The Write Place – BDSM

di | 28 de Giugno, 2022

Mentre cammino verso il suo ufficio, sento le farfalle nello stomaco. Non ha mai mescolato lavoro e piacere prima d’ora.

Busso piano e sento la sua voce dolce dall’interno: “Entra”.

“Ciao signorina come stai?” La saluto con un bacio sulla guancia.

“Sto bene mia cara, come stai?” Sorrise dolcemente mentre mi guardava dalla sua scrivania. Non sono mai stato qui prima. È una scrivania intelligente e ordinata. Popcorn a colori. Lei lo rappresenta perfettamente.

“Ora sto meglio, signorina.” Rispondo ricambiando il suo sorriso. La vedo arrossire un po’.

“Hai fatto quello che ho chiesto ragazzo?” Il suo sorriso si trasformò rapidamente in un sorriso e io annuii velocemente prima di guardare il pavimento nascondendo le mie stesse guance rosee.

“Un bravo ragazzo per me, eh?” Vuoi sapere perché sei qui? La sua voce è cambiata. Mi fa venire i brividi attraverso il corpo. Posso sentire il mio cuore battere.

“Sì, signorina, assolutamente.”

“Ho i compiti per te,” si ferma alla sua scrivania e inizia a camminare, parlando lentamente, a bassa voce, assicurandosi che mi concentri su ogni parola, “Mi scriverai un piccolo saggio. Un bell’articolo su come ti mostri me la tua sottomissione nella tua vita quotidiana. Ci sono un minimo di mille parole. Verificherò errori di ortografia e grammatica. Spero anche che tu scriva meglio. Sono chiaro?

Si ferma davanti alla sua scrivania, appoggiandosi ad essa. Sembra impeccabile. I suoi capelli sono raccolti in una crocchia stretta sulla sommità della testa, trucco morbido, rossetto rosso rubino. La sua gonna a tubino che abbracciava quei fianchi e una camicia bianca completavano il look. Lei sa cosa sta facendo per certo.

“Sì signorina, cristallo.”

“Bravo ragazzo. Vorrei che ti siedi, per favore.” Indica un tavolino di fronte al suo e tira fuori una sedia per me. Mi siedo con le spalle alla sua scrivania e mi muovo in avanti, trascinando i piedi. Mette un blocco A4 di carta a righe e una bella penna sul tavolo prima di impostare un piccolo cronometro. Novanta minuti prestabiliti su di esso.

“Sei pronto ragazzo? Mi mette la mano sulla schiena in piccoli cerchi e mi sento rilassare.

“Sì, grazie signorina. Sono pronto a portare a termine questo compito per te.”

“Va bene, cominciamo.” Avvia il cronometro e scompare dietro di me. Lo sento sedersi al suo tavolo.

Ok, quindi… come faccio a mostrare la mia sottomissione alla signorina nella mia vita quotidiana? È una buona domanda. Da dove comincio?

Mentre mi siedo a fissare il foglio e comincio a chiedermi cosa stia facendo dietro di me. Non riesco a guardare, è troppo ovvio. Lei lavora ancora? Mi sta guardando? Ho le farfalle.

Prima che me ne rendessi conto, erano passati dieci minuti e non avevo scritto una sola parola. Vado nel panico e prendo la penna. È tempo di prendere appunti. Cucino, pulisco. Ci deve essere di più…

Sento le tue carte frusciare dietro di me… concentriamoci!

Bene, allora risolvo, la chiamo Miss appena posso…

Avrei giurato che sembrava una cerniera…

Ok, quindi sto facendo la spesa, non uso certe parole…

Sento la sua sedia graffiare il pavimento e alzo lo sguardo. Sento i suoi tacchi sul pavimento mentre si avvicina. Si ferma proprio dietro di me.

“Sembra che il conteggio delle parole non stia andando bene, tesoro, sei distratto?” Disse con voce dolce e zuccherina vicino al mio orecchio.

“Scusa signorina, ci sto lavorando.” Corro, nervoso, sono passati venti minuti.

Mi bacia teneramente il collo e sento il mio respiro accelerare. Le sue dita toccano la parte posteriore del mio collo e presto si sposta sulle unghie, trascinandole lungo la mia spina dorsale. Ho emesso un piccolo sospiro. Di nuovo i polpastrelli sulla nuca, ora ho le unghie tra i capelli e non posso fare a meno di appoggiarmi a loro.

“Dai adesso, concentrati su di me zucchero.” Si allontana e io mi sento pulsare attraverso di lei. Ho bisogno di concentrarmi. Ok, quindi mostro la mia richiesta di…

Comincio a strutturare il mio saggio. Intro, due sezioni terminate e poi sento di nuovo la sua sedia… sono passati quaranta minuti ormai.

Mi sussurra all’orecchio: “Va bene piccola, guarda te stessa”. Arrossisco e cerco di continuare a scrivere, ma mentre lo faccio, sento qualcosa che mi solletica la parte posteriore del braccio e me lo allontana.

“Concentrati tesoro, il tempo stringe! Ride agitandomi una piuma solleticante.

Torno a scrivere e provo ad accelerare, ma prima di farlo sento le piume solleticarmi il collo. Mi mordo la lingua determinata a non reagire. Mi dico di continuare a scrivere. Continua a scrivere.

Sposta le piume dietro il mio orecchio e io la scuoto involontariamente per fermare il solletico. È troppo pesante da sopportare. Ride di nuovo, non posso fare a meno di sorridere quando la sento.

Sento i suoi passi mentre cammina intorno al tavolo di fronte a me, facendo scorrere il suo solletico sul mio avambraccio e sulle mie carte. Si china sulla mia scrivania e infila la cinghia del solletico sotto il mio mento, costringendomi a guardarla.

“Fammi guardare il mio bravo ragazzo, un ragazzo così bello. Sono una ragazza fortunata. Non è vero ?

“Sì signora.” Arrossii mentre lo guardavo profondamente negli occhi. Sono così vivi ora, brillano mentre lei mi prende in giro. Indietreggia e attraversa il mio ufficio, solleticandomi l’orecchio durante il tragitto. Sono passati cinquanta minuti.

Mi concentro di nuovo mentre la signora si siede alla sua scrivania e continua a scrivere. Scritte altre tre sezioni.

I suoi talloni schioccano quando sento un altro solletico sul collo, questa volta più ruvido, ma senza preavviso, CRACK! La mietitura atterra sul tavolo accanto a me e mi esce di pelle.

“Tut, tut, stai attenta ora mia cara, non possiamo lasciarti fare un errore.”

Traccia il bordo del tavolo con la frusta e il mio sguardo la segue. Presto sarà davanti al mio ufficio a guardare ogni mio movimento. Un altro colpo e sussulto guardandola. Si lecca le labbra e si inginocchia davanti a me.

Sento la frusta che mi colpisce le ginocchia, le separo obbediente e cerco di calmare il respiro mentre sento il sangue affluire.

Traccia la punta all’interno della mia coscia, prima una gamba, poi l’altra. Guarda i miei occhi costantemente. Riesco a sentirmi pulsare di nuovo, il precum gocciolare dentro di lei, sentire le fottute macchie sui miei boxer. Come fa a farmi questo ogni volta?

Il minimo contatto con il mio inguine con la frusta mi tira fuori dai miei pensieri. Più di venti minuti. Accidenti.

“Baby, devi davvero andare avanti, non vuoi sapere cosa accadrà se non finisci.”

“S-sì signorina, devo contare le parole.” Mormoro, il mio corpo mi tradisce.

“Sei importante per me allora.”

Ho mischiato le mie carte e ho iniziato a contare: “Uno, due, tre, quattro…”

Mentre guardo le parole davanti a me, sento i suoi occhi su di me da dietro, che si sforzano di seguirmi: “Centoventitré, centoventiquattro, centoventicinque”. ..”

Improvvisamente, sento un irresistibile bisogno di inginocchirmi davanti a lei. Per mostrargli la mia devozione nel modo più semplice.

“Tesoro, perché ti sei fermato?” Chiede un po’ di preoccupazione nella sua voce.

“Io…” arrossii e pensai a cosa dire, “ho perso il conto…”

“È così piccolo? Forse hai bisogno di più incoraggiamento per… concentrarti…”

“No signorina, mi dispiace, non succederà più.” Sono nervoso. Ricomincio a contare.

“Prima di essere carino, ti ricordi i preparativi che ti avevo detto di fare? Hai fatto tutto come da istruzioni, vero?”

“Sì signora.” Arrossisco al giocattolo nel mio buco del culo mentre lei mi costringe a pensarci.

“Bravo ragazzo.”

“Uno, due, tre, quattro, cinque…” Conto più velocemente dell’ultima volta, gli occhi fissi sul cronometro. Merda, altri dieci minuti. Questa volta scrivo quando arrivo a ogni cento in modo da non dover ricominciare dall’inizio.

Improvvisamente mi sento un leggero il ronzio inizia dentro di me, oh merda, è così bello.

Non posso credere che abbia un telecomando, devo cercare di concentrarmi. Devo contare queste parole.

“Settecentouno…due…tre…quattro…” Devo respirare profondamente tra ogni numero, altrimenti riuscirò a malapena a pronunciare la parola.

“Sei così brava piccola…” mormora dietro di me mentre sento le vibrazioni che salgono dentro di me, non posso fare a meno di gemere. È determinata a non completare questo compito. Devo, solo per dimostrare che si sbagliava.

“Cinque…sei…sette…” sospiro mentre lei intensifica di nuovo la sensazione. Riesco a malapena a stare fermo, le vibrazioni inviano increspature attraverso il mio corpo. Mi sento stringere attorno al giocattolo. È così buono, ma devo continuare a contare. Devo raggiungere questo numero minimo.

“Lascia perdere piccola… lo sai che non puoi farlo…” La sua voce è più alta, sarcastica, sa esattamente cosa mi sta facendo.

Mi fa scendere all’impostazione più alta mentre continuo a contare, avvicinandomi al mio obiettivo. Quasi lì. Ho superato il novecento. Capito. Ci sono.

Senza preavviso, il brusio si attenua e la mia sensazione iniziale è di delusione. Mi giro a guardarla.

“Ti suggerisco di continuare a contare…” Mi ringhia quasi mentre sento di nuovo un ronzio sordo che sale rapidamente fino a diventare quasi insopportabile. Urlo e non appena lo faccio, le vibrazioni si attenuano di nuovo. Merda, devo andare avanti.

Tra ogni numero che sussulto, non posso farne a meno, tutto il mio corpo ha un disperato bisogno di essere rilasciato, disperato per il suo tocco.

“Novantanove…novanta…novantuno…”

Riesco a respirare per l’ultimo momento mentre il timer suona forte. Tutto quello che sento è la tua risata malvagia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *