notato una manette attaccata a un cavo d’acciaio intrecciato che si raffreddava come una vipera ai piedi del letto ed era fissata al muro con viti considerevoli.

Porca puttana, ho pensato, questa è una cella di prigione.

Ho camminato il più lontano possibile verso la porta. Nessun pulsante o chiavistello era visibile sulla porta senza finestre. La corrente mi ha fermato poco prima che potessi metterci piede.

Non riuscivo a ricordare come sono arrivato qui. L’ultima cosa che ricordo è stata parlare con una bruna alta; Laura, Lana, Liz… qualcosa del genere, il bar del centro con la migliore selezione di bourbon…

Mi voltai e scrutai la piccola stanza. Forse 8 piedi per 10 piedi. Le pareti erano bianche e spoglie. Un gabinetto e un piccolo lavandino erano in un angolo di fronte alla testata del letto. Una fila di strette finestre vicino al soffitto lasciava entrare la luce del sole del mattino.

Sperma! esclamai ad alta voce. Sono alto 1,90 m, 110 kg con una circonferenza del torace di 130 cm, il resto del mio corpo corrisponde. Sono più forte e più alto del 99% della popolazione. Chi diavolo potrebbe rapirmi? Mi sono seduto sul bordo del letto e ho chiuso gli occhi, sperando ancora che fosse solo un sogno.

Ho girato la testa verso la porta quando ho sentito un clic e la porta si è aperta lentamente verso l’esterno. Temporaneamente accecato dall’improvviso afflusso di luce intensa, udii dei passi avvicinarsi e distinsi una figura femminile.

“Ciao Justin” dice il nuovo arrivato. “Dormi bene?”

Sarcasmo. Sul serio?

I miei occhi si aggiustarono e davanti a me c’era una mora con i capelli corti ma sempre femminili. Era alta circa 6 metri. Indossava un corsetto rosso che mostrava la pelle di alabastro sul busto di medie dimensioni e le rifiniva la vita. La curva dei suoi fianchi era coperta da una corta minigonna nera. Le sue gambe lunghe erano la sua caratteristica migliore e lei lo sapeva. Erano coperti da calze nere alte fino alle cosce tenute insieme da passanti per cintura attaccati alla parte inferiore della gonna con un’altra presa in giro color avorio sotto l’orlo. Ai suoi piedi c’erano tacchi a spillo da 3 pollici che erano accentuati in tutti i punti giusti. Era uno spettacolo da vedere e per niente quello che mi aspettavo (anche se col senno di poi non avevo davvero aspettative)

“Ricordati di me?”

La sua domanda mi fece perdere lo sguardo e fissai il suo viso, cercando di concentrarmi, ma il mio cervello era confuso.

Lasciò che la domanda indugiasse con il passare dei momenti.

Alzai un sopracciglio “La ragazza del bar? Laura?”

“È Lauren” corresse. “In realtà, signora Lauren per te adesso.”

Merda?

“Come sono arrivato qui? Sono sicuro che non mi hai trascinato qui da solo! Le ringhiai mentre ero in piena altezza, gonfiando il petto in fuori in uno spettacolo di sciocco machismo.

“Non voglio niente da quel toro”, rispose Lauren. Ho visto la sua mano premere un pulsante su un telecomando e ho subito sentito una scossa elettrica in cui le manette sono entrate in contatto con la pelle.

“Sperma!”

“Stai attento a ciò che dici!” Un’altra scossa. Mi sono seduto, respirando pesantemente per riprendermi.

“Calmati e ti spiego.”

“Sì, signora Lauren.”

Perché diavolo l’ho detto? Stranamente, questo mi ha calmato.

“Così va meglio” Lauren quasi tubò.

“Da dove comincio?

Ci siamo incontrati ieri sera al bar. Le mie… diciamo sorelle, e vi osservo da un po’ di tempo.

Probabilmente la tua memoria tornerà più tardi oggi, ma dopo aver flirtato con te per un po’, ho messo una droga nel tuo whisky che ti ha reso esattamente come me. Sei salito volontariamente nella mia macchina la scorsa notte e ti ho portato in questa camera da letto a dormire”.

“Woah, rallenta, mi stavi inseguendo? »

” Dimenticalo. Adesso appartieni a noi come animale domestico sottomesso.

“Come schiava del sesso sottomessa? Non credo, pazza Bi…” Un altro shock.

“Imparerai e noi potremo mostrarti livelli di piacere che non hai mai provato prima. Solo se ti comporti correttamente.”

“Ti stai comportando correttamente?” Ho chiesto.

“Sì. Il tuo compito è servire me e servire me e gli altri secondo le nostre istruzioni. Fai bene il lavoro e vieni ricompensato. Rilassati o fallisci e vieni punito.”

Lauren aveva questo tono ipnotico nella sua voce. In qualche modo la mia resistenza alla situazione stava svanendo. O quello o sono stato drogato di nuovo.

Il mio corpo ha tradito la mia mente e mi sono ritrovato a diventare duro guardando la bellezza davanti a me e il pensiero di essere una fonte di piacere per lei.

Questo non sfuggì allo sguardo penetrante di Lauren. “Vedi, il tuo corpo sa che ti fa bene. Lascia che ti mostri la strada.

Lauren si avvicinò e prima che potessi reagire, qualcosa di metallico si spezzò intorno al mio collo. “Questa collana ha uno shock più forte del grillo e ti farà cadere a terra se provi qualcosa di stupido. Capito?”

Tutto quello che potevo fare era salutare.

“Good Boy” e Lauren hanno afferrato la mia erezione attraverso le mie mutandine e l’hanno accarezzata abilmente.

“Stiamo imparando”

Scuoto la mia testa. “Sì, signora Lauren”

Ha slacciato il polsino dalla mia caviglia.

“Seguimi.”

Feci come mi aveva chiesto e la seguii fino alla porta. Ho visto il suo bel culo rimbalzare sotto la gonna mentre camminava.

” Ti piace quello che vedi ?

“Hai delle curve fantastiche.” Non ha senso nascondere la verità.

“Grazie mio animale domestico. I complimenti sono sempre i benvenuti. I pettegolezzi e la meschinità generale saranno puniti. Capisci?” Si è girata verso di me.

“Sì. “

Mi faceva male la faccia quando ho sentito un leggero schiaffo.

“Sì cosa?” ha chiesto Lauren?

“Sì signora.”

“Meglio”.

Il resto della passeggiata fu silenzioso e fui condotto su due rampe di scale. Lauren ha digitato un codice in uno di quei lucchetti Wi-Fi e mi ha condotto attraverso l’oscurità al centro di una grande stanza.

“Questo è il mio posto preferito al mondo.”

Le luci si accesero e non riuscivo a credere a quello che stavo vedendo. La stanza sembrava contenere tutte le restrizioni, i mobili e gli strumenti che avessi mai visto nel porno BDSM.

Rimasi senza fiato quando notai lungo la parete di fondo una tavola forata ricoperta di tutti i tipi di bretelle, dildo, butt plug, strumenti per sculacciare e restrizioni.

La signora Lauren mi stava osservando attentamente. “Cosa ne pensi?”

“Fantastico e intrigante. Inoltre, un po’ spaventoso.”

“Non preoccuparti, mio ​​animale domestico. Ci prenderemo cura di te.”

Una risata nervosa mi sfuggì di gola. Ma non potevo negare che il mio cazzo diventava sempre più duro di minuto in minuto.

“Voglio presentarti le mie sorelle. Non vedono l’ora di conoscerti. Ma prima…”

La signora Lauren mi ha portato in un punto segnato da due impronte e ci ha messo i piedi sopra.

Un paio di manette si alzarono dal pavimento e mi afferrarono le caviglie.

“Ora alza la mano.”

Obbedii e una serie di manette di cuoio mi furono poste ai polsi e attaccate a una corda che me le tirava sopra la testa. Stavo bene e mi sono bloccato.

“Prossima regola,” disse la signora Lauren con calma, “Pet Justin sarà sempre nudo finché è dentro.” Con questa affermazione, lei ho preso un paio di forbici e mi sono tolto velocemente i boxer, rivelando un cazzo piuttosto duro.

La signora si limitò a sorridere. Ha suonato al citofono e presto ho sentito dei passi sulle scale. Alzai lo sguardo in attesa e vidi altre due belle donne entrare nella stanza.

“Pet, questa è la signora Amy.” Lauren salutò un’altra bruna che era alta circa 5’9. Era più formosa di Miss Lauren, con almeno dei seni a forma di D straordinariamente posizionati all’interno di un corsetto verde smeraldo. Era stretto in vita accentuando la sua sensuale figura a clessidra. Indossava pantaloncini neri attillati che mostravano la curva del suo culo. Le gambe abbronzate dei velocisti si allungavano verso il basso.

“Ciao Justin,” disse con un sorriso. “Non vedo l’ora di giocare con te”.

“Ciao Miss Amy, sei bellissima.” Rispondo, il mio cazzo ora chiaramente a tutto volume grazie ai nervi e alle donne appena arrivate.

“E io sono Lady Sarah”, disse l’altra donna. Aveva i capelli rossi e un anello al naso che si rifletteva nei suoi occhi azzurri. Non proprio un busto, ma un paio di gambe forti mostrate sotto un elegante abito da lavoro. I suoi polpacci sono stati evidenziati da un paio di tacchi blu navy da 4 pollici.

“Sono contenta di aver intravisto qualcosa a cui pensare al lavoro oggi”, ha detto, guardando il mio fisico da capo a piedi. “Vorrei poter restare, ma uno di noi deve guadagnare qualcosa”.

La signora Sarah salì le scale lasciandomi in balia degli altri.

La signora Lauren si avvicinò dietro di me e afferrò qualcosa dal muro di giocattoli.

“Vedo che ti stai divertendo,” disse. “Sapevo che saresti stato un ottimo animale domestico. Ora inizia il divertimento.”

Ho sentito una forte puntura sulle natiche mentre una lunga frusta vi si attaccava. Ho stretto il mio cuore, aspettandomi un altro colpo.

“Sarai chiamato animale domestico, sottomarino o schiavo a seconda dell’umore.” Un altro colpo di frusta ha acceso la mia pelle. “Ora vivi qui, alla Loggia. Amy, Sarah e io forniremo cibo, riparo e altro, purché tu ci affidi tutta la tua persona.

Potrai visitare i locali, ma tieni presente che le uscite esterne attiveranno il collare antiurto. Si è capito?”

Non ho risposto.

Seguì una puntura più forte sul mio culo. Immediatamente la signora Amy mi afferrò i testicoli e li strinse forte, costringendomi a sospirare.

“Si è capito?” ripeté la signora Lauren.

“Sì signora” sussurrai.

“Bravo ragazzo.” La padrona Lauren mi ha accarezzato la testa mentre la padrona Amy ha rilasciato il mio scroto e ha accarezzato delicatamente il mio cazzo, il che ha rapidamente indotto il mio cervello ad associare la sensazione fisica a ciò che la padrona aveva richiesto.

Lady Amy ha smesso di accarezzarmi dopo pochi secondi e ho gemito per la frustrazione, il mio cazzo stava chiedendo di più ora.

“Presto, mio ​​animale domestico”, promise la signora Amy.

La signora Lauren ha abbassato le mie mani dall’alto, ma le ha tenute ammanettate. Mi condusse a una panca con un soppalco che aveva un sedile con un’apertura nel mezzo.

“Sdraiati” ordinò.

Ho seguito le istruzioni ed era chiaro che la mia testa si stava dirigendo verso l’area quadrata. Una volta a letto, la signora Amy mi ha legato le caviglie con delle manette che non avevo notato, poi ha collegato la catena ai miei polsi a un cavo che correva tra le mie gambe. La signora Lauren mi ha fatto scivolare un pezzo sotto il mento, chiudendo la scatola in cui si trovava la mia testa.

“È una grande panchina. Il sedile è per una donna. Penso che tu possa indovinare cosa succede dopo”.

“Ho il piacere di assaggiare la figa della Signora.” dissi, cercando di nascondere l’ansia nella mia voce.

“Impari in fretta, animaletto mio.”

La padrona Lauren si tolse la gonna e si sedette sulla panchina della regina. Mentre si sedeva, ho dato il mio primo sguardo alla sua bella figa. Rasato pulito con labbra carnose. Lo sguardo fu di breve durata, poiché il suo oziare sul sedile oscurava la maggior parte della luce.

Il sedile è stato ben progettato per allineare la figa e la lingua. Potevo sentire il calore del suo sesso e annusare il suo meraviglioso profumo.

“Mangia, tesoro.” chiese Lady Lauren.

Ho alzato la testa il più in alto possibile e ho iniziato a leccare lentamente la sua fessura su e giù, premendo il suo clitoride con la lingua ogni volta che lo raggiungevo.

“È l’animale domestico perfetto, non fermarti”, ordinò la signora Lauren tra gemiti sommessi.

Ho continuato a leccarle la figa, amando il sapore della sua umidità. Improvvisamente sussultai quando sentii qualcosa avvolgersi intorno alla testa del mio cazzo e scivolare lentamente lungo l’asta.

“I buoni animali domestici vengono premiati”, ho sentito dire dalla proprietaria Amy mentre sentivo che quella che doveva essere carne leggera iniziava a funzionare sul mio albero.

Mi sono lamentato e ho continuato a mangiare la dolce figa della signora Lauren. Gemette sonoramente, inarcando il bacino verso il mio viso. “Fanculo sì scoreggia, vengo”. Ha dondolato più velocemente contro la mia lingua e ho sentito il suo corpo convulse mentre un orgasmo l’afferrava. Non ha spruzzato, ma mi ha inzuppato la faccia con un soffio di nettare di figa dolce che ho bevuto avidamente.

Il mio cazzo era pronto per esplodere quando la padrona Amy lo accarezzò.

“L’animale vuole venire?” mi chiese mentre i miei fianchi si infilavano nella manica stretta.

“Sì signora” risposi in attesa.

“Non puoi venire,” disse scaltramente e rapidamente ritrasse la carezza.

Gemevo per la frustrazione e mi facevano male le palle.

“Puoi venire solo con il permesso d’ora in poi”, mi disse Lady Amy.

“Per favore, ho bisogno di essere rilasciato”, ho implorato.

“No. Devi guadagnare ogni orgasmo.”

La signora Amy ha poi preso il posto precedentemente occupato dalla signora Lauren. La sua figa era più piena di quella di Lauren e non completamente rasata, ma ben tagliata.

Sapevo cosa ci si aspettava e mi sono messo subito al lavoro. Seguendo lo stesso schema di prima.

“Ooh, sapevo che saresti stato d’accordo con quell’animale”, tubò Lady Amy. Ha iniziato a dondolare i fianchi sul mio viso mentre la leccavo e presto ho sentito anche il suo sperma, i suoi fianchi tremavano sopra di me.

“Buon lavoro, il mio animaletto”, disse con un sospiro.

Le signore hanno slegato la scatola ei raccoglitori e mi hanno fatto sedere in panchina. Mi arrampicarono sopra e io fissai follemente le loro snelle figure.

«Posso parlare liberamente, signore? ho chiesto

“Puoi” rispose la signora Lauren.

“Sono di nuovo drogato? Volevo resistere a tutto, ma ho sentito un bisogno più forte di arrendersi e lasciare che le belle donne facessero quello che vogliono. Non l’ho mai sentito prima”.

La signora Lauren ha risposto

“Non sei lapidato, abbiamo appena sbloccato il tuo vero io sottomesso. Come abbiamo detto, ti stiamo osservando da un po’ e sapevamo che avresti ceduto al nostro dominio. Sarah lavora per l’azienda Internet e ha pagato alcuni dipendenti per segnalare indirizzi IP alla ricerca di porno di tipo femdom Indovina chi è stato segnalato?

Da lì, è stato monitorato e osservato il loro comportamento. Dopo aver parlato con te al bar, sapevo che saresti stato nostro. Quindi non drogato, ma finalmente il tuo vero io. Ti è piaciuto sottometterci ora, vero?”

“Troppo amante” mi fanno male le palle e il mio cazzo è ancora duro.

“Benvenuto al Pet Lodge Justin”. La padrona Lauren sembrava felice.

“Il negozio?” Ho chiesto.

“La Loggia è la nostra casa e il nostro lavoro. Serviamo tutti i Dominanti e i loro Sottotitoli.” La signora Amy ha spiegato. “Siamo nel cottage. Il seminterrato qui è ovviamente la nostra stanza dei giochi/dungeon. Al piano di sotto c’è il negozio di giocattoli per adulti. Presto darò un’occhiata in giro. me e il vicinato oggi.” il nostro animale domestico.” Mi fece l’occhiolino.

Scossi la testa prendendo tutto dentro.

“Sul sito di 50 ettari ci sono 20 chalet, completamente forniti di tutto ciò di cui una coppia potrebbe aver bisogno per un fantastico weekend. Ogni chalet è insonorizzato e ha vetri su tutte le finestre. Ti viene l’idea. Il Lodge si trova nel cuore della Kettle Moraine Forest, nel sud-est del Wisconsin. Ti piacerebbe fare un giro del negozio?”

“Uh, certo, signora.” Ho detto. I nervi riappaiono.

Le amanti mi prendono. L’ho seguito come un cucciolo.

Potrei essere troppo remissivo. Ho pensato.

Apro la porta del primo piano ed entro nel più grande negozio per adulti che abbia mai visto. Pareti giocattolo separate da un foro o genitali applicabili. Sembrava che le amanti avessero una di tutto, comprese molte corde, vincoli e collari.

La signora Lauren mi ha presentato la giovane donna che gestiva il registratore di cassa. “Questa è Holly, fa funzionare il negozio senza intoppi e aiuta i clienti single al giusto prezzo.” Strizzò l’occhio ad Holly.

Holly era una donna più giovane delle amanti. Sembrava avere circa 20 anni. Piccolo, ma aveva una struttura molto curva. Lunghi capelli rossi e ricci le incorniciavano il viso e facevano brillare la sua pelle pallida. Indossava un corsetto nero, un perizoma nero e stivali alti. Un’altra bellezza.

“Devi essere Justin”, dichiarò semplicemente.

Riuscii a sorridere, iperconsapevole di essere nuda in quel momento.

“Holly fa funzionare questo posto senza intoppi”, ha aggiunto la signorina Amy. “Non potrei farlo senza il tuo culo sexy.”

“Chi è questo amante? chiesi, indicando una grande piattaforma rotonda rialzata al centro del negozio. Sopra di lui c’era una fila di faretti e altoparlanti.

“È la nostra piattaforma demo. Fino ad ora, avevamo solo Holly per mostrare i prodotti, ma ora possiamo mostrare anche i prodotti specifici per uomo”. La signora Lauren ha risposto, giudicando la mia reazione.

Devo aver esitato un po’.

” Non preoccuparti. Saremo gentili.

La signorina Lauren ha lasciato perdere e mi ha portato di sopra. “Questi sono gli alloggi per noi cinque. Anche Holly sta qui. Abbiamo una cucina e una palestra all’avanguardia qui. Speriamo che tu mantenga quel fisico tonico.”

Scuoto la mia testa.

“Hai la tua stanza ora che hai accettato la tua posizione qui.” Fece un gesto verso sinistra e io guardai in un bagno per uomini ben progettato. “Probabilmente trascorrerai presto tutte le notti in una delle nostre stanze.”

Dormire accanto a belle donne ogni notte mi faceva stare bene.

“Perché non compri un animale domestico? La signora Sarah vorrà passare del tempo con te quando torna a casa.”

“Sì signora, grazie” e mi sdraio nella mia nuova stanza. Nessuna vite sulla porta e nessuna catena. Profumava di lavanda e mi addormentai in fretta.

“Sveglia il mio animale domestico” mi ha sussurrato all’orecchio la signora Lauren, accarezzandomi la testa. Gemevo e cercavo di girarmi, ancora intontito. Gli pizzicò il capezzolo più vicino alla sua mano. Lo shock mi ha svegliato immediatamente. “Ho detto svegliati pet”

“Scusa signora”

“La signorina Sarah tornerà presto a casa e ha inviato istruzioni su come vorrebbe che il nuovo animale domestico fosse sistemato ora nella stanza dei giochi”.

“Sei mai stato arrestato? chiese la signorina Lauren mentre scendeva.

“No. Mi chiedevo come sarebbe stato e se mi sarebbe piaciuto.”

“Beh, stanotte è la tua notte” La padrona mi ha guardato e i miei nervi si sono infiammati, facendomi quasi inciampare sui miei stessi piedi.

“Non preoccuparti pet, sarà bello.”

Scuoto la mia testa.

Siamo arrivati ​​alla stanza dei giochi e la signorina Amy era già lì. Indicò quella che sembrava essere una panca da sculacciata. Avevo cuscini per le ginocchia e le braccia e un cuscino per il petto. Obbedii e mi diressi verso la banca. Si stava preparando un’erezione quando la signora Amy era nuda e ho potuto dare un’occhiata ai suoi bei seni con grandi capezzoli prima di inginocchirmi sui cuscini.

La signora Amy ha spostato leggermente le ginocchia davanti ai miei fianchi, facendo sporgere il mio sedere. Da lì ha iniziato a legarmi con varie corde attorno agli arti e al busto. Sono stato immobilizzato in questa posizione compromettente.

La signora Amy sembrava orgogliosa del suo lavoro.

“Comodo?” Lei chiese.

“Non lo direi, ma non sono a disagio, signora.”

“Perfetto. Ti lego subito il cazzo e le palle. Non voglio che tu venga con noi troppo presto stasera.”

Con ciò, ha abilmente legato il mio scroto e l’asta dura con una mano esperta. La cravatta era stretta e mi sentivo come se il mio cazzo fosse un po’ più grande forzando il sangue.

“Ottimo lavoro Amy.” La voce della signorina Sarah. Non l’avevo sentita entrare.

Alzai lo sguardo il più lontano possibile dalla mia posizione compromessa. La signorina Sarah aveva lasciato cadere il vestito ed era nuda tranne che per un reggiseno di pizzo e scarpe con i tacchi.

Non posso credere che queste tre belle donne mi vogliano. E non posso credere che mi piace essere sottomesso in questo modo

“Ciao animaletto” la padrona Sarah sorrise e si avvicinò a me. Fece scorrere le mani sensualmente lungo la mia schiena e le natiche. Rabbrividii al suo tocco e sentii il mio cazzo contro la sua gabbia di corda.

È tornata in primo piano e ha tirato fuori un’interessante sedia che ha allargato le gambe e ha allineato la sua bella figa con il mio viso. Il suo clitoride era più grande di quello di Lauren e Amy e non volevo altro che assaggiarlo.

Si è avvicinata abbastanza perché la mia lingua la raggiungesse.

“Mangiare!” lei chiese.

mi sono tuffato. Facendo scorrere la mia lingua su e giù per la sua dolce fessura, succhiando delicatamente il suo clitoride mentre raggiungevo la cima. Passarono i minuti mentre continuavo il mio lavoro.

Ho sentito la sua mano dietro la mia testa, tirandomi verso il suo sesso. Lady ha iniziato a digrignare contro la mia lingua e ho sentito una mano calda avvolgere la testa del mio cazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *