Working at Spread Legal Ch. 02 – BDSM

di | 18 de Giugno, 2022

Guardavo sbalordito il mio telefono. Non avevo più notizie del Chelsea dalla cerimonia di laurea dell’anno scorso, ora mi stava chiamando. Per curiosità e contro il mio miglior giudizio, ho accettato l’invito.

“Ciao Richard”, la sua voce era fredda come me la ricordavo e in sole due parole mi sentivo come se stessi affogando nel vasto mare di emozioni mentre ricordavo i tempi che abbiamo condiviso. Sia nel bene che nel male. “Ho sentito che avevi un lavoro.”

“Sì l’ho fatto.” Sono stata attenta a non pubblicare nulla sul mio ruolo online, quindi Chelsea deve aver visto il post di mia madre sui social media. “È solo un ruolo di assistente.”

” Oh. Quindi sei la loro troia? Le sta bene. La sua voce condiscendente era chiara, anche al telefono.

“Beh, devi iniziare da qualche parte.” ho ribattuto.

“Oh Richard, è stato un piacere parlare con te.” Detto questo, mi ha riattaccato. Le sue intenzioni erano chiare, voleva assicurarsi di essere sempre migliore di me. Sono rimasto sorpreso, anche se non si vantasse del suo lavoro, sarebbe stato qualcosa che avrebbe potuto padroneggiare su di me. A meno che non avesse già un lavoro, ruoli di basso livello come assistente erano, come la maggior parte delle cose, al di sotto di lei, quindi non avrebbe fatto domanda per qualcosa del genere.

Questa breve conversazione mi è passata per la mente mentre ero sdraiato sul letto pronto ad addormentarmi. Anche guardare le foto e i video sexy di Alice non poteva distrarmi. Come The Mistress, il Chelsea può essere molto prepotente. Ecco perché ci siamo trovati d’accordo al college, lei mi ha tirato i fili e ho ballato felicemente per lei finché non si è stufata e ha lasciato che gli altri le infliggessero la sua superiorità. Ha anche spiegato perché mi è piaciuto il mio ruolo con The Mistress, sono entusiasta di sapere cosa fare, anche se è contro il mio migliore interesse.

Il giorno successivo al lavoro è iniziato come un giorno molto normale, o almeno normale come un giorno in cui il mio codice di abbigliamento ufficiale era nudo con il mio cazzo flaccido in gabbia. Il mio primo compito della giornata è stato quello di scrivere il verbale di un incontro che hai avuto con il resto dei dipendenti dell’azienda. Essere l’unico nudo in una stanza di donne vestite professionalmente mi dava una tale fretta, il mio cazzo spingeva contro i confini della sua gabbia, nel disperato tentativo di essere libero e completamente eretto. Tuttavia, mi sono concentrato su ciò che veniva detto in modo da poterli scrivere a macchina e presentarli alla Signora nel corso della giornata.

Il resto della mattinata è stato dedicato alla preparazione del tè e alla scrittura di e-mail. Una parte di me era delusa di non essere stata frustata o arrestata come i giorni prima e con la telefonata del Chelsea che mi risuonava ancora nella testa, avrei potuto farcela con l’intensa sensazione che mi dava di tirare fuori le cose dalla testa. Mi sarei anche rassegnato al plug anale con le sue intense vibrazioni che mi massaggiano il retto. Fu quando la vidi sorridere mentre mi assegnava questi compiti banali che mi resi conto che la Signora lo stava facendo apposta. Mi fece venire fame di queste cose, sapendo che nella mia condizione di inferiorità non potevo pretenderle da lei.

Alla fine licenziato per prendermi una pausa per il pomeriggio, sono andato nella sala relax e mi sono seduto accanto ad Alice. “Ti sono piaciute le mie foto?” chiese entusiasta. Oggi era vestita con una camicia bianca piuttosto tradizionale e una combinazione di gonna nera. Anche se avvicinandomi, ho notato che il tessuto della sua maglietta era praticamente trasparente e non c’era il reggiseno sotto.

“Sì, erano molto sexy. Grazie.”

“Ti sei masturbato con loro?”

“Lo ero, specialmente quello con Marcus il giorno del suo ventesimo compleanno.”

“Beh? Perché non l’hai fatto?” L’eccitazione di Alice lasciò il posto alla delusione.

“Il mio ex mi ha chiamato ieri sera, proprio quando stavo per farlo.”

“Era una chiamata di servizio?” chiese incuriosita, ascoltando attentamente tutti i succosi dettagli.

“No, solo per assecondare il mio nuovo ruolo.”

“Che puttana!” Lei ha urlato. “Beh, spero che ce la farai stasera, te ne manderò altri per metterti dell’umore giusto.”

“Non devi,” gli ho detto. “Ho molto materiale da analizzare.”

“Beh, qualcuno deve vedere le foto che ho intenzione di fare stasera, preferirei che fossi tu,” Alice mi sussurrò seducente all’orecchio e la sua mano corse lungo la mia coscia fermandosi alla mia gabbia di castità di metallo, il mio cazzo era disperato essere libero ora. Alice guardò l’orologio: “Oh cazzo, le mie pause sono belle. Parleremo più tardi”. Mentre usciva dalla sala relax, alzò la gonna e fece oscillare il culo nudo nella mia direzione, ridendo allo stesso tempo.

“Starò attento con lei,” disse Yukio sedendosi al tavolo. “Le piace il pubblico e non è molto esigente”.

“Lo terrò a mente”, risposi.

Yukio cambiò argomento, “Ho sentito che avresti fatto il tuo primo ordine domani. Anche Jenny, sei coraggiosa.”

Le mie guance stavano arrossendo e mi sono sentito un po’ imbarazzato che gli altri lo sapessero. “Grazie credo.”

“Rilassati, andrà tutto bene.” Yukio ha detto di calmare i miei nervi. “Jenny se ne è vantata per gran parte della mattina. Sorpresa, non è proprio qui per prenderti in giro. Le piace che i suoi ragazzi prevedano il suo cazzo così la implorano.”

“Ma non vedo l’ora di essere lì,” dissi piano, ancora un po’ imbarazzato.

“Sembra che ti stia abituando alla modalità Spread Legal,” sorrise Yukio. “Beh, aspetta e guarda quali altri ordini ricevi.”

Ho riso, “Non puoi darmi alcun indizio?”

“Spoiler!” disse Yukio, sorridendo maliziosamente mentre lasciava il tavolo e si allontanava.

Durante il resto della pausa, ho immaginato tutti i tipi di compiti degradanti e umilianti che gli altri avrebbero potuto richiedere da me. Tuttavia, non erano i dipendenti a svolgere questi compiti, era Chelsea, che rideva pazzamente. Una rapida telefonata e lei si anima nella mia mente, senza affitto, probabilmente proprio come aveva pianificato.

Sono tornato al lavoro frustrato, cosa che la signora ha notato. “Va tutto bene?” chiese, guardando oltre gli occhiali.

“Uh… va tutto bene, signora.” dico mentendo tra i denti. Dallo sguardo negli occhi della Signora, potevo dire che non ci credeva, ma ora non ha commentato la cosa, invece mi ha fatto entrare nel mio ufficio per poter continuare a lavorare.

Ho continuato a lavorare, facendo del mio meglio per ignorare tutti i pensieri relativi al Chelsea e concentrarmi sui compiti a portata di mano. Dopotutto, è l’approvazione di Lady che desidero ora, non quella del Chelsea. Mi ha schiarito la mente per venti minuti prima che tutti i pensieri tornassero. Sono stato salvato dalle mie frustrazioni dalla luce rossa lampeggiante sull’interfono. La Signora aveva bisogno di me ed io fui felice di rispondere alla sua chiamata.

La Signora stava rimuginando alla sua scrivania finché non ha notato la mia dolce presenza nel suo ufficio. “Siediti,” ordinò, indicando la sedia vuota di fronte a lei, la voce roca e autoritaria. Gli ho obbedito senza fare domande. “Ora”, disse la Padrona, “ho notato che sei piuttosto distratta, te l’ho chiesto prima e in modo scioccante, mi hai mentito”. Potevo sentire le mie mani iniziare a tremare. Ha continuato: “Sono disposta a perdonare questa trasgressione se mi dici ora cosa ti ha infastidito così tanto. Se mi dici ‘Buono’ o ‘Niente’, ti presenterò alcuni dei miei giocattoli di livello avanzato, che renderanno tu parli Hai il mio permesso di parlare liberamente.

Ho iniziato a parlarle di Chelsea, della nostra relazione al college e della telefonata che ho ricevuto ieri sera che ha riportato in vita tutti i miei pensieri e sentimenti dopo un anno in cui ho pensato di aver lasciato tutto alle spalle. Durante il mio breve discorso, vedo The Lady interessarsi ai dettagli. Il mio primo pensiero è stato che probabilmente avrebbe visto se stavo mentendo su qualcosa in modo da potermi punire in seguito e una parte di me voleva mentire per quel motivo, ma così ho deciso di essere onesta, cosa che la Padrona ha capito.

“Hmm,” disse infine la Padrona, appoggiandosi allo schienale della sedia, “sembra che tu l’abbia fatto ho bisogno di una liberazione.” Il suo dito preme elegantemente un pulsante sul telefono fisso e una voce felice e familiare rimbomba attraverso il vivavoce.

“Sì signora?” chiese Alice perplessa.

“Unisciti a me nel mio ufficio. Ora,” chiese la Signora.

“Sì signora.”

Dopodiché Alice riattaccò e cominciai a capire cosa aveva pianificato la Signora.

“Signora, io…” Prima che potessi continuare la mia linea di domande, la Signora si portò il dito indice alle labbra. Le porte si aprirono dietro di me ed Alice entrò, fermandosi al tavolo della Signora e stando in piedi accanto a me.

“Vuole vedermi, signora?” chiese Alice guardandomi.

“Ti piace il mio assistente qui, vero?”

Alice sembra incuriosita dalla domanda, ma risponde comunque. “Sì signora.”

“Lo vuoi dentro di te, vero?”

Le guance di Alice arrossirono mentre si mordeva il labbro inferiore. “Sì signora.”

La Padrona si alzò dalla sedia, tenendo in mano la chiave della mia gabbia. Avvicinandosi a me, inserisce la chiave nella serratura e scivola fuori dalla gabbia. “È tutta tua finché fai come ti chiedo”, mi disse mentre entrambi guardavamo un’Alice eccitata. “Strapparsi i vestiti.”

“Amante…”

“Stai zitto e fai quello che hai detto.” La Signora aveva usato la sua voce autorevole per interrompermi e io mi sentivo sotto il suo incantesimo. Mi alzai dalla sedia e mi avvicinai ad Alice, che era appoggiata al tavolo della Signora, anticipando il mio tocco. Ho afferrato la sua camicetta per la parte superiore con una mano su ciascun lato e con tutte le mie forze l’ho smontata, strappando via molti bottoni e anche parte del tessuto. Alice sussultò e rise felicemente mentre ciò che restava della sua camicia da lavoro le cadeva sulle spalle, i suoi piccoli seni ora erano scoperti ei suoi capezzoli erano eretti. La mia mano si protese per prenderli. Accarezzali. “Ehi!” La Padrona pianse prima che la mia mano potesse raggiungerli. “Ho detto che potresti toccarle i seni adesso?”

Ho subito abbassato la mano. “No signora.” dico scusandomi.

“Disobbediscimi di nuovo e non sarai in grado di scopare la figa stretta di Alice, capito?”

“Sì signora.”

“Bene. Adesso finisci di spogliarla.”

Ho fatto girare Alice e le ho tirato il resto della maglietta, gettandola da parte. La prossima è la sua gonna. Mettendo le mani sulla sua cintura e tenendola stretta, le tirai a metà la gonna. Dev’essere stato realizzato con materiale davvero scadente perché la gonna si strappava come carta igienica. Dal momento che Alice non indossava mutandine sotto, il suo culo (e la figa mentre si piegava) divennero visibili mentre la sua gonna strappata cadeva vicino al suo top rosa. Alice si girò lentamente verso di me in modo che potessi vedere il suo bel corpo nudo in tutto il suo splendore e così lei potesse guardare il mio cazzo eretto.

“Alice. Inginocchiati e succhiagli il cazzo.”

Alice aveva un grande sorriso stampato in faccia mentre rispondeva “Sì signora”. Cadendo in ginocchio, ha preso il mio cazzo in mano e ha avvolto la sua bella bocca intorno alla mia testa, facendo scorrere la lingua dappertutto e sciogliendo le mie preoccupazioni.

“Prendi più del suo cazzo,” chiese la Padrona e Alice obbedì, facendo scivolare le sue labbra sul mio cazzo e facendomi gemere molto per la gioia di Alice e della Padrona. “Prendi tutto il suo cazzo. Imbavaglialo”, fu il comando successivo della Signora. Alice era fin troppo felice di accontentarmi mentre muoveva la bocca lungo il mio cazzo finché non ho sentito il suo labbro inferiore premuto contro le mie palle e la mia punta solleticarle la parte posteriore della gola. Rimase lì a guardarmi mentre ansimava, i suoi gemiti ronzavano contro il mio cazzo. La Signora mi guardò: “Fanculo la sua bocca”. Annuii, presi i capelli di Alice e feci scivolare il mio cazzo fuori dalla sua bocca, dando ad Alice la possibilità di respirare prima di rimetterlo in bocca, sbavando e aspettando.

Ho iniziato a spingere metà del mio cazzo nella sua bocca con movimenti lenti dell’anca in modo da potermi abituare al movimento di far scivolare il mio cazzo dentro e fuori dalla bocca di Alice. La Signora, ovviamente, voleva di più, voleva più profonda e ruvida e non poteva essere rifiutata. Ho accelerato il ritmo e ho spinto il mio cazzo in profondità nella bocca di Alice, i suoi gemiti aumentavano solo con il trattamento più ruvido. Anche se il mascara le scorreva sul viso e io pensavo di smettere indipendentemente dalle conseguenze, i gemiti di Alice mi dicevano di andare avanti. Potevo sentirmi pronto a scoppiare.

“Fermare!” esclamò la Signora. Obbedii, facendo scivolare il mio cazzo fuori dalla bocca di Alice. Alice sembrava delusa dal fatto che non riuscissi a finire in bocca. “Non preoccuparti,” si rivolse la Padrona ad Alice, “Avrai ancora il suo sperma, ma è un posto che scelgo io.” Sollevò il morale di Alice quando la Signora la sollevò e la posò sul tavolo di mogano con le gambe divaricate. La Signora rivolse la sua attenzione a me. “Sali sul tavolo e fanculo quella figa bagnata!” Indicò la figa di Alice, imbevuta di tutta quell’eccitazione.

“Sì signora.” Mi arrampicai sulla sua scrivania e mi chinai su Alice. I nostri corpi nudi si premevano l’uno contro l’altro e il mio cazzo eretto si stava già sfregando contro l’ingresso della sua figa. Ho guidato il mio cazzo nella figa di Alice mentre si aggrappava ai bordi del tavolo e sussultava mentre spingevo forte dentro. Il mio cazzo è scivolato dentro e fuori con facilità, lubrificato dall’umidità della figa di Alice. Alice abbraccia più forte il tavolo e geme con un grido acuto ogni volta che il mio cazzo viene spinto dentro di lei.

“Ooh sì!” pianse Alice. “Sì sì sì!” Mi avvolse le braccia intorno al collo e le gambe intorno alla mia vita mentre il mio ritmo aumentava e i battiti diventavano più aspri. Ancora una volta mi sono trovata sul punto di venire e, come l’ultima volta, The Mistress ha immediatamente posto fine alla frustrazione di Alice e me lasciando il tavolo. La Signora sorrise, godendo della nostra reciproca frustrazione.

“Alice, mettiti a quattro zampe,” chiese la Padrona e Alice obbedì felicemente ancora una volta, alzando il culo in aria. Poi si è girata verso di me. “Fanculo quell’idiota.” Annuii e mi fermai dietro ad Alice, afferrandole i fianchi. Il mio cazzo era ancora bagnato da una combinazione della saliva di Alice e della sua figa bagnata. Ho spinto la punta e già potevo sentire la tensione contro la sua figa.

Mentre mi spingevo oltre, Alice iniziò a urlare forte. ” Oh si ! Di più ! Di più ! Lei ha urlato. Poteva sentire il suo corpo contrarsi per il piacere mentre iniziavo a far scivolare il mio cazzo dentro e fuori dal suo ano.

“Tirategli indietro i capelli!” gridò la Signora dalla sua sedia. Afferrando una manciata di capelli, tirai indietro la testa di Alice e feci scivolare il mio cazzo nel suo culo.

“Oh, non fermarti, non fermarti.” Ho sentito Alice borbottare mentre la sua gamba tremava mentre continuavo a fotterle il culo stretto.

“Spara e vieni in faccia!” La Signora pianse.

“Sì signora.” Ho risposto, facendo scivolare il mio cazzo fuori dal culo di Alice mentre ansimava e mi posizionava davanti alla faccia di Alice. Ci sono voluti solo pochi colpi prima che lo sperma esplodesse dal mio cazzo e schizzasse ondata dopo ondata sul viso e sui capelli di Alice. Una volta che ho smesso di venire, ho guardato la faccia di Alice e sotto la densa sborra, la saliva e il mascara gocciolante c’era una faccia felice.

“Alzati e torna al tuo posto. Non pensare nemmeno a toglierti quel pasticcio dalla faccia.” Disse la Signora ad Alice.

“Sì signora!” Alice rise, lasciando l’ufficio con aria soddisfatta. Quando la porta si chiudeva, potevo sentirla eccitarsi con un altro dipendente per l’esperienza che aveva appena avuto.

“Ti senti meglio ora?” Me lo ha chiesto la signora.

“Sì, sicuramente.” Sorrido, sentendomi sollevato.

“Bene, perché…” La Padrona estrae la gabbia dal pene e la rimette a posto, bloccandola. “…Lo indosserai stasera. Niente masturbazioni per te.” Ad essere sincero non importava, mi sentivo come se tutti i miei problemi fossero scomparsi a quel punto e il Chelsea era la cosa più lontana dalla mia mente.

Quando ho lasciato l’ufficio, sono passato davanti ad Alice, che mi ha salutato perché usava ancora il mio sperma come maschera e indossava una giacca che le copriva solo il culo e la figa.

“È piuttosto incasinata, vero?” Mi giro e trovo Jenny, dopotutto oggi avevo dimenticato cosa sarebbe successo domani. Sorrise: “Forse che starai così bene con il mio.” Quando lo disse, Jenny sollevò la gonna e si tirò le mutandine fino alle ginocchia per mostrare il suo cazzo già mezzo eretto. “Ci vediamo domani tesoro.” mi strizzò l’occhio e mi fece un pompino. bacio, sollevando le mutandine mentre usciva dalla porta principale.

“Ci vediamo domani, Richard,” mi disse Alice mentre apriva anche la porta d’ingresso. “Ti scrivo stasera, ok?”

Sono tornato a casa, imbarazzato e ancora eccitato perché sotto il mio costume indossavo un piccolo cockcage. Le persone che ho incrociato in treno non avevano idea che fossi dominato al lavoro o che mi piacesse ogni secondo. Una volta dentro, però, mi sono sentito esausto, crollando sul mio letto. Il mio telefono vibrava già come un matto con i messaggi con le immagini di Alice. o lei non sapevo che non potevo masturbarmi stasera o lei lo fa e deliberatamente mi prende in giro. Mi sono addormentato prima di poter aprire un singolo messaggio. Domani era alle porte e con esso, il cazzo di Jenny.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *