The Neighbors’ Pet Slut Ch. 06 – BDSM

di | 21 de Giugno, 2022

Ciao, sono Jenny e sono un cane da compagnia. È passato un mese, tre giorni e sette ore dal mio ultimo orgasmo. Doverlo ammettere mesi fa sarebbe stata un’agonia. Ora, tuttavia, ora sono completamente investito nella soddisfazione sessuale dei miei proprietari.

I miei genitori sono tornati a casa tre giorni fa. L’ansia che provavo per il loro ritorno era quasi insopportabile. Mi ha distratto dai compiti. Mi vergogno ad ammettere che sono stato povero nel compiacere i miei proprietari.

Le prime volte ho ricevuto delle punizioni. Non mi era permesso toccare i miei proprietari. Non avevo il diritto di compiacere i miei proprietari. Mi hanno detto quanto erano infelici con me. Mi ha schiacciato.

Tuttavia, ci è voluto solo un giorno per rendersi conto che qualcosa non andava. La signora Reynolds mi legò, nuda, a pancia in giù, con l’aquila sdraiata sul mio letto di casa. La mia casa, non la loro casa, la casa dei miei genitori. Sapevo solo che mi avrebbero rifiutato. Stavano per finire le cose.

Invece, hanno fatto il contrario. Si sono seduti su entrambi i lati di me e mi hanno sondato. Non così, pervertiti malati, hanno fatto un’indagine emotiva. Mi hanno fatto tutte le domande giuste e mi hanno fatto ammettere la mia paura: perderle quando i miei genitori tornavano a casa.

Con mia grande gioia, quello non era il loro piano. Invece, hanno semplicemente spiegato che sarebbero stati più creativi. Per rassicurarmi, la signora Reynolds si è messa a cavalcioni sulla mia faccia mentre il signor Reynolds mi ha fottuto il culo. Si sono baciati sul mio corpo di puttana finché non se ne sono andati entrambi.

Dato che quella notte ho dormito per la prima volta nel loro letto, quando sono tornato dai miei genitori mi stavano aspettando le nostre lenzuola del sesso. Non volevo che la fantasia finisse. Non potrei essere più sbagliato. Non si fermava quando i miei genitori tornavano a casa. Sicuramente ha fatto un salto di qualità.

Mia madre, la donna ingenua quale era, credeva che ogni mattina andassi dai Reynolds per insegnare a Mrs. Reynolds. In effetti, ho continuato la mia routine mattutina. Ho imparato che prospero sulla struttura.

Di notte, i miei genitori pensavano che passassi del tempo con gli amici. In effetti, le mie notti trascorse con i miei maestri. Li ho intrattenuti come desideravano. Ho continuato a indossare i plug anale, ma più piccoli, in modo che i miei genitori non si accorgessero del mio ondeggiare. A meno che non fossi con i miei proprietari, è lì che ho continuato la mia formazione, come indicato dal signor Reynolds.

La prima domenica che i miei genitori sono stati a casa è stata interessante. Ho dovuto eliminare la routine mattutina perché dovevo andare in chiesa con i miei genitori. Quindi, dopo che la signora Reynolds è stata soddisfatta, sono corsa al piano di sotto e ho trovato il signor Reynolds che sorrideva al piano di sotto con le mani dietro la schiena.

“Ti sbrighi così presto, puttana?” chiese con un accenno di intenzione.

Deglutii, preoccupato subito di averlo dispiaciuto. “Mi perdoni, signor Reynolds.” Lo guardai, in piedi sul gradino più basso. Ha reso la mia vita più grande della sua. Non era una posizione comoda per me. “Devo andare in chiesa”.

“Senza la tua ispezione?” Lui tské.

Le mie mani erano dietro la schiena. Li ho spremuti e rilasciati nervosamente. “Signor Reynolds, abbiamo discusso di questo e di come non sarei stato in grado di adempiere pienamente ai miei obblighi domenica”.

“Girati, puttana.” Chiese.

Gemo, ma obbedisco. “Sì, signor Reynolds.”

“Sarà una breve ispezione. Sarei negligente se non ti facessi una breve ispezione, mia cara.” Disse con una mano sulla mia parte bassa della schiena. “Curva.”

Ho fatto quello che mi è stato detto. Ho messo le mani sul gradino più alto e ho allargato le gambe. C’era un metallo di medie dimensioni, un tappo gioiello, nel mio culo.

Ho sentito il signor Reynolds tirarmi il culo. Le mie guance sono diventate rosse e ho abbassato la testa. Il mio pene è già bruciato dalla signora. Reynolds prima. Sapevo che le mie labbra gonfie della figa brillavano del mio bisogno.

Il signor Reynolds spinse la spina e io gemetti immediatamente. Le mie gambe erano traballanti. Se volesse scoparmi sulle scale, non lo fermerei. Non potevo fermarlo. Ho mosso il mio culo invitante.

Il signor Reynolds scoppiò a ridere. Ho sentito le sue dita afferrare il tappo e ha pompato diverse volte prima di estrarlo. Deglutii, sentendo il mio buco espandersi e poi stringersi di nuovo.

“Che carino. Hai un piccolo sbadiglio, cagna.” Guardò il suo dito tracciare il mio anello anale.

Gemetti e appoggiai la testa sul gradino, rilasciando le mani. Ho allungato la mano e ho allargato le guance verso di lui, dandogli una visione migliore del mio buco increspato.

“Sei proprio una brava puttana.” Ha elogiato e ha accarezzato il mio ego e la mia eccitazione.

Il signor Reynold ha fatto scorrere il dito dal mio clitoride sporgente, sulle mie labbra allargate della figa e fino al mio buco del culo ben lubrificato. Affondò le sue due dita senza alcuna resistenza. Mi chinai sui gradini ed emisi di nuovo un gemito sensuale.

Mi ha fottuto il culo con alcuni colpi di dito prima che sentissi la prima vescica entrare in me. Ho preso un respiro profondo, non aspettandomi che mi riempisse di nient’altro che di una spina. Il mio corpo tremava mentre mi guidava una palla più grande dentro. Le mie ginocchia si piegarono mentre lui lo tirava via con un altro schiocco.

“Cosa non darei per fotterti quel culo prima che tu potessi sederti in quella chiesa con il mio sperma che gocciola da te.” sussurrò, e io rabbrividii dal bisogno. Volevo anche quello. Volevo il suo sperma dentro di me, dentro di me, volevo tutto.

«Per favore, signor Reynolds», lo pregai.

Il signor Reynolds mi ha schiaffeggiato mentre rideva. “Bene, insetto.”

Un altro po’ di pressione prima di strillare e la palla di medie dimensioni di nuovo nel mio ano. Il mio culo era pieno. Tuttavia, sapevo che sarebbe successo di più. Ho sentito la spessa bacchetta di gomma tra i proiettili.

Ho sentito la pallottola più grande contro la mia apertura. Il signor Reynolds gli ha applicato una generosa quantità di lubrificante. Chiusi gli occhi e cercai di regolare il respiro. Mi sono preparato per il tuo ingresso.

Ha bruciato. allungato. È entrato a metà e io ho lanciato un grido. Il signor Reynolds mi ha massaggiato la parte bassa della schiena e si è ritirato.

Non direi che sono un professionista dell’anale o altro, ma potrei praticamente gestire la circonferenza. Al signor Reynolds piaceva guardare il mio buco allungarsi. Adorava riempirmi il culo di grandi giocattoli e vedere quanto fosse bagnata la mia figa.

Come se fosse al momento giusto, il signor Reynolds ha allungato una mano tra le mie gambe e mi ha pizzicato il clitoride gonfio. “Ah.” ho rabbrividito.

“Sii una brava puttana e forse puoi venire oggi.” ha scherzato.

Spostai di nuovo i fianchi, desideroso di qualunque cosa mi avrebbe dato. Volevo questo orgasmo più che respirare. Non mi importava cosa avrebbe fatto al mio corpo per ottenerlo.

Il signor Reynolds ha continuato a pizzicare e premere il mio clitoride. Ho sentito le gocce di sudore formarsi alla radice dei miei capelli mentre spingeva e tirava la grossa palla che minacciava di strapparmi l’anello anale. Potevo sentire di più ogni volta che spingeva. Si stava allontanando lentamente.

La mia testa stava nuotando per l’edonismo quando finalmente l’ho sentito affondare. Mi ha ingoiato il culo. Il mio buco non si è ostruito. Lo so perché il tuo dito ha tracciato il mio bordo.

“Bellissimo cagnolino. mormorò il signor Reynolds.

Mi diede una pacca sulla schiena, il segnale che dovevo alzarmi. Barcollai e lui mi sorresse. I miei occhi incappucciati non incontrarono i suoi. E mi ha tirato a terra. Ero nel subspazio eccitato del suo gioco anale.

Avvolse le braccia attorno al mio corpo nudo e mi tenne. Mi accarezzò i capelli e mi sussurrò all’orecchio il suo apprezzamento per me. Non mi ci è voluto molto per tornare alla realtà. Mi ha aiutato a indossare un vestito estivo che ha tirato sopra la mia testa.

Non appena ho varcato la porta, la signora Reynolds ha gridato dalla cima delle scale: “Aspetta!”

Ho cambiato. Le palle dentro di me vibravano leggermente con il movimento e sussultavo. Il signor Reynolds sorrise consapevolmente e con disprezzo.

La signora Reynolds mi fece un cenno che non riconobbi mentre scendeva le scale. Inoltre, il suo vestito era aperto. I suoi seni cadenti ondeggiavano. Il suo stomaco si contrasse. Ho l’acquolina in bocca. Ero eccitato per una donna di mezza età.

Una volta sull’ultimo gradino, spinse un gomitolo di pizzo nero. “Pet, puoi usarlo mentre sei in servizio.” annunciò, leggermente senza fiato.

La guardai senza capirla del tutto. Presi quello che mi porgeva e li guardai. Mi vergogno ad ammettere di non aver riconosciuto le mutandine quando le ho viste subito.

I Reynolds hanno riso della mia confusione non appena me ne sono reso conto. Tenendo in braccio la signora Reynolds, il signor Reynolds mi ha aiutato a far scivolare le cose di pizzo lungo le mie cosce. Il perizoma si è annidato tra le mie natiche. Con mia sorpresa, un tamburo di plastica dura premette contro il mio clitoride.

La signora Reynolds sorrise e agitò un telecomando. “Vai ad amarlo, cagna.” Sbatté le palpebre.

“Sì. Signora Reynolds. Grazie, signora Reynolds.” Ho detto che non ero sicuro di cosa stesse succedendo. Mi sono rivolto al signor Reynolds. “Grazie, signor Reynolds, per avermi riempito il culo.”

Il signor Reynolds annuì.

Non ho lasciato la loro casa, ma di certo ho fatto qualche passo imbarazzante. Tra la dimensione di ciò che era dentro di me e le vibrazioni di loro che si uniscono, quasi sborro mentre tornavo a casa.

“Non sembri tutto sudato.” mia madre ha commentato mentre varcavo la porta.

Immediatamente, la mia faccia arrossì. “Scusa” borbottai.

“Beh, non abbiamo tempo.” disse con un cipiglio serrato. “Faremo tardi per il servizio.”

Mentre mi spingeva verso la porta, mio ​​padre la seguì. Nel momento in cui sono salito sul sedile posteriore dell’auto, la radio ha cliccato su una stazione rock cristiana e le mie mutandine hanno preso vita. Sussultai per la sorpresa e presi l’orlo del mio prendisole, stringendo i pugni.

“Come sta la principessa? chiese mio padre mentre faceva retromarcia.

Scossi la testa mordendomi il labbro. Ho combattuto l’impulso di muovere i fianchi. Il mio culo pieno, la mia figa che vibra, il tallone di metallo che stuzzica il mio clitoride gonfio, ero stordito. La chiesa sarebbe l’inferno se questo continuasse.

Fortunatamente, è durato solo un minuto o due prima che la vibrazione si interrompesse. Ho fatto un respiro profondo. I miei proprietari erano cattivi. I miei padroni di casa erano disonesti. Mi piacevano.

Sedersi accanto ai miei genitori in chiesa era un’agonia. Ogni volta che il coro cantava, anche il mio clitoride. Ogni volta che il gruppo ripeteva le parole del pastore, il mio corpo ondeggiava dal bisogno. Lo sbattimento delle sue mutandine mi ha fatto vedere le stelle.

Le dita dei miei piedi si arricciavano, il mio corpo ronzava, ed ero sicuro che chiunque mi avesse guardato avrebbe visto i miei capezzoli che spuntavano dal tessuto sottile del mio prendisole. Tuttavia, quella era l’ultima delle mie preoccupazioni. Ero abbastanza sicuro che la parte posteriore della mia vestaglia fosse intrisa di eccitazione a metà del sermone. Come ti direi di andartene con il culo bagnato? La vergogna mi ha illuminato le guance.

Fu l’ora più dolorosa della mia santa vita. Volevo camminare, con le gambe traballanti, dietro i miei genitori non appena il servizio fosse finito. Gli estranei potevano vedere i segni della mia troia se mi guardavano il culo e non mi importava. Non volevo che i miei genitori lo sapessero.

“Bob!” gridò una voce familiare dalla folla. “Sposato!”

Mi sono girato nella direzione. Il mio cuore ha avuto un sussulto. Il signor Reynolds ci salutò con la mano. «È Mark Reynolds? sussurrò mio padre.

“Sì,” risposi, appena udibile. Ero tra l’eccitazione di vederlo e la confusione. Non sono venuti in chiesa.

“Io penso che sia.” proclamò mia madre.

Con mia grande sorpresa, i miei genitori andarono a trovarlo. Ho seguito alla cieca. Volevo stare con il mio padrone. Volevo scopargli la gamba. Volevo pregarlo di scoparmi senza motivo. Vorrei che i miei genitori non avessero assistito a tutto questo.

Dopotutto, ero una puttana vergognosa, ma anche io avevo dei limiti. Tuttavia, ero molto eccitato in chiesa. Non. No, non me lo sognerei nemmeno.

“Che bello vederti. Ci sei mancato in servizio.” Mia madre ha quasi cantato.

Il signor Reynolds sorrise loro, ma i suoi occhi si concentrarono su di me. Ho sussultato quando le mutandine hanno preso vita. I miei occhi si spalancarono e il suo sorriso crebbe anche mentre rivolgeva la sua attenzione ai miei genitori.

“La sorella di mia moglie è malata. Abbiamo promesso di venire a pregare per lei. Lui ha spiegato.

Ho cercato di concentrarmi sulla conversazione, ma non ci sono riuscito. Invece, la mia mente è andata alla mia figa. Era per il mio culo. Il mio cazzo era in fiamme. Avevo bisogno. Mi morsi il labbro inferiore mentre la perla contro il mio clitoride ronzava senza sosta.

«Devo andare in bagno», annunciai disperato.

I miei genitori si sono rivolti a me con sguardi perplessi.

La vibrazione si è fermata. “Vedi se puoi sbrigare mia moglie.” Il signor Reynolds sbatté le palpebre.

Certa che la mia figa mi fosse scesa lungo le gambe, mi diressi verso il bagno. Una volta dentro, ho sbattuto la schiena contro la porta fredda. Chiusi gli occhi e cercai di scendere a causa del calore tra le gambe.

“Così gentile da parte tua di unirti a me, cagna.” tubò la signora Reynolds.

I miei occhi si sono aperti e ho trovato la Sig. Reynolds con un vestito a fiori fino agli stinchi e una piccola borsa bianca nell’incavo del braccio. Ho deglutito a fatica. Non è stata una coincidenza. Sono caduto in ginocchio senza curarmi di chi fosse in bagno.

«Signora Reynolds», dissi seccamente.

Lei mi sorrise. Fece un passo verso di me e mi accarezzò la guancia. “Sembri rosso, animale domestico. disse con beffarda preoccupazione.

Le mie guance sono diventate rosse. «Signora Reynolds, sono eccitato. Signora Reynolds, il plug, le mutandine, sono vicino alla signora Reynolds. Ho fatto del mio meglio per essere un buon animale domestico, signora Reynolds. Lascio andare senza vergogna.

Mi passò le dita tra i capelli e mi guardò divertita. “Cosa vuoi, puttana?”

«Per prendere in giro la signora Reynolds», ammisi liberamente.

“Quali sono le regole sull’eiaculazione per le cagne come te?” chiese la signora Reynolds con un po’ di rimprovero mentre lui mi strinse forte il mento.

«Per mettere al primo posto i miei padroni, signora Reynolds», risposi.

La signora Reynolds annuì e mi lasciò il mento. Si allungò e chiuse a chiave la porta del bagno. Poi ha fatto marcia indietro per essere contro il muro. Lei allargò le gambe e indicò tra loro il terreno,

Non ho perso tempo. Strisciai e infilai la testa sotto il suo vestito. Indossava mutandine e questo non mi ha fermato. Ti ho leccato le cosce. Ho baciato nella sua pila di mutandine. Ho risucchiato i tuoi succhi attraverso il tessuto.

Lo svolazzare tra le mie gambe è ricominciato e ho lottato in aria. Non mi importava. Ero una puttana. Ero una puttana. Ero il beniamino dei miei maestri e mi piacevano.

Le mordicchiai le labbra inferiori e ascoltai la Sig. Reynolds fa un respiro profondo. La sua mano è venuta dietro la mia testa e ha spinto il mio cazzo più a fondo contro il suo. Ho usato la mia lingua per separare le sue mutandine. Ti ho leccato le pieghe. Ho succhiato le sue labbra interne. La signora Reynolds ha resistito.

La mia lingua ha lavato l’intera lunghezza della sua fessura diverse volte prima di girare intorno alla sua apertura. La signora Reynolds sibilò di piacere mentre la mia lingua premeva contro il suo clitoride. Le ho leccato il clitoride; Ho sigillato le mie labbra intorno a lui, ho succhiato.

Ho fatto tutte le cose che la signora Reynolds mi ha insegnato per compiacere. Per tutto il tempo, i miei stessi gemiti ansiosi vibravano attraverso di me mentre l’intensità della vibrazione fluttuava.

“Basta così,” disse la signora Reynolds senza fiato.

Sono uscito deluso. Non l’avevo ancora convocato. Tuttavia, a lei non sembrava importare. L’ho fatto. Volevo accontentare il mio padrone di casa. Non mi importava che fossimo in chiesa. Volevo che venisse. Avevo bisogno che lei venisse. Doveva venire prima che io potessi venire.

“Vai laggiù e inchinati.” Indicò la tenda accessibile.

Ho strisciato. Le palle nel mio culo si mossero e mi fermai per un momento. Era quasi troppo. Ero così pieno. Temevo che cadessero.

Una volta dentro la cabina, mi sono alzato. Io ho ho messo le mani sul water, che per fortuna era pulito, e ho allargato le gambe. La signora Reynolds era dietro di me e mi ha massaggiato il culo.

Il mio vestito era alzato, ma non abbastanza per essere volgare. Dopotutto, ero in chiesa. Lo sollevò per espormi. L’aria fredda solleticava la mia figa gonfia e bisognosa. La signora Reynolds mi ha tirato giù le mutandine.

“Apri, cagna.” Lei fischiò.

Ho aperto la bocca e ho trovato il mio sapore pungente in bocca mentre si infilava le mutandine. Era strano con la batteria, ma l’ho fatto funzionare. Volevo compiacere la signora Reynolds.

La signora Reynolds mi ha toccato le labbra della figa. Le mie ginocchia hanno ceduto un po’. Ero super sensibile da tutta la stanza. Ha spinto il mio clitoride e la perla ci è scivolata sopra. Mi sono lamentato mutandine. Lei rise.

Ho sentito il clic della sua borsa aprirsi. L’ho sentita agitarsi un po’. Così mi sono sentito.

Difficile. Plastica. Vibrazione. La signora Reynolds ha immerso un vibratore dentro di me, dentro di me. Ho pianto nelle mutandine che hanno soffocato le mie grida. Mi sono venute le lacrime agli occhi. Mi stava scopando. La signora Reynolds mi stava scopando nel bagno della mia chiesa.

Si staccò e gemette. Mi penetrò di nuovo. Mi ha afferrato i fianchi e mi ha tirato avanti e indietro. Ho guidato l’invasore di plastica come se la mia vita dipendesse da questo. Non ci vorrà molto prima che io esploda.

Mi lamento nel mio panty gag. Aveva bisogno di venire. Non potevo venire senza che lei andasse prima.

La signora Reynolds ha continuato a gemere mentre mi spingeva forte dentro. La sua mano avvolse il mio fianco e mi pizzicò forte il clitoride. I miei occhi si spalancarono e piansi nel mio bavaglio.

Mi ha tirato brutalmente il clitoride. Mi ha fottuto forte. Ho quasi perso l’equilibrio diverse volte. Se non fossi stato attento, la mia testa sarebbe affondata nel gabinetto.

La signora Reynolds mi ha avvolto i capelli attorno al polso e mi ha tirato indietro la testa. Il vibratore si è infilato in profondità nella mia figa con il mio culo contro il suo bacino. Si chinò in modo che la sua bocca fosse contro il mio orecchio. Mi ha morso il lobo e io ho rabbrividito.

“Sono così vicino, cagna. Resta qui. Mi dà una buona pressione sul mio clitoride. Una volta che arrivo, i colpi possono venire su tutto il mio corpo. ” Mi fece le fusa nell’orecchio in un sussulto afoso che quasi mi dissolse.

“Sì,” ho borbottato intorno al mio panty gag. “Sì Mf-f. Reyfolds.”

Lei rise e mi tirò i capelli più forte. Lei alzò i fianchi e io feci lo stesso. “Fanculo cagna. Fanculo cagna. Fanculo, cazzo, cazzo.” mi sussurrò all’orecchio. Sussultò e il suo respiro caldo mi solleticava la pelle.

Rabbrividì dietro di me. La signora Reynolds si stava divertendo. Ho spinto il vibratore. Il cervo che ha chiamato.

Appena scesa, la sig. Reynolds mi ha lasciato andare i capelli e mi ha schiaffeggiato il culo. “Dannazione puttana, non ho tutto il giorno. Hai un minuto per uscire. Se non lo fai, non è colpa mia.”

Pazzo di bisogno, spingo il finto cazzo. L’ho baciata follemente. La signora Reynolds ha fatto rotolare il mio clitoride tra le sue dita. Ha pizzicato, ha tirato. Gemevo e il mio orgasmo mi scuoteva.

Ho visto le stelle. Ho urlato. Il bavaglio non poteva nascondersi. Mi ha coperto la bocca mentre lo facevo. Le mie ginocchia hanno ceduto e la signora Reynolds mi ha tenuto. Ho cavalcato il suo cazzo e il mio piacere per quella che sembrava un’eternità.

La signora Reynolds, non appena ebbi finito, mi condusse gentilmente sul fresco pavimento piastrellato. Mi tenne per alcuni minuti mentre iniziavo a scendere. Mi ha accarezzato i capelli e ha elogiato la mia troia.

Poi la signora Reynolds si alzò. Il suo vestito era sopra i fianchi e un lungo dildo viola le spuntava tra le gambe. Lei lo indicò. Mi sono inginocchiato, mi sono tolto immediatamente il bavaglio dalle mutandine e ci ho fatto scivolare la bocca sopra.

Ho quindi notato che mentre questo lungo pezzo sporgeva dal suo bacino, un altro pezzo scomparve all’interno della sua apertura. Per prima cosa ho pulito il mio giocattolo dell’orgasmo. Quindi mi sono chinato e le ho leccato l’apertura.

Ha tolto la lampadina dalla figa e me l’ha infilata in bocca. Ho succhiato anche per pulire il suo orgasmo. Sono tornato alla sua figa e lei ha riso. “Piccola puttana ansiosa.” Mi ha spinto via la testa.

Mi inginocchiai sul pavimento del bagno della chiesa, senza mutandine, i suoi succhi luccicanti sul mio viso. Ero pieno per la prima volta dopo tanto tempo. Mi ha accarezzato la guancia.

“Ora vado via. Pulisci.” Mi ha chiesto mentre prendeva le mie mutandine e le metteva nella borsa insieme al vibratore. “Seguimi per trovare i tuoi genitori.” Sbatté le palpebre.

La signora Reynolds ha aperto la porta con me ancora inginocchiata sul pavimento. Ho aspettato che uscisse dalla stanza prima di alzarmi. Ho guardato allo specchio il mio riflesso.

Il trucco mi ha macchiato la faccia. I miei capelli erano arruffati. Ho sorriso. Sembravo una cagna appena fottuta. Ero una cagna appena fottuta; un cane da compagnia. Volevo indossarlo con orgoglio, ma mi è stato detto di pulirlo. Quindi ho fatto come da istruzioni. Sono una brava cagna per i miei vicini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *