Trip to Paradise Ch. 01 – BDSM

di | 28 de Giugno, 2022

Era seduta al gate dell’aeroporto, il viso composto indicava fuori dal finestrino, lo sguardo fisso in lontananza. Fuori pioveva incessantemente, nuvole nuvolose e grigio scuro. La quasi oscurità ha dato speranza a tutti al cancello, poiché il loro volo è terminato a St. Lucia nei Caraibi. Il loro umore era lontano da questa pioggia.

Si spostò sul sedile. Era ben vestita, con scarpe da ballo nere ragionevoli, pantaloni attillati che le abbracciavano il culo piuttosto sinuoso e un top conservatore che ci provava ma non riusciva a nascondere il busto. Indossava una sciarpa intorno al petto, un cashmere colorato e il suo fascino generale ha attirato l’attenzione di tutti. Più di una persona si è chiesta cosa stesse facendo una bella donna come lei mentre volava da sola a Santa Lucia.

Era una buona cosa che nessuno potesse leggerle la mente, poiché la calma esteriore che proiettava nascondeva uno stato d’animo più vicino al panico. Quante volte si è chiesta cosa stavi facendo, Rose? Quante volte aveva intuito una decisione presa subito dopo tutti gli sconvolgimenti che la sua vita personale aveva avuto qualche mese prima. Non che le cose siano migliorate molto per lei a livello personale. Ma questo viaggio, completamente fuori dal suo carattere, la teneva ancora in parti uguali terrore e fascino lussurioso.

Girò il polso e guardò l’orologio, poi tornò a guardare il telefono. Lì, nella sua applicazione mobile, c’era tutta la ragione di questo viaggio. Questo mondo virtuale in cui ha vissuto, praticamente ogni giorno, e per più di un decennio, l’ha portata a questo. Il nome che tante volte era stato al centro della sua vita era lì, offline, ma ancora lì. Lasciò cadere la mano che teneva il telefono in grembo e ancora una volta la sua attenzione si concentrò verso l’esterno. Dov’era?

Più di dieci anni fa, ha scoperto un sistema del mondo virtuale. Da tempo abitava regolarmente nelle chat room di testo ed era abituata al piacere un po’ colpevole di questi giochi di ruolo. Potrebbe essere tutto ciò che vuole online: una giovane donna in cerca di un papà o una forte dominatrice brama di una sottomessa. Nel mondo reale, era una casalinga seria e conservatrice che sosteneva diligentemente suo marito nei suoi affari. Ha cresciuto i suoi figli e li ha cresciuti bene. Lei e suo marito si incontrarono e si sposarono giovani e ebbero figli piccoli; avere circa 40 anni quando i ragazzi uscivano di casa per entrare nella loro vita adulta la stava facendo diventare un po’ matta.

Non erano ricchi, ma ricchi. Controllava attentamente le spese domestiche e, di conseguenza, quando i bambini iniziavano a crescere, lei e suo marito si resero conto che avrebbero avuto soldi da spendere. Non erano sontuosi, ma allo stesso tempo potevano permettersi di trattarsi come volevano. Hanno viaggiato principalmente, e in un buon modo.

Ma l’età e la stanchezza di crescere i figli hanno gravemente influenzato la sua vita sessuale. Giovani, facevano spesso l’amore quattro o cinque volte a settimana. Quando i bambini sono arrivati ​​e i loro bisogni hanno cominciato a dominare la loro vita quotidiana, questi teneri momenti di affetto sono svaniti. Da quattro volte a settimana a una volta. Poi scende forse due volte al mese. Quindi torna a una volta al mese. Sono riusciti a rimanere lì per molti anni, a volte godendosi un secondo momento intimo. Ma per quanto si guardassero e si promettessero altri momenti come questo, la vita si fermò.

Rose si spostò di nuovo sul sedile. Come prima, ha controllato il suo telefono, eppure il nome che si aspettava di apparire online non era ancora uscito. Controllò di nuovo l’orologio. Anche se c’era un sacco di tempo, il suo nervosismo generale poteva facilmente trasformarsi in panico. Ancora una volta, la sua mano le cadde in grembo e tornò alla mente. Come sono arrivato qui?

Lei rise forte, poi si guardò intorno con aria colpevole. Ma tutti erano troppo concentrati su se stessi per preoccuparsi di un leggero rumore proveniente da lei. Si è calmata un po’.

Le chat room sono state l’inizio. Oh, quanto si è sentita in colpa la prima volta che ha interagito con qualcun altro tramite chat. Quel momento era stata la cosa più eccitante che avesse mai fatto. I bambini a scuola, suo marito al lavoro, i vestiti puliti che si intonavano al pavimento, che la lasciavano pigra e annoiata. In quei momenti, il suo forte desiderio sessuale, che normalmente era ben custodito, cresceva. La pornografia gli sembrava così a buon mercato; il desiderio di interagire con un’altra persona l’ha portata al computer.

E così questa prima volta, la sua mano destra occupata a strofinare furiosamente il suo cazzo, la sua sinistra che rispondeva inesperta alle sue maleducate prese in giro, è venuta ed è venuta duramente. Più forte di quanto non fosse da molto tempo. E infatti si rese conto che suo marito non era stato in grado di allontanarla le ultime due volte in cui avevano fatto l’amore. Si era divertito, ricordò. Era rimasta a toccarsi sotto le coperte ascoltandolo russare, e il suo orgasmo non era soddisfacente. Ma questa, quella che aveva appena sperimentato, l’ha lasciata ansimante sulla sedia della scrivania. Il suo maglione era stato tirato su e si era strappata i seni dal reggiseno. I suoi capezzoli erano così duri che quasi le facevano male e la sua figa era bagnata ma soddisfatta.

Quella notte inciampò così tante volte davanti a suo marito mentre parlavano. Ma più parlavano, più si rendeva conto che non ne aveva idea. Tuttavia, il senso di colpa è rimasto forte per alcune settimane. Ma come ogni droga forte, la sua libido esigeva soddisfazione e si ritrovò di nuovo davanti al computer.

È diventata un’abitudine. E una volta che i mondi virtuali si sono aperti e hanno portato con sé il piacere delle immagini visive per accompagnare parole spiacevoli, l’abitudine è diventata una dipendenza. Ha sempre avuto soldi suoi, per molto tempo. Bussava sempre con cautela; si rimproverava di averlo speso per un videogioco online, ma allo stesso tempo voleva, davvero aveva bisogno, di rappresentarsi bene.

Si spostò di nuovo sul sedile. Dopo aver rivolto lo stesso sguardo preoccupato al telefono, è tornata a pensare a cosa l’aveva portata qui.

Era BDSM. Nel suo mondo reale, faceva l’amore con suo marito come pensavano che la società si aspettasse da loro. Era limitato al missionario, occasionale alla pecorina, per non parlare occasionale orale. La prima volta che si è vista – o meglio, il suo avatar virtuale – legata a un palo del bondage, ha guardato a bocca aperta lo schermo del suo computer. Si scopre che i suoi pantaloni e le mutandine erano spenti e le sue dita erano così impegnate. Quel giorno venne quattro volte; se suo marito l’avesse toccata quella notte, avrebbe potuto gemere di dolore e tutto sarebbe andato disfatto.

Capì il fascino. Era qualcosa che non avrebbe mai potuto fare nella vita reale. Ma accese l’immaginazione e inghiottì la sua mente; entrambi gli elementi portavano direttamente alla vera eccitazione, e la vera eccitazione portava a orgasmi reali, potenti e soddisfacenti. Nel suo mondo virtuale, ha fatto piccoli passi in questa vita e in vari momenti si è trovata posseduta o posseduta da un’altra. Ha iniziato a ricercare concetti BDSM offline, a volte di notte con il suo laptop o iPad mentre suo marito stava facendo un pisolino o girovagando. Era affascinata dal concetto di controllo: dare o avere.

Ma mentre i partner andavano e venivano, si rese presto conto che il suo mondo virtuale era fondamentalmente identico al mondo reale: gli avatar erano spostati da persone e quelle persone le somigliavano in vari gradi. È diventata esigente, sia con potenziali sub che con potenziali dominanti. C’era una lunga danza da eseguire prima che il rituale di proprietà fosse completato. E quando quelle relazioni sono andate in pezzi, cosa che purtroppo spesso accadeva, ha dovuto affrontare il crepacuore della vita reale. Il senso di colpa era stato distrutto molto tempo prima. È stato sostituito con vere emozioni umane, che hanno reso il mondo virtuale molto più reale.

Non gli ci volle molto per rendersi conto che la stragrande maggioranza degli avatar nel suo mondo erano maschi, ma il la composizione complessiva di genere nel mondo era fortemente femminile. A volte i maschi che guidavano i loro avatar femminili erano facilmente distinguibili. Altri hanno impiegato molto più tempo. Una rivelazione era che una bella donna sfoggiava un grosso cazzo grosso. Era quasi una garanzia che l’avatar pilot fosse maschio nella vita reale. Tuttavia, ha giocato insieme perché era più divertente in quel modo. E inoltre, pensò, se l’avatar diretto poteva eccitarlo nella vita reale, allora più potere per lui. O lei. Capì che non le importava.

Ma questa consapevolezza l’ha portata su strade diverse. Una strada era trovare uomini nella vita reale vestiti da donne che dovevano sottomettersi. Spesso controllava da vicino le vite di questi avatar. l’ha svegliata gemendo una femminuccia in un messaggio privato perché sospettava che l’uomo nella vita reale avesse un’erezione furiosa e un disperato bisogno di toccarsi. È cresciuta controllando ogni aspetto della loro vita, dall’esibire i loro cazzi al limitare ciò che potevano e non potevano usare. Ha spesso usato dispositivi di castità come parte delle sue interazioni con questi uomini, sapendo che era un punto di partenza per la sua eccitazione.

Eppure, allo stesso tempo, si rifiutava di negare il suo altro bisogno di essere controllata. Sembrava così erotico, specialmente l’uso del bondage. Quasi ogni volta che fissava la vista del suo avatar rigidamente trattenuto e l’interazione tra lei e il suo dono/me si riscaldava, era quasi frenetica per il bisogno di raggiungere l’orgasmo nella vita reale.

Quando ha incontrato Evelyn per la prima volta in un luogo d’incontro preferito, era tra tutte queste relazioni. Aveva ancora amici di lunga data con cui giocava quando le opportunità si presentavano, ma le ultime due relazioni erano fallite intorno a lei. Non le piaceva il funk, ma era comunque cauta.

La forma di Evelyn era tipica. Presentava un viso molto adorabile con i capelli biondi corti. Il suo profilo suggeriva un lungo riassunto delle delizie BDSM. Era un dominante, che a quel tempo attirava molto Rose. Aveva un seno grande e Rose scoprì presto che Evelyn sembrava possedere la chiave del suo cuore, della sua mente e della sua anima.

Nessuno, nessun avatar, l’ha mai consumato in questo modo. La sua amante è diventata rapidamente l’unico fulcro della sua vita virtuale e Rose non è mai stata più felice. Le settimane si trasformarono in mesi e i mesi in anni, ed erano ancora una coppia. Con una relazione così lunga, hanno imparato molto l’uno dall’altro. Le loro speranze e paure, i loro veri problemi che hanno affrontato e in qualche modo sono stati il ​​supporto più importante l’uno per l’altro. Rose in realtà ha detto cose a questa Evelyn senza volto che non avrebbe nemmeno sussurrato ad alta voce a casa sua. Non tutto era sessuale. Infatti, mentre i mesi si trasformavano in anni, la loro amicizia era più reale che mai.

Il suo telefono squillò nella sua mano, spaventandola. Lei guardò in basso. Chiunque l’avesse guardata in quel momento avrebbe visto il sorriso tremante illuminare il viso della bella donna e allo stesso tempo notato quanto fossero arrossate le sue guance. Rose, sul punto di trasformare il suo amante virtuale nel suo vero amante, sentì il suo cuore battere forte. La sua bocca era secca. Eppure, nonostante il suo nervosismo, sentiva il caldo torrido tra le gambe. Aveva indossato un salvaslip proprio per questo motivo; Evelyn l’ha bagnata online. Si aspettava che Evelyn la bagnasse anche nella vita reale.

Rose si voltò, fissando avidamente il corridoio dell’aeroporto. Poi vide che la donna per la quale desiderava ardentemente, persino per la quale aveva pregato, era Evelyn. La reazione di Rose fu di stupore. Dio, era bellissima. Un bel viso, un corpo sinuoso e ampio che sembrava trasudare sex appeal e un enorme sorriso che le abbelliva il viso. Rose si ritrovò lentamente in piedi, voltandosi verso la donna che l’aveva praticamente posseduta per due anni.

“Eveline? chiese Rose, completamente incapace di alzare la voce al di sopra di un sussurro.

“Sono io, mia cara Rose. Mio Dio, sei bellissima”, sbottò. Per quanto veloce fosse, Evelyn attirò Rose nell’abbraccio più stretto e piacevole che avesse mai sentito. Così fu assalita da così tante emozioni che ebbe paura di scoppiare in lacrime isteriche. Evelyn sembrava saperlo e accarezzò lentamente la schiena di Rose.

“Va tutto bene. Andrà tutto bene amore mio. Ho te. Ho te”, mormorò dolcemente Evelyn nell’orecchio di Rose.

“Mio Dio. Oh. Oh mio Dio,” balbettò Rose. Si staccò dall’abbraccio. “Non riesco ancora a credere che sto facendo questo.”

Evelyn si alzò a sedere e, ancora tenendo la mano di Rose nella sua, la riportò in posizione seduta. “Nemmeno io posso. Ma nemmeno posso immaginare la perdita che hai subito.”

Rose guardò in basso. L’infarto è stato fatale, improvviso e l’ha lasciata alla deriva nel mondo. Fu solo il suggerimento di Evelyn di incontrarsi, nella vita reale, per due settimane a Santa Lucia, dove nessuno li conosceva, a sconvolgere Rose. Rose lo ricordava chiaramente, dicendo “vaffanculo” ad alta voce mentre premeva il pulsante per acquistare i biglietti dell’aereo. Come aveva pagato i soldi per raggiungere la sua amante in un elegante resort appartato su un’isola che aveva appena esplorato. Quando si è svegliata il giorno dopo quasi urlando “che cosa hai fatto?” eppure… anche completamente incapace di annullare questo fottuto colpo zero dato.

“E’ stato brutale. Come sai”, ha aggiunto Rose. Le loro conversazioni sull’argomento e su questo viaggio imminente avevano dominato gli ultimi mesi del loro tempo insieme. Rose non ha mai provato a togliere la mano dalla presa di Evelyn: il tocco umano era troppo forte per spezzarsi.

“Lo so, mia cara, lo so.” Evelyn parlò piano, piano. Era così meraviglioso sentire la sua voce, una voce fumosa che – alle orecchie di Rose – era incredibilmente musicale e decisamente erotica. Evelyn aveva sempre avuto questi soprannomi per lei – cara, amante, dolce – e ascoltarli nella sua voce regale ha lasciato un’emozione viscerale nella sua scia.

“Ho paura.” Rose lo ha ammesso molte volte.

“Anch’io,” disse Evelyn, continuando a proiettare fiducia nella sua voce. “Ma penso che sarà la migliore vacanza della tua vita.” Questo è stato punteggiato da una stretta di mano decisa. Evelyn si chinò verso di lei. “In realtà, so che lo farai. La mia cagnolina,” concluse in un sussurro destinato solo alle orecchie di Rose.

Quante volte Evelyn l’aveva etichettata come “la mia cagnolina?” Migliaia, probabilmente. E quando Rose arrossì, riconobbe che ascoltarlo nella vita reale aveva decimato tutte le difese rimaste che avrebbe potuto trattenere. È da Evelyn da due settimane. “Grazie, signora”, sussurrò di rimando.

“Bene.” Fu detto più forte ed Evelyn si sistemò il più comodamente possibile al suo posto. “Allora è deciso.”

“Sì,” disse Rose, annuendo obbediente. Come una volta, sono stati in grado di entrare in altre conversazioni. Ma ora, senza il fastidio della digitazione, lo scambio di informazioni era molto più veloce, più profondo e più completo. Entrambi avevano prenotato i biglietti di prima classe e, per tacito accordo, erano rimasti più in fila. Rose voleva solo conoscerla come Evelyn, la sua amante, e non il suo vero nome. Lo sapeva, naturalmente, adesso, ma preferiva la fantasia alla realtà. E sentire il suo vero nome la rattristò e la strappò alla sua piccola sospensione dell’incredulità. Poiché Evelyn ha fatto lo stesso, Rose ha concluso che la sua padrona si sentiva allo stesso modo.

Tuttavia, sull’aereo, erano uno accanto all’altro. Continuarono a sedersi ea chiacchierare pigramente, guardando i passeggeri salire sull’aereo. Avevano tutti volti pieni di speranza e sorridenti – chi, dopotutto, sembrerebbe cattivo quando si imbarcherebbe su un aereo per il paradiso? Le loro mani si sfioravano spesso e una o due volte si strinsero la mano, si scambiarono uno sguardo significativo, poi lasciarono andare.

Quando la padrona di casa venne a prendere gli ordini, Rose esitò, ma Evelyn rifiutò. “Oh no, mia cara amica”, disse Evelyn, ignorando le obiezioni di Rose. Evelyn guardò il bel stufato sottile. “Champagne per noi di loro.”

Lo stufato sorrise e annuì, e continuò. Evelyn studiò la sua forma per un momento, poi si chinò e sussurrò all’orecchio di Rose. “Dovrei farti avvicinare a lei e offrirle la tua lingua. Scommetto che quella puttana l’avrebbe presa.” Com’era prevedibile, Rose divenne rosso vivo, con grande gioia di Evelyn.

Le bevande venivano versate e sorseggiate lentamente mentre la conversazione ribolliva intorno a loro. Rose non poteva fare a meno di girare continuamente la testa per studiare il profilo della sua Padrona. Era così bella, pensò Rose. Dura e sicura di sé, il tipo di fiducia che Rose desiderava ritrovare in se stessa. Ma non ci è mai arrivata, ed ecco Evelyn per la quale sembrava essere naturale. Rose non aveva dubbi sul fatto che, se fosse stato un volo notturno, il giovane stufato che aveva ovviamente attirato l’attenzione di Evelyn sarebbe stato costretto a inginocchiarsi e servire. Ma per il momento tali pensieri gli erano riservati.

“Quindi due settimane. Niente da fare”, sospirò felice Evelyn. “Non posso aspettare.”

“Nemmeno io,” concordò Rose. “Ne ho bisogno.”

“Avrai bisogno di ogni genere di cose”, disse Evelyn con noncuranza. In quel momento, Evelyn si sporse in avanti e frugò nella sua borsa. “A dire il vero,” disse dolcemente, girando il viso su quello di Rose, “hai bisogno di qualcosa in questo momento.”

“Io faccio?” chiese Rosa. Tuttavia, pensava di aver visto cosa poteva esserci nella mano di Evelyn, e un’emozione familiare non solo l’ha attraversata, ma l’ha avvolta. Ha tremato? Pensava che avrebbe potuto rabbrividire.

“Sì. Devi usare il bagno”, disse Evelyn. “E voglio uno scambio.”

“Un interruttore?”

La mano di Evelyn scivolò e Rose si ritrovò con in mano un oggetto abbastanza familiare da essere identificato solo al tatto. Tuttavia, questo plug anale potrebbe essere stato un po’ più grande del suo. «Sì, cagnolina mia», mormorò Evelyn all’orecchio della sua sottomessa. “Le indosserai e avrai quelle mutandine bagnate in mano per darmele. Per ogni evenienza”, ha aggiunto con una risata.

Mai in vita sua si sarebbe aspettata di dirlo, e quando lo fece, il suo cuore sussultò. “Sì signora.” Si alzò con il tappo stretto in mano e andò in bagno. Deve averlo indossato solo per puro nervosismo, poi sussultare quando ha dovuto far scivolare il tappo su per il culo senza alcun calore. La sensazione di essere allungata e farcita le faceva perdere la figa, e ora senza l’aiuto delle sue mutandine e del suo protettore c’erano buone possibilità che mostrasse una notevole macchia di bagnato sui pantaloni quando atterravano. L’impulso di accarezzarle il clitoride e avvolgersi nel piacere era forte, ma lo represse. Tornò al suo posto, porgendo le mutandine bagnate alla sua Padrona, che le prese, sorrise e se le infilò nella sua borsa.

Evelyn è poi passata senza intoppi ad altri argomenti di conversazione. Rose sentì una scossa. Un momento, fatto per riempirle il culo e togliersi le mutandine, e quello successivo per discutere un punto minore della politica del ritorno a casa. La conversazione è stata piacevole e coinvolgente. Evelyn era intelligente e colta con opinioni e pensieri su molte cose. Rose era entusiasta di essere coinvolta in questo livello di discorso. Era passato un po’ di tempo, e gli aveva quasi fatto dimenticare la pienezza del suo culo.

La cena è stata servita. Lo stufato sottile e sottile li servì e aggiunse un altro drink, e sorrise a entrambi. Mentre si allontanava, Evelyn si chinò e sussurrò “È così sexy, penso che ti farebbe amare prima le dita dei piedi!”

Rose si irrigidì sul sedile, facilmente in grado di vedere nella sua mente inginocchiata obbediente ai piedi della bella assistente di volo dalle gambe lunghe, chinarsi per baciare e coccolare dolcemente i piedi della giovane donna mentre la sua Padrona la guardava. . Il pensiero rinnovò la consapevolezza della spina che le allungava il culo, ei due pensieri insieme rinnovarono il calore nel suo sesso. Deglutì a fatica, rendendosi conto che ora sentiva l’umidità diffondersi e non era la prima volta che malediceva il fatto che il suo corpo fosse diventato così bagnato in così poco tempo. Vide, con la coda dell’occhio, Evelyn che la osservava, e si rese conto che ci si aspettava una risposta. “Io… mi piacerebbe… proprio così, signora.”

“So che lo faresti, piccola puttana”, sussurrò Evelyn. La sua mano strinse quella di Rose, e ora la strinse forte. La sua bocca era così vicina all’orecchio di Rose che a ogni respiro Rose sentiva l’afflusso di aria calda soffiarle nell’orecchio. Le fece il solletico piacevolmente e un brivido le percorse la schiena, scuotendole tutto il corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *