The Michael Anderson Story Pt. 02 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Passarono alcuni mesi. La stagione delle vacanze si avvicinava rapidamente. Fred ed io stavamo tornando a casa dal lavoro insieme. A volte lo facevamo per risparmiare sulla benzina. Fred stava guidando.

“Ehi. Dovresti venire alla mia festa domani sera. Sarà pazzesco.” disse Fred.

” Non so. Non credo che Francine me lo permetterebbe. Ho detto.

“Cosa intendi con lasciarti? Perché devi chiedergli il permesso? Credevo sapessi che era un uomo.” disse Fred.

“Sai una cosa. Hai ragione. Fanculo quello che dice Francine. Sono un uomo. Dico quello che faccio. Quando lo faccio!” Ho detto.

“Esatto, virilità.” esclamò Fred.

Stavamo passando per il centro. Al centro c’era una statua di St. Paul Johnson. L’uomo che ha fondato la città.

Guardo la Statua e di nuovo Fred. “Sai cosa fermare in biblioteca. Glielo dirò qui e ora.” dissi con orgoglio.

“È vero!” disse Fred.

È andato in biblioteca. Parcheggia nel parcheggio. Nella mia testa, mi piaceva pensare di entrare in questo film come un film di Clint Eastwood, ma in realtà era molto meno bello.

Entro in biblioteca con Fred dietro di me. Francine stava chiudendo la Biblioteca per la notte. Siamo venuti qui come due pazzi orgogliosi.

“Cosa stai facendo qui?” Lei chiese.

“Ricorda la mascolinità”. disse Fred. Strinse il pugno mentre lo diceva.

Ripetere il movimento. Guardo Francine. “Okay, io sono l’uomo delle relazioni. Il che significa che sono responsabile. E.”

Prima che io possa finire la frase, Francine torna alla reception. Prende il telefono e inizia a comporre un numero.

” Ehi ! Cosa fai ? Parlo qui. Ho detto.

“Oh. Chiamando Emily.” disse Francine.

Io e Fred ci siamo guardati.

“La mia ragazza Emily?” chiese Fred.

“Sì, è quello. Voglio sapere come si sente per te, come lo chiami? Virilità. disse Francine.

Fred mi guarda nervosamente. “Scusa Michael, ma devo andare. A dopo.” Egli ha detto.

“Ma che dire della mascolinità? Ho detto.

“Sì, buona fortuna con quello. Egli ha detto.

Fred lascia la biblioteca. Francine mi guarda estremamente turbata.

“Quindi ci sono un sacco di battute divertenti. Hmmm, ho intenzione di fare l’autostop.” Ho detto.

Ho provato ad andarmene, ma Francine mi ha fermato. “Fermati lì!” Lei ha ordinato.

Ho smesso. Chiusi gli occhi e imprecai sottovoce. Mi giro per affrontarlo. Lei si avvicina a me. Mi dà uno schiaffo in faccia.

“Sali subito in macchina! Non giocherò con te oggi. Hai tanti problemi.” disse Francine.

Mi giro ed esco dalla biblioteca. Sono salito sul lato passeggero dell’auto di Francine. Ho aspettato 15 minuti buoni prima che se ne andasse. Non ha detto una parola. Ha avviato l’auto ed è tornata a casa.

L’ho seguita dentro. Improvvisamente ha afferrato la mia maglietta e mi ha portato nella sua stanza.

“Intervallo!” Lei chiese.

Mi sono tolto tutti i vestiti. Francine mi ha ammanettato il polso e le caviglie alla testiera. Andò in bagno e chiuse la porta. Mi sono seduto lì in silenzio. Ero terrorizzato.

Mi aveva punito solo 3 volte da quando eravamo insieme. Mai così. La prima volta è stata nell’ultima storia. La seconda volta mi ha punito al cinema. Era il nostro quinto incontro. Ha provocato solo una punizione al piede.

La terza volta che sono stato punito, ho mentito e ho detto che avrei lavorato per non lavorare in biblioteca. Ero al Walmart. Quella puttana, la signora Smith, mi ha visto e l’ha detto a Francine. Francine mi ha perseguitato e picchiato nel bagno di famiglia. Non potevo sedermi per due settimane.

La porta del bagno di Francine si apre. Lei entra completamente nuda. Il suo corpo nudo era perfetto. Si dirige verso il suo letto. Lei si arrampica su di me. Si siede intorno al mio inguine e mi mette i piedi sulla faccia.

“Sai cosa fare. Adora i miei piedi.” Lei ha ordinato.

Le sue unghie erano dipinte di rosa. Ho iniziato a leccarle e succhiarle i piedi. Mentre ero impegnata con i suoi piedi, Francine ha abbassato il viso e ha iniziato a succhiarmi il cazzo.

È stato bello. Ho assaporato un momento di estasi. Ho smesso. Dimenticando per un momento che dovrei adorare i tuoi piedi. Mi prende delicatamente a pugni in faccia.

“Non ho detto che potevi mollare!” gridò una Francine arrabbiata.

Sono tornato ad adorare i tuoi piedi. Ha continuato a succhiarmi il cazzo. Stavo diventando duro. Una volta il mio cazzo era duro e bagnato. Si alzò con un calcio e strisciò verso la mia faccia. Mi ha messo la figa in faccia.

“Adoro la mia figa!” lei chiese.

Ho iniziato a mangiarlo. Ho iniziato con i bordi esterni e sono progredito lentamente verso le parti rosa. Mentre leccavo, iniziò a cavalcarmi la faccia. All’improvviso l’ho sentita bagnarsi. I suoi succhi scorrevano lentamente verso la mia bocca. Ha buon gusto. Non si è fatta attendere.

Il respiro di Francine era pesante. Lei è sdraiata sul mio fianco sinistro. Sposta i piedi sul mio cazzo e usa i piedi per giocare per assicurarsi che io rimanga duro. Stava attenta a non fare molto per impedirmi di venire mentre si stava riprendendo.

Francine mi mette le mani sul mento e mi costringe a guardarla.

“Che è in carica?” Lei chiese.

“Sei.” Ho detto.

“Chi è il capo di questa relazione?” Lei chiese.

“Sei.” Ho detto.

“È vero. Fai quello che voglio, quando voglio. È meglio che non ti senta mai fingere il contrario!” Lei ha urlato.

Si alza e muove tutto il corpo verso il mio cazzo.

“Sì signora.” Ho detto.

Francine ha iniziato a cavalcare il mio cazzo. Mi ha cavalcato forte. Era estremamente buono. Non saprei spiegare quanto fosse buono. Ero in paradiso. I suoi seni rimbalzavano su e giù. Il mio battito cardiaco cominciava ad accelerare. avevo le vertigini.

Francine iniziò a urlare. Continuavo a sentire la parola sì. I miei occhi stavano diventando sfocati. Ho visto dei punti. Improvvisamente, nello stesso momento, io e Francine arrivammo. Tutto quello che potevo vedere era bianco. Improvvisamente la mia vista è tornata.

Francine mi è caduta accanto. Era completamente senza fiato.

“Wooo. Mio Dio. È stato bello.” Lei dice. “Avevo bisogno di questo.”

Mi guarda profondamente negli occhi. “Sai che non ti punisco perché mi piace. Ti punisco perché voglio che tu sia l’uomo che so che sei. Ti amo. L’ho sempre fatto. Quindi devi lasciare che io sia al comando e lasciami essere nel controllo.” controllo. Lo capisci?” chiese.

“Sì signora.” Ho detto.

Si alza dal letto e va alla porta del vestito. Apre una lotteria ed estrae una frusta e una chiave. Lei si avvicina a me. Allenta il mio polso e le mie caviglie.

“Rotola a pancia in giù.” Lei chiese.

“Oh mio Dio. Per favore, non frustarmi. Mi comporterò meglio. Lo prometto.” Ho detto.

“So che lo farai. Ora girati a pancia in giù!” lei chiese.

Ho fatto quello che mi ha detto. Mi ha riapplicato le manette al polso e alle caviglie. Mi strofina delicatamente la frusta contro la schiena.

“Sei stato un ragazzaccio oggi. Parli del tuo ruolo di responsabile e uomo. Cos’è quello ? Ora vieni punito per aver ascoltato il tuo amico idiota. disse Francine.

Crepa!

Mi colpisce in mezzo alla schiena. La frusta annodata.

Crepa!

Mi schiaffeggia il culo. Continua a piovere colpi usando la frusta.

Crepa!

Crepa!

Crepa!

“Aaah! ” Ho urlato. Mi sentivo come se la schiena e le natiche fossero in fiamme.

Crepa!

Crepa!

Crepa!

Crepa!

Crepa!

Ho iniziato a piangere. Le lacrime mi rigavano il viso.

“Ancora 5 e avrai finito con questa punizione.” disse Francine.

Ho stretto i denti.

Gli ultimi cinque sono caduti più del altri.

Crepa!

Crepa!

Crepa!

Crepa!

Crepa!

Ho urlato con l’ultimo colpo di frusta. Mi bruciava la schiena. Ho avuto un dolore nel culo. Francine mi lasciò andare il polso e le caviglie. Ho usato le mie mani libere per asciugarmi le lacrime. Francine alzò frusta e chiave e si trascinò verso il letto.

Ci siamo messi sotto le coperte. È che laggiù mi strofina dolcemente la guancia e mi bacia. “Lo porterò al lavoro domani e lo andrò a prendere.” Lei dice.

“Sì signora.” Ho risposto.

Si sdraia per dormire. L’ho abbracciata e mi sono addormentata.

Il giorno successivo:

Mi sono svegliato con un profumo delizioso. Francine era in cucina a cucinare uova e pancetta. Aveva anche i biscotti. Mi alzo lentamente e vado in bagno. Una volta ho fatto i miei affari. Ho lasciato la stanza e sono andato in cucina.

La schiena e le natiche erano ancora doloranti. Francine mi aveva messo un morbido cuscino su una sedia. Entrai in cucina e mi sedetti sulla sedia che anche lei mi aveva indicato. Poi mi ha dato il mio piatto di cibo e mi ha dato un bacio sulla fronte.

“Wow, quello è buono.” Ho detto.

“Sì, lo è. Voglio condividere più momenti come questo, ma devi essere un bravo ragazzo per avere una relazione fantastica”, ha detto Francine.

“Va bene. Proverò meglio.” Ho detto.

Dopo aver fatto colazione, mi sono fatto una doccia. Francine ha corso due miglia. Quando sono uscita dalla doccia, Francine era tornata. Ha preso una bottiglia d’acqua e mi ha portato al lavoro.

“Va bene. Sii un bravo ragazzo oggi. Sarò qui alle 17:00 a prenderti oggi.” disse Francine.

“Ok ti amo.” Ho detto.

“Anch’io ti amo.” Lei rispose.

Se n’è andata. Sono arrivato e ho lavorato per 5 ore finché non abbiamo sentito il campanello del pranzo. Fred stava aspettando fuori. Mi sono avvicinato a lui.

“Cos’è successo ieri sera?” Ho detto.

“Scusa, amico. Non volevo farti aspettare, ma ho una buona cosa con Emily e non avevo bisogno che Francine lo rovinasse.” disse Fred.

“Beh, ieri sera ho fatto un casino con Francine per colpa tua.” Ho detto.

“Guarda, mi dispiace. Ci raggiungo stasera. Vieni alla mia festa e divertiti. disse Fred.

“Non credo che Francine approverebbe. Comunque oggi viene a prendermi. Penso che vorrebbe che passassi un’altra notte con lei.” ho spiegato.

Lui distoglie lo sguardo e poi torna da me. “Mentigli. Digli che hai una cena in famiglia ed eravate solo tu e la tua famiglia. Vestiti per ingannarla se lo fai anche tu. disse Fred.

“Ho già abbastanza problemi con lei. Non ho bisogno di un’altra punizione in questo momento.” Ho detto.

“Chi?” Fred era confuso.

“Qualsiasi cosa.” Ho risposto.

“Ascolta, questa sarà la festa dell’anno. Non puoi perderlo. Egli ha detto.

Sospirai. “Va bene. Ci sarò.” Ho risposto.

“Incredibile, sarà Fly.” disse Fred.

La campana suona. Entro dentro. Fred lasciami andare per primo. Sussurra a se stesso. “Punizione?”

Scuote la testa. Probabilmente si stava chiedendo che tipo di relazione di merda io e Francine avessimo. Ho cercato di mantenerlo segreto. Voglio dire, era il 1968. Immagina cosa direbbe la gente se scoprisse che Francine mi sta picchiando e facendomi leccare i suoi piedi. Diventerei lo zimbello della città.

Ho iniziato a pensare a quello che aveva detto Fred. So che prometto di fare meglio, ma posso vivere solo una volta. Diritto? Perché non dovrei mentirle? Non ha mai scoperto la verità. E se lo facesse E allora? Accetterei semplicemente la Mia punizione.

Sì, ero un allegro idiota. Ero impreparato agli eventi che stavano per accadere.

Ho finito il mio lavoro e Francine è venuta a prendermi alle 5 del mattino. Mentre se ne andava, decisi di iniziare a mentire.

“Devo andare a casa. Ho dimenticato di avere una cena in famiglia. Tu conosci solo me e la mia famiglia.” Ho detto.

“Oh.” disse Francine.

“Sì, mi dispiace.” Ho detto.

“Va tutto bene. La famiglia è importante.” Lei dice.

Mi guarda duramente. “Mi stai mentendo?” Ho chiesto.

“Cosa no. Certo che no.” Ho detto.

“Okay. Devo chiedere. So che Fred sta organizzando una festa. Non è altro che un branco di idioti ubriachi. Non voglio che tu vada.” Lei dice.

«No, non andrò alla festa di Fred. A dire il vero, sto andando a una cena in famiglia. Ho detto.

” Hai promesso ? Lei chiese.

“Si, lo prometto.” Ho detto.

“VA BENE.” Lei dice.

Mi porta a casa e mi lascia lì. La bacio prima di scendere dalla macchina. Entro e la guardo partire. Faccio una doccia, mi vesto e mi avvicino a Fred. Ricordo davvero solo le prime ore. La tua festa è stata così pazza. Tutti ballavano e si ubriacavano. Ero impegnato a giocare a bere tutta la notte. È stato incredibile. Quindi, verso le 11:00, è allora che le cose si complicano.

Mi sono svegliato con la peggiore sbornia di sempre. Ho sentito qualcosa vicino a me. All’inizio pensavo fosse Francine. La paura entra nella mia mente. Pensavo che sarei stato punito. Sono andato ad accendere la luce.

Con mio orrore e sollievo, non era Francine. Era il patrono di St. Paul Johnson. La testa della statua che fu posta al centro della città. La paura ha attraversato la mia mente.

Ho chiamato subito Fred. i telefoni 3 volte. Finalmente Fred risponde.

“Ciao Fred, sono io.” Ho detto.

“Ehi Michael. Emily mi ha appena chiamato. Qualcuno ha rimosso la testa della statua la scorsa notte.” Egli ha detto.

“Lo so. Quel qualcuno a quanto pare ero io.” Ho detto.

“Chi?” Lui pianse.

“Mi sono svegliato vicino alla testa della Statua. È ancora nel mio letto.” Ho detto.

“Merda! Aspetta, sto arrivando. Egli ha detto.

Riattacca il telefono. Ha impiegato 30 minuti per presentarsi a casa mia. Corre subito dentro. Gli mostro la testa della Statua. Comincia a farsi prendere dal panico.

“Okay. È un peccato, amico.” Egli ha detto.

“Dico.” Ho detto.

Entrambi abbiamo iniziato a camminare. Cercando di pensare a cosa fare. Sospirai.

“Amico, dovrò dirlo a Francine. Sono molto oltre la mia testa su questo.” Ho detto.

Fred mi guarda con rimorso. “Verrò con te. Tutta questa faccenda è comunque colpa mia. Non avrei dovuto dirgli troppe bugie.” Egli ha detto.

Mi sono vestito ed entrambi siamo saliti nell’auto di Fred. Siamo andati in biblioteca. L’intera città circondava la statua. La signora Smith stava gridando con rabbia alla folla. Qualcosa su Troublemakers. La folla esultava, quindi tutti hanno iniziato a cantare con la testa.

Come siamo passati. Fred mi guarda. “Oh. È la cosa peggiore che tu abbia mai fatto. Egli ha detto.

Mio Dio, ho pensato tra me e me. Sembra che stiano per iniziare una rivolta. Ci siamo fermati nel parcheggio della biblioteca. C’erano 2 auto dello sceriffo parcheggiate nel parcheggio. Scendo dalla macchina e guardo Fred. Si guarda indietro e fa spallucce. Siamo entrati in biblioteca.

Francine era seduta alla reception a parlare con lo sceriffo. Lei pianse. Mi vide e corse dritta tra le mie braccia.

“Oh mio Dio! È orribile Michael. Qualcuno ha decapitato la statua della mia famiglia.” Lei dice.

“Statua della tua famiglia?” ” Ho chiesto.

“Sì. Sai che sono un discendente di St. Paul Johnson. Questa statua è stata un regalo per la mia famiglia in città. Significava tutto per noi. Faresti solo una cosa?” Lei chiese.

“Hooligan, immagino. Ho detto.

Il mio cuore ha iniziato a battere forte.

“È vero !” gridò lo sceriffo. “Se mai catturerò questi bastardi, posso semplicemente portarli dietro l’angolo e batterli con un tubo da giardino.”

“Wow! Sembra estremo.” Ho detto.

“Oh no. Credimi, faccio questo lavoro da un anno e mezzo. Mi sono occupato di tutto, dalla vernice spray alle violazioni del codice della strada. Quei bastardi non impareranno mai.” Dillo sceriffo.

Lo sceriffo e il suo dovere lasciano la biblioteca.

“Ricordami di non chiamare mai pazzo questo ragazzo.” Ho detto.

“Sì, è un po’ matto, ma ha ragione. Sono così arrabbiato. Se scoprissi chi è stato, non saprei cosa fare”. disse Francine.

“Bene. Sono sicuro che chiunque l’abbia fatto è davvero dispiaciuto.” Ho detto.

“Scusa non è abbastanza. Quel bastardo deve pagare.” disse Francine.

Francine si rivolge a me. “Perché sei qui comunque? Hai già svolto il tuo servizio alla comunità qui il tuo ultimo giorno libero.” Lei dice.

“Perché devo dirti una cosa. Ieri sera non stavo cenando in famiglia.” Ho detto.

“Non dirmi che sei andato alla festa di Fred ieri sera!” disse con rabbia.

“No. Gli sarebbe piaciuto. È stata una festa pazzesca. No, stava facendo questa lettura per i bambini malati in ospedale.” disse Fred.

Guardo Fred confuso. Fred mi salutò.

“Hai letto ai bambini malati ieri sera?” chiese Francine.

“Ehm sì.” Ho detto.

“Perché non me l’hai detto? Sarei venuto con te.” Lei dice.

“Perché avevo paura di non sembrare cool o qualcosa del genere.” Ho detto.

“Sì. Come che tipo di perdente legge ai bambini malati. Ci sono così tanti zoppi.” disse Fred.

“Wow, devi scegliere i tuoi migliori amici perché è così nobile da parte tua.” disse Francine.

“Sì. Signor Noble, è così che mi chiamano.” dico nervosamente.

“Beh, devo tornare al lavoro. Voglio che tu venga stasera.” Lei dice.

“Sì, sono qui.” Ho detto.

Fred ed io abbiamo lasciato la biblioteca. Siamo saliti sulla sua macchina e siamo partiti.

“E adesso?” Ho chiesto.

Fred stava pensando. “Dobbiamo sbarazzarci delle prove. disse Fred.

“Beh, non posso semplicemente buttarlo via. Un spazzino potrebbe trovarlo, quindi sono bloccato. Le mie impronte digitali sono dappertutto.” Ho detto.

“Non possiamo rischiare di seppellirlo. Qualcuno potrebbe dissotterrarlo accidentalmente.” disse Fred.

“Potremmo provare a bruciarlo. Ho detto.

“Dovremo aspettare fino al calar della notte. Dovremo farlo da qualche parte nel bosco.” disse Fred.

«Francine si aspetta che io venga stasera. Ho detto.

“E l’unica strada.” disse Fred.

Poche ore dopo.

Era scesa la notte. Francine ha passato il suo tempo a preparare una cena molto romantica per me. Mi è stato detto che ha lavorato molto duramente lì. Aveva anche una bella bottiglia di vino rosso. Purtroppo non l’ho mai mostrato. Mi ha aspettato per 3 ore. Quando non mi sono mai fatto vivo, ha cercato di chiamarmi senza risposta. Poi ha provato a chiamare Fred. Ancora una volta Nessuna risposta. Comincia a chiedersi. Prende il telefono e chiama Emily.

“Ehi. Emily, hai visto Michael o Fred?” Lei chiese.

” No. Non li ho visti oggi. L’ultima volta che li ho visti è stata ieri sera. disse Emilia.

“La notte scorsa?” chiese Francine.

“Sì. Michael stava festeggiando con noi. Si è ubriacato così tanto. È tornato a casa con una delle seghe di Fred. Non sarei sorpreso se non lo ricordasse.” disse Emilia.

“Ok grazie.” disse Francine.

Francine ribolle di rabbia. Poi riattacca. Ripensa a ciò che Emily ha appena detto. Francine prende le chiavi della macchina e si dirige verso la statua nel centro della città.

…………….

Fred ed io abbiamo parcheggiato la sua macchina vicino alla foresta. Esco dalla macchina con la testa della statua in mano. Fred sta portando fiammiferi e liquido per accendini. Siamo entrati nella foresta. Fred ed io siamo entrati nel profondo dei boschi. In effetti, siamo andati dall’altra parte della foresta senza rendercene conto.

……………………………..

Il signor Smith e la signora Smith stavano tornando a casa dopo una piacevole notte in città.

“Non lo facevamo da molto tempo.” disse il signor Smith.

“Lo so. È stato divertente. Sarà ancora più divertente quando ci trasferiremo in Florida in primavera”. Ha detto la signora Smith.

“Merda sì. Lo faremo più spesso. disse il signor Smith.

“Assolutamente.” rise la signora Smith.

“Ehi, sai qualcosa che non abbiamo fatto da quando eravamo adolescenti.” Ha detto il signor Smith.

“Chi?” chiese la signora Smith con un sorriso.

“Vai a parcheggiare?” disse il signor Smith.

“Oh, signor Smith, lei è cattivo.” Ha interpretato la signora Smith.

Mr. Smith Parks vicino a una zona boscosa.

……………………………..

Francine arriva alla Statua. Si guarda intorno. Esce dall’auto con una torcia. Lei guarda ovunque. Infine, punta la luce del Flash su alcuni cespugli che si trovavano di fronte alla statua. Qualcosa riflette la luce. Francine guarda tra i cespugli e trova una sega. Sale in macchina e se ne va.

………………………..

Fred ed io ci siamo fermati. Ho rovesciato la statua. Fred gli lancia addosso del liquido più leggero.

“Ehi. Prima dovremmo accendere un fuoco?” Ho chiesto.

” No. Ci vorrà molto più tempo. Qual è il peggio che può succedere? disse Fred.

Accende un fiammifero e lo lancia in testa alla statua. Improvvisamente, le fiamme esplodono. Le foglie secche vicine iniziano a prendere fuoco.

“Oh merda!” Ho urlato.

Io e Fred abbiamo cercato di spegnere l’incendio. Abbiamo provato a calpestarla e ad usare le nostre giacche per spegnerla. Alla fine Fred finì di prendere a calci la statua in testa.

…………………..

Il signor Smith ha avuto rapporti sessuali con la signora Smith. Era seduto sul sedile posteriore.

“Guardare il tuo bel viso è come vedere una luce fireweed che viene dritta verso di noi.” disse il signor Forgeron.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *