Working Late – BDSM – Literotica.com

di | 18 de Giugno, 2022

“Beh, vaffanculo anche a te allora!”

L’esplosione echeggiò attraverso il pavimento anche attraverso la porta a vetri che separava l’ufficio di Claudia dall’area principale. Ciò ha causato un’esitazione collettiva tra gli impiegati. Uno o due di loro lanciarono occhiate comprensive alla bruna seduta al tavolo più vicino allo spazio di lavoro del suo capo.

Linda Reed era stata l’assistente personale di Claudia Braddock per quasi due anni. C’erano molte persone che avevano lavorato più a lungo nell’agenzia pubblicitaria, ma nessuna era durata quanto Linda nella sua posizione. Nessuno sapeva esattamente quale fosse il record, ma il consenso generale era che, a parte Linda, il più duraturo fosse Dave, un giovane assunto appena uscito dal college. Era durato tre mesi.

In qualche modo, Linda è riuscita a durare. Il fatto che stupisce ancora gli altri dipendenti. Ma sembrava che non passasse giorno in cui non fosse la prima ad entrare, anche prima della signora Braddock, e spesso rimaneva alzata fino a tardi con il suo capo. E non importa quante volte è successo, era sempre di buon umore, quasi eccitata la mattina dopo. Ciò ha portato alcuni dei suoi colleghi a sospettare che Linda avesse una branda e un cambio di vestiti nascosti da qualche parte nell’ufficio. E a giudicare da questa particolare esplosione, sarebbe stata un’altra notte.

Come Linda si aspettava, il suo capo è quasi sfondato dalla porta a vetri un momento dopo. All’unisono, tutte le teste nella stanza si girarono verso di lui. Non era difficile capire perché. La donna irradiava potere.

Dopo quasi vent’anni nel mondo della pubblicità, di cui otto trascorsi a capo della propria agenzia, Claudia ha imparato a comportarsi con innegabile autorità. Certo, indossava il ruolo, tutte le gonne a tubino e le camicette di seta e gli immacolati tagli di capelli da salone e i tacchi che avrebbero fatto implorare le donne più piccole dopo appena un’ora di camminata, ma era più che sufficiente l’aspetto. La sua voce, il suo linguaggio del corpo, tutto nel modo in cui si presentava rendeva chiaro che era lei la donna al comando, indipendentemente dalla compagnia in cui si trovava.

“Simmons, Wilson, puoi passare la giornata a casa. DeSanto non è contento del suo lavoro.”

I due colleghi nominati hanno condiviso uno sguardo incerto ai loro tavoli uniti prima di annuire, lasciando silenziosamente la stanza. Nessuno di loro era sicuro di avere ancora un lavoro la mattina dopo. A giudicare dall’esatta natura dello sfogo del suo capo pochi istanti prima, le sue probabilità erano circa cinquanta/cinquanta.

Potrebbe essere che Claudia sia sconvolta in generale, nel qual caso probabilmente trascinerebbero i loro portafogli ad altre agenzie entro la fine della settimana. Ma la formulazione del suo sfogo significava che c’era una possibilità che fosse solo arrabbiata con il cliente, nel qual caso sarebbe stata risparmiata la furia di Claudia. Ad ogni modo, gli sguardi che i loro colleghi rivolgevano loro mentre si dirigevano verso l’ascensore erano pura pietà. Certo, entrambi gli uomini erano giovani e talentuosi e probabilmente avrebbero potuto riprendersi, ma comunque a nessuno piaceva la vista dei loro coetanei che sarebbero stati licenziati sul posto. No, ma per grazia di Dio e tutto il resto.

Erano quasi arrivati ​​all’ascensore quando hanno sentito dei passi dietro di loro, accompagnati dal prevedibile “Apri la porta!”

Nonostante ci fossero buone possibilità che fossero appena stati licenziati, gli uomini nell’ascensore provavano ancora una fitta di simpatia per Linda. Dopotutto, avrebbero potuto essere senza lavoro, ma era lei quella che avrebbe dovuto impedire al Monte Braddock di eruttare ancora.

Si scambiarono sguardi imbarazzati mentre Linda si scostava una ciocca di capelli dal viso. “Scusa…” sorrise, un po’ senza fiato. “Sono sicuro che si può risolvere…”

I due uomini si guardarono da una parte all’altra finché il più giovane alla fine parlò. “Se lo dici tu, Lin… stai bene? Sembra che stia andando in guerra.”

“Sì, starò bene…” Linda sorrise rassicurante. “Ora le prendo un cappuccino e mi assicurerò che Lucky Wong’s abbia il suo ordine di consegna pronto. Lavorerà di nuovo fino a tardi stasera.”

I due uomini si scambiarono di nuovo un’occhiata. Una volta hanno sentito l’ordine di Linda al telefono. Ci sono voluti quasi tre minuti per spiegare tutti i dettagli e Linda conosceva l’ordine a memoria. È stato davvero impressionante, in un certo senso, e ha spiegato molto perché Linda è durata così a lungo. Linda sembrava avere un occhio per sapere sempre esattamente ciò di cui Claudia aveva bisogno e fare di tutto per assicurarsi che lo ottenesse.

I tre si salutarono goffamente fuori dall’ascensore. Linda sembrava perfettamente sicura che li avrebbe visti entrambi domani, o almeno dopo il fine settimana. Gli altri due non erano così sicuri, ma c’era qualcosa di contagioso nell’ottimismo di Linda. Era difficile non rimanere colpiti nel vederla lavorare con un sorriso ogni giorno, considerando la pressione a cui era sottoposta.

È passato un buon quarto d’ora da quando Linda è entrata nell’ufficio del suo capo. A volte sembrava che fosse l’unica signora Braddock in cui potesse entrare senza sentirsi nervosa. L’ufficio di Claudia era situato nell’angolo sud-est del piano, separato dall’area principale da pareti di vetro. In teoria, chiunque poteva vedere cosa ci faceva lì.

In pratica, tutti hanno capito che questo era il loro dominio. L’ufficio di Claudia era un riflesso della donna che vi lavorava. Diverse stampe incorniciate erano allineate sul muro, poster che Claudia aveva disegnato all’inizio della sua carriera. I design originali, senza il marchio del cliente a rovinarli. I mobili erano tutti al limite del minimalismo, progettati per la funzione piuttosto che per la forma. C’era una sedia da scrivania e una sedia comoda, ma era stata respinta contro la finestra. Claudia potrebbe passare intere giornate a lavorare in piedi.

Altre storie erotiche  Nick's Adventure Ch. 04: Shopping - BDSM

Com’era quando Linda è entrata. Era in piedi alla sua scrivania, a sfogliare una cartella. Non ha nemmeno riconosciuto Linda quando è entrata. A Linda sembrava non importare. Appoggiò la tazza su un sottobicchiere e sorrise. “Il vostro caffè, signorina Braddock. E Wong riceverà il suo solito ordine di consegna da un quarto alle sette.”

Claudia fece solo un lieve cenno del capo. Aveva smesso da tempo di stupirsi della capacità del suo assistente personale di prevedere ciò di cui aveva bisogno. Non ha nemmeno ordinato il suo caffè, tanto meno ha detto a Linda che avrebbe lavorato fino a tardi e voleva del cibo cinese. A volte era decisamente fastidioso, ma Claudia non è andata dove stava fissando la bocca di un cavallo regalo.

Il fatto che Linda stesse sorridendo mentre tornava alla sua scrivania ha sorpreso i suoi colleghi. A loro conoscenza, era l’unica persona che spesso usciva dall’ufficio sorridendo. La maggior parte di loro ti lascerebbe semplicemente sollevato.

Con il passare della giornata, non ci sono più esplosioni, non più telefonate urlanti, nessuno chiama in ufficio per essere rimproverato. Mentre il sole tramontava lentamente, i dipendenti se ne andarono uno dopo l’altro salutandosi. Tutti tranne Linda. Sarebbero ancora più scioccati se se ne fosse andata prima di qualcuno di loro.

Il fattorino andava e veniva. Linda ha servito il pasto del suo capo e lo ha lasciato sul suo tavolo, poi è tornata al suo tavolo per godersi il suo tofu piccante e gli gnocchi di verdure. Un altro viaggio in ufficio e le scatole furono rimosse in silenzio, sostituite dal bicchiere di acqua ghiacciata al limone che era il dessert preferito del capo.

Erano quasi le nove quando Linda tornò dalla signora Braddock. La donna più anziana era in piedi vicino alla finestra, a guardare la città. Se qualcuno dei suoi dipendenti potesse vederla, rimarrebbero scioccati dal fatto che fosse la stessa donna a vegliare su di loro come un falco durante la giornata di lavoro. Le sue scarpe col tacco erano abbandonate in un angolo, e Claudia stessa sembrava stanca, le spalle leggermente accasciate.

Linda fece un respiro profondo. Il suo capo aveva bisogno di lei. Ecco perché era una brava assistente personale. Avrebbe dato a Claudia ciò di cui aveva bisogno.

La mancanza di Braddock si irrigidì per un momento quando le mani di Linda si posarono sui suoi fianchi. Poi si rilassò di nuovo, espirando lentamente. Linda si chinò verso di lei, appoggiando il mento sulla spalla destra del suo capo. Il profumo preferito di Claudia le riempì le narici e, senza distogliere lo sguardo dal paesaggio urbano oltre la finestra, si appoggiò al suo assistente personale.

“E’ stata una lunga giornata, Miss Braddock…” disse Linda a bassa voce.

Claudia si limitò ad annuire. Si chinò, le sue mani perfettamente curate accarezzarono leggermente quelle di Linda. “Troppo a lungo… cosa hai detto a Wilson e Simmon?”

“È solo che sono sicuro che andrà tutto bene.” Linda sorride. “Quello che succede a loro non dipende da me”.

Claudia annuì lentamente. Ha sempre apprezzato il fatto che Linda non le abbia mai detto come gestire i suoi affari. Non ha mai lanciato un cliché del tipo “Penso che tu sia stato troppo duro con lui”.

Dopo un momento di silenzio, mentre Linda teneva ancora la donna da dietro, l’assistente personale parlò di nuovo. “Sei teso…”

“Lo so…” sospirò Claudia. “Sei solo…”

“No.” La voce di Linda gli giunse all’orecchio, dolce ma ferma. “Penso che la tua giornata di lavoro sia finita ed è ora che ti rilassi… che noi due ci rilassiamo. Vai a prepararti.”

Claudia annuì, liberandosi silenziosamente dall’abbraccio di Linda. I suoi piedi calzati di calze facevano a malapena un suono mentre scomparve nella porta quasi invisibile che conduceva al bagno privato. Stava per aprirlo quando la voce morbida e autorevole di Linda suonò di nuovo. “No, Claudia. Il bagno del personale.”

“Sì bellissimo.” Claudia sospirò, lasciando il suo ufficio attraverso le porte a vetri. Venire dal pavimento di marmo del suo ufficio sul tappeto, con solo calze di nylon per separare le piante dei piedi dalla superficie, era una sensazione inquietante.

Passare dall’ufficio scarsamente illuminato alla dura illuminazione a LED bianca dei bagni dei dipendenti ha fatto rabbrividire di nuovo Claudia. Si avvicinò al lavandino e si prese un momento per lavarsi le mani e spruzzarsi acqua fredda sul viso.

La donna che la guardava allo specchio stava invecchiando. Era ancora bella, ovviamente, se ne era dannatamente assicurata, ma le rughe intorno ai suoi occhi e alle sue mani erano difficili da perdere. Temeva il momento in cui avrebbe trovato i suoi primi capelli bianchi nella spazzola. Quando si sbottonò la camicia, non poté fare a meno di notare che aveva raggiunto lo stadio in cui nessuna quantità di lezioni di spinning poteva impedirle di flettere i fianchi e lo stomaco. Piegò la camicetta e la gonna in una pila ordinata e le mise sul lavandino.

Altre storie erotiche  The Pink Thong Adventures Ch. 01 - BDSM

Ha impiegato un momento in più per raddrizzare la sua lingerie. Come tutto ciò che riguardava la donna, era l’alta qualità, l’alta classe, il raso blu scuro e il pizzo che si adattavano perfettamente al suo corpo, in contrasto con la sua pelle abbronzata. E anche se non poteva negare che stava invecchiando, sapeva di essere ancora molto attraente per una donna che aveva lasciato i suoi 40 anni qualche tempo fa.

Mentre tornava alla sua scrivania, Claudia si strinse al corpo i suoi vestiti piegati. Sapeva che doveva essersi sentita esposta, persino vulnerabile, mentre girava per l’ufficio ormai abbandonato. Poteva solo immaginare cosa avrebbero pensato i suoi dipendenti se l’avessero vista camminare in quel modo. Ma non c’era nessuno che potesse vederla e il vetro che copriva l’edificio degli uffici era specchiato. L’unica che poteva vederla era Linda.

Riusciva a vedere solo una sagoma del suo giovane assistente personale. Linda aveva spento tutte le luci dell’ufficio tranne quella in ufficio, e l’ha illuminata solo da dietro.

La voce di Linda gridava mentre attraversava le porte a vetri che separavano l’ufficio di Claudia dall’area di lavoro principale. “Inginocchiati, Claudia, e stendi i tuoi vestiti per terra accanto a te.”

Le gambe di Claudia si piegarono con grazia sotto di lei. Poteva sentire quanto freddo fosse il marmo sulle sue ginocchia. Posò gli abiti sul pavimento come mostrato e tenne la testa bassa, gli occhi fissi in un punto in cui due lastre di marmo si incontravano. Incrociò le mani sulle ginocchia.

Claudia tenne la testa doverosamente china mentre Linda si avvicinava a lei, anche se un piccolo brivido di anticipazione le percorse il corpo. Come Claudia, Linda si era tolta le scarpe. I suoi passi si sentivano a malapena mentre camminava e si muoveva per stare dietro al suo capo.

Passarono alcuni istanti prima che Linda si muovesse. La sensazione del dito di Linda che le correva lungo la mascella era elettrica. Claudia chiuse gli occhi e deglutì a fatica. Il suo dito continuò ad accarezzarla dolcemente, stuzzicando le ciocche di capelli neri di Claudia dietro le sue orecchie, seguendo la linea degli zigomi, poi scendendo e giocando dolcemente sulle sue labbra. Tuttavia, Claudia li strinse brevemente, baciandole la punta del dito prima che potesse continuare il suo viaggio.

“Non ancora, Claudia.” La voce di Linda era severa, anche se non era dura.

“Sì signora…” disse velocemente Claudia. Sapeva che non avevano ancora iniziato, ufficiosamente, ma come poteva non rivolgersi a Linda in quel modo mentre era inginocchiata nel suo stesso ufficio?

Il dito continuò, formicolando le braccia di Claudia mentre le giocava in gola. Per un momento il dito si mosse e Claudia poté sentire quanto fosse affilata l’unghia di Linda contro la sua pelle. Il respiro di Claudia si fermò per un momento.

Ma la pressione fu solo momentanea, solo un breve momento perché Linda si affermasse. Il dito continuò ad abbassarsi. Tracciò la parte superiore del seno sinistro di Claudia, stuzzicando l’argento che brillava lì.

Nessuno dei colleghi di Linda aveva notato la collana che Claudia indossava sotto la camicetta. Era straordinariamente semplice per i suoi standard, argento sterling, ben fatto, ma non era ancora un pezzo forte. Non doveva essere visualizzato.

Mentre il dito di Linda si agganciava sotto la catena, Claudia poteva sentire il ciondolo che normalmente riposava tra i suoi seni sollevarsi verso l’alto. Poteva vedere le braccia nude di Linda mentre l’altra mano si abbassava e liberava il ciondolo dalla sua collana.

Era persino più semplice della catena a cui era appeso. Esteriormente, era solo un semplice disco d’argento. Ma quando Linda è tornata con lui al disco di Claudia, ha fatto scorrere l’unghia lungo un piccolo solco appena visibile sul bordo. Si apriva su un piccolo cardine nascosto, rivelando un nucleo di plastica nera.

La plastica è stata premuta contro il cassetto inferiore. Per un attimo sembrò non succedere nulla, poi si udì un piccolo segnale acustico quando la serratura elettronica riconobbe il chip RFID nascosto all’interno del ciondolo e Linda lo aprì.

Il contenuto del cassetto era difficile da distinguere solo con la lampada da scrivania per illuminare la scrivania, ma c’era un distinto accenno di raso nero e pelle, con occasionali riflessi metallici. “Penso che ti porterò a fare una passeggiata per riscaldarti, Claudia.”

“Sì signora…” giunse la voce sottomessa della donna più anziana. Non era sicura di dover fare una passeggiata adesso, ma sapeva che doveva fidarsi della sua padrona. Linda sorrise e scelse diversi oggetti dal suo cassetto dei giocattoli personale.

Prima è arrivata la collana. Non potevano giocare finché non era acceso. Queste erano le regole.

Era straordinariamente semplice, solo pelle nera con una fodera in velluto rosso scuro, una fibbia argentata lucida a un’estremità, anelli d’argento all’altra per chiuderla e un anello a D trattato in modo simile nel mezzo. . “Gli occhi bassi, Claudia.” Linda si ricordò della sua sottomessa.

“Sì signora.” Claudia ha risposto subito. Linda riprese la sua posizione dietro la donna più anziana. Quando la loro relazione iniziò, la propensione di Linda ad avvicinarsi alla sua sottomessa da dietro rese Claudia incredibilmente nervosa. Non guardarsi indietro sembrava sempre uno sforzo consapevole da parte sua, e scivolava sempre almeno una volta a notte.

Altre storie erotiche  The Servant Pt. 05

Ma sembrava un’eternità. Ora sedeva obbediente mentre Linda l’abbracciava forte e portava il velluto rosso alle sue labbra. Claudia lo baciò dolcemente. “Grazie signora.”

Linda annuì, abbassando il colletto, rimboccandolo con cura I lunghi capelli neri di Claudia. Ci fu un rumore metallico quasi impercettibile mentre chiudeva il circuito. Fece scivolare un dito tra la pelle e la pelle di Claudia per assicurarsi che non fosse troppo stretta.

Poi arriva la fascia, morbido raso contro la sua pelle. Claudia riusciva a vedere molto poco, solo le ginocchia e il marmo al di là, e il tessuto anneriva anche quello. Poteva sentire le abili dita di Linda che legavano i nastri a ciascuna estremità.

Sono contento che il suo sottomarino non possa vedere la sua Linda muoversi davanti a lei. “Mostra le mani.” lei chiese.

Claudia annuì, alzando le mani curate. Le mani di Linda, così piccole e delicate, si sentivano incredibilmente forti mentre le afferravano le dita.

“Sopra.” arrivò il comando successivo. Senza la sua vista per guidare il suo equilibrio, Claudia ha dovuto fare affidamento sulla sua padrona che le teneva le mani. Si è alzata facilmente. Non aveva nemmeno bisogno che le fosse detto di completare il passaggio successivo del rituale. Lei allargò leggermente le gambe.

Ci deve essere stato il rumore del tessuto che si accartocciava mentre Linda si accovacciava brevemente. Claudia sentiva le manette alle caviglie. poiché erano intrappolati intorno alle sue gambe. Poi Linda si alzò e prese di nuovo le mani di Claudia.

“Stiamo usando corrente corta oggi Claudia. Piccoli passi. Segui la mia voce. Segui le mie mani.”

“Sì signora…” la donna più anziana annuì. Il primo passo che fece fu un piccolo, esitante, e il suo piede destro si era mosso solo di circa otto pollici prima che la catena di metallo che le collegava le caviglie destra e sinistra si strinse. Inciampò, ma solo brevemente.

“Seguimi.” chiese di nuovo Linda. Claudia poteva sentire la tensione nelle sue dita mentre il suo proprietario la tirava gentilmente in avanti. Senza visione, tutto ciò che poteva fare era seguire le istruzioni della sua padrona, verbali e non.

I passi divennero più sicuri man mano che lei faceva più passi. Si concentrò sul respiro. All’interno. Fuori. Poteva sentire il suo corpo muoversi sempre di più con il pilota automatico, seguendo la guida del suo proprietario. Una maggiore tensione nella mano destra o sinistra la guidava a girare in quella direzione. La scrivania di Claudia era abbastanza grande, quasi quindici piedi per lato, e Linda raramente la girava di novanta gradi, e mai nella stessa direzione più di due volte. All’inizio Claudia cercò di orientarsi con la memoria, ma diventava sempre più difficile ogni volta che Linda la guidava a cambiare direzione.

Mentre camminavano, la voce di Linda echeggiava quasi costantemente nel suo orecchio, piena di confortevole rassicurazione. “Ecco fatto, Claudia…” pensò. “Segui il mio esempio…”

Cieca com’era, Claudia si fidava completamente della sua padrona. Ha dato a Linda il pieno controllo dei suoi passi. A volte poteva sentire la catena tra le caviglie stringersi per un momento, ma non inciampava. Si è solo appoggiata un po’ più a fondo nelle mani di Linda.

Presto, c’erano solo le mani di Linda. E la voce di Linda. Notò a malapena la catena e le cavigliere, i suoi passi piccoli ma sicuri. Si lasciò guidare dalla sua padrona, fidandosi completamente di lei, finché finalmente la voce di Linda tornò. “Inginocchiarsi.”

Claudia l’ha fatto all’istante. Linda aveva visto la tensione abbandonare lentamente il suo corpo mentre giravano per l’ufficio della donna più anziana. Ora era pronta per divertirsi un po’.

“Tieni gli occhi chiusi.” Linda ordinò con un sorriso sul viso mentre sollevava lentamente la benda. Poi sentì le dita di Linda lavorare sulla chiusura del suo reggiseno. “Hmm…vorrei che mi pagassi abbastanza per avere lingerie come questa…” la prese in giro Linda. Claudia arrossisce. Doveva ricordare che il suo assistente personale stava scherzando. Linda aveva promesso molto tempo prima che il loro rapporto speciale non avrebbe influenzato i loro normali accordi di lavoro. Era uno dei tanti modi in cui Claudia doveva fidarsi della sua padrona.

In ginocchio, con gli occhi chiusi, Claudia poteva sentire i passi della sua padrona, per quanto dolci fossero. Poteva sentire il cassetto aprirsi di nuovo, alcune cose che venivano riposte prima che fosse chiuso. Poi altri passi e finalmente di nuovo la voce di Linda. “Puoi aprire gli occhi mia cara.”

Claudia annuì, aprendo leggermente gli occhi prima di chiuderli. Ovviamente c’è stato un momento tra Linda che si è tolta la benda e il reggiseno e ha detto che poteva guardare di nuovo dove Linda aveva acceso tutte le luci dell’ufficio. Il bagliore era troppo da sopportare per i suoi occhi subito dopo essere stato bendato. Dopo alcuni istanti, li riaprì, questa volta con più attenzione, sbattendo le palpebre diverse volte mentre il corpo del suo proprietario veniva messo a fuoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *