Your Task For Today – BDSM

di | 30 de Giugno, 2022

Il tuo compito oggi è di poter leggere tutto questo documento senza venire.

Sembra facile, dici. È solo una pagina. O due. Penso che tu non abbia il controllo?

Certo, ti accarezzo il cazzo mentre leggi.

Tatto? La mia mano gentile. Rannicchiato sul tuo cazzo. Scivoloso con il lubrificante che ho appena applicato?

Vedi il mio bellissimo smalto? Nero. Il mio colore invernale. Un tale contrasto con il suo cazzo pallido, anche se penso che anche ora mentre il sangue scorre diventi sempre più solido una sfumatura di rosa o viola.

Puoi. So che puoi. Sei il mio bravo ragazzo.

dice! “Sono il tuo bravo ragazzo. So seguire le istruzioni. So essere obbediente.”

Ho. Ti conosco.

So che vuoi farlo perché ti ho dato istruzioni chiare, anche se una parte di te sa che non lo sto facendo. Una parte di me vuole che tu fallisca perché allora so di avere il controllo totale su di te.

Non potresti farlo. Non potevi resistermi.

Vediamo quale parte vince.

Puoi guardare. Puoi sbirciare lo schermo se vuoi vedere un dito che gioca con la testa del tuo cazzo in quel punto speciale. Tu conosci questo. Il. Quel posto dove posso solo accarezzare gentilmente mezzo centimetro in qualsiasi direzione e presto mi affonderai. lamenti.

È qui. Non è? Il.

Riesci a sentire l’attesa che inizia a crescere? Il suo cazzo stava iniziando a dimenarsi nella mia presa, cercando invano di uscire se glielo avessi permesso. Forse una piccola goccia di pre-sborra scivola fuori dal buco, scorrendo lungo il tuo cazzo come una piccola lacrima di gioia.

Altre storie erotiche  Indian Femdom Story Ch. 03 - BDSM

Puoi spingere per me piccola. Solo un po. Non mi dispiace farti piacere. Puoi fingere che sia la mia figa che stai scopando, o la mia bocca. Dopotutto, è così vicino. Potrei sporgermi e…

…beh, non avere fretta.

procedere. Spingi verso di me. Gobba la mia mano. Stai diventando abbastanza disperato da farlo ora. Non sei? Anche se so che sembri vagamente ridicolo. Stirata. Mordersi il labbro. Avvolgendo la mia mano come il mio animale domestico ansioso e concentrandomi intensamente, morendo dalla voglia di farlo accadere e cercando di tener duro perché te l’avevo detto.

Non devi venire finché non hai finito di leggere questo ad alta voce.

Awww. Stai arrossendo? Io penso che tu sei. Non trattenere. Adoro vederti arrossire per me.

Anche se mi sono piegato. I miei capelli le sfiorano le cosce. Il mio respiro caldo così vicino al tuo cazzo.

E allora.

Una leccata. Solo una leccata. Puoi prenderlo. Non puoi?

Anche se le tue palle iniziano a stringersi, fa male. Anche se puoi praticamente sentire lo sperma salire sul tuo albero. È solo un’illusione. È sempre al sicuro dentro di te, e viene fuori solo quando lo dico io.

E poi ti lascerò bella e vuota per me. Poi lo mungerò finché non sarà asciutto.

Ma prima.

Pensiamo a qualcosa.

Qualcosa di un po’ brutto. Qualcosa che so che vuoi.

La mia bocca qui fa poco più che leccare. O si. Prendendo la testa del suo cazzo nella mia bocca e succhiando. Delicatamente. Allattando il tuo cazzo. Non molta pressione. Non troppo poco. Quanto basta per tenerlo esattamente dove voglio senza esagerare.

Altre storie erotiche  Overtime

È troppo. Ma puoi gestirlo. Dico.

Ma allora.

Aggiungiamo un’idea. Penso che tu sappia questo.

È quello in cui spalanchi la bocca. E preparati a succhiare.

Hai un sacco di fissazione orale, piccola. Potrebbero essere le mie dita. Potrebbe essere uno scherzo. Potrebbe essere la mia cintura. Ma in ogni caso, leccheresti avidamente qualunque cosa metto in quel buco e daresti il ​​massimo.

Ma cerchiamo di essere più specifici.

Queste non sono le mie dita. Non è il bavaglio, per quanto sia allettante sentire i tuoi gemiti soffocati sotto. Non è la mia cintura.

Non.

È gallo.

È un bio-cazzo caldo, grosso e venato attaccato a un uomo molto buono, ma abbastanza invadente da essere prosciugato. Che sarai davvero un bravo ragazzo e lo aiuterai a venire nella sua bocca.

Puoi sentirlo. Come si contorce? Come cresce. Mentre ti afferra la parte posteriore della testa e ti attira più vicino, spingendo sempre più in profondità, sempre più forte nella parte posteriore della tua gola.

Cerca di non soffocare. È inappropriato. Anche se so che non è difficile. Sei un po’ stupido. Non sei?

Puoi dirlo? “Sono una puttana. Sono la TUA puttana, signora.”

E sì, lo sei, tesoro. E mi piace.

Dev’essere diventato difficile ora.

Pensando a quel bel cazzo grosso nella sua bocca che è così vicino a traboccare.

La mia bocca calda e bagnata gli munge il cazzo. Così trapelato finora. Così gonfiato. Così bisognoso.

È difficile ricordare chi sei. Non è? Stai succhiando o vieni risucchiato? Sei tu l’acquirente o il preso? Forse siete entrambi. Il tuo cazzo dice che lo siete voi due.

Altre storie erotiche  The Weekend - BDSM - Literotica.com

E ora arriviamo alla fine di questa piccola storia. L’hai quasi fatto, e se riesci a finirlo, otterrai una così grande ricompensa.

Questo insistente brav’uomo è pronto. Lo sentirai pulsare in bocca, poi sentirai il tuo gemito e ti inonderà la bocca di sperma. E ingoierai ogni goccia come la brava cagnolina che sei.

E mentre lo fai, potresti essere quell’uomo. Sei quell’uomo? Chi dovrebbe venire? Chi ha bisogno di svuotare ora? Chi era il mio dolce e obbediente ragazzo, il mio delizioso animaletto? E si fa mungere il cazzo perché sa che conosco quelle voglie. Che mi preoccupo di questi impulsi. Che ha bisogno che io li gestisca.

Così difficile da controllare. Così ansioso. Così disperato. Così invidioso.

La mia bocca aspetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *