The Reluctant Submissive Pt. 03 – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Era il giovedì prima che Ryan si riunisse con la sua ragazza Nikki. Aveva ripulito il suo lavoro per la settimana nei due giorni precedenti quando Ryan era a Londra e stava programmando una giornata di relax nel suo appartamento, la priorità assoluta era seguire esattamente quello che era successo dopo che Ryan lo aveva descritto come difficile al telefono . chiama il giorno prima. Ryan aveva quasi due settimane in un contratto di quattro settimane con un dominante online, durante il quale avrebbe dovuto servire come sostituto. Se avesse completato una serie di compiti affidatigli dal suo maestro, il maestro accettò di liberare Nikki dal suo contratto di sub online, permettendo a Nikki di servire una donna dominante che conosceva e che viveva nelle vicinanze.

Seduta sul divano con una tazza in mano, Nikki fece cenno a Ryan di sedersi accanto a lei, cosa che fece con attenzione. Ha quindi proceduto a raccontare gli eventi degli ultimi due giorni. Erano passate solo poche settimane da quando Nikki aveva confessato le sue tendenze sottomesse, ed entrambi erano d’accordo sul fatto che qualunque cosa fosse accaduta da quel momento in poi, sarebbero stati onesti al 100% l’uno con l’altro. Così Ryan ha ripassato i dettagli del servizio fotografico con una nuova modella, Carly, il suo misterioso messaggio del Maestro che lo ha portato in una stanza gestita da una dominatrice professionista, dovendosi spogliare nudo così lei lo ha schiaffeggiato sul culo poi essendo per la prima volta. tempo, prima di scoprire che anche Carly aveva tendenze prepotenti che la portarono ad entrare in contatto con il Maestro. L’ultima volta che gli ha detto quando si sono lasciati è stata che al Maestro piaceva l’idea che Carly fosse coinvolta nelle restanti due settimane dell’accordo.

“Dai, mostrami il culo. Vediamo se va male come la mia dopo quella prima notte con la Signora. chiese Nikki, posando la tazza e voltandosi verso il suo ragazzo. Ryan si alzò dal divano e si allontanò da Nikki, tirandosi giù i pantaloncini e i pantaloni per rivelare un fondoschiena coperto di lividi orizzontali. Non erano più rossi, ma davano un chiaro indizio della ferocia dei colpi che aveva preso per mano della dominatrice.

Nikki ha fatto molte domande. Come si è sentito quando gli sono successe le cose diverse e se ha mai pensato di usare una safeword e interrompere la procedura. Era particolarmente interessata al suo stato d’animo, soprattutto sentendo che ora era fermamente convinto di essere anche sottomesso per natura. Ha anche prestato molta attenzione a quello che è successo a Carly martedì sera, che è culminato in una smorfia di Nikki quando ha sentito di Ryan che lavava una Carly nuda sotto la doccia. Nikki ha chiesto di vedere una foto di Carly e Ryan le ha mostrato alcune delle foto delle riprese in cui si sono incontrati, che erano state per un’azienda di lingerie. Nikki ha commentato la bellezza di Carly, spingendo Ryan a rassicurarla che non era pronto a rinunciare a lei e ad andare a vivere con la modella.

‘Baby, devi credermi, ti amo. Non pensi che continuerei questo gioco con il Maestro se dovessi smettere, vero? Lo sto facendo per te, così puoi stare con tua moglie. Potrei iniziare a sviluppare tendenze alla sottomissione, ma non so ancora cosa significhi per il futuro. L’unica cosa che so è che preferirei servire una donna che un uomo”, ha detto, cercando di convincere la sua ragazza un po’ scettica.

«Scommetto che lo faresti. Soprattutto se la tua Padrona è così e fai il bagno con lei! Nikki fece un cenno al tablet che mostrava le immagini di Carly.

‘Non è giusto. Comunque, guarda cosa ti è successo questo fine settimana con la Signora. Succhiare un ragazzo nella sauna e poi assecondare quattro perfetti sconosciuti. E il ragazzo della sauna era un atleta, giusto? Scommetto che ti accoglierà a braccia aperte se può aspettarsi questo tipo di servizio su base regolare. Fece del suo meglio per non arrabbiarsi o far sembrare i suoi commenti un’accusa, trattenendo il suo sguardo finché Nikki sbatté le palpebre e guardò il pavimento.

«Guarda Nikki. Sapevamo che questo ci avrebbe portato in un luogo oscuro, quindi una volta che hai accettato di servire la Signora questo fine settimana, la nostra piccola fantasia online è diventata una realtà molto fisica. Ora che ho passato la stessa cosa, penso di avere un’idea di come ci si sente a servirlo. Hai quel ronzio, vero? È una tale sensazione, non c’è niente di simile. Ma questo non può durare per sempre e quando tutta quell’eccitazione se ne sarà andata, quando le endorfine saranno evaporate e tutti avranno avuto la loro strada con te, sarò qui per riportarti a casa perché ti amo. Tutto quello che sto chiedendo è che se mai sviluppi sentimenti che potrebbero minacciare ciò che abbiamo, fammi sapere, ok? Guardò Nikki che era un po’ in lacrime, ma lei annuì lentamente.

‘So esattamente cosa intendi. Sono così felice che tu capisca,” rispose, muovendosi per abbracciarlo mentre si sedevano sul divano. ‘Non voglio perderti Ryan, ma non posso fermarlo. Non ancora.’ Lei lo guardò. “Mi odi per questo?”

‘Non Dio. Mi piace che tu sia abbastanza onesto e coraggioso da vedere dove questo può portare. E sono molto grato al Maestro per avermi fatto provare davvero quegli stessi sentimenti. Ora ascolta. Non posso lasciarti per Carly. Sì, è bellissima, ma lo sei anche tu. Ed è troppo magra per i miei gusti. Amo il tuo corpo e amo sentire tutte quelle curve.

“È il modo più dolce in cui qualcuno mi abbia mai detto che sono grasso!” disse Nikki ridendo.

“Spero che tu stia scherzando,” rispose, facendo anche lui un sorriso. “Non so cosa verrà dopo. Merda, nessuno di noi lo fa. Vuoi servire la Signora, ma non hai idea di cosa significhi. Quanto tempo aspetterà? Dove ci lascerai? Come posso adattarmi? E se sviluppassi una relazione D/s con Carly? Non so nemmeno dove vive. Dobbiamo passare le prossime due settimane e poi avere conversazioni da adulti, con Carly e la Signora, per cercare di sistemare tutto.

“E stai parlando delle prossime due settimane e di tutte le tue faccende quotidiane?” L’hai tenuto? ha chiesto una volta che era ragionevolmente convinta che Ryan l’amava ancora.

“Beh, martedì ho avuto un pass gratuito. Ieri li ho fatti sulla strada di casa. Non l’ho ancora fatto oggi”, è stato il suo riassunto della situazione.

“Forse è un buon momento?” ha suggerito Nikki. “Mi piace molto l’idea che ti porti quel vibratore su per il culo. Chissà, potrei anche avere degli indizi!

Ryan è scomparso nella stanza. Quando è tornato, era nudo, con in mano il telefono e un vibratore da sette pollici. Il suo primo compito quotidiano era praticare una serie di pose sottomesse, tenendole ciascuna per un minuto. Poi ha dovuto provare la posa per la giornata per tre minuti, scattare una foto di se stesso nella posa e inviarla al Maestro. Ogni volta che Nikki era con lui, usava la fotocamera del suo telefono e registrava l’immagine. Mentre lo faceva, Ryan era in piedi di fronte a lei con le gambe divaricate alla larghezza delle spalle e le mani dietro la testa, si meravigliava del fatto che ora usava la gabbia del cazzo tutto il giorno, tutti i giorni.

“Non riesco ancora a credere che tu abbia appena inviato la seconda chiave come indicato. Sì, sono impressionato dalla tua presentazione seguendo le istruzioni alla lettera, ma ti rendi conto che non ci sono problemi ora per una settimana E se c’è un’emergenza?

“OK, è l’ora della confessione”, disse Ryan. “In realtà, c’è una terza chiave. Darei qualsiasi cosa a qualcuno vicino, ma non a qualcuno a più di 100 miglia di distanza che ho incontrato solo una volta.

‘Oh capisco. furbo.’ Nikki ha scattato la foto per il Maestro e ha permesso a Ryan di completare la posa. «Be’, mantenendo lo spirito delle cose, forse dovrei avere la terza chiave. Vai a prenderlo per me. Ryan non esitò. Come ha spiegato, non ha avuto scrupoli sul fatto che Nikki tenesse la chiave finale. E una parte di lui si sentiva come se stesse barando quando ha inviato il secondo messaggio di posta come richiesto dalla dominatrice professionista. Passando la terza chiave a Nikki, sapeva di averlo fatto completamente ha rinunciato al controllo del suo cazzo.

“Ok, è l’ora del vibratore.” Nikki ha detto che in un tono di fatto e Ryan non era affatto sorpreso. Ha messo il vibratore su una sedia della cucina e poi si è scusato per fare un clistere. L’ultima aggiunta ai suoi doveri quotidiani era quella di assemblare il vibratore per quindici minuti al giorno. Era il vibratore che la sig. Samantha l’aveva usato quando l’aveva visitata a Londra e lei aveva preso la sua verginità anale. Ora l’idea era che si fosse abituato alla taglia perché lei aveva minacciato di indossarne una più grande quando sarebbe tornato per il suo secondo appuntamento la settimana successiva.

quando sei tornato e senza alcuna pausa o imbarazzo, Ryan ha cavalcato il dildo da sette pollici davanti alla sua ragazza. Nikki si meravigliò di quanto avesse percorso in così poco tempo. Ha registrato un breve video per Insegnante, poi si è seduta e ha guardato il suo ragazzo esibirsi di fronte a lei. Prima che iniziasse il suo viaggio di sottomissione rispondendo a un messaggio del Maestro, i loro tre anni insieme avevano comportato molto fare l’amore e, sebbene avessero sperimentato qualcosa di più delle semplici posizioni tradizionali, la loro vita sessuale era estremamente vanigliata in confronto a ciò che i due avevano sperimentato nelle ultime sette settimane.

Con i messaggi d’obbligo mandati al Maestro e non avendo nulla di più urgente da fare quel giorno, decisero di recarsi a piedi al loro caffè preferito nel vicino parco, meravigliandosi ancora per la durata del periodo di siccità ininterrotta. Lungo la strada, Ryan ha ricevuto un messaggio, ma ha deciso di aspettare che fossero al bar prima di leggerlo. Il Maestro viveva negli Stati Uniti e si sono abituati al jet lag, quest’ultimo messaggio coincideva con il suo risveglio dalla sua parte dell’Atlantico. I diversi fusi orari sono stati uno dei motivi per cui Ryan inizialmente ha accettato l’accordo di quattro settimane per ottenere la libertà di Nikki, pensando che alla fine avrebbe potuto nascondere alcune cose al Maestro a causa della distanza che li separava. Il suo recente viaggio a Londra e l’interazione con la dominatrice professionista, organizzata dal Maestro, gli avevano fatto capire quanto si fosse sbagliato e l’attesa per le restanti due settimane cominciava ora a riempirlo di presentimenti.

Il messaggio non fece nulla per sedare la sua crescente paura di ciò che sarebbe successo.

— Ciao sub. Sono felice di vedere che non stai trascurando i tuoi doveri. Devi davvero allenare quel culo per la tua prossima visita a Mistress Samantha o te ne pentirai. Ora ho parlato con l’adorabile modella con cui stavi lavorando, Carly, e ha accettato di aiutarmi con la prossima tappa del suo viaggio. Quindi sei esente da tutte le mie faccende per il fine settimana. Invece, arriverai alla stazione di Sheffield venerdì sera e cercherai la tua dea lì. Ti riporterà alla stazione domenica pomeriggio. Nel mezzo appartieni a lui. Tutti i miei diritti su di te, li trasferisco a lui. Farà rapporto a me e se non è felice, mi hai deluso. Non ho bisogno di spiegare cosa significa, mi iscrivo?’ —

Non c’era nient’altro. Ryan ha passato il telefono a Nikki per leggere il messaggio. Quando l’ha restituito, aveva un aspetto molto diverso sul suo viso, la felicità di stare con il suo ragazzo in una giornata soleggiata e pigra sostituita da una leggera smorfia.

“Beh, sarà una prova per vedere se quelle belle parole di amore eterno per me sono vere, no?” Un fine settimana con Carly, probabilmente a casa sua. È quasi come se stesse copiando ciò che ho vissuto io. Forse c’è una guida per hackerare la tua sottomessa di cui tutti hanno una copia! »

«Una cosa sarà diversa dal tuo fine settimana con la Signora, mia cara. Non scoperò nessuno con il mio cazzo bloccato. Ryan guardò Nikki, che ora aveva un sorriso ironico sul viso. “Ricorda,” continuò, “lo sto facendo per te.”

“Lo so, tesoro”, ha risposto. “E so quanto ti ha ferito quando ti ho raccontato cosa è successo quel fine settimana con la Signora, ma dobbiamo accettare che mentre siamo davvero sottomessi, non abbiamo voce in capitolo su come vengono usati i nostri corpi “No, non è vero, ci fidiamo, ma quando ci fidiamo del nostro dominante, non lo facciamo. Ha senso?”

‘Capisco cosa intendi. Il diritto di dire di no se suggerisce qualcosa con cui non ti senti a tuo agio, ma quando il dominante ti conosce bene, non ti porterà mai a quell’estremo. In questo modo sarai sempre sotto il loro controllo, facendo ciò che chiedono per accontentarli.

Nikki sorride. ‘Questo è tutto. Esattamente. Quindi assicurati di avere una parola sicura o una via d’uscita perché mentre il GM è esperto, sembra che Carly non lo sia.

Hanno parlato di cosa potrebbe essere in serbo per Ryan per il resto del pomeriggio prima di concludere che davvero non lo sapevano. Ryan sospettava che ci sarebbe stata parte dell’influenza del Maestro in gioco, mentre Nikki sospettava che Carly avrebbe avuto carta bianca. Alla fine, si sono temporaneamente dimenticati di lui e hanno trascorso una notte rara insieme. Era la prima volta che Ryan si offendeva per essere intrappolato, desiderando di poter fare sesso con Nikki, ma invece doveva accontentarsi di una lunga sessione di sesso orale che si traduceva in un potente orgasmo per Nikki e in frustrazione per lui.

Ryan stava ancora pensando a come Nikki lo avesse preso in giro per il suo cazzo bloccato mentre saliva sul treno per il viaggio a Sheffield il giorno successivo. Dopo il suo primo orgasmo, la pregò di aprire la sua gabbia, ma lei insistette perché rimanesse rinchiuso, come aveva programmato il Maestro. Era così immerso nei suoi pensieri che quasi perse il treno, dovendo correre al binario del caffè dove era seduto.

Il treno era occupato, quindi si alzò, la borsa saldamente tra le mani. Nonostante nessuno potesse vederne il contenuto, provava imbarazzo per il fatto che contenesse la collezione di giocattoli sessuali che il Maestro gli aveva chiesto di acquistare poco più di una settimana prima; plug anali, pinze per capezzoli, kit per clistere e maschera per il cappuccio, oltre ai due dildo che ora possedeva. Aveva ricevuto un messaggio prima di andarsene dicendogli di portare tutto con sé in modo che Carly avesse alcune opzioni sui compiti che gli avrebbe affidato.

Ha ricevuto un messaggio da Carly durante il viaggio che gli consigliava di recarsi al chiosco del caffè Ritazza quando ha raggiunto l’atrio e seguendo quelle istruzioni l’ha vista non appena ha superato la biglietteria. Era un’oasi di calma nel trambusto della stazione ferroviaria, in piedi con le mani intrecciate dietro la schiena mentre tutti intorno a lei si precipitavano ai binari, alla stazione dei taxi o al parcheggio, a seconda che il viaggio fosse avvenuto. appena iniziato. o venire. la sua conclusione. Indossava jeans corti che le toccavano appena le cosce e un top aderente che non lasciava dubbi sul fatto che si fosse rotta un reggiseno in un’altra calda giornata estiva. La sua figura avrebbe fatto girare molte teste, ma combinandola con i suoi splendidi capelli rossi che portava disordinati e a cascata sulle spalle, significava che praticamente tutti gli uomini sotto i 40 anni, per non parlare di alcune donne, rallentavano un po’ lungo la strada. lascia che ti guardi una seconda volta.

Ryan non sapeva se riconoscerla o semplicemente dirigersi nella sua direzione. Alla fine scelse la prima, alzando la mano e facendo un piccolo cenno. Questo suscitò un sorriso, ma nessuna risposta. Mentre si avvicinava, lei iniziò a parlare.

‘Ciao Ryan. È bello rivederti. Come è stato il tuo viaggio?’ lei chiese.

Nonostante lei lo chiamasse Ryan, non era sicuro di come rivolgersi a lei, quindi decise di andare sul sicuro.

«Uh, sì, non male. Treno occupato ma in orario quindi non posso lamentarmi. Come state?’

‘IO? Oh, sto bene, grazie”, ha risposto. “Non vedo l’ora che arrivi il fine settimana. Lo faremo?

‘Sì, ​​naturalmente. Tu sei il capo”, ha risposto.

‘Che io sono!’ Ha risposto con un ampio sorriso stampato in faccia, prima di voltarsi e dirigersi verso il parcheggio.

Il suo comportamento è cambiato quasi immediatamente mentre si sedevano nella sua macchina, un’Audi TT Mark I. Ryan ha ricordato che ha fatto lo stesso a Londra, passando facilmente da modella felice e fortunata a dominante rigorosa. Non appena chiuse la porta, la sua voce divenne molto più autorevole.

“Quindi il tuo padrone ha deciso di usare questo fine settimana come piccolo test per entrambi, subbie.” Dipende da me vivi il tempo con una sottomessa 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e sta a te vivere il tempo come schiavo. Il Maestro mi ha detto che c’è un’importante distinzione tra sottomesso e schiavo. Questo fine settimana, il confine tra i due potrebbe diventare un po’ sfocato. Quindi il tuo Maestro mi ha detto di dirti che ci sarà un pass gratuito da usare questo fine settimana. Fondamentalmente, se ti viene detto di fare qualcosa che ti mette a disagio, puoi rifiutare il compito. Ma puoi farlo solo una volta. Se più avanti nel fine settimana vuoi ottenere qualcos’altro, puoi, ma ciò significa che hai fallito il tuo compito di quattro settimane. Quindi usa saggiamente il tuo pass gratuito. Capisci, schiavo?

“Sì, dea.” Ryan non aveva dubbi sul fatto che ora stesse parlando con il suo dominante e si rivolgesse a Carly come tale.

‘Bene. Quindi andiamo. Indietreggiò nel parcheggio in modo molto aggressivo. Ryan si rese improvvisamente conto che stava riponendo troppa fiducia in una donna che non conosceva davvero. Il suo primo incontro con Carly è stato con lui al comando e Carly come modella per un servizio fotografico. Era stata professionale ma rispettosa, accettava istruzioni e dava strani suggerimenti. Sembrava sicura di sé, senza mostrare alcun segno di questa donna più aggressiva e dominante che ora la portava nei fine settimana di cosa? Schiavitù, ma cosa significava esattamente. Non era certo quello per cui si era iscritto.

«Un’altra cosa da schiavo. Spegni il telefono e mettilo qui. Non ti servirà questo fine settimana. Ti lascio domenica. Il tono di Carly ha chiarito che non ci sarebbe stata alcuna discussione al riguardo, quindi Ryan ha interrotto la sua unica connessione con il mondo esterno e lo ha posizionato nel portabicchieri che ha indicato.

Ryan non era mai stato a Sheffield prima, quindi non aveva idea di dove stessero andando. Dopo circa 25 minuti, hanno lasciato la città e hanno attraversato la periferia. Dai segnali stradali sembrava che si stessero dirigendo verso il Peak District, una vista che è stata confermata quando Carly ha svoltato in una strada B che offriva ampie vedute sui campi verdi. Altri cinque minuti di guida, poi improvvisamente svoltò in una strada a una corsia non segnalata con siepi su entrambi i lati, senza dare a Ryan alcuna possibilità di vedere dove fossero. Improvvisamente le siepi si fermarono, così come la strada. Davanti a loro c’era un piccolo gruppo di fabbricati agricoli, un fienile a sinistra con quelle che sembravano stalle e altri annessi a destra. Al centro c’era la fattoria. Aveva visto giorni migliori, ma c’erano segni dell’inizio dei lavori di restauro. Ciò che ha davvero attirato l’attenzione di Ryan è stata la vista dietro gli edifici, che erano stati costruiti ai piedi di un pendio di uno sperone roccioso. A destra, dietro le scuderie, si allungava il ciglio di un bosco. Lo scenario era spettacolare. Ryan si ricordò improvvisamente di un film che aveva visto in gioventù, un remake di Cime tempestose, che aveva trovato particolarmente noioso fino alla prima scena che mostrava le paludi. Allora il giovane cittadino si meravigliò davanti a un mondo che non sapeva nemmeno esistesse. Fino ad oggi, è stato come guardare il film e vedere per la prima volta lo scenario mozzafiato che lo aveva spinto a intraprendere una carriera che ha comportato così tanti viaggi e lavoro all’aperto. E lo sperone roccioso che stava guardando ora ricordava così tanto quello apparso nel film.

Carly si fermò davanti alla fattoria e spense il motore. Si voltò verso Ryan con un sorriso stampato in faccia.

“Spettacolare, vero? Non riesco ancora a credere che sia mio. Apparteneva ai miei nonni e mio nonno coltivava la terra. Quando morì, mia nonna affittò la terra oltre lo sperone al vicino agricoltore, proprio per continuare la tradizione della terra coltivata. È morta l’anno scorso e sembrava naturale portare avanti l’accordo. E ho due cavalli che la figlia del contadino si prende cura di me quando non ci sono. I cavalli sono la mia passione. Quando non lavoro, vengo qui e vado in bicicletta ogni giorno. Ne ha due, quindi usciamo spesso insieme. Quando avrò finito di modellare, voglio provare a lavorare di nuovo la terra, mantenendo le vecchie tradizioni per un’altra generazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *