Mi sono scopato la ragazza del mio amico

di | 7 de Marzo, 2020

Sono sempre stato molto impegnato ad uscire, a fare giochi di ruolo, a rimorchiare tante ragazze. Ho 27 anni, sono alto, scuro e magro, il mio corpo magro è più interessante.

In uno di questi ruoli mi sono imbattuto in un mio amico, Gabriel (di fantasia) e la sua ragazza Andrea (di fantasia), bruna, capelli ricci, culo enorme, un bel sorriso che fa impazzire gli uomini, ci siamo salutati, lei mi ha dato uno sguardo, più ero tranquillo.

Ne abbiamo presi alcuni e altri, abbiamo bevuto troppo, il mio amico ha avuto un giramento di testa, sono venuti da uber, così gli ho offerto un passaggio, li ho portati a casa sua, siamo arrivati, lei mi ha chiesto aiuto per portarlo in bagno, poi sono tornato in cucina e sono rimasto a prendere un caffè mentre lei gli faceva il bagno. Quando ha finito l’ho aiutato a portarlo nella sua stanza, ancora un po’ ubriaco, era il conto e lui dormiva.

Mi disse che potevo restare per un caffè, che si sarebbe fatta la doccia, avrebbe preso l’asciugamano e sarebbe andata in bagno. Solo che ha lasciato la porta un po’ aperta, così ho fissato quel culo enorme, quella bella figa, è uscita dal bagno.

È arrivata in cucina con un maglione, con un paio di mutandine nere tutte sepolte in quell’enorme culo, abbiamo parlato, siamo andati in soggiorno, abbiamo iniziato a vederci, le ho detto che dovevo andarmene, mi ha invitato a dormire lì, le ho detto che non avevo vestiti, mi ha detto che avrebbe preso un pantaloncino dalla mia amica, ha preso i pantaloncini e un asciugamano e sono andato a fare il bagno.

All’uscita non mi sono messo le mutande perché il mio cazzo è grosso, quindi volevo che lo tenesse d’occhio, abbiamo continuato a parlare, ha preso le lenzuola e ha detto che potevo dormire lì e ha detto che avrei dormito. Ho messo la TV sulla marmitta e ci ho messo sopra un porno.

Dopo circa 20 minuti vedo la porta aperta, mi rendo conto che era la sua sete di bere acqua, vado in cucina a prendere l’acqua, ma il mio cazzo era ancora mezzo pompato, lei mi guarda e mi fa un sorriso e io mi strizzo il cazzo.

Ho mangiato il culo della ragazza del mio amico
Poi le sono passato accanto, l’ho guarita. Mi ha fatto un sorriso, continuava a lavare i piatti, ho tirato fuori il mio cazzo, le sono passato accanto, le ho baciato il collo e le ho fatto sentire il mio cazzo, lei mi ha guardato e mi ha detto che era molto più grande del suo ragazzo, poi le ho detto, che lei che mi ha lasciato così era proibita perché era mio amico, ma ho sempre voluto mangiarla.

Mi ha baciato, si è chinata e mi ha succhiato, l’ho presa in braccio e l’ho messa sul tavolo, le ho succhiato la figa fino a farla scherzare. Continua a succhiare, lei ha succhiato di nuovo, gliel’ho messo nella figa senza preservativo, l’ho messo a cavalcare sul pavimento della cucina, l’ho messo anche a sedere, l’ho preso dalle 4 e gli ho chiesto di mangiare il culo. Mi ha lasciato fare, ma ha detto che era per rallentare perché il mio cazzo era enorme 24 cm.

Ho messo la testa in cucina e poi lei si è girata, l’ho messa più forte, gliel’ho messa nel culo e gliel’ho messa nella figa e ho continuato a mettergliela nella figa, l’ha fatto. Le ho chiesto di metterglielo nella figa e lei non me l’ha permesso, gliel’ho messo in bocca e lei ha ingoiato tutta la mia merda. F ha detto che non aveva mai fatto sesso con un ragazzo con un cazzo così grande e un ragazzo così dolce.

Abbiamo scopato altre quattro volte, lei è andata a farsi una doccia, io me ne sono andato invece di dormire, ma ho preso i pantaloncini per lavarmi.

Da questo giorno in poi, l’ho scopata quasi 3 volte a settimana. Ho preso in giro la sua figa diverse volte, abbiamo scopato per strada, al motel, a casa, dove vuole.

Dice sempre che il mio cazzo è il più grande su cui si sia mai seduta e che io sono il più affettuoso.

Poi le racconto come ho mangiato, sua madre e i suoi due amici cattivi senza che lei lo sappia.

✅✅✅Ricevi i racconti degli altri membri nella tua e-mail ✅ ✅ ✅

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *