The Photo Shop Ch. 19 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Sebbene ogni capitolo sia una storia a sé stante, puoi divertirti di più iniziando dal capitolo 1, poiché potrebbero esserci riferimenti a personaggi o eventi accaduti nei capitoli precedenti. Tutti i personaggi che svolgono attività sessuale nelle storie hanno 18 anni o più.

Capitolo 19: Tanja e Vagina.

Il resto della settimana è andato abbastanza bene, ma venerdì alle sei stavo diventando un po’ nervoso quando ho aspettato l’arrivo di Tanja. Dopotutto, era una forza da non sottovalutare: leader del club BDSM locale e maestra, tra le altre cose, di Astrid, e chi altro? Proprio mentre stavo per chiudere il negozio, è entrata, trasudando autorità, un abito nero con una gonna a tubino al polpaccio. Ho appena visto un reggiseno nero sotto la giacca, calzini neri e scarpe nere con un tacco di 12 cm che la rendevano più alta di me.

“Buonanotte Lew, pronto per l’ispezione?” »

“Devo giocare e giocare il ruolo di sostituto“, Mi chiedevo, “No, non credo».

“Ciao Tanja e benvenuta; andiamo dritti nel seminterrato?”

“Sembra buono.”

Scendemmo la scala rotonda di metallo che portava al seminterrato e, poiché dovevo accendere la luce per l’ispezione di Tanja, mi spostai avanti. Una volta di sotto, si guardò intorno.

“Eccellente, vedo che il pavimento è stato realizzato in calcestruzzo gettato come richiesto; dà una superficie molto liscia, facile da rimuovere eventuali fluidi corporei che potrebbero entrarvi. Le pareti sono state lasciate così come sono, cemento grezzo, ottimo. Ora diamo un’occhiata alla parte elettrica”.

“Elisa mi ha detto che i comandi sono qui nell’angolo, tutti integrati in questo posto di comando.”

Dopo le spiegazioni di Elisa, sono riuscita a controllare alcuni giocattoli, come i verricelli, l’impianto audio e molta luce, che era molto simile a quella che avevo al piano di sopra nello studio fotografico.

“Beh, che ne dici di vestirsi e pulire, mmhmm, vedo che hanno costruito uno spogliatoio, spero secondo le mie specifiche, diamo un’occhiata, sì, molto bene. Eccellente mi piace. Hai pagato i conti per Jack e l’idraulico ?”

“Sì, ho Tanja, i suoi prezzi erano molto ragionevoli.”

“Sarebbe stato meglio se volevano rimanere membri del club. Quindi vediamo cosa possiamo installare dove”.

“Vuoi installare più cose?”

“Ovviamente questi sono gli articoli di base che trovi in ​​tutti i normali magazzini, ora dobbiamo spostare i giocattoli più specifici di cui abbiamo bisogno.”

“Oh, e quali sarebbero?” »

“Beh, abbiamo bisogno di una croce di Sant’Andrea, una panca per sculacciare, un palo da frustare, uno o due altalene sessuali, diverse scatole di contenimento, una prigione e una sedia da ginecologia, un grande divertimento per gli appassionati. Questi sono quelli grandi, quindi abbiamo bisogno di armadietti per riporre attrezzi da sculacciata come una varietà di code Cat-O-Nine, remi, fruste da equitazione e attrezzi di ritenuta e catene, pinze per capezzoli e ventose, di cui ti ho parlato l’altro giorno; abbiamo delle buone pinze per capezzoli giapponesi con pesi diversi in la nostra collezione.”

“Wow, basta così.”

“Oh, è tutt’altro che tutto, abbiamo anche una macchina per la merda molto avanzata, diversi tipi di dildo e tappi, tonnellate di lubrificante, oh, e una scatola soffocante e una sedia, barre di sollevamento, tonnellate di corda, candele. ha bisogno di molto spazio di archiviazione per mettere tutto dentro; ho intenzione di convincere qualcuno a crearci un po’ di più ora che abbiamo abbastanza spazio per metterli”.

“Ecco perché manca ancora qualche settimana all’inaugurazione?”

“Sì, inizialmente ci vorranno diverse settimane per spostare qui le nostre cose esistenti e installare gli armadi e gli strumenti aggiuntivi”.

“Okay, penso di aver visto tutto.”

“Benissimo, potrei invitarti nel mio appartamento per un aperitivo forse?”

“Suona fantastico, ti parlerò un po’ del nostro modo di vivere, quindi per favore mostraci la strada.”

Una volta nel mio appartamento, ho offerto a Tanja un bicchiere di champagne.

“Come sei finito in questo modo di vivere? »

“È una storia lunga e complicata”.

“È ancora presto, quindi per favore dillo.”

“Non mi piace entrare nei dettagli, ma basti dire che sono cresciuto in una famiglia in cui mia madre aveva una serie di partner violenti, alla maggior parte dei quali non piaceva davvero che fossi in giro. Un’infanzia solitaria e spaventata Sono scappata di casa quando avevo diciotto anni con l’aiuto di una specie di anziano hippie e mi sono trasferita nella sua comune “d’amore” dove c’era sesso gratis per tutti. È lì che sono stato adeguatamente introdotto nel mondo del BDSM, all’inizio come schiava, ma a diciannove anni sono diventata un’amante».

“Non è stata un’infanzia molto bella quella che hai avuto allora, anche se questo spiega il tuo atteggiamento, specialmente nei confronti degli uomini”.

“Sì, ma quando vedo un bravo ragazzo come te, riconosco che non tutti gli uomini sono bestie e stupratori, ma i ragazzi come te sono rari. Mi chiedevo come sei diventato così amichevole con le donne?

“È anche una bella storia, è iniziata con la perdita della mia verginità all’età di diciotto anni a causa di una donna di trentasei”.

“Il doppio della tua età, notevole.”

“Sì, sembra esserci uno schema con questi numeri, diciotto, trentasei, settantadue; l’ultimo che voglio assolutamente ottenere.”

“Ma per favore, potresti condividere la tua storia con me?”

“No certo che no.”

Ho raccontato a Tanja tutte le mie avventure con Alicia e come la vedo ancora a volte. Quando ebbi finito, era ora di andare al ristorante Deer Hunter, probabilmente di nuovo per scatenare un altro giro di pettegolezzi del villaggio su di me con un’altra donna single. Abbiamo apprezzato l’ottimo cibo e vino che il posto aveva da offrire, abbiamo esagerato un po’ sui piatti che abbiamo selezionato, ma ehi Tanja stava pagando e le ho lasciato scegliere la parte più costosa, il vino. Dopo cena, Tanja mi ha invitato a casa sua per un drink. Fantastico, ho pensato, posso vedere dove e come vive, spero che questo mi dia una visione migliore della sua vita privata perché, dopotutto, per me è rimasta un mistero. Ero seriamente sorpreso. Entrando nel suo appartamento in stile loft, la prima cosa che ha attirato la mia attenzione è stata una gabbia d’acciaio con dentro una giovane donna nuda sulla ventina.

“Prima che tu lo chieda, è la mia schiava, e io la chiamo Vag, abbreviazione di Vagina. È totalmente dedita alla mia vagina, dandole piacere, pulirla, coccolarla. Vag, puoi uscire dalla sua figa. “

“Grazie signora, c’è qualcosa che posso fare per lei?”

“Nessun Vag starà al suo posto e sarà un bellissimo ornamento.”

“Sì signora.”

Vag si avvicinò a uno dei pilastri della stanza e tenne le braccia contro il pilastro di fronte alla stanza e guardò dritto davanti a sé con occhi ciechi come in trance.

“Cosa vorresti bere, o vorresti ispezionare Vag un po’ più da vicino?”

“Non mi dispiace se faccio Tanja, sono un’amante della bellezza femminile e da quello che vedo di lei è molto carina. Oh e sarebbe carino il brandy se ne avessi un po’?”

“Vai avanti, chiedile di fare quello che vuoi; puoi anche toccarla se vuoi.

“Vag, Lew ti ispezionerà e tu gli permetterai di fare questo, e poi farai quello che vuole.

“Sì signora.”

Avvicinandomi a Vag ho potuto vedere quanto fosse bella, il suo viso era classico come alcune delle star del cinema degli anni ’40, pelle bianca come il latte impeccabile, niente piercing, niente tatuaggi, tette succose, quasi nessuna areola e solo un piccolo capezzolo ciascuno , uno stomaco piatto e tonico e un ombelico seducente, sotto il quale, il suo mons veneris era leggermente sollevato, scorrendo nella fessura ben chiusa della sua figa, con belle cosce e gambe sotto i piedi tonici e belli con unghie dipinte di rosso. , dello stesso colore delle tue unghie. Le ho toccato leggermente il capezzolo destro che è subito balzato sull’attenti, era chiaro che era un po’ eccitata, o per colpa mia o perché il suo proprietario era lì, non ne avevo idea. Volevo una conferma che si stesse un po’ eccitando, così ho fatto scivolare leggermente il dito dell’altra mano sulla sua fessura, su e giù, su e giù, gemeva appena percettibile; Penso che non volesse che Tanja sentisse.

Mi guardò dritto negli occhi e annuì leggermente, appena percettibilmente, come per dire sì, per favore ditami, lo voglio, ne ho bisogno. Era tutto ciò di cui avevo bisogno per muovere il dito tra le sue labbra esterne per solleticarle il culo, sentendo immediatamente l’umidità della sua figa. È stato facile infilare il mio dito nel tuo stretto canale d’amore, estraendo un altro gemito represso dalle sue labbra.

“Ha il diritto di avere un orgasmo?” Ho chiesto.

“Se vuoi che ne abbia uno, fallo, ma solo se pensi che se lo meriti.”

“Oh, se lo merita, anche se è bella come lei.”

“A proposito, ho un ottimo cognac Remy Martin qui per te, quindici anni, se sei un fan, sono sicuro che ti piacerà.”

“Meraviglioso grazie.”

Non potevo più resistere a quelle tette perfette e ho iniziato a baciare e leccare quella che avevo solleticato prima, rilasciando la mia mano per farla scivolare sul suo stomaco teso e sull’ombelico. Vag piegò leggermente le ginocchia per permettermi un migliore accesso alla sua vagina, cosa che feci immediatamente inserendo un secondo dito all’interno mentre mi muovevo e massaggiandole il clitoride con piccoli movimenti circolari con il palmo della mano sopra. Vag iniziò a gemere e gemere, aveva ancora le braccia e le mani sopra la testa, aggrappandosi saldamente al pilastro a cui era appoggiata. Per me era chiaro che stava raggiungendo l’orgasmo, inarcando la schiena, spingendo il bacino nella mia mano, tirando su lo stomaco, provocando leggeri brividi. Il suo respiro stava aumentando rapidamente, indicando un orgasmo che la colpì improvvisamente mentre gridava.

“Sì, sì ooooh, sì sì, aaaaaah, oh mio Dio, oh mio Dio io cum hhhheeuu hhheeuuu!”

Vag mi ha inondato la mano con il suo sperma da ragazza.

“Vag, pulisci il tuo pasticcio, pulisci la mano di Lew e ringrazialo per aver fatto la sua fottuta cosa!”

Questo è esattamente quello che ha fatto Vag, mi ha preso la mano che era ricoperta dai suoi succhi femminili e ha iniziato a leccarla poi l’ha sollevata e l’ha asciugata con il suo seno che non avevo toccato una volta che è stato fatto mi ha ringraziato copiosamente per aver fatto il suo sperma ed era sparito. Prendendomi cura di lei, ho preso il cognac che Tanja aveva versato e l’ho assaggiato, è stato sublime.

“Wow, il tuo brandy è buono come la tua schiava giocattolo, grazie per l’esperienza, è davvero una bellissima creatura, mi chiedevo cosa fa esattamente Vag per te oltre a prendersi cura della tua ‘vagina’ o dovrei dire figa?

“Puoi chiamarla come vuoi. Cosa fa Vag? Si prende cura dell’appartamento, pulisce, fa il bucato, cucina. È un’ottima cuoca, comunque, ti inviterò a casa e potrai dimostrare il tuo mestiere .perché è quello che è; ha lavorato come sous chef per uno chef a due stelle prima che la acquistassi.”

“Non era felice lì allora?”

“No, infatti, aveva sentito dire che questi capi abusavano dei loro dipendenti, urlavano contro di loro, a volte tiravano loro anche dei coltelli, ma il suo capo era tutto il contrario, era gentile, amichevole e incoraggiante, quasi come un vero padre. E non è questo. quello che voleva. Una sera, dopo aver cenato in questo ristorante, è uscita in sala da pranzo per prendersi il merito del suo lavoro e abbiamo iniziato a parlare.

“Ho subito scoperto che eravamo un po’ come le anime gemelle. Le ho parlato del nostro stile di vita e lei ha subito chiesto se poteva venire a casa con me. Era lei. Stavo cercando, ed è così che è diventata la mia schiava della figa, ora circa due anni fa, quando aveva 20 anni”.

“Hai una vita molto interessante Tanja, forse dovresti scriverci un libro, potrebbe anche essere un bestseller, chi lo sa?”

“Forse se mai dovessi incontrare un negro ci penserò, ma quello che mi preoccupa in questo momento è il tuo benessere.”

“Sono molto felice, ho un ottimo cognac tra le mani, mi è stato permesso di giocare con il giocattolo di una bellissima ragazza e ora sto guardando un’altra bellissima donna”.

“Sì, hai giocato con lei e le hai dato un orgasmo, ma non l’hai fatto e voglio aggiustarlo ora!”

Tanja si alzò e urlò: “Vag, riporta il tuo culo qui e prendimi in braccio!”

Vag è venuto correndo come se il suo culo fosse in fiamme e ha iniziato a spogliare Tanja, ovviamente qualcosa che aveva fatto molte volte prima. Meno di dieci secondi dopo, Tanja era completamente nuda.

“Ora togli i vestiti di Lew!”

“Ehi, aspetta un minuto…” ho iniziato a dire, ma Vag mi ha tirato fuori dalla sedia, era incredibilmente forte per una ragazza così magra, mi ha sbottonato rapidamente la camicia e mi ha spogliato nuda in meno di cinque anni.

“Ora Vag, assicurati che il cazzo di Lew sia duro, poi preparami la figa perché Lew infili il suo bel cazzo.”

Vag si inginocchiò e ingoiò il mio cazzo già semiduro nella sua bocca calda, facendo lavorare la lingua lungo la parte inferiore sensibile e rendendolo duro a tempo di record. È passata rapidamente dalla sua padrona, leccando e succhiando finché non ho visto i succhi di Tanja gocciolarle lungo il mento. Fatto ciò, Tanja si lasciò cadere a terra a quattro zampe, i gomiti sul tappetino, dimenando il suo seducente culo verso di me.

“Lew, la mia posizione preferita è alla pecorina, ora metti qui il tuo bel cazzo duro!”

Ho preso la mia posizione dietro Tanja, sono caduto in ginocchio, ho spinto il mio cazzo duro come una roccia nel suo fiore aperto e ho iniziato a pompare. Avevo perso le tracce di dove fosse Vag, ma all’improvviso potevo sentirla allargare le gambe. Non avevo idea di cosa avesse in mente finché non ho sentito una lingua morbida e calda leccarmi le palle e ho visto la sua testa spuntare da sotto di me. Si stava muovendo verso la figa e il clitoride di Tanja, aumentando seriamente il piacere che entrambi stavamo già provando con la nostra copulazione. Tanja iniziò a gemere ea spingere il suo addome verso la bocca affamata di Vag, raggiungendo l’orgasmo, aumentando la pressione sul mio cazzo e rendendomi molto difficile tenere il mio.

“Oh sì, Vag mi succhia il clitoride, morde le palle di Lew, ci fa venire entrambi!”

Mi ha spaventato un po’”.mordere le palle di Lew?preferibilmente no, continua a leccare e succhiare per favore Vag,“Stavo pensando. Tuttavia, Vag stava seguendo gli ordini della sua padrona e ha iniziato a mordicchiarmi le palle.

Mmh non male,“Ho pensato e non mi sono opposto alle tue cure.

Mi ha portato sempre più vicino al mio climax e ho anche potuto sentire i muscoli della figa di Tanja contrarsi attorno al mio cazzo mentre arrivava il suo orgasmo.

“Sì ooooh sì, oh mio Dio sì, fammi venire, sì oh sì!” Tanja urlò a squarciagola.

L’orgasmo di Tanja mi ha anche portato al traguardo, spruzzando un sacco di sperma nel suo buco bagnato fradicio. Ho sentito Vag succhiare avidamente i nostri succhi combinati mentre schizzavano fuori dalla figa di Tanja mentre tiravo fuori il mio cazzo. Quasi immediatamente, ho sentito la bocca calda di Vag divorarmi e succhiare il resto dello sperma prima di tornare nella figa di Tanja per pulirlo. Sono caduto da un lato esausto, Tanja è caduta dall’altro lato con la bocca di Vag ancora incollata alla sua figa come un aspirapolvere. Ci sono voluti dieci minuti buoni per tornare dalla nostra discarica. Vag era scomparso di nuovo.

“Mi sento meglio ora?”

“Assolutamente!”

“Ti dispiace fare una doccia?” »

“Forse è meglio.”

“Seguimi!”

Il bagno di Tanja era incantevole e spazioso con una doccia enorme. Aprì l’acqua e una volta raggiunta la giusta temperatura mi prese per mano e mi condusse dentro. Mi sono lavato le mani e, ovviamente, ho restituito il favore. Vag ci stava aspettando fuori con soffici asciugamani con cui ci asciugò teneramente. Aveva persino riparato i nostri vestiti in modo che potessimo vestirci.

Tutto pronto e rispolverato, ho detto addio a questo straordinario duo e sono tornato a casa.

Tra cinque ore Ho dovuto riaprire il mio negozio per un sabato intenso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *