The Pink Thong Adventures Ch. 01 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Compito

Prima della sessione di oggi, devi completare un’attività. Dovresti andare in un negozio di biancheria intima, non fare shopping online, e scegliere un perizoma che vuoi indossare per me. Qualcosa che mette in mostra quel culo commestibile e fa sembrare il tuo cazzo bello quando è duro e bloccato. Non ho istruzioni su cosa scegli, infatti sono più interessato a vedere cosa decidi, ma ti chiederò di spiegare la tua scelta. Non dovrebbe essere necessario dirlo, ma “era la prima volta che vidi” non è una ragione sufficiente. Non hai fretta di entrare e uscire. Prenditi il ​​tuo tempo e scegli qualcosa che fa per te.

Quando hai finito nel negozio, ti viene chiesto di trovare il set da bagno più vicino e procedere con l’acquisto. Non aspettare di tornare a casa. Voglio che mi ricordi costantemente che sei vestito per me. Mi chiedo se mi piacerà la tua scelta. Senti la spazzola del tessuto contro di te mentre ti muovi. Mi chiedo se qualcun altro può vedere dove i suoi jeans sono scesi un po’. Ma soprattutto voglio che pensi a me e a come reagirò alla tua scelta.

Quando arrivi alla mia porta, vedo che sei pronto. Hai aspettato e ora tutta l’energia e la tensione che si sono accumulate durante la mattinata sono pronte ad esplodere dentro di te. È tempo di reindirizzare quell’attenzione altrove! Ti ho fatto entrare e mi sono seduto. Segui e attendi le sue prime istruzioni. Mi fermo, dandole il tempo di rilassarsi e iniziare questa transizione, dandomi il controllo e preoccupandomi solo di quello che le sto chiedendo di fare. Ti ordino di toglierti le scarpe, i calzini e la maglietta e di venire a sederti ai miei piedi, appoggiando la testa sulla mia coscia mentre ti accarezzo i capelli.

Ora comincio a sondare. Com’è andato lo shopping mattutino? Pensi che qualcuno al negozio abbia pensato che stavi cercando dei vestiti per te? Perché hai scelto quello che hai scelto? Com’è stato indossarlo mentre il resto del mondo svolgeva la sua normale giornata? Ti guardo per tutto il tempo giudicando la tua reazione. Ti piace un po’ di umiliazione e sicuramente il rischio di essere scoperto. So quali parti ti danno più fastidio a causa della sfumatura di rosa che ti colpisce le guance quando arrossisci e di come mi accarezzi un po’ di più la coscia cercando di nasconderti dentro. Noto anche che stai cercando di aggiustare i pantaloni. Il rossore e la durezza ti stanno bene.

Ti sei preso il tuo tempo per passare e rilassarti. Ora voglio vedere cosa mi aspettavo. Stai di fronte a me con le braccia dietro di te e gli occhi dritti davanti a me mentre faccio scorrere le mani su e giù per il tuo petto, girando intorno ai tuoi capezzoli mentre li passo. Sai che mi piace guardarti. Per trattarti come se fossi lì solo per il mio più grande piacere. Dato che sono dietro di te, lascio i miei seni fuori dai miei vestiti per correre lungo la tua schiena mentre mordicchi il tuo collo fino alle tue spalle. Fai un piccolo respiro quando senti il ​​contatto con la pelle e li rimetto nei miei vestiti prima di rientrare nel tuo campo visivo. È il momento della tua esibizione.

Mi siedo sulla mia sedia e ti dico di toglierti i jeans. Sai non avere fretta, adoro lo spettacolo e ami il calore che vedi nei miei occhi quando inizi a muovere i fianchi. Per prima cosa, apri ogni bottone al volo, dandomi una sbirciatina alle tue mutandine rosa che mi hai descritto prima. Ora ti giri, tira fuori il culo mentre ti abbassi la parte posteriore dei jeans, mostrandomi il mio primo accenno di culo prima di tirarlo indietro per rivelare l’altra guancia. Per tutto il tempo, stai ruotando i fianchi, sapendo che sto immaginando quei movimenti dell’anca in una posizione molto più compromettente. Ti abbassi i jeans e mi ci vuole un attimo per vedere la tua erezione contro il pizzo rosa del perizoma che hai scelto. Ti faccio guardare e riconoscere quello che vedi… il suo grosso cazzo duro tutto vestito di rosa. Sembra che voglia attenzioni.

Fai una mossa per continuare a toglierti i jeans e ti fermo. Ho un’idea migliore. Ti fermi subito, ma lo sguardo nei tuoi occhi è confuso e forse un po’ preoccupato – sono infelice? Ti ho detto di andare al letto, no non ti ho detto di tirarti su i jeans e chinarti su di loro con le braccia appoggiate al letto e il culo in fuori, i jeans ancora alle caviglie e alle gambe. vanno. Fai una foto così sporca che devo fare una foto. Jean intorno alle sue caviglie, culo in su, guance divise da slip di pizzo rosa e il suo cazzo e le sue palle che cercano disperatamente di sfuggire ai confini del perizoma. È una visione che voglio mantenere. E non sarà un’immagine deliziosa da condividere quando sei tra una riunione e l’altra al lavoro la prossima settimana?

Guardarti mi ha eccitato, quindi ti ho usato. Salgo sul letto e mi trascino in avanti finché le mie cosce non sono appena sotto la sua testa. No, non mangerai la mia figa – avida! Voglio che usi la bocca per prendermi in giro. Baci, leccate, stuzzichini, mi fa arrapare parecchio e forse ne voglio di più. Indico dove puoi darmi attenzione, iniziando dall’interno della coscia, non dalla mia figa. Sembra che mi sia dimenticato di indossare le mutandine e guardare il tuo spettacolo mi ha fatto bagnare, ma è chiaro che sei concentrato sul compito da svolgere. Continuo a indicare, appena sopra il mio sottile strato di peli pubici e verso l’altra coscia.

Amo la sensazione della tua bocca sul mio corpo. Riesci a trasmettere tante dolci prese in giro, mentre mi fai sentire quanto ti fa venire voglia di compiacermi in quel modo. Prima che raggiunga la mia prossima coscia, mi giro, presentandolo al mio culo. Ancora una volta ti guido da una coscia in su e sopra il mio culo all’altra. Ora sto decisamente gocciolando e il mio clitoride pulsa per l’attenzione. Mi chino e afferro il suo cazzo, accarezzandolo più volte attraverso il perizoma e sentendo il notevole punto bagnato lì. Sembra che non sia l’unico a cui è piaciuta la nostra piccola esplorazione.

Scivolo più in basso sotto di te così le nostre teste sono quasi a livello. Voglio sentire il suo cazzo duro stuzzicare il mio clitoride, scivolare attraverso la mia umidità e strofinarsi contro di me. No, non togli il perizoma, voglio poterti vedere mentre il tuo culo rimbalza su e giù mentre muovi il tuo cazzo come piace a me. Ti guardo negli occhi e ti dico di baciarmi, tenendo il tuo corpo vicino a me mentre cerchi di darmi piacere senza penetrazione. Ti senti così bene contro il mio corpo.

Non sono l’unico a godermi la sensazione del tuo cazzo contro il mio, tra un bacio e l’altro continui a sussurrare il tuo apprezzamento per poter sentire la tua Padrona in questo modo e il tuo strillare diventa più urgente. Ora è il momento di fermarsi. Non possiamo lasciarti troppo eccitato e venire in quelle mutandine carine così presto, vero?

Ti sollevi abbastanza da farmi uscire da sotto di te, seppellendo la testa nella trapunta mentre controlli il respiro. Faccio scorrere le dita nella mia figa ora inzuppata, hai fatto bene. Ti dico di alzare lo sguardo e nutrirlo con le mie dita, facendoti assaporare il successo delle tue fatiche e te le risucchi avidamente. I bravi ragazzi ottengono ricompense.

Mi allontano in modo che tu possa sdraiarti sul letto ora mentre accarezzo un po’ il tuo cazzo delicato. È ancora tutto avvolto nel rosa e si contorce sotto la mia attenzione. Sorrido guardandoti e ti chiedo di alzare le braccia. È tempo di restrizioni…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *