The Weekend – BDSM – Literotica.com

di | 5 de Agosto, 2022

Questa storia è una continuazione della mia storia precedente Asta. Sebbene sia stato scritto per una storia indipendente in base al contesto, può essere utile per il lettore familiarizzare con la storia precedente. Come sempre, i tuoi commenti e feedback sono molto apprezzati.

*****

Percorrendo diverse lunghe navate laterali in fila indiana, collegate dalle catene attaccate a ciascuno dei nostri colletti, fummo condotti a un grande palcoscenico con un sipario tirato davanti a noi. Potevo sentire il suono prodotto dalle voci di molte persone che uscivano dal sipario. Improvvisamente il suono di tutte le voci iniziò a diminuire quando un’altra voce giunse dall’altoparlante: “Benvenuti, benvenuti a tutti voi, signore e signori, all’asta annuale degli schiavi di quest’anno. Quest’anno abbiamo un’ottima selezione di quattordici schiavi per ciascuno uno su cui stai offrendo.

Questo è stato seguito da un grande applauso dal pubblico dall’altra parte del sipario. Quando gli applausi si sono spenti, l’oratore è continuato.

“Ma prima, alcuni promemoria delle regole per l’asta di quest’anno, nei depliant che ognuno di voi ha ricevuto entrando troverete una descrizione e le fotografie di ogni lotto messo in vendita stasera. Ciascuno viene fornito con un elenco di limiti e limiti che devono essere rigorosamente rispettato da tutte le parti coinvolte. ‘per essere recuperato o restituito al proprio Maestro o Padrona entro un tempo da lui specificato.

Sentirlo mi ha colto alla sprovvista. Avevo pensato che ciascuno dei miei compagni schiavi fosse stato portato all’asta dal loro padrone come me. L’idea che alcune potessero essere schiave lesbiche non mi era venuta in mente fino a quel momento.

“Ora cominciamo,” la voce giunse di nuovo dall’altoparlante. E con ciò, il sipario davanti a noi si è spaccato in due. L’intero palco è stato immerso in luci intense. Ciò ha reso quasi impossibile guardare il pubblico. La giovane donna che avevo visto per la prima volta arrivando al luogo dell’asta, ora vestita con un lungo abito da sera nero, è apparsa all’improvviso sul palco. Ha attaccato un guinzaglio al guinzaglio dello schiavo all’estrema destra del palco. Poi è andata davanti al palco trascinandoci tutti con lei. Davanti al palco, si è spostata da destra a sinistra davanti al palco. Quando siamo stati tutti allineati lungo il bordo anteriore del palco, si è fermata in modo che tutti i membri del pubblico potessero dare una buona occhiata a ciò che era in vendita all’asta. Ancora una volta il pubblico è esploso in applausi mentre eravamo in mostra. Guardando il pubblico, è stato difficile giudicare il numero di persone presenti a causa delle luci intense. La camera sembrava abbastanza grande però. Potrebbe facilmente contenere più di un centinaio di persone. Quando gli applausi si sono spenti, la donna è tornata in fondo al palco, trascinandoci giù e fuori dal palco, fuori dalla piazza del pubblico.

Qui stavano aspettando le altre donne della prima notte, insieme alle altre due donne. Uno di loro portava una borsa bianca, gli altri indossavano le manette. La prima donna che teneva il guinzaglio all’inizio della fila disse: “Schiavi, reggiseni e mutandine. Mettili nella borsa non appena ti sorpassa”. Mentre ci toglievamo i reggiseni e le mutandine, la donna che reggeva la borsa camminava lungo la fila per recuperarli da ognuno di noi. Seguendolo, gli altri due legarono le catene da polso a ogni schiavo, intrappolando le braccia dietro la schiena.

Ora nudo e con le braccia inchiodate, il primo schiavo è stato separato dal nostro gruppo e riportato sul palco al guinzaglio. Presto, la voce dell’altoparlante più forte suonò di nuovo. L’asta era iniziata.

“In primo luogo, vi presento per vostro piacere il lotto 253,” disse la voce, “253 ha 24 anni, 130 libbre, occhi castani, capelli castani; quindi, dopo una pausa, “Le offerte inizieranno a $ 500,00”

La voce di un banditore ora riconosceva un’offerta dopo l’altra. Cinquecento, seicento, poi sette… poi otto…”

Alla fine, una forte voce maschile risuonò: “Sto offrendo mille dollari.

“Mille volte…due volte…VENDUTO per mille dollari!”

Sembrava che ci volesse un’eternità perché uno dopo l’altro gli schiavi prima di me venivano venduti al miglior offerente. Quindi è stato finalmente il mio turno di essere venduto. Venduto dal mio Maestro per il fine settimana a uno sconosciuto. In realtà era più come essere affittato, ma la parola “venduto” ha un significato molto più forte. Una donna con un lungo abito da sera nero ha preso tutto ciò che mi è venuto prima e ora mi ha attaccato un guinzaglio al colletto per condurmi sul palco questa volta completamente nudo, come tutti quelli che sono venuti prima di me con le mani ammanettate dietro la testa. Restituzione. Restituzione. Sul palco, sono stato condotto in cerchio dal guinzaglio immerso in una luce intensa tutto il tempo. Dopo aver camminato diverse volte sul palco, sono stato portato in primo piano e al centro del palco. Lì la donna ha attaccato una catena appesa al soffitto al mio colletto, quindi ha rimosso il colletto e si è allontanata. Allora era come se il mondo intero intorno a me andasse al rallentatore. Rimasi lì, nudo, esposto e completamente indifeso.

“Il prossimo”, iniziò un annunciatore, “ora abbiamo il lotto n. 329, bionda, 30 anni, occhi azzurri, altezza 1,5 metri, 5 centimetri, 104 libbre, 32B-22-32. Viene descritta come dotata di pochissimi limiti, alto indice di tolleranza al dolore di otto su una scala da 1 a 10. Molto ben addestrata nel piacere di uomini e donne, è anche un’ottima cuoca e in grado di fare altre faccende domestiche. L’offerta per questo a $ 800,00.

Altre storie erotiche  Beaudry's Realization - BDSM - Literotica.com

Ho sentito che le offerte cominciavano ad arrivare, il mio prezzo continuava a salire. Ottocento, poi nove, mille e poi millecinquecento, il più forte che ho sentito finora. Alla fine, una voce forte risuonò: “Duemila dollari.

“Ho duemila dollari. Ho sentito duemilauno?

Dopo un lungo silenzio, ho sentito: “L’offerta è duemila, qualsiasi compratore su duemilauno, un’ultima volta.

Un’altra pausa, “Ci vado una volta… ci vado due volte… e VENDUTO per duemila dollari!” Seguito dal suono distinto di un colpo di martello.

Un’altra donna, che indossava un lungo abito da sera blu, è apparsa sul palco tenendo un guinzaglio. Prima attaccando il guinzaglio al mio colletto, poi staccando la catena dal soffitto. Al guinzaglio, mi ha condotto al lato del palco e su una piccola rampa di scale. Siamo usciti da una porta laterale ed siamo entrati in un’altra piccola stanza.

Un uomo era seduto a un tavolo nella stanza. Fui condotto al lato del tavolo alla destra dell’uomo seduto. La donna tirò il guinzaglio e ordinò: “Inginocchiati. Cadendo in ginocchio, assunsi la posizione comandata, poi guardai il pavimento.

Presto una giovane coppia fu scortata nella stanza attraverso la porta più lontana. Per giovane intendo circa la mia età, forse un po’ più grande. Attraversarono la stanza per prendere i due posti vuoti di fronte all’uomo al tavolo. Entrambi iniziarono a compilare le carte che il primo uomo aveva davanti a sé e le passarono. Di tanto in tanto, la donna mi guardava. I suoi occhi guardavano su e giù per il mio corpo nudo. Quando la coppia ebbe finito le scartoffie, le passarono attraverso il tavolo al primo uomo. Ha esaminato attentamente ogni pagina. Notando che ogni spazio vuoto è stato debitamente compilato e che tutte le iniziali e le firme appropriate sono state apposte su ogni pagina. Quindi l’uomo che è entrato nella stanza con la donna ha preso una pila di contanti dalla tasca interna della giacca e l’ha consegnata all’uomo dall’altra parte.

Fu allora che mi resi conto che non ero stato comprato da un padrone, ma da due. Non avrei un maestro per il fine settimana, ma due. I miei nuovi maestri per il fine settimana sarebbero una coppia.

Una volta completata la transazione, la giovane coppia si alzò e si avvicinò a me. Mentre si avvicinavano, ho dato un’occhiata più da vicino ai miei proprietari temporanei prima di guardare di nuovo in basso a terra. Un buon schiavo non dovrebbe mai guardare il suo padrone direttamente negli occhi. In ginocchio, nuda, legata e completamente scoperta, la giovane coppia si è avvicinata a me per dare un’occhiata più da vicino al loro nuovo acquisto.

Sia l’uomo che la donna sembravano più vecchi di me di qualche anno, probabilmente poco più che ventenni. Sebbene giovane, l’uomo aveva decisamente un’aria autoritaria mentre stava di fronte a me. Era vestito con un abito molto costoso e ben tagliato. La donna, invece, sembrava essere un po’ nervosa, forse anche un po’ preoccupata mentre si avvicinava. Indossava un abito da sera costoso ma anche piuttosto conservatore.

La donna che mi ha portato fuori scena ha consegnato l’estremità del mio guinzaglio al signore e se n’è andato rapidamente. L’uomo teneva saldamente il guinzaglio con la mano sinistra mentre guardava il mio corpo da capo a piedi. La donna indietreggiò un po’ mentre guardava anche quello che avevano appena comprato. L’uomo allungò la mano destra per accarezzarmi il seno destro strofinando delicatamente il capezzolo con il pollice. «Alzati» ordinò. Una volta in piedi, ha spostato lentamente la mano lungo il mio corpo fino a coprirmi il cazzo. Sentì un dito penetrarmi e poi due.

Ritirando le dita, disse: “Questa si sta già bagnando”. Portiamola a casa così possiamo iniziare subito a divertirci con lei.

L’uomo mi strattonò delicatamente il guinzaglio, conducendomi a una porta laterale. Alla porta, un inserviente mi ha messo un mantello sulle spalle, legandomi dei lacci intorno al colletto per tenerlo fermo. Fuori c’era una macchina in attesa, il cameriere gli porgeva le chiavi mentre un altro uomo mi prendeva al guinzaglio per guidarmi sul sedile posteriore. La giovane coppia si è seduta di fronte a me, sul retro, guidando in silenzio fino a raggiungere la loro casa.

La loro casa era una modesta casa a due piani in un quartiere molto nuovo. Fortunatamente, quando l’uomo è entrato nel garage, ha premuto il pulsante sul telecomando per aprire la porta del garage prima di chiudersi la porta alle spalle.

Dal garage, l’uomo mi ha condotto in casa attraverso la cucina e in soggiorno. Al centro della stanza, si tolse il mantello e lo gettò sullo schienale di una sedia vicina. Poi, tirando fuori una chiave dalla tasca, si tolse le manette liberandomi le braccia dietro la schiena. Poi ha sganciato il colletto dal mio colletto, infilandolo nella tasca della mia giacca.

“Ora vediamo quanto sei veramente ben allenato”, ha detto. “Resta per l’ispezione.”

Ho preso rapidamente la posizione comandata, sperando che quello che mi era stato insegnato fosse quello che voleva. Metti i piedi alla larghezza delle spalle, quindi allaccia le dita dei piedi dietro la testa. La mia testa era alta, ma i miei occhi fissavano il terreno di fronte a me.

Altre storie erotiche  My Journey to Submission Pt. 01 - BDSM

L’uomo si voltò da me, si tolse la giacca e l’appese alla stessa sedia dove era stato gettato il mantello che copriva la mia nudità. Si è poi unito alla donna che ora è seduta sul divano. Per diversi istanti, i due rimasero lì a fissare la loro nuova acquisizione. Alla fine, l’uomo parlò: “Voltati lentamente.

Lentamente, ho ruotato il mio corpo in senso orario. Voltando loro le spalle, mi sono fermato. Dando una bella occhiata al mio culo ai miei nuovi proprietari.

“Continua”, ordinò l’uomo. Quando guardai di nuovo avanti, mi ordinò: “Fermati e mettiti in ginocchio.

In ginocchio davanti ai miei nuovi proprietari temporanei, ginocchia divaricate, braccia dietro la schiena, mani che stringono per la prima volta il polso opposto. L’uomo cominciò a parlare. “Mi chiamo Michael e questa è mia moglie Anne. Finché il tuo padrone di casa non viene a prenderti domenica a mezzogiorno, tuttavia, mi risponderai come padrone e mia moglie come padrona. Capisci?”

“Sì, padrone, sì, signora”, risposi.

“Ora come dovremmo chiamarlo?” chiese Michele. “O dovremmo semplicemente chiamarti 829,” puntando il dito verso il numero ancora scritto con pennarello nero sul mio petto sopra il mio seno sinistro.

“Mi chiamo Slut,” risposi, “ma puoi chiamarlo come vuoi.”

Dopo che l’ho detto, Anne ha sussurrato qualcosa all’orecchio di Michael. Quando ha finito, ha risposto: “Probabilmente fa parte della sua formazione”. Poi, guardandomi, ha detto: “Mia moglie mi ha chiesto perché parlavi di te in terza persona. Immagino sia questo il motivo. Non hai il diritto di parlare di te in prima persona. È corretto ?

“Sì, Maestro”, risposi, “La puttana è una proprietà, non una persona. Pertanto, non le è permesso parlare di se stessa come tale”.

“Ora Slut,” disse Michael, “Parlaci un po’ di te. Da quanto tempo Slut è di proprietà del tuo Padrone?”

“Slut è di proprietà del suo padrone da oltre cinque anni.”

“Il suo padrone l’ha mai venduta prima?”

“No, Bitch Master non l’ha mai venduto prima.”

“Ha mai condiviso Slut o l’ha mai presa in prestito?”

“Sì, lo Slut Master l’ha condiviso molte volte prima. Ma non l’ha mai prestato prima. Questa è la prima volta che lo Slut viene usato senza la presenza del suo Master.”

“Questo rende Cagna nervosa?” chiese Michele.

“Sì, Slut è un po’ nervosa, ma è anche molto ansiosa.”

“Ansioso in che modo?

“La puttana ha paura che non farà piacere al suo nuovo padrone per il fine settimana”, dissi.

“Questa è una ragione molto valida per essere ansiosi”, ha risposto Michael. “Perché non ti parlo un po’ di me per alleviare la tua ansia?”

“La puttana lo apprezzerebbe, maestro.

“Innanzitutto questa non è un’esperienza nuova per me. Convivo con lo stile di vita BDSM da molti anni. Sono stato esposto a questo stile di vita poco dopo il mio diciottesimo compleanno, quando ho scoperto che mia madre non era solo la moglie di mio padre ma anche sua moglie. Un giorno, speriamo di acquisire uno dei nostri schiavi permanenti. Ma per mia moglie, Anne, questo fine settimana sarà la sua prima vera esperienza. con il modo di vivere. Abbiamo giocato con altri sottomarini e altri proprietari hanno condiviso con noi i loro schiavi, ma questa sarà la prima volta, per così dire, che entrambi avremo il nostro schiavo, anche temporaneamente.

Ora capisco perché Anne era così titubante quando si è avvicinata a me all’asta.

Il Maestro Michael ha continuato: “Lo scopo di questo fine settimana è presentare mia moglie a come possono apparire le possibilità di possedere degli schiavi. Voglio che tragga da questa esperienza la capacità di farsi carico di se stessa con fiducia”.

“Questo è uno dei motivi per cui ho scelto di comprarti quella sera. Il profilo scritto dal tuo proprietario dice che sei molto ben addestrato e ti piace molto essere uno schiavo. È esatto?”

“Sì, maestro Michael, a Slut piace molto essere una schiava. È più felice quando fa piacere agli altri.”

“Va bene, quindi credo sia ora di iniziare la serata. In cucina troverai una bottiglia di vino bianco e degli snack leggeri conservati in frigo. Vai subito e portali con te.”

Per l’ora successiva, ho servito bevande e spuntini al Maestro Michael e alla signora Anne mentre parlavano seduti sul divano. La maggior parte delle volte parlavano a bassa voce, ma a volte li sentivo parlare di ciò che volevano farmi o di ciò che gli piaceva di più del mio corpo nudo mentre camminavo per la cucina e il soggiorno. All’inizio solo Michael si stava accarezzando uno dei miei seni o accarezzando il mio culo mentre io mi chinavo per riempire il suo bicchiere di vino, ma presto Anne si stava accarezzando anche il mio culo, quindi una volta, quando mi sono chinata per riempire il suo bicchiere, ha teso la mano. pizzico. il mio capezzolo destro. La prossima volta che le riempii il bicchiere, lei mi schiaffeggiò forte mentre mi giravo. Quando non ero impegnato a prendere altri snack oa riempire i bicchieri di vino, mi inginocchiai al centro della stanza di fronte a loro in attesa del mio prossimo ordine.

Altre storie erotiche  The Brat Ch. 01: And So It Begins

Quando il resto del cibo e del vino fu consumato, Michael si alzò in piedi camminando verso di me mentre ero ancora in ginocchio al centro della stanza. Recuperando il colletto dalla tasca del cappotto, lo attaccò rapidamente al mio colletto. “È ora di portare questa festa di sopra,” disse, tirandomi dolcemente il guinzaglio.

Rimasi sulle mani e sulle ginocchia a gattonare accanto a Michael poiché ero stato addestrato al guinzaglio.

Anne ha chiesto “Perché sta strisciando?”

Michael ha risposto dicendo: “Penso che sia un’altra parte della sua istruire. Non le è permesso camminare in posizione eretta mentre è al guinzaglio finché le sue braccia rimangono libere. Ho ragione, puttana?”

“Sì, maestro”, risposi. “La cagna striscia mentre è al guinzaglio a meno che le tue braccia non siano legate. O altrimenti.

Detto questo, Michael ha continuato a condurmi di sopra con Anne dietro. Presto mi sono ritrovato nella sua camera da letto principale. Michael si è tolto il colletto e mi ha ordinato di “inginocchiarmi”. Poi si sedette su una sedia nell’angolo della stanza. Anne entrò nel bagno padronale adiacente e riapparve pochi minuti dopo. “Puttana, aiuta mia moglie a togliersi il vestito”, ordinò Michael.

Anne mi ha voltato le spalle mentre mi alzavo per aprire la cerniera sul retro del suo vestito. Con attenzione, l’ho sollevato dalle sue spalle, abbassando il vestito sul pavimento. Dopo che se ne fu andato, l’ho raccolto, l’ho piegato con cura e l’ho posizionato su una cassettiera vicina. Sempre con le spalle a me, ho sbottonato il reggiseno di pizzo nero di Anne, lasciando che i suoi seni oscillassero liberamente. Poi mi sono inginocchiato, infilando le dita nelle sue mutandine di pizzo nero abbinate e sfilandole lentamente dalle gambe. Dopo essersi alzata, Anne si è girata per sedersi sul bordo del letto, sollevando prima un piede, poi l’altro, mentre le toglievo i tacchi alti e le arrotolavo con cura le calze sulla coscia. Anne allargò leggermente le gambe, rivelandomi i peli della sua figa ben curata. Ho quindi posato il resto dei suoi vestiti sopra il vestito con le sue scarpe vicino al pavimento.

Anne ora nuda, potevo sentirla iniziare ad eccitarsi. I suoi capezzoli stavano iniziando a indurirsi e potevo iniziare a sentire la sua eccitazione mentre si bagnava. “Puttana, porta la bella figa bagnata di mia moglie al cazzo di suo marito con la tua lingua.” Ho sentito l’ordine di Michael. Anne era sdraiata sul letto sugli avambracci, a gambe divaricate. Mi sono mosso tra le sue cosce mentre Michael guardava dalla sua sedia e ho tirato fuori la lingua per risalire lentamente la fessura di Anne.

“Leccami il clitoride, piccola troia!” Ho sentito Anne urlare. Per essere una persona molto nuova a tutto questo, ha subito trovato la sua voce dominante.

Mi sono subito messo al lavoro leccando e rosicchiando il piccolo clitoride gonfio di Anne.

Anne allargò le gambe ancora di più e potevo vedere le pieghe della sua figa spalancata luccicare con la sua umidità. I peli della figa ben tagliati formano un triangolo perfetto appena sopra la sua apertura. Le sue labbra esterne si sfregarono dolcemente. La mia lingua ha sondato l’umidità e ha leccato l’intera lunghezza della figa di Anne, quindi le ha girato il clitoride. Ovviamente si stava godendo l’attenzione della mia lingua mentre iniziava a stringere i propri seni e a far rotolare i capezzoli tra le dita. Non ci volle molto perché lei tremasse nella mia bocca mentre il suo primo orgasmo della notte la attraversava.

Non appena Anne si è ripresa dall’orgasmo, ha ordinato: “Ora prendi il cazzo di mio marito e sii buono, duro e pronto a scoparmi”.

Ora mi sono spostato dal letto a Michael sulla sedia. Quando si è alzato, io mi sono alzato con lui. Alzando la mano, gli sbottonai la camicia da cima a fondo. Poi lo tirò sulle spalle e fuori dalle braccia. Inginocchiato a terra, gli sgancio la cintura e gli allenta i pantaloni, abbassandoli a terra con i suoi boxer. Gli ho tolto rapidamente scarpe e calzini mentre si toglieva i pantaloni. Presto Michael fu di fronte a me nudo. Il suo cazzo inizia a salire.

Già in ginocchio davanti a lui ho aperto la bocca e fatto scivolare la testa del suo cazzo nella mia bocca morbida. La mia bocca e il mio mento erano ancora coperti dai succhi bagnati e scintillanti della figa di sua moglie. Mentre me lo succhiavo in bocca, si è chinato in avanti, ha afferrato una manciata dei miei capelli e l’ha tirata mentre gli succhiavo avidamente il cazzo. Mentre dondolavo la testa su e giù sul suo cazzo, lui si irrigidì e si fece ancora più duro mentre gli giravo sensualmente la lingua intorno alla testa. Quando il suo cazzo è stato completamente duro, mi ha tirato rudemente per i capelli e ha detto: “Ora guardami scopare mia moglie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *