The Servant Pt. 03 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Improvvisamente affamato, ho finito la mia pasta e ho leccato la ciotola. Mani forti mi tirarono da dietro e mi sollevarono da terra. Il Maestro aveva spostato la sua sedia nell’angolo accanto a me e ora mi ha tirato in grembo.

“Buon lavoro Danielle. Hai fatto tutto ciò che ti abbiamo chiesto stasera e ti abbiamo spinto al massimo. Sono sicuro che noi tre possiamo essere molto felici insieme.”

La Signora gli porse un panno umido e lui iniziò a pulirmi la faccia.

“Credo che Vanessa ti abbia detto che leggiamo i tuoi diari. Possiamo essere sadici, ma non vogliamo davvero farti pressioni in modi che non hai ancora rivelato un interesse per l’esplorazione. Cosa ne pensi? “Sei pronto firmare un contratto di lavoro? Felice qui?”

Ho guardato nei suoi occhi marroni, cercando di leggere il mio futuro lì. L’intera notte è stata come i miei sogni sessuali più sfrenati sotto steroidi. Rappresentava anche un’avventura irripetibile e la risposta ai miei problemi finanziari. La mia risposta è stata semplice come cadere dal letto.

“Sì signore. Sono pronto.”

Il sorriso del Maestro era ampio e mi scaldava il cuore. Mi posò dolcemente sul pavimento e spinse indietro la sedia verso il tavolo. La signora ha riavuto la mia collana, ma questa volta siamo andati insieme nella loro stanza. Dall’altra parte del corridoio rispetto alla loro porta, il Maestro aprì un’altra porta. La stanza al di là era molto più piccola della loro suite, ma comunque migliore di qualsiasi altra che abbia mai avuto.

“Questa sarà la tua stanza, Pet. Proprio di fronte alla nostra e a portata di mano per quando avremo bisogno dei tuoi servizi durante la notte. Dormi un po’ perché domani sarà una giornata impegnativa. Vanessa ti accompagnerà in città a prenderti “tutto ciò di cui hai bisogno nel tuo appartamento. Probabilmente ti porterà anche a comprare le cose di cui hai bisogno per la tua nuova vita qui. “

Il Maestro mi baciò sulla sommità della testa e il Maestro mi accarezzò il sedere, chiudendosi la porta dietro di sé mentre se ne andavano. Girovagai per qualche minuto ispezionando i miei nuovi alloggi. Il bagno era di buone dimensioni e rifornito con saponi, shampoo e articoli da toeletta costosi. I cassetti del comò erano vuoti, ma pensavo che la padrona mi avrebbe aiutato a riempirli domani. Ora il letto mi chiamava e io scivolavo tra lenzuola fresche e fresche. Sospirando soddisfatto, chiusi gli occhi e mi addormentai all’istante.

Il sole splendente stava già filtrando attraverso le tende quando la porta della mia camera da letto si aprì. La signora rise quando mi vide seduta lì, sbattendo le palpebre e confusa. La tua incapacità di bussare mi ha ricordato la mia posizione in questa casa. Servo, animale domestico, giocattolo. Mi ha dato un piccolo brivido e in risposta ho sentito i miei capezzoli indurirsi.

“Alzati e risplendi, Danielle. Abbiamo molto da fare oggi, quindi per favore vestiti. Ho portato il vestito che indossavi ieri sera. Niente vestiti puliti, quindi dovrai farlo finché non ne avremo altri. Lo so ancora te. Non so come muovermi per casa, quindi aspetterò che ti prepari.”

La luce del giorno ha reso surreali gli eventi della scorsa notte e ho eseguito consapevolmente le mie abluzioni mattutine, iperconsapevole del suo sguardo che mi seguiva. L’abito che era sembrato elegante la sera prima ora sembrava insapore. I tacchi erano estremamente inappropriati e scomodi senza calzini. Almeno la Padrona ha sganciato la collana e l’ha lasciata sul mio comodino.

“Non preoccuparti, Pet. La nostra prima tappa sarà il tuo appartamento e potrai cambiarti con qualcosa di più adatto. Prima di partire, però, il tuo contratto di lavoro è nell’ufficio di Charles. Dovrai controllarlo. occhio e firma esso.”

Abbiamo attraversato velocemente la casa e questa volta ho prestato molta attenzione, cercando di imparare a orientarmi. Il contratto era lungo due pagine e molto specifico, inclusa una parola sicura per la mia protezione. Non c’era niente che non avessimo discusso e ho subito firmato. Il periodo di prova di 90 giorni è stato audace e ho sentito una nuova determinazione ad avere successo. Non c’era assolutamente nulla che potessero lanciarmi addosso che non riuscissi a gestire. Finora le cose peggiori che mi hanno fatto mi hanno lasciato la figa bagnata e desiderosa.

Due uomini in abiti da lavoro ci hanno incontrato nel mio appartamento e io e la Signora siamo entrati rapidamente, prendendo decisioni su cosa volevo tenere. La maggior parte dei miei vestiti era considerata inappropriata per la mia nuova vita e non mi era permesso cambiarmi. Guardandomi intorno, mi sono reso conto che non c’era niente di cui mi importasse troppo. La signora mi ha detto che avevano già ordinato un nuovo computer per me e uno degli uomini si è messo al lavoro per copiare il mio disco rigido. Ho raccolto i miei articoli da toeletta e alcuni oggetti personali mentre gli uomini hanno iniziato a mettere tutto il resto in scatole.

“Mettiamo via il resto delle tue cose, Danielle.” Se il nostro accordo non soddisfa tutte le parti, tutto ti verrà restituito. Ti suona bene?

Incerto sul protocollo in pubblico, ho risposto “sì signora”.

Doveva essere la risposta giusta perché la Padrona sorrise e tese la mano.

“Hank, Aaron, per favore informa il signor Standish se hai problemi. Abbiamo molto altro da fare oggi.”

Ho messo la mia mano nella sua e la Padrona mi ha tirato verso la porta. Non ho guardato indietro. Le ore che seguirono furono nebulose. Non avevo mai comprato vestiti senza prima passare attraverso la sezione di destocking. La signora non ha mai guardato un cartellino del prezzo in nessuno dei negozi di abbigliamento di fascia alta che abbiamo visitato. Ha anche insistito per essere nel backstage con me e mi chiedevo cosa ne avrebbero pensato i dipendenti.

Ho provato abiti da festa eleganti, abiti da troia per occasioni che potevo solo immaginare e abiti di base per i giorni in cui facevo commissioni. Ci siamo fermati in una boutique eclettica, dove la signora mi ha comprato un costume da cameriera. Oscillava tra abbigliamento rispettabile e feticismo e mi sentivo molto sexy. Ho anche ricevuto nuove mutandine, reggiseni e calzini, oltre a calzini, scarpe da corsa e abbigliamento sportivo.

“Abbiamo una palestra a casa e ti allenerai con me. Il maestro non tollera le donne che non sono in buona forma fisica. abbigliamento da palestra. A casa, non c’è motivo di travestirsi. Fare esercizio”.

Arrossii al ricordo che ero posseduto. Lo shopping era un’attività così normale che era facile dimenticare chi ero diventato. Finalmente mi è stato permesso di cambiare il vestito che indossavo prima. La padrona mi porse un vestito semplice e dei sandali piatti e mi guardò mentre mi vestivo. Le mie nuove mutandine sono rimaste nella borsa della spesa e sapevo che non avrei dovuto ordinarne un paio.

“Brava ragazza. Sentire le tue cosce nude strofinarsi insieme ti manterrà esattamente nello stato d’animo giusto.”

Il mio nuovo guardaroba è stato riposto nella parte posteriore della Lincoln e Joel ci ha lasciati in un mercato alimentare di cui non avevo mai sentito parlare. La padrona mi ha informato che avremmo preparato la cena per il Maestro stasera e ho spinto un carrello della spesa attraverso il negozio mentre lei selezionava le provviste.

“Che tipo di cibo ti piace, Danielle?”

Timido di nuovo, ho pensato a tutti i modi per trovare cibo a buon mercato. Hamburger di accompagnamento, ramen, panini di carne di mezzogiorno sul pane di ieri. Niente di tutto questo era qualcosa che volevo condividere con la Signora.

“Parla, Pet. Quando faccio una domanda, mi aspetto una risposta.”

Balbettai e risposi che mi piaceva di più il cibo italiano e messicano, ma non mi piacevano molto le verdure. La signora non ha perso tempo nella sua risposta.

“Charles ed io mangiamo sano e anche tu. Hai qualche allergia alimentare?”

“No signora” risposi velocemente.

“Bene. Mangerai quello che ti mettiamo davanti.”

Sentendo quella scossa rivelatrice tra le mie gambe, mormorai un cenno del capo e la seguii mentre faceva la spesa. Le bistecche sono state ordinate dal macellaio e il pesce fresco era stato anche selezionato. Il capo mi ha dato consigli mentre facevamo la spesa, insegnandomi a scegliere la frutta e la verdura più fresca. Accanto per qualche bottiglia di vino e fuori dalla porta carichi di generi alimentari. Joel stava aspettando di metterli nel bagagliaio della Lincoln e tornammo a casa.

Mettere via la spesa è stato il nostro primo compito e la signora mi ha mostrato la cucina. Era ovvio che la cucina era sia ben utilizzata che riccamente decorata. Dovevamo cenare a base di salmone, con insalata e risotto. Non ero sicuro al 100% di cosa fosse il risotto, ma non ho avuto il tempo di chiedermi. La padrona prese un frullatore e preparò frullati con proteine ​​in polvere, carote e barbabietole. avevano un sapore orribile, ma mi ha assicurato che era l’unico pranzo che avrei mai mangiato. Ho bevuto ogni goccia, lavato i nostri bicchieri e li ho messi in lavastoviglie.

“Lava a mano il frullatore, Pet. Allora prendi i tuoi vestiti nuovi e iniziamo a fare esercizio.”

Joel aveva messo le borse della spesa sul mio letto e la Signora si sedette sulla poltrona e osservò i miei sforzi. Ho appeso i vestiti e piegato i vestiti di tutti i giorni verso di lei. Mutandine, reggiseni e calzini sono andati nei cassetti e ho messo i vestiti da allenamento sul letto, con l’intenzione di metterli.

“Oh no, Pet. È solo per i giorni in cui corriamo. Togliti il ​​vestito e andiamo.”

Un po’ infastidita, mi tirai lentamente il vestito sopra la testa mentre lei guardava. Sentendomi più nudo di ieri sera, mi azzardai a fare una domanda.

“Nessuno qui oggi?”

Sapevo che Joel era ancora lì e mi chiedevo dei due uomini che apparentemente stavano ancora preparando le mie cose. Una casa di queste dimensioni doveva avere un buon numero di persone che se ne prendessero cura. Cosa penserebbero se mi vedessero nudo?

“Pet, gli unici altri servitori qui conoscono il nostro modo di vivere. Ti ho già detto che rimarrai nudo per la maggior parte del tuo tempo qui. Improvvisamente è un problema per te?”

Il suo tono era veloce e ho risposto rapidamente.

“No signora, non ne ero sicuro…”

“Nell’intimità della nostra casa, devi chiamarmi Padrona. Sicuramente non sei pronta per un altro pestaggio a breve?”

“No signora! Mi dispiace,” sbottai.

“Questa è una risposta migliore. Portami il guinzaglio e inginocchiati così posso metterlo per te.”

L’ho fatto rapidamente e la padrona mi ha accarezzato brevemente il seno dopo aver legato la fibbia.

“Sono tentato di usare la tua bocca di talento in questo momento, ma penso che sia meglio aspettare che Charles torni a casa. Andiamo.”

Ho seguito la padrona in una palestra di casa che sarebbe stata l’orgoglio della Y. Mi ha girato, guardando il mio corpo come se fossi un pezzo di carne. Mi sono stati assegnati esercizi di potenziamento specifici e ho iniziato a farli. All’inizio era terribilmente imbarazzante essere nuda, soprattutto quando la Signora indossava un reggiseno sportivo sexy e pantaloncini di spandex. Ero terribilmente consapevole del mio sedere nudo mentre mi sedevo sulle panchine, ma la Mistress mi ha assicurato che avrei pulito quando avessimo finito. Ho finito con 30 minuti sul tapis roulant ed ero senza fiato quando abbiamo finito. Fedele alla sua parola, la Signora mi ha consegnato un flacone spray e un asciugamano e mi ha chiesto di pulire ogni attrezzatura che stavamo usando.

“Andiamo, Pet. Il padrone tornerà presto a casa e dobbiamo pulire. Di solito gli piace un aperitivo prima di cena.”

Proprio come abbiamo fatto la sera prima, abbiamo pulito il bagno principale. Faccio una doccia veloce prima di inginocchiarsi dietro la signora nella vasca. Mi ha spiegato come lavarsi i capelli e si è appoggiata all’indietro, praticamente facendo le fusa mentre le massaggiavo il cuoio capelluto. L’ho asciugato di nuovo e questa volta l’ho pettinato.

“Domani ti mostrerò come asciugarmi e acconciarmi i capelli. Per ora puoi semplicemente intrecciarli. Charles sarà a casa a minuti e dovremo inginocchiarti vicino al letto quando arriverà.”

All’improvviso sembrava nervosa ed era contagioso. Le ho intrecciato i capelli il più velocemente possibile e abbiamo trovato due panche inginocchiate nella stanza. Ci siamo inginocchiati vicino al letto solo per un minuto o due prima di sentire il Maestro entrare nella stanza.

“Oh, c’è una bella vista dopo una lunga giornata in ufficio.”

Abbiamo sentito rumori di vestiti che venivano tolti e gettati via, poi ho sentito una mano sulla sommità della testa.

“Tesoro, per favore lega il nostro nuovo giocattolo al letto, a faccia in su. Dirigiti verso la testiera, credo.”

Il letto era enorme; almeno un re della California, se non su misura. La padrona ed io ci alzammo in fretta e mi sdraiai sulla schiena come aveva ordinato il Maestro. Mi tirò le braccia e le gambe ai lati del letto e mi legò le manette attorno ai polsi e alle caviglie. Naturalmente, c’erano già delle restrizioni sulla posizione poiché ho sentito dei clic quando ogni anello a D di ciascun bracciale è stato attaccato. Potevo alzare un po’ la testa e girarla da una parte all’altra, ma era così. La mia impotenza era completa e i miei succhi iniziarono a fluire.

Il Maestro prese in braccio la Padrona e cominciò a baciarla. All’inizio fu gentile, ma i suoi baci divennero più urgenti e le sue mani vagarono sul suo corpo nudo. Afferrandole la treccia, le tirò indietro la testa e la sua bocca trovò i suoi seni. Prima le succhiò i capezzoli, poi li afferrò con i denti. Li strattonò rudemente e lei gemette, inarcando ancora di più la schiena. Ho allungato i miei legami, non sapendo cosa volevo di più: la sua bocca sul mio seno o la mia bocca sulla sua.

«Sali sul letto, Vanessa. Penso che tu sappia dove ti voglio.

“Sì Maestro” mormorò e salì a letto con me.

A quattro zampe, si è messa a cavallo del mio corpo, la sua figa appena sopra il mio viso e un ginocchio su entrambi i lati della mia testa. Le sue gambe erano abbastanza lunghe che, con la testa sul letto, non potevo raggiungerla. Alzai la testa per assaporarne le pieghe profumate, ma il Maestro parlò bruscamente.

“No, Pet. Non toccherai nessuno di noi senza il permesso esplicito. Per ora, stai zitto.”

Feci subito come mi era stato detto e il Maestro si inginocchiò sul letto dietro la Padrona. Le accarezzò delicatamente la schiena ei fianchi, piegandosi per pizzicarle i capezzoli. Colpendole forte le guance, lui ridacchiò e fece scorrere le dita attraverso il nettare che già gocciolava dalle sue labbra.

“Non vedo l’ora che arrivi, sei mio caro?”

Infilando le sue dita nella mia bocca, questa volta si rivolse a me.

“Ecco una piccola anteprima per te, Pet. Presto avrai la tua.”

Gli leccai completamente le dita prima che le tirasse via. Con una guancia in ciascuna mano, il Maestro aprì il Maestro ed entrò in lei da dietro. La prese in giro con scrupolosa lentezza, centimetro dopo centimetro. Lei gemette e cercò di spingersi contro di lui, ma lui si tirò fino in fondo e la sbatté nel culo ancora più forte.

“Chi comanda qui, Vanessa?”

“Lo sei, signore.”

“Questa è una buona risposta, ma forse c’è una lezione da imparare qui. Per contenere la tua impazienza, penso che potresti servire Pet come lei ti serve. Metti la tua faccia tra le sue gambe.”

La Padrona esitò un momento, ma non molto di più. Abbassò il viso e iniziò a leccarmi lentamente le labbra esterne.

“È una brava ragazza. Pet, puoi fare lo stesso.”

Il Maestro riprese, entrando lentamente nella Padrona a pochi centimetri dal mio viso. Ho alzato la testa e gli ho leccato il clitoride mentre iniziava a scoparla. Gli diede una piccola spintarella e mi chiese di succhiargli le palle e leccare il suo cazzo mentre scivolava dentro e fuori. Andavo avanti e indietro tra loro, ungendo la loro unione con la mia saliva. Il Maestro si sporse in avanti e spinse ulteriormente la testa della padrona nel mio inguine.

“Spero davvero che tu stia facendo del tuo meglio, Vanessa. Mi dispiacerebbe punirti di fronte a Pet.”

La sua bocca era spalancata ora e sembrava coprire tutta la mia figa. La sua lingua entrava e usciva dal mio tunnel prima di attaccarsi al mio clitoride come un bucato. Ho resistito alle restrizioni, tanto disperata dal desiderio quanto determinata a non venire senza permesso. Non riuscivo a liberarmi dalla sua presa e le mie gambe iniziarono a tremare. Il cazzo del padrone pompava incessantemente e io combattevo il fuoco con il fuoco. Ho indurito la lingua e ho toccato il clitoride della Signora il più rapidamente possibile. Gridò mentre veniva, liberando il mio clitoride gonfio mentre faceva. Tuttavia era troppo tardi. Mi diverto anche, e lei ha sentito i miei spasmi come io ho sentito i suoi.

Il maestro si seppellì nella sua figa un’ultima volta, gemendo mentre piantava il suo seme dentro di lei. La signora crollò su di me mentre lui tirava lentamente, il suo cazzo luccicante. La sua figa era inzuppata e ora lo sperma del Maestro scorreva nella mia bocca.

“Oh mio Dio. Due ragazze cattive. Penso che stasera cucinerai la cena con il culo dolorante. Vanessa, resta dove sei. Pet, vai a pulirti mentre io mi prendo cura di te.”

“Ora guarda cosa hai fatto!” La padrona sibilò mentre allargava le gambe davanti al mio viso.

“Ne parleremo più tardi”, riuscì a dire prima che il Maestro tornasse.

Lo leccai frettolosamente mentre il Maestro aspettava, ingoiando i fluidi prodotti dal loro accoppiamento. La signora stava mentendo, la sua guancia contro la mia coscia. Non ha suggerito che lei facesse lo stesso con me. Quando ho ripulito la Signora con sua soddisfazione, mi ha sbottonato le manette e ci ha detto di scendere e chinarci sul letto.

“Penso che ne basteranno dieci a testa, ragazze. Poi puoi cucinare la cena nuda così posso ammirare il mio lavoro sui tuoi bei culi.”

Il padrone non ha avuto pietà dei segni rossi che il mio culo aveva ancora la sera prima. Mi ha anche fatto capire che la padrona in realtà non colpisce così duramente. Eravamo fianco a fianco sul letto e il guinzaglio sibilava nell’aria, un suono violento quasi quanto il dolore. Il Maestro si alternava tra noi, l’elsa cadeva prima su una schiena e poi sull’altra. Abbiamo avuto tutto il tempo per assorbire il dolore tra ogni colpo.

Entrambi gemevamo e urlavamo, implorando pietà e promettendo che non saremmo più andati senza permesso. Quando il Maestro finì, le mie natiche e le mie cosce erano luccicanti e pulsavano. Ho immaginato che la Signora si sentisse allo stesso modo. Ci fu permesso di alzarci e noi tre andammo in cucina a preparare la cena. Ho tenuto la testa bassa per tutto il processo sperando che nessuno di loro scoprisse il mio segreto.

La mia figa pulsava quasi quanto il mio culo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *