The VFW Hall – BDSM

di | 28 de Giugno, 2022

“Non so se posso farlo,” dissi, le mie mani che stringevano il volante. Noel ed io eravamo parcheggiati davanti a un edificio anonimo all’indirizzo che mi era stato dato per Impulse, la strana serata di gioco a cui la mia ragazza Lyla mi aveva invitato. L’avrei incontrata lì per la mia prima scena pubblica. Non sapevo esattamente cosa aspettarmi ed ero pietrificato.

“Va tutto bene, piccola,” disse Noel, facendo scorrere la mano sulla mia coscia spessa e ricoperta di rete. Indossavo ciò che Lyla richiedeva: calze a rete nere con reggicalze, un perizoma di pizzo nero e un vestito blu reale che abbracciava le mie curve piene e metteva in risalto i miei lunghi capelli rossi, che erano legati in una coda di cavallo che Lyla amava fotografare.

“Possiamo andare a casa se vuoi. Lyla capirà. Noel era ancora più giovane sul palco di me, il che era in parte il motivo per cui non capiva che Lyla non l’avrebbe fatto. Stava ancora imparando com’era uscire con la sottomessa di qualcun altro.

Ho incontrato Lyla alla band di corde Feeling Knotty che la mia amica Ellen mi ha convinto a provare. C’è stata una dimostrazione di diversi modi per legare qualcuno e ho visto Lyla avvolta in un elaborato sandalo romano che le teneva le gambe alzate e una ragnatela che le teneva le braccia alzate.

Era adorabilmente indifesa e sexy con un corpo voluttuoso, occhi scuri e capelli corti e biondi decolorati. Mi sono avvicinato e ho flirtato con forza, facendola ridere e dimenarsi nelle corde di contenimento. Non mi rendevo conto che fosse insolito per lei acconsentire a essere legata. Non era tenuta prigioniera, ma aspettava come un pericoloso ragno un giocattolo da masticare.

Siamo andati ad alcuni appuntamenti, solo cene standard al ristorante, seguite da un po’ di sesso piuttosto noioso. Una volta abbiamo visto un film e ci siamo tenuti per mano. Le nostre conversazioni erano buone, ma non abbastanza per mantenere il mio interesse. Avevo intenzione di porre fine alle cose.

Poi un giorno ha scritto: “Non riesco a smettere di pensare a te. Voglio piegarti sulle mie ginocchia e picchiarti finché non mi implori di fermarmi”.

Ero a una riunione di lavoro quando l’ho letto, tenendo il telefono sotto il tavolo da conferenza. Feci un verso involontario e alzai lo sguardo con aria colpevole. Tutti mi guardavano. “Uh. Batti il ​​ginocchio sul tavolo,” dissi goffamente, strofinandomi il ginocchio e facendo una smorfia. Ho cercato di prestare attenzione alle diapositive del budget di Mike nella contabilità, ma tutto ciò su cui potevo concentrarmi era l’improvvisa pienezza tra le mie gambe.

Lyla ed io abbiamo iniziato una corrispondenza sfacciata principalmente attraverso FetLife, dove lei era Ryder e io ero SlowCook. Ha rivelato di essere una Domme e di voler giocare con me come sottomessa. Ero terrorizzato, confuso ed eccitato da morire. Ero completamente disgustato al pensiero di qualcosa di violento o sottomesso a qualcuno, ma le sue descrizioni di schiavitù, canottaggio e dominio pubblico mi fecero scoppiare nel bisogno strofinando febbrilmente il mio clitoride nell’oblio. Infine, abbiamo programmato di giocare.

La sera stabilita, mi sono presentata nell’anonima casa di periferia che condivideva con qualcuno che veniva chiamato solo “l’animale domestico”. Mi sentivo come se l’animale stesse principalmente mettendo una lozione su Lyla, lisciandole i capelli e pulendo la cucina.

Ho camminato per la sua casa disordinata e piena di mobili, cinque gatti scontrosi e un’impressionante collezione di Funko Pops. Lyla era una software manager nerd che amava i film Marvel e i giochi di ruolo. Poi mi ha portato nella sua stanza, ha chiuso a chiave la porta e ha detto: “Togliti i vestiti. Il tuo ordine mi ha acceso. Lo guardai negli occhi mentre sbottonava lentamente il mio vestito e lo lasciava cadere a terra. Ero a disagio con le mie mutandine rosse e il reggiseno. Lyla era completamente vestita.

“Mmm,” disse, allungandosi e facendo scorrere le dita sul mio petto, lasciando dietro di sé una scia di brividi. “Bellissimo.” I suoi occhi scuri erano liquidi di desiderio. Brandisce una collana di velluto rosso.

Le mie ginocchia si indebolirono e mi appoggiai all’indietro per tenermi in equilibrio sul letto king-size accartocciato. Ho cercato di concentrarmi sul guinzaglio, ma avevo le vertigini e il mio stomaco si agitava. Poi ho capito che la maggior parte dei miei sintomi fisici non erano paura, ma una potente scossa di eccitazione. Mi sentivo gonfiato dal bisogno di essere posseduto.

Lyla mi stava osservando intensamente. Mi sono fidato di lui. E volevo sperimentarlo. “Sì”, sussurrai.

Lyla sorrise trionfante. “Sì cosa?” disse, la sua mano sul mio mento chiedendo la mia attenzione. Fece scorrere il pollice ruvido sul mio labbro inferiore tremante.

«Sì, per favore», dissi. Mi bruciavano le guance e guardai in basso.

Lyla ringhiò. “Brava ragazza. D’ora in poi mi chiamerai Ryder. Ora girati.” Strinse il guinzaglio intorno al mio collo e lo tirò delicatamente.

Adesso stavo respirando pesantemente. «Appoggiati sul letto», disse Lyla. “E non muoverti a meno che non te lo dica io.”

La mano di PAULÉ Ryder cadde violentemente sulle mie natiche. urlai, voltandomi involontariamente. “Ho detto NON MUOVERTI!” disse Lilla. CAPRA CAPRA CAPRA CAPRA. Ci sono volute tutte le mie forze per stare zitto.

“Mmmm, puoi sopportarlo, vero?” Dio, sei sexy. Ti farò mia, ragazza. Ryder mi sussurrò con voce roca all’orecchio.

Mise diversi strumenti accanto a me sul letto. Una grossa pala con il manico nero, una frusta in silicone e… ho ingoiato a fatica. Una frusta lunga e seria. Ryder mi ha visto fissarlo e ha detto: “È una coda. Non per oggi, ma volevo che lo vedessi perché lo sentirai presto.

Altre storie erotiche  Lost Ch. 02 - BDSM

Ha iniziato a portarmi attraverso una pagaia che è iniziata morbida e sensuale ed è cresciuta fino a diventare un passo lungo e acuto che mi ha mandato in un luogo galleggiante dove il dolore si è trasformato in qualcosa di molto di più. Quando ha smesso stavo sudando e gemendo piano.

“Oh, dolce ragazza”, canticchiò Ryder. “Sono così orgoglioso di te.” Accarezzò teneramente la mia pelle ardente. Poi si è sdraiata accanto a me e mi ha cullato mentre scivolavo nel mio corpo e iniziavo a premermi contro di lei. I suoi capelli corti mi sfiorarono il viso mentre si alzava per baciarmi. L’ho bevuto come un sorso d’acqua.

Si tolse i vestiti, poi si unì a me sul letto. Ha piegato il suo corpo per ricevere la gemma dura e scura di un capezzolo e io l’ho immediatamente preso e succhiato come se stessi nutrendo. I miei capezzoli mi facevano così male che quasi superavano i dolori tonanti nella mia figa.

Come se ascoltasse i miei pensieri, la mano di Ryder spinse con fermezza il mio tumulo e iniziò a strofinare in cerchi provocatori. “Dio, sei così bagnato,” disse. “I tuoi succhi scendono lungo le cosce.” Fece scivolare la mano nell’umidità, poi si leccò le dita. Mi sentivo come se potessi svenire per il bisogno.

“Allarga le gambe”, la guidò. “Sfregati il ​​clitoride.” Sono rimasto sorpreso, ma ho fatto come mi era stato detto e ho iniziato a stuzzicarmi il clitoride con forza. Ryder aveva ragione, ero come una cascata.

Ryder si alzò e mi guardò mentre prendeva una cintura da qualche parte e cominciava ad allacciarla. Il bastone era facilmente lungo e spesso otto pollici. Ho iniziato a protestare. “Puoi sopportarlo”, disse Ryder. “Continua a strofinare quel clitoride sexy, piccola.”

Si avvicinò al lato del letto e mi afferrò i piedi, tirandomi in posizione davanti al suo cazzo. Ci aveva già messo un preservativo. Ho automaticamente alzato le ginocchia per dargli un migliore accesso.

“Fatti sborrare,” disse Ryder, chinandosi per tirarmi i capezzoli. Mi ha spinto oltre il limite e la mia figa ha iniziato a tremare. Ed è allora che Ryder ha spinto tutti e otto i pollici del suo cazzo turgido nel mio buco stretto. Ho urlato. Il mio clitoride scintillava e la mia figa si riempì di una luce dolorosa che viaggiava in onde di estasi fino alle dita dei piedi. Sono venuto per quello che mi è sembrato un minuto, consapevole che Ryder stava venendo con me, le sue dita che roteavano sotto il suo cazzo.

Dopo essere smontata con grande clamore e aver slacciato la sua cavalcatura, Ryder è salita sul letto e mi ha tirato contro di lei. Lasciò delicatamente il colletto attorno al mio collo e massaggiò l’area leggermente irritata sottostante. “Hai fatto bene, figlia mia.” Mi tenne stretta mentre cadevo in un sonno pacifico.

Lyla ha iniziato ad avere un ruolo più centrale nella mia vita. Mandavamo costantemente messaggi di testo ea volte mi chiedeva di fare qualcosa come comprarle un vibratore o assaggiare i miei succhi. Ho indossato una catena d’argento al collo con un ciondolo Marvel che, ha detto, mi ha segnato come suo. Una volta mi ha detto che non mi era permesso avere un orgasmo per quattro giorni.

Il quinto giorno, mi ha fatto mettere le cuffie al lavoro e fingere di essere in riunione mentre mi parlava con voce profonda e ipnotica di quanto fossi sexy e delle cose che stavo facendo. Voleva farmi. Ero rosso in faccia, sudato e sull’orlo dell’orgasmo quando ha detto: “Vai avanti, fatti venire”. Sono corsa in bagno, ignorando gli sguardi strani dei miei colleghi, e ho avuto un orgasmo imbarazzante e vergognoso mentre mi sedevo su un sedile del water.

Mentre tutto questo stava succedendo, mi sono imbattuto in Noel su OKCupid. Timido, intelligente e inguaribile sexy, con occhi azzurri, capelli scuri e corporatura snella, Noel possedeva una piccola fattoria biologica e vendeva bastoncini intagliati a mano. Gli mancava un po’ di esperienza, ma ha compensato con entusiasmo e un appetito disinibito di provare cose nuove. Non è mai stato coinvolto in nessun tipo di attività malvagia, ma ero anche un novizio. Noel sapeva tutto di Lyla; la nostra relazione (ei miei lividi) sarebbe stato difficile da nascondere.

Noel ed io ci frequentavamo da alcuni mesi quando gli ho presentato Lyla a cena da un Denny’s vicino all’autostrada. Andavano d’accordo meglio di quanto mi aspettassi, e alla fine le sue sottili allusioni su come a ciascuno di loro piacesse scoparmi hanno lasciato il posto a una discussione leggermente più esplicita di quella generalmente accettata in un Denny’s ben illuminato.

Quando ho detto che Lyla mi aveva chiesto di fare una scena con lei in Impulse, Noel ha chiesto se poteva venire. “Forse c’è molto da capire”, dissi. Eravamo seduti sul suo divano davanti a una finestra con la mia testa sul suo petto e il suo braccio intorno alle mie spalle.

“Ci saranno molte… cose intense lì. Inclusa la mia scena con Lyla. Ryder.” dico correggendomi. Avevo fatto quell’errore una volta e ne avevo pagato il prezzo. «Mi frusterà, Noel. Rabbrividii per l’attesa e non per la paura.

Noel si passò una mano tra i capelli. ” Dico. Non è che non sono nervoso. È solo che…” Si fermò e mi guardò, i suoi occhi scuri. “Voglio vederlo. Sto diventando duro solo a pensarci.” Noel fece scorrere una mano sul rigonfiamento dei suoi jeans sbiaditi. Ho sentito la mia figa contorcersi. Si chinò in avanti e mi baciò. La sua mano si fece strada tra i miei capelli e tirò forte.

“È questo che ti piace?” Lui ha sussurrato. Ha iniziato a spingere la mia testa verso il suo cazzo duro, nascosto dietro una cerniera argentata tesa. Ho aperto la bocca volentieri quando ha armeggiato con una mano e si è tirato i jeans sull’erezione, che si è liberata con un’allettante esplosione di pre-sborra. Noel ha sondato delicatamente la mia bocca con il suo cazzo, guidandomi la testa con la mano. Leccai via il gustoso liquido, poi mordicchiai delicatamente, mi girai e girai intorno alla testa, lasciando che la mia lingua indugiasse sulle parti più sensibili. Dopo qualche minuto, Noel gemette continuamente.

Altre storie erotiche  The Brat Ch. 01: And So It Begins

Mi ha afferrato entrambi i lati della testa e ha detto semplicemente: “Prendimi il cazzo ora”. Con un grugnito, spinse la mia testa in giù finché il mio naso non toccò la radice del suo cazzo. Ho teso i muscoli della gola e ho mosso la lingua in un modo che sapevo che gli piaceva. Stava spingendo i fianchi quando ha preso le sue mani e ho rilasciato il suo cazzo.

Non gli ho dato la possibilità di riprendersi. Mi sono alzata, mi sono girata, ho preso la mia gonna in una mano e mi sono seduta sul suo cazzo, ingoiandolo in una volta sola con la mia figa affamata. Noel emise un suono soffocato di sorpresa, ma immediatamente si raddrizzò e mi afferrò i fianchi.

Il respiro di Neal era irregolare e sapevo che era vicino. Ho urlato: “Vai quella figa calda!” e lo fece, riempiendomi fino all’orlo mentre ruggiva il suo orgasmo.

Mi sono alzato da lui e lo sperma è scivolato lungo la mia gamba. Ho iniziato ad andare in cucina a prendere un tovagliolo di carta, ma Neal mi ha afferrato il polso e mi ha tirato sul divano. Appoggiai la testa su un cuscino e lo guardai allargare le gambe. “Così bagnato,” disse. “Di noi due.”

Chinò la testa e leccò il flusso luccicante dalla mia coscia, poi si avvicinò alla mia figa disordinata e la pulì anche lei, prestando particolare attenzione al mio clitoride dolorante. Noel potrebbe passare un’ora o più a trattare la mia figa con un vero bagno di lingua, ma ora la sta prendendo male. Mi sfiorò il clitoride finché non rimasi senza fiato, poi se lo risucchiò in bocca e lo circondò finché non gridai la mia estasi al mondo oltre il bovindo.

Il giorno della scena, mi sono seduto nel furgone grigio di Noel, l’ansia e l’eccitazione che scorrevano attraverso il mio corpo come una droga. Posso davvero farlo?

Ho guardato Babbo Natale. Anche lui era eccitato, gli occhi sbarrati e il davanti dei jeans teso. Mi ha visto guardare e si è infilato il cazzo nei pantaloni. “E ho anche due paia di mutande,” ridacchiò. “Non aiuta. Sono troppo caldo per vederti frustato.

Questo ha deciso per me. Lo stavo facendo.

Noel ed io siamo scesi dall’auto e la fredda esplosione di gennaio in Minnesota mi ha tagliato la faccia e la pelle delle gambe. Noel mi ha preso la mano e siamo corsi verso la porta. Alzai lo sguardo, notando per la prima volta il segno. Mason Heights VFW. Stavo per essere frustato in un salotto di VFW.

La scena all’ingresso sembrava più una tranquilla riunione del Midwest che una specie di strano festival. La donna che si è occupata della nostra copertura era sulla cinquantina ed era molto amichevole. ” Hey ragazzi ! Benvenuto alla festa! disse la donna, tutta grandi capelli biondi e un vestito verde acqua conservatore. “Non perdere il potluck!” disse, indicando lunghi tavoli pieni di pentole a cottura lenta e vassoi di biscotti. Un tizio in calzoncini di vinile rosso controllò il suo cibo mentre la lunga catena d’argento delle sue pinze per capezzoli scivolava in una ciotola di insalata di patate. Mi mancherebbe di certo, ho pensato.

Siamo entrati, osservando la scena e cercando Ryder. C’era così tanto da guardare. Al centro, su quella che sarebbe stata una normale pista da ballo per matrimoni VFW, c’era una palestra nella giungla dove una mezza dozzina di persone venivano ammanettate e remate, pizzicate, frustate e strangolate.

Le donne, ho notato, avevano tutte strisce di nastro adesivo e X su ciascun capezzolo. Mentre guardavo, il ragazzo con i pantaloncini di vinile rosso si è avvicinato ed è stato rimproverato da un uomo più anziano in pantaloncini corti e un giubbotto nero che aveva grandi orecchie. Afferrò la catena delle mollette per capezzoli di suo figlio e le strinse violentemente. La sentivo piangere sui miei capezzoli.

“Merda,” ha detto Noel quando abbiamo notato un’alcova sul lato, dove ho capito che il tavolo del matrimonio sarebbe stato a quel matrimonio VFW che continuavo a immaginare. Solo che questo “sposo” era vestito solo con biancheria intima bianca e un bavaglio e sua “moglie” con un body di pizzo nero. Era legato a un lettino con i piedi nelle staffe, contorcendosi per il dolore mentre lei lo solleticava alternativamente con una piuma e lo schiaffeggiava sul viso. C’era una piccola folla di persone che acclamava la sposa con applausi e risate.

“Ehi,” disse Ryder, guardando divertito le nostre facce stordite. Ha seguito il mio sguardo e ha detto: “Sì, è Tiger. Suona duro”. Mi prese la mano e fece un cenno a Noel, che annuì. “Benvenuti nella giungla”, disse. “Ho un posto per noi dietro.”

Ryder era fantastico. Cinque piedi di bellezza bionda dagli occhi scuri. Aveva i capelli pettinati all’indietro e le palpebre e le labbra erano di un viola intenso. Era vestita semplicemente con una canotta nera che le sfiorava la parte superiore del reggiseno e jeans neri che le cullavano il culo grasso. Sapevo che voleva mantenere il suo corpo libero di muoversi mentre lei… mentre lei stava frustando. Ho avuto le vertigini.

Altre storie erotiche  Working Late - BDSM - Literotica.com

Mi ha preso la mano e ha salutato Noel. “Puoi prendere dell’acqua al bar?” chiese, e lui annuì. “Siamo la terza Croce di Sant’Andrea da destra.” Noel se ne andò e Ryder mi accompagnò in un mare di scene strane, ma non le vedevo. Ero concentrato sul terzo Sant’Andrea da destra e la frusta su una coda di quattro piedi appoggiata su di lui. La frusta assomigliava a quella indossata da Indiana Jones.

Stavo respirando pesantemente quando siamo arrivati ​​e ho iniziato a sudare. Ryder mi prese la faccia tra le mani. “Non accadrà nulla che tu non voglia che accada. Ogni volta che vuoi fermarti, dì solo rosso. Va bene?”

Scossi la testa e feci alcuni respiri lenti. “Sì ragazza. Dimmi di sì. Dimmi che capisci. Dimmi che lo vuoi.” Mi accarezzò i capelli e mi guardò negli occhi.

“Sì, l’ho fatto. E sul serio. Volevo sapere com’era sentire il mio corpo illuminarsi di dolore e piacere mentre le persone guardavano. Ora tremavo per l’attesa.

“Brava ragazza,” disse Ryder, e mi abbracciò. “Ora togliti i vestiti tranne il perizoma e i calzini. Tieni le spalle alla camera da letto, perché ho bisogno di fasciarti i capezzoli.”

Babbo Natale è arrivato prima che potessi iniziare con due bicchieri d’acqua. Li mise accanto alla borsa dei giocattoli aperta di Ryder vicino alla base della croce. Poi entrambi mi hanno guardato togliermi il vestito, quindi sbottonarmi il reggiseno per liberare i miei grandi seni morbidi. Ryder ha immediatamente attaccato una X ai miei capezzoli.

Ho sentito un rumore dietro di me e mi sono voltato per trovare la mia amica Ellen che trascinava due sedie pieghevoli. “Ehi!” Ellen ha detto con la sua voce roca, quasi urlante, aggiungendo: “Certo che sono qui! Non mi perderò lo spettacolo”. Porse una sedia a Noel, poi aprì la sua e si sedette. “Okay! Iniziamo lo spettacolo on the road.” Ha punteggiato questo con un forte applauso.

Altre persone hanno notato il trambusto e hanno iniziato a girovagare. Presto si formò una piccola folla. Ed ero lì in mutande. Beh, parte della mia biancheria intima. Non sono mai stato così esposto in vita mia e mi ha eccitato più di quanto avrei mai potuto sospettare.

Ryder mi ha toccato il braccio. ‘”Sono pronto per te, mia bella.” Mi condusse alla robusta forma a X della croce e mi fece girare. La folla applaudì mentre mi chinavo e scuotevo il mio culo quasi nudo. Non potevo credere che stavo facendo queste cose. Ryder mi ha schiaffeggiato forte – la folla l’ha adorato – poi ha usato una morbida corda nera per legare ciascuno dei miei polsi all’anello su ciascun braccio della croce. Fece scivolare le dita sulla corda e piegò i miei polsi per assicurarsi che non fossero troppo stretti. “Sei pronto per questo?” chiese Ryder, il suo respiro caldo tra i miei capelli e il solletico sul collo. Questo era tutto. Non si torna indietro. “Sì”, sussurrai.

Non riuscivo a vedere cosa stesse succedendo dietro di me, ma ho sentito Ryder schioccare la frusta in aria, una, due, tre volte. Suonava come un tuono nella mia testa. Le persone dietro di me applaudivano e urlavano, e sentivo che in quel momento ce n’erano molte. Poi silenzio. Ogni muscolo del mio corpo era teso e mi sforzavo contro i polsi.

Il colpo successivo è atterrato sul mio culo sinistro e ho urlato, con grande gioia della folla. Ho sentito Ellen urlare “Vaffanculo!” Poi mi sono rilassato, rendendomi conto che il colpo era più piacevole che doloroso.

Ryder iniziò a muovere la frusta su e giù per la mia schiena con colpi leggeri e ritmici che erano una dolce carezza. Aveva un immenso controllo sulla frusta e la brandiva come se fosse un’estensione del suo braccio. I miei muscoli si rilassarono mentre la mia schiena si scaldava, sospiravo e scivolavo in uno stato onirico. È stato come un bellissimo e strano massaggio.

Il mio cervello ha ricominciato a schiarirsi quando ho sentito gradualmente i colpi diventare più pesanti. Il singletail ha iniziato a mordermi la schiena con lampi di dolore, seguito da un’ustione che è scivolata nella mia figa fino a diventare dolorosamente gonfia. Il mio respiro era affannoso e pesante ora mentre Ryder continuava a piovere colpi sempre più forti sulla mia schiena. È stato così doloroso, eppure… eppure, ero pieno di un piacere indescrivibile e potente. Ryder si mosse verso il mio culo, e ora era nel suo elemento, piovendo colpo dopo duro colpo sul mio ampio culo. Ho urlato e la folla ha urlato con me.

Ci fu una pausa e Ryder era accanto a me. “Come stai caro?” mi chiese guardandomi negli occhi vitrei. “Mmm, bene,” ansimai. Ero arrossato e i miei capezzoli e la mia figa erano pieni di desiderio. Ryder conosceva quello sguardo e inarcò le sopracciglia leggermente sorpreso. “Brava ragazza,” mormorò, e fece scivolare le dita nelle mie mutandine. Ha spostato più volte le dita sul mio clitoride, abbastanza da farmi quasi piangere dal desiderio, poi le ha tirate indietro e mi ha mostrato la sua mano lucida gocciolante di succo. Ryder sembrava che riuscisse a malapena a contenersi. Mi ha messo le dita in bocca e ha detto: “Ripulisci il tuo pasticcio”, e l’ho fatto obbediente, succhiando il più sensualmente possibile. Poi Ryder si chinò e mi baciò forte. Le mie ginocchia erano deboli. Morirei sicuramente di bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *