The Pink Thong Adventures Ch. 03 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Accessori

Il viaggio del caffè è stato un successo, eri così eccitato che sei venuto tre volte in un’ora quando siamo tornati. Certo, hai aspettato di essere ripulito e io ho usato il tuo cazzo per assicurarmi che il mio piacere fosse ricevuto prima, ma mi sono sentito generoso. Ora è il momento di mettere alla prova quella resilienza – venire spesso è un privilegio, non un diritto – se vuoi venire oggi, devi guadagnartela. Non che tu lo sappia ancora…

Arrivi e ti presenti. Non appena entri, vedo la lingerie di oggi che fa capolino dalla cintura dei tuoi jeans. Impari rapidamente e sei abituato a esporti costantemente a potenziali guardoni mentre la tua giornata avanza. Ora sei a torso nudo e scalzo in attesa del mio permesso per sederti ai miei piedi. Non ancora. Non sei vestito come voglio che tu sia… ancora.

Ti passo una borsa di provviste e ti dico di andare nell’altra stanza e mettere le cose nella borsa prima di tornare. Non devi avere fretta, soprattutto se alcune cose sono nuove per te e ci sono anche istruzioni nel caso in cui ne avessi bisogno. Mi guardi perplesso. Perché avresti bisogno di istruzioni per cambiare i vestiti? Sorrido e ti mando per la tua strada. Lo saprai abbastanza presto.

All’interno della borsa c’è un cockcage e un nuovo paio di lingerie rosa di pizzo. Queste mutandine sono tagliate brasiliane e aperte sulla schiena, aggiungeranno ancora più bellezza al tuo cazzo e mi daranno anche accesso al tuo culo di cui avrò bisogno per quello che ho pianificato oggi. Non è l’unica cosa però. La gabbia è nuova per te.

Normalmente, ti avrei inviato la gabbia in anticipo in modo che tu potessi arrivare con essa, ma volevo questo momento almeno per una volta. Nel momento in cui guardi dentro la tua borsa e vedi cosa indosserai. Come aumenterà la tua frequenza cardiaca pensando ai miei piani per la sessione e, infine, quanto dovrai lavorare duramente per non essere troppo eccitato per poter mettere la gabbia a posto. Mi chiedo cosa penserai della tua gabbia che rende il tuo cazzo totalmente inutile. Aggiungerà al fascino delle tue mutandine? Le persone che indossano le mutandine di solito non hanno un cazzo duro che spunta fuori!

Esci con le mutandine che oscurano la mia visuale del tuo cazzo, ma per di più nudo. Sembri indeciso. Mi piace. Voglio prenderti in giro.

“Come ci si sente a non avere il controllo del proprio cazzo?” Vedo il tuo corpo reagire. Ti stai ancora adattando a questo concetto. Mi chiedo se ti senti mai com’è quando ci provi ed è ancora difficile? Non sarebbe divertente? Facciamo una demo dal vivo. Premo il mio corpo sul tuo, le labbra sul tuo orecchio e ti dico esattamente quanto sei carina in rosa e quanto il tuo cazzo mi appartiene ora. Potrà uscire solo quando avrò bisogno di lui, e se non vinci, non puoi venire. Detto questo, ti passo le unghie sul petto e tu tremi. Come ci si sente quando stai cercando di diventare duro? Senti questa tensione? Frustrazione? Ogni volta che provi, riceverai un bel promemoria che sei fuori controllo del tuo cazzo. Imparerai ad amarlo. Prometto. Ti rassegni alla sensazione di impotenza che richiede un misto di umiliazione, eccitazione e volontà di compiacere.

Ti muovi al centro della stanza e inginocchiati – presentati a me. Le tue ginocchia sono divaricate, le tue spalle sono tirate indietro e le tue mani afferrano i gomiti dietro la schiena. Sai come mi piace che ti metta in mostra. Ora che sono meno distratto dalla sua gabbia, le giro lentamente intorno, ispezionando la sua nudità mentre sono completamente vestito. Metto il mio piede tra le tue gambe, premendo sul tuo cazzo coperto, così posso sentire la tua gabbia e tremare. Delizioso.

Questa posizione non mi permette di vedere il tuo culo con queste mutandine aperte, quindi ti dico di sdraiarti di fronte al muro a quattro zampe. Una volta che sei lì, ti chiedo di dirmi come hai trovato la posizione della gabbia e come ti senti ad usarla ora, mentre la guardo. Comincio con la mia mano tra i tuoi capelli aspettando che inizi a spiegare come ti sei sentito quando hai visto la gabbia per la prima volta. La mia mano ti gira intorno al collo mentre racconti quanto sei diventato duro all’istante alla vista della gabbia, prima di andare fuori di testa se fosse o meno una punizione. Ti stringo la mano sul collo, hai fatto qualcosa che ha bisogno di una punizione? All’improvviso il tuo corpo si ferma.

Inizi una litania di “No, signora”, “Farò tutto quello che deve, signora”, “Ho seguito attentamente tutte le sue istruzioni, signora” finché non minaccio di imbavagliarla se continua. Adoro guardarti, in ginocchio, far scorrere le mie mani sul tuo corpo, guardare il tuo cazzo rimbalzare mentre cerca di indurirsi ed è trattenuto dalla gabbia, ma manca qualcosa. Un ultimo accessorio che penso ti serva per completare il tuo set di gabbia e mutandine. Una spina. Comincio a spiegartelo mentre faccio scorrere il dito su per il tuo culo e intorno al tuo buco. Emetti un piccolo sospiro per la stimolazione. Non hai ancora esplorato molto qui. Questo cambierà.

La spina che ho per te oggi è solo un piccolo gioiello. Te lo mostro quando comincio a metterti del lubrificante nel culo. Stringi quando lo vedi. Te lo mostro ora, incoraggiandoti a immaginare come sarà brillare sul tuo culo. Guardalo sotto le tue mutandine. Gliel’ho spinto in bocca, simulando di essere inghiottito dal suo culo. Ti dico di renderlo bagnato, scivoloso, o farai fatica a tenerlo. Le tue guance diventano rosse mentre succhi l’oggetto che presto avrai nel tuo culo. Prendo in giro che dovrei trovare qualcos’altro per riempirti la bocca a un certo punto – è una buona occhiata a te.

Le tolgo la spina dalla bocca e mi dirigo verso il suo culo. Quando è fuori vista, aggiungo tutto il lubrificante di cui hai bisogno – non lo costringerei davvero nel tuo culo solo con la saliva per lubrificarlo, ma è stato divertente vederlo succhiare così forte. Mentre lo premo nel suo buco, hai bisogno di un promemoria per rilassarti, ma alla fine inizia a sistemarsi. Non ho fretta, non importa quanto piccola, voglio che tu provi ogni sensazione. Non appena ti allunghi attorno al punto più largo, emetti un gemito e poi il tuo culo lo ingoia sul posto. Sorrido. Stai bene come mi aspettavo.

Ti faccio alzare e camminare un po’, abituandoti alla sensazione di avere qualcosa nel culo. Allora ti metterò i jeans. Stai zitto prima di chiedere se usciamo da qualche parte e li metti a tacere – non spetta a te chiedere, anche se posso vedere le domande brucianti nei tuoi occhi. Non usciamo oggi. Voglio uno spettacolo.

Una volta che sei vestito e scalzo ma i tuoi jeans sono su, torno alla mia sedia. Allargo le gambe in modo che la gonna sia alta e faccio scorrere le dita lungo le cosce prima di fermarmi dove finiscono le cosce. L’aggiunta dei tuoi accessori mi ha entusiasmato. Ora mi renderai ancora più eccitato. Giudicherò il tuo successo da quanto sono bagnate le mie mutandine quando le toglierò dopo la tua esibizione.

Mi fermo qui per farti assorbire questo. Sei così tranquillo che non sono nemmeno sicuro che tu abbia preso un respiro profondo. Un’esibizione? Quelle guance iniziano a illuminarsi quando vedo i pensieri che corrono dietro i suoi occhi. Ti ho decorato con i miei accessori e ora voglio che tu mi mostri. Voglio uno spogliarello. Voglio che mostri i miei accessori magnificamente. Mostrali in tutta la loro gloria. Voglio che tu mi faccia bagnare.

Ho messo un po’ di musica e impostato un timer per 5 minuti. Questa è una performance, non una striscia funzionale – non voglio che tu abbia fretta. Rimani lì per alcuni secondi, strascicando i piedi a disagio, ma poi inizi a muoverti. È strano e imbarazzante, ma ti stai riscaldando. Lo sbottoni e lo infili sopra la patta, ma invece di toglierti i jeans, ti giri di lato e mi mostri i fianchi e un assaggio del pizzo rosa prima di rimetterli. I miei occhi si illuminano. Poi ti giri e fai lo stesso dall’altra parte mentre faccio fatica a stare zitto e non rivela quanto apprezzo la tua dedizione alla mia richiesta. Devo averti dato qualcosa, perché le tue spalle si sono abbassate un po’ e ti stai rilassando, quindi aggiungo una piccola sorpresa. Sto alzando la posta.

Mi dai le spalle per abbassare i jeans e rivelare le tue mutandine aperte mentre premo record. Scuotendoti il ​​culo, con i tuoi jeans proprio sotto le guance, ho diritto a flash plug anale, ma sicuramente puoi mostrarmi di più. questo. Silenziando il suono del video, ti dico di aprire le guance per mostrarti la tua presa e lo fai senza esitazione – ovviamente non sai ancora che ti sto registrando.

Togliendoti i jeans e ondeggiando i fianchi, ti giri verso di me. E proprio così le tue guance arrossiscono. Il tuo corpo si irrigidisce. Il sudore inizia a formarsi sulla fronte, ma non si ferma. Lavori così duramente per farmi piacere: nuovi giocattoli, nuove esperienze e nuovi livelli di umiliazione. Sorrido con un sorriso consapevole e un gesto per farti continuare. Non farmi aspettare.

Non guardandomi direttamente, perché è troppo per te da gestire in questo momento, continui, togliendoti completamente i jeans. La sua gabbia risplende attraverso il pizzo trasparente. Ti chiedo di avvicinarti alla telecamera in modo che la gabbia sia chiaramente visibile attraverso la biancheria mentre metti i pollici sotto i lati e li tiri su e giù a tempo di musica. Mostrando quel po’ di carne in più, ma senza esporre il suo cazzo. Sei piuttosto provocatorio quando ti viene detto di esserlo!

Guardo il cronometro e hai riempito 4 minuti finora, ne è rimasto solo uno. Allargando le gambe, decido di ricordarle la sua sfida e ti guardo mentre faccio scorrere delicatamente il dito sulla mia figa. Sento il tuo respiro cambiare e ti fermi per un secondo, prima di trattenerti e girarti per muovere il culo con rinnovato vigore, tirandoti le mutandine dietro la schiena. Questa volta non li sollevi più, quindi quando ti giri, l’unica cosa rimasta dietro il tessuto rosa teso è il tuo cazzo in gabbia. Catturi la mia attenzione e mi rendo conto che ti stai unendo per riconoscere l’ultima parte della tua presa in giro, mostrandomi che nonostante ti senti umiliato, lo stai facendo per me. L’ultima mossa è ciò che fa: le mie mutandine sono inzuppate e ora sei in piedi di fronte a me nuda tranne che per i miei accessori.

Il timer si spegne e spengo la musica e smetto di registrare. Hai girato gli occhi a terra in piedi di fronte a me in attesa del tuo ordine. Ti sei comportato così bene! Ti farò sedere ai miei piedi e ti farò sapere come si sentono i tuoi accessori in questo momento. Il suo cazzo pulsava, per tutta la striscia ha cercato di diventare duro – volendo mettersi in mostra per me – ma ha fallito. Sorrido a questo. L’umiliazione ti rende davvero disperatamente eccitato, le tue mutandine grondano di pre-sborra. Ora è il momento di vedere se hai raggiunto il tuo obiettivo, quali mutandine sono più bagnate, le tue o le mie?

Ti affronto di fronte a me, la tua testa proprio tra le mie ginocchia, mentre faccio scivolare via le mie mutandine dal mio corpo. Quando raggiungono le mie ginocchia, le sfiorano il viso, prima di salire fino alle mie caviglie. Una volta che li ho agganciati al mio piede, te li offro: puoi esaminarli più da vicino e decidere il tuo successo. Li ricevi con entusiasmo, ma poi ti passo le tue mutandine per fare lo stesso. Il tuo è più umido del mio? Un cazzo in gabbia e sbavi forte come la mia figa? Se è così eccitante, forse dovremmo tenerlo? Non hai bisogno di venire oggi, vero? Detto questo, i suoi occhi incontrano i miei con una punta di orrore. Lo farei davvero? Dovrai aspettare e vedere. In questo momento sono eccitato e ho una figa bagnata che ha bisogno di attenzioni.

Appoggio la sua guancia sul mio ginocchio mentre appoggio l’altro tallone sulla sedia per allargare la mia figa. Faccio scorrere le dita attraverso la mia umidità, proprio davanti alla sua faccia. Il mio clitoride pulsa. Hai messo in scena uno spettacolo! Giro intorno al mio clitoride assicurandomi che sia completamente ricoperto e sento le sensazioni di piacere fluire attraverso di me. Per tutto il tempo, sento il suo respiro sulla mia coscia e il suo cuore che batte, eppure il suo cazzo in gabbia non riesce a godersi il momento. Quel pensiero e la mia cerchia insistente sono tutto ciò di cui ho bisogno e gemo di piacere.

Tutto l’accaparramento di oggetti di scena e il tuo spettacolo hanno dato i loro frutti, è stato un bene. Trattengo il respiro mentre premo le dita nella tua bocca per farti pulire. Non appena entrano nella tua bocca, emetti un gemito e afferri il suo cazzo in gabbia. E poi c’è un altro gemito quando ti rendi conto che non stai ricevendo soddisfazione dal tuo cazzo in questo momento. Sorrido e ti lascio pulire il resto della mia mano.

Vedo che vuoi chiedere qualcosa, quindi lo permetto ed è come se fosse stata aperta una bottiglia. Inizi a mendicare, implorare, lodare e chiedere il permesso di venire, di essere liberato dalla gabbia. Mi cambi qualsiasi cosa. Fai qualcos’altro più tardi, ma in questo momento non vedi l’ora di venire. Al limite. Tutto è teso. Sorrido. Mi piace quando sei così affamato. Hai perso tutti i filtri, tutte le reazioni o vergogna per la tua mancanza. Sei in ginocchio, promettendomi il mondo se avessi lasciato andare il tuo cazzo. Ho detto che avresti avuto la tua possibilità di venire oggi e ho anche un video molto speciale da caricare in futuro. Forse ti farò vedere domani a mezzogiorno in ufficio.

Ti dico di sdraiarti sul letto e di tenere la testiera. Ti darò la tua liberazione, ma non ho ancora finito di giocare con te. Lascerò andare il tuo cazzo e tu hai il mio permesso di venire, ma tu non toccherai il tuo cazzo e nemmeno io. Tuttavia, sostituirò questo delizioso plug con un piccolo vibratore. Mi chiedo se puoi venire solo con il culo stimolato? Presto sapremo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *