abusato in albergo

di | 8 de Dicembre, 2022

Si arriva all’albergo convenuto. Dopo aver parcheggiato la macchina, tira fuori la borsa dal bagagliaio ed entra nello stabilimento.

Alla reception dai il tuo nome e l’addetto alla reception ti dice:

“Benvenuta signora Silva, ecco la sua chiave e una busta del signor Chi le ha riservato la camera. Buon soggiorno, speriamo che apprezzi il nostro hotel e il trattamento.”

Il suo nome è scritto sulla busta e in basso in minuscolo:

Da aprire non appena si entra nella stanza.

Aspetti con ansia l’ascensore. Alla fine arriva e tu sali nell’attico riservato.

Apri la porta, metti la borsa a terra, ti siedi su un divano, apri la busta con mani tremanti e inizi a leggere.

Schiavo, benvenuto nel luogo in cui sarai al mio servizio e alla mia misericordia per le prossime ore. Inizia a prepararti per ricevere il tuo Master come dovrebbe essere, leggi queste istruzioni nella loro interezza, quindi seguile a tuo rischio e pericolo:

“¢ Tira fuori dalla tua borsa: la collana ei sandali col tacco alto;

“¢ Vai in bagno >

“¢ Accendi il dispositivo audio e riproduci il CD già caricato nel dispositivo;

“Mettiti davanti allo specchio e togliti tutti i vestiti, spogliandoti come se il tuo Maestro stesse guardando. Voglio che ti rallegri spogliandoti così per il tuo Maestro;

“Dopo essere stata completamente nuda, indossa sandali con tacco alto;

“⢠Rimuovere i vestiti dalla parte superiore del comò;

“Indossa la camicia da notte e mettiti il ​​colletto;

“Indossa cavigliere e braccialetti;

“Â ¢ Imposta il morsetto e solleva la barra di divisione;

“⢠Vedrai una catena con un gancio appesa al soffitto;

“Â ¢ Posizionati bene in basso;

“Â ¢ Attacca la barra di divisione alle cavigliere;

“Â ¢ Attacca i braccialetti al gancio della catena

“Aspetta il tuo Maestro.

Segui rigorosamente le istruzioni.

Attiva l’audio e Joe Cocker inizia a cantare “Puoi tenerti il ​​cappello”.

Non lo sai per certo, ma sospetti che il tuo Maestro ti stia osservando in qualche modo, ed è per questo che stai facendo lo spogliarello davanti allo specchio.

Lo specchio infatti è quello utilizzato dalla polizia nelle scene di riconoscimento dei testimoni. Sono dall’altra parte in una stanzetta a guardare tutto ea godermi ogni momento, soprattutto quando offri le tue tette a un pubblico immaginario.

Quindi segui le istruzioni. La vista che ho dalla mia piccola stanza segreta è eccellente.

Ti ho lasciato “cucinare” un po’ nella tua situazione di trappola.

Finalmente esco dal mio nascondiglio e vado in bagno.

Quando mi vedi entrare, vedo sul tuo viso che anche tu ti stai godendo la situazione. Sai che brilli in quella posizione distesa con la camicia da notte semitrasparente che nasconde solo una piccola parte del tuo corpo sensuale. Sa che piace al suo Maestro. E che ci sarà molto divertimento per entrambi.

Mi avvicino, ti tolgo il bavaglio e ti do un attimo di respiro. Poi appoggio leggermente il mio corpo e ti guardo negli occhi. Sei silenzioso, ma con occhi che chiedono azione. Rimaniamo così per un minuto, il desiderio e la tensione aumentano. Poi ti bacio sulla bocca, le nostre lingue si intrecciano subito, desiderose di recuperare il tempo perduto. Le mie mani le accarezzano il sedere stretto, prima sopra la camicia da notte, poi sotto e le toccano le natiche nude. Tocchi, carezze, a volte una leggera pressione mentre le nostre bocche continuano la loro danza in un bacio sempre più caldo. Le mie mani le risalgono la schiena nella sua camicia da notte, le mie unghie ora disegnano linee sulla sua pelle liscia. Sicuramente pensi/vorresti che le mie mani trovassero la strada per il tuo seno. Ma è ancora troppo presto per quello. Le mie mani scendono accarezzandomi la schiena e quando raggiungo di nuovo il mio sedere, premo di più il mio corpo, puoi chiaramente sentire il mio cazzo duro contro il tuo corpo. Un po’ più di cura su quel bel culetto e poi ti sorprenderò con una bella sculacciata. Cerchi di lamentarti, ma la mia bocca è bloccata sulla tua, impedendo qualsiasi parola di protesta. Seguono altre ciglia, alternate tra le due natiche. Lo adoro e sono entusiasta (penso che lo sia anche tu). La vicinanza dei nostri corpi, il nostro caldo bacio e il suono della mia mano che le colpisce il culo, questa combinazione è troppo eccitante.

Alla fine interrompo il nostro bacio e mi allontano, ma non prima di aver passato rapidamente una mano sulla sua figa e lei ne esce già appiccicosa.

“Il mio schiavo si sta già comportando come una puttana, eh? Tutto caldo e umido? E senza permesso? »

“Mi dispiace Maestro.”

“Non voglio sentire spiegazioni.”

Ti ho messo di nuovo il bavaglio e questa volta l’ho stretto bene, perché quando lo hai messo era un po’ allentato.

“Ora farò qualcosa che sogno da tanto tempo. Mi chiedo solo la temperatura…”

Vedo nei tuoi occhi felici che capisci la mia proposta e che non ti piace affatto. Cerchi di difenderti, ma non c’è modo con il modo in cui sei legato. Questa inutile resistenza da parte tua accresce ulteriormente il mio desiderio e il mio piacere.

Chiudo il tubo della doccia, apro un po’ la valvola e posiziono la doccia appena sopra il bavaglio.

L’acqua (ancora fredda) comincia a scorrerle deliziosamente lungo il mento, scivolando lungo il collo fino al seno, trovando ora una via tra i suoi seni sotto il tessuto della camicia da notte. Ma a poco a poco bagna anche il bordo della camicia da notte, facendo aderire il tessuto alla sua pelle. I suoi capezzoli reagiscono all’acqua fredda e, sebbene non siano mai eretti come vorrei, aderiscono l’uno all’altro e risaltano nettamente contro il tessuto fine della sua camicia da notte, conferendo alla scena un tocco molto sensuale.

Anche il fondo della camicia da notte è un po’ bagnato, ma ovviamente ti aiuterò. Ora l’acqua è più calda. Scendo con il tubo, apro un po’ di più la valvola e le punto il soffione sul pube. Getti d’acqua calda ora puniscono la sua figa.

Tu protesti per il tuo bavaglio, ma non mi interessa.

Ora cambio la posizione del soffione della doccia sulla nuca. L’acqua le filtrava attraverso la camicia da notte e lungo la schiena.

Cerchi di dire qualcosa, ma io non capisco niente. Potrebbe essere che non le piaccia l’acqua sulla schiena e voglia che il Maestro continui con il rivolo nella sua figa? O è ancora qualcos’altro?

Bene, a prescindere da ciò, continuerò con la tua doccia, ora ti metto il soffione sulla testa e ti bagno i capelli. Apro completamente la valvola e ora l’acqua esce con forza.

Presto sei completamente bagnato, la camicia da notte appiccicata alla pelle.

Chiudo il disco. È ora di un altro regalo.

Porto la mia bocca sul tuo bavaglio e ti lecco le labbra intorno alla palla, lasciandoti sicuramente frustrato dal fatto che non puoi ricambiare il bacio.

Le mie mani sono nella V della sua camicia da notte e con un movimento brusco strappo il davanti della camicia da notte.

Strappare le vesti degli schiavi è un atto di violenza, ma una violenza elegante che fa sempre piacere sia al Padrone che al sottomesso. E posso vedere dalla tua espressione facciale che ti è piaciuta anche quella parte.

Decido di togliermi il bavaglio e far incontrare di nuovo le nostre bocche, mentre le mie mani le accarezzano il culetto.

Ti concedi il bacio alla francese mentre senza dubbio pensi a cosa verrà dopo. Dopo qualche minuto, interrompo la nostra sessione di carezze.

Prendo un paio di forbici e taglio le spalline della sua camicia da notte e le strappo in diverse strisce, vedo nei suoi occhi che non capisce perché lo sto facendo.

Ma quando comincio a mettere insieme diverse strisce e a fissarle tutte a un’estremità con un nodo, vedo che hai capito.

Ho lasciato delle strisce e ora ne applico una sulla bocca come un bavaglio e una sugli occhi come una benda.

“È così che lo voglio ora schiavo mio ed è tempo per me di abusare delle tue deliziose tette!”

Con quelle parole, comincio a sculacciarle i seni. con la frusta improvvisata delle fasce da notte. Non mi limito solo alle sue tette, anche la schiena, il sedere e la figa sono tutti scheggiati dalla fustigazione.

Cerca di anticipare la frustata e di allontanare il corpo dalle estremità della frusta per ridurre l’impatto, ma con le braccia alzate e la barra di sollevamento che le impedisce i piedi, non ha molto effetto.

Dopo pochi minuti smetto di sculacciare.

Mi avvicino e le metto le mani sui seni. Sai cosa succederà, vedo accenni di sorriso nel tuo bavaglio.

Poi vado ad accarezzarle e stringerle i seni, intervallati da qualche carezza.

Mentre lo faccio, dico ad alta voce le parole di aggressione verbale che ami sentire in quei momenti, chiamandoti schiava, troia, troia e cagna.

Quando meno te lo aspetti, la mia bocca sta già leccando e succhiare uno dei tuoi capezzoli. Un trattamento carezzevole, che contrasta con la precedente azione aggressiva.

La mia bocca è sul secondo seno mentre la mia mano si sposta sulla sua figa. Una delle mie dita penetra nella sua figa. Non ci vuole molto e il mio dito le scopa furiosamente la figa.

Inizi a gemere più forte, io accelero ancora di più il movimento di penetrazione e ti faccio tremare finché non vieni.

Le libero le mani dal gancio della catena e tolgo i braccialetti.

Ti dico di mettere le mani dietro di te e di legarle con un altro nastro che ti è avanzato dalla camicia da notte.

mi chino dietro di te.

“Adesso tocca a te accontentare un po’ il tuo Padrone. Accarezzami il cazzo!”

Non ho bisogno di dirlo due volte. Le tue mani stanno già accarezzando il mio cazzo con tutta la loro dedizione e anche se è sulla stoffa dei miei pantaloni, mi eccita molto.

Le mie mani toccano di nuovo i suoi seni.

So che vuoi davvero toccarmi il cazzo e decido di sbottonarmi i pantaloni. Le sue abili mani raggiungono velocemente l’apertura, abbassandomi un po’ i pantaloni, e le sue dita trovano il mio cazzo.

Ti lascerò continuare per un po’, ma non voglio che tu mi faccia venire ogni tanto e te ne vada.

Le tolgo la barra di sollevamento dai piedi, le tolgo le cavigliere e anche il bavaglio.

“Ora in ginocchio schiavo!”

Tu obbedisci e quando sei ancora in ginocchio, apri già la bocca.

“Non ti ho detto di aprire quella bocca da schiavo! Oggi ti comporti come una vera stronza, eh!”

Gli lego i piedi con un altro nastro, poi gli lego i piedi alle mani legate con altro nastro. Un leggero hogtie sulle ginocchia.

“Apri la bocca adesso!”

Le metto in bocca un tartufo e guardo la sua faccia felice mentre assaggia il cioccolato.

Le accarezzo il mento e poi i capelli.

“Ti toglierò la benda dagli occhi, ma tieni gli occhi chiusi finché non ti dirò di aprirli!”

Mi allontano da te e accendo l’audio.

“Ora puoi aprire gli occhi e guardare il tuo Maestro.”

Comincio a togliermi i vestiti. Certo, molto più macho e prepotente del suo seducente spogliarello all’inizio della nostra sessione.

Togliti prima la maglietta e poi la cintura suggerendo che è usata per qualcos’altro… . Non ho bisogno di descriverlo perché hai già visto questa scena ed è impressa nella tua testa.

Completamente nudo e con il cazzo già eretto, mi siedo su uno sgabello e dico:

“Ora vieni qui, schiavo, per onorare il tuo Maestro come devi!”

Inizi a camminare verso di me. Ovviamente con gli attacchi non è così facile, puoi muovere solo un ginocchio di pochi centimetri alla volta. Ma a poco a poco sta progredendo.

Quando finalmente si chiude, dico:

“Ora continua a leccare e baciare. Non mordere finché non te lo permetto!”

Ti prendi la responsabilità di fare ciò che ti viene detto e sai di essere bravo a farlo. Mi sto godendo le tue leccate e baci sulle mie palle e sul mio cazzo, finché penso che sia il momento giusto.

“Schiavo, ora puoi completare il servizio.”

Non ho bisogno di dirlo due volte. Mi succhi già il cazzo come un professionista. Ti aiuterò mettendoti le mani sulla testa e spingendola da una parte all’altra.

Subito dopo raggiungo il picco ed eiaculo nella sua bocca.

“Ingoia qualsiasi schiavo!”

Tengo il mio cazzo in bocca per molto tempo.

Quando finalmente tiro fuori il mio cazzo dalla tua bocca, un po’ di sperma gocciola negli angoli della tua bocca e tu lo lecchi via immediatamente. Che piacere vederlo!

“Ora inginocchiati qui così posso farmi il bagno.”

Dopo qualche minuto torno in vestaglia.

Mi guardi con quello sguardo.

“Conosco già lo schiavo, ne voglio ancora eh?”

Annuisci.

“Devi essere veloce, perché siamo già in ritardo per il nostro appuntamento.”

Mi apro il vestito e in pochi minuti la tua abile lingua e bocca mi hanno già fatto erigere di nuovo il cazzo e poco dopo ti vengo in bocca per la seconda volta.

Solo una volta ho tirato fuori il mio cazzo presto e ho schizzato il mio sperma su tutto il viso e le tette.

“Adesso vai a farti una doccia e torna nei panni della signora Silva!”

Ovviamente, come tutte le donne, passi più tempo sotto la doccia, ma quando torni a casa sei bellissima e pronta per andare alla festa che abbiamo nello show.

Scendiamo alla reception per il check-out e mentre pago il conto il ragazzo mi chiede:

“E ti è piaciuto il trattamento nel nostro albergo?”

E tu mi rispondi con un sorriso malizioso e guardandomi: “Mi è piaciuto molto”.

Non sa che sotto gli abiti eleganti di questa signora, ha un corpo segnato da frustate, frustate e morsi, e che la testa della signora non trasmette certo le impressioni del servizio alberghiero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *