The Vacation – BDSM – Literotica.com

di | 30 de Giugno, 2022

Un collega le ha chiesto: “Allora Sandra… è quasi tempo di vacanza. Andrai anche quest’anno agli Hamptons?”

“Non quest’anno, Charles. Non ho ancora deciso, ma sono stufo di andare negli Hamptons estate dopo estate.”

Sta ridendo. “Beh, come si suol dire, un cambiamento vale quanto una pausa. Spero che tu possa trovare qualcosa di piacevole. Il tuo programma è stato piuttosto impegnativo quest’anno.”

“Sì, è vero”, ha ammesso. “Ma sappiamo che le persone hanno bisogno di parlare regolarmente con il proprio psicologo per superare momenti difficili. Dobbiamo aiutare in ogni modo possibile”.

“E tu sei uno dei migliori,” si complimentò con il suo collega biondo mentre si allontanava. “Non c’è da stupirsi che sei così occupato.”

Non poteva condividere con Charles la strana compulsione che aveva provato quando aveva letto quell’annuncio. Si era abituata a leggere i giornali “underground”, spesso sorpresa da articoli che suggerivano i vantaggi di stili di vita “alternativi”. Gli scrittori hanno difeso i fasti di alcuni affascinanti diversivi. È stata un’ottima lettura per la ricerca psicologica di base, o almeno così si è convinta.

Ma questo annuncio. La prima volta che l’ha visto, ha pensato che fosse uno scherzo. Ma continuava a riapparire, insieme alle informazioni di contatto. In grassetto, la sua intestazione diceva “SERVIZI DI BONDAGE” seguito da un numero di telefono. Alla fine, ha cercato per prefisso e ha scoperto che si trattava di un’area vicina al di fuori dei confini della città. Ha lottato con la tentazione per settimane. Nella sua pratica, ha occasionalmente avuto clienti che hanno incorporato i giochi di bondage nel loro stile di vita. Non l’hanno vista per un problema – erano lì per discutere di altre questioni. Ma hanno condiviso che rinunciare al controllo rimanendo legati o addirittura ingabbiati spesso li alleviava dallo stress. Senza controllo, erano sollevati dal preoccuparsi delle decisioni. Hanno semplicemente presentato, accettato e trovato conforto strano e difficile da spiegare.

Sandra sentiva di dover imparare questa esperienza in prima persona. E questo annuncio offriva quell’opportunità. Tuttavia, c’era molto mistero in quella piccola pubblicità. Ma recentemente, l’annuncio ha citato anche una pagina web. L’ha visitata e ha trovato ulteriori informazioni, tra cui un elenco di servizi offerti, testimonianze e, soprattutto, un logo di Better Business Bureau! È stato uno slancio sufficiente per Sandra per iniziare a pensarci seriamente. Ma lei esitava ancora. Sembrava che ogni volta che giocava con l’idea di cedere il controllo a qualcun altro in quel modo, le farfalle le volassero nello stomaco. Ma allo stesso tempo, non poteva negare l’umidità che appariva anche tra le sue cosce.

Alla fine, con l’avvicinarsi delle vacanze, ha deciso di agire. Ha chiamato il numero. Una piacevole voce femminile rispose dicendo: “Ciao Bondage Services. Come posso aiutarti?”

“Ciao. Ho visto il tuo annuncio e ho visitato il tuo sito web, ma volevo assicurarmi di aver compreso appieno i tuoi servizi.”

“Certo, signora. Cosa le interessa?”

“Ho un lavoro molto stressante e voglio ‘cambiare idea’ da molto tempo. Guardando ciò che offri, ho il sospetto di ciò che potrebbe aiutarmi. Ma vorrei sentire la tua opinione, perché questa è la tua area di competenza… diciamo… competenza?”

Ciò ha portato a una vivace discussione su ciascuno dei servizi offerti e all’aspettativa dei potenziali benefici di ciascuno. Il fornitore, Lori, ha risposto a ciascuna delle domande di Sandra in modo accurato e chiaro. Non stava facendo un discorso di vendita frettoloso, permettendo a Sandra di arrivare alle sue conclusioni. Ha funzionato per Sandra. Ha fissato un appuntamento con Lori il primo sabato delle sue imminenti vacanze pomeridiane. Quando ha riattaccato il telefono, il cuore di Sandra stava già battendo. “Almeno sarà un grande diversivo andare negli Hamptons”, mormorò tra sé e sé.

Nel giorno stabilito, Sandra si veste nervosamente per apparire il più bella possibile, come se stesse andando a un importante incontro di lavoro. Ha inserito l’indirizzo nel sistema di navigazione della sua auto e ha intrapreso questa nuova avventura. “È fantastico uscire dalla città”, ha detto allegramente mentre il suo ambiente si spostava da urbano a suburbano e infine di campagna. “Ho quasi dimenticato i campi e l’aspetto degli alberi nel loro habitat originale”, ha detto alla sua macchina vuota. Questo la spinse ad abbassare i finestrini e far entrare l’aria fresca.

Seguendo le istruzioni di navigazione, era libera di respirare i profumi della campagna, come l’erba appena tagliata o il fieno, e vari sentori floreali che non riusciva a identificare ma che apprezzava. C’era un sacco di verde intorno, laghi e ruscelli scintillanti. La giornata è stata perfetta per questo tour. Il sole era ormai a occidente, non ancora pronto per tramontare. Fortunatamente, il sistema di navigazione diceva: “La tua destinazione è a 500 metri a destra”.

Era una casa ben tenuta, ben arretrata rispetto alla strada. Sembrava una fattoria con tanti terreni, boschi e annessi, lontano da casa. Le altre case più vicine erano a circa un miglio di distanza in entrambe le direzioni. Era davvero un paese agricolo. Quando Sandra entrò nel lungo vialetto, una giovane donna dai capelli scuri uscì sul portico. Aveva i capelli legati in una coda di cavallo e indossava una maglietta e dei jeans.

Quando Sandra scese dall’auto, la giovane donna si fece avanti per salutarla tendendole la mano. Le due donne si stavano valutando a vicenda mentre si strinsero la mano. Sandra disse: “Ciao, mi chiamo Sandra. Sono nel posto giusto?” Pensò: “Quella donna sembra certamente la moglie di un contadino”. La sua presa è forte e la sua mano sembra abituata al lavoro manuale.

“Ciao Sandra. Mi chiamo Lori. Eravamo al telefono. Sì, sei capitata nel posto giusto. Entra,” si offrì. Pensò: “Guarda come indossa quei vestiti costosi e guarda la sua macchina. La sua mano sembra non aver mai avuto una giornata di duro lavoro, ma il suo corpo sembra essere in buona forma, forse grazie agli allenamenti con un personal trainer. Un altro membro privilegiato della classe superiore che vuole sperimentare il proibito. Beh, se è come la maggior parte, probabilmente avrà più di un gusto. Vedremo.

All’interno, si sono seduti su un comodo divano, sorseggiando una limonata appena spremuta mentre concludevano l’affare. “Allora, iniziamo con due giorni, Sandra: avrai bisogno di almeno quel tempo per realizzare ciò che stai cercando. Quindi, se vuoi, possiamo prolungare il tuo soggiorno fino alla fine della settimana. Va bene?”

“Sì, Lori. Suona bene. Spero davvero di ottenere i benefici attesi. Devo ammettere che sono curioso e piuttosto ansioso di iniziare. Oh, ecco la tua ricompensa.” Ha restituito l’importo pattuito.

“Grazie, Sandra,” disse, intascando i soldi. “Va bene, cominciamo. Qui.” Condusse il suo cliente biondo a una porta. Aprendolo, accese le luci, rivelando una scala che scendeva nel seminterrato. Le due donne scesero in quella che si rivelò essere una stanza spaziosa e rifinita. La temperatura era abbastanza confortevole, ma Sandra non ci prestava attenzione. I suoi occhi giravano intorno, la sua mente leggermente stregata cercava di dare un senso a tutti gli oggetti che vedeva. Dal nulla, mentre si guardava intorno, le venne in mente la frase “Toto, non credo che siamo più in Kansas”.

Lungo due pareti c’erano tavole forate contenenti pezzi di corda, catene, fruste, dildo, cose che sembravano bastoncini di tacchino modificati, remi, fruste, bastoni e fruste. C’erano anche polsini in pelle, manette, aste di metallo con passanti in velcro su ciascuna estremità, nastri colorati che sembravano lattice lucido – ogni sorta di roba bizzarra! Inoltre, intorno alla stanza c’erano cose come una grande croce, una grande X di legno, un letto con struttura in acciaio, una struttura in legno massello contro un muro, una panca imbottita e un sistema di carrucole appeso a una trave solida. . Poi Sandra vide gabbie di diverse dimensioni e il suo cuore iniziò a batterle nel petto.

“Ecco perché ti ho assunto” le ricordò mentalmente. “Essere rinchiusi in una gabbia per almeno due giorni senza fare nulla. Essere costretti a rallentare e rilassarsi”. Aveva un po’ paura di questa prova imminente, ma doveva essere onesta con se stessa. Era anche curiosa di sapere come avrebbe reagito. Ha avuto il primo indizio quando ha sentito Lori impartire un comando.

“Togliti tutti i vestiti, Sandra,” ordinò, il suo tono che assumeva una strana qualità che sconvolse Sandra.

“Spogliarsi?” pensò, il cuore che le batteva in gola. “Davanti a questo sconosciuto virtuale? Sandra non era esattamente timida riguardo al suo corpo e al suo aspetto, ma la velocità di questo ordine la colse di sorpresa. ” Che cosa ? Qua ? Adesso ? Davanti a te, Lori?

La voce di Lori assunse un tono d’acciaio mentre parlava bruscamente. “Non sono felice di dover ripetere i miei ordini, Sandra. Ora hai perso il privilegio di essere messa nella gabbia grande, quindi vai nella gabbia media. Cioè, a meno che tu non faccia un passo indietro, nel qual caso tu vai a quello più piccolo”.

Gli occhi di Sandra si spalancarono un po’ mentre osservava la piccola gabbia angusta, e le sue mani si portarono al collo e iniziarono a sbottonarsi la camicetta altrettanto velocemente. il più possibile. Senza togliersi la camicetta dalle spalle, afferrò la cerniera della gonna e la spinse verso il basso. Questo le ha permesso di far cadere la gonna in modo da poterne uscire mentre si toglieva la camicetta. Si tolse le scarpe e si chinò per calarsi velocemente i calzini e uscire. Esitò quasi sul reggiseno e sulle mutandine, ma un’altra occhiata a quella gabbia più piccola consolidò la sua decisione. Si tirò indietro, sbottonando il reggiseno. Sporgendosi di nuovo in avanti, si tolse il reggiseno mentre le sue mani le abbassavano le mutandine. Dato che ora era nuda, una parte della sua mente disse: “Non mi sono mai spogliata così in fretta!”

“Così va meglio,” disse Lori. Aprì la porta della gabbia centrale. “Adesso entra.”

Con il cuore in gola e un leggero velo di sudore che si forma sulla sua pelle nuda, la bionda si accovaccia un po’ per entrare nella gabbia indicata. Il suo pavimento era coperto da un soffice tappeto che le faceva stare bene a piedi nudi. Non riusciva a stare in piedi completamente in questa gabbia, quindi cadde in ginocchio mentre Lori chiudeva e chiudeva a chiave la porta. Stranamente, non aveva voglia di coprirsi il seno o di fare sesso con le mani. Forse era inconsciamente preoccupata che Lori potesse offendersi e costringerla a entrare nella gabbia più piccola. Forse, nella gabbia, si sentiva un po’ come un animale, e gli animali non indossano vestiti e non si vergognano di certe parti del loro corpo. Quest’ultimo pensiero merita un approfondimento.

“C’è una brocca d’acqua sul tetto della gabbia e un tubo con una pinza ti alimenterà l’acqua per gravità se hai sete”, ha spiegato Lori. “Ed ecco una ciotola di verdure fresche con cui puoi fare uno spuntino se hai fame. Basta prendere le barrette per prenderle. E se hai bisogno di andare in bagno mentre sono qui, ti porto in bagno .nelle vicinanze, ed è urgente, basta tirare da parte un angolo del tappeto e accovacciarsi sulla rete metallica sul pavimento della gabbia.

Lori iniziò a vagare per la stanza, sostituendo e riordinando le cose, ignorando apertamente Sandra. Ma in realtà era molto vigile, vedendo come il suo cliente stava affrontando la sua nuova situazione. Quasi sorrise quando Sandra sospirò piano e si girò su un fianco, raggomitolandosi in una comoda palla, ovviamente sistemandosi. Lori ha finito di fare le valigie per il suo cliente domani e ha detto gentilmente a Sandra che sarei tornata più tardi”.

Sandra borbottò “Va bene”, mentre cercava di lasciare che lo stress del lavoro quotidiano le defluisse dalla mente e dal corpo. Non è stato facile. La sua mente stava pensando a progetti, shopping, telefonate e scartoffie. Doveva continuare a ricordare a se stessa che non era in grado di fare nessuna di quelle cose in quel momento. Forse mormorando un po’ di non essere in grado di seguire le normali procedure, la sua mente si calmò gradualmente.

Non stava cercando di concentrarsi su niente, stava solo lasciando vagare la mente adesso. Vagamente, sentì Lori salire le scale del seminterrato. Ci fu un clic e tutte le luci nel seminterrato si spensero. Quando la porta si chiuse, la stanza sprofondò nell’oscurità. All’inizio Sandra fu sorpresa, aggrappandosi alle sbarre della gabbia e fissando, cercando di vedere. Era inutile. A poco a poco, le sue paure si placarono, quando iniziò a sentire che la forte gabbia la stava proteggendo. Si rilassò di nuovo in uno stato calmo e meditativo.

È trascorso un tempo inconoscibile.

Sdraiata al buio, Sandra si accorse di passi al piano di sopra. “Penso che Lori sia tornata,” pensò tra sé e sé. “Mi chiedo che ore sono?

Improvvisamente, una voce femminile roca gridò “Lori!?” ad alta voce. Non ci volle molto perché la maniglia della porta del seminterrato sbattesse rumorosamente. Sandra era in allerta adesso, chiedendosi chi fosse, e ora si sentiva molto vulnerabile, nuda e intrappolata in questa gabbia. Non ha aiutato quando ha sentito quella voce femminile urlare: “Dannazione! L’ha chiusa a chiave!” Questo è stato seguito dal suono di un piede che sbatteva forte sulla porta del seminterrato.

La bionda in gabbia adesso era molto spaventata. A malapena osava respirare. Sforzava le orecchie, sentiva il minimo rumore. Sentì altri passi sbattere, alcune porte sbattere, poi la casa tornò a tacere.

È passato più tempo. Quando l’adrenalina di Sandra svanì, si sentì stanca e si assopì. È stata quindi svegliata da un rumore alla porta del seminterrato. Era ovviamente una chiave che ha girato nella serratura. La porta si aprì e le luci si accesero, accecandolo momentaneamente. Attraverso occhi sfocati e acquosi, vide qualcuno che scendeva i gradini.

“Ciao, mio ​​piccolo animaletto!” Era la voce di Lori. Sandra provò un’ondata di sollievo. “Come sta il mio animaletto?” La voce di Lori tradiva che era chiaramente ubriaca. Deve essere stata fuori per una festa, dato che si è cambiata in una specie di prendisole con un orlo che terminava appena un po’ a sud di dove le sue cosce incontravano il suo busto. Aveva anche una profonda scollatura che attestava il fatto che non indossava il reggiseno. “Sono così eccitata in questo momento, so che il mio animaletto mi aiuterà”, borbottò. Avvicinandosi alle sbarre della gabbia, sollevò la gonna, rivelando che non indossava nemmeno le mutandine. La sua figa era ben rasata e la sua fessura del sesso divenne nitida quando gli occhi di Sandra si schiarirono.

“Chi?” disse incredula la bionda in gabbia. “Non puoi dire… non siamo d’accordo… io mai…” Quell’ultima parte era una bugia. Quando era al college, ha sperimentato sessualmente sia con uomini che con donne e si è divertita immensamente. Ma quando è diventata professionista, ha dovuto mettere da parte quegli impulsi per motivi di decoro. Allora lei protestò, ma la sua lingua le stava già bagnando le labbra. Le sue narici si allargarono mentre inalava il profumo che esalava dalla figa di questa donna arrapata. L’odore iniziò a facilitare alcuni percorsi nel suo cervello che erano rimasti inattivi per anni. I suoi capezzoli si sono induriti.

Sentendo la gentile protesta del suo cliente, la donna dai capelli scuri fece le fusa: “Mangia la mia figa, il mio animale domestico”. Oppure vai nella gabbia più piccola. Questa “minaccia” era davvero superflua, in quanto Sandra aveva già spiegato che “non aveva scelta” ed era “costretta” a fare quello che voleva davvero fare in primo luogo. Ora poteva farlo senza sentirsi in colpa. Si trascinò in avanti in ginocchio. La figa offerta ora era proprio davanti alla sua faccia, facilmente accessibile tra le sbarre della gabbia. L’odore la attirò come una farfalla verso un fiore pieno di nettare. Quando Sandra socchiuse delicatamente, timidamente le labbra di Lori, le sue labbra socchiuse della figa sembravano un fiore: un’orchidea esotica con petali rosa bordati di marrone e un centro rosa più scuro.

Ha portato le sue stesse labbra alle labbra della figa e l’ha baciata, ottenendo il suo primo assaggio di Lori. Il suo secondo assaggio seguì rapidamente mentre faceva scorrere la lingua dalla base di ogni figa labbra dove si incontravano, raccogliendo i bei fluidi salati. Sapeva per esperienza passata che quei fluidi l’avrebbero ammorbidita se avesse spinto quella figa oltre il punto di non ritorno. A tal fine, premette la lingua contro l’apertura sbavante, sigillando le labbra attorno ad essa per chiedere il succo di Lori. Succhiò delicatamente, esplorando con la lingua il tunnel muscolare caldo e umido.

Lori strinse più forte le sbarre, premendo più forte il bacino contro di esse, desiderando che quella lingua le penetrasse nel cuore. “Oooohh sì, animaletto!” gemette. ” Stai bene. Oh, così bene. Di più ! Più profondamente ! »

Obbediente, Sandra mosse la lingua il più in profondità possibile, facendo rotolare e srotolando la punta. I movimenti sembravano rimuovere più succo di figa, che la bionda succhiava in bocca e in gola. L’aroma e il gusto deliziosi le ricordavano le gioie sessuali che provava al college. Il suo cunnilingus si eccitava ancora di più, facendo gemere forte Lori. Anche Sandra gemette, ma i suoi suoni erano attutiti mentre echeggiavano all’interno del tunnel dell’amore di Lori. La donna in gabbia ha raggiunto le sbarre e ha afferrato il culo di Lori, intrappolandola contro le sbarre e divorandole la bocca. la tua figa.

Lori ha reagito alle mani che le hanno stretto il culo con calore. La sua mente annebbiata dall’alcol riuscì ancora a registrare: “Non sta cercando di spingermi via!” Mi abbraccia forte e cerca di mettere la lingua ancora più a fondo! Mi mangia come se avesse fame di figa! Abbastanza ! Quando Sandra tirò fuori la lingua, Lori gemette per la frustrazione mentre i muscoli della sua figa si contraevano nel vuoto. Ma le sue palpebre si aprirono mentre la testa e le spalle si inarcavano all’indietro. Sandra ha abilmente rimosso il cappuccio che circondava il clitoride di Lori e ora lo stava mangiando con labbra facili e una delicata suzione.

Lori strinse più forte le sbarre, così forte che le sue dita diventarono bianche. Stava cercando disperatamente di ritardare il suo orgasmo, poiché la bocca di Sandra stava facendo cose magiche al suo inguine. Ondate di sensazioni emanavano da esso come il calore di una fornace. Queste onde si diffondono, increspando dalla loro sorgente al busto e lungo le gambe. Le onde che si muovevano verso l’alto le facevano irrigidire i muscoli dello stomaco, i capezzoli così gonfi che lottavano per rilasciare un latte inesistente, il cuore le batteva forte ei polmoni si gonfiavano come soffietti. Le onde che le rotolavano lungo le gambe le facevano rabbrividire e le dita dei piedi si piegavano. Era aggrappata alle sbarre della gabbia come se stesse facendo una giostra da brivido in un parco di divertimenti.

Ignaro di tutto, il mondo di Sandra era diventato il gusto, l’olfatto, la vista e la sensazione della figa di Lori. Istintivamente, sapeva che questa fottuta donna sarebbe stata dolce e deliziosa – sarebbe stato fantastico. Ed era determinata ad averlo. Spostò la mano sinistra al centro delle natiche di Lori, liberando la mano destra per un altro scopo. Fece scivolare tre dita in profondità nell’ingresso vaginale di Lori e le mosse in profondità. Quando iniziò a flettere le dita in un movimento “vieni qui”, Lori sussultò, inspirò un’enorme quantità d’aria e urlò di gioia mentre i suoi muscoli vaginali iniziavano a contrarsi sulle potenti dita. Le dita non solo stimolavano Lori, ma raccoglievano anche il succo di figa, incanalandolo nel punto in cui le dita incontravano la mano a coppa di Sandra. Ora era in grado di alternare tra succhiare il clitoride palpitante di Lori e succhiare i succhi raccolti nella sua mano.

Quelle dita che accarezzano il tessuto extra sensibile lungo il tetto del tunnel dell’amore di Lori, nel profondo del suo clitoride, hanno fatto cadere Lori fuori bordo! Con un grido inquietante e strozzato dalla sua gola, i bulbi oculari di Lori rotolarono nelle orbite e la sua vagina iniziò a tremare durante i cicli dell’orgasmo. Il suo sperma è stato rilasciato, inondando il palmo di Sandra. Bevendo avidamente questo dolce dono di nettare il più velocemente possibile, le dita di Sandra mantennero la sua eccitazione interiore. Questo è continuato fino a quando Lori si è allontanata dalla gabbia, spingendo il suo cazzo ora prosciugato lontano dalla bocca e dalle dita della donna in gabbia. Fece scivolare le mani sulle sbarre della gabbia, abbassando i fianchi finché il sedere non si posò sul pavimento. Era sdraiata sulla schiena e il suo corpo tremava per i tremori post-orgasmici. Balbettava: “Oh mio Dio, oh mio Dio”, ancora e ancora, i suoi occhi concentrati sul nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *